La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Disfunzione cognitiva del cane Unutile associazione di Olio Vivo LTB5 e Nicergolina V.Bianchini – G.di Nunzio www.nsgs.it.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Disfunzione cognitiva del cane Unutile associazione di Olio Vivo LTB5 e Nicergolina V.Bianchini – G.di Nunzio www.nsgs.it."— Transcript della presentazione:

1 Disfunzione cognitiva del cane Unutile associazione di Olio Vivo LTB5 e Nicergolina V.Bianchini – G.di Nunzio

2 Disfunzione cognitiva del cane La speranza di vita dei carnivori domestici è aumentata significativamente, soprattutto in questi ultimi anni, grazie ai progressi realizzati dalla medicina veterinaria, al miglioramento della situazione igienica e, soprattutto, ad una alimentazione più attenta alle esigenze del paziente anziano. La speranza di vita dei carnivori domestici è aumentata significativamente, soprattutto in questi ultimi anni, grazie ai progressi realizzati dalla medicina veterinaria, al miglioramento della situazione igienica e, soprattutto, ad una alimentazione più attenta alle esigenze del paziente anziano. Il cane viene considerato vecchio quando arriva al 70-80% della durata della vita. Il cane viene considerato vecchio quando arriva al 70-80% della durata della vita. la percentuale di cani con età superiore ai 6 anni è circa il 47% della popolazione canina. la percentuale di cani con età superiore ai 6 anni è circa il 47% della popolazione canina. Di conseguenza, accanto a patologie prevedibili comparse con linvecchiamento del cane (insufficienza cardiaca e renale, artrosi o certe affezioni neoplastiche) vi sono incrementi molto significativi delle cosiddette Turbe da comportamento. Come accade per gli anziani della specie umana può non essere facile stabile il confine tra una manifestazione fisiologica ed una patologica. Di conseguenza, accanto a patologie prevedibili comparse con linvecchiamento del cane (insufficienza cardiaca e renale, artrosi o certe affezioni neoplastiche) vi sono incrementi molto significativi delle cosiddette Turbe da comportamento. Come accade per gli anziani della specie umana può non essere facile stabile il confine tra una manifestazione fisiologica ed una patologica.

3 Disfunzione cognitiva del cane Circa il 70% delle forme di demenza progressiva nel cane adulto è causato da questa sindrome molto simile al morbo di alzheimer delluomo. Circa il 70% delle forme di demenza progressiva nel cane adulto è causato da questa sindrome molto simile al morbo di alzheimer delluomo. Si manifesta inizialmente con amnesie e perdita di comportamenti abituali (disorientamento, pica, non risponde al suo nome e spesso non riconosce persone familiari). Si manifesta inizialmente con amnesie e perdita di comportamenti abituali (disorientamento, pica, non risponde al suo nome e spesso non riconosce persone familiari). Sebbene generalmente siano predominanti gli effetti sulla memoria (soprattutto la memoria recente), tutte le funzioni corticali possono essere coinvolte, risultandone: disorientamento e incoordinazione. Sebbene generalmente siano predominanti gli effetti sulla memoria (soprattutto la memoria recente), tutte le funzioni corticali possono essere coinvolte, risultandone: disorientamento e incoordinazione. E possibile che alcune di queste manifestazioni rimangano nei limiti fisiologici e non siano, quindi, incompatibili con una normale vita del cane. E possibile che alcune di queste manifestazioni rimangano nei limiti fisiologici e non siano, quindi, incompatibili con una normale vita del cane. Altre volte, però, può accadere che la progressiva degenerazione delle strutture nervose porti ad una alterazione della sfera umorale e cognitiva con gravi ripercussioni sociali. Altre volte, però, può accadere che la progressiva degenerazione delle strutture nervose porti ad una alterazione della sfera umorale e cognitiva con gravi ripercussioni sociali.

4 Disfunzione cognitiva del cane Dal punto di vista strettamente anatomico con linvecchiamento si riscontrano spesso in un cane con sindrome da disfunzione cognitiva un certo ispessimento delle meningi, dilatazione dei ventricoli, gliosi, placche diffuse), e neurochimiche (apoptosi neuronale, deposizione di lipofuscina e di proteina beta-amiloide, aumento di stress ossidativo. Dal punto di vista strettamente anatomico con linvecchiamento si riscontrano spesso in un cane con sindrome da disfunzione cognitiva un certo ispessimento delle meningi, dilatazione dei ventricoli, gliosi, placche diffuse), e neurochimiche (apoptosi neuronale, deposizione di lipofuscina e di proteina beta-amiloide, aumento di stress ossidativo. E laccumulo di proteina beta-amiloide ad essere direttamente connesso alle manifestazioni cliniche dei disordini cognitivo-comportamentali dellanziano. È noto da tempo che nei cani e nei gatti anziani si verifica un deposito di proteina beta-amiloide nellippocampo e nella corteccia frontale (due aree particolarmente coinvolte nei comportamenti cognitivi). E laccumulo di proteina beta-amiloide ad essere direttamente connesso alle manifestazioni cliniche dei disordini cognitivo-comportamentali dellanziano. È noto da tempo che nei cani e nei gatti anziani si verifica un deposito di proteina beta-amiloide nellippocampo e nella corteccia frontale (due aree particolarmente coinvolte nei comportamenti cognitivi). Le più moderne evidenze mettono altresì in luce lesistenza di un link diretto tra disturbi cognitivi dellanimale anziano e danni cerebrali di natura ossidativa. Le più moderne evidenze mettono altresì in luce lesistenza di un link diretto tra disturbi cognitivi dellanimale anziano e danni cerebrali di natura ossidativa.

5 Principali alterazioni del sistema nervoso Ricerche davanguardia hanno anche messo in luce sensibili riduzioni quantitative a carico di fattori neuronotrofici (es. BDNF, NGF). Ricerche davanguardia hanno anche messo in luce sensibili riduzioni quantitative a carico di fattori neuronotrofici (es. BDNF, NGF). Nellinsieme, i cambiamenti comportamentali e neuropatologici osservati nel cane anziano sono così simili a quelli dei pazienti umani con demenza, tanto che numerosi Autori identificano nellinvecchiamento cerebrale del cane un utile modello naturale per lo studio della demenza umana. Da qui la similitudine con il morbo di Alzheimer. Nellinsieme, i cambiamenti comportamentali e neuropatologici osservati nel cane anziano sono così simili a quelli dei pazienti umani con demenza, tanto che numerosi Autori identificano nellinvecchiamento cerebrale del cane un utile modello naturale per lo studio della demenza umana. Da qui la similitudine con il morbo di Alzheimer. Il potenziale neurodistruttivo delle placche di beta amiloide sarebbe da ricondursi alla loro capacità di generare ROS come il perossido di idrogeno Il potenziale neurodistruttivo delle placche di beta amiloide sarebbe da ricondursi alla loro capacità di generare ROS come il perossido di idrogeno

