La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Attuali orientamenti nel trattamento chirurgico della iperidrosi primaria Relatore: Chiarissimo Professore MARIO TAVIANI Candidato: GABRIELE BARABINO Anno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Attuali orientamenti nel trattamento chirurgico della iperidrosi primaria Relatore: Chiarissimo Professore MARIO TAVIANI Candidato: GABRIELE BARABINO Anno."— Transcript della presentazione:

1 Attuali orientamenti nel trattamento chirurgico della iperidrosi primaria Relatore: Chiarissimo Professore MARIO TAVIANI Candidato: GABRIELE BARABINO Anno Accademico Tesi di laurea Università degli studi di Genova Facoltà di Medicina e Chirurgia

2 Argomenti trattati Iperidrosi primaria Terapie non chirurgiche Trattamento chirurgico per iperidrosi palmare ed ascellare primaria Trattamento chirurgico per iperidrosi plantare primaria Casistica Conclusioni

3 Trattamento chirurgico per iperidrosi palmare ed ascellare primaria Cenni storici Anatomia chirurgica Tecniche chirurgiche prima degli anni 90 Tecniche attuali: la videotoracoscopia Indicazioni e controindicazioni Complicanze

4 Trattamento chirurgico per iperidrosi palmare ed ascellare primaria Cenni storici Cenni storici : Claude bernard e Brown Sequard descrissero ruolo del simpatico nel controllo della circolazione Alexander prima simpaticectomia della storia Kotzareff fece simpaticectomia su paziente con iperidrosi fu un successo ! Kuntz descrisse omonimo nervo simpaticectomia per via toracoscopica (Kux) arriva lETS C

5 Trattamento chirurgico per iperidrosi palmare ed ascellare primaria Anatomia chirurgica Anatomia chirurgica: Fibre deputate ad innervazione arti superiori da ganglio stellato a T8. Varianti anatomiche responsabili di denervazioni chirurgiche incomplete: Nervo di Kuntz: da T2 si unisce a plesso brachialeKuntz Nervo di Kirgis e Kuntz: origina da T3 e si unisce al 2° nervo intercostale Fibre pregangliari Il più importante segmento toracico è T2 C

6 Trattamento chirurgico per iperidrosi palmare ed ascellare primaria Tecniche chirurgiche prima degli anni 90 Tecniche chirurgiche prima degli anni 90 Via di accessoAutore 1- paravertebraleWhite 2- sopraclaveareTelford 3- ascellare trans-pleuricaAtkins 4- ascellare extra-pleuricaRoos 5-posteriore extra-pleuricaSmithwitch 6- anteriore trans-pleuricaGask e Roos 7- toracotomia anteriore C

7 Trattamento chirurgico per iperidrosi palmare ed ascellare primaria Tecniche attuali : la videotoracoscopia Tecniche attuali : la videotoracoscopia Moderna tecnica chirurgica utilizzata per diversi interventi tra cui la simpaticectomia toracica per iperidrosi primaria (ETS = Endoscopic Thoracic Sympaticectomy). Vantaggi rispetto a tecniche open: Minima invasività e ottimo risultato estetico Ottima visione e più operatori vedono la stessa immagine Notevole velocità di esecuzione Minore rischio di complicanze ed effetti avversi Svantaggi: Necessaria maggiore esperienza delloperatore Pneumotorace: rischio modesto se non ci sono lesioni mantellari Costi elevati per strumentario, ma si recupera grazie a degenza breve C

8 Trattamento chirurgico per iperidrosi palmare ed ascellare primaria Tecniche attuali : la videotoracoscopia Posizionamento del paziente: braccia abdotte a 90° tavolo operatorio inclinato di 30° rotazione tavolo su piano sagittale a seconda del lato da operare Posizione trocar: ascellare media 4° ascellare ant 5° emiclaveare 4° altre disposizioni C

9 Trattamento chirurgico per iperidrosi palmare ed ascellare primaria Tecniche attuali : la videotoracoscopia Fasi dellintervento Visione Cauterizzazione pleura_1 Cauterizzazione pleura_2 Diatermocoagulazione nervo_1 Diatermocoagulazione nervo_2 Posizionamento drenaggio Espansione polmone C ATTENZIONE i filmati non sono disponibili sulla versione distribuita via web a causa delle rilevanti dimensioni

