La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Green Public Procurement: quadro politico e quadro giuridico Milano, 3 Ottobre 2006 Livia Mazzà

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Green Public Procurement: quadro politico e quadro giuridico Milano, 3 Ottobre 2006 Livia Mazzà"— Transcript della presentazione:

1 Green Public Procurement: quadro politico e quadro giuridico Milano, 3 Ottobre 2006 Livia Mazzà

2 La giornata di oggi Levoluzione del quadro politico Il quadro normativo Il Manuale Acquistare Verde! Percorso per un bando verde Esercitazione: analisi di documenti di gara

3 Obiettivi del GPP Riduzione degli impatti sullambiente che derivano dalle attività della Pubblica Amministrazione Sostituzione di beni e servizi ad alto impatto ambientale con altri a basso impatto ambientale Inserimento dei criteri ecologici nei bandi di gara per lapprovvigionamento di beni e servizi

4 Richiami al GPP nelle politiche ambientali europee Sviluppo sostenibile in Europa per un mondo migliore (2001) Sesto Programma di azione per lambiente dellUnione Europea (2001) Libro Verde sulla Politica Integrata relativa ai prodotti (2001) Comunicazione della Commissione sulla Politica Integrata dei prodotti - sviluppare il concetto di vita ambientale (2003) Comunicazione della Commissione -Verso una strategia tematica di prevenzione e riciclo dei rifiuti (2003)

5 Richiami al GPP nelle politiche ambientali europee (2) Comunicazione della Commissione -Verso una strategia tematica sullambiente urbano (2004) Comunicazione della Commissione -Environmental Technologies Action Plan ETAP Incentivare le tecnologie per lo sviluppo sostenibile: piano dazione per le tecnologie ambientali nellUnione Europea (2004) Primo rapporto sullo stato dattuazione ETAP (2005) Progetto di Dichiarazione sui Principi guida dello Sviluppo Sostenibile (2005) Nuova strategia per lo sviluppo sostenibile (2006)

6 Richiami al GPP in altri documenti europei Kok report (2004) relazione sullo stato di attuazione della Strategia di Lisbona Conclusioni del Consiglio di Primavera (2006) per il 2007 è prevista una Comunicazione sul GPP in cui saranno stabiliti target per gli Stati Membri

7 Attività di supporto Strumenti previsti dalla Comunicazione sull IPP del 2003: Manuale pratico destinato alle P.A. Banca dati sui gruppi di prodotti Sito web sul GPP Formazione Reti con le autorità locali Revisione Ecolabel

8 GPP e normativa sugli appalti pubblici Libro verde: Gli appalti pubblici nellUnione Europea (1996) Comunicazione Interpretativa della Commissione del 4 luglio 2001 sul diritto comunitario degli appalti pubblici e le possibilità di integrare le considerazioni di carattere ambientale negli appalti pubblici Orientamenti relativi agli aspetti ambientali nel contesto degli appalti pubblici-Applicazione dei criteri del marchio di qualità ecologica (2001)

9 GPP e normativa sugli appalti pubblici (2) Caso Concordia Bus (Helsinky) 513/1999 -Decisione della Corte di Giustizia Europea del 17 Settembre 2002 Direttiva 2004/18/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa al coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, di forniture e di servizi Direttiva 2004/17/CE del Parlamento europeo e del Consiglio che coordina le procedure di appalto degli enti erogatori di acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali

10 Comunicazione Interpretativa del 2001 Riferimento fondamentale per tutte le attività di GPP fino al 2004 Esplicita possibilità introduzione criteri ambientali nelle diverse fasi della procedura di gara: definizione delloggetto specifiche tecniche selezione dei candidati aggiudicazione modalità di esecuzione

11 Il caso Concordia Bus Helsinky Tra i criteri di aggiudicazione utilizzati dalla municipalità di Helsinky: punti per emissioni ridotte di rumore ed NOx La Sentenza Concordia Bus Filanda Oy Ab vs Finland City Council del 17 settembre 2002 ci dice che nel caso di aggiudicazione secondo lofferta economicamente più vantaggiosa si possono adottare criteri ecologici se: sono collegati alloggetto dellappalto sono menzionati nel capitolato sono conformi al principio di non discriminazione

12 Direttiva Europea 18 del 30 Marzo 2004 Articolo 23 – Specifiche tecniche Articolo 50 – Sistemi di gestione ambientale Articolo 53 – Criteri di aggiudicazione dellappalto Si possono inserire caratteristiche ambientali in termini di prestazioni o di requisiti funzionali Si può inserire il riferimento al sistema di gestione ambientale per stabilire capacità tecniche e professionali delloperatore economico Per stabilire il criterio economicamente più vantaggioso si può far riferimento anche alle caratteristiche ambientali