6 Principali alterazioni del sistema nervoso Il Sistema Nervoso necessita che gli elettroliti ematici, il glucosio, lossigeno, la temperatura, il pH, losmolarità, la pressione e diversi altri parametri siano mantenuti entro limiti stretti. Soltanto lossigeno, lanidride carbonica e il glucosio attraversano rapidamente la barriera emato- encefalica. Il Sistema Nervoso necessita che gli elettroliti ematici, il glucosio, lossigeno, la temperatura, il pH, losmolarità, la pressione e diversi altri parametri siano mantenuti entro limiti stretti. Soltanto lossigeno, lanidride carbonica e il glucosio attraversano rapidamente la barriera emato- encefalica. Il metabolismo ossidativo del glucosio provvede alla maggior parte delle richieste energetiche del cervello. Il metabolismo ossidativo del glucosio provvede alla maggior parte delle richieste energetiche del cervello. L apporto sia di ossigeno che di glucosio al cervello è in relazione al flusso ematico cerebrale. L apporto sia di ossigeno che di glucosio al cervello è in relazione al flusso ematico cerebrale. Ricerche esperimentali hanno permesso di misurare il consumo di glucosio in differenti settori del cervello hanno evidenziato una netta diminuzione di questo metabolismo nei sistemi visivo, uditivo,limbico ed extrapiramidale. Ricerche esperimentali hanno permesso di misurare il consumo di glucosio in differenti settori del cervello hanno evidenziato una netta diminuzione di questo metabolismo nei sistemi visivo, uditivo,limbico ed extrapiramidale. Il primo tipo di alterazione prodotta dal processo di senescenza riguarda le membrane dei neuroni. Il primo tipo di alterazione prodotta dal processo di senescenza riguarda le membrane dei neuroni.

7 Principali alterazioni del sistema nervoso Abbiamo però che in un cane anziano il flusso ematico cerebrale può subire una alterazione per motivi dipendenti da : Ipossia Ipossia Anemia Anemia Ridotta gittata cardiaca Ridotta gittata cardiaca Ipoglicemia e tumori pancreatici Ipoglicemia e tumori pancreatici Aumento di pressione del liquido cefalo- rachidiano Aumento di pressione del liquido cefalo- rachidiano Vagotonia Vagotonia Disordii metabolici Disordii metabolici Ipertensione renale Ipertensione renale Alterazione della permeabilità delle membrane citoplasmatiche Alterazione della permeabilità delle membrane citoplasmatiche

8 Lalimentazione e il cane anziano I progressi compiuti dalla medicina veterinaria e in particolare dallalimentazione per gli animali da compagnia nel corso degli ultimi decenni hanno consentito di prolungare lesistenza dei cani e dei gatti, garantendo loro una buona qualità di vita. I progressi compiuti dalla medicina veterinaria e in particolare dallalimentazione per gli animali da compagnia nel corso degli ultimi decenni hanno consentito di prolungare lesistenza dei cani e dei gatti, garantendo loro una buona qualità di vita. La buona igiene, unalimentazione completa e bilanciata adatta ai fabbisogni specifici e il controllo costante dello stato di salute contribuiscono a vivere meglio e più a lungo. manifesti clinicamente dipende da diversi fattori. La buona igiene, unalimentazione completa e bilanciata adatta ai fabbisogni specifici e il controllo costante dello stato di salute contribuiscono a vivere meglio e più a lungo. manifesti clinicamente dipende da diversi fattori. Leffetto dellinvecchiamento può influenzare a livello di apparato digerente la capacità di consumare, digerire o metabolizzare il cibo. Con la senescenza diminuisce la motilità del colon con la comparsa molto frequente nei soggetti anziani di stipsi. Leffetto dellinvecchiamento può influenzare a livello di apparato digerente la capacità di consumare, digerire o metabolizzare il cibo. Con la senescenza diminuisce la motilità del colon con la comparsa molto frequente nei soggetti anziani di stipsi. I cani anziani hanno maggiori difficoltà ad assimilare il cibo e necessitano quindi di ingredienti di alta qualità per digerire bene e non avere problemi intestinali. I cani anziani hanno maggiori difficoltà ad assimilare il cibo e necessitano quindi di ingredienti di alta qualità per digerire bene e non avere problemi intestinali.

9 Importanza dei grassi nella dieta I lipidi nella dieta dei cani e dei gatti rappresentano la principale sorgente di acidi grassi essenziali (EFA, Essential Fatty Acids). Lorganismo presenta una richiesta fisiologica di due distinte famiglie di acidi grassi essenziali, la serie n- 6 e la serie n-3. I lipidi nella dieta dei cani e dei gatti rappresentano la principale sorgente di acidi grassi essenziali (EFA, Essential Fatty Acids). Lorganismo presenta una richiesta fisiologica di due distinte famiglie di acidi grassi essenziali, la serie n- 6 e la serie n-3. Capostipiti di queste due classi di acidi grassi polinsaturi a lunga catena necessari per il normale metabolismo sono: Capostipiti di queste due classi di acidi grassi polinsaturi a lunga catena necessari per il normale metabolismo sono: ACIDO LINOLEICO (OMEGA 6) ACIDO LINOLEICO (OMEGA 6) ACIDO ALFA LINOLEICO (OMEGA 3) ACIDO ALFA LINOLEICO (OMEGA 3) Il cane, come la maggior parte degli animali, assume queste sostanze con la dieta, ma possiede anche una produzione endogena. Il cane richiede la presenza del solo acido linoleico nella dieta. Esso è essenziale per il mantenimento della funzionalità della cute, regolandone la permeabilità allacqua. Esso è poi il precursore di numerose altre sostanze che intervengono nella crescita, nel mantenimento corretto delle membrane cellulari, della cute e del pelo, oltre al trasporto dei lipidi nel torrente ematico. Lacido arachidonico è indispensabile per le funzioni dipendenti dagli eicosanoidi, come funzione riproduttiva e aggregazione piastrinica. Il cane, come la maggior parte degli animali, assume queste sostanze con la dieta, ma possiede anche una produzione endogena. Il cane richiede la presenza del solo acido linoleico nella dieta. Esso è essenziale per il mantenimento della funzionalità della cute, regolandone la permeabilità allacqua. Esso è poi il precursore di numerose altre sostanze che intervengono nella crescita, nel mantenimento corretto delle membrane cellulari, della cute e del pelo, oltre al trasporto dei lipidi nel torrente ematico. Lacido arachidonico è indispensabile per le funzioni dipendenti dagli eicosanoidi, come funzione riproduttiva e aggregazione piastrinica.

