La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gruppo Regionale Gruppo Regionale Friuli Venezia Giulia Friuli Venezia Giulia Udine 20 febbraio 2010 Assemblea UCID.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gruppo Regionale Gruppo Regionale Friuli Venezia Giulia Friuli Venezia Giulia Udine 20 febbraio 2010 Assemblea UCID."— Transcript della presentazione:

1 Gruppo Regionale Gruppo Regionale Friuli Venezia Giulia Friuli Venezia Giulia Udine 20 febbraio 2010 Assemblea UCID

2 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti RIFLESSIONI E PROPOSTE PER UN RILANCIO DELLATTIVITÀ 2010/ febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 2 Sezioni di GORIZIA PORDENONE TOLMEZZO TRIESTE UDINE

3 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti A quasi un mese di distanza, desideravo ringraziare tutti i partecipanti allAssemblea Regionale svoltasi in Udine, per la fiducia espressami in quelloccasione con la nomina a Presidente Regionale dellUCID. È un incarico al quale spero, nonostante i miei vari limiti, di poter assolvere confidando nel prezioso quanto indispensabile contributo ed impegno di tutti i soci UCID della regione per poter rinvigorire lAssociazione a cui aderiamo. Ciò, non per un mero processo di crescita associativo che, peraltro, qualsiasi organizzazione generalmente auspica o prevede nei piani di sviluppo, quanto soprattutto per contribuire a favorire la crescita, nellimpresa e nelle attività professionali, dei valori di una vera comunità cristiana di persone nel rispetto della dignità individuale e delletica che vada oltre la deontologia professionale. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 3

4 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Nel corso dellAssemblea è emerso, in modo inequivocabile e anche con la giusta passione da parte di Tutti, il desiderio di rimettersi in discussione, evitando di essere autoreferenziali, nonché di studiare e realizzare ulteriori iniziative che ispirino le attività imprenditoriali ai principi della Dottrina Sociale della Chiesa, assicurando unefficace collaborazione tra i diversi soggetti dellimpresa, e ponendo la persona al centro di ogni attività economica e produttiva. Per far ciò, probabilmente, sarà anche necessario poter ulteriormente qualificare lattività degli associati con formazione non solo manageriale, ma spirituale e morale, analizzando i problemi del lavoro al fine di suggerire orientamenti per una valida azione sociale. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 4

5 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Ma prima di poter organizzare aggiuntivi momenti spirituali, corsi di formazione, convegni, tavole rotonde, incontri, etc, sui temi ad impatto sociale ed economico e di maggiore attualità ed urgenza anche attraverso lanalisi e la soluzione dei problemi che interessano le nostre realtà diocesane, può essere realmente utile riprendere il contributo fornito in Assemblea dallamico Renzo Andreello, contributo che ripropongo, con il Suo consenso, in un versione slide da me elaborata. Ancora un caro saluto a Tutti Giampaolo Centrone 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 5

6 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Schema di riflessione 6 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 20 febbraio 2010 Prima parte La situazione attuale La situazione attuale Le origini della crisi Le origini della crisi Seconda parte Chi siamo? Chi siamo? Che idea abbiamo di associazione? Che idea abbiamo di associazione? Chi vogliamo essere? Chi vogliamo essere? Risaliamo alla fonte Risaliamo alla fonte Terza parte Da dove ripartire? Da dove ripartire? Guardiamoci attorno Guardiamoci attorno Ripensare lidea di associazione? Ripensare lidea di associazione? Non basta Non basta Chi ci guiderà Chi ci guiderà Quarta parte Possibili progetti Possibili progetti Le risorse disponibili Le risorse disponibili Contributo di Renzo Andreello

7 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Premessa metodologica il metodo della domanda Nel corso dellintervento, si affronterà il tema usando prevalentemente il metodo della domanda. È il modo più efficace per riflettere sulla complessità dei problemi e individuare gli elementi più per la soluzione da adottare. Ognuno si dà le sue riposte. Alla fine, ognuno da il suo contributo tramite osservazioni e proposte. Insieme potranno essere tratte le conclusioni finali. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 7

