La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ti presento la mia scuola Scuola primaria parrocchiale paritaria Noemi Nigris - FAGAGNA Entra prego!

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ti presento la mia scuola Scuola primaria parrocchiale paritaria Noemi Nigris - FAGAGNA Entra prego!"— Transcript della presentazione:

1

2 Ti presento la mia scuola Scuola primaria parrocchiale paritaria Noemi Nigris - FAGAGNA Entra prego!

3 Vorremmo invitarti a scoprire il nostro mondo, quello che ogni giorno facciamo, quello che impariamo e tutte le persone che ci aiutano nelle nostre scoperte quotidiane.

4 Home page FIN E

5 Dove? La scuola elementare Noemi Nigris si trova a Fagagna, un ridente paese collinare del Friuli Venezia Giulia, poco distante da Udine. Scuola primaria parrocchiale paritariaNoemi Nigris Via Umberto 1°, Fagagna Tel Clicca qui Clicca qui se non sai se non sai dovè Fagagna dovè Fagagna Clicca qui Clicca qui se non sai se non sai dovè la scuola dovè la scuola Venite a trovarci! A Fagagna, oltre alla nostra scuola, potete visitare… Clicca qui Clicca qui se vuoi sapere se vuoi sapere comè la scuola comè la scuola

6 Mappa del Friuli Qui cè Fagagna

7 Mappa di Fagagna Qui cè la nostra scuola

8 A Fagagna, oltre alla scuola …la via Cecconaia, un vicolo tipico al centro di Fagagna. … il castello di Fagagna che dall alto della collina domina tutto il paese. …loasi delle cicogne, che ospita molte specie di uccelli … Cjase Cocel, un museo della vita contadina di una volta

9 La nostra scuola Ledificio è abbastanza grande ed è unito al convento delle suore, con un ingresso indipendente, però. Al piano terra entriamo in un atrio luminoso e colorato di verde e giallo, decorato con simpatici disegni. Qui, la mattina, i bambini di tutte le classi, con grembiule blu per i maschi e bianco per le femmine, aspettano le maestre per poi salire nelle aule. Oltre allatrio, il piano terra comprende due bagni, la mensa, laule delle insegnanti, dove le maestre discutono e complottano e la direzione, regno della direttrice e della sua fida segretaria. Al piano superiore si trovano sei aule, una delle quali dedicata alle attività informatiche. Questultima, non molto ampia, è attrezzata con sei tavoloni bianchi su ognuno dei quali sono appoggiati due computer a schermo piatto. Qui impariamo ad utilizzare diversi programmi, tra cui Word, Power Point, Paint… e svolgiamo ricerche guidate sulla rete. Le nostre aule sono luminose e colorate, grazie ai cartelloni e ai disegni preparati dalle maestre e dai bambini. Nellatrio che separa le aule di I, II e III da quelle di IV e V, si trova una libreria che possiamo consultare liberamente. Quando piove, i più grandini trascorrono le ricreazioni in questo atrio. Talvolta ci riuniamo lì per guardare filmati o per svolgere attività manuali.

10 Il campo giochi Passiamo ora alla descrizione del luogo che forse ogni bambino ama di più: il mitico campetto. Eun vastissimo spazio verde e alberato in cui ci scateniamo ad ogni ricreazione. Qui possiamo trovare scivoli, altalene, la sabbionaia con tutti gli attrezzi per giocare, un grande campo di calcio dove i bambini si sfidano in interminabili partite, un campetto da basket e da palla- volo di cemento. A noi piace il campetto perché possiamo giocare liberamente e scatenare la nostra fantasia. Invece quando dobbiamo rimanere nellatrio perché piove, ci dobbiamo limitare ad uno spazio molto piccolo. Questa scuola è molto bella, veniteci presto, vi aspettiamo perché vogliamo conoscervi!

11 I nostri orari C o n l e n o s t r e u r l a e g l i s c h i a m a z z i f a c c i a m o t r e m a r e i m u r i d a l l u n e d ì a l v e n e r d ì, d a l l e a l l e , c o n u n a b r e v e p a u s a a l l e e u n a p i ù l u n g a d o p o i l p r a n z o, m o m e n t o i n c u i c i r i v i t a l i z z i a m o e c i r i f o c i l l i a m o. Per venire incontro alle esigenze delle famiglie, la scuola accoglie i bambini dalle ore 7.20 al mattino e garantisce inoltre un servizio di sorveglianza dalle alle 17.00, nel pomeriggio.

