La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tracheotomia Lapertura della parete tracheale e della cute, con conseguente comunicazione tra la trachea cervicale e lambiente esterno, tale da consentire.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tracheotomia Lapertura della parete tracheale e della cute, con conseguente comunicazione tra la trachea cervicale e lambiente esterno, tale da consentire."— Transcript della presentazione:

1 Tracheotomia Lapertura della parete tracheale e della cute, con conseguente comunicazione tra la trachea cervicale e lambiente esterno, tale da consentire un passaggio di aria atto a garantire una efficace respirazione. Il mantenimento del tramite richiede lutilizzo di una cannula tracheale, che evita il collasso dei tessuti molli

2 Tracheostomia La creazione di unapertura permanente della trachea mediante abboccamento della breccia tracheale alla cute cervicale, con conseguente contatto diretto tra lume tracheale e ambiente esterno

3 Tracheotomia ELEZIONE Eseguita in un paziente con condizioni cliniche che richiedano una respirazione assistita per una durata tale che che non può essere mantenuta lintubazione orotracheale URGENZA Eseguita in un paziente con condizioni cliniche che presentano una difficoltà acuta alla respirazione e che presentano difficoltà allintubazione orotracheale

4 Cenni storici papiro di Ebers risalente alla XVIII Dinastia (circa 1500 a.C.) e in stelifunerarie egizie ancora più antiche, ma piu che di techica chirurgica erano atti praticati durante sacrifici umani Nel Corpus Hippocraticum (V sec. a.C.) e nelle opere di Erasistrato, vissuto nel III sec. a.C. si inizia a parla di posizionamento di una canna tagliata a becco di flauto in un organo duro e ruvido,trachea-arteria, dove per arteria si intendevano tutti i vasi del collo Per avere notizie certe sulle prime esecuzioni di tracheotomie bisogna risalire alla testimonianza di Galeno, che eseguiva lintervento solo in caso di kinache, ovvero di sinechie, dove questo termine veniva usato per indicare tutti i processi di ostruzione delle prime vie aere, codificandone così le indicazioni chirurgiche

5 Cenni storici Nel 1600 Ambroise Paré, Fabrizi di Acquapendente e il suo allievo Giulio Casserio, perfezionarono la tecnica chirurgica codificando la pozione seduta del paziente con il capo iperesteso,al fine di individuare meglio i reperi anatomici della del collo, evidenziando quindi anche un primo limite, dato dalle grosse neoformazioni De vocis auditusque organis historia anatomica (1601) di Giulio Casserio

6 Cenni storici Nel XIX secolo con il dilagare della malattia difterica laringea, il croup, Trousseau migliorò ulteriormente la tecnica codificandone la posizione supina con il capo iperesteso e lincisione al livello del 2-3 terzo anello tracheale migliorando anche lo strumentario chirurgico; a lui si deve soprattutto il fatto di aver utilizzato la tracheotomia non in caso di emergenza chirurgica ma anche in maniera preventiva, rivoluzionando le precedenti indicazioni chirurgiche Nel XIX secolo con il dilagare della malattia difterica laringea, il croup, Trousseau migliorò ulteriormente la tecnica codificandone la posizione supina con il capo iperesteso e lincisione al livello del 2-3 terzo anello tracheale migliorando anche lo strumentario chirurgico; a lui si deve soprattutto il fatto di aver utilizzato la tracheotomia non in caso di emergenza chirurgica ma anche in maniera preventiva, rivoluzionando le precedenti indicazioni chirurgiche La cannula cuffiata di Trendelenburg

7 Cenni storici Tra la fine del XIX e linizio del XX sec, con levolversi della chirurgia, la tracheotomia venne utilizzata per fini preventivi in interventi demolitivi del distretto cervi-cefalico, impiegando anche nuove cannule tracheali cuffiate ( Tra la fine del XIX e linizio del XX sec, con levolversi della chirurgia, la tracheotomia venne utilizzata per fini preventivi in interventi demolitivi del distretto cervi-cefalico, impiegando anche nuove cannule tracheali cuffiate (Trendelenburg 1871), per impedire la discesa di sangue nei bronchi e per mantenere lanestesia con i gas, quelle snodabili e lunghe (Koenig 1878) per superare stenosi tracheali basse, quelle dotate di valvola fonatoria (Roger 1859, Broca 1867), quelle in gomma rigida (Durham1875) La cannula snodabile di Koenig per stenosi tracheali basse