10 Acidi grassi essenziali Lacido arachidonico e lacido eicosapentaenoico (EPA) sono costituenti dei fosfolipidi delle membrane cellulari. Lacido arachidonico e lacido eicosapentaenoico (EPA) sono costituenti dei fosfolipidi delle membrane cellulari. I leucotrienti e prostaglandine sono composti simili, derivanti dallacido arachidonico. I primi intervengono nei processi difensivi: sono molto più efficienti dellistamina nel provocare la dilatazione e aumentare la permeabilità capillare. I leucotrieni insieme alle prostaglandine, molecole dotate di molteplici attività, regolano il metabolismo di diversi composti lipidici: trigliceridi e colesterolo. I leucotrienti e prostaglandine sono composti simili, derivanti dallacido arachidonico. I primi intervengono nei processi difensivi: sono molto più efficienti dellistamina nel provocare la dilatazione e aumentare la permeabilità capillare. I leucotrieni insieme alle prostaglandine, molecole dotate di molteplici attività, regolano il metabolismo di diversi composti lipidici: trigliceridi e colesterolo. Questi enzimi determinano il rilascio di acidi grassi a 20 atomi di carbonio dallo strato fosfolipidico delle membrane cellulari, soprattutto di cute, tratto gastroenterico e respiratorio. Questi acidi grassi vengono attaccati da ciclossigenasi e lipossigenasi con la formazione di diverse classi di composti. Questi enzimi determinano il rilascio di acidi grassi a 20 atomi di carbonio dallo strato fosfolipidico delle membrane cellulari, soprattutto di cute, tratto gastroenterico e respiratorio. Questi acidi grassi vengono attaccati da ciclossigenasi e lipossigenasi con la formazione di diverse classi di composti. I composti derivanti dallacido arachidonico sono dei pro- infiammatori, aggreganti, trombotici e immunosoppressivi, mentre quelli derivanti dallEPA hanno funzione diametralmente opposta, sono infatti dei validi antiinfiammatori, antiaggreganti vasodilatatori e non sono immunosoppressivi. I composti derivanti dallacido arachidonico sono dei pro- infiammatori, aggreganti, trombotici e immunosoppressivi, mentre quelli derivanti dallEPA hanno funzione diametralmente opposta, sono infatti dei validi antiinfiammatori, antiaggreganti vasodilatatori e non sono immunosoppressivi.

11 Acidi grassi essenziali Sia cani che gatti sono in grado di digerire e assimilare diete ad alto tenore lipidico, ma lingestione di lipidi in quantità superiori alle possibilità di digestione e di assorbimento dellapparato gastroenterico provoca steatorrea e diarrea. Sia cani che gatti sono in grado di digerire e assimilare diete ad alto tenore lipidico, ma lingestione di lipidi in quantità superiori alle possibilità di digestione e di assorbimento dellapparato gastroenterico provoca steatorrea e diarrea. In particolare livelli eccessivi di acidi grassi polinsaturi nella dieta provocano un aumento del fabbisogno di vitamina E dellanimale. In particolare livelli eccessivi di acidi grassi polinsaturi nella dieta provocano un aumento del fabbisogno di vitamina E dellanimale. Poiché questa vitamina viene ossidata dagli acidi grassi insaturi, essa svolge nellorganismo il compito antiossidante, proteggendo dalla perossidazione i fosfolipidi delle membrane cellulari. In questo evento la vitamina E viene distrutta, perciò un aumento degli acidi grassi insaturi nella dieta determina un parallelo aumento del fabbisogno di vitamina E. Poiché questa vitamina viene ossidata dagli acidi grassi insaturi, essa svolge nellorganismo il compito antiossidante, proteggendo dalla perossidazione i fosfolipidi delle membrane cellulari. In questo evento la vitamina E viene distrutta, perciò un aumento degli acidi grassi insaturi nella dieta determina un parallelo aumento del fabbisogno di vitamina E.

12 Perché olio vivo LTB5? Abbiamo visto che un corretto apporto alimentare di acidi grassi essenziali è indispensabile allorganismo e, soprattutto, quando è lorganismo stesso a richiederlo in particolari situazioni fisiologiche e patologiche. Abbiamo visto che un corretto apporto alimentare di acidi grassi essenziali è indispensabile allorganismo e, soprattutto, quando è lorganismo stesso a richiederlo in particolari situazioni fisiologiche e patologiche. Un apporto dietetico di omega 6 e omega 3 (in rapporto 5:1) garantisce un miglioramento della fisiologia di membrana con evidenti miglioramenti dellosmosi e della permeabilità delle membrane cellulari. Un apporto dietetico di omega 6 e omega 3 (in rapporto 5:1) garantisce un miglioramento della fisiologia di membrana con evidenti miglioramenti dellosmosi e della permeabilità delle membrane cellulari. Di notevole importanza è poi lazione vasodilatativa che permette una generale riduzione sistemica della pressione e, soprattutto, una maggiore perfusione renale per la presenza di Eicosanoidi vasoattivi che riducono la pressione intraglomerurale. Di notevole importanza è poi lazione vasodilatativa che permette una generale riduzione sistemica della pressione e, soprattutto, una maggiore perfusione renale per la presenza di Eicosanoidi vasoattivi che riducono la pressione intraglomerurale. Il ruolo dellomega 6 e dellomega 3 è stato dimostrato nella regolazione dei fenomeni antinfiammatori e delle risposte immunitarie. La composizione tissutale in acidi grassi dipende dallapporto globale e dal rapporto tra gli acidi grassi N-6 ed N-3. Il miglior rapporto N-6/N-3 è 5:1 ed è a questo livello che si ottiene il tasso ottimale di leucotrieni B5 (LTB5) Il ruolo dellomega 6 e dellomega 3 è stato dimostrato nella regolazione dei fenomeni antinfiammatori e delle risposte immunitarie. La composizione tissutale in acidi grassi dipende dallapporto globale e dal rapporto tra gli acidi grassi N-6 ed N-3. Il miglior rapporto N-6/N-3 è 5:1 ed è a questo livello che si ottiene il tasso ottimale di leucotrieni B5 (LTB5)

13 Perché olio vivo LTB5? Bisogna tenere presente che ogni apporto complementare di acidi grassi deve essere ragionato, perché aumenta i fabbisogni di Vit E come antiossidante ed un eccesso di N-3 può ridurre, nei cani anziani, limmunocompetenza. Bisogna tenere presente che ogni apporto complementare di acidi grassi deve essere ragionato, perché aumenta i fabbisogni di Vit E come antiossidante ed un eccesso di N-3 può ridurre, nei cani anziani, limmunocompetenza. Ecco il valore del rapporto perfettamente bilanciato di omega 3 omega 6 dellolio vivo LTB5. Ecco il valore del rapporto perfettamente bilanciato di omega 3 omega 6 dellolio vivo LTB5. Il ruolo dellomega 6 e dellomega 3 è stato dimostrato nella regolazione dei fenomeni antinfiammatori e delle risposte immunitarie. Il ruolo dellomega 6 e dellomega 3 è stato dimostrato nella regolazione dei fenomeni antinfiammatori e delle risposte immunitarie.

14 Perché olio vivo LTB5? Tecnicamente gli Omega 3 sono acidi grassi polinsaturi che, dal punto di vista chimico, hanno la caratteristica di possedere un doppio legame in posizione 3 (omega 3) o in posizione 6 (omega 6), della catena che li forma. Sono tecnicamente definiti EPA (acido eicosapentaenoico), e DHA (acido docosaesaenoico). Questi acidi hanno dei precursori, cioè delle sostanze che dopo l'introduzione nel nostro organismo vengono trasformati, nello specifico l'acido linoleico è il precursore dell'acido grasso omega 6, mentre l'acido linolenico è il precursore dell'acido grasso omega 3. Gli omega 3 e 6 sono acidi grassi essenziali: con questo termine si intende che il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli, e quindi l'introduzione attraverso la dieta è assolutamente fondamentale. Tecnicamente gli Omega 3 sono acidi grassi polinsaturi che, dal punto di vista chimico, hanno la caratteristica di possedere un doppio legame in posizione 3 (omega 3) o in posizione 6 (omega 6), della catena che li forma. Sono tecnicamente definiti EPA (acido eicosapentaenoico), e DHA (acido docosaesaenoico). Questi acidi hanno dei precursori, cioè delle sostanze che dopo l'introduzione nel nostro organismo vengono trasformati, nello specifico l'acido linoleico è il precursore dell'acido grasso omega 6, mentre l'acido linolenico è il precursore dell'acido grasso omega 3. Gli omega 3 e 6 sono acidi grassi essenziali: con questo termine si intende che il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli, e quindi l'introduzione attraverso la dieta è assolutamente fondamentale. OMEGA 6/3 5:1 OMEGA 6 Un corretto apporto riduce la quantità di Leucotrieni B4 ad elevata attività antinfiammatoria OMEGA 3 Un corretto rapporto aumenta la quantità di Leucotrieni B5 a minore attività antinfiammatoria

