La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Un vulcano è una spaccatura della crosta terrestre attraverso la quale vengono emessi magma e sostanze gassose e intorno alla quale si forma, generalmente,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Un vulcano è una spaccatura della crosta terrestre attraverso la quale vengono emessi magma e sostanze gassose e intorno alla quale si forma, generalmente,"— Transcript della presentazione:

1

2 Un vulcano è una spaccatura della crosta terrestre attraverso la quale vengono emessi magma e sostanze gassose e intorno alla quale si forma, generalmente, un rilievo conico costituito da materiali eruttati. Quando due zolle si scontrano, per effetto dei moti convettivi nel mantello, una di esse cede all altra e vi sprofonda al di sotto; la roccia fusa diventa magma (silice, vapore acqueo e gas vari), e, in molti casi, riesce a risalire in superficie attraverso feritoie, dove perde molti gas diventando lava. La spaccatura da dove fuoriesce la lava è detta vulcano. Teoria della tettonica a zolle; Teoria della tettonica a zolle Struttura di un vulcano; Struttura di un vulcano Tipi di vulcani; Tipi di vulcani Fasi di un eruzione vulcanica; Fasi di un eruzione vulcanica Fenomeni pseudovulcanici; Fenomeni pseudovulcanici Vulcani e terremoti; Vulcani e terremoti Vulcani in Italia. Vulcani in Italia

3 La teoria della tettonica a zolle spiega un altra teoria, quella della deriva dei continenti (Alfred Wegener). Secondo la teoria della tettonica a zolle, la crosta terrestre sarebbe fratturata in più o meno placche, dette zolle, libere di muoversi sul mantello. Nel mantello, circa 4,6 miliardi d anni fa, cominciarono i moti convettivi, mediante i quali cominciò a propagarsi il calore rimesso continuamente dal decadimento radioattivo di alcuni materiali. Sebbene lenti, questi movimenti riescono a trascinare le zolle, che quindi sono libere di scontrarsi (motivo della formazione dei vulcani), di allontanarsi o di scivolare una accanto all altra.crosta terrestre mantellomoti convettiviscontrarsiallontanarsiscivolare una accanto all altra Vai a Deriva dei continenti Vai a Struttura interna della Terra

4 La teoria della tettonica a zolle da sostenimento ad un altra teoria, quella della deriva dei continenti (Alfred Wegener). Secondo la deriva dei continenti, la crosta terrestre sarebbe fratturata in più o meno placche, dette zolle, libere di muoversi sul mantello. La teoria della tettonica a zolle illustra proprio il motivo di questi movimenti: nel mantello, circa 4,6 miliardi d anni fa, cominciarono i moti convettivi, mediante i quali cominciò a propagarsi il calore rimesso continuamente dal decadimento radioattivo di alcuni materiali. Sebbene lenti, questi movimenti riescono a trascinare le zolle, che quindi sono libere di scontrarsi (motivo della formazione dei vulcani), di allontanarsi o di scivolare una accanto all altra. involucro più esterno della Terra limitato inferiormente dalla Discontinuità di Mohorovičić, con spessore medio variabile fra 5 (crosta oceanica) e 35 chilometri (crosta continentale). Vai a I movimenti delle zolle Vai a Struttura interna della Terra

5 La teoria della tettonica a zolle da sostenimento ad un altra teoria, quella della deriva dei continenti (Alfred Wegener). Secondo la deriva dei continenti, la crosta terrestre sarebbe fratturata in più o meno placche, dette zolle, libere di muoversi sul mantello. La teoria della tettonica a zolle illustra proprio il motivo di questi movimenti: nel mantello, circa 4,6 miliardi d anni fa, cominciarono i moti convettivi, mediante i quali cominciò a propagarsi il calore rimesso continuamente dal decadimento radioattivo di alcuni materiali. Sebbene lenti, questi movimenti riescono a trascinare le zolle, che quindi sono libere di scontrarsi (motivo della formazione dei vulcani), di allontanarsi o di scivolare una accanto all altra. Vai a I movimenti delle zolle Vai a Struttura interna della Terra Il mantelloè uno degli involucri concentrici in cui viene suddivisa la Terra. Esso è uno strato solido, a viscosità molto alta, compreso tra la crosta e il nucleo, avente uno spessore di circa 2970 km. Le alte temperature del mantello fanno sì che i materiali che lo compongono siano sufficientemente duttili

