La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Programma per il trattamento degli autori delle violenze di genere ed intrafamiliari a Modena Programma per il trattamento degli autori delle violenze.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Programma per il trattamento degli autori delle violenze di genere ed intrafamiliari a Modena Programma per il trattamento degli autori delle violenze."— Transcript della presentazione:

1 Programma per il trattamento degli autori delle violenze di genere ed intrafamiliari a Modena Programma per il trattamento degli autori delle violenze di genere ed intrafamiliari a Modena Dr. Paolo De Pascalis e.mail:

2 La violenza è qualsiasi atto indirizzato contro unaltra persona, dove questo atto nuoce, offende o genera paura in modo da costringere quella persona a fare qualsiasi cosa o smettere di fare qualcosa che avrebbe voluto fare o non fare. Peer Isdal 2000 Dr. De Pascalis

3 La violenza domestica è la principale causa di lesioni fisiche per le donne tra i 15 e i 44 anni di età, più degli incidenti d auto e le rapine messi insieme; il maltrattamento durante la gravidanza è la principale causa di anomalie prenatali e mortalità infantile Dr. De Pascalis

4 Violenza fisica: intesa come qualsiasi atto volto a far male o a spaventare. Non solo aggressione fisica che causa ferite ma anche il contatto fisico che mira a creare un vero e proprio clima di terrore. Violenza psicologica: comprende le minacce, i ricatti alla donna o ai figli, le umiliazioni pubbliche e private, i continui insulti, il controllo e le imposizioni delle scelte, la ridicolizzazione, dipendenza economica Dr. De Pascalis

5 2 DICEMBRE 2011 è nato … Dr. De Pascalis

6 AUSL MODENA CAPOFILA L Azienda USL di Modena è capofila a livello regionale di un progetto di fattibilità per la messa a punto di un programma sperimentale relativo al trattamento degli autori delle violenze domestiche di genere Dr. De Pascalis

7 IL PROGRAMMA SPERIMENTALE L' attivazione di un programma rivolto agli uomini, autori della violenza, è un tema finora poco esplorato e non gestito all' interno della rete dei servizi e delle agenzie territoriali. Esiste la convinzione che le persone possiedano le capacità di poter cambiare e che questa opportunità vada loro proposta, affinché anche le donne e i figli possano avere una speranza. Dr. De Pascalis

8 La Mission LA TRIPLICE SFIDA Realizzare uno Spazio dedicato in ambito sanitario (unica esperienza a livello nazionale) Essere parte del sistema d' intervento territoriale provinciale capace di intercettare le persone Costituire un punto specifico competente per la violenza di genere e fornire una risposta appropriata Dr. De Pascalis

9 Che cosa offriamo ? Facilità di accesso ( è VOLONTARIO) Percorsi definiti e qualificati Disponibilità a interazione continuativa con i nodi della rete Spirito pionieristico Dr. De Pascalis

10 Obiettivi: Contribuire a far cessare o ridurre comportamenti violenti Migliorare la sicurezza delle donne e minori Promuovere una cultura di possibilità di cambiamento Favorire l assunzione di responsabilità verso le proprie azioni Dr. De Pascalis

11 Impegni di LDV: Stabilire rapporti di collaborazione con i Centri Antiviolenza territoriali Stabilire rapporti di collaborazione con professionisti e Servizi eventuali invianti Aumentare la consapevolezza pubblica sulla violenza e sulle possibilità di cambiamento Dr. De Pascalis

12 Il personale: 3 Psicologi/psicoterapeuti uomini 1 Psichiatra ( consulente) Nellequipe di LDV è presente anche una psicologa Una sociologa coordina il progetto Dr. De Pascalis

13 Servizi offerti: Sito web in costruzione Linea telefonica dedicata Colloqui di valutazione individuali Gruppi psico-educativi Dr. De Pascalis

