La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

> Contents 1 Reading (UK), 24-25 February 2011 EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND IL PROGETTO GEOPOWER Anna Maria Pangallo Ferrara, 30 Settembre 2011 Provincia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "> Contents 1 Reading (UK), 24-25 February 2011 EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND IL PROGETTO GEOPOWER Anna Maria Pangallo Ferrara, 30 Settembre 2011 Provincia."— Transcript della presentazione:

1 > Contents 1 Reading (UK), February 2011 EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND IL PROGETTO GEOPOWER Anna Maria Pangallo Ferrara, 30 Settembre 2011 Provincia di Ferrara

2 > Contents 2 Reading (UK), February 2011 EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND DURATA DEL PROGETTO 2 ANNI (Nov 2010 Ott 2012) BUDGET ,00 energia geotermica a bassa entalpia - utilizzo di sonde geotermiche per trasferire il calore dal terreno agli edifici da riscaldare TEMA PRINCIPALE Ferrara, 30 Settembre 2011

3 > Contents 3 Reading (UK), February 2011 EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND LP Province of Ferrara (IT) PP2 CRES Centre for Renewable Energy Sources and Saving (GR) PP3 TEDK Chios - Local Union of Municipalities and Communities of Prefecture Chios (GR) PP4 Ministry of Regional Development and Public Works (BG) PP5 ENEREA Észak-Alföld Regional Energy Agency (HU) PP6 Reading Borough Council (UK) PP7 SP Technical Res. Institute (SE) PP8 Energy Center Energy Efficiency, Environment and Energy Information Agency (HU) PP9 Royal Institute of Technology (SE) PP10 Emilia Romagna Region (IT) PP11 Institute of Geology at Tallinn University of Technology (EE) PP12 VITO Flemish Institute for Technological Research (BE) PP13 GeoZS (Geological Survery of Slovenia) Ferrara, 30 Settembre 2011

4 > Contents 4 Reading (UK), February 2011 EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND Ferrara, 30 Settembre 2011

5 > Contents 5 Reading (UK), February 2011 EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND Scambio di buone prassi relative alla fornitura di energia a bassa entalpia e - dopo una valutazione tecnica costi - benefici per valutare la loro potenziale riproducibilità - trasferimento delle best practices selezionate, all'interno della programmazione dei paesi dei partner del progetto. Obiettivi generali Risultati attesi Piani dazione - sviluppare, presentare proposte legali - normative, economiche e tecniche che, attraverso il loro inserimento nei programmi dazione locali, indirizzino strategie a lungo termine per gli investimenti sullapplicazione di GCHP a larga scala. Durabilità del progetto Assicurata attraverso le autorità e gli organismi intermedi che gestiscono Geo.Power, che oltre a supportare attivamente il progetto e a divulgare le best practices nei loro programmi operativi, attueranno strategie che definiranno nei piani dazione delle politiche locali per lo sviluppo sostenibile. Ferrara, 30 Settembre 2011

6 > Contents 6 Reading (UK), February 2011 EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE C 1 C 2 C 3 SCAMBIO DI ESPERIENZE AL FINE DI TRASFERIRE BUONE PRATICHE NEI PROGRAMMI DEI FONDI STRUTTURALI EU DIREZIONE E COORDINAMENTO COMPONENTI DEL PROGETTO Ferrara, 30 Settembre 2011

7 > Contents 7 Reading (UK), February 2011 EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND Component 1 « management and coordination » C1 Direzione e coordinamento Leader: Provincia di Ferrara AGestione finanziaria ed amministrativa BAudit finanziario(First Level Control) CMeetings del Comitato direttivo DServizio di congiunzione internazionale dei servizi Ferrara, 30 Settembre 2011

8 > Contents 8 Reading (UK), February 2011 EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND C2 Comunicazione diffusione Leader: ENEREA AStrategie di comunicazione BWebsite, brochures e newsletters CConferenza finale DPubblicazioni internazionali EManuali locali di buone pratiche FForum locali per portatori dinteresse e comitato direttivo GMateriale promozionale Ferrara, 30 Settembre 2011

9 > Contents 9 Reading (UK), February 2011 EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND Component 3 « exchange of experiences and action plans » C3 Scambio di esperienze e piani dazione Leader: Provincia di Ferrara AMeeting iniziale e presentazione delle BPs BMatch-making (sintesi ed elaborazione delle BPs) CCreazione di Deep Delegations locali D3 workshops delle DDs per lo scambio di esperienze E Valutazione della riproducibilità delle BP nelle aree di progetto F 3 Laboratori di sviluppo (D-LAB) con le DDs per supportare le azioni di progetto GElaborazione di 11 piani dazione locali Fase 1 Esame delle BP Fase 2 Valutazione per la riproducibilità delle BPs Fase 3 Piani dazione Ferrara, 30 Settembre 2011

