La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Marzio Massimiliano CAPRA Laboratorio di Genetica forense DMU e Scienze Biomediche GENETICA FORENSE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Marzio Massimiliano CAPRA Laboratorio di Genetica forense DMU e Scienze Biomediche GENETICA FORENSE."— Transcript della presentazione:

1 Marzio Massimiliano CAPRA Laboratorio di Genetica forense DMU e Scienze Biomediche GENETICA FORENSE

2

3 PATOLOGIA FORENSE PATOLOGIA FORENSE TOSSICOLOGIA FORENSE BOTANICA e PALINOLOGIA FOR. BOTANICA e PALINOLOGIA FOR. BALISTICA FORENSE BALISTICA FORENSE ZOOLOGIA FORENSE ZOOLOGIA FORENSE GENETICA FORENSE - DNA GENETICA FORENSE - DNA ANTROPOLOGIA FORENSE LE DISCIPLINE MEDICO-LEGALI LE DISCIPLINE MEDICO-LEGALI

4 PATOLOGIA FORENSE PATOLOGIA FORENSE TOSSICOLOGIA FORENSE BOTANICA e PALINOLOGIA FOR. BOTANICA e PALINOLOGIA FOR. BALISTICA FORENSE BALISTICA FORENSE ZOOLOGIA FORENSE ZOOLOGIA FORENSE GENETICA FORENSE - DNA GENETICA FORENSE - DNA ANTROPOLOGIA FORENSE LE DISCIPLINE MEDICO-LEGALI LE DISCIPLINE MEDICO-LEGALI

5 RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA LINTERPRETAZIONE DEL DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. CAMPIONI RIFERIMENTO E PREL.COATTIVI

6 QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA LINTERPRETAZIONE DEL DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. CAMPIONI RIFERIMENTO E PREL.COATTIVI

7 Ricerca della traccia e SOPRALLUOGO GIUDIZIARIO: ispezione di luoghi e cose per accertare le tracce e gli altri effetti materiali che il reato abbia lasciato (CLEMENTE PUCCINI) AMBIENTE VIVENTE CADAVERE

8 LA SFIDA NELLE ANALISI BIOLOGICO-FORENSI Proteggerne laffidabilità dallesame della scena del crimine/vittima/sospettato alla presentazione dei risultati in tribunale

9 Se non è raccolta in modo appropriato, può non essere analizzabile. Se non viene correttamente impacchettata può subire contaminazione. Se non viene correttamente conservata, può deteriorarsi e non essere più analizzabile. Se la documentazione non è sufficiente, lorigine della traccia può essere contestata. LA TRACCIA…

10 LA CATENA DI CUSTODIA raccolta conservazione analisi campioni residui trasporto

11

12 RICERCA DELLA TRACCIA

13 La ricerca delle tracce

14 LA RICERCA DELLE TRACCE: METODI FISICI

15 RICERCA DI TRACCE DI LIQ. SEMINALE

16 LA RICERCA DELLE TRACCE: METODI CHIMICI – IL LUMINOL (PER IL SANGUE)

17 LUMINOL

18

19 LA RICERCA DELLE TRACCE SU SOGGETTO VIVENTE LA VITTIMA LINDAGATO/ SOSPETTATO

20 VIOLENZA SESSUALE E TRACCE BIOLOGICHE

21 Margini ungueali

22

23 UNGHIE: DNA POSITIVO NEL 35% DEI CASI DI OMICIDIO (studio anni ) UNGHIE: DNA POSITIVO NEL 35% DEI CASI DI OMICIDIO (studio anni )

24 QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA LINTERPRETAZIONE DEL DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. CAMPIONI RIFERIMENTO E PREL.COATTIVI

25 BLOODSTAIN PATTERN ANALYSIS

26 Disciplina delle Scienze forensi che utilizza metodi scientifici per la ricostruzione di fatti di sangue BLOODSTAIN PATTERN ANALYSIS

27 40 cm - 90°20 cm - 70°20 cm - 45° 20 cm - 30° 20 cm - 10° 20 cm - 20°

28 5,5/12=0,458 Arcsen 0,458 = 27,26 Ang. di impatto = 27,26°

29 COSA NON CI DICE LA BPA LA QUANTITA DI SANGUE LA DISTANZA DI CADUTA LESATTO PUNTO DI ORIGINE (CE SOVRASTIMA) LEPOCA DELLA DEPOSIZIONE CHI E STATO…

30

31 QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA LINTERPRETAZIONE DEL DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. CAMPIONI RIFERIMENTO E FURTO DNA DIAGNOSI GENERICA: DIAGNOSI DI SPECIE: è sangue, saliva, capello? è umano?