12 Le nostre attività In tutti i cinque anni della scuola primaria vengono affiancati alle attività curricolari i laboratori di recupero e rinforzo della lingua italiana e di matematica. Nel secondo biennio inoltre, si svolgono attività specifiche miranti allo sviluppo del ragionamento nellambito matematico. Lapprendimento della lingua inglese introdotta nel curricolo dalla classe prima, prevede un approccio graduale alla cultura britannica, attraverso attività ludiche ed esperienze pratiche. Nel secondo biennio gli alunni possono seguire un corso facoltativo di lingua tedesca, basato esclusivamente su attività ludiche. Durante lanno scolastico, diverse gite permettono agli alunni di conoscere meglio lambiente che li circonda.

13 Attività facoltative Cè, durante la settimana, un pomeriggio davvero speciale. Alcuni scolari decidono di restare a casa, gli altri invece stanno a scuola e, guidati da simpaticissimi insegnanti, si cimentano in nuove scoperte: diventano cavalieri nellora di scherma, scienziati pazzi con il maestro Manuel, vigili intransigenti nellora di educazione stradale, cuochi pasticcioni, sarti precisi e i più grandi di noi scoprono un po di Germania imparando il tedesco. Ma le attività non finiscono qua; ce nè ancora una che vogliamo raccontare: durante la settimana successiva alla chiusura della scuola, quando ormai i nostri cervelli sono fusi, ci sfoghiamo e liberiamo le ultime energie al Campus, grazie ad attività rilassanti come il calcio, la scherma, il tennis, attività creative ed esperimenti. Eh sì, in questa scuola non ci si annoia mai!

14 Sport a scuola A pochi metri dalla scuola si trova la palestra, dove andiamo a fare ginnastica. Questa palestra, collocata in un edificio nuovo, è attrezzata con materiali nuovi e colorati: reti per il go-back, birilli, palline di spugna, canestri, assi dequilibrio, corde per saltare,… Oltre alle attività artistiche, ci dedichiamo anche allo sport. Il maestro Piero, con simpatia e con determinazione, insegna go-back e tennis e affianca le insegnanti durante le lezioni di educazione motoria. Inoltre, per due mesi allanno, dalla terra ferma, trasformati in pesciolini, nuotiamo all Aquarius di Magnano in Riviera.

15 Le nostre recite In occasione del Natale e per festeggiare la fine della scuola, allestiamo delle recite stratosferiche con tanto di dialoghi, balletti, costumi, emozioni, splendide scenografie e … tanto, tanto pubblico! In mezzo a tutto questo lavoro, per le festività più importanti, riusciamo a preparare fantasiosi lavoretti che di solito portiamo a casa; questanno invece sono stati venduti al mercatino del paese e, con i soldi ricavati, Don Armando potrà aiutare molti bambini del Camerun.

16 Accanto a noi Don Adriano Maestre Genitori direttrice Addette mensa Suor e

17 Le maestre Ecco le maestre: giovani, belle, simpatiche, esigenti, … …insomma brave! Le nostre maestre sono simpatiche e gentili, ma anche molto ferme su certi principi o idee. Tengono molto al rispetto che dobbiamo avere fra noi, sono molto esigenti anche per quanto riguarda lordine sui quaderni, il rispetto del materiale proprio o altrui. Le regole che stabiliamo insieme alle nostre maestre ci permettono di vivere serenamente, un po come una grande famiglia.

18 In mensa A mezzogiorno un orda di bambini affamati si riunisce in due stanze luminose, collegate fra loro, per condividere il pranzo. In tutto ci sono dodici tavoli bianchi, ognuno contornato da sette – otto sedie rosse. In questa mensa ci sono Barbara e Daniela che insieme a Gianna, leducatrice, ci servono piatti più o meno graditi; ci sfamano, ci viziano, quasi come fossero delle vere mamme! E se qualche cibo non ci piace? Un mini-assaggino è dobbligo… Talvolta poi qualcuno di noi cambia anche idea!