15 Perché olio vivo LTB5? Tra gli effetti protettivi degli omega 6/3 i più rilevanti sono sicuramente: Tra gli effetti protettivi degli omega 6/3 i più rilevanti sono sicuramente: Azione antitrombotica ; azione antiaggregante piastrinica (effetto antitrombotico), cioè ridurrebbero la possibile formazione di coaguli nel sangue. Azione antitrombotica ; azione antiaggregante piastrinica (effetto antitrombotico), cioè ridurrebbero la possibile formazione di coaguli nel sangue. controllo del livello plasmatico dei lipidi, soprattutto dei trigliceridi controllo del livello plasmatico dei lipidi, soprattutto dei trigliceridi Evitano l'accumulo dei grassi più pericolosi, trigliceridi e colesterolo, sulle pareti arteriose, bloccando l'indurimento dei vasi. Evitano l'accumulo dei grassi più pericolosi, trigliceridi e colesterolo, sulle pareti arteriose, bloccando l'indurimento dei vasi. Proteggono il sistema cardiovascolare: il sangue, reso più fluido dall'assenza dei grassi cattivi, circola meglio, facendo funzionare bene il cuore e allontanando il rischio di malattie coronariche, ipertensione, arterosclerosi e trombosi. Proteggono il sistema cardiovascolare: il sangue, reso più fluido dall'assenza dei grassi cattivi, circola meglio, facendo funzionare bene il cuore e allontanando il rischio di malattie coronariche, ipertensione, arterosclerosi e trombosi. Attenuano le reazioni infiammatorie quali, asma ed artrite reumatoide. Attenuano le reazioni infiammatorie quali, asma ed artrite reumatoide. Favoriscono la vitalità delle cellule del sistema nervoso centrale, con funzioni antidepressive Favoriscono la vitalità delle cellule del sistema nervoso centrale, con funzioni antidepressive Aumentano le difese immunitarie e rafforzano le difese della pelle Aumentano le difese immunitarie e rafforzano le difese della pelle Utili nella terapia dell'artrite e di altri disturbi infiammatori. Utili nella terapia dell'artrite e di altri disturbi infiammatori. Coadiuvanti nella cura della dermatiti e di altre patologie cutanee. Coadiuvanti nella cura della dermatiti e di altre patologie cutanee. Anticancerogeni Anticancerogeni Agiscono sul microcircolo (attività antiedemigena). Agiscono sul microcircolo (attività antiedemigena). Produzione di ormoni. Gli acidi grassi polinsaturi come l'acido gamma linolenico sembrano regolare l'azione degli ormoni androgeni sui recettori delle cellule interessate. In particolare l'acido gamma linolenico pare essere un potente inibitore della 5-alfa- reduttasi. Produzione di ormoni. Gli acidi grassi polinsaturi come l'acido gamma linolenico sembrano regolare l'azione degli ormoni androgeni sui recettori delle cellule interessate. In particolare l'acido gamma linolenico pare essere un potente inibitore della 5-alfa- reduttasi.

16 Perché olio vivo LTB5?

17 Gli acidi grassi essenziali sono coinvolti nella sintesi delle prostaglandine, le quali giocano un ruolo in numerose funzioni dell'organismo: la sintesi degli ormoni, la immunità, la vasocostrizione, la regolazione del dolore e dell'infiammazione. Le prostaglandine sono suddivise in tre gruppi principali: Gli acidi grassi essenziali sono coinvolti nella sintesi delle prostaglandine, le quali giocano un ruolo in numerose funzioni dell'organismo: la sintesi degli ormoni, la immunità, la vasocostrizione, la regolazione del dolore e dell'infiammazione. Le prostaglandine sono suddivise in tre gruppi principali: quelle della serie 1 e 3 sono considerate benefiche Le prostaglandine di prima e terza serie sono vasodilatatrici, modulano la coagulazione,abbassano il colesterolo ldl, aumentano il colesterolo hdl, svolgono azione antinfiammatoria. La seconda serie di prostaglandine ha l'effetto opposto e hanno effetti dannosi. quelle della serie 1 e 3 sono considerate benefiche Le prostaglandine di prima e terza serie sono vasodilatatrici, modulano la coagulazione,abbassano il colesterolo ldl, aumentano il colesterolo hdl, svolgono azione antinfiammatoria. La seconda serie di prostaglandine ha l'effetto opposto e hanno effetti dannosi. Gli acidi 3 omega sono i precursori della serie 3, l'acido linoleico (omega 6) sintetizza la prima o la seconda serie di prostaglandine, il tipo di grassi degli oli può influenzare la sintesi delle benefiche prostaglandine di prima serie o delle dannose prostaglandine di serie 2. Gli acidi 3 omega sono i precursori della serie 3, l'acido linoleico (omega 6) sintetizza la prima o la seconda serie di prostaglandine, il tipo di grassi degli oli può influenzare la sintesi delle benefiche prostaglandine di prima serie o delle dannose prostaglandine di serie 2. Il rapporto tra le varie serie di prostaglandine è determinato dalla dieta e può determinare un aumento del rischio di malattia. Il rapporto tra le varie serie di prostaglandine è determinato dalla dieta e può determinare un aumento del rischio di malattia.

18 Perché olio vivo LTB5? Gli acidi grassi omega-3 a lunga catena (ed in particolare lacido eicosapentenoico, o EPA, e lacido docosaexenoico, o DHA, che sono i composti di questa famiglia veramente importanti per lorganismo) sono presenti in quantità assai ridotte in gran parte degli alimenti più comuni con la sola eccezione del pesce e dei suoi derivati. Gli acidi grassi omega-3 a lunga catena (ed in particolare lacido eicosapentenoico, o EPA, e lacido docosaexenoico, o DHA, che sono i composti di questa famiglia veramente importanti per lorganismo) sono presenti in quantità assai ridotte in gran parte degli alimenti più comuni con la sola eccezione del pesce e dei suoi derivati. Alla luce di questo è probabilmente opportuno aumentare lapporto di acidi grassi omega-3, insufficiente nella dieta attraverso luso selettivo di prodotti supplementati in acidi grassi omega-3 soprattutto di EPA+DHA. Alla luce di questo è probabilmente opportuno aumentare lapporto di acidi grassi omega-3, insufficiente nella dieta attraverso luso selettivo di prodotti supplementati in acidi grassi omega-3 soprattutto di EPA+DHA. Ecco il perché dellolio vivo LTB5. Ecco il perché dellolio vivo LTB5.