6 La teoria della tettonica a zolle da sostenimento ad un altra teoria, quella della deriva dei continenti (Alfred Wegener). Secondo la deriva dei continenti, la crosta terrestre sarebbe fratturata in più o meno placche, dette zolle, libere di muoversi sul mantello. La teoria della tettonica a zolle illustra proprio il motivo di questi movimenti: nel mantello, circa 4,6 miliardi d anni fa, cominciarono i moti convettivi, mediante i quali cominciò a propagarsi il calore rimesso continuamente dal decadimento radioattivo di alcuni materiali. Sebbene lenti, questi movimenti riescono a trascinare le zolle, che quindi sono libere di scontrarsi (motivo della formazione dei vulcani), di allontanarsi o di scivolare una accanto all altra. Vai a I movimenti delle zolle Vai a Struttura interna della Terra

7

8

9 subduzione orogenesi Quando le zolle si trovano su rami discensionali di celle convettive, si avvicinano e si consuma parte della crosta terrestre.rami discensionali Si può verificare: Scontro tra due zolle continentali con formazione di montagne Scontro tra due zolle oceaniche con formazione di fosse oceaniche e archi insulari vulcanici. Scontro tra zolle continentali e oceaniche, con formazione di zone di subduzione, fosse e vulcani costieri.

10 subduzioneorogenesi Quando le zolle si trovano su rami discensionali di celle convettive, si avvicinano: se sono una zolla continentale e una zolla oceanica, oppure due zolle oceaniche, la/una zolla oceanica, essendo più leggera dellaltra, si piega sotto l altra (subduzione). La roccia fonde e diventa magma, che in molti casi può risalire in superficie formando degli archi vulcanici, oppure essere rimessa nel mantello, fuoriuscendo dalle dorsali medio-oceaniche. Se invece sono due zolle continentali, si piegano tutt e due all insù formando le catene montuose (orogenesi).

11 Quando le zolle si trovano su rami ascensionali di celle convettive, si allontanano: dapprima vi si forma una fossa, detta tettonica; poi, se l allontanamento continua, vi si insedia il mare. Dalla spaccatura della crosta terrestre, detta dorsale medio-oceanica, fuoriesce continuamente lava, che contribuisce all allontanamento delle zolle. Le due zolle, mentre si allontanano, si distruggono ai margini, per un fenomeno detto subduzione. rami ascensionalidorsale medio-oceanicasubduzione

12 Quando le zolle si trovano su rami ascensionali di celle convettive, si allontanano: dapprima vi si forma una fossa, detta tettonica; poi, se l allontanamento continua, vi si insedia il mare. Dalla spaccatura della crosta terrestre, detta dorsale medio-oceanica, fuoriesce continuamente magma, che contribuisce all allontanamento delle zolle. Le due zolle, mentre si allontanano, si distruggono ai margini, per un fenomeno detto subduzione.

13 La subduzione avviene quando una zolla scivola sotto un altra, con rispettiva distruzione di crosta terrestre (vedi Quando le zolle si avvicinano)

14 Quando le zolle si trovano su rami ascensionali di celle convettive, si allontanano: dapprima vi si forma una fossa, detta tettonica; poi, se l allontanamento continua, vi si insedia il mare. Dalla spaccatura della crosta terrestre, detta dorsale medio-oceanica, fuoriesce continuamente magma, che contribuisce all allontanamento delle zolle. Le due zolle, mentre si allontanano, si distruggono ai margini, per un fenomeno detto subduzione. La dorsale medio oceanica è una fenditura nella crosta terrestre, da cui fuoriesce periodicamente o continuamente lava

15 Quando due zolle scorrono l una accanto all altra non si ha né produzione né distruzione di crosta terrestre o magma. Lungo la linea dove scorrono (faglia), però, possono avvenire dei terremoti di varia intensità.terremoti

16 Quando due zolle scorrono l una accanto all altra non si ha né produzione né distruzione di crosta terrestre o magma. Lungo la linea dove scorrono (faglia), però, possono avvenire dei terremoti di varia intensità. I terremoti sono vibrazioni improvvise, rapide e più o meno potenti della crosta terrestre, provocate dallo spostamento improvviso di una massa rocciosa nel sottosuolo.

