La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

5 Ottobre 2009 IL PROGETTO. L E A SSOCIAZIONI CHE HANNO PROMOSSO L INIZIATIVA Campania Sanità Istituto di Cultura Meridionale Movimento Chiaia per Napoli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "5 Ottobre 2009 IL PROGETTO. L E A SSOCIAZIONI CHE HANNO PROMOSSO L INIZIATIVA Campania Sanità Istituto di Cultura Meridionale Movimento Chiaia per Napoli."— Transcript della presentazione:

1 5 Ottobre 2009 IL PROGETTO

2 L E A SSOCIAZIONI CHE HANNO PROMOSSO L INIZIATIVA Campania Sanità Istituto di Cultura Meridionale Movimento Chiaia per Napoli Napoli Liberal Napoli Prima Classe Napoli Punto a Capo Nuove Botteghe dei Mille

3 G LI O BIETTIVI La nostra è una iniziativa che vuole invogliare i cittadini a una maggiore partecipazione alla res publica ed al contempo rafforzare quel necessario rapporto di collaborazione tra lAmministrazione e la Società Civile qui a Napoli in gravissima crisi.

4 G LI O BIETTIVI E noto a tutti che la sensibilità civica e la partecipazione attiva dei cittadini nella nostra città è assai scarsa. Proprio per questo le Istituzioni locali hanno una responsabilità maggiore finalizzata a mettere in campo azioni sistematiche di sensibilizzazione, confronto metodologico con le Associazioni e i Movimenti pronti a dare il proprio contributo.

5 G LI O BIETTIVI E noi ci siamo

6 G LI O BIETTIVI In considerazione sia dellinefficacia dei rappresentanti istituzionali che sempre si muovono in modo disarticolato sia dellinefficacia delle denunce ad oggi fatte dai singoli cittadini abbiamo avanzato la proposta

7 G LI O BIETTIVI Istituzionalizzare un metodo di lavoro che consenta ai cittadini di poter trasmettere a precisi riferimenti amministrativi segnalazioni e situazioni di degrado urbano che verranno registrate da un call center e pubblicate su un sito web specifico.

8 G LI O BIETTIVI La drammatica situazione delle strade, delle piazze, dei monumenti della nostra città sancita in maniera impietosa dalle immagini che sono riportate nei nostri siti, impone una immediata azione che possa saldare il compito delle Istituzioni preposte al decoro della città con la volontà di tanti cittadini che vogliono dare il proprio contributo per contrastarne il degrado.

9 G LI O BIETTIVI I gravi fatti denunciati che riguardano sia la violenza in luoghi diversi della città che la inesistenza di decoro minimo in luoghi simbolo di Napoli devono far cadere la pregiudiziale ideologica che insiste verso le ronde.

10 G LI O BIETTIVI In questo modo si attiveranno quelle che noi abbiamo definito DECOR..onde, cioè Onde civiche finalizzate al decoro della nostra città.

11 G LI O BIETTIVI Abbiamo volutamente utilizzato una terminologia diversa rispetto alle ronde per la sicurezza per dare ai cittadini e alle loro Associazioni un ruolo di sensori civici pronti a segnalare situazioni che richiedono lintervento delle Istituzioni.

12 G LI O BIETTIVI Abbiamo chiesto al Comune di definire un metodo che consenta lindividuazione delle Associazioni disponibili a tale mission, un riferimento telefonico e telematico cui far pervenire le nostre segnalazioni e informare sull eventuale aggiornamento degli interventi per la loro risoluzione.

13 G LI O BIETTIVI Il documento consegnato allAssessore Guida evidenzia perfettamente la finalità delliniziativa che non prevede in alcun modo la deroga al principio che assegna allautorità pubblica lesercizio delle competenza in materia di tutela della sicurezza sancita dallart.18 della Costituzione nè liscrizione in un apposito albo tenuto dai Comuni con il nullaosta delle prefetture previsto dal recente pacchetto di sicurezza varato da Maroni.

14 G LI O BIETTIVI Inviteremo la dieci municipalità della Città di Napoli ad un incontro per illustrare nel dettaglio liniziativa Decor..Onde e per chiedere un coinvolgimento nella gestione del decoro urbano, delle strade e dei monumenti della città.

15 G LI O BIETTIVI Infine abbiamo previsto 5 giornate di presenza in Piazze di diverse zone della città in collaborazione con le altre associazioni per sensibilizzare lopinione pubblica e stilare un report dello stato di decoro di quelle zone

16 La sperimentazione Liniziativa partirà in via sperimentale nella zona di Chiaia con un modulo standard minimo di unità composte da 3 persone munite di proprie attrezzatura ed in particolare di: 1. un cellulare 2. una fotocamera digitale 3. una casacca del progetto

17 La sperimentazione Queste unità effettueranno come da apposito crono programma un percorso al termine del quale produrranno un report come da schema che sarà predisposto per il 20 ottobre contenente segnalazioni documentate di episodi di degrado urbano.

18 La sperimentazione I report saranno elaborati e pubblicati su apposito sito e giornalmente trasmessi agli uffici degli Enti competenti ed ai media interessati

19 La sperimentazione Le rilevazioni periodiche consentiranno di verificare la risoluzione dei problemi segnalati e misurare lefficacia degli interventi delle amministrazioni.

20 La sperimentazione Ladesione delle altre associazioni può avvenire in due fasi successive: 1. Adesione all iniziativa sperimentale di Chiaia (20 ottobre – 20 dicembre) 2. Adesione successiva alla fase sperimentale per replicare il modulo su altre aree in caso di successo

21 La sperimentazione Nel caso di adesione alla fase sperimentale, le associazioni si impegnano a fornire risorse che saranno inserite nelle unità operative consentendo lincremento della frequenza del monitoraggio

22 La sperimentazione Il coordinatore delle unità si impegna a trasmettere come da schema al gestore del sito i report nelle forme e nei modi stabiliti I volontari indosseranno esclusivamente la casacca prodotta dal progetto

23 La sperimentazione Terminata la fase sperimentale e verificato il grado di partecipazione degli enti locali e delle associazioni a vario titolo partecipanti, si deciderà il prosieguo delliniziativa in altre aree della città con il prerequisito essenziale della disponibilità di associazioni che si occuperanno dellarea prescelta in via esclusiva, utilizzando proprie risorse ma il metodo del progetto

24 Schema luoghi di partenza Villa ComunalePiazza dei MartiriSan PasqualePiazza S.Luigi Via Caracciolo, Piazza IV Giornate, Piazza Vittoria Via Calabritto, Via Chiaia, Piazza Carolina, Via Monte di Dio, Piazza Plebiscito Via Carducci, Piazza Amedeo Via Posillipo, Virgiliano, Via Manzoni, Via Orazio 3 ps/settimana


Scaricare ppt "5 Ottobre 2009 IL PROGETTO. L E A SSOCIAZIONI CHE HANNO PROMOSSO L INIZIATIVA Campania Sanità Istituto di Cultura Meridionale Movimento Chiaia per Napoli."

Presentazioni simili


Annunci Google