La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Questo paese fu il luogo testimone dello svolgersi della vita di Maria Domenica Mazzarello per 42 anni. Per Main, Mornese fu una porta aperta, che allargò

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Questo paese fu il luogo testimone dello svolgersi della vita di Maria Domenica Mazzarello per 42 anni. Per Main, Mornese fu una porta aperta, che allargò"— Transcript della presentazione:

1

2 Questo paese fu il luogo testimone dello svolgersi della vita di Maria Domenica Mazzarello per 42 anni. Per Main, Mornese fu una porta aperta, che allargò il cuore agli orizzonti del mondo.

3 In questo luogo, immerso nel silenzio, nel verde delle viti incastonate sui fianchi della cascina, Maria Domenica, ha vissuto intensamente la sua giovinezza. Alla scuola del silenzio ha imparato il prezioso valore della vita…

4 …ha imparato a tessere relazioni profonde con Dio… …ha imparato lapertura della mente e del cuore per accogliere tutti.

5 Una piccola finestrella al lato occidentale della cascina: occhio di fuoco per incendiare damore lorizzonte. Lì Maria Domenica aveva scelto di chiudere le sue giornate intense di lavoro e sacrificio.

6 Alla sera andava alla finestra dove le pareva di intravedere la luce del Tabernacolo, e con lei radunava tutta la famiglia.

7 quella contemplazione che si fa carico dei fratelli, e prima di partire al mattino per la Parrocchia, già aveva preparato la giornata lavorativa in casa e nella vigna. Qui alla Valponasca, dove solo il vento che soffia in tutte le direzioni rompe il silenzio, Maria domenica ha imparato

8 La parrocchia vide nascere, alimentarsi e fiorire la santità di Maria Domenica. Qui, alla scuola di d. Pestarino, Main imparò la via dellintimità con Dio, tanto da arrivare, dopo la malattia, a pronunciare la preghiera che diede una svolta alla sua vita: Signore, se mi date ancora un po di vita, fate che io sia dimenticata da tutti. Io sono contenta di essere ricordata solo da voi.

9 Davanti al portale, Main rimase inginocchiata anche nelle gelide albe invernali in attesa che esso si aprisse. Il faticoso pellegrinare mattutino fino alla parrocchia per partecipare alla celbrazione eucaristica testimonia la sua volontà di configurazione a Cristo e partecipazione al suo amore redentivo.

10 Laltare maggiore, il punto focale dove convergevano le aspirazioni di Maria adolescente e poi giovane. Qui ella attingeva la forza e lamore di cui arricchiva il suo lavoro tra i vigneti e la sua gioiosa attività tra le ragazzine del paese.

11 tabernacolo Il tabernacolo : punto di riferimento dellincontro mattutino e vespertino con Cristo e centro dellintera esistenza. E proprio questo stare alla presenza di Dio che ha permesso a Madre Mazzarello di unificare tutto il suo essere nel Signore, di ricevere il dono della sapienza che apre ad una conoscenza esperienziale del mistero di Dio, che labilita a una famigliarità con il divino, vedendo la realtà umana nella visione di Dio.

12 Passava un giorno per la collinetta di Borgoalto, quando le parve di vedersi di fronte un gran caseggiato con tutta lapparenza esteriore di un collegio con numerose giovinette. Si fermò a guardare piena di stupore e disse fra sé: Cosa è mai questo che vedo? Qui non cè mai stato un palazzo. Che succede? E sentì come una voce:

13 Il 7 ottobre 1864 don Bosco arrivò a Mornese Le Figlie dellImmacolata erano felici, ma nessuna come Maria che a tutti diceva: Don Bosco è un santo e io lo sento. Tutto il popolo gli veniva incontro, preceduto dal parroco e da d. Pestarino.

14 Il Collegio, voluto da d. Bosco per i ragazzi di Mornese divenne invece, attraverso varie vicende note a Dio solo e sofferte dal cuore di don Pestarino, la prima casa stabile di Maria e delle sue compagne.

15 5 agosto 1872 Il 5 agosto 1872 nella cappella del Collegio si intona il Veni Creator Spiritus; le quindici fortunate, nel loro migliore abbigliamento secolare e con locchio sfavillante di gioia sfilano recando sulle braccia labito religioso e vanno a inginocchiarsi allaltare. La voce di Maria Domenica energica, benché commossa, risuonò: Io, sr Maria Domenica Mazzarello (…) faccio voto di castità, povertà e obbedienza (…).

16 Toccò a d. Bosco fare lomelia: Ecco, tutto quello che siamo e abbiamo fatto di bene lo dobbiamo a Maria Ausiliatrice. Desidero perciò che voi siate il monumento vivente della nostra riconoscenza verso questa buona Madre. Sì, questo monumento sono le Figlie di Maria Ausiliatrice

17 Nel cortile del Collegio si trova un pozzo, simbolo di una vita povera, sacrificata, ma limpida e gioiosa. Attorno ad esso sr Maria Domenica Mazzarello fermava tante volte qualche suora e ragazza per offrire loro non soltanto il ristoro dellacqua, ma anche della sua materna bontà, che sapeva arrivare a tutte e al momento opportuno.

18 ANDATE ANDATE ! A Mornese tutte volevano essere missionarie e molte ne facevano domanda. Avremmo voluto ricostruire Mornese… ma dovevamo lottare con la povertà, con la lingua, con il sospetto della gente, a volte. La Madre ci incoraggiava da lontano: Un poco per volta farete tutto.

19 LO SPIRITO DI MORNESE Grande obbedienza, semplicità, esattezza alla Santa Regola; ammirabile raccoglimento e silenzio; spirito di orazione e di mortificazione, candore e innocenza; amore fraterno nel conversare, gioia e allegria così serena che pareva un ambiente di Paradiso. Non si pensava, né si parlava che di Dio e del suo santo amore, di amare Maria, S. Giuseppe e lAngelo Custode, e si lavorava sempre sotto i loro dolcissimi sguardi, come fossero lì presenti,e non si avevano altre mire. Come era bella la vita!


Scaricare ppt "Questo paese fu il luogo testimone dello svolgersi della vita di Maria Domenica Mazzarello per 42 anni. Per Main, Mornese fu una porta aperta, che allargò"

Presentazioni simili


Annunci Google