La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AUTORE: BONAVIGO MARCO LOURDES LIMMACOLATA CONCEZIONE APPARE A BERNADETTE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AUTORE: BONAVIGO MARCO LOURDES LIMMACOLATA CONCEZIONE APPARE A BERNADETTE."— Transcript della presentazione:

1 AUTORE: BONAVIGO MARCO LOURDES LIMMACOLATA CONCEZIONE APPARE A BERNADETTE

2

3

4 Bernadette Soubirous Bernadette, nasce a Lourdes il 7 gennaio 1844, nel Mulino di Boly, da Francois Soubirous e Louise Castérot. Fu battezzata due giorni dopo, il 9, con i nomi Maria-Bernarda. Letto in cui è nata

5 Nellautunno del 1855, a 11 anni Bernadette si ammala di colera; guarisce, ma il suo corpo ne esce molto indebolito (stomaco e milza) e si ammala di unasma che laccompagnerà fino alla morte. E bisognosa di cure mediche frequenti, ma non sono sempre possibili a causa delle condizioni economiche della famiglia.

6 Intorno al 1854, cominciano i guai economici: il padre Francois, di animo buono, concedeva crediti sulla farina che produceva e quindi spesso non era pagato. Inizia un periodo che lo porterà al fallimento e a perdere il mulino dove abitavano. Nel 55 si trovano ad essere in 6 da sfamare, e il lavoro scarseggia.

7 Al cachot Nel novembre del 1856, vedendo le condizioni in cui riversavano, il cugino di Francois, Andrea Sajous, offre loro il Chacot (= cella) di sua proprietà e sotto casa sua: un ex- prigione molto umida e malsana (3,72 x 4,40 m.).

8

9

10

11 A Bartrès Per non pesare sulla famiglia, che vive un periodo di profonda povertà, nel settembre del 1857 Bernadette si trasferisce a Bartrès da Maria Languës, amica della madre Louise, che le fece da balia quandera piccolina, a causa della perdita del latte materno.

12 Maria Languës lassume come pastorella delle sue pecore e promette alla famiglia di darle uneducazione scolastica e di prepararla alla Prima Comunione. Due obiettivi questi che non andarono molto a buon fine per le difficoltà di Bernadette a memorizzare, mancando lallenamento allo studio. Faceva molta fatica. Ella rimase a Bartrès fino a metà gennaio del 1858, periodo in cui Bernadette decise di tornare a Lourdes per potersi ricongiungere alla sua famiglia e per potersi preparare meglio alla Prima Comunione; qui si guadagnerà da vivere lavorando dalla zia Bernarda che gestiva unosteria in paese.

13 La prima apparizione E giovedì 11 febbraio Nellumida stanza del chacot i Soubirous si accorgono che la legna per il focolare è terminata; fuori piove e cè la nebbia. Bernadette insiste con la madre per poter uscire con la sorella Toinette e lamica Jeanne Abadie a raccoglierne. I genitori tentennano per paura della sua asma, ma poi la lasciano andare vista la sua insistenza.

14 A circa metà mattinata, le tre ragazze partono da Rue des Petites Fossès, dove si trova il chacot, percorrono in discesa Rue de Beans, passano il vecchio ponte romano e attraversano la prateria Paradiso, raggiungendo il Gave.

15 Seguendo il canale nella direzione dove confluisce nel Gave, le tre ragazze si ritrovano nei pressi di una grotta denominata Massabielle (= dei maiali), ai piedi della quale intravedono della legna da raccogliere. Jeanne e Toinette togliendosi gli zoccoli passano il canale arrivando alla grotta, mentre Bernadette chiede loro un aiuto per passare (sassi in acqua o a spalle), ma senza trovare nessuna collaborazione.