13 Il contesto italiano La strategia di azione ambientale per lo sviluppo sostenibile (2002) ha posto come obiettivo per il 2007 il 30% di acquisti verdi Esistono norme che in alcuni casi rendono obbligatorio lacquisto di prodotti a impatto ambientale ridotto Il D.Lgs 163/2006 (CODICE DE LISE) è il testo unico di riferimento in materia di contratti pubblici pubblicato in attuazione delle direttive CE del 2004

14 Le norme per gli acquisti verdi Lgs. 22/97 art.19 – Decreto Ronchi: carta riciclata per il 40% del fabbisogno, modificato con la Finanziaria 2002 (vedi DM 203/2003) DM 203 dell8 maggio 2003 e sue circolari applicative (plastica; carta; legno; tessile; ammendanti; gomma; edile stradale; oli minerali usati): manufatti e beni con materiale riciclato almeno pari al 30% L. 448/01 – Finanziaria art 52 co. 14: obbligo da parte della pubblica amministrazione e servizi di pubblica utilità di riservare una quota pari almeno al 20% del totale allacquisto di pneumatici ricostruiti

15 Le norme per gli acquisti verdi (2) L.443/2001 – Legge Lunardi - art. 1 co.16: manufatti in plastica riciclata pari al 40% del fabbisogno Decreto Min.Amb.e Tut. Territorio – contributi per la sostituzione del parco autoveicoli delle P.A. a propulsione tradizionale con veicoli a minimo impatto ambientale LR Lombradia N.26 del

16 Il D.LGS 163/2006 Art. 2: Principi 1. Laffidamento e lesecuzione di opere e lavori pubblici, servizi e forniture, deve garantire la qualità delle prestazioni e svolgersi nel rispetto dei principi di economicità, efficacia, tempestività e correttezza; laffidamento deve altresì rispettare i principi di libera concorrenza, parità di trattamento, non discriminazione, trasparenza, proporzionalità, nonché quello di pubblicità.

17 Il D.LGS 163/2006 (2) Art. 2: Principi 2. Il principio di economicità può essere subordinato, entro i limiti in cui sia espressamente consentito dalle norme vigenti e dal presente codice, ai criteri, previsti dal bando, ispirati a esigenze sociali, nonché alla tutela della salute e dellambiente e alla promozione dello sviluppo sostenibile.

18 Il D.LGS 163/2006 (3) Art. 40: Qualificazione per eseguire lavori pubblici Tra i requisiti di capacità tecnica e professionale il regolamento comprende, nei casi appropriati, le misure di gestione ambientale Art 42: Capacità tecnica e professionale dei fornitori e dei prestatori di servizi Indicazione, per gli appalti di servizi e unicamente nei casi appropriati, stabiliti dal regolamento, delle misure di gestione ambientale che l'operatore potrà applicare durante la realizzazione dell'appalto

19 Il D.LGS 163/2006 (4) Art 44 : Norme di gestione ambientale Qualora, per gli appalti di lavori e di servizi, e unicamente nei casi appropriati, le stazioni appaltanti chiedano l'indicazione delle misure di gestione ambientale che l'operatore economico potrà applicare durante l'esecuzione del contratto, e allo scopo richiedano la presentazione di certificati rilasciati da organismi indipendenti per attestare il rispetto da parte dell'operatore economico di determinate norme di gestione ambientale, esse fanno riferimento al sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS) o a norme di gestione ambientale basate sulle pertinenti norme europee o internazionali certificate da organismi conformi alla legislazione comunitaria o alle norme europee o internazionali relative alla certificazione.

20 Il D.LGS 163/2006 (5) Art 44 : Norme di gestione ambientale (segue) Le stazioni appaltanti riconoscono i certificati equivalenti in materia rilasciati da organismi stabiliti in altri Stati membri. Esse accettano parimenti altre prove relative a misure equivalenti in materia di gestione ambientale, prodotte dagli operatori economici.

