La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cosa è Accaduto? linsegnamento, in quanto azione intenzionale, se non vuole rischiare la deriva presuppone una progettazione cui deve essere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cosa è Accaduto? linsegnamento, in quanto azione intenzionale, se non vuole rischiare la deriva presuppone una progettazione cui deve essere."— Transcript della presentazione:

1

2

3

4

5

6 Cosa è Accaduto?

7

8 linsegnamento, in quanto azione intenzionale, se non vuole rischiare la deriva presuppone una progettazione cui deve essere coerente la valutazione, a sua volta, per essere valida e credibile deve risultare aderente allazione didattica svolta in quanto ogni docente può valutare solo ciò che con ogni sforzo ha cercato di sviluppare e promuovere negli alunni Nel momento in cui si dovranno accertare e certificare le competenze, necessariamente si dovrà fare riferimento a quanto prima progettato e poi svolto in classe. Ecco perché i documenti di progettazione non possono rimanere nei cassetti

9 la scuola non sempre dispone di strumenti per riflettersi e riflettere su se stessa: i ballerini, che praticano la loro arte alla perfezione, dispongono di specchi per osservare i loro movimenti. Dove sono i nostri specchi? (E.W. Eisner, The Educational Imagination, New York, Mac Millan, 1979)

10

11 Apprendimento trasformativo Ogni insegnante, attraverso il proprio vissuto come studente prima e come docente poi, ha costruito una personale filosofia educativa (Seldin, 2004) che riguarda il processo di insegnamento-apprendimento. Queste conoscenze costituiscono il reale e profondo substrato che determina lagire, le prospettive e le interpretazioni e consentono il possibile apprendimento trasformativo. (Mezirow)

12 La riflessione sul proprio insegnamento è la componente della conoscenza per insegnare, che rende lesperienza di insegnamento un elemento centrale per il buon insegnamento. Lesperienza individuale diventa un valore trasferibile Dal magister al professionista riflessivo

13 Insegnare/apprendere,ricercare, riflettere Dimensione riflessiva Dimensione euristica Identità professionale

14 Valutare significa: Confrontare una situazione osservata con una situazione attesa Assegnare significato agli esiti di tale confronto Ricostruire i processi che hanno portato a tali esiti Attribuire valore a tali esiti sulla base di un sistema di riferimento Assumere decisioni operative sulla base di tali esiti

15 Come valutar e le competenze….. ……….una molteplicità di punti di vista La natura polimorfa del concetto di competenza, la compresenza di componenti osservabili e latenti presuppone una molteplicità di punti di vista: si tratterà di abbinare - una prospettiva soggettiva, - una intersoggettiva - e una oggettiva per arrivare a cogliere la complessità del fenomeno e inserirla in un quadro di insieme coerente ed integrato …………….. (P ellerey)

16

17 Come valutare le competenze….. Utilizzare una pluralità di fonti di informazione ……….secondo il principio di triangolazione tipico delle metodologie qualitative, per il quale la rilevazione di una realtà complessa richiede lattivazione e il confronto di più livelli di osservazione per consentire una ricostruzione articolata e pluriprospettica delloggetto di analisi. (Pellerey)

18

19 A queste tre dimensioni dellosservazione dovranno corrispondere diversi strumenti di valutazione, evidentemente abbastanza lontani da quelli tradizionali. Sul piano soggettivo svolgeranno una funzione importante il diario di bordo, le liste di controllo, i dossier e altri processi di carattere metacognitivo.

20 Lapprendimento si qualifica come una pratica consapevole guidata dalle proprie intenzioni e da una continua riflessione basata sulla percezione dei vincoli e delle risorse interne ed esterne [Johnassen, 1997] PERCEZIONE AZIONE INTENZIONE RIFLESSIONE CONSAPEVOLEZZA STRATEGIE AUTOVALUTATIVE PERCHE LAUTOVALUTAZIONE? DECENTRAMENTO CONSAPEVOLEZZA AUTONOMIA RESPONSABILITA