10 > Contents 10 Reading (UK), February 2011 EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND Strong prepararation phase 31 Ferrara, 30 Settembre 2011

11 > Contents 11 Reading (UK), February 2011 EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND Component 3 « exchange of experiences and action plans » Ferrara, 30 Settembre 2011

12 > GEO.POWER Inception meeting Presentazione di tutte (n°31) le best practices da parte dei partners 2- Identificazione dei criteri per selezionare le 12 BPs più interessanti e rappresentative 3- selezione di 12 best practices tra tutte quelle presentate Ferrara, 30 Settembre 2011

13 > GEO.POWER Inception meeting 13 CRITERIO DI SELEZIONE Campo di applicazione: Residenziale: idealmente 4 edifici pubblici e 4 privati, Aziendale: idealmente 3 industrie e 1 azienda agricola Tipo di sistema: BTES – Borehole Thermal Energy System (Circuito chiuso), ATES – Acquifer Thermal Energy System (circuito aperto), Orizzontale (al massimo uno per ognuno) Differente ambiente geologico ed idrogeologico Tipi di edifici: devo essere presi in considerazione sia edifici nuovi che ristrutturati Parametri di efficienza: COP (coefficiente di performance = quantità di calore ottenuta/lavoro fornito), EER (coefficiente di refrigerazione = quantità di caloreceduta dallambiente interno/Lavoro fornito), SPF e SEER (indicano le prestazioni medie stagionali raggiungibili da una pompa di calore) Qualità dello schema di monitoraggio Integrazione con altre fonti rinnovabili (RES) Benefici: Risparmio energetico, evitare lemissione di sostanze inquinanti, arco di tempo per il ritorno economico Livello di trasferibilità supposta Ferrara, 30 Settembre 2011

14 > GEO.POWER Inception meeting 14 PARTNERS BPBPBPBP Campo di applicazione BPs Selezionat e PrivatoPubblicoIndustrialeAgricultura Situazioni trasversali PP1 FE Prov. (IT) PP2 CRES (GR) PP3 ? PP4 Ministry (BG) PP5 ENEREA (HU) PP6 Reading (UK) PP7 SP (SE) PP8 En. Ag. (HU) PP9 Royal Ins. (SE) PP10 RER (IT) PP11 Tallinn (EE) PP12 VITO (BE) TOTAL Ferrara, 30 Settembre 2011

15 > GEO.POWER Inception meeting 15 Settore pubblico: Avenue Centre (PP6) 8 Preferenze University of Setùbal (PP2) 4 Preferenze INFRAX (PP12) 4 Preferenze Private & Public building (PP7) 3 Preferenze Industriale e situzioni trasversali: Arlanda (PP7) 5 Preferenze Casaglia (PP1) 4 Preferenze Telenor (PP8) 3 Preferenze Hotel Amalia (PP2) 3 Preferenze Settore Privato: Hun Street (PP8) 5 Preferenze 2 Family House (PP2) 2 Preferenze House in Ohlsdorf (PP2) 2 Preferenze Agricoltura: Greenhouse in Antwerpen (PP12) 3 Preferenze Ferrara, 30 Settembre 2011

16 > GEO.POWER Inception meeting 16 TITOLO DELLA BPThe Avenue Centre (Reading, UK) TIPO DI EDIFICIO Scuola nuova per bambini con esigenze particolari ed uffici DESCRIZIONE IMPIANTO Sistema integrato di sonde geotermiche closed loop e open loop per il riscaldamento e raffrescamento LEGISLAZIONEEnergy performance in buildings: incentivi per edifici che utilizzano sistemi di riscaldamento con emissione di CO2 bassa o nulla Ferrara, 30 Settembre 2011

17 > GEO.POWER Inception meeting 17 TITOLO DELLA BP Portugal Scuola di ingegneria dellIstituto Politecnico di Setùbal (CRES) TIPO DI EDIFICIOEdificio costruito nel DESCRIZIONE IMPIANTO Sistema di sonde geotermiche closed loop per il riscaldamento e raffrescamento di 200 m 2. LEGISLAZIONEDecreto legge n.79/2006 che ha lo scopo di incrementare lefficienza energetica degli edifici e ridurre il consumo di energia ed in particolare lemissione di CO2 nel settore edilizio Ferrara, 30 Settembre 2011

