La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto Comprensivo Statale Verona 12 “Golosine” Via Velino n° 20 - 37136 VERONA LEGGE 107/2015 E NUOVI COMPITI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO INCONTRO CON.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto Comprensivo Statale Verona 12 “Golosine” Via Velino n° 20 - 37136 VERONA LEGGE 107/2015 E NUOVI COMPITI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO INCONTRO CON."— Transcript della presentazione:

1 Istituto Comprensivo Statale Verona 12 “Golosine” Via Velino n° 20 - 37136 VERONA LEGGE 107/2015 E NUOVI COMPITI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO INCONTRO CON I GENITORI Verona, 2 novembre 2015

2 NORMATIVA - Decreto Legislativo 16 aprile 1974, n. 297 Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione - Decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275 Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche - Decreto Interministeriale 1 febbraio 2001, n. 44 Regolamento concernente le "Istruzioni generali sulla gestione amministrativo-contabile delle istituzioni scolastiche" - Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche. - Indicazioni nazionali per il curricolo della Scuola dell'Infanzia e del Primo Ciclo di Istruzione, Settembre 2012 - LEGGE 13 luglio 2015, n. 107 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti.

3 Istituto Comprensivo Statale Verona 12 - Golosine Infanzia - Primaria - Secondaria di Primo Grado ALLIEVIDOCENTI DOCENTI DI SOSTEGNO DOCENTI ORGANICO AUTONOMIA SCUOLA DELL' INFANZIA 747 SCUOLE PRIMARIE 515487 SCUOLA SECONDARIA 319285 TOTALE 9088312

4 Organigramma I.C. Vr 12 Golosine

5 Consigli di Classe Consigli di Classe Funzioni Strumentali Referenti di Progetto Funzioni Strumentali Referenti di Progetto Dipartimenti Disciplinari Dipartimenti Disciplinari Gruppi di Lavoro Commissioni Collegio dei Docenti Collegio dei Docenti Dirigente Scolastico Dirigente Scolastico Sicurezza Dei Lavoratori Sicurezza Dei Lavoratori Consiglio di Istituto Consiglio di Istituto Comitato Di Valutazione Comitato Di Valutazione Direttore Servizi Generali Amministrativi Direttore Servizi Generali Amministrativi Collaboratore Dirigente Scolastico Collaboratore Dirigente Scolastico Area Organizzativa e Amministrativa Area Organizzativa e Amministrativa Area Didattica Ufficio Alunni Ufficio Personale Ufficio Personale Contabilità Acquisti Assistenti Tecnici Assistenti Tecnici Collaboratori scolastici Collaboratori scolastici RLS RSPP

6 Dirigente Scolastico 14. L'articolo 3 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, e' sostituito dal seguente: «Art. 3 (Piano triennale dell'offerta formativa). 1. Ogni istituzione scolastica predispone, con la partecipazione di tutte le sue componenti, il piano triennale dell'offerta formativa, rivedibile annualmente. Il piano e' il documento fondamentale costitutivo dell‘identita' culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare,educativa e organizzativa che le singole scuole adottano nell'ambito della loro autonomia. … 4. Il piano e' elaborato dal collegio dei docenti sulla base degli indirizzi per le attivita' della scuola e delle scelte di gestione e di amministrazione definiti dal dirigente scolastico. Il piano e'approvato dal consiglio d'istituto.

7 78. Per dare piena attuazione all'autonomia scolastica e alla riorganizzazione del sistema di istruzione, il dirigente scolastico, nel rispetto delle competenze degli organi collegiali, fermi restando i livelli unitari e nazionali di fruizione del diritto allo studio, garantisce un'efficace ed efficiente gestione delle risorse umane, finanziarie, tecnologiche e materiali, nonche' gli elementi comuni del sistema scolastico pubblico, assicurandone il buon andamento. A tale scopo, svolge compiti di direzione, gestione, organizzazione e coordinamento ed e' responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei risultati del servizio secondo quanto previsto dall'articolo 25 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, nonche' della valorizzazione delle risorse umane.