21 Il D.LGS 163/2006 (6) Art 68 : Specifiche tecniche (c.1 e c.3, punto b) Ogniqualvolta sia possibile devono essere definite in modo da tenere conto dei criteri di accessibilità per i soggetti disabili, di una progettazione adeguata per tutti gli utenti, della tutela ambientale in termini di prestazioni o di requisiti funzionali, che possono includere caratteristiche ambientali. Devono tuttavia essere sufficientemente precisi da consentire agli offerenti di determinare l'oggetto dell'appalto e alle stazioni appaltanti di aggiudicare l'appalto

22 Il D.LGS 163/2006 (7) Art 68 : Specifiche tecniche (c.9) Le stazioni appaltanti, quando prescrivono caratteristiche ambientali in termini di prestazioni o di requisiti funzionali, quali sono contemplate al comma 3, lettera b), possono utilizzare le specifiche dettagliate o, all'occorrenza, parti di queste, quali sono definite dalle ecoetichettature europee (multi)nazionali o da qualsiasi altra ecoetichettatura, quando ricorrono le seguenti condizioni:

23 Il D.LGS 163/2006 (8) Art 68 : Specifiche tecniche (c.9) (segue) a) esse siano appropriate alla definizione delle caratteristiche delle forniture o delle prestazioni oggetto dell'appalto; b) i requisiti per l'etichettatura siano elaborati sulla scorta di informazioni scientifiche; c) le ecoetichettature siano adottate mediante un processo al quale possano partecipare tutte le parti interessate, quali gli enti governativi, i consumatori, i produttori, i distributori e le organizzazioni ambientali; d) siano accessibili a tutte le parti interessate.

24 Il D.LGS 163/2006 (9) Art 68 : Specifiche tecniche (c.10) Nell'ipotesi di cui al comma 9 le stazioni appaltanti possono precisare che i prodotti o servizi muniti di ecoetichettatura sono presunti conformi alle specifiche tecniche definite nel capitolato d'oneri; essi devono accettare qualsiasi altro mezzo di prova appropriato, quale una documentazione tecnica del fabbricante o una relazione di prova di un organismo riconosciuto

25 Il D.LGS 163/2006 (10) Art 69: Condizioni particolari di esecuzione del contratto prescritte nel bando o nellinvito (c.1 e c.2) Le stazioni appaltanti possono esigere condizioni particolari per l'esecuzione del contratto, purche' siano compatibili con il diritto comunitario e, tra l'altro, con i principi di parita' di trattamento, non discriminazione, trasparenza, proporzionalita', e purche' siano precisate nel bando di gara, o nell'invito in caso di procedure senza bando, o nel capitolato d'oneri. Dette condizioni possono attenere, in particolare, a esigenze sociali o ambientali.

26 Il D.LGS 163/2006 (11) Art 83: Criterio dellofferta economicamente più vantaggiosa Quando il contratto e' affidato con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, il bando di gara stabilisce i criteri di valutazione dell'offerta, pertinenti alla natura, all'oggetto e alle caratteristiche del contratto, quali, a titolo esemplificativo: a) il prezzo; b) la qualità; c) il pregio tecnico; d) le caratteristiche estetiche e funzionali; e) le caratteristiche ambientali; f) il costo di utilizzazione e manutenzione; g) la redditività; h) il servizio successivo alla vendita; i) lassistenza tecnica; l) la data di consegna ovvero il termine di consegna o di esecuzione; m) limpegno in materia di pezzi di ricambio

27 Il D.LGS 163/2006 (12) Art 93: Livelli della progettazione per gli appalti e per le concessioni di lavori (c. 3) Il progetto preliminare definisce le caratteristiche qualitative e funzionali dei lavori, il quadro delle esigenze da soddisfare e delle specifiche prestazioni da fornire e consiste in una relazione illustrativa delle ragioni della scelta della soluzione prospettata in base alla valutazione delle eventuali soluzioni possibili, anche con riferimento ai profili ambientali e all'utilizzo dei materiali provenienti dalle attività di riuso e riciclaggio

28 Le fasi secondo Acquistare Verde! 1)identificare i prodotti, i servizi o i lavori più adeguati ad essere resi verdi sulla base: dellimpatto ambientale; di altri fattori, come la presenza di informazioni ambientali, le disponibilità di mercato, le migliori tecnologie disponibili, i costi e la visibilità 2) identificare le proprie esigenze ed esprimerle in modo appropriato, introducendo considerazioni ambientali fin dallinizio, quando si stabilisce loggetto

29 Le fasi secondo Acquistare Verde! (2) 3) redigere delle specifiche tecniche chiare e precise: consultando banche dati utilizzando le reti (anche web) per diffondere migliori pratiche adottando il Life Cycle Costing adottando lAnalisi del ciclo di vita; utilizzando specifiche funzionali o basate sulle prestazioni; prendendo in considerazione le prestazioni ambientali; richiedendo delle varianti verdi 4) stabilire i criteri di selezione dei candidati; 5) stabilire i criteri di aggiudicazione; 6) utilizzare le clausole di esecuzione.