8 Anatomia e fisiologia della trachea La trachea è un condotto fibrocartilagineo, obliquo in basso e indietro; inizia al bordo inferiore della cartilagine cricoide, allaltezza della VI vertebra cervicale e termina nel torace dividendosi nei due bronchi principali, allaltezza della V vertebra toracica La sua posizione varia con letà: nel neonato lestremità superiore si trova più in alto (IV-V vertebra cervicale) nel anziano, per la generale ptosi dei visceri e la rigidità cervico-dorsale, lestremità inferiore può arrivare fino alla VI vertebra toracica. La trachea discende obliquamente sulla linea mediana dallavanti allindietroallontanandosi progressivamente dalla superficie cutanea ed è posta a 18 mm dalla cute a livello della cricoide, a mm allingresso nel torace, a 70 mm a livello della biforcazione tracheale. Fig netter

9 Anatomia della trachea E costituita da anelli cartilaginei, incompleti posteriormente, dove si trova la parete membranosa costituita dal muscolo tracheale di Reisseinen, che separa la trachea dallesofago. La contrazione di tali fibre muscolari avvicina le estremità degli anelli cartilaginei, facendo variare il diametro trasverso della trachea La trachea viene suddivisa in due segmenti: il segmento cervicale,esteso dal bordo inferiore della cricoide (C6) fino ad un piano orizzontale passante per il bordo superiore dello sterno (D2) e composto dai primi 6-7anelli tracheali; il segmento toracico, che si estende dalla incisura giugulare dello sterno (D2) fino alla biforcazione tracheale (D5). Fig netter

10 Anatomia della trachea La lunghezza media della trachea è di 12 cm nelluomo adulto e di 11 cm nella donna. Tuttavia essa è molto variabile, anche nel medesimo soggetto, a seconda che la laringe sia a riposo o in movimento e a seconda della posizione della testa, con variazioni massime dellordine di 3-4 cm. Gli anelli cartilaginei determinano la forma (circolare, triangolare, etc.) e il calibro del lume tracheale, che varia a seconda delletà e del sesso; Il diametro tracheale è uniforme, ed è in media di: 6 mm nel bambino da 1 a 4 anni 8 mm nel bambino da 4 ad 8 anni 10 mm nel bambino da 8 a 10 anni dai 13 ai 15 mm nelladolescente dai 16 ai 18 mm nelladulto. Fig netter

11 Anatomia della trachea La vascolarizzazione, nella sua porzione superiore è fornita da rami della arteria tiroidea inferiore; la porzione inferiore, è vascolarizzata da rami della arteria bronchiale e collaterali dalle arterie succlavia, intercostale suprema, toracica interna e innominata. Questi vasi forniscono rami posteriormente allesofago e anteriormente alla trachea, a cui giungono attraverso peduncoli laterali. Negli spazi intercartilaginei esistono le arterie intercartilaginee trasverse, che si anastomizzano con le controlaterali e che terminano in un plesso capillare sottomucoso Fig netter

12 Anatomia della trachea I vasi linfatici della trachea si dirigono indietro e lateralmente e drenano nei linfonodi presenti ai lati della trachea e dellesofago. Per la porzione cervicale la prima stazione linfonodale è rappresentata dai linfonodi della catena ricorrenziale, in stretto rapporto con il nervo ricorrente che drenano nei linfonodi tracheobronchiali. Questi ultimi, posti intorno alla biforcazione tracheale, costituiscono il più importante gruppo linfonodale del mediastino e sono in continuità in alto con i linfonodi ricorrenziali e con la catena giugulocarotidea, in avanti con la catena toracica interna, indietro con i linfonodi aortico-esofagei Fig netter

13 Anatomia della trachea La trachea è innervata dai sistemi simpatico (catena simpatica toracica) e parasimpatico (nervo vago), i quali hanno unazione motrice sui muscoli tracheali, sensitiva sullinsieme della parete, secretrice sulle ghiandole tracheali. Fig netter

14 Anatomia topografica della trachea Trachea cervicale E lunga da 2 a 4 cm e il suo limite inferiore è segnato dallincisura giugulare dello sterno. I primi tre anelli sono coperti anteriormente dallistmo della ghiandola tiroide che aderisce assai strettamente ad essi. Al di sotto dellistmo tiroideo, sempre anteriormente, la trachea è ricoperta da connettivo adiposo che diviene più abbondante in prossimità dellincisura giugulare dello sterno e continua nel mediastino Fig netter