14 Il lavoro terapeutico con gli uomini: Dr. De Pascalis

15 La consapevolezza che la violenza è un percorso mentale sordo privo di percezione ci arrivi e non sai come uscirne ma ad oggi sento di conoscermi meglio molto meglio. Oggi sento e percepisco ogni violenza la ascolto e ragiono che non è la strada giusta la violenza è intorno a noi ma io ci sono sopra Analizzare episodi e comportamenti mi ha fatto meglio comprendere di aver sbagliato e quindi ad assumermi le mie responsabilità. Mi ha dato modo di poter conoscere ed attuare al momento giusto delle strategie per controllare la mia rabbia/violenza e non andare oltre il limite L'esperienza del gruppo è stata molto positiva perché ho scoperto di non essere solo. Ho trovato un clima dove non mi sono sentito giudicato per i miei errori ed essere aiutato per trovare alternative alla mia violenza Dr. De Pascalis

16 Impegni del paziente: - Non agire comportamenti violenti durante il trattamento (o riferirli allo psicologo) - Continuità frequenza trattamento - Liberatoria contatto partner e lavoro di rete Dr. De Pascalis

17 Finalità contatto PARTNER: Informare la donna sul Centro LDV e i percorsi. Informare la donna della presenza dei Centri antiviolenza e dei Servizi territoriali. Raccogliere il suo punto di vista sulla tipologia dei comportamenti violenti subiti e sulla loro entità e frequenza. Concordare un contatto se luomo interrompe il trattamento o se il professionista rileva un rischio di reiterazione. Dr. De Pascalis

18 Assessment comportamenti violenti (strumenti): Colloquio clinico Intervista semistrutturata per valutazione gravità comportamenti violenti Testistica Dr. De Pascalis

19 Le 4 FASI del percorso di LDV Attenzione sulla violenza Lobiettivo esplicito dei primi incontri è la descrizione precisa e dettagliata delle azioni violente. In tal modo si vuole fare emergere la violenza contrastando la negazione e la banalizzazione, in modo da aiutare luomo a parlare e riconoscere ciò che è accaduto. Per avvicinare luomo alla violenza si ripercorrono, con uno stile terapeutico attivo, gli episodi passati come se stessero accadendo nel momento presente: dove siete? La sua partner è proprio di fronte a lei? Riesce a vederla in faccia? Come la picchia? Che cosa pensa mentre si avvicina a lei? Cosa prova? Dr. De Pascalis

20 Attenzione sulla responsabilità Il lavoro sull'assumersi la responsabilità della violenza costituisce la seconda fase dell'intervento per far arrivare l'uomo ad avere una visione di sé come soggetto attivo che ha scelta. Le domande che lo aiuteranno a constatare l'intenzionalità della violenza possono essere: cosa stava cercando di fare? Cosa voleva ottenere con il suo comportamento? Qual era lo scopo? Dr. De Pascalis Le 4 FASI del percorso di LDV

21 Attenzione sulla storia personale del paziente Dopo le prime fasi, occorre creare una comprensione della violenza stessa: perchè è accaduta, quale è stato il ruolo delle esperienze infantili, dell'educazione e della cultura di riferimento. L'obiettivo di tale fase è co-costruire terapeuta- paziente un significato tra la storia personale e l'uso attuale della violenza. Dr. De Pascalis Le 4 FASI del percorso di LDV

22 Attenzione sugli effetti e sulle conseguenze della violenza Attraverso le fasi precedenti il paziente diventa consapevole del proprio comportamento violento. L'obiettivo è porre attenzione agli effetti e alle conseguenze della violenza nella fase finale della terapia. Dr. De Pascalis Le 4 FASI del percorso di LDV

23 Criteri di esclusione al percorso LDV: Persone con problematiche attive e non trattate di alcolismo e di abuso di sostanze Persone con situazioni di conclamato disagio psichiatrico Persone scarsamente motivate al cambiamento e con poca responsabilizzazione personale Persone con insufficiente padronanza della lingua italiana Dr. De Pascalis

24 Condizioni per conclusione trattamento: Assenza di violenza Avere consapevolezza sulle motivazioni alla base della violenza Aver effettuato un lavoro per riparare alle conseguenze della violenza Dr. De Pascalis

25 grazie Dr. Paolo De Pascalis e.Mail Azienda USL Modena


Scaricare ppt "Programma per il trattamento degli autori delle violenze di genere ed intrafamiliari a Modena Programma per il trattamento degli autori delle violenze."

Presentazioni simili


Annunci Google