18 > GEO.POWER Inception meeting 18 TITOLO DELLA BP Pompe di calore collegate a pozzi geotermici nella sede INFRAX, Torhout (Belgium) TIPO DI EDIFICIOEdificio nuovo DESCRIZIONE IMPIANTO Il progetto comprende elementi fotovoltaici attivi double face, lastre riscaldanti e rinfrescanti e un pavimento accoppiato a pompe di calore combinate con un sistema di 24 sonde verticali profonde 130 metri LEGISLAZIONEINFRAX è un operatore di distribuzione gas ed elettricità ed hanno avuto lobbligo da parte del governo di Flemish di sviluppare e incentivare i sistemi di efficienza energetica e di energia rinnovabile Ferrara, 30 Settembre 2011

19 > GEO.POWER Inception meeting 19 TITOLO DELLA BP Successo di mercato del sistema di sonde geotermiche negli edifici pubblici e privati in Svezia TIPO DI EDIFICIOAbitazioni da piccole a molto grandi DESCRIZIONE IMPIANTO I sistemi di sonde geotermiche (profonde metri) e pompe di calore sono molto comuni in Svezia (70% sonde verticali; 25% sonde orizzontali;5% open loop) LEGISLAZIONEAppalto tecnologico del del Consiglio Svedese Nazionale per lo sviluppo tecnologico sulle pompe di calore (NUTEK). Ferrara, 30 Settembre 2011

20 > GEO.POWER Inception meeting 20 TITOLO DELLA BP L acquifero di energia geotermica a servizio dellimpianto di riscaldamento e raffrescamento dellAeroporto Arlanda di Stoccolma, Svezia TIPO DI EDIFICIO Aeroporto che consuma energia come una città di persone; limpianto è stato realizzato nel 2009 DESCRIZIONE IMPIANTO Durante lestate lacquifero fornisce fresco agli edifici dellaeroporto e nello stesso tempo immagazzina calore; in inverno, il calore immagazzinato viene usato nel sistema di riscaldamento a pavimento del parcheggio degli aerei e per pre riscaldare il sistema di ventilazione degli edifici. LEGISLAZIONE Ferrara, 30 Settembre 2011

21 > GEO.POWER Inception meeting 21 TITOLO DELLA BPSistema di teleriscaldamento a Ferrara (HERA) TIPO DI EDIFICIOAree urbane DESCRIZIONE IMPIANTO Viene sfruttata una risorsa geotermica a 1000 metri di profondità (temp. Acqua 100°C) per effettuare il teleriscaldamento di una estesa porzione del Comune di Ferrara; lacqua viene poi reimmessa nel terreno per garantire lequilibrio geologico. Il sistema di Ferrara è detto Sistema Integrato di Energia in quanto alla risorsa geotermale si aggiunge lenergia prodotta dalla combustione dei rifiutri (WTE-Waste to Energy) LEGISLAZIONELEGGE 29 maggio 1982, n. 308 Norme sul contenimento dei consumi energetici, lo sviluppo delle fonti rinnovabili di energia e l'esercizio di centrali elettriche alimentate con combustibili diversi dagli idrocarburi. Ferrara, 30 Settembre 2011

22 > GEO.POWER Inception meeting 22 TITOLO DELLA BPSede di Telenor - Hungary TIPO DI EDIFICIO Edificio industriale costruito nel 2007 di superficie pari a mq DESCRIZIONE IMPIANTO Il sistema di sonde geotermiche è costituito da 180 pozzi profondi 100 metri utili per fornire acqua calda e fredda oltre che per regolare la temperatura nelledificio. Lenergia necessaria per riscaldare lacqua (60-70%) è fornita da pannelli solari (168 mq). Ledificio è realizzato in modo tale da minimizzare la perdita di calore (isolamento), inoltre è ombreggiato per mantenere il fresco durante lestate. LEGISLAZIONEContributo per il raggiungimento di un incremento delle energie rinnovabili ( ) nel piano strategico ungherese Ferrara, 30 Settembre 2011

23 > GEO.POWER Inception meeting 23 TITOLO DELLA BPHotel Amaliaa Nea Tiryntha - Peloponessus TIPO DI EDIFICIOAlbergo rinnovato nel di superficie pari a 8980 mq DESCRIZIONE IMPIANTO Limpianto di riscaldamento /refrigeramento è collegato ad un sistema geotermico open-loop. Il sistema è costituito da due pozzi che pescano nellacquifero sotterraneo ad una profondità di 60 metri e da due pozzi di re- iniezione (prof. 60 metri). LEGISLAZIONEIn Grecia i permessi per la realizzazione di sistemi geotermici a bassa entalpia sono regolati da una Decisione (n.2488) (Gazzetta del governo 1249/ ) che incentiva lapplicazione di questa tecnologia. Ferrara, 30 Settembre 2011