10 Trattamento chirurgico per iperidrosi palmare ed ascellare primaria Tecniche attuali : la videotoracoscopia C

11 C

12 C

13 C

14 C

15 C

16 C

17 Trattamento chirurgico per iperidrosi palmare ed ascellare primaria Anatomia chirurgica Nervo di Kuntz: C

18 Trattamento chirurgico per iperidrosi palmare ed ascellare primaria Indicazioni e controindicazioni Indicazioni e controindicazioni: Premessa: mai dimenticarsi che è un intervento chirurgico in anestesia generale ed esclusione di un polmone! Valutare la reale gravità della malattia in rapporto allo stato sociale del paziente Valutare eventuali terapie non chirurgicheterapie non chirurgiche Le controindicazioni sono da riferirsi allanestesia generale Ricorda: liperidrosi è una affezione invalidante, ma non mortale. Lintervento si propone di migliorare la qualità della vita (intervento di chirurgia estetica).invalidante C

19 Trattamento chirurgico per iperidrosi palmare ed ascellare primaria Complicanze Complicanze: Ci sono 3 complicanze che si presentano più frequentemente: Iperidrosi compensatoriacompensatoria Sindrome di Claude-Bernard-Horner Pneumotorace di modesta entità, sempre reversibile Miosi per paralisi m. dilatatore della pupilla Restringimento rima palpebrale per paralisi m. tarsale Enoftalmo per paralisi m. orbitale C

20 Trattamento chirurgico per iperidrosi plantare primaria Cenni storici Anatomia chirurgica Tecniche chirurgiche Indicazioni e controindicazioni Complicanze

21 Trattamento chirurgico per iperidrosi plantare primaria Cenni storici Cenni storici : 1925: Adson insieme a Brown eseguì la prima simpaticectomia lombare in paziente affetto da iperidrosi plantare C

22 Trattamento chirurgico per iperidrosi plantare primaria Anatomia chirurgica Anatomia chirurgica: Fibre deputate ad innervazione arti inferiori da L1 a L5. Presenza di molteplici varianti anatomiche responsabili di denervazioni chirurgiche incomplete. Importante: preservare L1 per le funzioni sessuali Resezione del 3° e 4° ganglio lombare C

23 Trattamento chirurgico per iperidrosi plantare primaria Tecniche chirurgiche Tecniche chirurgiche : Esistono 3 tipi di intervento chirurgico: Accesso VL(videolaparoscopico) trans-peritoneale Extraperitoneale con accesso mini-invasivo Extraperitoneale a cielo aperto C

24 Trattamento chirurgico per iperidrosi plantare primaria Tecniche chirurgiche Paziente in decubito laterale inclinato di 30° Tavolo operatorio spezzato Posizione dei 4 trocar Accesso trans-peritoneale

25 Trattamento chirurgico per iperidrosi plantare primaria Tecniche chirurgiche Paziente in decubito laterale Letto spezzato Incisione di 2-3 cm sullapice della dodicesima costa Pallone dissettore per creare camera di lavoro Accurata emostasi Extraperitoneale con accesso mini-invasivo

26 Trattamento chirurgico per iperidrosi plantare primaria Tecniche chirurgiche Pe = peritoneo V = corpi vertebrali Ps = muscolo psoas R = rene Vci = vena cava inferiore U = uretere Esposizione intraoperatorio catena simpatica dx Extraperitoneale con accesso mini-invasivo

27 Trattamento chirurgico per iperidrosi plantare primaria Tecniche chirurgiche Pe = peritoneo Ps = muscolo psoas Vci = vena cava inferiore Esposizione intraoperatorio catena simpatica dx Extraperitoneale con accesso mini-invasivo C

28 Trattamento chirurgico per iperidrosi plantare primaria Tecniche chirurgiche Extraperitoneale a cielo aperto Approccio laterale extraperitoneale Identificazione tramite palpazione dei gangli Rimozione gangli da L2 a L4 Si può anche usare iniezione di fenolo Rischio neurite genito-femorale

29 Trattamento chirurgico per iperidrosi plantare primaria Indicazioni e controindicazioni Indicazioni e controindicazioni: La simpaticectomia lombare non viene eseguita nei maschi per il rischio troppo elevato di eiaculazione retrograda. Le indicazioni sono pertanto limitate alle forme molto gravi con alterazioni trofiche della cute in pazienti di sesso femminile. Minore importanza clinica e sociale rispetto alle forme palmari ed ascellari. N.B.: spesso dopo simpaticectomia toracica la sintomatologia plantare può regredire. C

