La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A cura di: Nicolò Borghi Classe 5B IGEA ITC Jean Monnet Anno Scolastico 2011-2012 INTRO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A cura di: Nicolò Borghi Classe 5B IGEA ITC Jean Monnet Anno Scolastico 2011-2012 INTRO."— Transcript della presentazione:

1 A cura di: Nicolò Borghi Classe 5B IGEA ITC Jean Monnet Anno Scolastico INTRO

2 STORIA / LETTERATURA LItalia: Paese di emigrazione e di immigrazione ; Manzoni, Verga, Ungaretti GEOGRAFIA ECONOMICA Limportanza delle risorse umane in un processo tecnologico sempre più avanzato: le Silicon valley FRANCESE Un caso europeo: Sophia Antipolis ECONOMIA AZIENDALE Limportanza del fattore umano in azienda e del Knowledge Management Le risorse umane nelle società future: una fuga di cervelli

3 Il nostro paese è un crocevia migratorio: lavoratori stranieri affluiscono e sempre più consolidano la loro presenza con i ricongiungimenti familiari cittadini italiani, frequentemente giovani laureati, lasciano lItalia verso altri paesi Fuga di cervelli (brain drain). LITALIA…UN PAESE CHE CAMBIA l'Italia negli ultimi venticinque anni è divenuta un importante paese di immigrazione, continuando ad essere un importante paese di emigrazione.

4 Push FactorsPull Factors Poco spazio alle idee innovative Mancanza di fondi per la ricerca Esigue possibilità di crescita professionale DisoccupazioneSpazio alle idee Finanziamenti per la ricerca (SILICONVALLEY) Promessa di forti guadagni

5

6 Circolo vizioso dove i paesi dorigine ci perdono due volte Processo virtuoso di scambio

7 Investimenti per listruzione Formazione di cervelli FUGA DEI CERVELLI (A causa di Push factors e Pull factors ) Perdita del disinvesti- mento Costo secco per lo stato e manodopera qualificata a paesi stranieri

8

9

10 Forti aggregazioni di imprese ad alta innovazione che usufruiscono di : Scuole di alta formazione Centri di ricerca Servizi di consulenza tecnologica Risorse finanziarie Appoggio degli enti pubblici

11 La terza rivoluzione industriale I fattori che lanno favorita sono stati: La crescita delle conoscenze scientifiche e tecnologiche spesso nate nel contesto militare. Le Condizioni politiche più stabili La crescita economica (USA e Giappone)

12 Aujourdhui le technopôle le plus important de France Entre Nice et Cannes, en Valbonne fondée en 1969 par Pierre Lafitte est la jonction entre les pays méditerranéens SOPHIA (sagesse en grec) et ANTIPOLIS (Antibes en grec) se veut « la cité internationale des sciences, des techniques et de la sagesse »

13 Les 4 grandes domaines que S.A. regroupe sont: Science et nouvelles technologies de linformation et de la communication (Multimédia) Sciences médicales et chimiques (Santé) Sciences de la Terre Enseignement, formation et recherche

14 È, tra i diversi fattori produttivi, quello che presenta la maggiore complessità, ed è determinante per la competitività dellimpresa. È notevolmente cambiato nel tempo assumendo, nonostante il contestuale sviluppo della tecnologia, un peso sempre maggiore. È spesso trascurato in favore delle risorse tecnologiche. Ma di fatto è inutile introdurre software se poi non si ha personale qualificato per utilizzarlo.

15 La conoscenza può derivare da attività di ricerca e sviluppo, dove i Parchi tecnologici giocano un ruolo fondamentale promuovendo attivamente il trasferimento di tecnologia dalle istituzioni accademiche e di ricerca alle aziende, che assumono il nome di imprese spin-off.

16 Addio, monti sorgenti dall'acque, ed elevati al cielo; cime inuguali, note a chi è cresciuto tra voi, e impresse nella sua mente, non meno che lo sia l'aspetto de' suoi più familiari; torrenti, de' quali distingue lo scroscio, come il suono delle voci domestiche; ville sparse e biancheggianti sul pendìo, come branchi di pecore pascenti; addio! Quanto è tristo il passo di chi, cresciuto tra voi, se ne allontana! Alla fantasia di quello stesso che se ne parte volontariamente, tratto dalla speranza di fare altrove fortuna, si disabbelliscono, in quel momento, i sogni della ricchezza; egli si maraviglia d'essersi potuto risolvere, e tornerebbe allora indietro, se non pensasse che, un giorno, tornerà dovizioso. Alessandro Manzoni, I Promessi Sposi - Addio monti - Cap. VIII

17 Giovanni Verga Allontanarsi dalla terra natia è lunico modo per spiccare il volo. Andare via dalla Sicilia è una salvezza e, insieme, una dannazione. Andare via vuol dire convivere con la nostalgia della terra, dellisola, che fa sentire il suo richiamo quanto più da lei ci si allontana; sognare ad occhi aperti il ritorno; immaginarlo come una delle «feste più grandi del pensiero». Allontanarsi dalla terra natia è lunico modo per spiccare il volo. Andare via dalla Sicilia è una salvezza e, insieme, una dannazione. Andare via vuol dire convivere con la nostalgia della terra, dellisola, che fa sentire il suo richiamo quanto più da lei ci si allontana; sognare ad occhi aperti il ritorno; immaginarlo come una delle «feste più grandi del pensiero». La mia vita è rispecchiata nei miei 4 fiumi: -Il Nilo che mi ha visto nascere e crescere; -LIsonzo che mi ha levigato come un suo sasso; -Il Serchio al quale hanno attinto i miei avi; -La Senna nella quale mi sono rimescolato e conosciuto La mia vita è rispecchiata nei miei 4 fiumi: -Il Nilo che mi ha visto nascere e crescere; -LIsonzo che mi ha levigato come un suo sasso; -Il Serchio al quale hanno attinto i miei avi; -La Senna nella quale mi sono rimescolato e conosciuto Giuseppe Ungaretti

18 POPOLO DI EMIGRANTI

19 riduzione della domanda di lavoro industriale soprattutto in Germania e in Francia miglioramento delle condizioni di reddito nel Mezzogiorno (crescita economica Italiana) londata migratoria si riduce drasticamente FASI STORICHE DELLEMIGRAZIONE ITALIANA

20 Riduzione della pressione demografica sulla terra Innalzamento del livello di vita dei contadini e della loro istruzione grazie alle rimesse degli emigrati Il denaro delle rimesse circolò in Italia aumentando i consumi e creando un mercato interno Gli emigranti erano contadini, artigiani e disoccupati costretti a vivere in povertà. I vecchi mestieri stavano scomparendo creando un eccedenza di manodopera emigrazione inizialmente dalle regioni del nord per poi dilagare nel Mezzogiorno.

21 POPOLO DI IMMIGRATI

22

23 Multiculturalità e multietnicità Manodopera a basso costo che ricopre lavori non ambiti dagli italiani Crescita della popolazione UN VANTAGGIO (visione ottimista) Paura derivante dalla crisi economica per il quale gli stranieri potrebbero sottrarre posti di lavoro agli italiani Eccessivi flussi Criminalità spinta dalla povertà Nuovi schiavi UNO SVANTAGGIO (visione pessimista)


Scaricare ppt "A cura di: Nicolò Borghi Classe 5B IGEA ITC Jean Monnet Anno Scolastico 2011-2012 INTRO."

Presentazioni simili


Annunci Google