8 Consigli di Classe Consigli di Classe Funzioni Strumentali Referenti di Progetto Funzioni Strumentali Referenti di Progetto Dipartimenti Disciplinari Dipartimenti Disciplinari Gruppi di Lavoro Commissioni Collegio dei Docenti Collegio dei Docenti Dirigente Scolastico Dirigente Scolastico Sicurezza Dei Lavoratori Sicurezza Dei Lavoratori Consiglio di Istituto Consiglio di Istituto Comitato Di Valutazione Comitato Di Valutazione Direttore Servizi Generali Amministrativi Direttore Servizi Generali Amministrativi Collaboratore Dirigente Scolastico Collaboratore Dirigente Scolastico Area Organizzativa e Amministrativa Area Organizzativa e Amministrativa Area Didattica Ufficio Alunni Ufficio Personale Ufficio Personale Contabilità Acquisti Assistenti Tecnici Assistenti Tecnici Collaboratori scolastici Collaboratori scolastici RLS RSPP

9 Consiglio di Istituto LE COMPETENZE DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO In materia finanziaria e patrimoniale il Consiglio (D.I. 44/01): - approva il Programma Annuale - art. 2 comma 3; - ratifica i provvedimenti del Dirigente che dispongono i prelievi dal fondo di riserva art. 4 c. 4; - verifica lo stato di attuazione del programma annuale e vi apporta le modifiche necessarie art. 6 commi 1 e 2; - decide in ordine all'affidamento del servizio di cassa art. 16 c. 2 e art. 33 1 lett. c; - stabilisce il limite del fondo minute spesa da assegnare al Direttore SGA - art. 17 c. 1; - approva il conto consuntivo - art. 18 c. 5; - delibera lo sfruttamento delle opere dell’ingegno prodotte sia nel corso delle attività curricolari che extracurricolari - art. 28 commi 3 e 4.

10 In materia di attività negoziali il Consiglio (D.I. 44/01 - art. 33 c. 1) assume direttamente decisioni su: - accettazione e rinuncia di legati, eredità e donazioni; - costituzione o compartecipazione a fondazioni; - costituzione o compartecipazione a borse di studio; - accensione di mutui e in genere i contratti di durata pluriennale; - utilizzazione economica delle opere dell’ingegno; - eventuale individuazione del superiore limite di spesa di euro 4000 per acquisto diretto di beni e servizi; - utilizzazione di locali, beni o siti informatici appartenenti alla scuola da parte di soggetti Terzi; - contratti di prestazione d’opera con esperti per particolari attività ed insegnamenti; - partecipazione a progetti internazionali.

11 Inoltre il Consiglio riceve e discute la relazione del dirigente sull’attività negoziale svolta (art. 35, c. 2, D.I. 44/01) delibera i criteri di assegnazione e preferenza per la concessione di beni in uso gratuito (art. 39, c. 2, D.I. 44/01). L’atto amministrativo attraverso il quale il Consiglio manifesta la sua volontà è la DELIBERA, da riportare correttamente nel testo del verbale delle riunioni. Ad ogni decisione corrisponde una specifica delibera, alla quale deve essere assegnato un numero progressivo sulla base dell’anno scolastico o dell’anno solare. Per la validità delle riunioni è richiesta la presenza di almeno la metà più uno dei componenti in carica, mentre per l’assunzione delle deliberazioni occorre la maggioranza assoluta dei voti validamente espressi. In caso di parità prevale il voto del Presidente.

12 La votazione si esprime sempre in forma palese - in genere per alzata di mano - salvo quando si faccia questione di persone, nel qual caso la votazione è segreta (vedi art. 37 commi 2, 3 e 4 T.U. 1994). Le deliberazioni del Consiglio rappresentano provvedimenti definitivi avverso i quali è possibile solo il ricorso giurisdizionale e non più il ricorso gerarchico (art. 14 DPR 275/99). Le riunioni del Consiglio sono pubbliche e gli atti devono essere pubblicati in apposito albo della scuola. Si osservano le disposizioni in materia di accesso ai documenti amministrativi, di cui alla Legge 241/90 e successive modificazioni ed integrazioni(vedi artt. 42 e 43 T.U. 1994). In materia di funzionamento generale il Consiglio: - adotta il regolamento interno; -adatta il calendario scolastico alle specifiche esigenze ambientali;

13 La votazione si esprime sempre in forma palese - in genere per alzata di mano - salvo quando si faccia questione di persone, nel qual caso la votazione è segreta (vedi art. 37 commi 2, 3 e 4 T.U. 1994). Le deliberazioni del Consiglio rappresentano provvedimenti definitivi avverso i quali è possibile solo il ricorso giurisdizionale e non più il ricorso gerarchico (art. 14 DPR 275/99). Le riunioni del Consiglio sono pubbliche e gli atti devono essere pubblicati in apposito albo della scuola. Si osservano le disposizioni in materia di accesso ai documenti amministrativi, di cui alla Legge 241/90 e successive modificazioni ed integrazioni(vedi artt. 42 e 43 T.U. 1994). In materia di funzionamento generale il Consiglio: - adotta il regolamento interno; - adatta il calendario scolastico alle specifiche esigenze ambientali;