21 CONFRONTO TRA VALUTAZIONI Pienamente raggiunto RaggiuntoParzialmente raggiunto AscoltoRiesco a capire gli elementi principali in un discorso chiaro in lingua su argomenti familiari Riesco a capire espressioni e parole di uso molto frequente ed afferrare lessenziale di messaggi semplici Riesco a riconoscere parole che mi sono familiari ed espressioni molto semplici riferite a me stesso, alla mia famiglia, al mio ambiente LetturaRiesco a capire testi scritti di uso corrente legati alla vita quotidiana Riesco a leggere testi brevi e semplici e a trovare informazioni essenziali in materiale di uso quotidiano Riesco a capire i nomi e le persone che mi sono familiari e frasi molto semplici ParlatoRiesco a descrivere i miei sentimenti, le mie esperienze dirette e indirette, le mie opinioni Riesco ad usare una serie di espressioni e frasi per descrivere la mia famiglia e la mia vita Riesco a usare espressioni e frasi semplici per descrivere il luogo dove abito e la gente che conosco ScrittoRiesco a scrivere testi semplici e coerenti su argomenti noti e lettere personali sulle mie esperienze ed impressioni Riesco a prendere semplici appunti e a scrivere messaggi su argomenti relativi a bisogni immediati Riesco a scrivere una breve e semplice cartolina, ad esempio per mandare i saluti dalle vacanze come mi vedo iocome mi vede linsegnante STRATEGIE AUTOVALUTATIVE

22 TRACCIA DIARIO DI BORDO QUANDO? QUALE ATTIVITA? A COSA CI SERVE? COME ABBIAMO LAVORATO? COSA HO IMPARATO? COSA MI E PIACIUTO DI ME? COSA NON MI E PIACIUTO DI ME? STRATEGIE AUTOVALUTATIVE

23 Che cosa aiuta e cosa ostacola il mio apprendimento? CHE COSA AIUTA IL MIO APPRENDIMENTO? CHE COSA OSTACOLA IL MIO APPRENDIMENTO? CAMPO DI FORZE lavorare con gli amici impiegare le immagini insegnanti che mi ascoltano persone che mi disturbano luoghi poco confortevoli testi troppo lunghi e complessi STRATEGIE AUTOVALUTATIVE

24 ANALISI CRITICA DI LAVORI ESEMPLARI STRATEGIE AUTOVALUTATIVE quando è stato fatto? perché è stato fatto? da chi è stato fatto? con quali aiuti? con quali materiali/risorse? come è stato fatto? quali collegamenti con altri lavori? perché lho scelto? che cosa dimostra che so/so fare? che cosa dimostra che devo migliorare? quali progressi ci sono rispetto ai lavori precedenti? che cosa ho imparato da questo lavoro? su cosa ho dato il meglio di me stesso? su cosa devo dare di più? CONDIZIONI DI LAVORORIFLESSIONE CRITICA

25 TRACCIA DI VALUTAZIONE LAVORO DI GRUPPO STRATEGIE AUTOVALUTATIVE ha funzionato il gruppo nello svolgere il suo lavoro? ciascuno ha dato il suo contributo? ci si è sentiti uniti da un progetto comune? ci si è ascoltati e rispettati reciprocamente? erano chiari i ruoli allinterno del gruppo? quale è stata larma vincente del gruppo? e laspetto più debole? se si dovesse rifare un lavoro insieme cosa si potrebbe migliorare?

26 Rubrica per lautovalutazione, da parte dell alunno, di una presentazione orale LISTA DI CONTROLLO DELLA PRESENTAZIONE ORALE Nome …………………………………………………………………………………………………………………………………………… Di che cosa ho parlato Come ho trovato e usato le informazioni Come ho organizzato la mia presentazione Sussidi di presentazione Come ho parlato agli altri Ho parlato di fatti Ho usato i libri della/e biblioteca/he Ho detto i punti principali del mo discorso, quindi ho spiegato Ho usato grafici, manifesti, locandine… per mostrare le informazioni Ho guardato il pubblico, non il pavimento Ho usato le parole che tutti conoscevano Ho usato i giornali Ho detto cosa è accaduto in primo luogo, in secondo in terzo… Ho spiegato i grafici, i manifesti… Ho comunicato con tutti Ho detto il mio parere Ho usato Internet Ho parlato della cosa più importante che ho imparato I manifesti, i grafici erano facili da vedere e da comprendere Ho parlato chiaramente Ho spiegato i particolari Ho intervistato Ho usato parole come in primo luogo, allora, quindi, infine… Ho usato la musica e il suono per mostrare le informazioni Non ho comunicato troppo velocemente Ho messo a fuoco lidea principale Ho fatto una lista dei luoghi dove ho ottenuto le informazioni Alla fine ho espresso il mio parere spèiegandone il perché La musica era facile da ascoltare: non era bassa né alta La mia voce era facile da sentirsi Ho detto qualcosa di nuovo rispetto al soggetto Ho detto le cose con le mie proprie parole Mi sono alzato in piedi Ho risposto alle domande Ho usato mani, faccia, occhi per comunicare Ho sorriso

27

28

29 Sul piano dellosservazione intersoggettiva opereranno modalità di osservazione e valutazione delle prestazioni del soggetto costituite da strumenti quali 1. le rubriche valutative, 2. protocolli di osservazione strutturati e non strutturati, 3. questionari o interviste intesi a rilevare le percezioni dei diversi soggetti coinvolti nel processo, note e commenti valutativi.