17 Serbatoio o camera magmatica Edificio vulcanico cratere

18 Serbatoio o camera magmatica Edificio vulcanico cratere La zona dove si raccoglie il magma

19 Serbatoio o camera magmatica Edificio vulcanico cratere La parte visibile formata dalla sovrapposizione della lava

20 Serbatoio o camera magmatica Edificio vulcanico cratere L apertura da dove fuoriesce la lava

21

22 Il vulcano è alimentato da un serbatoio sotterraneo, dove si trova il magma chiamato bacino o focolaio magmatico, esso comunica con lesterno attraverso un condotto o camino vulcanico che permette la risalita del magma. Il camino termina con uno sbocco esterno chiamato cratere.

23 Il flusso piroclastico è formato da materiale solido frantumato ed espulso in aria da uneruzione vulcanica esplosiva. I prodotti piroclastici si classificano in base alla grandezza in: cenere, sabbia, lapilli, bombe e blocchi.

24 In seguito ad unesplosione violenta si frantuma anche parte delledificio stesso, con la formazione di una colonna alta fino a 50 Km che ricade su aree di migliaia di chilometri quadrati.

25 E il nome che prende il magma quando viene eruttato in superficie. Le lave ricche di silice, molto viscose, fanno poca strada e tendono ad agglomerarsi (lave acide). Lave povere di silice, viceversa, sono molto fluide e scorrono dolcemente alle pendici del vulcano. A seconda del tipo di lava si determinano edifici vulcanici diversi.

26 Vulcano a scudo: è caratterizzato da lava estremamente basica e fluida; per tali motivi le eruzioni sono di tipo effusivo e la lava riesce a scivolare fino alle pendici del vulcano dandogli una forma piatta, simile ad uno scudo; Vulcano a cono o Stratovulcano: è caratterizzato da lava acida poco viscosa, che fatica a discendere le pendici del vulcano. Le eruzioni sono di tipo esplosivo o effusivo, e la forma è simile ad un cono; Vulcano peleano: è caratterizzato da lava estremamente acida e viscosa che risale il camino difficilmente. Per questo le sue eruzioni sono di tipo esplosivo. Vai a Tipi di LaveVai a Tipi d eruzione Vai a stati di un vulcano

27 Lava basicaLava basica Lava acidaLava acida Lava neutra

28 Lava basica Lava acida Lava neutra Lava con un ph estremamente basico, per questo molto fluida

29 Lava basica Lava acida Lava neutra Lava con un ph neutro, per questo viscosa

30 Lava basica Lava acida Lava neutra Lava con un ph estremamente acido, per questo molto viscosa

31 Eruzione esplosiva Eruzione effusiva

32 Eruzione esplosiva Eruzione effusiva Eruzione violenta, che comporta l esplosione di parte o di tutto ledificio vulcanico

33 Eruzione esplosiva Eruzione effusiva Eruzione caratterizzata dalla sola fuoriuscita della lava

34 Un vulcano si può presentare in tre stati: stato di inattività, quando il serbatoio magmatico si esaurisce; stato di quiescenza, stato in cui è momentaneamente sospesa la fase eruttiva, come il Vesuvio ( ); stato di attività, quando il vulcano erutta periodicamente ad intervalli regolari, come l Etna ( );

35 Fase premonitrice: questa fase precede l attività vulcanica. Consiste nel riscaldamento di acque sorgenti o boati sotterranei. Fase esplosiva: consiste nell esplosione del cratere o di parte dell edificio vulcanico, sotto la pressione del magma nel camino. Fase di deiezione: consiste nella fuoriuscita del magma che, perdendo gas, diventa lava. Fase di emanazione: consiste nell emanazione di fumi, ceneri e polveri varie.