30 Le priorit à secondo Acquistare Verde! 1) Considerare limpatto ambientale 2) Concentrarsi su uno o più problemi ambientali (come rifiuti o cambiamenti climatici) 3) Considerare la disponibilità e il costo di alternative preferibili sul lato ambientale 4) Considerare la disponibilità di dati per fissare i criteri per il prodotto 5) Ricercare la visibilità 6) Considerare il potenziale di sviluppo tecnologico

31 Le indicazioni di Acquistare Verde! (1) 1)Modificare in senso ecologico loggetto - il titolo - dellappalto 2) Inserire i criteri ecologici nelle specifiche tecniche: fare riferimento o escludere determinate materie prime / di base specificare determinati processi di produzione fare riferimento ai criteri ecologici riferibili ad etichette ecologiche 3) Prevedere nelle modalità di esecuzione clausole ambientali come: la minimizzazione ed una corretta gestione dei rifiuti la riduzione dei consumi energetici il ricorso a modalità sostenibili di trasporto la riduzione dei consumi idrici

32 Le indicazioni di Acquistare Verde! (2) 4) Prevedere nella fase di selezione dei candidati: a) che le caratteristiche del fornitore richieste siano tali da escludere chi ha commesso reati ambientali b) il possesso, nel caso di erogazione di servizi, di sistemi di gestione ambientali certificati da parte terza

33 Le indicazioni di Acquistare Verde! (3) 5) Decidere una precisa strategia di aggiudicazione dellappalto Scegliendo il criterio dellofferta economicamente più vantaggiosa si può fare riferimento anche a tutti quei costi ambientali che generalmente lente sopporta in fase di utilizzo e che incidono sul costo complessivo del prodotto, ovvero: costi di gestione – acqua, energia, altre risorse utilizzate; costi di manutenzione, di riciclaggio e smaltimento del prodotto; spese per realizzare risparmi futuri.

34 Le indicazioni di Acquistare Verde! (4) 6) Avere un approccio graduale verifica di mercato sulla consistenza del mercato verde verifica della decisione politica circa luso del GPP partire con i prodotti che hanno criteri condivisi (ecolabel) annunciare i criteri ecologici futuri

35 Inserire i criteri ecologici OGGETTO DELLAPPALTO Acquisto di fotocopiatrici a basso consumo energetico Fornitura di carta riciclata Acquisto di automezzi a basso impatto ambientale Fornitura di alimenti biologici Servizio di pulizia a basso impatto ambientale Fornitura di arredi sostenibili

36 SPECIFICHE TECNICHE Ricorso a: particolari materiali di base o primari, particolare processo di produzione caratteristiche tecniche BASE conoscitiva: marchi ecologici, BREF BAT, studi ad hoc Devono essere collegate alloggetto dellappalto Devono essere stabilite prove di conformità Rientrano qui richieste quali: % fibre riciclate nella carta; legname da foreste gestite in maniera sostenibile; alimenti da agricoltura biologica; criteri ecolabel per i prodotti per la pulizia Inserire i criteri ecologici

37 SELEZIONE DEI CANDIDATI E lunica fase in cui la normativa europea prevede esplicitamente la possibilità di fare riferimento a sistemi di gestione ambientale I casi devono essere appropriati Ci deve essere un collegamento chiaro con i requisiti dellappalto

38 Inserire i criteri ecologici MODALITA DI AGGIUDICAZIONE Prezzo più basso: se vi sono criteri ecologici obbligatori assicura fornitura verde ed aumento dei costi contenuto Offerta economicamente più vantaggiosa: assicura la fornitura in caso di incertezza sulla situazione di mercato Possono essere dati punteggi per il possesso delletichetta ecologica o il rispetto di criteri ambientali migliorativi Lassegnazione di punti per il sistema di gestione ambientale è comune ma non prevista in maniera esplicita dalla normativa

39 Inserire i criteri ecologici LE CONDIZIONI DI ESECUZIONE Ad esempio per il servizio di pulizie: raccolta, ritiro, riciclaggio, riutilizzo da parte del fornitore dei rifiuti prodotti durante o dopo luso e il consumo di un prodotto; trasporto e consegna di prodotti chimici concentrati e loro diluizione sul luogo di impiego. Le clausole di esecuzione devono essere esplicitate nel bando ma non rientrano nei criteri di aggiudicazione

40 Aree critiche Richiesta di prodotti locali Richiesta adesione a sistemi di gestione ambientale ed incentivazione attraverso il punteggio Prove di conformità e deterrenti Legame tra processo di produzione e prodotto/servizio


Scaricare ppt "Green Public Procurement: quadro politico e quadro giuridico Milano, 3 Ottobre 2006 Livia Mazzà"

Presentazioni simili


Annunci Google