30 FRAMEWORK EUROPEO DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE ELEMENTARE - A1ELEMENTARE - A2INTERMEDIO - B1 AscoltoRiesce a riconoscere parole familiari ed espressioni molto semplici riferite a se stesso, alla sua famiglia, al suo ambiente Riesce a capire espressioni e parole di uso molto frequente ed afferrare lessenziale di messaggi semplici Riesce a capire gli elementi principali in un discorso chiaro in lingua su argomenti familiari LetturaRiesce a capire i nomi e le persone familiari e frasi molto semplici Riesce a leggere testi brevi e semplici e a trovare informazioni essenziali in materiale di uso quotidiano Riesce a capire testi scritti di uso corrente legati alla vita quotidiana ParlatoRiesce ad usare espressioni e frasi semplici per descrivere il luogo dove abita e la gente che conosce Riesce ad usare una serie di espressioni e frasi per descrivere la sua famiglia e la sua vita Riesce a descrivere i suoi sentimenti, le sue esperienze dirette e indirette, le sue opinioni ScrittoRiesce a scrivere una breve e semplice cartolina, ad esempio per mandare i saluti dalle vacanze Riesce a prendere semplici appunti e a scrivere messaggi su argomenti relativi a bisogni immediati Riesce a scrivere testi semplici e coerenti su argomenti noti e lettere personali sulle sue esperienze ed impressioni RUBRICHE VALUTATIVE

31 CAPACITA DI DESCRIVERE I PROPRI PROCESSI MENTALI - comprendere la sequenza dei processi - riconoscere i processi essenziali Sa ricostruire verbalmente un proprio ragionamento Riesce ad individuare i passaggi essenziali di un procedimento CONSAPEVOLEZZA DELLE PROPRIE SCELTE - considerare le diverse alternative - comprendere i vincoli di realtà della situazione Riconosce possibili alternative al suo procedimento Individua i vincoli che condizionano la sua prestazione ATTRIBUZIONE DEL SUCCESSO/ INSUCCESSO - riconoscere i motivi interni/esterni - comprendere lincidenza dei motivi interni ed esterni Individua i fattori interni ed esterni che condizionano la sua prestazione Riconosce il ruolo di entrambi i fattori CAPACITA DI CORREGGERSI AUTONOMAMENTE - saper ritornare sul proprio processo mentale - individuare i propri errori Riformula a posteriori il proprio procedimento Riesce a individuarne i punti critici Prova a correggere gli errori con soluzioni diverse DIMENSIONICRITERIINDICATORI UN ESEMPIO DI STRUTTURA: ESSERE CONSAPEVOLI DELLA PROPRIA ATTIVITA COGNITIVA RUBRICHE VALUTATIVE

32 La dimensione oggettiva della valutazione sarà perseguita con lanalisi delle prestazioni dellindividuo impegnato in compiti operativi: 1. Prove di verifica, più o meno strutturate, 2. Compiti di realtà, 3. Realizzazione di prodotti assunti come espressione di competenza.

33 Consegna: costruire un itinerario della Roma repubblicana e imperiale da seguire in un viaggio di istruzione di due giorni a Roma. Fasi del lavoro 1.Suddivisione in gruppi: la classe viene divisa in 6 gruppi di 4 alunni ciascuno. 2.Gli alunni dovranno studiare ed illustrare i diversi aspetti della storia romana attraverso la presentazione di un monumento simbolo. Gruppi A – B – C- : letà repubblicana A : aspetto politico – Foro di Cesare – B : aspetto militare – Mura repubblicane- C : aspetto culturale – Templi e teatri – Gruppi D – E - F - : letà imperiale D : aspetto politico- Palazzo imperiale; Castro pretorio E : aspetto militare – Colonna traiana e Arco di trionfo F : aspetto culturale- Colosseo e Foro traiano I gruppi dovranno svolgere il lavoro preparatorio di reperimento di testi, fotografie e filmati che illustrino laspetto a loro assegnato; il risultato atteso consiste in una guida ai monumenti da illustrare alla classe, svolgendo il ruolo di cicerone in occasione del viaggio di istruzione. FOCUS FORMATIVO - COMPRENDERE IL CAMBIAMENTO E LA DIVERSITA DEI TEMPI STORICI (I anno scuola superiore) COMPITI AUTENTICI

