La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CARLO RUBINACCI GRUPPO DI LAVORO PER I DOCENTI I REGOLAMENTI Iter di approvazione Principali elementi di trasformazione Aspetti attuativi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CARLO RUBINACCI GRUPPO DI LAVORO PER I DOCENTI I REGOLAMENTI Iter di approvazione Principali elementi di trasformazione Aspetti attuativi."— Transcript della presentazione:

1 CARLO RUBINACCI GRUPPO DI LAVORO PER I DOCENTI I REGOLAMENTI Iter di approvazione Principali elementi di trasformazione Aspetti attuativi

2 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 REGOLAMENTI APPROVATI Scuola dellinfanzia e primo ciclo dIstruzione Rete scolastica e risorse umane Organici personale ATA Valutazione degli alunni APPROVAZIONE IN CORSO Istituti Tecnici Istituti Professionali Centri distruzione per gli adulti Licei Accorpamento classi di concorso istruzione secondaria Formazione iniziale personale docente

3 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA DELLINFANZIA e PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE Revisione dellassetto ordinamentale, organizzativo e didattico D.P.R. 20 marzo 2009, n. 89 Regolamento ai sensi dellart. 64, comma 4, del Decreto Legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133

4 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 INDICAZIONI NAZIONALI Si applicano le Indicazioni Nazionali di cui agli allegati A, B, C e D del Decreto Legislativo 19 febbraio 2004, n. 59 come aggiornate dalle Indicazioni per il curricolo di cui al Decreto Ministeriale 31 luglio 2007.

5 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 ATTO DI INDIRIZZO del MIUR Sono individuati i criteri generali necessari ad armonizzare gli assetti pedagogici, didattici e organizzativi agli obiettivi previsti dal Regolamento.

6 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 MONITORAGGIO LANSAS e lINVALSI svolgono nel triennio apposito monitoraggio ai fini delleventuale revisione delle Indicazioni Nazionali.

7 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA DELLINFANZIA Orario, anticipo e sezioni Primavera Lorario è articolato in 25 e in 40 ore settimanali, con possibilità di estensione fino a 50 ore. Lanticipo è ripristinato e prosegue lesperienza delle Sezioni Primavera.

8 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE Risponde a criteri di qualità e di efficienza del servizio nellambito di proficue collaborazioni tra lamministrazione scolastica e i comuni interessati (anche tra di loro consorziati).

9 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA PRIMARIA Tempo scuola e maestro unico/prevalente E svolto secondo il modello dellinsegnante unico o prevalente, che supera il precedente assetto del modulo e delle compresenze (art. 4 Legge n. 169/2008).

10 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA PRIMARIA Orario settimanale e Piani di studio Le sue articolazioni sono: 24, 27, 30 e 40 ore per le classi prime; 27, 30 e 40 ore per le classi successive. Le scuole adeguano i diversi modelli orario agli obiettivi formativi e ai piani di studio allegati al Decreto Legislativo n. 59/2004, come aggiornati dal D.M. 31 luglio 2007.

11 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA PRIMARIA Dotazione organica di istituto E determinata sulla base del fabbisogno del personale docente necessario per soddisfare lorario delle attività didattiche, lintegrazione degli alunni disabili e il funzionamento delle classi a tempo pieno autorizzate.

12 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA PRIMARIA Tempo pieno E attivato a richiesta delle famiglie, sulla base di specifico progetto formativo integrato, delle disponibilità di organico, delle strutture e dei servizi. Sono confermati due docenti per classe, coadiuvati da eventuali specialisti di religione e di inglese.

13 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA PRIMARIA Cittadinanza e Costituzione Si applica lart. 1 del Decreto legge n. 137 del 2008, convertito con modificazioni dalla Legge n. 169 del 2008.

14 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA PRIMARIA Musica e pratica musicale Con decreto del MIUR sono individuati i titoli prioritari per impartire linsegnamento di musica e pratica musicale.

15 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA PRIMARIA Formazione in servizio per i docenti Sono organizzati per i docenti corsi di formazione professionale finalizzati alladattamento al nuovo modello organizzativo.

16 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Orario annuale e Piani di studio Lorario annuale obbligatorio delle lezioni è di complessive 990 ore annuali (29 ore settimanali + 33 ore annuali destinate allapprofondimento delle materie letterarie). I Piani di studio sono funzionali alle conoscenze e alle competenze da acquisire in relazione alle diversità individuali e alle disabilità.

