La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Conferenza di Formazione Euro Comp Aid Il Diritto UE Antitrust nellottica dellapplicazione decentrata Le nozioni di intese e pratiche concordate nella.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Conferenza di Formazione Euro Comp Aid Il Diritto UE Antitrust nellottica dellapplicazione decentrata Le nozioni di intese e pratiche concordate nella."— Transcript della presentazione:

1 Conferenza di Formazione Euro Comp Aid Il Diritto UE Antitrust nellottica dellapplicazione decentrata Le nozioni di intese e pratiche concordate nella prassi e giurisprudenza UE Venezia, 3 febbraio 2012 Filippo Amato Jones Day, Bruxelles

2 Struttura dellart. 101 TFUE 2 Art. 101(1) vieta: accordi tra imprese, decisioni di associazioni di imprese e pratiche concordate che possano pregiudicare il commercio tra Stati membri e che abbiano per oggetto o per effetto di restringere la concorrenza Art 101(2): nullità di accordi/decisioni ex 101(1) Art 101(3): inapplicabilità del 101(1) se quattro condizioni sono soddisfatte

3 Nozione di accordo 3 Vi è un accordo quando esiste, tra almeno due imprese, una comune volontà, il cui modo di manifestarsi non è rilevante, purché sia fedele espressione della volontà delle parti stesse (T-41/96 Bayer AG, 69; T- 208/01 Volkswagen II, 32) La forma non conta. Sono accordi sia i contratti (in forma scritta o orale), sia intese giuridicamente non vincolanti come i gentlemans agreements (41/69, ACF Chemiefarma). Occorrono almeno due imprese: accordi fra persone giuridiche appartenenti alla stessa impresa non ricadono nellart. 101(1) (C-73/95 Viho, 13-17) Misure di unimpresa apparentemente unilaterali costituiscono un accordo se accettate, anche tacitamente, da unaltra impresa (T-41/96 Bayer, 71;Volkswagen II, 36). Occorre tuttavia la prova di una (almeno tacita) accettazione

4 Condotte solo apparentemente unilaterali ma in realtà accordi 4 il rifiuto di ammettere certi rivenditori ad una rete di distribuzione, quando è il risultato di unintesa (tacita) con i rivenditori autorizzati (107/82, AEG-Telefunken) linvio sistematico di fatture con la dicitura esportazione vietata, qualora ciò si inserisca in un complesso di rapporti commerciali continuativi disciplinati da un accordo generale (277/87 Sandoz) una circolare indirizzata ai concessionari belgi con lesortazione a non vendere fuori dal Belgio, quando appare che i concessionari hanno tacitamente accettato tale esortazione (32 e 36-82/78 BMW) un premio accordato ai concessionari per il cui pagamento sono prese in considerazione le vendite fuori del territorio contrattuale sole se non superano il 15% delle vendite complessive del concessionario (T-62/98 Volkswagen I, 236)

5 Condotte unilaterali, erroneamente considerate come accordi 5 Consegna ai grossisti di quantità di un prodotto fissate in anticipo sulla base del loro fabbisogno storico, in assenza di una strategia di controllo della destinazione finale del prodotto e di sanzioni nei confronti dei grossisti che decidono di esportare tali prodotti (T-41/96 Bayer); Circolari ai concessionari tedeschi con esortazione a non concedere sconti, quando non vè alcuna prova che tali esortazioni sono state applicate (T-208/01 Volkswagen II)

6 Nozione di pratica concordata 6 Nozione ancora più ampia della nozione di accordo Non è necessaria la prova di un piano volto a ridurre la concorrenza (ad es., aumentare prezzi, ridurre la produzione, ripartire i mercati). Basta un coordinamento dellattività delle imprese che, senza essere stata spinta fino allattuazione di un vero e proprio accordo, costituisce in pratica una consapevole collaborazione fra le imprese stesse, a danno della concorrenza (48/69 ICI, Materie Coloranti, 64-65; 40/73 Suiker Unie, 26) contatti diretti o indiretti aventi lo scopo o leffetto dinfluire sul comportamento tenuto sul mercato da un concorrente attuale o potenziale, ovvero di rivelare ad un concorrente il comportamento che linteressato ha deciso, o prevede, di tenere egli stesso sul mercato (40/73 Suiker Unie, 173)

7 Pratiche concordate: requisiti/prova 7 Scambio fra concorrenti di informazioni commercialmente sensibili Linformazione può essere oggettivamente sensibile: ad es., prezzi, produzione, capacità, investimenti, clienti. Anche se una sola impresa rivela informazioni chiaramente sensibili (ad es. prezzi futuri) nel corso di una riunione con concorrenti, ciò è sufficiente a costituire una pratica concordata, perché si presume i concorrenti prenderanno in considerazione tale informazione (T-202/98 Tate & Lyle) Linformazione può essere sensibile in determinate circostanze (mercato oligopolistico, livello di aggregazione e storicità/attualità dellinformazione, frequenza dello scambio) (C-79/5, UK Tractors) Il parallelismo di comportamenti può costituire prova di una pratica concordata quando la concertazione ne costituisca lunica spiegazione plausibile (48/69 ICI, 109), ma non quando tale parallelismo può spiegarsi altrimenti, tenuto conto della natura dei prodotti, dellentità e del numero delle imprese e del volume del mercato (C-89/95 Pasta di legno II, 72 e 126; e 29/83 Compagnie Royale Asturienne de Mines) Non è richiesta la prova di effetti sul mercato (C-199/92 P Hüls, 163 )

