La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria E. Giordano Osservazioni scientifiche di base Prima lezione Milano 16 aprile 2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria E. Giordano Osservazioni scientifiche di base Prima lezione Milano 16 aprile 2007."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria E. Giordano Osservazioni scientifiche di base Prima lezione Milano 16 aprile 2007

2 Creatività ed educazione La nostra cultura vede nei bambini solo progetti ….come qualcosa di incompiuto, recettori di informazione, soggetti passivi della disciplina, recipienti vuoti da riempire di dati, del sapere di altri … sembra che solo gli adulti possano sapere non si considerano i bambini come creatori, ricercatori, come realtà del presente….. Si comincia sempre più presto a sacar las personas de sì mismas e a impartire alte dosi di educazione. Si ritiene urgente che ricevano lezioni, che imparino a leggere, a ripetere nozioni, a consumare spettacoli. Gli adulti che temono la solitudine e il vuoto, la noia, pensano di salvare i piccoli riempiendo il loro tempo e la loro attenzione, non permettendo il vuoto nella loro vita. William Ospina – Reflexiones sobre la educación nel volume Conformación de un nuevo ethos cultural - Ed. Charlie´s -Bogotá 2006

3 Perché dare lidea che il sapere è penoso e il piacere è inutile, quando la verità è che solo dura in noi quel sapere che è stato un piacere conquistare (che non significa senza fatica!) Il sapere non può essere trasmesso né con la violenza né con la pedanteria, ma al massimo, come diceva Goethe con lamore.

4 DATEMI TEMPO CRESCERE SENZA PRESCRIZIONI E INCITAMENTI NON INTRALCIARE MOVIMENTI LIBERI, NON VOLERE AFFRETTARE LO SVILUPPO CON SOLLECITAZIONI O POSIZIONI ANTICIPATE NON IMPEDIRE LE FASI INTERMEDIE Emmi Pikler – Red Edizioni 1996

5 Sembra che …..limpegno, la serietà e la gioia con i quali questi bambini esplorano autonomamente tutto e anche il fatto che non si lascino scoraggiare dal fallimento di loro piccole imprese si fondino sulla fiducia e sulla sicurezza che provengono loro dalla comprensione degli adulti per i loro bisogni…… …..bisogni di voler fare tutto da sé, provare autonomamente secondo i loro tempi e ritmi Rispettare e lasciare liberi, concedere tempo, essere sereni

6 Contesto educativo, cura particolare a: ambiente confortevole e piacevole, utilizzo ottimale dello spazio (spaziosità vs intimità) oggetti/materiali abbondanti, scelti con cura, facilmente accessibili (scaffali aperti, contenitori trasparenti), che incoraggino liniziativa, il gioco autonomo Qualità e varietà del gioco, uso creativo degli oggetti Impegnare interesse, stimolare sviluppo dei sensi e la consapevolezza di quello che fanno qualità della relazione clima vigile, calmo e rispettoso: ladulto dà sicurezza attraverso la sua presenza attenta, ma non intrusiva; facilita le attività dei bambini, non le dirige; evitare continuo ed estenuante intervento

7 Il movimento, il senso cinestetico Libertà di spostamento, supino su superficie solida, stirarsi, torcersi, rotolare, inarcarsi Correre qualche rischio Esplorare le proprie estremità, afferrare e succhiarsi mani e piedi Gattonare Posizione eretta

8 Giochi e materiali per più piccoli Materiale vario da sperimentare con la bocca e le mani Contenitori con oggetti vari per scoprire cosa cè dentro Contenitori con fori e oggetti da inserire Paletto e anelli, blocco cilindri Cestino dei tesori

9 Secondo anno Crescita verso lindipendenza e la consapevolezza Capacità di movimento, manipolazione, parola Intenso bisogno di esplorare e sperimentare con gli oggetti intorno Collegare le parole agli oggetti attraverso la manipolazione e il contatto diretto: ad esempio barattolo e catena