17 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Tempo prolungato Le classi a tempo prolungato sono autorizzate nei limiti della dotazione organica assegnata a ciascuna provincia e tenendo conto delle esigenze formative accertate per un orario settimanale di 36 ore. In via eccezionale, può essere autorizzato un orario settimanale fino a un massimo di 40 ore solo con una richiesta maggioritaria delle famiglie.

18 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Corsi ad indirizzo musicale I corsi ad indirizzo musicale, già ricondotti ad ordinamento dalla Legge 3 marzo 1999 n. 124, si svolgono oltre lorario obbligatorio delle lezioni (30 ore + 3 ore di strumento musicale).

19 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Cittadinanza e Costituzione Si applica lart. 1 del Decreto legge n. 137 del 2008, convertito con modificazioni dalla Legge n. 169 del Linsegnamento Cittadinanza e Costituzione è inserito nellarea disciplinare storico-geografica.

20 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Inglese potenziato Su richiesta delle famiglie, compatibilmente con le disponibilità di organico e in assenza di esubero dei docenti della seconda lingua comunitaria, è introdotto linglese potenziato anche utilizzando le 2 ore della seconda lingua comunitaria o i margini di autonomia previsti nella determinazione del quadro orario.

21 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Italiano potenziato per gli alunni stranieri Nel rispetto dellautonomia delle scuole, le 2 ore di insegnamento della seconda lingua comunitaria sono utilizzate anche per potenziare linsegnamento della lingua italiana per gli alunni stranieri.

22 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE SCOLASTICA ED EFFICACE UTILIZZO DELLE RISORSE UMANE D.P.R. 20 marzo 2009, n. 81 Regolamento ai sensi dellarticolo 64, comma 4, del Decreto Legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133.

23 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 FINALITA E PARAMETRI Il Regolamento si ispira alle finalità e ai parametri definiti nel D.P.R. 18 giugno 1998, n. 233 e allart. 3 del Decreto Legge 7 ottobre 2008, n. 154 convertito con modificazioni dalla Legge 4 dicembre 2008, n. 189.

24 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 FORMAZIONE DELLE CLASSI E DEGLI ORGANICI Il Regolamento sostituisce il D.M. 24 luglio 1998, n. 331(con le successive modifiche e integrazioni) e il D.M. 3 giugno 1999, n. 141 per le classi che accolgono gli alunni con disabilità.

25 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 RAPPORTI CON LE REGIONI E GLI ENTI LOCALI In materia di riorganizzazione della rete scolastica e di efficace utilizzo delle risorse umane, occorre prepararsi ad affrontare in termini nuovi i rapporti con le Regioni e con gli Enti Locali, nella prospettiva della piena attuazione della riforma del Titolo V della Costituzione.

26 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Coordinamento norme vigenti D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122 Regolamento ai sensi degli articoli 2 e 3 del Decreto Legge 1 settembre 2008, n. 137, convertito con modificazioni dalla Legge 30 ottobre 2008, n. 169

27 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 PRINCIPI GENERALI La valutazione è espressione dellautonomia professionale dei docenti e dellautonomia delle scuole, che sono chiamate ad assicurare omogeneità, equità e trasparenza nel rispetto della riservatezza. Criteri e modalità di valutazione sono esplicitati nel POF.

28 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 OGGETTO DELLA VALUTAZIONE La valutazione ha per oggetto il processo di apprendimento, il comportamento e il rendimento scolastico complessivo degli studenti. La valutazione concorre allautovalutazione degli alunni, al successo formativo.

29 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO Scuola Primaria Continua ad essere attribuita mediante un giudizio sintetico (non sufficiente, sufficiente, buono, distinto, ottimo) o analitico, che viene formulato secondo le modalità deliberate dal Collegio dei Docenti.

30 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO Scuola Secondaria di primo grado Il voto viene illustrato con specifica nota, è collegialmente definito dal Consiglio di classe e concorre alla valutazione complessiva dello studente. Se inferiore a sei decimi, determina la non ammissione.