15 Anatomia topografica della trachea Trachea cervicale Nel connettivo sono contenuti i linfonodi pretracheali, decorrono le vene tiroidee inferiori e talvolta è presente anche larteria tiroidea ima; in età infantile si trovano anche i corni cervicali dei lobi timici. Più superficialmente la parte cervicale della trachea corrisponde alle fasce del collo, ai muscoli sottoioidei e allo spazio sovrasternale formato dallo sdoppiamento della fascia cervicale superficiale che si fissa ai due labbri (anteriore e posteriore)dellincisura giugulare dello sterno Fig netter

16 Anatomia topografica della trachea Trachea cervicale La faccia laterale è in rapporto con i lobi tiroidei, larteria tiroidea inferiore, con le ghiandole paratiroidi ed il fascio vascolo-nervoso, ovvero arteria carotide comune, nervo vago e vena giugulare La faccia posteriore della trachea è in stretta connessione con la faccia anteriore dellesofago, dalla quale è separata tramite un connettivo lasso che permette i movimenti reciproci di questi due organi Nellangolo diedro che si forma decorre il nervo laringeo inferiore sinistro; il nervo ricorrente di destra corrisponde invece alla faccia posteriore della trachea. Fig netter

17 Anatomia topografica della trachea Trachea toracica E lunga da 6 a 9 cm ed circondata da tessuto connettivo lasso che contiene i linfonodi tracheali e decorre ai limiti fra mediastino anteriore e posteriore Anteriormente incrocia la vena anonima sinistra e ancora più in avanti corrisponde al timo Superficialmente si trovano il muscolo sternoioideo e lo sterno; in basso la faccia anteriore è in rapporto con larco dellaorta, con il tronco brachiocefalico, che la incrocia obliquamente portandosi in alto e verso destra, e con la carotide comune di sinistra che si porta obliquamente in alto e a sinistra. Fig netter

18 Anatomia topografica della trachea Trachea toracica Sul lato destro la parte toracica della trachea è in rapporto con il nervo vago destro e con la vena azygos; sul lato sinistro, con il nervo ricorrente sinistro e con larco dellaorta Il grasso mediastinico in genere separa la trachea dal polmone sinistro, sul lato destro, invece, 1-2 cm al di sotto dellingresso nel torace, il polmone entra in contatto con una parte della parete tracheale posteriore Fig netter

19 Anatomia topografica della trachea Trachea toracica Posteriormente la trachea continua il rapporto con lesofago che la separa dalla colonna vertebrale A livello della biforcazione, la trachea è in rapporto con il pericardio e gli atrii del cuore. A questo livello la faccia antero-laterale destra è in rapporto con la vena cava superiore, mentre a sinistra si trova limpronta della porzione ascendente dellaorta (impronta di Nicaise- Lejers) Davanti alla biforcazione inferiormente, si trova la biforcazione del tronco dellarteria polmonare, il cui ramo destro è in rapporto con la trachea. Fig netter

20 Cenni di Fisiologia FUNZIONE AEREA La trachea è un condotto permeabile allaria durante tutto il ciclo respiratorio ed è proprio il passaggio endoluminale dellaria che permette lossigenazione del sangue e la fonazione FUNZIONE DI DIFESA Lapparato respiratorio rappresenta la più ampia superficie di contatto tra laria ambientale e i tessuti interni. Durante ventilazione, materiale nocivo (compresi agenti infettanti) può depositarsi sulla superficie mucosa delle vie aeree o penetrare in profondità nel tratto respiratorio inferiore; il sistema di difesa è meccanico barriere anatomiche, la clearance mucociliare ed il riflesso della tosse immunologico, che si compone di attività aspecifiche (leucociti polimorfonucleati e macrofagi) e di attività specifiche, checomprendono risposte anticorpali e cellulo-mediate

21 Tecniche chirurgiche POSIZIONE DEL PAZIENTE Paziente disteso sul letto operatorio con la testa deflessa per ottenere una iperestensione cervicale anche mediante lutilizzo di supporti (teli, cuscini…) da porre sotto le scapole, assicurandosi sempre che loccipitale poggi sulla testiera

22 Tecniche chirurgiche CAMPO OPERATORIO Il collo e la regione presternale vengono disinfettati; si posizionano quattro teli sterili: due verticalmente dallapice della mastoide anteriormente lungo il margine posteriore del muscolo sternocleidomastoideo da entrambi i lati; uno inferiormente a livello del manubrio sternale; uno superiormente in maniera da congiungere entrambi gli angoli mandibolari