10 Il gioco euristico, il pasticciamento Dare a un gruppo di bambini per un tempo definito, in un ambiente controllato, una grande quantità di oggetti diversi, contenitori di varia natura, con i quali giocare liberamente senza lintervento delladulto Ladulto non incoraggia, non dà suggerimenti, non loda né esorta Rimettere in ordine fa parte del gioco

11 Terzo anno unesplosione di consapevolezza Dare un senso al mondo Marco osservando il mare: È troppo pieno Emma e laereo lontano: Ma come fai ad entrarci? Laura e il filo dacqua: ma non si può tagliare I bambini sono estremamente logici solo possiedono informazioni limitate

12 Le storie Buoni libri, con buone illustrazioni, buona qualità letteraria NO alla Goccia Lina o Lina la Goccia SI Riccioli doro

13 Il gioco con oggetti, il gioco di finzione Giochi con sabbia e acqua, uso degli attrezzi Trasformazioni e cambiamenti Equilibri e conservazioni

14 Dalla ricerca neurologica plasticità del cervello apprendimento per imitazione (Neuroni specchio – Rizzolati); importanza di ambienti ricchi e stimolanti per lo sviluppo del cervello (non fare discorsi troppo semplificati che non hanno significato per gli allievi e causano progressiva perdita di motivazione ad apprendere)

15 La scuola dellinfanzia Esempi di lavori dalle classi: Il cielo Luci e ombre Acqua

16 Francesco Tonucci Con gli occhi del bambino Fabbri ed perchè non accada ….

17 "Spazio non finire mai perché sappiamo così poco di te Noemi, 9 anni Il FARE non solo delle MANI ma del CORPO TUTTO il fare esperienza lintreccio inestricabile tra pensiero ed emozione Premessa ad una pedagogia dellascolto – A. Ginzburg Attenzione ad aspetti estetici e dimensione emotiva

18 Stupore, meraviglia, spiazzamento (adulto?) Scuola dellinfanzia - Classe 5 anni Cose il cielo? Martina : Noi riusciamo a toccare solo laria, ma è sempre cielo anche se non lo vediamo Simone: E una cosa blu, molto scura e profonda Dove inizia e dove finisce il cielo? Federico: comincia dalla terra e finisce nello spazio Alessandro: il cielo finisce là dove ce lo spazio e là non si vede più perché ce tutto blu e i pianeti e le stelle Gianluca: il cielo si vede sopra e arriva sotto Chiara: il cielo è dappertutto, però ci sono le case che non lo fanno vedere, o i muri, o gli alberi, o le gru, ma se stiamo fuori lo vediamo sempre

19

20

21 Come possiamo costruire Caronte, il pianeta di diamante Ettore: abbiamo fatto una palla grossa come il mappamondo Marco: il cerchio piccolo si incastra nel cerchio grande e costruiamo una sfera

22 Costruiamo astronavi grandi per poterci giocare

23 Che cos è l ombra? Alessandro (3 a.): è una cosa nera Tommaso (4 a.): lombra la fanno le cose, le piante, le persone. Michele (5 a.): è quella cosa che quando cammini ti segue, se stai fermo no Rebecca (5 a.): è una figura scura che si vede quando cè il sole Irene (4 a.): quando non cè il sole non si fa Giambro (4 a.) : è una cosa che vedi sul muro bianco ed è scura Hanadi (5 a.): però io ho visto che certe volte non mi segue ma cammina davanti a me

24 Hai paura dell ombra ? Mark (5 a.): No, se l ombra è la mia, ma se è l ombra di qualcosa che non so, ho sì paura Paolo (4 a.): sì ho paura perché può essere un cattivo Marco (5 a.): io non ho paura, perché non fanno niente le ombre Sara (4 a.): no, perché non è tanto buia, si vede quando cè il sole Tommaso (4 a.): no, perché sono fatte dal sole

25 Le Emozioni C'era una volta una grotta disabitata, qualche volta si era visto qualche fantasma e dei vampiri, nessuno si avvicinava, tutti avevano paura. (…) Un uomo coraggioso (…) guardò da lontano con un cannocchiale la grotta e vide tanti pipistrelli che volavano a cerchio all'interno della grotta e di notte volavano fuori. (…) entrò nella grotta per spiare se c'erano dei segreti all'interno. (…) illuminò la grotta con una torcia e vide dei pezzi di scheletri, forse erano vissuti degli uomini antichi. Adesso la grotta era abitata solo dai pipistrelli, nessun uomo ci volle più abitare. (scuola dell'infanzia, sezione 3-4 anni)