31 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO Scuola Secondaria di secondo grado Il voto viene collegialmente definito dal Consiglio di classe, concorre alla valutazione complessiva dello studente e alla determinazione dei crediti. Se inferiore a sei decimi, determina la non ammissione. Le scuole possono promuovere e valorizzare i comportamenti positivi degli studenti.

32 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI Scuola Primaria La valutazione è effettuata dal docente ovvero collegialmente dai docenti contitolari. La non ammissione viene decisa allunanimità e, qualora lammissione sia deliberata in presenza di carenze, viene inserita una specifica nota nel documento di valutazione.

33 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI Scuola Secondaria di primo grado La valutazione è effettuata dal Consiglio di classe. Lammissione viene decisa a maggioranza dal Consiglio di classe e per gli studenti che hanno ottenuto un voto non inferiore a sei in ciascuna disciplina. In caso di ammissione deliberata in presenza di carenze, viene inserita una specifica nota nel documento di valutazione.

34 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI Scuola Secondaria di secondo grado La valutazione viene effettuata dal Consiglio di classe. Lammissione alla classe successiva richiede votazioni non inferiori a sei decimi in tutte le discipline e nel comportamento.

35 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 VALUTAZIONE DELLINSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Resta disciplinata dallart. 309 del Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297.

36 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 AMMISSIONE ALLESAME DI STATO Scuola secondaria di primo grado Richiede votazioni non inferiori a sei decimi in ciascuna disciplina e nel comportamento. Il giudizio di idoneità tiene conto del triennio ed è espresso in decimi. Le prove e il giudizio di idoneità concorrono alla definizione del voto finale: qualora corrisponda a dieci decimi, può essere aggiunta allunanimità la lode.

37 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 AMMISSIONE ALLESAME DI STATO Scuola secondaria di secondo grado Richiede votazioni non inferiori a sei decimi in ciascuna disciplina e nel comportamento. Nello scrutinio finale il consiglio di classe (compresi gli insegnanti di educazione fisica, tecnico-pratici, di sostegno e di religione cattolica) attribuisce il punteggio per il credito scolastico.

38 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Con apposito decreto del MIUR vengono adottati i modelli di certificazione delle competenze, determinate anche sulla base delle indicazioni espresse dallINVALSI e delle principali rilevazioni internazionali.

39 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Scuola Primaria Sono descritte e certificate al termine del quinquennio.

40 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Scuola Secondaria di primo grado Sono descritte e certificate al termine del triennio. Sono accompagnate da valutazione in decimi.

41 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Scuola Secondaria di secondo grado Vengono utilizzate come parametro di riferimento le conoscenze, le abilità e le competenze di cui allallegato al D.M. 22 agosto 2007, n. 139 (Obbligo di istruzione).

42 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 ISTITUTI TECNICI E ISTITUTI PROFESSIONALI Riordino Regolamenti ai sensi dellart. 64, comma 4, del Decreto Legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133.

43 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 DAL VECCHIO AL NUOVO ORDINAMENTO Si introduce una consistente riduzione del numero degli indirizzi, pur con il mantenimento delle specificità dei settori più importanti.

44 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 ISTITUTI TECNICI Settore economico con 2 indirizzi Settore tecnologico con 9 indirizzi. Listruzione tecnica è orientata alla produzione (high tech).

45 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 ISTITUTI PROFESSIONALI Settore servizi con 5 indirizzi Settore industria e artigianato con 1 indirizzo Listruzione professionale è orientata ai servizi (high touch).

46 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 ORARIO ANNUALE Si introduce una semplificazione e una parziale riduzione dei precedenti quadri orari, con la presenza di: -Una consistente area di insegnamenti generali comuni (660 ore nel 1° biennio, 495 ore nel 2° biennio e nel 5° anno); -Attività e insegnamenti obbligatori degli indirizzi (396 ore nel 1° biennio, 561 ore nel 2° biennio e nel 5° anno). Il monte ore complessivo è pari a ore in ciascun anno del quinquennio.

47 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 FLESSIBILITA Viene introdotta la flessibilità curricolare per articolare in opzioni le aree di indirizzo per corrispondere alle esigenze del territorio e ai fabbisogni espressi dal mondo del lavoro e delle professioni. Ist. tecnici: 1° biennio 20%; 2° biennio 30%; 5° anno 35% Ist. Prof.li: 1° biennio 25%; 2° biennio 35%; 5° anno 40 %

48 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 DIDATTICA I percorsi di studio si realizzano attraverso la didattica in laboratorio, lanalisi e la soluzione dei problemi, il lavoro per progetti. Stage, tirocini e alternanza scuola lavoro sono strumenti didattici per la realizzazione dei percorsi suddetti.

