La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

f. meneghetti itisplanck 2003-20101 Modelli ed eventi politici (XVII e XVIII secolo)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "f. meneghetti itisplanck 2003-20101 Modelli ed eventi politici (XVII e XVIII secolo)"— Transcript della presentazione:

1

2 f. meneghetti itisplanck Modelli ed eventi politici (XVII e XVIII secolo)

3 f. meneghetti itisplanck Assolutismo: modello dominante nel 600 Costituzionalismo (e riv.ingl.) Assolutismo illuminato Rivoluzione francese: motivi La rivoluzione borghese ( ) La radicalizzazione ( ) La reazione alto-borghese ( ) Dalla repubblica allImpero: continuità e rottura con la rivoluzione

4 f. meneghetti itisplanck Lassolutismo: modello dominante nel 600 Francia e Spagna come Stati esemplari Sovrano: ab-solutus da ogni controllo Accentramento dei poteri e limitazione della feudalità Controllo delleconomia (mercantilismo) Politica estera di prestigio (guerre) Concezione patrimoniale dello stato Censura sulla cultura e sulla religione

5 f. meneghetti itisplanck Il Costituzionalismo Conflitto istituzionale monarchia parlamento Conflitto sociale aristocraziaborghesia Conflitto religioso Chiesa anglicana puritani Una limitazione del potere del sovrano si realizza nei Paesi Bassi e in Inghilterra, grazie ad una rivoluzione che vede contrapporsi due schieramenti in contrasto sul piano istituzionale, sociale, religioso.

6 f. meneghetti itisplanck Assolutismo illuminato Si tratta di una collaborazione tra sovrani ed illuministi, a fine di razionalizzare e rafforzare gli stati. Aree interessate : tutta Europa meno Francia e Inghilterra (in particolare Austria, Prussia, Russia, Stati italiani) Sovrani importantI : Maria Teresa dAustria, Giuseppe II, Caterina di Russia

7 f. meneghetti itisplanck Settori interessati alle riforme 1. società (riforma del diritto penale e del codice di procedura penale; interventi nel campo dellistruzione e dellassistenza) 2. economia (catasto teresiano, bonifiche, libero mercato dei grani secondo i principi della fisiocrazia) 3. rapporti stato-Chiesa (giurisdizionalismo; espulsione dei gesuiti; soppressione manomorta ecclesiastica e ordini religiosi contemplativi; concorrenza nel campo dellassistenza)

8 f. meneghetti itisplanck La Rivoluzione francese: i motivi diffusione di una cultura illuministica radicale, di contro a rigidità istituzionale Presenza di una borghesia (finanziaria e professionale) abbastanza forte Relativa prosperità della Francia, nonostante una congiuntura difficile Deficit del bilancio per spese militari e sprechi di corte Profonda iniquità del sistema fiscale e rappresentativo (società di ordini che comporta la presenza di privilegi) NB: per una panoramica delle classi sociali vedi la voce crise sociale in: ossible_r.C3.A9forme_fiscale

9 f. meneghetti itisplanck La rivoluzione borghese ( ) Convocazione Stati generali, (su iniziativa dei due ordini privilegiati) per scongiurare la riforma fiscale necessaria a sanare il deficit del bilancio Questione della rappresentatività (chi rappresenta la nazione? chiede il Terzo stato); Assemblea Nazionale (poi Costituente)

10 f. meneghetti itisplanck Lassalto alla Bastiglia Si tratta di un evento dotato di forte rilievo simbolico, più che di importanza strategica. La Bastiglia era lemblema dellassolutismo, perché vi erano detenuti i nemici del re, arrestati in modo arbitrario. Lassalto fu deciso quando di scopri che il re stavo organizzando un colpo di stato ammassando truppe attorno a Versailles. Era il 14 luglio 1789 (ora festa nazionale francese)

11 f. meneghetti itisplanck Labolizione del sistema feudale Gli avvenimenti parigini ebbero uneco immediata nelle campagne, dove ebbe luogo una grande jacquerie: i contadini, vedendo molti aristocratici fuggire all estero, credettero alla voce che i nobili pagavano dei briganti per bruciare il grano in erba (grande peur) e assaltarono i loro castelli per distruggerne gli archivi: qui si conservavano infatti i documenti che legittimavano i privilegi aristocratici. Per portare la calma, lassemblea nazionale costituente decretò labolizione del sistema feudale, e quindi leliminazione dei diritti dei signori sui contadini.

12 f. meneghetti itisplanck La dichiarazione dei diritti delluomo e del cittadino (1789) La dichiarazione dei diritti delluomo e del cittadino (26 agosto) si rifà alla dichiarazione di indipendenza degli USA, e, prima ancora, alle idee-forza dellilluminismo: dalla premessa che tutti gli uomini nascono liberi ed eguali nei diritti, derivano il concetto di sovranità popolare e di separazione dei poteri (per impedire forme di assolutismo tali da compromettere questi diritti fondamentali). In pratica si arrivò al suffragio censitario (non universale), con esclusione dal voto dei più poveri.

