La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 LE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE NELLA RIFORMA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 LE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE NELLA RIFORMA."— Transcript della presentazione:

1 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 LE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE NELLA RIFORMA

2 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE La centralità dellallievo nel nuovo quadro riformatore Profilo Educativo, Culturale e Professionale Indicazioni Nazionali : Obiettivi Generali del processo formativo Obiettivi Specifici di Apprendimento Identità e autonomia Convivenza civile Strumenti culturali Piano dellOfferta Formativa Piani di Studio Personalizzati Portfolio delle competenze progettazione e organizzazione Unità di Appren- dimento valutazione orientamento Centro di Ateneo – Università di Bergamo

3 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 COSE IL PROFILO? Traccia il quadro delle competenze personali da realizzare mediante l'utilizzo delle abilità e delle conoscenze che rappresentano gli obiettivi specifici di apprendimento ( osa)

4 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 LE SCIENZE MOTORIE E E SPORTIVE NEL PROFILO

5 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 le scienze motorie e sportive contribuiscono al dispiegamento delle capacità personali e alla loro trasformazione nelle competenze, altrettanto personali, prospettate dal profilo, in modo specifico, in quanto:

6 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE la riflessione continua sullesperienza vissuta è fattore di conoscenza e di comprensione di sé e degli altri, delle proprie caratteristiche, - la ricerca e la soluzione di problemi motori e sportivi favorisce loperatività e lautonomia - le esperienze di emulazione/ contrapposizione/ agonismo sportivo, migliorano la capacità di interagire con gli altri e di costruire modelli positivi di comportamento, - la necessità di dare risposte ai problemi motori e della pratica sportiva obbliga alla metodologia del problem solving e alla verifica anche morale e sociale delle soluzioni adottate; - lo sviluppo pieno delle proprie capacità motorie e sportive ed educa il gesto estetico, inteso come armonia di forme, forza, equilibrio e ritmo.

7 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 IDENTITA LEducazione fisica e sportiva, essendo un ambito nel quale si sperimenta la necessità del controllo e dellautocontrollo emotivo in ogni gioco e esibizione, nel confronto con gli altri, nella competizione, nel successo, nellinsuccesso, partecipa, inoltre, a pieno titolo anche al proposito di far acquisire ai giovani gli strumenti per gestire la propria irrequietezza emotiva ed intellettuale, spesso determinata dal processo di ricerca e di affermazione della propria identità

8 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 RELAZIONE CON GLI ALTRI Ancora, la dimensione interattiva del fare e dello stare insieme con gli altri è tipica delle situazioni motorie e dei giochi sportivi collettivi il ragazzo impara ad interagire con i coetanei (è il miglior modo per conoscere e per conoscersi) e con gli adulti…

9 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 Nel vivere situazioni motorie e sportive di gruppo, ogni giovane scopre la difficoltà, ma anche la necessità dellascolto delle ragioni altrui, del rispetto, della tolleranza, della cooperazione e della solidarietà, anche quando richiedono sforzo e disciplina interiore. Il gioco in squadra, inoltre, diventa in vivo una straordinaria occasione per verificare che, insieme, si riesce a fare quello che non si otterrebbe da soli

10 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 LORIENTAMENTO SPORTIVO infine, è parte integrante del proprio progetto di vita e, quanto più il ragazzo sarà consapevole di ciò che sa fare al meglio di sé, di ciò che vorrebbe saper fare e a chi e a cosa dedicare la sua vita, tanto più egli verifica come questa dinamica si estenda dallesperienza sportiva a quella di tutte le vicende e le attese della vita.

11 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 STRUMENTI CULTURALI Tutte le competenze attese del Profilo, per concretizzarsi dal punto di vista dellEducazione fisica e sportiva, hanno bisogno di una sostanza cognitiva specifica: delle conoscenze e delle abilità fornite dalle Scienze motorie e sportive.

12 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 In questo senso, nella sezione dedicata agli Strumenti culturali, il Profilo chiede che i ragazzi alimentino le competenze attese, dimostrando, alla fine del ciclo, di: 1. conoscere il proprio corpo e, in maniera elementare, il suo funzionamento. ( Competenze di lettura e gestione delle capacità motorie e sportive)

13 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE padroneggiare le conoscenze e le abilità che, a partire dalle modificazioni dellorganismo, consentono, mediante lesercizio fisico, lattività motorio-espressiva, il gioco organizzato e la pratica sportiva individuale e di squadra, un equilibrato ed armonico sviluppo della propria persona (gestione del movimento e competenze motorie - sportive – espressive, )

14 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE valutare criticamente le esperienze motorie e sportive vissute in proprio o testimoniate dagli altri (competenze di lettura critica del movimento), ed imparare ad utilizzare le competenze acquisite per svolgere funzioni di giuria e di arbitraggio in discipline sportive di base (transfert delle competenze acquisite, ; attraverso la pratica sportiva, imparare a relazionarsi e a coordinarsi con gli altri, rispettando regole stabilite e scoprendo quanto il successo di squadra richieda anche limpegno e il sacrificio individuale (competenze socio – relazionali)

15 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 CONVIVENZA CIVILE Sarebbe inutile pensare ( afferma il profilo) ad unidentità personale fisica e sportiva colta che non aumentasse in maniera quasi naturale la qualità della Convivenza civile. Infatti, quanto più si irrobustisce sul piano culturale la propria identità fisica e sportiva, intesa come maggiore conoscenza delle nostre capacità fisiche e sportive, dei modi con cui il movimento e il gioco spontaneo ed organizzato ci aiutano a relazionarci con gli altri e contribuiscono a farci scegliere in maniera adeguata un personale progetto di vita, tanto più crescono e si perfezionano i valori e le pratiche della Convivenza civile di tutti.