49 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 CLIL (Content and language integrated learning) E previsto linsegnamento in lingua straniera di una disciplina non linguistica nel quinto anno di corso.

50 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 TITOLO E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE I risultati di apprendimento sono declinati in conoscenze, abilità e competenze, secondo il Quadro Europeo delle Qualifiche per lApprendimento Permanente (EQF). Il titolo in uscita è il seguente: Diploma di perito con certificazione delle competenze acquisite.

51 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 COMITATO TECNICO-SCIENTIFICO Viene istituito un Comitato Tecnico- Scientifico con composizione paritetica di docenti e di esperti del mondo del lavoro, delle professioni e della ricerca scientifica e tecnologica con funzioni consultive e di proposta per lorganizzazione delle aree di indirizzo e lutilizzazione degli spazi di autonomia e flessibilità.

52 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 CONTRATTI DI PRESTAZIONE DOPERA Le scuole possono stipulare contratti di prestazione dopera con esperti del mondo del lavoro e delle professioni ai fini dellarricchimento dellofferta formativa e per competenze specialistiche non presenti nellistituto.

53 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 DIPARTIMENTI Vengono costituiti dipartimenti per il sostegno alla didattica e alla progettazione formativa.

54 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 FORMAZIONE E INFORMAZIONE Sono previste misure nazionali di sistema per la formazione del personale e per linformazione di studenti e genitori.

55 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 INDICAZIONI NAZIONALI Con apposito Decreto Ministeriale saranno definite le Indicazioni nazionali riguardanti le competenze, le abilità e le conoscenze.

56 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE DISTITUTO Con successivi decreti ministeriali saranno definiti gli indicatori per la valutazione e lautovalutazione degli istituti, anche con riferimento al Quadro europeo per la garanzia della qualità dei sistemi di istruzione e formazione.

57 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 COMITATO NAZIONALE PER LISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Viene istituito un Comitato nazionale per listruzione tecnica e professionale, composto da dirigenti e docenti della scuola, esperti del mondo del lavoro e delle professioni, delluniversità, della ricerca nonché esperti indicati da altri enti e istituzioni.

58 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 CENTRI DISTRUZIONE PER GLI ADULTI Ridefinizione dellassetto organizzativo e didattico Regolamento ai sensi dellart. 64, comma 4, del Decreto Legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133.

59 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 DAL VECCHIO AL NUOVO ORDINAMENTO I Centri di istruzione per gli adulti costituiscono una istituzione scolastica autonoma dotata di specifico ordinamento, di un proprio organico, dei medesimi organi collegiali delle istituzioni scolastiche, tenendo naturalmente conto della particolare natura dellutenza.

60 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 OFFERTA FORMATIVA I Centri realizzano unofferta formativa finalizzata al conseguimento dei titoli di studio riferiti al primo ciclo e al secondo ciclo, esclusivamente in relazione agli istituti tecnici, professionali e ai licei artistici. Nellofferta formativa sono compresi i corsi di alfabetizzazione in lingua italiana per gli adulti.

61 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 FLESSIBILITA E PERSONALIZZAZIONE I percorsi realizzano il profilo educativo, culturale, professionale dello studente e le indicazioni nazionali riguardanti gli istituti tecnici, gli istituti professionali e i licei artistici. Sono progettati per unità di apprendimento e vengono attuati per gruppi di livello, sulla base del Patto formativo individuale per assicurare la personalizzazione degli interventi. Sono previste attività di accoglienza, di orientamento e di istruzione a distanza.

62 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La valutazione e certificazione delle competenze vengono definite a partire dal Patto formativo individuale e tengono conto dei modelli europei.

63 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 LICEI Revisione dellassetto ordinamentale, organizzativo e didattico Regolamento ai sensi dellart. 64, comma 4, del Decreto Legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133.

64 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 DAL VECCHIO AL NUOVO ORDINAMENTO La confluenza tra i vecchi indirizzi liceali e i nuovi riguarda principalmente lassorbimento delle precedenti sperimentazioni, con lunica eccezione dei Licei artistici, nei quali confluiscono anche gli Istituti dArte. I sei Licei sono diversi luno dallaltro. Non esiste unarea comune nel biennio.

