La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL MONITORAGGIO SUI PEG E SUI PIANI DELLA PERFORMANCE NELLE PROVINCE: PRIMI RISULTATI Vietri sul Mare, 27 giugno 2011 Dr. Giuseppe Raffa Il ruolo degli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL MONITORAGGIO SUI PEG E SUI PIANI DELLA PERFORMANCE NELLE PROVINCE: PRIMI RISULTATI Vietri sul Mare, 27 giugno 2011 Dr. Giuseppe Raffa Il ruolo degli."— Transcript della presentazione:

1 IL MONITORAGGIO SUI PEG E SUI PIANI DELLA PERFORMANCE NELLE PROVINCE: PRIMI RISULTATI Vietri sul Mare, 27 giugno 2011 Dr. Giuseppe Raffa Il ruolo degli OIV nella valutazione dei servizi erogati dai Centri per lImpiego

2 2 Oggetto dellanalisi Oggetto dellanalisi Monitoraggio, attraverso interviste ai vertici amministrativi delle 25 Province delle Regioni Ob Convergenza, al 15 maggio 2011, su: adeguamento ai principi del D.lgs. 150/09; presenza, nel Bilancio di previsione, di un Piano delle performance approvato formalmente; presenza di specifici obiettivi di miglioramento dei servizi per il lavoro (Protocollo UPi-Ministero lavoro del ; elaborazione di standard di qualità e performance per i servizi per il lavoro; analisi sulle caratteristiche dei servizi per il lavoro attualmente erogati.

3 3 Normativa - 1 Normativa - 1 Le amministrazioni che non si sono adeguate entro il ai principi della Riforma devono applicare direttamente il comma 2, articolo 16 del Dl.lgs. 150/09 art. 3 Principi generali art. 4 Ciclo di gestione della performance art. 5 c. 2, Obiettivi e indicatori art. 7 Sistema di misurazione e valutazione delle performance art. 9 Ambiti di misurazione e valutazione della performance individuale art.15 c.1, Responsabilità dell'organo di indirizzo politico-amministrativo

4 4 Normativa - 2 Normativa - 2 il comma 1 dellarticolo 31 art. 17 comma 2 Oggetto e finalità art. 18 Criteri e modalità per la valorizzazione del merito ed incentivazione della performance art. 23, cc. 1 e 2, Progressioni economiche art. 24, cc. 1 e 2, Progressioni di carriera art. 25 Attribuzione di incarichi e responsabilità art. 26 Accesso a percorsi di alta formazione e di crescita professionale art. 27, c. 1, Premio di efficienza

5 5 Normativa - 3 Normativa - 3 alle Province italiane non si applicano direttamente le disposizioni previste dallart. 10 del D.lgs 150/09 (adozione del Piano delle performance); la Civit ha previsto che le amministrazioni locali soddisfino i principi previsti dalla norma attraverso ladattamento del PEG a Piano delle performance, così come indicato negli atti di indirizzo (delibera n.112/10 e n.121/10); dunque le Province italiane adempiono ai principi del D.lgs 150/09 attraverso lapprovazione di un Bilancio di previsione che contenga un PEG e un PdO adattato ai contenuti previsti per il Piano delle performance.

6 6 Normativa - 4 Normativa - 4 Le Province italiane hanno lobbligo di: (a partire dal 1 gennaio 2011) pubblicare sul proprio sito istituzionale il Bilancio di previsione e tutti gli atti amministrativi che necessitano di pubblicità legale (L n.69, art.32); pubblicare sul proprio sito istituzionale il Piano delle performance o il PEG e PdO modificato (D.lgs n.150, art. 11, comma 8); assicurare la trasparenza totale ad ogni fase del ciclo della performance e, quindi, anche allindividuazione degli obiettivi nei documenti di programmazione (D.lgs n.150, art. 11, comma 3);

7 7 Normativa - 5 Normativa - 5 Le Province italiane devono approvare il Bilancio di previsione per lanno 2011 entro il 30 giugno 2011 (come da proroga concessa con Decreto del Ministero degli Interni del 16 marzo 2011).

8 8 Dati dellanalisi Dati dellanalisi Province rispondenti: 25 (100%) Assessori al lavoro: 4 Dirigenti: 38 Funzionari: 8

9 9 Ladeguamento al Ciclo delle performance - 1 Ladeguamento al Ciclo delle performance - 1 Su 25 Province, il 64% non si sono adeguate ai principi del Ciclo delle performance, contro il 36%

10 10 Ladeguamento al Ciclo delle performance - 2 Ladeguamento al Ciclo delle performance - 2 Su 25 Province, il 84% non ha adottato un Piano delle performance, contro il 16%.

11 11 Ladeguamento al Ciclo delle performance - 3 Ladeguamento al Ciclo delle performance - 3 Su 25 Province, il 60% ha intenzione di adottare un Piano delle performance distinto dal PEG e dal PdO, contro il 40%.

12 12 Obiettivi di miglioramento per i SpL - 1 Obiettivi di miglioramento per i SpL - 1 Su 16 Province (tutte le Regioni tranne la Sicilia) nessuna amministrazione ha previsto obiettivi di miglioramento per i servizi per il lavoro Viene evidenziata la difficoltà di individuare indicatori di performance organizzative qualitativi e oggettivi nello stesso tempo. Nessuna sta applicando i contenuti del Protocollo Upi-Ministero del Lavoro (in attesa delle linee guida dellUpi). Il punto di riferimento sono i masterplan delle Regioni. Solo una provincia ha realizzato la rete locale dei soggetti che operano nel mercato de lavoro.

13 13 Obiettivi di miglioramento per i SpL - 2 Obiettivi di miglioramento per i SpL - 2 Su 16 Province 8 hanno istituito osservatori del mercato del lavoro (ma denunciano scarsi risultati per mancanza di risorse). Solo in una Provincia i centri per limpiego vengono erogati i voucher. In tutte le Province è operativo il collegamento con lInps (tramite il nodo regionale) per le comunicazioni obbligatorie, mentre solo 9 alimentano i dati su Cliclavoro.

14 14 Obiettivi di miglioramento per i SpL - 3 Obiettivi di miglioramento per i SpL - 3 In tutte le Province vengono promossi i tirocini di impresa Su 2 Province su 16 hanno previsto interventi che rientrano nellambito del Piano per lintegrazione nella sicurezza.


Scaricare ppt "IL MONITORAGGIO SUI PEG E SUI PIANI DELLA PERFORMANCE NELLE PROVINCE: PRIMI RISULTATI Vietri sul Mare, 27 giugno 2011 Dr. Giuseppe Raffa Il ruolo degli."

Presentazioni simili


Annunci Google