16 Bernadette decide allora di togliersi le calze (portate per lasma) e gli zoccoli. Togliendosi la prima calza, e in assenza di aria, allimprovviso sente una folata di vento dietro di sé in direzione della grotta. Non vede nulla, si rigira e va per togliersi la seconda calza; sente ancora lo stesso vento improvviso. Sopra la grotta, in una nicchia presente sulla destra, appare una luce bianca che prende la forma di una giovane donna.

17

18 Bernadette si stropiccia gli occhi più volte, cerca in tasca il rosario, tenta di farsi il segno della croce, ma non riesce; la mano sembra cadergli ed è spaventata. La giovane apparizione alza il suo braccio con il rosario in mano e si fa il segno della croce: anche Bernadette riesce allora a segnarsi imitandola e la sua paura svanisce. La fanciulla apparsa prega il rosario senza muovere le labbra, e al termine scompare.

19 Terminata lapparizione, Bernadette, colpita dalla insperata visione, ha solo la forza di chiedere alle due ragazze non avete visto niente?, in cerca di una eventuale conferma per il timore di essersi sbagliata. Questa domanda suscita subito la curiosità di Toinette e Jeanne, che con fatica riescono a farsi raccontare laccaduto; ma la loro reazione è di sospetto, paura e derisione. Toinette non resiste e riesce a dirlo alla mamma, che incredula reagisce con timore e disappunto, combattuta tra la possibilità di una immaginazione di Bernadette e la possibilità che tutto ciò fosse vero, per cui forse immaginava già le possibili ricadute negative sulla famiglia. Bernadette è ormai attratta a tornare alla grotta, ma lindomani la mamma glielo impedisce.

20 Il sabato seguente la ragazza va dal confessore, lAbbé Pomian, al quale riferisce di getto ho visto qualcosa di bianco che aveva la forma di una signora, aggiungendo poi i particolari. Il prete le promette che ne parlerà con il curato di Lourdes lAbbé Peyramale, il quale afferma che bisogna aspettare.

21 La seconda apparizione Domenica 14 febbraio. Le voci del fatto accaduto si sono ormai estese in paese, e, alluscita dalla Messa Bernadette, sospinta da un gruppo di ragazze anchesse indigenti che frequentavano la scuola dellOspizio, riesce a vincere il no dei genitori e ritorna alla grotta, portando con sé dellacqua benedetta. Arrivata alla grotta, inizia a pregare il Rosario, quando al termine della prima decina, Bernadette rivede la stessa luce iniziale e poi la Signora con il rosario sul braccio destro. Bernadette le dice: Se venite qui da parte di Dio, restate; se no… ed incomincia ad aspergerla con lacqua benedetta; la Signora si china e sorride senza dire nulla. Poi, riprende a pregare il Rosario e prima di terminare, la Signora scompare.

22 Non mancano momenti di tensione e panico davanti a questi fatti, con le ragazze spaventate e Bernadette sbiancata in volto … La reazione della mamma fu molto forte a causa del clima che si respirava in paese, e la rimprovera mentre la porta ai Vespri delle 15. Il giorno seguente, lunedì 15, è un giorno difficile per Bernadette, che tra le mura dellOspizio deve subire critiche sia da parte delle suore che laccusano di essersi illusa e di essere una sciocca, sia da parte delle ragazze che la deridono e la provocano a raccontare modificando la vera versione dei fatti. Il martedì seguente la signora Milhet, che da lavoro a sua madre, riesce ad entrare in contatto con la ragazza e a convincere sia lei che i genitori a tornare alla grotta, con la scusa di chiarire i fatti. E così avviene.