36 I fenomeni pseudovulcanici o vulcanesimo secondario sono fenomeni strettamente legati all attività di un vulcano e sono: Fumarole: emissioni di gas e vapori sotterranei (100°C). Sono dette solfatare se il vapore è misto ad idrogeno solforato, mofete se misto ad anidride carbonica, putizze se misto ad acido solforico; Soffioni boraciferi: emissioni di vapore sotterraneo (200°C) misto ad acido borico; Geyser: getti d acqua calda che fuoriescono dal terreno ad intervalli regolari, mista a carbonato di calcio e silicati; Sorgenti termali: sono acque e fanghi caldi che fuoriescono spontaneamente dal terreno e riscaldati in profondità, misti a sali minerali che beneficiano alla nostra salute.

37 Strettamente legati alla presenza d un vulcano sono i terremoti. Detti anche fenomeni sismici o tellurici (sismi o movimenti tellurici), sono movimenti della crosta terrestre più o meno intensi, dovuti a tensioni e pressioni lungo i margini delle zolle. Infatti, poiché le zolle sono in movimento, tendono a comprimersi o a stirarsi lungo i margini, assumendo un carico d energia potenziale. Quando questo carico d energia supera un certo limite (carico di rottura), l energia accumulata è liberata sottoforma d energia meccanica, che si propaga attraverso onde, dette sismiche, ovvero le forti oscillazioni che avvertiamo durante un terremoto. In base alla loro origine i terremoti si distinguono in:energia potenziale Vulcanici: legati alla presenza di un vulcano; Locali: se originati dal franamento di cavità sotterranee; Tettonici: se legati direttamente al movimento delle zolle. Vai a punti di rilevante importanza in un terremoto Vai a onde sismiche Vai a maremoti Vai a scala Mercalli e Richter

38 Strettamente legati alla presenza d un vulcano sono i terremoti. Detti anche fenomeni sismici o tellurici (sismi o movimenti tellurici), sono movimenti della crosta terrestre più o meno intensi, dovuti a tensioni e pressioni lungo i margini delle zolle. Infatti, poiché le zolle sono in movimento, tendono a comprimersi o a stirarsi lungo i margini, assumendo un carico d energia potenziale. Quando questo carico d energia supera un certo limite (carico di rottura), l energia accumulata è liberata sottoforma d energia meccanica, che si propaga attraverso onde, dette sismiche, ovvero le forti oscillazioni che avvertiamo durante un terremoto. In base alla loro origine i terremoti si distinguono in: Vulcanici: legati alla presenza di un vulcano; Locali: se originati dal franamento di cavità sotterranee; Tettonici: se legati direttamente al movimento delle zolle. Energia relativa alla posizione di un corpo nello spazio Vai a punti di rilevante importanza in un terremoto Vai a onde sismiche Vai a maremoti Vai a scala Mercalli e Richter

39 In un terremoto i punti di rilevante importanza sono due: L ipocentro, ovvero dove si verifica la frattura della roccia; L epicentro, il punto della superficie che si trova verticalmente sopra l ipocentro, dove il terremoto manifesta la sua massima intensità. Secondo la profondità dell ipocentro, un terremoto è: Superficiale (<70 km); Intermedio ( km); Profondo (>300 km).

40 . epicentro Salita del fondale marino Livello del mare Onda al largo Muro d acqua Quando l epicentro del terremoto si trova in mare, le onde sismiche si propagano nell acqua formando delle onde che, arrivate al largo, cominciano ad alzarsi e a ribaltarsi scontrandosi con il fondale marino rialzato. Questo tipo di terremoto è detto terremoto sottomarino o maremoto, ed è causa di devastanti onde anomale o tsunami. Vai a il più devastante degli tsunami

41 Il 26 dicembre 2004, al largo di Sumatra, la placca indiana scivolò improvvisamente sotto quella di Burma (o Birmana) di ben 20 m in pochi secondi, iniziando a 200 km a ovest di Sumatra e propagandosi verso nord-ovest ad una velocità tale che in 3 minuti la frattura diventò lunga 400 km, mettendo in moto la placca indiana su fronte di altri 800 km. Pochi minuti dopo, uno tsunami (alta 30 m) investì le coste a nord-ovest dell isola di Sumatra penetrando nelle coste fino a 10 km e provocando vittime. Alcune ore dopo, l onda arrivò con tutta la sua energia in Thailandia, nello Sri Lanka e nelle coste del Golfo del Bengala, esaurendosi sulle coste africane e uccidendo altre decine di migliaia di vittime. La magnitudo registrata fu uguale a 9.