23 Tecniche chirurgiche Lincisione della cute deve avvenire in unarea triangolare che ha per apice il manubrio dello sterno, per base superiore il margine inferiore della cartilagine cricoide e per lati i margini mediali dei muscoli sternocleidomastoidei INCISIONE CUTANEA E principio generale nella chirurgia del collo che sono preferibili quando possibile incisioni trasversali rispetto a quelle verticali e di consueguenza anche per la tracheotomia

24 Tecniche chirurgiche INCISIONE CUTANEA Incisione orizzontale o arciforme : A livello di una plica cutanea del collo, lunga circa 4-5 cm, a circa 3 cm al di sopra della fossetta dello sterno Vantaggi: Facile accesso cervicale Possibilità di prolungarla in caso di intervento chirurgico per Ca faringolaringeo Cicatrice estetica

25 Tecniche chirurgiche INCISIONE CUTANEA Incisione verticale Mediana lungo la cricoide e la regione soprasternale Vantaggi: Utilizzata in caso di traumi laringotracheali aperti o in caso di tracheotomie durgenza Svantaggi Cicatrice antiestetica briglie aderenziali tracheali

26 Tecniche chirurgiche PASSAGGIO AI PIANI SOTTOSTANTI: Sezione sottocute e muscolo pellicciaio Col bisturi si incide il sottocute il muscolo pellicciaio e la fascia cervicale superficiale che sulla linea mediana è aderente alla fascia cervicale media qualora le vene giugulari anteriori costituiscano un ostacolo è buona regola procedere alla loro legatura e sezione

27 Tecniche chirurgiche PASSAGGIO AI PIANI SOTTOSTANTI: Dissezione muscoloapeneurotica Col bisturi si continua La dissezione che fino ora era stata orizzontale diviene verticale, con lindividuazione della linea alba che si incide Il muscolo sternojoideo, più superficiale, e il muscolo sternotiroideo, più profondo ed i muscoli sternocleidomastoidei vengono separati e divaricati sul rafe mediano in modo da esporre la cartilagine cricoide e listmo della tiroide

28 Tecniche chirurgiche PASSAGGIO AI PIANI SOTTOSTANTI: Liberazione dellistmo tiroideo E consiglibile palpare la posizione delle cartilagini laringee e della trachea ad ogni manovra poiché è possibile che la trazione dei divaricatori comporti uno spostamento laterale dellasse laringo-tracheale. Dopo aver individuato la ghiandola tiroidea si individua il bordo superiore a livello della regione sottocricoidea; Si scolla listmo dalla faccia anteriore dela trachea; Divaricando con un dissettore si decide se praticare una tracheotomia Sovraistmica Sottoistmica Transitmica

29 Tecniche chirurgiche La scelta del tipo di tracheotomia da eseguire è legata al tipo di ghiandola tiroidea che sovrasta la zona dincisione tracheale. Si preferisce maggiormente la tracheotomia transistmica per evitare leffetto saracinesca che la ghiandola tiroidea può avere al momento della rimozione della cannula tracheale, fornendo un ostacolo al riposizionamento della stessa e provocare preoccupanti sanguinamenti in seguito ai vari tentativi di riposizionare la cannula tracheale

30 Tecniche chirurgiche PASSAGGIO AI PIANI SOTTOSTANTI: Incisione della trachea La sede ottimale di apertura tracheale è sita tra 2° e 4° anello tracheale; è comunque evidente che si può e si deve derogare da questa indicazione in caso di situazioni anatomiche e/o patologiche particolari FATTORI DA CONSIDERARE età del paziente: diversa incisione a seconda che si tratti di adulto o bambino; morfotipo del paziente; sede dellapertura tracheale (tracheotomia alta o bassa); costituzione anatomica: profondità della trachea rispetto alla cute

31 Tecniche chirurgiche PASSAGGIO AI PIANI SOTTOSTANTI: Incisione della trachea INCISONE A CERNIERA INFERIORE la più usata perchè permette di ottenere una protezione dei tessuti sottostanti suturando i lembi alla cute al fine di creare stabilità ed evitare false strade INCISIONE ORIZZONTALE INCISIONE AD H ed H ROVESCIATA INCISONE CIRCOLARE INCISIONE VERTICALE favorisce la rottura degli aneli tracheali durante il cambio cannula; 1) orizzontale 2) verticale 3) a cerniera inferiore (Bjork) 4) ad H 5) ad H rovesciata