30 Trattamento chirurgico per iperidrosi plantare primaria Complicanze Complicanze: Complicanze collegate ad intervento chirurgico. Nei maschi eiaculazione retrograda. Nelle femmine possibile secchezza vaginale e vasodilatazione arti inferiori. C

31 Trattamento chirurgico per iperidrosi palmare ed ascellare primaria Complicanze Iperidrosi compensatoria : Soprattutto il tronco ma anche il volto e gli arti inferiori. Ha una funzione di tipo termoregolatorio. La gravità della sintomatologia è variabile ed è dipendente dal livello gangliare della resezione. E una delle principali cause di insoddisfazione del paziente. Lincidenza negli autori varia dal 10% fino al 90% ! Solo in 5-10% è invalidante !

32 Iperidrosi primaria Epidemiologia Anatomia delle ghiandole sudoripare Fisiologia delle ghiandole sudoripare Anatomia dellortosimpatico Fisiologia dellortosimpatico Eziologia-Patogenesi Quadro clinico Indagini diagnostiche

33 Iperidrosi primaria Epidemiologia Epidemiologia: La prevalenza è dell 1% Rapporto femmine – maschi 2:1 Inizio sintomatologia nellinfanzia Probabile trasmissione genetica Mani 20%, ascelle 37%, mani+ascelle 43% Plantare spesso associata C

34 Iperidrosi primaria Eziologia-patogenesi Eziologia - Patogenesi : Eziologia sconosciuta Patogenesi: iperattività ed iperreattività del simpatico C

35 Iperidrosi primaria Quadro clinico Quadro clinico : Inizio sintomatologia nellinfanzia Mani letteralmente bagnate e questo provoca grande imbarazzo nei rapporti socialibagnate A livello ascellare abiti si macchiano A livello plantare disagio psicologico minore Se forma severa di iperidrosi plantare, si possono avere per macerazione della cute: vescicole, ulcere, piaghe Destate, durante attività fisica, per forti emozioni, la sintomatologia si fa più grave C

36 Iperidrosi primaria Indagini diagnostiche Indagini diagnostiche : Mancanza di test diagnostici affidabili Test alla ninidrina valutazione semiquantitativa ben dimostrabile tramite fotografia (su cute emulsione che vira al blu) C

37 Iperidrosi primaria Quadro clinico

38 Terapie non chirurgiche Agenti topici Tanning agents Anticolinergici sistemici Trattamenti psichiatrici Iontoforesi Tossina botulinica Chirurgia

39 Terapia non chirurgica Tossina botulinica Tossina botulinica : Tossina botulinica A Ghiandola sudoripara eccrina innervata da ortosimpatico; il neurotrasmettitore è l Acetilcolina Durata efficacia da 4 a 6 mesi Effetti collaterali: debolezza muscolare Efficacia in certi studi del 95% Svantaggi: dolore – costo elevato Effetti a lungo termine della tossina ?

40 Casistica Le casistiche mondiali La nostra casistica

41 Casistica Casistiche mondiali Le casistiche mondiali : Moltissimi studi; quasi tutti su simpaticectomia toracica La remissione totale: nel 93% per iperidrosi palmare nel 78% per iperidrosi ascellare nel 95% per iperidrosi plantare dopo simpaticectomia lombare nel 30% per iperidrosi plantare dopo simpaticectomia toracica C

42 Casistica Nostra casistica La nostra casistica : 20 pazienti operati di simpaticectomia toracica gennaio marzo2002 C

43 Conclusioni Negli ultimi anni terapia multidisciplinare per iperidrosi primaria Terapia chirurgica non ancora diffusa Simpaticectomia toracica endoscopica attualmente è il gold standard per cura iperidrosi arti superiori Iperidrosi plantare è ancora di difficile soluzione N.B.: In quanto medici abbiamo lobbligo e il dovere di selezionare e proporre al paziente le strade più adatte, senza dimenticare che la decisione finale non spetta a noi, ma al malato, trattandosi comunque di una affezione invalidante, ma non mortale !


Scaricare ppt "Attuali orientamenti nel trattamento chirurgico della iperidrosi primaria Relatore: Chiarissimo Professore MARIO TAVIANI Candidato: GABRIELE BARABINO Anno."

Presentazioni simili


Annunci Google