8 Distinzione fra accordi e pratiche concordate 8 Nessun rilievo pratico: nell'ambito di una violazione complessa, la quale ha coinvolto svariati produttori […] durante parecchi anni […], non si può pretendere [che la Commissione] qualifichi esattamente la violazione, per ognuna delle imprese e in ogni dato momento, come accordo o come pratica concordata, dal momento che, in ogni caso, l'una e l'altra di tali forme di violazione sono previste dall'art. 85 del Trattato (T-305/94 PVC, 696) Infrazione unica (globale):un'impresa può […] essere ritenuta responsabile di un'intesa globale anche qualora venga dimostrata la sua diretta partecipazione soltanto a uno o più degli elementi costitutivi di tale intesa, purché le fosse noto, o dovesse necessariamente esserle noto, il fatto che la collusione a cui partecipava, in particolare tramite regolari riunioni organizzate durante diversi anni, rientrava in un piano globale diretto a falsare il gioco normale della concorrenza, e che questo piano globale riguardava il complesso degli elementi costitutivi dell'intesa (T-305/94 PVC, 773) Infrazione unica e continuata (o ripetuta):[poiché] le ricorrenti hanno ripreso e ripetuto, dopo un periodo leggermente superiore a sedici mesi, la loro partecipazione a uninfrazione di cui esse non contestano che costituisca la medesima intesa alla quale avevano partecipato precedentemente allinterruzione, la prescrizione ai sensi dellart. 25 del regolamento n. 1/2003 […] non trova applicazione (T-18/05 IMI, 97)

9 Nozione di decisione di ass.ne di imprese 9 Qualsiasi atto, anche una semplice raccomandazione non vincolante, avente lo scopo di coordinare il comportamento sul mercato dei membri dellassociazione (8/72 Veerenging van Cementhandelaren) E decisione di unassociazione di imprese ladozione da parte di un ordine nazionale forense delle regole per lesercizio della professione di avvocato, posto che tali regole costituisconol'espressione della volontà di rappresentanti degli appartenenti ad una professione volta ad ottenere da questi ultimi che essi adottino un determinato comportamento nell'ambito della loro attività economica (C-309/99 Wouters, 64)

10 Restrizioni per oggetto = restrizioni gravi della concorrenza 10 Presunzione dincompatibilità con lart. 101(1) non è necessario condurre unanalisi di mercato (T-62/98 Volkswagen I) Accordi orizzontali (tra concorrenti) concernenti : Fissazione dei prezzi di vendita Limitazione della produzione o delle vendite Spartizioni di mercati o della clientela Accordi verticali (prod./distributori) che: Fissano i prezzi o i prezzi minimi di rivendita Restringono la libertà di vendita passiva (ossia non sollecitate) a certi clienti o in certi territori

11 Restrizioni non sensibili 11 Lart. 101(1) non si applica ad accordi che non hanno un effetto significativo sulla concorrenza (5/69 Völck, 19/77 Miller) Comunic. COM. de minimis, del 2001, presume che non abbiano effetti sensibili gli accordi: che non contengono restrizioni gravi se quota di mercato non >5% (accordi orizzontali) quota di mercato non >15 (accordi verticali) Tra PMI (< 250 dipendenti e fatturato < 40 mdE o totale bilancio < a 27 mdE)

12 Restrizioni per effetto 12 Tutti gli accordi o pratiche concordate che non contengono restrizioni per oggetto (ossia gravi) e non sono de minimis Occorre effettuare unanalisi economica approfondita per concludere se tali accordi o pratiche sono restrittivi, ad es.: Scambio di informazioni, salvo nel caso in cui le informazioni scambiate siano oggettivamente sensibili (v. Linee direttrici sugli accordi orizzontali) Accordi di acquisto esclusivo (C-234/89, Delimitis) o vendita esclusiva Imprese comuni (joint ventures) (T-374/94 European Night Services) Accordi di ricerca e sviluppo, di specializzazione nella produzione, di commercializzazione congiunta, di acquisto congiunto Accordi di licenza di tecnologia (v. Reg. 772/2004 e Linee direttrici sugli accordi di trasferimento di tecnologia)

13 Art. 101(3) 13 Sono compatibili con lart. 101, gli accordi che pur ricadendo nellart. 101(1) soddisfano cumulativamente le quattro condizioni dellart. 101(3), ossia: contribuiscono a migliorare la produzione, la distribuzione o il progresso tecnico o economico Riservano una congrua parte dellutile agli utilizzatori Sono indispensabili per raggiungere tali obiettivi Non eliminano la concorrenza per una parte sostanziale dei prodotti V. comunicazione della Commissione sullart. 101(3) ed i vari regolamenti di esenzione per categoria


Scaricare ppt "Conferenza di Formazione Euro Comp Aid Il Diritto UE Antitrust nellottica dellapplicazione decentrata Le nozioni di intese e pratiche concordate nella."

Presentazioni simili


Annunci Google