42 Esistono tre tipi di onde sismiche naturali, e sono: Onde longitudinali: si propagano ad una velocità di 5-10 km/s. Sono le prime ad arrivare, vibrano nella direzione di propagazione e consistono in serie di compressioni e dilatazioni. Sono anche dette primarie o P. Onde trasversali: si propagano ad una velocità di 4-8 km/s. Sono seconde ad arrivare, vibrano nella direzione di propagazione, non attraversano liquidi e consistono in innalzamenti e abbassamenti. Sono anche dette secondarie o S. Onde superficiali: si propagano ad una velocità di 3 km/s solo lungo la superficie. Sono ultime ad arrivare e sono le più distruttive. Ultimamente sono stati osservati due tipi di onde superficiali: londa di Love e l onda di Rayleigh. Sono dette anche onde terziarie o L (love) o R (rayleigh). Vedi onde P e onde S

43 Su piano Su sfera

44 Per misurare un terremoto si usano due scale: la scala Mercalli e la scala Richter. La scala Mercalli indica l intensità di un terremoto valutandone in 12 gradi i danni provocati a cose e persone. La scala Richter indica invece la magnitudo di un terremoto, cioè ne valuta la quantità d energia sprigionata. * Esplosione di trinitrotoluene (TNT) equivalente *

45 Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine Clicca per osservare i vulcani in Italia Arco vulcanico flegreo Arco vulcanico eolico Arco vulcanico africano settentrionale

46 Vesuvio Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine

47 E un vulcano complesso, e cioè formato da due diverse montagne sovrapposte. Una è il Monte Somma, alto 1130 m e parte restante del precedente vulcano dopo l eruzione del 79 d.C. Laltra è il Vesuvio, 1287 m, più recente: è un cono che si è formato a cavallo del Monte Somma, per le continue fuoriuscite di lava dal camino. Il Vesuvio è un vulcano prevalentemente esplosivo. Generalmente le eruzioni si dividono in due fasi: prima si forma una colonna di cenere al di sopra della bocca eruttiva, alta fino a 30 km. Successivamente essa, raffreddandosi,crolla su se stessa, producendo pioggia di cenere e pomici e flussi piroclastici che viaggiano ad alta velocità, devastando tutto ciò che trovano sul loro cammino. Dopo il 79 d.C., data della più celebre eruzione, si sono verificate anche colate laviche che, stratificandosi nel tempo, hanno dato origine al cono. Larea intorno al Vesuvio è fittamente popolata. Complessivamente vivono nella zona persone ciò rende questo vulcano uno dei più pericolosi del mondo! Il Vesuvio appartiene all arco vulcanico flegreo.

48 Ischia Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine

49 Ischia è un isola vulcanica appartenente all arco vulcanico flegreo, insieme a Procida, Vivara e Nisida (Capri fa parte dell arco vulcanico eolico). È inattiva dal 1302, sebbene delle sorgenti termali facciano pensare che l attività vulcanica non sia ancora del tutto esaurita.

50 Magnaghi Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine

51 Marsili Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine

52 Scoperto negli anni venti del XX secolo, è stato battezzato in onore dello scienziato italiano Luigi Ferdinando Marsili. È stato provato che il Marsili costituisce il più grande vulcano d'Europa, essendo esteso per 70 km in lunghezza e 30 km in larghezza. Il monte si eleva per circa 3000 metri dal fondo marino, raggiungendo con la sommità la quota di circa 450 metri al di sotto della superficie del mar Tirreno. I Scoperto negli anni venti del XX secolo, è stato battezzato in onore dello scienziato italiano Luigi Ferdinando Marsili. È stato provato che il Marsili costituisce il più grande vulcano d'Europa, essendo esteso per 70 km in lunghezza e 30 km in larghezza. Il monte si eleva per circa 3000 metri dal fondo marino, raggiungendo con la sommità la quota di circa 450 metri al di sotto della superficie del mar Tirreno. I fenomeni vulcanici sul monte Marsili sono tuttora attivi e sui fianchi si stanno sviluppando numerosi apparati vulcanici satelliti. Un eventuale eruzione potrebbe generare frane lungo i versanti: il cedimento delle pareti muoverebbe milioni di metri cubi di materiale, che sarebbe capace di generare un'onda di grande potenza. che si abbatterebbe nel giro di pochi minuti sulla costa campana, a soli 150 chilometri di distanza.