23 La terza apparizione Dopo 24 ore, giovedì 18, di notte per non essere notate (non si sa lora), Bernadette, assieme alla signora Milhet e la sua sarta, si dirige alla grotta dove comincia a pregare il Rosario, ma quasi subito le appare la Signora. Bernadette, su richiesta delle due donne, chiede alla Signora di mettere per iscritto su della carta il proprio nome, ma la Signora sorride e dice non è necessario…. Sono queste le prime parole che la santa sente pronunciare dalla Signora. Durante lapparizione la Signora chiede alla ragazza Volete avere la gentilezza di venire qui durante quindici giorni, e Bernadette lo promette…Poi anche la Signora le promette una cosa importante che segnerà moltissimo lo spirito e la vita della giovane, e dice: Non vi prometto di farvi felice in questo mondo, ma nellaltro. Terminata la visione, tornano verso casa raccontandosi i particolari e la signora Milhet decide di prendersi ogni cura per Bernadette e proteggerla.

24 Le quindici apparizioni 4^ Apparizione4^ Apparizione Venerdì 19, prima dellalba, con mamma Louise e zia Bernarda, Bernadette si avvia alla grotta portando con sé un cero acceso benedetto (da qui la tradizione ancora oggi molto viva): fu unapparizione breve e silenziosa. Dopo la visione racconta che la Signora era contenta di rivederla e le ha detto che in seguito le farà delle rivelazioni. Ci fu lepisodio di voci strane uscenti dalla terra che la Signora cacciò col solo sguardo accigliato. 5^ Apparizione5^ Apparizione Sabato 20, accompagnata dalla mamma Bernadette arriva alla grotta verso le 6.30 del mattino. Cè già molta folla ad attendere, come il giorno prima. In questa visione la Signora insegna alla ragazzina una preghiera particolare solo per lei, adatta al suo spirito, e che non volle rivelare.

25 6^ Apparizione6^ Apparizione Domenica 21, sempre di buon mattino e accompagnata dai familiari, Bernadette si presenta alla grotta, cè tanta gente ed è presente anche il medico di Lourdes dott. Dozous, che vuole accertare da sé cosa succede alla ragazza; egli stesso racconta di averla vista in preghiera, di averle tastato il polso (normale), osservato la respirazione (facile), di averle toccato larteria radiale, non vede segni di squilibrio. Al termine la ragazza diventa triste ed emette alcune lacrime, e dice soltanto: Pregate per i peccatori. Le autorità reagisconoLe autorità reagiscono Il Sindaco, il Procuratore Imperiale e Il Commissario di Polizia della città si riunirono per affrontare la situazione, sia dal punto di vista della sicurezza (i fatti accadevano in un luogo impervio e pericoloso quindi per la massa di gente che aumentava di numero durante le visioni) che dal punto di vista della verità dei fatti: erano scettici sulle visioni della ragazza, e in più notavano le tensioni che nascevano tra i credenti e i non credenti; insomma, il paese non era più lo stesso.

26 Dal Commissario di PoliziaDal Commissario di Polizia Il Commissario Jacomet fu il primo ad interrogarla. La stessa domenica, alluscita dalla preghiera dei Vespri delle 15, egli, con laiuto della guardia Callet per il riconoscimento, ferma la ragazza e la invita a seguirlo al commissariato. Bernadette, che era accompagnata dalla zia Lucilla, acconsente e dice: Sì, signore, dove vorrete. Qualche passante impietosito vedendo la scena le dice: ti metteranno in prigione.., ma lei risponde: Non ho paura; se mi ci mettono, mi tireranno fuori. Sulla sinistra cè una piazza dove esisteva la vecchia chiesa parrocchiale frequentata da Bernatette, e, dove si vedono le case davanti nella foto, cera il commissariato di polizia