8 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Prima parte: la situazione attuale a) Aspetti di una crisi in atto: constatazioni già fatte Progressiva riduzione del numero degli associati. Difficoltà di raccogliere le quote di adesione annuale. Scarsa partecipazione alle riunioni di Sezione e alle iniziative regionali o di altre Sezioni. Difficoltà di raccogliere presenze anche agli incontri di Pasqua e Natale. Poca partecipazione di pubblico alle iniziative rivolte ai non associati. Nessun coordinamento con le Aggregazioni cattoliche. Lattività dellUCID non fa parte del Piano pastorale della Diocesi. Difficoltà di dialogo con le Associazioni di Categoria e Sindacali: Industria, Agricoltura e Commercio, Federmanager. Mancanza di ricambio generazionale. Assenza, da sempre, nellassociazione della componente femminile. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 8

9 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Prima parte: la situazione attuale Aspetti di una crisi in atto: constatazioni già fatte Unimportante nota positiva: Ci stiamo interrogando sulla situazione….. non è poco!!! non è poco!!! 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 9

10 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Prima parte: la situazione attuale b) Le origini della crisi Dove cercare le cause di questa crisi? allinterno dellAssociazione? allesterno, nella società che è cambiata? 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 10

11 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Prima parte: la situazione attuale b) Le origini della crisi Guardiamo allinterno Perché i soci sono poco presenti? È solo mancanza dimpegno? Di buona volontà? Perché la gente non partecipa alle iniziative? Per mancanza dinteresse? Di tempo? Cè qualcosaltro, di più profondo, che ci sfugge? È sempre stato così? È cambiato il modo di essere dellUCID? Cosè cambiato? È cambiata la società? Il ritmo della vita? Sono cambiati i valori? 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 11

12 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Prima parte: la situazione attuale b) Le origini della crisi Guardiamo lUCID in rapporto allesterno: Rispetto alla società di oggi: Il modello associativo dellUCID è ancora valido? Deve essere rivisto? Riconsiderato? Che cosa dobbiamo riconsiderare? Da dove partire? 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 12

13 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Prima parte: la situazione attuale b) Le origini della crisi Che cosè lUCID, oggi, visto da fuori? Rispetto alla società di oggi, qualè: la sua presenza, la sua presenza, la sua missione, la sua missione, il suo ruolo: il suo ruolo: Nella Chiesa locale? Verso il mondo del lavoro, le istituzioni, la società? 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 13

14 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Prima parte: la situazione attuale b) Le origini della crisi Come ci consideriamo? Nel rapporto tra noi, in associazione, con i colleghi delle altre Sezioni, come ci percepiamo? Come persone, professionisti, imprenditori, dirigenti, Come cristiani impegnati, che immagine abbiamo di noi stessi? Che rapporto cè tra noi e con i soci delle altre Sezioni? Quanto ci conosciamo? Condividiamo veramente un ideale? Abbiamo un ideale? Siamo ancora estranei gli uni agli altri? 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 14

15 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Prima parte: la situazione attuale b) Le origini della crisi Che idea abbiamo della nostra Associazione Certamente unidea tradizionale di Associazione… legata più al numero dei tesserati e alle quote pagate; limitata al semplice dovere di presenza alle poche e tradizionali riunioni; semplicemente normale, poco orientata allessere e al fare; che va in crisi, soprattutto verso lUCID nazionale, se i soci diminuiscono di numero e calano le quote associative. Secondo questa idea, il singolo socio si ritiene a posto, come ucidino, perché con la sua presenza è convinto di esserci, di partecipare e non importa se non è attivo ciò, alla fine, non sempre potrebbe dipendere da lui. Anche allinterno dei Direttivi di Sezione può succedere questo. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 15