26 Lino il drago Mattia (4 a.): Così possiamo entrare nella sua pancia, come Pinocchio che è entrato nella pancia della balena. E i suoi amici

27 -

28 Locchio guarda lombra di Giovanni che si specchia dentro locchio tante volte. Dallocchio parte un cordone che va nel cervello in due posti diversi, uno per ogni occhio e si specchia nel cervello. (Giulia, 5 anni)

29 Acqua: travasi, gocce, ruscelli, galleggiamenti …. Lacqua che attacca Travasi in imbuti, il vortice Setacci Materiali granulari: somiglianze e differenze con lacqua Siamo sicuri che lacqua è incolore, insapore, inodore, prende la forma del recipiente? lacqua al mare ha tanti colori quella del rubinetto è trasparente

30 Qualche bambino fa finta di dormire e russa sdraiato sul materasso blu che simboleggia un laghetto. Io - ma comè lacqua – Andrea - eh eh azzurra – Arianna - siiiii, non è blu come questa (si riferisce al materasso) – Aurelia - non è azzurra – Davide - un pochino trasparente – Andrea - se è sporca è verde – Io - e quando è pulita comè? - Andrea - azzurra o blu – Io - ma dove la vedete voi lacqua oltre che in piscina? – Bambini - al mare; quella del lago; nei lavandini – Io - ah, e nei lavandini comè lacqua – Bambini – trasparente - Sara - vediamo anche lacqua negli occhi della Luisa – Alessandra - quando piangi esce lacqua – Sara - e se beviamo esce lacqua dallombelico - Sara - anche il ghiaccio però è acqua! – Alessandra - però se il ghiaccio si scoglie diventa acqua - Io - siete tutti daccordo che il ghiaccio è acqua? – Bambini - siiiiiii – Io - e come fa a sciogliersi? – Bambini - con il sole – Io - solo con il sole si può sciogliere? – Bambini – nooooo - Andrea - il ghiaccio sembra duro; anche la pioggia è acqua; anche le lacrime; anche il temporale; anche le mani quando sono sudate; anche il sudore; le pozzanghere; il rubinetto, il lavandino; il gabinetto; nel bidè; nella piscina, la pipì…anche la cacca quando è molle….-

31 Bagnare/asciugare Io - ma come possiamo raccogliere lacqua? – Bambini - con la spugna – Io - e come fa la spugna a raccogliere lacqua? – Laura - perché ha i buchi e la fa entrare? – Io - aspettate un attimo, asciughiamoci le mani prima di andare – Io - proviamo a farlo senza usare la salvietta, come facciamo? Arianna – cosi! (iniziano a fare la centrifuga con le mani) Laura - battiamo le mani - Alessandra - fino a quando sono asciutte –

32 Comè, bambini, il suono dellacqua? - Io e i bambini imitiamo con la voce il suono che fa la pioggia, il ruscello, la cascata e la tempesta…. mi piace giocare con le conchiglie al mare per sentire il rumore dellacqua

33 Ad un certo punto nasce la questione del ghiaccio e della neve Sara – anche la neve è acqua – Daniela – anche il ghiaccio, perché se lo metti sul calorifero si scioglie – Sara – eh ma anche il sole lo fa sciogliere, quando arriva lestate! – Valentina – come il ghiacciolo – Paolo – infatti devi metterlo nel frigorifero o fare in fretta Io – ma solo se cè caldo caldo si scioglie ? – Bambini – siiiii – io mi ricordo che la neve arriva fino allerba e poi diventa tutta bianca perché cade dal cielo, però poi lerba ritorna verde


Scaricare ppt "Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria E. Giordano Osservazioni scientifiche di base Prima lezione Milano 16 aprile 2007."

Presentazioni simili


Annunci Google