53 Vavilov Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine

54 Il vulcano sottomarino Vavilov ha una lunghezza di 33 km, una larghezza di 17 km e si eleva di 2,7 km rispetto ai fondali circostanti raggiungendo con la sommità la quota di circa 800 metri sotto la superficie del mare. Attualmente non è certo se sia attivo o inattivo. Lelemento principale del vulcano è la forte asimmetria dei fianchi orientale ed occidentale. Si trova nel centro del Tirreno, lungo l arco vulcanico eolico.

55 Stromboli Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine

56 E lunico vulcano della Terra sempre in eruzione da 2000 anni. Appartiene all'arcipelago delle Eolie. L'isola, a nord della quale si leva ripidissimo lo scoglio di Strombolicchio, è costituita da un edificio vulcanico, che tocca i 926 m e presenta varie bocche eruttive, perennemente attive, con spettacolari eruzioni di lapilli e materiali incandescenti che precipitano verso il mare lungo la ripida parete chiamata Sciara del Fuoco. L'apparato vulcanico costituisce un cosiddetto stratovulcano o vulcano misto, in cui cioè rocce derivate da colate laviche si alternano a strati di materiali piroclastici. Si spinge sotto il mare per mille metri circa: furono infatti sottomarine le prime manifestazioni eruttive, risalenti all'era cenozoica o terziaria. Lo Stromboli appartiene all arco vulcanico eolico.

57 Vulcano Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine

58 Sempre nell arco vulcanico eolico si trova l isola di Vulcano, formata dall omonimo vulcano (o Vulcanello), sorto nel 183 a.C. e poi saldatosi all isola, e da La Fossa, zona con un intensa attività fumarolica. Le frane che interessano l isola a nord-ovest costituiscono un grande pericolo, perché rilasciano gas tossici che trascinano le ceneri in movimento ad alta velocità.

59 Altre Isole Eolie Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine

60 Le altre isole eoliche (esclusi i vulcani Vulcano e Stromboli) sono isole vulcaniche formatesi qualche secolo a.C. sull arco vulcanico eolico. Presentano tutte caratteristiche simili o comuni. Le sette isole Eolie sono solo la parte emersa di imponenti apparati vulcanici che formano l'arco vulcanico eolico di forma quasi semicircolare. Questa complessa struttura geologica, lunga circa 200 km, comprende, oltre alle isole emerse, anche cinque vulcani completamente sottomarini: Eolo, Enarete e Sisifo,Lametini ed Alcione.

61 Ustica Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine

62 Ustica è un isola vulcanica formatasi insieme alle Eolie. Le attività pseudovulcaniche in essa presenti fanno pensare ad una nuova attività vulcanica.

63 Isola Ferdinandea Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine

64 28 giugno metri di circonferenza e 63 metri di altezza massima A metà strada tra la Sicilia e lisola di Pantelleria

65 A largo di Sciacca nel 1831, dove oggi si trova il banco sommerso di Graham, nasceva unisola che nel ricordo è nota come Ferdinandea, ma che ha avuto diversi nomi a seconda di chi ha voluto piantarvi una bandiera. Durante lestate un eruzione sottomarina creò un vulcano di circa 60 metri daltezza e 5 chilometri di perimetro che però fu presto aggredito e eroso dal mare, tanto che già nel 1833 lisola non esisteva più. Nel frattempo però i Francesi avevano preso possesso dellisola, ribattezzandola Julia, mentre gli Inglesi la rivendicavano come Graham e i Siciliani ne reclamavano il territorio chiamandola Ferdinandea. Nel 2002 una rinnovata attività sismica nella zona ha indotto i vulcanologi a congetturare sopra un imminente nuovo episodio eruttivo con conseguente nuova emersione dell'isola ciò però non si è ancora verificato.

