La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Laureando: Fabio Ruini Relatore: prof. Tommaso Minerva

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Laureando: Fabio Ruini Relatore: prof. Tommaso Minerva"— Transcript della presentazione:

1 Laureando: Fabio Ruini Relatore: prof. Tommaso Minerva
L’integrazione di un modulo per la condivisione di “Students’ Notes” all’interno del portale LMS Moodle Laureando: Fabio Ruini Relatore: prof. Tommaso Minerva

2 E-learning: cos’è? Quello che oggi conosciamo con il termine di “e-learning” deriva dal recente intrecciarsi di due filoni distinti: Formazione a Distanza (FAD, o Distance Learning); Computer Based Training (CBT).

3 Un mercato in forte espansione
2002: 6,6 miliardi di dollari; 2005: 33/46 miliardi di dollari, Compound Annual Growth Rate (CAGR) superiore a 50!

4 Le più diffuse piattaforme e-learning
Evolution Training Partner 2003 Top Class

5 Caratteristiche di punta
Evolution “Personalizes learning by determining the right training and assembling the right content for each learner”

6 Caratteristiche di punta
Training Partner 2003 “Learners can browse course catalogs,view calendars, enroll or waitlist for classes, review training history and track progress”

7 Caratteristiche di punta
Top Class “Learners and trainers collaborate through built-in discussion groups, class announcements, and internal or external ”

8 Necessario ribaltare questa concezione dell’e-learning!
Un problema comune Le più diffuse piattaforme tecnologiche di e-learning si basano su una metodologia didattica principalmente passiva. Necessario ribaltare questa concezione dell’e-learning!

9 Moodle: basi concettuali
Moodle nasce seguendo un’epistemologia costruttivista dell’apprendimento: il processo di creazione della conoscenza è un processo infinito, in cui ogni nuova creazione avviene sulla base di conoscenze precedenti

10 si tratta dunque di un ambiente “modulare”.
Moodle: modularità La sigla “Moodle” era originariamente l’acronimo di “Modular Object-Oriented Dynamic Learning Environment”: si tratta dunque di un ambiente “modulare”.

11 Moodle: moduli presenti
Nella sua versione 1.4, Moodle presenta al proprio interno i seguenti moduli: assignment; chat; choice; forum; glossary; journal; label; lesson; quiz; resource; scorm; survey; wiki; workshop. } Molti strumenti a disposizione degli studenti per interagire tra loro

12 Ma è un’esigenza davvero sentita?
Una mancanza All’interno di Moodle non esiste nessuno strumento che permetta agli studenti di condividere materiale digitale. Ma è un’esigenza davvero sentita?

13 Secondo Google sembrerebbe di sì
Effettuando una veloce ricerca attraverso il popolare search-engine Google, ci si può rendere conto dell’entità del fenomeno: la ricerca della stringa “student notes” restituisce circa 26’000 risultati; la ricerca della stringa “appunti universitari” restituisce circa 23’000 risultati.

14 Un nuovo modulo per Moodle
Due possibilità a disposizione: sviluppare un modulo “ex novo”; riadattare un software già esistente ed integrarlo in Moodle.

15 File Managers in PHP La rete offre centinaia di file managers Open Source tra cui scegliere: WebCommander phpXplorer Invision Power File Manager SmoothFileOperator

16 SmoothFileOperator (SFO)

17 Integrazione di SFO in Moodle
Processo di sviluppo articolato in tre steps: creazione di un nuovo modulo all’interno di Moodle, secondo la procedura standard; modifica di SmoothFileOperator per adattarlo alle caratteristiche dell’ambiente Moodle; modifica di alcuni script di Moodle per garantire l’interoperabilità con il nuovo modulo.

18 Step 1: creazione del nuovo modulo
Icona del modulo Cartella contenente i files “mysql.php” e “mysql.sql”, al cui interno vi è il codice per l’aggiornamento del database di Moodle ed il suo schema (in linguaggio SQL) Codice per la visualizzazione di tutte le istanze del modulo Form HTML sottoposto all’utente nel momento in cui si aggiunge (o si aggiorna) un’istanza del modulo Libreria contenente le funzioni utilizzate dal modulo Codice per la visualizzazione di una particolare istanza del modulo Meta-informazioni relative al modulo

19 Step 2: modifica di SFO Oltre ad aver subito una pesante operazione di “restyling”, SmoothFileOperator è stato “alleggerito” di alcune caratteristiche che non si è ritenuto fossero utili nel nuovo contesto. In particolare sono state eliminate: la listbox dalla quale scegliere la lingua in cui visualizzare l’interfaccia; il form di ricerca; il pulsante per modificare la descrizione della directory corrente; il link per la navigazione “tradizionale” all’interno della cartella; il link per visualizzare la “mappa” del sito.

20 Step 3: modifica di Moodle
L’interoperabilità tra Moodle ed il nuovo modulo per la condivisione di “Students’ Notes” ha richiesto la modifica di alcuni scripts della piattaforma di e-learning. In particolare sono stati modificati: il file “course/mod.php”, che viene richiamato nel momento in cui si aggiunge o si elimina, una nuova istanza del modulo ad un determinato corso; il file “course/edit.php”, richiamato quando si opera l’aggiornamento di un corso.

21 Il funzionamento del modulo (1)
Da un punto di vista “tecnico”, nel momento in cui ad un corso viene aggiunta una nuova istanza del modulo “Students’ Notes”, sul server che ospita Moodle viene creata una nuova directory. Il nome della cartella corrisponde allo “short name” del corso a cui è stata aggiunta l’istanza del modulo.

22 Il funzionamento del modulo (2)
A tale directory faranno accesso, mediante un’interfaccia grafica, gli utenti del corso in cui è presente l’istanza di Students’ Notes. Le operazioni che essi possono effettuare all’interno del modulo si differenziano da quelle ad esclusivo appannaggio di docenti ed amministratori del sito.

23 L’interfaccia-utente del modulo

24 Studenti: operazioni consentite
Gli studenti hanno accesso alle seguenti funzioni: upload di un file; creazione di una nuova directory; creazione di un nuovo file di testo; visualizzazione dei dettagli relativi ad un file o una directory; modifica della descrizione relativa ad un file o una directory.

25 Docenti ed amministratori
In aggiunta all’elenco di operazioni consentite anche agli studenti, docenti ed amministratori del sito hanno accesso ad alcune altre funzionalità: ridenominazione di un file o di una directory; cancellazione di un file o di una directory; copia di un file o di una directory; spostamento di un file o di una directory; modifica di un file di testo selezionato.

26 Una breve dimostrazione

27 Conclusioni Il modulo “Students’ Notes” va a colmare una lacuna della piattaforma Moodle, offrendo ai suoi utenti la possibilità di condividere materiale digitale di qualsiasi genere, in modo semplice ed efficace. é un contributo offerto alla comunità Open Source; é una nuova funzionalità della quale potranno avvantaggiarsi gli utenti di “Dolly” (il modulo verrà infatti inserito all’interno del portale 2004/05 del Corso di Laurea On Line in Comunicazione e Marketing).


Scaricare ppt "Laureando: Fabio Ruini Relatore: prof. Tommaso Minerva"

Presentazioni simili


Annunci Google