19 Nicergolina Nicergolina Nicergolina 1,6-dimetil-8-beta-(5-bromonicotinoil-oximetil)-10-alfa-metoxiergolin Nicergolina 1,6-dimetil-8-beta-(5-bromonicotinoil-oximetil)-10-alfa-metoxiergolin Gli alcaloidi dell'ergot sono prodotti principalmente fra i funghi inferiori della famiglia delle Clavicipitaceae, in particolare nei generi Claviceps, Balansia, Acremonium, specie ospiti particolarmente delle Graminaceae e delle Cyperaceae. La nicergolina possiede un largo spettro di azioni farmacodinamiche centrali e periferiche.; Gli alcaloidi dell'ergot sono prodotti principalmente fra i funghi inferiori della famiglia delle Clavicipitaceae, in particolare nei generi Claviceps, Balansia, Acremonium, specie ospiti particolarmente delle Graminaceae e delle Cyperaceae. La nicergolina possiede un largo spettro di azioni farmacodinamiche centrali e periferiche.; azione alfa-sinpaticolitica; è un potente vasodilatatore che si oppone alla voscostrizione prodotta dalle catecolamine. azione alfa-sinpaticolitica; è un potente vasodilatatore che si oppone alla voscostrizione prodotta dalle catecolamine. azione antitrombotica; Competivivo nei confronti dellazione aggregante piastrinica indotta dalla adrenalina (ADP, colagene e PAF). Favorisce la depolimerizzazione dei microtubuli trombocitari che liberano una quantità ridotta di sostanze favorenti lemostasi primaria e la coagulazione sanguigna. azione antitrombotica; Competivivo nei confronti dellazione aggregante piastrinica indotta dalla adrenalina (ADP, colagene e PAF). Favorisce la depolimerizzazione dei microtubuli trombocitari che liberano una quantità ridotta di sostanze favorenti lemostasi primaria e la coagulazione sanguigna. metabolica sulle cellule nervose; aumenta lincorporazione del glucosio e degli aminoacidi nelle cellule nervose e stimola la sintesi di composti fosfati altamente energetici. metabolica sulle cellule nervose; aumenta lincorporazione del glucosio e degli aminoacidi nelle cellule nervose e stimola la sintesi di composti fosfati altamente energetici. Effetto anti-anossico; Importante azione contro forme ischemiche, preinfartuali ed edemigene. Permette un maggiore utilizzo dellossigeno da parte delle cellule cerebrali Effetto anti-anossico; Importante azione contro forme ischemiche, preinfartuali ed edemigene. Permette un maggiore utilizzo dellossigeno da parte delle cellule cerebrali Aumento del flusso sanguigno cerebrale; Aumento del flusso sanguigno cerebrale; Aumento dellattività colinergica; Aumento dellattività colinergica;

20 Nicergolina Dopo somministrazione orale viene rapidamente metabolizzato e da origine ad una serie di metaboliti con molteplici funzioni farmacologiche. I principali metaboliti della nicergolina sono il 1,6-dimetil-8ß-hidroximetil-10a-metoxi- ergolina, MMDL, e il 6-metil-8ß-hidroximetil-10a-metoxi-ergolina ( MDL ), formati a partire da metabolismo di primo passaggio. Dopo somministrazione orale viene rapidamente metabolizzato e da origine ad una serie di metaboliti con molteplici funzioni farmacologiche. I principali metaboliti della nicergolina sono il 1,6-dimetil-8ß-hidroximetil-10a-metoxi- ergolina, MMDL, e il 6-metil-8ß-hidroximetil-10a-metoxi-ergolina ( MDL ), formati a partire da metabolismo di primo passaggio. E importante stimolatore della attività colinergica, è stato dimastrato che una assunzione di questo alcaloide permette significativi aumenti di acetil transferasi e dei recettori per lacetilcolina essendo inibitore della sintesi di acetilcolinesterasi. E importante stimolatore della attività colinergica, è stato dimastrato che una assunzione di questo alcaloide permette significativi aumenti di acetil transferasi e dei recettori per lacetilcolina essendo inibitore della sintesi di acetilcolinesterasi. La nicergolina é rapidamente e quasi completamente assorbita dopo sommistrazione orale. La sua biodisponibilità dopo 3 ore é < 5 percento. La nicergolina é rapidamente e quasi completamente assorbita dopo sommistrazione orale. La sua biodisponibilità dopo 3 ore é < 5 percento. I livelli plasmatici della nicergolina sono molto bassi ( 90 percento, com maggiore afinità per la glicoproteína acida do che per lalbumina sierica. I livelli plasmatici della nicergolina sono molto bassi ( 90 percento, com maggiore afinità per la glicoproteína acida do che per lalbumina sierica.

21 Nicergolina La velocità e la percentuale di assorbimento della nicergolina può anche essere significantivamente influenzata dallalimentazione La velocità e la percentuale di assorbimento della nicergolina può anche essere significantivamente influenzata dallalimentazione L escrezione urinaria é la principale via di elimininazione della molecola, approssimativamente l 80% della dose totale. L escrezione urinaria é la principale via di elimininazione della molecola, approssimativamente l 80% della dose totale.

22 RISULTATI DEI CASI CLINICI SCOPI Valutare la sinergia di azione tra la nicergolina e lolio vivo LTB5 in un gruppo di cani anziani con turbe comportamentali e con patologie correlate allinvecchiamento. Valutare la sinergia di azione tra la nicergolina e lolio vivo LTB5 in un gruppo di cani anziani con turbe comportamentali e con patologie correlate allinvecchiamento. MATERIALI E METODI Animali Lo studio ha incluso tre cani conviventi che presentavano sintomi simili, dominati da persistente e inspiegabile apatia, sonnolenza e reazioni improvvise di tipo aggressivo, e altri sintomi (dolore muscolare e poli-articolare, malessere conseguente allesercizio fisico, lieve insufficienza renale cronica e linfoadenopatia) perduranti da molti mesi. Lo studio ha incluso tre cani conviventi che presentavano sintomi simili, dominati da persistente e inspiegabile apatia, sonnolenza e reazioni improvvise di tipo aggressivo, e altri sintomi (dolore muscolare e poli-articolare, malessere conseguente allesercizio fisico, lieve insufficienza renale cronica e linfoadenopatia) perduranti da molti mesi. Questi animali vennero visitati nel loro canile nel Marzo 2004, per effettuare gli esami clinici e ambientali e per raccogliere campioni di sangue da utilizzare per analisi sierologiche ed ematologiche. Lacqua di bevanda venne raccolta anchessa, per effettuare esami batteriologici. Questi animali vennero visitati nel loro canile nel Marzo 2004, per effettuare gli esami clinici e ambientali e per raccogliere campioni di sangue da utilizzare per analisi sierologiche ed ematologiche. Lacqua di bevanda venne raccolta anchessa, per effettuare esami batteriologici. Durante visite successive, vennero effettuati ulteriori esami clinici e campioni di sangue vennero raccolti nei giorni 7 e 14 e 21 successivi alla terapia. Le analisi sono state effettuate per verificare la innoquità della associazione e valutare il corretto dosaggio. Durante visite successive, vennero effettuati ulteriori esami clinici e campioni di sangue vennero raccolti nei giorni 7 e 14 e 21 successivi alla terapia. Le analisi sono state effettuate per verificare la innoquità della associazione e valutare il corretto dosaggio.Terapia La scelta di Olio Vivo LTB5 come integratore di omega 6 e omega 3 in rapporto bilanciato 5:1 viene somministrata al dosaggio di 2 mg/5Kg/die per 15 giorni e nicergolina 0.50 mg/kg per 30 giorni. La scelta di Olio Vivo LTB5 come integratore di omega 6 e omega 3 in rapporto bilanciato 5:1 viene somministrata al dosaggio di 2 mg/5Kg/die per 15 giorni e nicergolina 0.50 mg/kg per 30 giorni.