32 luminol

33 SALIVA O LIQUIDO SEMINALE?

34

35

36 QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA LINTERPRETAZIONE DEL DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. CAMPIONI RIFERIMENTO E FURTO DNA DIAGNOSI INDIVIDUALE

37 Il profilo del DNA il profilo del DNA

38 La variazione genetica tra gli individui è misurabile. La statistica indica la significatività di un match Analisi DNA efficiente e riproducibile (il risultato deve reggere in tribunale). Validazione NON sono analizzati i geni: NO predisposizione a malattie, colore occhi, capelli, pelle, statura. DNA al 99,9% = tra gli individui : variabilità sta nel rimanente 0,1% DNA NUCLEARE STRs - Autosomi - cr. Y - cr. X SNPs DNAMITOCONDRIALE

39 1985: A.Jeffreys e il DNA fingerprinting

40 DNA FINGERPRINTING

41 15-20 ANNI FA OGGI

42 PCR DNA 1° CICLO2° CICLO 3° CICLO ecc...

43 Dove sono i marcatori per lidentificazione? TPOX D3S1358 D5S818 CSF1PO FGA D7S820 D8S1179 TH01 vWA D13S317 D16S539 D21S11 Amel X STR X Amel Y STR Y VALIDATI ALLUSO FORENSE

44 QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA LINTERPRETAZIONE DEL DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. CAMPIONI RIFERIMENTO E PREL.COATTIVI

45 LA NORMATIVA IN TEMA DI PRELIEVO COATTIVO Art. 2 Cost: La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili delluomo sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità … Art. 13 Cost: La libertà personale è inviolabile. Non è ammessa alcuna forma di detenzione, di ispezione o perquisizione personale né qualsiasi altra restrizione della libertà personale se non per atto motivato dellautorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge. […] È punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà.

46 Sentenza n Cost Sentenza n Cost Legge 31 luglio 2005 n LA NORMATIVA IN TEMA DI PRELIEVO COATTIVO

47 Legge istitutiva il DNA database nazionale e disciplina del prelievo coattivo (L. 30 giugno 2009, n. 85) "Adesione della Repubblica italiana al Trattato concluso il 27 maggio 2005 […], relativo all'approfondimento della cooperazione transfrontaliera, in particolare allo scopo di contrastare il terrorismo, la criminalità transfrontaliera e la migrazione illegale (Trattato di Prüm). Istituzione della banca dati nazionale del DNA e del laboratorio centrale per la banca dati nazionale del DNA. Delega al Governo per l'istituzione dei ruoli tecnici del Corpo di polizia penitenziaria. Modifiche al codice di procedura penale in materia di accertamenti tecnici idonei ad incidere sulla libertà personale".

48 QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA LINTERPRETAZIONE DEL DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. CAMPIONI RIFERIMENTO E PREL.COATTIVI

49 ESCLUSIONE, NON ESCLUSIONE, … ?

50 1 2 3 ESCLUSIONE

51 1 2 3 ESCLUSIONE

52 1 2 3 NON ESCLUSIONE

53 1 2 3

54 1 2 3

55 APPROCCIO STATISTICO PRESENTAZIONE RISULTATI NON FACILE

56 QUANTI MARCATORI PER IDENTIFICAZIONE? marcatori 1 su milioni di miliardi La probabilità di discriminare un soggetto falsamente accusato di aver lasciato quella traccia è > 99, %

57 LA SCIENTIFICITA DEL TEST DNA E DI ALTRE SCIENZE FORENSI Es: i toolmarks

58 LA SCIENTIFICITA DEL TEST DNA E DI ALTRE SCIENZE FORENSI La domanda: in quanti altri tagli o proiettili si rileva lo stesso pattern?

59 Di qui la scientificità dellanalisi del DNA rispetto alle altre discipline forensi

60 SEMPRE COSI FACILE?

61 TR. FRESCA INDAGATO TR. MISTA TR. SCARSA TRACCIA CON DNA DEGRADATO NESSUN RISULTATO ANALISI E INTERPRETAZIONE ? ?

62 Da: D. Hobson - LCN Workshop AAFS 2003 IL CASO BORDERLINE ESCLUSIONE O NON ESCLUSIONE? 1ng INDAGATO 50 µL PCR TRACCIA LCN 8pg 5 µL PCR Drop Out Drop In Sbilanciamento

63 ESCLUSIONE, NON ESCLUSIONE, … ?

64 ESCLUSIONE, NON ESCLUSIONE, NON CONCLUSIVO

65 LIMPORTANZA DEL CONTRADDITTORIO TRA LE PARTI

66 IL TEST DEL DNA INTEGRA GLI ELEMENTI A DISPOSIZIONE DEGLI INVESTIGATORI E DEL GIUDICE.

67 COSA NON PUÒ DIRE IL TEST DEL DNA QUANDO LA TRACCIA È STATA DEPOSTA IN QUALI CIRCOSTANZE / MODALITÀ IN UNA TRACCIA MISTA LA COMPONENTE MINORE SPARISCE IN UNA TRACCIA MISTA QUALE SIA STATA DEPOSTA PER PRIMA.

68 QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA LINTERPRETAZIONE DEL DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. CAMPIONI RIFERIMENTO E PREL.COATTIVI

69 IMPIEGO DEL TEST GENETICO-FORENSE Mezzo di prova (penale)Mezzo di prova (penale) Test di paternitàTest di paternità 95% Disastri di massa Uso clinico (scambio campioni, chimerisimi) Cadaveri non identificabili Ricostruzioni storiche Impiego militare (id. soldati)

70 CARABINIERI ISTITUTI UNIVERSITARI POLIZIA LABORATORI PRIVATI CARABINIERI ISTITUTI UNIVERSITARI POLIZIA LABORATORI PRIVATI IL PROBLEMA DEL N. DI ACCERTAMENTI ! IL TEST DEL DNA FORENSE IN ITALIA


Scaricare ppt "Marzio Massimiliano CAPRA Laboratorio di Genetica forense DMU e Scienze Biomediche GENETICA FORENSE."

Presentazioni simili


Annunci Google