66 Lipari Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine

67 Pantelleria Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine

68 Lipari, la maggiore isola dell'arcipelago eolico, è la porzione emersa di un grande apparato vulcanico, alto circa 1600 m che, partendo da una profondità di circa 1000 m sotto il livello del mare arriva a 602 metri s.l.m. Da un punto di vista vulcanologico, Lipari deve considerarsi ancora un vulcano attivo. Attualmente le uniche testimonianze di attività vulcanica sono rappresentate da fumarole e sorgenti termali.

69 Campi flegrei Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine

70 I campi flegrei sono una zona di vulcani, con attività vulcanica quasi esaurita. Famosi sono i fenomeni pseudovulcanici che li costellano, come la Solfatara di Pozzuoli.

71 Vulcani terrestri Isole vulcaniche Vulcani marini Isole Vulcaniche Sottomarine Etna

72 Con un altitudine di 3323 m, l'Etna è il più alto vulcano attivo d'Europa. E situato nella Sicilia orientale. Ha forma conica abbastanza regolare sin verso i 2900 m di quota, dove è troncato da un vasto altopiano, residuo di un antico cratere, sul quale si eleva il cono terminale, chiamato Mongibello. È costituito da un cratere centrale, con un diametro di 500 m e un perimetro di circa 1700 m, e da circa 260 crateri minori, disposti lungo le principali fratture laterali e frequentemente attivi.

73 La piana abissale tirrenica, a quasi 3500 metri di profondità è dominata da 3 vulcani, il Magnaghi, Vavilon e Marsili. Il Magnaghi, che ha avuto origine tre milioni di anni fa è sicuramente ormai spento.

74 Il suo territorio è di origine vulcanica. Presenta molti fenomeni di vulcanesimo secondario, prevalentemente acque calde e fumi che dimostrano il persistere dell'attività del vulcano. L'ultima eruzione è avvenuta, nel 1891, sul pendio nord-occidentale nella parte sommersa.

75

76

77 1. Cos è la teoria della tettonica a zolle? A. La teoria secondo la quale la Terra sarebbe sezionata in più gusci: crosta terrestre, mantello, nucleo esterno e nucleo interno B. La teoria secondo la quale la crosta terrestre sarebbe fratturata in placche, dette zolle

78 2. Chi formulò la teoria della deriva dei continenti? A. Giovanni KepleroB. Galileo Galilei C. Alfred Wegener D. Isaac Newton

79 3. Come si chiamava il super continente all inizio della storia della Terra? A. Pangea B. Panthalassa C. TetideD. Gondwana

80 4. Cos è la camera magmatica? A. La zona dove si accumula il magma B. La zona dove si accumula la lava

81 5. Cos è un cratere? A. La zona dove risale il magma perdendo gas B. La zona dove fuoriesce il magma, diventato ormai lava

82 6. Cos è uno stratovulcano? A. Un vulcano con una forma estremamente appiattita B. un vulcano formato da diversi strati di sedimenti C. Un vulcano formatosi dalla sovrapposizione di diversi strati di lava

83 7. Da che lava è caratterizzato un vulcano di tipo peleano? A. Da lava neutra B. Da lava basica B. Da lava acida

84 8. Qual è la seconda fase d un eruzione vulcanica? A. La fase esplosivaB. La fase di emanazione C. La fase di deiezioneD. La fase premonitrice

85 9. Cos è un soffione boracifero? A. Un emanazione di acqua calda dalla Terra B. Un emanazione di vapore acqueo misto ad acido borico

86 10. Che cosè un terremoto? A. Una forte oscillazione della crosta terrestre dovuta a diversi motivi B. Il margine di una zolla

87 11. Che cosè un onda sismica? A. Una parte della crosta terrestre dove si propaga il terremoto B. Un moto attraverso il quale si propaga l energia sprigionata da un terremoto

88 12. Cos è un maremoto? A. Un terremoto con epicentro in mare B. un onda altissima provocata da diversi motivi, come un terremoto

89

90

91


Scaricare ppt "Un vulcano è una spaccatura della crosta terrestre attraverso la quale vengono emessi magma e sostanze gassose e intorno alla quale si forma, generalmente,"

Presentazioni simili


Annunci Google