14 Consigli di Classe Consigli di Classe Funzioni Strumentali Referenti di Progetto Funzioni Strumentali Referenti di Progetto Dipartimenti Disciplinari Dipartimenti Disciplinari Gruppi di Lavoro Commissioni Collegio dei Docenti Collegio dei Docenti Dirigente Scolastico Dirigente Scolastico Sicurezza Dei Lavoratori Sicurezza Dei Lavoratori Consiglio di Istituto Consiglio di Istituto Comitato Di Valutazione Comitato Di Valutazione Direttore Servizi Generali Amministrativi Direttore Servizi Generali Amministrativi Collaboratore Dirigente Scolastico Collaboratore Dirigente Scolastico Area Organizzativa e Amministrativa Area Organizzativa e Amministrativa Area Didattica Ufficio Alunni Ufficio Personale Ufficio Personale Contabilità Acquisti Assistenti Tecnici Assistenti Tecnici Collaboratori scolastici Collaboratori scolastici RLS RSPP

15 Comitato di Valutazione 126. Per la valorizzazione del merito del personale docente e' istituito presso il Ministero dell'istruzione, dell‘ universita' e della ricerca un apposito fondo, con lo stanziamento di euro 200 milioni annui a decorrere dall'anno 2016, ripartito a livello territoriale e tra le istituzioni scolastiche in proporzione alla dotazione organica dei docenti, considerando altresi' i fattori di complessita' delle istituzioni scolastiche e delle aree soggette a maggiore rischio educativo, con decreto del Ministro dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca. 127. Il dirigente scolastico, sulla base dei criteri individuati dal comitato per la valutazione dei docenti, istituito ai sensi dell'articolo 11 del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, come sostituito dal comma 129 del presente articolo, assegna annualmente al personale docente una somma del fondo di cui al comma 126 sulla base di motivata valutazione.

16 128. La somma di cui al comma 127, definita bonus, e' destinata a valorizzare il merito del personale docente di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado e ha natura di retribuzione accessoria. 129. Dall'inizio dell'anno scolastico successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore della presente legge, l'articolo 11 del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e' sostituito dal seguente: «Art. 11 (Comitato per la valutazione dei docenti). 1. Presso ogni istituzione scolastica ed educativa e' istituito, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, il comitato per la valutazione dei docenti.

17 2. Il comitato ha durata di tre anni scolastici, e' presieduto dal dirigente scolastico ed e' costituito dai seguenti componenti: a) tre docenti dell'istituzione scolastica, di cui due scelti dal collegio dei docenti e uno dal consiglio di istituto; b) due rappresentanti dei genitori, per la scuola dell'infanzia e per il primo ciclo di istruzione; un rappresentante degli studenti e un rappresentante dei genitori, per il secondo ciclo di istruzione,scelti dal consiglio di istituto; c) un componente esterno individuato dall'ufficio scolastico regionale tra docenti, dirigenti scolastici e dirigenti tecnici.

18 3. Il comitato individua i criteri per la valorizzazione dei docenti sulla base: a) della qualita' dell'insegnamento e del contributo al miglioramento dell'istituzione scolastica, nonche' del successo formativo e scolastico degli studenti; b) dei risultati ottenuti dal docente o dal gruppo di docenti in relazione al potenziamento delle competenze degli alunni e dell'innovazione didattica e metodologica, nonche‘ della collaborazione alla ricerca didattica, alla documentazione e alla diffusione di buone pratiche didattiche; c)delle responsabilita' assunte nel coordinamento organizzativo e didattico e nella formazione del personale.

19 4. Il comitato esprime altresi' il proprio parere sul superamento del periodo di formazione e di prova per il personale docente ed educativo. A tal fine il comitato e' composto dal dirigente scolastico, che lo presiede, dai docenti di cui al comma 2, lettera a), ed e' integrato dal docente a cui sono affidate le funzioni di tutor.