16 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Prima parte: la situazione attuale b) Le origini della crisi Che idea abbiamo della nostra Associazione In sintesi, ancor oggi potremmo adagiarci in: unidea di Associazione-del-quieto-vivere, alla quale può bastare un minimo di attività per esistere; associazione sostanzialmente chiusa in se stessa unidea di associazione sostanzialmente chiusa in se stessa, che va bene anche se non ha una particolare attrattività non ha un progetto, un vero programma e degli obiettivi sui quali coinvolgere gli associati. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 16

17 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Seconda parte: CHI SIAMO? Proviamo a guardarci con locchio di Dio Come persone Quanti doni (talenti) abbiamo avuto: Dalla natura? Dalla famiglia? Dalla famiglia? Dagli amici? Dagli amici? Dalla società? Dalla società? 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 17

18 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Seconda parte: CHI SIAMO? Proviamo a guardarci con locchio di Dio Come cristiani Quante grazie abbiamo ricevuto dal Signore tramite la famiglia, gli amici, la parrocchia, le associazioni, la Chiesa? La ricchezza che cè in noi, quello che abbiamo ricevuto, appartiene solo a noi? 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 18

19 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Seconda parte: CHI SIAMO? Proviamo a guardarci con locchio di Dio Come professionisti, imprenditori, dirigenti Abbiamo la percezione della ricchezza di esperienze che abbiamo maturato? È solo patrimonio nostro? Può servire ad altri? Abbiamo un dovere di reciprocità verso la società? 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 19

20 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Seconda parte: CHI SIAMO? Proviamo a guardarci con locchio di Dio Come ucidini Ci siamo mai chiesto perché facciamo parte di questassociazione? Chi ha guidato i nostri passi? Che senso ha lessere ucidino per me, per noi, nel profondo nostro? Mi sento solo un utente, o un chiamato? Ce lo siamo mai chiesto? 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 20

21 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Seconda parte: CHI SIAMO? Proviamo a guardarci con locchio di Dio Come sezioni Abbiamo mai pensato alla ricchezza di esperienze spirituali, morali, di lavoro, che cè in ciascuno di noi, nei soci di una Sezione e nellinsieme delle Sezioni? Certamente una ricchezza inestimabile! 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 21

22 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Seconda parte: CHI SIAMO? Ma tutto ciò è visibile? Oppure è nascosto, non disponibile, né allinterno dellAssociazione, né per gli altri. E se la nostra testimonianza, lesperienza cristiana, lopera di Dio in noi, fosse portata alla luce, utilizzata come dono agli altri, non potrebbe essere questo tesoro, questa ricchezza, che ci è stata data, un buon motivo per stare meglio insieme, per sentirci veramente uniti, per essere UCID non solo di nome? 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 22

23 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Seconda parte: CHI SIAMO? Come Gruppo regionale Cambierebbe il ruolo degli assistenti ecclesiastici e di coordinamento del Gruppo regionale se decidessimo di mettere a disposizione degli amici la ricchezza di vita che è depositata in noi? Non potrebbe essere questa la via per aprirci al coinvolgimento, alla disponibilità, alla reciprocità? Mission Come cambierebbero le nostre riunioni, i nostri incontri, la visione del nostro ruolo, la nostra Mission, se tutto ciò si realizzasse? 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 23

24 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Seconda parte: CHI SIAMO? Ma è possibile tutto questo, da parte nostra? Stiamo sognando? Quali possibilità abbiamo? *** Poniamoci ancora una domanda: Chi vogliamo essere? 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 24

25 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Seconda parte: CHI SIAMO? Chi vogliamo essere? Come persone, cittadini, cristiani e come associati, o associazione: – in famiglia – nellimpresa, nel lavoro? – nella società? – nella diocesi? – nella regione? Le risposte giuste possono essere trovate risalendo alla fonte. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 25

26 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Seconda parte: CHI SIAMO? 1.la conoscenza della Dottrina sociale cristiana; 2.la formazione spirituale; 3.lorganizzazione diniziative volte a: a)ispirare lattività delle imprese ai principi della Dottrina sociale della Chiesa b)promuovere la collaborazione fra i soggetti dellimpresa ponendo la persona al centro dellattività economica; 4.la collaborazione con la Conferenza Episcopale Italiana e gli altri movimenti ecclesiali; 5.le relazioni con enti, organizzazioni e istituzioni per lattuazione degli scopi statutari; 6.i rapporti e le collaborazioni con lUniapac. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 26 LUCID ha le finalità di promuovere:

27 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Seconda parte: CHI SIAMO? 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 27 LUCID ha come Mission: 1.promuovere limpegno per la realizzazione del bene comune; 2.porre, al servizio della comunità, lesperienza, la conoscenza e la riflessione che derivano dalle attività imprenditoriali e professionali dei Soci; 3.promuovere il Vangelo e la Dottrina Sociale della Chiesa come riferimenti costanti: a)per la formazione spirituale dei Soci e b)Per la testimonianza dei valori cristiani nellimpresa, nelle attività professionali, nella famiglia e nella società.

28 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Seconda parte: CHI SIAMO? la centralità della persona umana, lequilibrato utilizzo dei beni della terra il sano e corretto esercizio dellimpresa e della professione, il favorire il progresso economico e sociale dei diversi livelli di comunità; il sostegno in spirito di solidarietà al diritto dei più bisognosi; l più ampio ricorso, in unottica di servizio, alla sussidiarietà; la propagazione del Vangelo e dei valori cristiani nellimpresa, nella famiglia e nella società, secondo le indicazioni della Dottrina Sociale della Chiesa, in coerenza con il ruolo missionario che la Chiesa affida ad ogni suo fedele. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 28 LUCID ha come Valori di riferimento:

29 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Terza parte: da dove ripartire Guardiamoci attorno Comè la realtà sociale oggi? Cosè cambiato? La Visione della vita? I Valori della società? della persona? della famiglia? del lavoro ? dell economia? della politica? Quali sono gli aspetti positivi della società doggi? Come UCID abbiamo un ruolo in questa realtà? 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 29

30 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Quarta parte: La PROPOSTA Il Modello A) LAssociazione è orientata prevalentemente alla formazione degli associati. Il Modello B) LAssociazione, aperta allesterno, è orientata prevalentemente allapostolato, allazione verso lesterno. Il Modello C) È lAssociazione che esprime entrambe le vocazioni: – la crescita spirituale dei soci – la loro presenza attiva nella società. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 30

31 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Quarta parte: La PROPOSTA Dalla scelta del tipo di modello deriva: la definizione delle priorità e degli obiettivi; limpostazione delle attività; le modalità dimpegno. È la scelta del tipo di attività, che determina lorientamento al Modello associativo. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 31

32 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Quarta parte: La PROPOSTA Sono di tipo A) Le riunioni su temi di Spiritualità, di Dottrina sociale, di formazione in generale, riservate ai soci e ai familiari. Le celebrazioni liturgiche comunitarie. Lo sviluppo dei rapporti personali tra associati e simpatizzanti. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 32

33 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Quarta parte: La PROPOSTA Sono di tipo B) La promozione di incontri, conferenze, dibattiti e convegni aperti al pubblico, su problemi sociali, temi dattualità e dinteresse generale. I rapporti istituzionali di collegamento con associazioni cattoliche, associazioni laiche, Istituzioni. Le iniziative a sostegno delloccupazione, delle opere di solidarietà sociale, della mini imprenditorialità, ecc. Le iniziative per la promozione delletica cristiana e della Dottrina Sociale della Chiesa, nelle aziende, nei servizi pubblici, nelle istituzioni. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 33

34 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Quarta parte: La PROPOSTA Ma soprattutto Ma soprattutto: per uscire dalla crisi dobbiamo prendere Lui consapevolezza di quanto Lui ci ha già detto: Senza di me non potete far nullaSenza di me non potete far nulla è da qui, LUI cioè da LUI, che dobbiamoRIPARTIRE! 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 34