34 FOCUS FORMATIVO - OSSERVARE, DESCRIVERE E ANALIZZARE FENOMENI NATURALI (fine seconda) Dovete strutturare un esperimento, secondo il formato progettuale proposto, che consenta di verificare il principio che gli esseri viventi reagiscono agli stimoli esterni. Ogni gruppo ha a disposizione quattro incontri: il primo, in classe, per mettere a punto lesperimento il secondo, in laboratorio, per realizzare il proprio progetto il terzo, in classe, per perfezionare e documentare la propria proposta. Ricordatevi che lesperimento deve essere realizzato con i materiali presenti in laboratorio e deve potersi svolgere in un tempo massimo di due ore. COMPITI AUTENTICI

35 Il Consiglio comunale ha deciso di mettere un lampione in un piccolo parco triangolare in modo che lintero parco sia illuminato. Dove dovrebbe essere collocato il lampione? 1.Partire da un problema reale Occorre localizzare il punto di un parco in cui mettere un lampione. 2. Strutturare il problema in base a concetti matematici Il parco può essere rappresentato con un triangolo e lilluminazione di un lampione come un cerchio con un lampione al centro. 3. Formalizzare il problema matematico Il problema viene riformulato in localizzare il centro del cerchio circoscritto al triangolo. 4. Risolvere il problema matematico Poiché il centro di un cerchio circoscritto a un triangolo giace nel punto di incontro degli assi dei lati del triangolo occorre costruire gli assi su due lati del triangolo. Il loro punto di intersezione è il centro del cerchio. 5. Tradurre la soluzione matematica in rapporto alla situazione reale Si tratta di applicare la soluzione alla situazione reale, considerando le caratteristiche degli angoli, lubicazione e la dimensione degli alberi, etc. COMPITI DI PRESTAZIONE

36 PROCESSO DI MATEMATIZZAZIONE SOLUZIONE REALE PROBLEMA DEL MONDO REALE SOLUZIONE MATEMATICA PROBLEMA MATEMATICO 1. Partire da un problema reale 2. Strutturare il problema in base a concetti matematici 3. Formalizzare il problema matematico 4. Risolvere il problema matematico 5. Tradurre la soluzione matematica in rapporto alla situazione reale 1, 2, COMPITI DI PRESTAZIONE: UN ESEMPIO

37 MODALITA DI VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE AUTOVALUTAZIONEOSSERVAZIONE ANALISI PRESTAZIONI Diario di bordo Autobiografie Strategie autovalutative Rubriche valutative Compiti autentici Prove di verifica Selezione lavori Osservazioni in itinere Commenti docenti e genitori Compiti autentici Rubriche valutative VALUTARE LE COMPETENZE Strategie autovalutative

38 Formare per competenze, valutare competenze Riflessione sulle proprie strategie Feedback giusto/sbagliato Più strategie di soluzione Una soluzione univoca Problemi aperti a più interpretazioni Problemi chiusi: un solo modo di interpretare il problema Modo per valutare la propria azione Modo di affrontarlo Lettura del problema Formare/valutare per competenze Formare/valutare per conoscenze/abilità

39 39 Problemi chiusi Una soluzione univoca Feedback giusto/sbagliato - Esecuzione - Esigenza unidimensionale - Ripetizione - Semplicità - Iniziativa - Esigenze pluridimensionali - Innovazione - Complessità Saper fare (eseguire una operazione prescritta) Saper agire e interagire (gestire situazioni complesse e non routinarie; prendere iniziative) Le Boterf G. (2008), Costruire le competenze individuali e collettive, Napoli, Guida, p. 62. Problemi aperti Più strategie di soluzione Riflessione sulle proprie strategie Il cursore della competenza

40 40 La competenza non coincide con la prestazione, ma la prestazione può essere indizio di competenza: – La competenza è un costrutto – Le prestazioni possono essere suoi indicatori Competente è chi ha risorse (conoscenze, capacità di base, atteggiamenti, …) … … ma solo se è in grado di mobilitarle nelle situazioni che lo richiedono fare la mossa giusta al momento giusto Non basta saper agire, è necessario poter agire e voler agire

41 Agire con competenza Indicatori (conoscenze, capacità di base, atteggiamenti, …, dellallievo) Risorse (come lallievo leggele situazioni) Strutture di interpretazione (come lallievo agisce in risposta ad un problema) Strutture di azione (come lallievo apprende dall'esperienza e cambia le proprie strategie in funzione delle sollecitazioni provenienti dal contesto) Strutture di autoregolazione