19 Suor Emanuele Ogni mattina Suor Emanuele, la superiora del convento, ci apre la porta accudendoci fino allarrivo delle maestre. Il venerdì mattina Suor Emanuele ci presenta il Vangelo della domenica e ce lo spiega attraverso alcune storie significative. In questa occasione siamo tutti riuniti nellatrio dove preghiamo e cantiamo.

20 I nostri genitori I nostri genitori partecipano alla vita della scuola. In ogni classe vengono eletti alcuni rappresentanti che, insieme alle maestre, organizzano diversi momenti di ritrovo. Tra questi: assemblee di classe, serate in pizzeria, gite, la festa della scuola… Questultima si svolge da alcuni anni nel parco festeggiamenti di Dignano. In questa occasione i genitori di classe quinta diventano veri attori per regalare ai figli un momento di allegria e salutare in modo simpatico la scuola, a conclusione dei cinque anni. Altri si improvvisano cuochi per soddisfare i palati più esigenti.

21 Don Adriano La nostra è una scuola legata alla parrocchia di San Giacomo, patrono della chiesa principale di Fagagna. La comunità cristiana del paese è guidata da Don Adriano che da sempre segue da vicino la vita della nostra scuola. E lui che si prende cura della nostra crescita spirituale, insieme alle Suore, che ci ricorda i valori fondamentali su cui si basa la nostra educazione: il rispetto delle altre persone, laccettazione dellaltro e la nostra crescita secondo lo spirito del Vangelo. Don Adriano inaugura ogni nuovo anno scolastico e lo conclude con una santa messa in cui anche noi siamo protagonisti con i nostri desideri, le nostre buone intenzioni e i nostri canti. Talvolta, durante lanno scolastico, Don Adriano ci fa una sorpresa e viene a bussare alle porte delle nostre aule per portarci il suo saluto e rallegrare le nostre lezioni con qualche storiella: ha sempre qualcosa da insegnarci.

22 La direttrice Salve ragazzi! Qualche volta mi piace paragonare la scuola a una bella nave da crociera. Ogni nuovo anno scolastico si parte.. la meta è più o meno la stessa, ma la rotta che percorriamo, i porti che tocchiamo cambiano sempre. Questo dipende da tante cose, da tante variabili. Innanzitutto dipende dai bambini, dagli alunni, che nella scuola portano esperienze, conoscenze, interessi, attitudini e abilità e così facendo suggeriscono alle insegnanti la rotta da seguire. Senza un equipaggio esperto e preparato, però, nessuna crociera può riuscire al meglio! E quindi le maestre hanno il ruolo fondamentale di seguire, capire e guidare i bimbi con la loro azione educativa. A loro sono richieste professionalità, adeguata preparazione culturale e soprattutto passione, cuore, e aggiungerei pazienza, per poter svolgere in maniera ottimale il proprio compito. La direttrice, che sono io, è come il capitano che guida la nave, coordina lequipaggio, osserva, ascolta e dialoga con i passeggeri e soprattutto con le loro famiglie. Forse qui sta lunica differenza tra una nave e la nostra scuola. Infatti i genitori alla Nigris, non sono i parenti che salutano dal molo i passeggeri e li guardano allontanarsi. Anzi, sono chiamati a partecipare alla vita scolastica dei loro figli in vari modi e in special modo sono chiamati a dialogare e condividere con le insegnanti le scelte educative fondamentali per dare loro le migliori opportunità di crescita. Siete pronti a partire con noi? Vi aspettiamo, certi che lesperienza sarà molto ricca. La direttrice, Lucia Battilana

23 Fine Queste pagine sono state realizzate da noi bambini di classe quarta e quinta con la partecipazione delle nostre insegnanti Chiara Marcotti, Maria Feruglio e Rachel Eve Boeglin. Se volete saperne di più, venite a trovarci! Anno scolastico 2004/2005


Scaricare ppt "Ti presento la mia scuola Scuola primaria parrocchiale paritaria Noemi Nigris - FAGAGNA Entra prego!"

Presentazioni simili


Annunci Google