35 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Quarta parte: indicazioni per lattività futura a) Possibili progetti CONOSCERSI 1.Progetto CONOSCERSI – Realizzare la banca dati soci tramite questionari o interviste (dirette o via internet) al fine di creare le premesse per favorire la conoscenza reciproca e lo scambio dinformazioni, ma soprattutto per: rilevare esigenze, indicazioni e proposte con riferimento ai punti sopra esposti; realizzare linventario delle competenze e delle esperienze professionali dei singoli soci che può essere utile conoscere da parte degli altri associati; conoscere leventuale disponibilità a collaborare con le iniziative UCID. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 35

36 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Quarta parte: indicazioni per lattività futura a) Possibili progetti SIRI 2.Progetto SIRI – Seminario itinerante – Seminario itinerante per imprenditori, dirigenti e professionisti per lapprofondimento del Quadro di Riferimento UCID su Responsabilità Imprenditoriale per il Bene Comune Responsabilità Imprenditoriale per il Bene Comune – La proposta prevede un programma di tre giornate in tre mesi. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 36

37 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Quarta parte: indicazioni per lattività futura a) Possibili progetti ECOMIA e CIVILTÀ 3.Progetto ECOMIA e CIVILTÀ Un programma di formazione che può essere proposto innanzi tutto ai soci UCID e alle parrocchie e alle associazioni. È prevista la formazioni di un primo nucleo di animatori per lutilizzo del programma. M ODULO 1 - LAVORO E PROPRIETÀ: UNO SGUARDO STORICO E BRAISMO E CRISTIANESIMO E BRAISMO E CRISTIANESIMO D AL MEDIOEVO ALLA RIFORMA D AL MEDIOEVO ALLA RIFORMA L A RIVOLUZIONE INDUSTRIALE L A RIVOLUZIONE INDUSTRIALE I L MOVIMENTO CATTOLICO I L MOVIMENTO CATTOLICO M ARX ED I REGIMI SOCIALISTI. M ARX ED I REGIMI SOCIALISTI. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 37

38 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Quarta parte: indicazioni per lattività futura a) Possibili progetti ECOMIA e CIVILTÀ 3.Progetto ECOMIA e CIVILTÀ Un programma di formazione che può essere proposto innanzi tutto ai soci UCID e alle parrocchie e alle associazioni. È prevista la formazioni di un primo nucleo di animatori per lutilizzo del programma. M ODULO 2 – CAPITALISMO E IMPRESA: LA REALTÀ ECONOMICA OGGI CAPITALISMO O CAPITALISMI CAPITALISMO O CAPITALISMI IL MERCATO IL MERCATO IMPRENDITORI E IMPRESE IMPRENDITORI E IMPRESE ECONOMIA DI COMUNIONE ECONOMIA DI COMUNIONE 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 38

39 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Quarta parte: indicazioni per lattività futura a) Possibili progetti ECOMIA e CIVILTÀ 3.Progetto ECOMIA e CIVILTÀ Un programma di formazione che può essere proposto innanzi tutto ai soci UCID e alle parrocchie e alle associazioni. È prevista la formazioni di un primo nucleo di animatori per lutilizzo del programma. M ODULO 3 – SVILUPPO E NON SVILUPPO: LA REALTÀ DEL MONDO DIRITTI UMANI E SVILUPPO DIRITTI UMANI E SVILUPPO I VOLTI DELLA GLOBALIZZAZIONE I VOLTI DELLA GLOBALIZZAZIONE COOPERAZ. INTERNAZ. ED INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO COOPERAZ. INTERNAZ. ED INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO UN MODELLO INSOSTENIBILE UN MODELLO INSOSTENIBILE FINANZA E SPECULA FINANZA E SPECULA 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 39

40 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Quarta parte: indicazioni per lattività futura a) Possibili progetti ECOMIA e CIVILTÀ 3.Progetto ECOMIA e CIVILTÀ Un programma di formazione che può essere proposto innanzi tutto ai soci UCID e alle parrocchie e alle associazioni. È prevista la formazioni di un primo nucleo di animatori per lutilizzo del programma. M ODULO 4 – LA SOCIETÀ SOLIDALE: PROSPETTIVE DI SOLIDARIETÀ DIRITTI SOCIALI E STATO SOCIALE DIRITTI SOCIALI E STATO SOCIALE TERZO SETTORE E SUSSIDIARIETÀ TERZO SETTORE E SUSSIDIARIETÀ IL VOLONTARIATO IL VOLONTARIATO GLI STILI DI VITA GLI STILI DI VITA 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 40