13 f. meneghetti itisplanck Riepilogo dei fatti salienti della fase costituente –Emigrazione aristocratica e grande paura (luglio) –Abolizione sistema feudale (4 agosto) –Dichiarazione diritti delluomo e del cittadino (26 agosto) –Costituzione civile del clero (1790) –I^ Costituzione (13 settembre 1791) per cui la MONARCHIA francese diventa Costituzionale: –divisione poteri; –elezioni a suffragio censitario; –decentramento amministrativo).

14 f. meneghetti itisplanck La radicalizzazione ( ) Lassemblea legislativa Foglianti Palude Giacobini Prospettiva di una guerra allAustria (ostilità dei soli Giacobini con Robespierre) Dichiarazione di guerra (20 aprile 1792): iniziano le sconfitte Tentativo di fuga del re: cattura e sospensione dalla carica Si passa alla FASE REPUBBLICANA: la Convenzione

15 f. meneghetti itisplanck La convenzione Abolita la monarchia Comitato di salute Pubblica Gli sforzi della convenzione si concentrano nel tentativo di evitare la disfatta militare: leva di massa (rivoluzionaria) 2^ costituzione: REPUBBLICANA, A SUFFRAGIO UNIVERSALE Opposizione aristocratica, alto-borghese e popolare (Vandea) Giacobini Girondini Palude

16 f. meneghetti itisplanck La fine della monarchia: ( ) il re è condannato a morte assieme a Maria Antonietta

17 f. meneghetti itisplanck Uomini e fatti della Convenzione Lemergenza militare permette la formazione di un esecutivo (Comitato di Salute pubblica) dotato di poteri eccezionali: Tribunale rivoluzionario, legge dei sospetti, esecuzioni sommarie Fuori gioco le forze monarchico- costituzionali; si radicalizza la lotta politica: Robespierre vs. Brissot (anche nelle scelte di politica economica: controllo dei prezzi vs. liberismo)

18 f. meneghetti itisplanck La radicalizzazione La convenzione rappresenta la fase più aspra della rivoluzione, caratterizzata da processi sommari ed esecuzioni di massa. Si arriva anche alla scristianizzazione, con la creazione di un calendario rivoluzionario basato sul ritmo delle stagioni

19 f. meneghetti itisplanck La reazione alto-borghese ( ) Non appena cessa lemergenza militare, Robespierre viene eliminato (reazione Termidoriana: 27 luglio 1794) Vengono sciolti i club giacobini Liberalizzazione del mercato: inflazione, malessere sociale, agitazioni (Congiura degli Eguali) Siamo sempre in un contesto REPUBBLICANO

20 f. meneghetti itisplanck Dal direttorio al consolato: fine della repubblica Dapprima viene varata una 3^ costituzione (di nuovo a suffragio ristretto), che prevede un Direttorio e due assemblee legislative (repubblica) Di fatto avviene una progressiva concentrazione del potere personale dei generali, che, attraverso colpi di stato (e successive nuove costituzioni), porta prima al Consolato, e quindi alla dittatura personale di Napoleone Bonaparte. Segnalatosi nella campagna dItalia del 1797, si farà proclamare Primo Console e poi imperatore nel 1804.

21 f. meneghetti itisplanck Napoleone Bonaparte Imperatore Conserva la legislazione più innovativa della rivoluzione francese, specie sul piano del diritto privato (proprietà, famiglia), grazie al Codice Civile Interpreta il bisogno di pacificazione della Francia dopo una lunga guerra civile Ma realizza un modello di stato dittatoriale, ripristinando listituto dellimpero (anche se si pone la corona sul capo da solo)

22 f. meneghetti itisplanck LItalia nelletà napoleonica Dopo la 1^ campagna dItalia, che si concluse con il trattato di Campoformio, il Veneto fu ceduto allAustria, mentre in Italia si aprì il triennio giacobino, che vide sorgere diverse repubbliche (altri territori furono annessi alla Francia). Dopo alterne vicende, fu creato un Regno dItalia, Veneto incluso, che disponeva di un proprio esercito, di una bandiera (tricolore) di un Parlamento (Piemonte, Toscana, Lazio erano incluse nella Francia). In queste aree fu abolito il feudalesimo ed introdotto il Codice Civile.

23 f. meneghetti itisplanck LEuropa napoleonica Una volta conquistata militarmente lEuropa delinea una nuova geografia politica più semplice e più attenta agli interessi delle nazioni, ma impone ai paesi europei conquistati requisizioni economiche e di beni artistici in una logica di dominio imperialistico.

24 f. meneghetti itisplanck Glorie e sconfitte di Napoleone Dopo aver conquistato l Europa continentale, grazie al suo genio militare e alla forza giovanile delle sue armate, Napoleone andò incontro ad una disastrosa campagna di Russia (1812), e subì altre due sconfitte a Lipsia e Waterloo (1815) che segnò la sua fine politica. Fu relegato dagli inglesi nellisola di SantElena, dove morì nel 1821.

25 f. meneghetti itisplanck The end Adesso tocca a voi!


Scaricare ppt "f. meneghetti itisplanck 2003-20101 Modelli ed eventi politici (XVII e XVIII secolo)"

Presentazioni simili


Annunci Google