20 Consigli di Classe Consigli di Classe Funzioni Strumentali Referenti di Progetto Funzioni Strumentali Referenti di Progetto Dipartimenti Disciplinari Dipartimenti Disciplinari Gruppi di Lavoro Commissioni Collegio dei Docenti Collegio dei Docenti Dirigente Scolastico Dirigente Scolastico Sicurezza Dei Lavoratori Sicurezza Dei Lavoratori Consiglio di Istituto Consiglio di Istituto Comitato Di Valutazione Comitato Di Valutazione Direttore Servizi Generali Amministrativi Direttore Servizi Generali Amministrativi Collaboratore Dirigente Scolastico Collaboratore Dirigente Scolastico Area Organizzativa e Amministrativa Area Organizzativa e Amministrativa Area Didattica Ufficio Alunni Ufficio Personale Ufficio Personale Contabilità Acquisti Assistenti Tecnici Assistenti Tecnici Collaboratori scolastici Collaboratori scolastici RLS RSPP

21 Consigli di Classe TESTO UNICO D.LGS. 16 Aprile 1994, N. 297 TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE VIGENTI IN MATERIA DI ISTRUZIONE RELATIVE ALLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO CONSIGLIO DI INTERSEZIONE / INTERCLASSE (Genitori Scuole Infanzia e Primaria) COMPOSIZIONE: Il consiglio d'intersezione e d’interclasse è composto dai docenti dei gruppi di classi o sezioni parallele, o dello stesso ciclo, o dello stesso plesso e da un rappresentante dei genitori per ciascuna sezione e dura in carica un solo anno scolastico. FUNZIONAMENTO: E' presieduto dal Dirigente Scolastico oppure da un docente membro del consiglio, suo delegato; si riunisce in ore non coincidenti con l'orario delle lezioni. Le funzioni di Segretario sono attribuite dal presidente a uno dei docenti membri del consiglio.

22 COMPETENZE: I Consigli di interclasse e di intersezione si riuniscono con il compito di formulare al Collegio dei Docenti proposte in ordine all'azione educativa e didattica e ad iniziative di sperimentazione, e con quello di agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti e genitori. I Consigli valutano la scelta dei libri di testo e dei sussidi didattici ed indicano eventuali attività integrative, inclusi viaggi di istruzione e visite guidate. Le competenze relative alla realizzazione del coordinamento didattico e dei rapporti interdisciplinari spettano al consiglio di interclasse con la sola presenza dei docenti. Nell'adottare le proprie deliberazioni il Collegio dei Docenti tiene conto delle eventuali proposte e pareri dei Consigli di interclasse.

23 CONSIGLIO DI CLASSE (Genitori Scuola Secondaria di 1° grado) COMPOSIZIONE: Il consiglio di classe è composto da tutti i docenti della classe e quattro rappresentanti dei genitori e dura in carica un solo anno scolastico. FUNZIONAMENTO: E' presieduto dal Dirigente Scolastico oppure da un docente, membro del consiglio, suo delegato; si riunisce in ore non coincidenti con l'orario delle lezioni. Le funzioni di Segretario sono attribuite dal presidente a uno dei docenti membri del consiglio. COMPETENZE: Il consiglio di classe ha il compito di formulare al collegio dei docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica, ad iniziative di sperimentazione, nonché quello di agevolare e di rendere costruttivi i rapporti tra docenti, genitori ed alunni. Tra le mansioni del consiglio rientra anche quella relativa ai provvedimenti disciplinari a carico degli studenti. I consigli di classe favoriscono la collaborazione tra le componenti scolastiche, al fine di migliorare la realizzazione degli obiettivi educativi.

24 Con riferimento ai piani di lavoro, i consigli contribuiscono ad individuare opportune iniziative didattiche - curricolari ed extracurricolari - idonee ad arricchire di motivazione ed interesse l’impegno degli studenti. I consigli valutano la scelta dei libri di testo e dei sussidi didattici ed indicano eventuali attività integrative, inclusi viaggi di istruzione e visite guidate. In merito alla singola classe, i Consigli individuano eventuali problematiche da risolvere per una positiva partecipazione ed integrazione di tutti gli studenti, nella consapevolezza che il disadattamento scolastico e/o sociale, se non tempestivamente risolto, impedisce il raggiungimento della formazione di base, efficace per il prosieguo degli studi e per l’inserimento nella vita sociale e lavorativa. Le competenze relative alla realizzazione del coordinamento didattico e dei rapporti interdisciplinari spettano al consiglio di classe con la sola presenza dei docenti. Nell'adottare le proprie deliberazioni il Collegio dei Docenti tiene conto delle eventuali proposte e pareri dei Consigli di interclasse.

25 Grazie per l'Attenzione


Scaricare ppt "Istituto Comprensivo Statale Verona 12 “Golosine” Via Velino n° 20 - 37136 VERONA LEGGE 107/2015 E NUOVI COMPITI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO INCONTRO CON."

Presentazioni simili


Annunci Google