65 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 ORARIO ANNUALE E FLESSIBILITA Lorario annuale si articola in attività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti; attività e insegnamenti facoltativi. Si introduce la flessibilità curricolare per il 20% nel primo biennio, per il 30% nel secondo biennio e per il 20% nel quinto anno. Le scuole possono organizzarsi in rete e stipulare contratti dopera con esperti.

66 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 ORIENTAMENTO Si evidenzia una particolare sottolineatura dellimpianto orientativo del curricolo, a partire dal secondo biennio, anche con lalternanza scuola-lavoro, moduli e iniziative di studio-lavoro per progetti, esperienze pratiche e stage.

67 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 CLIL (Content and language integrated learning) E previsto linsegnamento in lingua straniera di una disciplina non linguistica nel quinto anno di corso.

68 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 CITTADINANZA E COSTITUZIONE Si sviluppa con riferimento allinsegnamento di Diritto ed economia o, in sua mancanza, allinsegnamento di Storia.

69 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 TITOLO E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE I risultati di apprendimento sono declinati in conoscenze, abilità e competenze, secondo il Quadro Europeo delle Qualifiche per lApprendimento Permanente (EQF). Il titolo in uscita è il seguente: Diploma liceale con certificazione delle competenze acquisite.

70 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 COMITATO SCIENTIFICO Viene istituito un Comitato Scientifico con composizione paritetica di docenti e di esperti esterni, con funzioni consultive e di proposta per lorganizzazione degli spazi di autonomia e flessibilità curricolare.

71 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 DIPARTIMENTI Vengono costituiti dipartimenti per il sostegno alla didattica e alla progettazione formativa.

72 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 FORMAZIONE E INFORMAZIONE Sono previste misure nazionali di sistema per la formazione del personale e per linformazione di studenti e genitori.

73 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 INDICAZIONI NAZIONALI Con apposito Regolamento saranno definite le Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento declinati secondo conoscenze, abilità e competenze.

74 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE DISTITUTO Con successivi decreti ministeriali saranno definiti gli indicatori per la valutazione e lautovalutazione degli istituti, anche con riferimento al Quadro europeo per la garanzia della qualità dei sistemi di istruzione e formazione.

75 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 COMITATO NAZIONALE PER LISTRUZIONE LICEALE Viene istituito un Comitato nazionale per listruzione liceale, composto da rappresentanti delle scuole, delle università, del mondo della ricerca, dellarte e della cultura.

76 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 FORMAZIONE INIZIALE DEI DOCENTI Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalità Decreto Ministeriale ai sensi dellart. 2, comma 416, della Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Finanziaria 2008).

77 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 PRINCIPI FONDAMENTALI Rafforzare le conoscenze disciplinari e sviluppare capacità didattiche, organizzative, relazionali e comunicative: un rapporto da ri-equilibrare. Rapporto diretto con le scuole ed esperienze attive di insegnamento. Rapporto dinamico e aperto tra scuola e università.

78 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA DELLINFANZIA E PRIMARIA Laurea magistrale quinquennale a ciclo unico con accesso a numero programmato. Il tirocinio comincia nel secondo anno e accompagna tutto il percorso di studi successivo.

79 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E SECONDO GRADO Laurea magistrale biennale con accesso a numero programmato. Dopo la laurea magistrale un anno di tirocinio con esame abilitante finale.

80 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 COMPETENZE DI LINGUA INGLESE E DIGITALI Costituiscono parte integrante dei percorsi universitari: lacquisizione delle competenze di lingua inglese (livello B2 Quadro comune europeo di riferimento per le lingue – Consiglio dEuropa 1996); lacquisizione delle competenze digitali (Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006).

81 Montecatini 11 e 12 settembre 2009 TFA - TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO Scienze delleducazione. Tirocinio sotto la guida di un tutor. Didattiche disciplinari. Laboratori pedagogico-didattici.


Scaricare ppt "CARLO RUBINACCI GRUPPO DI LAVORO PER I DOCENTI I REGOLAMENTI Iter di approvazione Principali elementi di trasformazione Aspetti attuativi."

Presentazioni simili


Annunci Google