32 Tecniche chirurgiche PASSAGGIO AI PIANI SOTTOSTANTI: Incisione della trachea INCISiONE A CERNIERA INFERIORE la più usata perchè permette di ottenere un protezione dei tessuti sottostanti suturando i lembi alla cute al fine di creare stabilità ed evitare false strade

33 Tecniche chirurgiche POSIZIONAMENTO DELLA CANNULA TRACHEALE Dopo aver repertato il lembo a cerniera inferiore con un punto in seta, si passa al posizionamento della cannula. È importante che questa sia stata preventivamente controllata dalloperatore nella totalità della sue componenti (cannula, controcannula, introduttore, filtro, cuffia) La scelta si orienta in un calibro n° 8-10 nelluomo e n° 6 nelle donne Si utilizza la cannula non fenestrata per evitare che secrezioni vedano al di sotto della cuffia Si sostituisce la cannula con una non cuffiata circa 72h dopo lintervento

34 Tecniche chirurgiche POSIZIONAMENTO DELLA CANNULA TRACHEALE Dopo aver posizionato la cannula si suturano i lembi della breccia chirurgica per piani riducendone la grandezza

35 Tecniche chirurgiche TRACHEOTOMIA DIFFICILE Conserva gli stessi tempi chirurgici si può effettuare anche in anestesia locale che interessa la cute ed il corpo tiroideo. Subito prima di incidere la trachea, va effettuata una nebulizzazione anestetica intratracheale al fine ridurre i riflessi vagali (bradicardia, tosse) e poter meglio ossigenare il Paziente QUANDO? Pazienti obesi Gozzo Immerso Politraumatizzati Non intubati Pazienti irradiati Anomalie vascolari

36 Tecnica chirurgica ANESTESIA LOCALE Linfiltrazione anestetica deve essere effettuata nel territorio anteriore del collo Lo spazio romboidale punteggiato, indica le linee di anestesia per gli interventi sulla laringe e sulla trachea. Lo spazio inferiore, delimitato dei due tratti punteggiati ai lati e dai due tratti continui in alto, indica le linee di infiltrazione nella tracheotomia.

37 Tecniche chirurgiche TRACHEOTOMIA NEL BAMBINO La posizione non cambia, bisogna evitare di iperestendere eccessivamente per non eseguire tracheotomie troppo basse; La trachea risulterà eccessivamente mobile e bisogna evitare di trazionare eccessivamente per evitare di dislocare la stessa; Si useranno pinze di Kocher, sposando la presa per ogni piano individuato, al posto dei soliti divaricatori; Si inciderà la trachea tra l 2° ed 4° anello, con un solo taglio verticale ad I evitando di creare sezioni troppo grandi al fine di evitare stenosi e sinechie e facilitarne la cicatrizzazione dopo la decannulazione;

38 Tecniche chirurgiche TRACHEOTOMIA NEL BAMBINO Incisione verticale con trazione dei lembi

39 Tecniche chirurgiche TRACHEOTOMIA NEL BAMBINO STARPLASTY La tracheotomia starplasty è una tracheotomia epitelizzata con incisione cutanea e tracheale a 4 lembi embricati tra di loro con estroflessione della parete anteriore della trachea con l vantaggo di ridurre le infezioni post operatorie 1) incisione cutanea 2) incisione tracheale 3) estroflessione dei lembi tracheali, introflessione dei lembi cutanei 4) risultato finale

40 Tecniche chirurgiche INCIDENTI ED ACCIDENTI POST OPERATORI PRECOCI Emorragia (per lo più venosa) Enfisema sottocutaneo cervicale Ripresa della dispnea Dislocazione della cannula Pneumotorace Disfagia TARDIVE Emorragia (per lo più arteriosa per rottura del tronco brachiocefalico) Ripresa della dispnea (granulazioni, tappi ematici e di secrezioni poco umidificate) Fistola esofago-tracheale Infezioni

41 Tecniche chirurgiche INDICAZIONI TRACHEOTOMIA CHIRURGICA vs TRACHEOTOMIA PERCUTANEA Condizioni anatomiche sfavorevoli Tumore cervicale Cicatrice cervicale Obesità Fratture del massiccio facciale che impediscano lintubazione oratracheale Urgenza : stress respiratorio acuto Paziente non intubato


Scaricare ppt "Tracheotomia Lapertura della parete tracheale e della cute, con conseguente comunicazione tra la trachea cervicale e lambiente esterno, tale da consentire."

Presentazioni simili


Annunci Google