23 RISULTATI DEI CASI CLINICI Investigazione sul canile I tre cani compresi in questo studio erano due femmine di 13 e 15 anni e un maschio di 14 anni, che vivevano insieme in un canile. I cani erano state vaccinati e sverminati regolarmente ogni anno dal responsabile del rifugio sanitario. I tre cani compresi in questo studio erano due femmine di 13 e 15 anni e un maschio di 14 anni, che vivevano insieme in un canile. I cani erano state vaccinati e sverminati regolarmente ogni anno dal responsabile del rifugio sanitario. Cane n. 1 Il primo cane esaminato era una femmina meticcia di 13 anni, affetta da una malattia cronica indefinita che durava da più di 2 anni e che si era dimostrata resistente a numerose terapie precedenti. I sintomi erano: debolezza, dolore muscolare, cambiamenti di umore, intolleranza allesercizio fisico, perdita di peso, pelo opaco e caduco e linfoadenopatia. Il cane aveva una scarsa tolleranza allesercizio fisico moderato ed era riluttante a correre per più di 2 minuti. L esame fisico rivelò linfonodi ingrossati e una cattiva condizione fisica generale Il primo cane esaminato era una femmina meticcia di 13 anni, affetta da una malattia cronica indefinita che durava da più di 2 anni e che si era dimostrata resistente a numerose terapie precedenti. I sintomi erano: debolezza, dolore muscolare, cambiamenti di umore, intolleranza allesercizio fisico, perdita di peso, pelo opaco e caduco e linfoadenopatia. Il cane aveva una scarsa tolleranza allesercizio fisico moderato ed era riluttante a correre per più di 2 minuti. L esame fisico rivelò linfonodi ingrossati e una cattiva condizione fisica generale Un esame fisico effettuato al giorno 7 mostrò che lo stato generale di salute era migliorato Un esame fisico effettuato al giorno 7 mostrò che lo stato generale di salute era migliorato La risposta clinica appariva soddisfacente al giorno 14, quando il dolore muscolare e la resistenza allattività fisica erano migliorate la dimensione dei linfonodi stava diminuendo e il mantello era brillante. La risposta clinica appariva soddisfacente al giorno 14, quando il dolore muscolare e la resistenza allattività fisica erano migliorate la dimensione dei linfonodi stava diminuendo e il mantello era brillante. Al giorno 21 il cane aveva perso un po della vitalità acquisita ed il pelo appariva leggermente opaco e friabile. Al giorno 21 il cane aveva perso un po della vitalità acquisita ed il pelo appariva leggermente opaco e friabile. Al termine del periodo di terapia (30 giorni) il cane manifestava unaffaticamento precoce ed una respirazione leggermente difficoltosa ma la condizione psichica si era mantenuta ottimale. Al termine del periodo di terapia (30 giorni) il cane manifestava unaffaticamento precoce ed una respirazione leggermente difficoltosa ma la condizione psichica si era mantenuta ottimale.

24 RISULTATI DEI CASI CLINICI Cane n. 2 Questo soggetto era una femmina di 14 anni di razza Rottweiller, con unidentica storia di malattia cronica, caratterizzata da dolore muscolare, letargia, perdita di peso, incordinazione e abbondante forforosi con caduta cronica del pelo e malessere conseguente allesercizio fisico della durata superiore ai 10 minuti. Questo soggetto era una femmina di 14 anni di razza Rottweiller, con unidentica storia di malattia cronica, caratterizzata da dolore muscolare, letargia, perdita di peso, incordinazione e abbondante forforosi con caduta cronica del pelo e malessere conseguente allesercizio fisico della durata superiore ai 10 minuti. Esisteva unanemia normocitica normocromica (PCV= 30%, MCV= 63.5 fl., MCH= pg) e tutti gli altri esami di laboratorio diedero risultati allinterno dei ranges di riferimento. Esisteva unanemia normocitica normocromica (PCV= 30%, MCV= 63.5 fl., MCH= pg) e tutti gli altri esami di laboratorio diedero risultati allinterno dei ranges di riferimento. Al primo controllo (giorno 7) il cane presentava uno stato più vigile e attento, il pelo era ancora in condizioni scadenti ma la forfora era diminuita. Il cane aveva aumentato il volume di urina prodotto e si alimentava regolarmente. Al primo controllo (giorno 7) il cane presentava uno stato più vigile e attento, il pelo era ancora in condizioni scadenti ma la forfora era diminuita. Il cane aveva aumentato il volume di urina prodotto e si alimentava regolarmente. Al giorno 14 lematocrito era aumentato (35%). Il cane era meno riluttante allesercizio fisico e non mostrava dolore muscolare. Il pelo era in buone condizioni e meno friabile, il cane aumentò leggermente il suo peso e lappetito ritornò normale. Manifestava anche una certa tolleranza allesercizio fisico. Al giorno 14 lematocrito era aumentato (35%). Il cane era meno riluttante allesercizio fisico e non mostrava dolore muscolare. Il pelo era in buone condizioni e meno friabile, il cane aumentò leggermente il suo peso e lappetito ritornò normale. Manifestava anche una certa tolleranza allesercizio fisico. Al giorno 21 (terzo controllo) il cane aveva un minore appetito ed un volume di urina non sufficiente con conseguente affaticamento e cianosi. Al giorno 21 (terzo controllo) il cane aveva un minore appetito ed un volume di urina non sufficiente con conseguente affaticamento e cianosi. Nellultimo controllo (30 giorni) il cane si manifestava con un buoin stato vigile ma il peso non era incrementato cosi come era peggiorato lo stato del mantello. Nellultimo controllo (30 giorni) il cane si manifestava con un buoin stato vigile ma il peso non era incrementato cosi come era peggiorato lo stato del mantello.