42 42 Valutare le competenze Rilevare le risorse dellallievo e la loro mobilitazione in situazione, attraverso: – mettere lallievo in situazioni tratte dal mondo reale – Item competence-based Non richiedono la semplice applicazione meccanica di procedure risolutive Esempio: indagini Ocse-Pisa

43 dimensioni fondamentali di un compito

44 44 Situazioni di apprendimento significative (situazioni-problema) Situazioni in cui si renda necessario mobilitare risorse: – Per interpretare i problemi in modo adeguato – Per progettare e mettere in atto strategie risolutive adeguate – Per riflettere sulle strategie adottate ed autoregolare la propria azione Livelli EQF Grado di padronanza (basilare, adeguato, eccellente) Concetti chiave

45 In pratica? …

46 46 Valutare competenze sui 4 assi culturali Asse dei linguaggi Asse matematico Asse scientifico-tecnologico Asse storico-sociale

47 47 Asse dei linguaggi …

48 48 Asse dei linguaggi: competenze Padronanza della lingua italiana: – Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire linterazione comunicativa verbale in vari contesti; – Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo; – Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario Utilizzare e produrre testi multimediali

49 49

50 50

51 51 Compendio Prove Pisa per Insegnanti:

52 52

53 53

54 54

55 55

56 56

57 57

58 58

59 59

60 60

61 61

62 62

63 63

64 64

65 65

66 66

67 67

68 68 Asse matematico …

69 69 Asse matematico: competenze Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica Confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando invarianti e relazioni. Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con lausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico DM 139/07:

70 70

71 71 Compendio Prove Pisa per Insegnanti:

72 72

73 73

74 74

75 75

76 76

77 77 Asse scientifico-tecnologico …

78 78 Asse scientifico-tecnologico Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle sue varie forme i concetti di sistema e di complessità Analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dallesperienza Essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applicate DM 139/07:

79 79

80 80 Compendio Prove Pisa per Insegnanti:

81 81

82 82

83 83

84 84

85 85

86 86 Asse storico-sociale …

87 87 Asse storico-sociale: competenze Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culturali. Collocare lesperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona, della collettività e dellambiente Riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio. DM 139/07:

88 88

89 89 Compendio Prove Pisa per Insegnanti:

90 90

91 91

92 92

93 93

94 94

95 I consigli di classe utilizzano le valutazioni effettuate nel percorso di istruzione di ogni studente in modo che la certificazione descriva compiutamente lavvenuta acquisizione delle competenze di base, che si traduce nella capacità dello studente di utilizzare conoscenze e abilità personali e sociali in contesti reali, con riferimento alle discipline/ambiti disciplinari che caratterizzano ciascun asse culturale. Indicazioni per la certificazione delle competenze relative allassolvimento dellobbligo di istruzione nella scuola secondaria superiore I consigli di classe utilizzano le valutazioni effettuate nel percorso di istruzione di ogni studente in modo che la certificazione descriva compiutamente lavvenuta acquisizione delle competenze di base, che si traduce nella capacità dello studente di utilizzare conoscenze e abilità personali e sociali in contesti reali, con riferimento alle discipline/ambiti disciplinari che caratterizzano ciascun asse culturale. Indicazioni per la certificazione delle competenze relative allassolvimento dellobbligo di istruzione nella scuola secondaria superiore

96 96 Le 8 competenze chiave di cittadinanza e le 16 competenze culturali relative ai 4 assi pluridisciplinari vengono accertate e certificate al termine del biennio sulla base di un modello di certificazione predisposto dal Miur

97 Livello di base: lo studente svolge compiti semplici in situazioni note, mostrando di possedere conoscenze ed abilità essenziali e di saper applicare regole e procedure fondamentali. Livello intermedio: lo studente svolge compiti e risolve problemi complessi in situazioni note, compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite. Livello avanzato: lo studente svolge compiti e problemi complessi in situazioni anche non note, mostrando padronanza nelluso delle conoscenze e delle abilità. Sa proporre e sostenere le proprie opinioni e assumere autonomamente decisioni consapevoli. Nel caso in cui non sia stato raggiunto il livello base, è riportata lespressione livello base non raggiunto con lindicazione della relativa motivazione

98 maurizio tiriticcodidinnovativa competenze di cittadinanza Livello……… 6 comp ling - Italiano - Lingua stran - Altri linguaggi 4 competenze matematiche 3 competenze scient/tecn. 3 competenze stor/sociali


Scaricare ppt "Cosa è Accaduto? linsegnamento, in quanto azione intenzionale, se non vuole rischiare la deriva presuppone una progettazione cui deve essere."

Presentazioni simili


Annunci Google