24 > GEO.POWER Inception meeting 24 TITOLO DELLA BPGruppo di appartamenti in HUN street, Budapest - Hungary TIPO DI EDIFICIO Gruppo di edifici di dieci piani con 256 appartamenti (1000 occupanti) – ristrutturazione del 2005 DESCRIZIONE IMPIANTO Ledificio è stato prima isolato, sono state messe finestre ad alta efficienza energetica e sono stati installati riscaldamenti autonomi. Successivamente è stato realizzato un sistema geotermico di tipo open loop con 4 pozzi di prelievo e 6 di re-iniezione profondi 14 metri. LEGISLAZIONEContributo per il raggiungimento di un incremento delle energie rinnovabili ( ) nel piano strategico ungherese Ferrara, 30 Settembre 2011

25 > GEO.POWER Inception meeting 25 TITOLO DELLA BPAbitazione familiare a Ohlsdorf – Austria (CRES) TIPO DI EDIFICIOSingola abitazione di 189 mq DESCRIZIONE IMPIANTO Limpianto è costituito da sonde orizzontali, ciascuna lunga 75 metri, a 1,2 metri di profondità. La temperatura in andata è stata progettata a 35°C, mentre quella di ritorno a 30°C. Limpianto di riscaldamento è a pavimento. Per riscaldare lacqua sanitaria viene utilizzato il calore intorno alle sonde(sistema aria/acqua). LEGISLAZIONENel nord dellAustria ci sono due forme diverse di finanziamento per pompe di calore collegate ad un sistema geotermico per riscaldamento e per la produzione di acqua sanitaria. I finanziamenti variano a seconda della tipologia del sistema. Ferrara, 30 Settembre 2011

26 > GEO.POWER Inception meeting 26 TITOLO DELLA BPDue abitazioni familiari a Pikermi - Grecia TIPO DI EDIFICIO E un edificio di 180 mq ben isolato con finestre sintetiche con doppi vetri e gas Argon tra i due vetri. DESCRIZIONE IMPIANTO E un sistema open loop. La pompa di calore alimenta il sistema a pavimento con acqua calda o fredda a seconda che sia necessario riscaldare o rinfrescare. Ci sono inoltre due deumidificatori a soffitto posizionati nei due piani del residence, che funzionano solo per rinfrescare in estate. I deumidificatori operano in maniera complementare al sistema a pavimento. LEGISLAZIONEIn Grecia i permessi per la realizzazione di sistemi geotermici a bassa entalpia sono regolati da una Decisione (n.2488) (Gazzetta del governo 1249/ ) che incentiva lapplicazione di questa tecnologia. Ferrara, 30 Settembre 2011

27 > GEO.POWER Inception meeting 27 TITOLO DELLA BPSerra vicino ad Antwerp - Belgio TIPO DI STRUTTURASerra semi chiusa di area pari a mq DESCRIZIONE IMPIANTO Limpianto è costituito da una pompa di calore collegata ad un sistema open loop (2 pozzi di profondità pari a 140 metri ciascuno, ubicati ad una distanza tra quello caldo e quello freddo di 200 metri). Durante linverno la pompa di calore fornisce calore, lacqua di evaporazione fredda viene conservata nel pozzo freddo e viene poi usata in estate per rinfrescare la serra. LEGISLAZIONEPer realizzare pompe di calore collegate a sistemi open loop bisogna richiedere il permesso. Per chi realizza questi sistemi ci sono delle detrazioni fiscali; da alcune Municipalità sono inoltre previsti bonus per chi realizza impianti geotermici. Ferrara, 30 Settembre 2011

28 > GEO.POWER Inception meeting 28 Ferrara, 30 Settembre 2011

29 > GEO.POWER Inception meeting 29 AMeeting iniziale e presentazione delle BPs BMatch-making (sintesi ed elaborazione delle BPs) CCreazione di Deep Delegations locali D3 workshops of DDs per lo scambio di esperienze E Valutazione della riproducibilità delle BPs nelle aree di progetto F 3 Laboratori di sviluppo (D-LAB) con le DDs per supportare il progetto delle azioni di progetto GElaborazione di 11 piani dazione locali Fase 1 Esame delle BP Fase 2 Valutazione per la riproducibilità delle BPs Phase 3 Piani dazione Ferrara, 30 Settembre 2011

30 > GEO.POWER Inception meeting 30 DETERMINAZIONE DELLA TRASFERIBILITA DELLE BP CON SWOT ANALYSYS AZIONI DA INSERIRE NELLA PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE LOCALE IN MODO TALE DA MIGLIORARE IL MERCATO IN QUESTO CAMPO NEL NOSTRO TERRITORIO Ferrara, 30 Settembre 2011

31 > GEO.POWER Inception meeting 31 Ferrara, 30 Settembre 2011

32 > GEO.POWER Inception meeting 32 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "> Contents 1 Reading (UK), 24-25 February 2011 EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND IL PROGETTO GEOPOWER Anna Maria Pangallo Ferrara, 30 Settembre 2011 Provincia."

Presentazioni simili


Annunci Google