25 RISULTATI DEI CASI CLINICI Cane n. 3 Questo soggetto era un maschio di 15 anni incrocio breton. Affetto da letargia, scarso appetito e umore variabile, a volte, tendenze aggressive improvvise. Dermatite atopica e zoppia. Il cane aveva per un episodio di ictus perso la coordinazione motoria ed era incerto nella deambulazione. Questo soggetto era un maschio di 15 anni incrocio breton. Affetto da letargia, scarso appetito e umore variabile, a volte, tendenze aggressive improvvise. Dermatite atopica e zoppia. Il cane aveva per un episodio di ictus perso la coordinazione motoria ed era incerto nella deambulazione. Al giorno 7 il cane manifestava un netto miglioramento dellappetito e dellattenzione. E miglioramenti si sono registrati nella sfera affettiva (riconoscimento immediato del proprietario). Al giorno 7 il cane manifestava un netto miglioramento dellappetito e dellattenzione. E miglioramenti si sono registrati nella sfera affettiva (riconoscimento immediato del proprietario). Al secondo controllo (giorno 14) il cane si presentava in buono stato e la dermatite era meno pruriginosa e limitata nellestensione, il peso era aumentato e lo stato psichico era normale. La zoppia non aveva avuto leggere regressioni, ma la deambulazione era molto più coordinata e normale. Al secondo controllo (giorno 14) il cane si presentava in buono stato e la dermatite era meno pruriginosa e limitata nellestensione, il peso era aumentato e lo stato psichico era normale. La zoppia non aveva avuto leggere regressioni, ma la deambulazione era molto più coordinata e normale. Al terzo controllo (giorno 21), il cane si presentava ancora in buono stato ma il pelo non era in buone condizioni ed era ricomparsa una certa svogliatezza. Lo stato psichico era lievemente peggiorato cosi come la sua cpacità di movimento. Al terzo controllo (giorno 21), il cane si presentava ancora in buono stato ma il pelo non era in buone condizioni ed era ricomparsa una certa svogliatezza. Lo stato psichico era lievemente peggiorato cosi come la sua cpacità di movimento. Allultimo controllo (giorno 30) il cane manifestava una certa riluttanza ad effettuare sforzi prolungati e il prurito era aumentato. Umore piuttosto diversificato, alternava fasi gioco a fasi apatiche e, talvolta, aggressive. Allultimo controllo (giorno 30) il cane manifestava una certa riluttanza ad effettuare sforzi prolungati e il prurito era aumentato. Umore piuttosto diversificato, alternava fasi gioco a fasi apatiche e, talvolta, aggressive.

26 RISULTATI DEI CASI CLINICI Discussione In questo studio, i cani riferiti come affetti da disfunzione cognitiva, apparentemente corrispondevano alla definizione utilizzata per luomo e al quadro clinico descritto nel morbo di alzheimer. In questo studio, i cani riferiti come affetti da disfunzione cognitiva, apparentemente corrispondevano alla definizione utilizzata per luomo e al quadro clinico descritto nel morbo di alzheimer. Nei 2 anni precedenti, lo stato di salute dei cani si era progressivamente deteriorato nonostante gli svariati trattamenti adottati. I sintomi dominanti, fatica e apatia, erano accompagnati da talvolta da lesioni cutanee croniche, lo stato emotivo dei soggetti era gradualmente peggiorato. I casi canini qui descritti condividevano le stesse anomalie psichiche (apatia, indifferrenza agli stimoli esterni e aggressività improvvisa)) e fisiche (dimagramento, pelo opaco e fragile). Nei 2 anni precedenti, lo stato di salute dei cani si era progressivamente deteriorato nonostante gli svariati trattamenti adottati. I sintomi dominanti, fatica e apatia, erano accompagnati da talvolta da lesioni cutanee croniche, lo stato emotivo dei soggetti era gradualmente peggiorato. I casi canini qui descritti condividevano le stesse anomalie psichiche (apatia, indifferrenza agli stimoli esterni e aggressività improvvisa)) e fisiche (dimagramento, pelo opaco e fragile). E probabilmente possibile inquadrare la complessa patologia di questi cani nel fisiologico decadimento fisico legato allavanzata età dei soggetti ma, correlata a questa, vi era un deficit psichico notevole probabilmente dovuto alla complessa sindrome da Deficit Cognitivo del cane anziano. E probabilmente possibile inquadrare la complessa patologia di questi cani nel fisiologico decadimento fisico legato allavanzata età dei soggetti ma, correlata a questa, vi era un deficit psichico notevole probabilmente dovuto alla complessa sindrome da Deficit Cognitivo del cane anziano. In questo studio, lutilizzo dellolio vivo LTB5 e della nicergolina ha permesso un migliorameno delle condizioni fisiche e psichiche del soggetto, In questo studio, lutilizzo dellolio vivo LTB5 e della nicergolina ha permesso un migliorameno delle condizioni fisiche e psichiche del soggetto,

27 RISULTATI DEI CASI CLINICI Conclusioni Riassumendo, un piccolo gruppo di 3 cani con disfunzione cognitiva e scadimento delle condizioni fisiche è stato trattato con unassociazione di nicergolina e olio vivo LTB5 (omega 6 e 3 in rapporto 5:1) per un periodo di 30 giorni. Al quindicesimo giorno si è deciso di eliminare dallalimentazione lolio vivo LTB5 e valutare uneffetto da carenza e i dati raccolti al trentesimo giorno ha poi dimostrato una regressione dello stato clinico dei cani. Riassumendo, un piccolo gruppo di 3 cani con disfunzione cognitiva e scadimento delle condizioni fisiche è stato trattato con unassociazione di nicergolina e olio vivo LTB5 (omega 6 e 3 in rapporto 5:1) per un periodo di 30 giorni. Al quindicesimo giorno si è deciso di eliminare dallalimentazione lolio vivo LTB5 e valutare uneffetto da carenza e i dati raccolti al trentesimo giorno ha poi dimostrato una regressione dello stato clinico dei cani.

28 RISULTATI DEI CASI CLINICI Infatti, il miglioramento delle condizioni psico-fisiche in tutti e tre i cani si è avuto progressivamente fino al secondo controllo (14° giorno) ed un lieve decadimento delle condizioni generali (pelo opaco e secco, riduzione dellappetito, riluttanza allo sforzo) erano presenti al terzo controllo (30°giorno). Infatti, il miglioramento delle condizioni psico-fisiche in tutti e tre i cani si è avuto progressivamente fino al secondo controllo (14° giorno) ed un lieve decadimento delle condizioni generali (pelo opaco e secco, riduzione dellappetito, riluttanza allo sforzo) erano presenti al terzo controllo (30°giorno). E, quindi, evidente che lintegrazione dellolio è fondamentale alla terapia. E, quindi, evidente che lintegrazione dellolio è fondamentale alla terapia. E, inoltre,importante segnalare che la successiva integrazione del solo olio al termine della terapia per altri 30 giorni (60° giorno) ha mantenuto i soggetti in discrete condizioni. E, inoltre,importante segnalare che la successiva integrazione del solo olio al termine della terapia per altri 30 giorni (60° giorno) ha mantenuto i soggetti in discrete condizioni. In un ulteriore studio effettuato con terapia esclusivamente basata sulluso della nicergolina ha portato a significativi miglioramenti clinici dei soggetti interessati, ma sempre inferiori ai risultai dellassociazione con olio vivo LTB5. In un ulteriore studio effettuato con terapia esclusivamente basata sulluso della nicergolina ha portato a significativi miglioramenti clinici dei soggetti interessati, ma sempre inferiori ai risultai dellassociazione con olio vivo LTB5.