41 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Quarta parte: indicazioni per lattività futura a) Possibili progetti ETICA in Friuli Venezia Giulia Progetto ETICA in Friuli Venezia Giulia Attività finanziabili tramite la Regione o i fondi CEE Abbiamo una grande opportunità: la presenza tra noi di Mons. Giampaolo Crepaldi, lattuale vescovo di Trieste. Possiamo programmare, con lui, un incontro dellUCID, a livello regionale, per individuare, con la sua assistenza, le direttrici del nostro impegno, nei prossimi tre anni. Considerata la crisi di valori che sta attraversando la nostra società, si potrebbe pensare, con lassistenza di Mons. Crepaldi, dei vescovi della regione e della Presidenza dellUCID nazionale, allistituzione di un Premio Regionale UCID ad aziende, enti pubblici o privati, particolarmente meritevoli nel rispetto e nella promozione dei valori etici nella realtà sociale. Il programma potrebbe essere realizzato con il sostegno di una fondazione, di alcune banche o di un gruppo daziende. Sarebbe il primo passo in vista della definizione di una procedura per la Certificazione Etica delle imprese e degli enti di amministrazione pubblica nella nostra regione. Il progetto potrebbe essere realizzato con la costituzione di unUnità di Certificazione, senza fini di lucro, affidata a un Consiglio appositamente costituito. Il progetto dovrebbe essere preceduto da unindagine presso aziende, enti pubblici, istituzioni, sui problemi delletica Unitamente a questo programma si può pensare allistituzione di un corso, annuale o biennale, post laurea per la formazione di Tecnici della Certificazione etica Dal Friuli Venezia Giulia il progetto potrebbe essere proposto alle altre Regioni tramite lUCID Nazionale. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 41

42 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Quarta parte: indicazioni per lattività futura b) Le risorse disponibili LUCID nazionale LUCID nazionale I Centro SIRI, I Centro SIRI, lOsservatorio Internazionale Van Tuan, lOsservatorio Internazionale Van Tuan, il Movimento dei Focolari il Movimento dei Focolari I nostri Vescovi I nostri Vescovi Ma, in particolare, il nuovo vescovo di Trieste, Mons. Giampaolo Crepaldi, già segretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace,... Ma, in particolare, il nuovo vescovo di Trieste, Mons. Giampaolo Crepaldi, già segretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace,... ……. ……. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 42

43 UCID - Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti Quarta parte: indicazioni per lattività futura Riepilogo: Riepilogo: Fasi del Progetto Etica in Friuli Venezia Giulia Progetto SIRI Interessare una Fondazione e/o enti vari per la sponsorizzazione del progetto: La certificazione etica delle strutture pubbliche di servizio o delle aziende. Indagine presso imprenditori e manager su esigenze di Etica nella società attuale. Individuazione di aziende enti meritevoli di segnalazione. Scelta dellazienda da premiare. Creazione del gruppo di studio, per la definizione della procedura di certificazione etica, in collaborazione con UCID Nazionale e Centro SIRI. Organizzazione della scuola di consulenti e certificatori delletica. Creazione dello staff di certificazione. Creazione banca dati UCID con profilo dei soci e delle Aziende segnalabili. Creazione dellalbo di professionisti o aziende certificate. Creazione del sistema informativo per la segnalazione e lutilizzo delle competenze dei soci e delle aziende o enti certificati. 20 febbraio 2010 ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG 43

44 Fine presentazione Grazie dellattenzione 20 febbraio 2010ASSEMBLEA GRUPPO REGIONALE FVG44


Scaricare ppt "Gruppo Regionale Gruppo Regionale Friuli Venezia Giulia Friuli Venezia Giulia Udine 20 febbraio 2010 Assemblea UCID."

Presentazioni simili


Annunci Google