16 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 Senza il contributo specifico dellEducazione fisica e sportiva, del resto, sarebbe difficile, come chiede il Profilo al ragazzo che conclude il primo ciclo di istruzione: 1. affrontare con responsabilità e indipendenza i problemi quotidiani riguardanti la cura della propria persona in casa, nella scuola e nella più ampia comunità sociale e civile;

17 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE trasformare la realtà prossima nel banco di prova quotidiano su cui esercitare le proprie modalità di rappresentanza, di delega, di rispetto degli impegni assunti allinterno di un gruppo che condividono regole comuni;

18 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE prevenire il disagio che si manifesta sotto forma di disarmonie fisiche; - impegnarsi allo scopo di promuovere per sé e per gli altri un benessere fisico strettamente connesso con quello psicologico, morale e sociale;

19 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE evitare i rischi connessi a comportamenti disordinati (uso di sostanze aggiuntive alla normale alimentazione, uso/abuso di alcool, fumo, droghe o alterazioni fisiologiche dei ritmi sonno-veglia); 5. comportarsi a scuola…per strada, negli spazi pubblici, sui mezzi di trasporto, in modo da rispettare gli altri e di rispettare codici e regolamenti stabiliti;

20 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE rispettare l'ambiente e adottare i comportamenti più adeguati per la salvaguardia della sicurezza propria e degli altri in condizioni ordinarie o straordinarie di

21 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 LE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE E GLI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

22 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE OSA DEL MOVIMENTO - OSA DELLESPRESSIONE - OSA DEL GIOCO E DELLO SPORT - OSA RIFERITI E CONNESSI ALLA CONVIVENZA CIVILE

23 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 OSA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE primo anno -Le varie parti del corpo. -I propri sensi e le modalità di percezione sensoriale. Lalfabeto motorio Le posizioni che il corpo può assumere in rapporto allo spazio ed al tempo. Codici espressivi non verbali in relazione al contesto sociale. Giochi tradizionali. Riconoscere e denominare le varie parti del corpo. Rappresentare graficamente il corpo, fermo e in movimento. Riconoscere, differenziare, ricordare, verbalizzare differenti percezioni sensoriali (sensazioni visive, uditive, tattili, cinestetiche). Coordinare e collegare in modo fluido il maggior numero possibile di movimenti naturali (camminare, saltare, correre, lanciare, afferrare, strisciare, rotolare, arrampicarsi, …). Collocarsi, in posizioni diverse, in rapporto ad altri e/o ad oggetti. Muoversi secondo una direzione controllando la lateralità e adattando gli schemi motori in funzione di parametri spaziali e temporali. Utilizzare il corpo e il movimento per rappresentare situazioni comunicative reali e fantastiche. Comprendere il linguaggio dei gesti.. Partecipare al gioco collettivo, rispettando indicazioni e regole.

24 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 SCUOLA PRIMARIA OSA DEL MOVIMENTO – PRIMO ANNO Il bambino impara progressivamente a controllarsi, prendendo coscienza degli organi di senso e delle percezioni sensoriali ad essi legate, sperimentando le principali posture e gli schemi fondamentali del movimento come il correre, il camminare, il saltare, il rotolare.., prendendo coscienza della propria lateralità ed esercitando la funzione più importante del movimento che è la coordinazione dinamica generale

25 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 OSA DEL MOVIMENTO – PRIMO BIENNIO Lacquisizione degli schemi motori di base e di quelli posturali consente di migliorare le varie forme della coordinazione: la dinamica generale, quella oculo segmentaria e quella spazio temporale, La conoscenza e la familiarità con gli attrezzi e con gli ambienti consente inoltre di utilizzare in modo corretto e sicuro per sé e per i compagni spazi e attrezzature e permette di acquisire corrette modalità esecutive per la prevenzione degli infortuni e la sicurezza nei vari ambienti di vita.

26 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 osa del movimento secondo biennio Laumento quantitativo della pratica delle attività fisiche consente il pieno sviluppo delle capacità motorie ed un uso più consapevole delle stesse anche ai fini di un miglioramento del risultato e del benessere personale. L a sperimentazione pratica di cosa significhi controllare la respirazione, la frequenza cardiaca, il tono muscolare,…. consente di collegare direttamente le principali funzioni fisiologiche e i loro cambiamenti in relazione allesercizio fisico. Compaiono conoscenze ed abilità riferite al rapporto fra lattività fisica e lalimentazione, la sicurezza e il rispetto delle regole, in coerenza e in collegamento con le mete della Convivenza Civile.

27 Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "Marisa Vicini LIGNANO 26 SETTEMBRE 2005 LE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE NELLA RIFORMA."

Presentazioni simili


Annunci Google