29 Riferimenti bibliografici Parent J., 2002, Dealing with senior moments in your canine patients – neurological problems in older dogs, Proceedings 69th AAHA Annual Meeting, Boston, March Parent J., 2002, Dealing with senior moments in your canine patients – neurological problems in older dogs, Proceedings 69th AAHA Annual Meeting, Boston, March Siwak CT, Tapp PD, Milgram NW. Effect of age and level of cognitive function on spontaneous and exploratory behaviors in the beagle dog. Learn. Mem (6): Siwak CT, Tapp PD, Milgram NW. Effect of age and level of cognitive function on spontaneous and exploratory behaviors in the beagle dog. Learn. Mem (6): Adams B, Chan A, Callahan H, Siwak C, Tapp D, Ikeda-Douglas C, Atkinson P, Head E, Cotman CW, Milgram NW., Use of a delayed non-matching to position task to model age-dependent cognitive decline in the dog, Behav Brain Res Feb;108(1): Adams B, Chan A, Callahan H, Siwak C, Tapp D, Ikeda-Douglas C, Atkinson P, Head E, Cotman CW, Milgram NW., Use of a delayed non-matching to position task to model age-dependent cognitive decline in the dog, Behav Brain Res Feb;108(1): Head E, Mehta R, Hartley J, Kameka M, Cummings BJ, Cotman CW, Ruehl WW, Milgram NW. Spatial learning and memory as a function of age in the dog. Behav Neurosci Oct;109(5): Head E, Mehta R, Hartley J, Kameka M, Cummings BJ, Cotman CW, Ruehl WW, Milgram NW. Spatial learning and memory as a function of age in the dog. Behav Neurosci Oct;109(5): Tapp PD, Siwak CT, Estrada J, Head E, Muggenburg BA, Cotman CW, Milgram NW. Size and reversal learning in the beagle dog as a measure of executive function and inhibitory control in aging. Learn Mem Jan-Feb;10(1):64-73 Tapp PD, Siwak CT, Estrada J, Head E, Muggenburg BA, Cotman CW, Milgram NW. Size and reversal learning in the beagle dog as a measure of executive function and inhibitory control in aging. Learn Mem Jan-Feb;10(1):64-73 OToole D., Debate regarding news story on cognitive dysfunction in dogs and cats, J Am Vet Med Assoc Jul 15;213(2): OToole D., Debate regarding news story on cognitive dysfunction in dogs and cats, J Am Vet Med Assoc Jul 15;213(2): Androgen action: molecular mechanism and medical application. 85 REFS AUTHOR Liao S ORGANISATION Ben May Institute, Department of Biochemistry and Molecular Biology, University of Chicago, Illinois 60637, USA. SOURCE J Formos Med Assoc 1994 Sep; 93 (9): Androgen action: molecular mechanism and medical application. 85 REFS AUTHOR Liao S ORGANISATION Ben May Institute, Department of Biochemistry and Molecular Biology, University of Chicago, Illinois 60637, USA. SOURCE J Formos Med Assoc 1994 Sep; 93 (9): Inhibition of steroid 5 alpha-reductase by specific aliphatic unsaturated fatty acids. Author Liang T; Liao S Address Ben May Institute, University of Chicago, IL Source Biochem J, 1992 Jul 15, 285 ( Pt 2):, Inhibition of steroid 5 alpha-reductase by specific aliphatic unsaturated fatty acids. Author Liang T; Liao S Address Ben May Institute, University of Chicago, IL Source Biochem J, 1992 Jul 15, 285 ( Pt 2):, Leveque NW. Cognitive dysfunction in dogs, cats an Alzheimers-like disease. J Am Vet Med Assoc May 1;212(9):1351 Leveque NW. Cognitive dysfunction in dogs, cats an Alzheimers-like disease. J Am Vet Med Assoc May 1;212(9):1351 Mattson M.P. Neuroplasticituy and how the brain adapts to aging Geriatrics & Aging online. 4(7): Mattson M.P. Neuroplasticituy and how the brain adapts to aging Geriatrics & Aging online. 4(7): Landsberg G, Ruehl W., Geriatric behavioral problems, Vet Clin North Am Small Anim Pract Nov;27(6): Landsberg G, Ruehl W., Geriatric behavioral problems, Vet Clin North Am Small Anim Pract Nov;27(6): Landsberg G., 2002, Behavioral problems in older dogs, 2002, Proceedings 69th AAHA Annual Meeting, Boston, March Landsberg G., 2002, Behavioral problems in older dogs, 2002, Proceedings 69th AAHA Annual Meeting, Boston, March Landsberg G., 2003, Invecchiamento cerebrale del cane e del gatto: disturbi cognitivi e comportamentali correlati, 46° Congresso Nazionale SCIVAC, Milano, 8-11 Maggio 2003 Landsberg G., 2003, Invecchiamento cerebrale del cane e del gatto: disturbi cognitivi e comportamentali correlati, 46° Congresso Nazionale SCIVAC, Milano, 8-11 Maggio 2003 Patronek GJ, Waters DJ, Glickman LT. Comparative longevity of pet dogs and humans: implications for gerontology research. J Gerontol A Biol Sci Med Sci May;52(3):B Patronek GJ, Waters DJ, Glickman LT. Comparative longevity of pet dogs and humans: implications for gerontology research. J Gerontol A Biol Sci Med Sci May;52(3):B Hoskins JD, McCurnin DM. Geriatric care in the late 1990s. Vet Clin North Am Small Anim Pract Nov;27(6): Hoskins JD, McCurnin DM. Geriatric care in the late 1990s. Vet Clin North Am Small Anim Pract Nov;27(6): Neilson JC, Hart BL, Cliff KD, Ruehl WW., Prevalence of behavioral changes associated with age-related cognitive impairment in dogs, J Am Vet Med Assoc Jun 1;218(11): Neilson JC, Hart BL, Cliff KD, Ruehl WW., Prevalence of behavioral changes associated with age-related cognitive impairment in dogs, J Am Vet Med Assoc Jun 1;218(11): Canine Cognitive Dysfunction, A New Look at Old Dog Syndrome and Proprietary Pfizer Market Research. Pfizer Animal Health, 1998 Canine Cognitive Dysfunction, A New Look at Old Dog Syndrome and Proprietary Pfizer Market Research. Pfizer Animal Health, 1998 Aronson L. The Elder Dog. The VetSpeak Section of the Shaggy Sentinel – Minuteman Bearded Collie Club. September, In: BeaCon for Health, the Bearded Collie Foundation for Health web site: Aronson L. The Elder Dog. The VetSpeak Section of the Shaggy Sentinel – Minuteman Bearded Collie Club. September, In: BeaCon for Health, the Bearded Collie Foundation for Health web site: Bain MJ, Hart BL, Cliff KD, Ruehl WW., Predicting behavioral changes associated with age-related cognitive impairment in dogs, J Am Vet Med Assoc Jun 1;218(11): Bain MJ, Hart BL, Cliff KD, Ruehl WW., Predicting behavioral changes associated with age-related cognitive impairment in dogs, J Am Vet Med Assoc Jun 1;218(11): Horwitz DF. Using a behavioral questionnaire. Conference Notes. Western Veterinary Conference. Las Vegas. Nevada February 2002 Horwitz DF. Using a behavioral questionnaire. Conference Notes. Western Veterinary Conference. Las Vegas. Nevada February 2002 Bagley RS. Common neurologic diseases of older animals. Vet Clin North Am Small Anim Pract Nov;27(6): Bagley RS. Common neurologic diseases of older animals. Vet Clin North Am Small Anim Pract Nov;27(6): Heath S. E. Modificazioni del comportamento nei cani anziani e loro management, SISCA Oserver, 1999, 3(2): Heath S. E. Modificazioni del comportamento nei cani anziani e loro management, SISCA Oserver, 1999, 3(2): 31-33


Scaricare ppt "Disfunzione cognitiva del cane Unutile associazione di Olio Vivo LTB5 e Nicergolina V.Bianchini – G.di Nunzio www.nsgs.it."

Presentazioni simili


Annunci Google