27 Con aria apparentemente benevola Jacomet mette Bernadette a suo agio e, per il verbale, le chiede i dati anagrafici personali; dopo di che le chiede di raccontare i fatti della grotta con ogni dettaglio. Bernadette con molta semplicità narra ogni cosa fin dallinizio, 11 febbraio (i dieci giorni precedenti). Jacomet scrive e comincia a fare domande precise sulla Signora della grotta: comè, se parla, se si muove, ecc. Bernadette risponde senza timore e senza contraddirsi mai. Vediamo uno stralcio dellinterrogatorio: …e allora, Bernadette, tu vedi la Santa Vergine? Non dico che ho visto la Santa Vergine. Ah, bene! Non hai visto niente! Sì, qualcosa lho visto! Allora, cosa hai visto? Qualcosa di bianco. Qualcosa o qualcuno? Quella cosa (Aquerò) ha la forma di una ragazza. E quella cosa non tha detto: sono la Santa Vergine? Quella cosa non me lha detto. Mah, eppure è quello che si dice in paese…

28 Jacomet, imbarazzato per le non corrispondenze tra le risposte di Bernadette e quello che diceva la gente, incalza ancora di più la ragazza con precise domande e con lintento di farla contraddire. Vedendo che Bernadette non cedeva, ad ogni pezzo di verbale scritto, Jacomet ne rilegge alcune parti ma cambiando alcune risposte furbamente, sperando che la giovane analfabeta di 14 anni si confonda e sbagli a rispondere; ma non riesce nel suo intento. Ogni volta che Jacomet cambia il senso delle cose, Bernadette reagisce subito e dice: Nossignore…Mi avete cambiato tutto. Jacomet incalza, le offre la possibilità di ritrattare tutto per porre fine a tutto, ma Bernadette rifiuta. Il commissario arriva allora a minacciarla di metterla in prigione e arriva anche ad offenderla pesantemente, ma lei con la sua semplicità risponde ancora: signore, vi ho detto la verità…ho visto e non posso dire diversamente. Il tutto dura unora e mezza circa, fino allarrivo del padre.

29 Dal verbale dellinterrogatorio emergono le reazioni, avute nei primissimi giorni, anche di altre persone vicine a Bernadette, che la ragazza stessa confida al Commissario di polizia pur essendo tutte negative e contro di lei: La sorella Toinette e laltra ragazza non hanno visto nulla alla grotta; La mamma Louise ha detto: è solo un sogno, non devi ritornarci; La zia Romaine: è unillusione; Le suore dellOspizio: Non devi pensarci. Hai sognato. Ma Bernadette risponde sempre lo stesso: …ho visto Aquerò parecchie volte, non posso sbagliarmi sempre!. Jacomet si fa promettere dal padre Francois che avrebbe impedito alla figlia di ritornare alla grotta, dopo di che la lascia andare. Lindomani, Bernadette tenta di resistere alla promessa di non andare alla grotta, ma al ritorno dalla scuola, nel pomeriggio cede e scende alla grotta, inseguita dalle guardie e curiosi, si mette in preghiera ma non riceve la visita della Signora. Ci resta male della mancata apparizione…

30 7^ Apparizione7^ Apparizione Martedì 23 febbraio, Bernadette si presenta alla grotta e, circondata da una folla sempre più grande, la Signora questa volta le appare. Durante la visione, Bernadette viene descritta dai presenti molto assorta e in attento ascolto... Al termine, la ragazza rivela solo che la Signora le ha confidato tre segreti che riguardano solamente lei e la sua vita; per cui non abbiamo notizie sul contenuto del messaggio. 8^ Apparizione8^ Apparizione Mercoledì 24, sempre di mattina, durante la visione, la Signora chiede a Bernadette di porsi in ginocchio, avanzare verso linterno della grotta, poi di chinarsi e baciare la terra: Vi infastidisce farlo?…Oh, no…con tutto il cuore. La ragazza, alla fine, spiega che la Signora ha detto:Penitenza (tre volte) …Pregate per la conversione dei peccatori. E la richiesta di baciare la terra era proprio per questo motivo.

31 9^ Apparizione9^ Apparizione Giovedì 25 sono presenti trecento persone alla grotta; oggi sarà un giorno difficile per i fatti che accadranno. Durante lestasi, la Signora dice a Bernadette: Vai a bere e a lavarti alla fonte, e mangia dellerba che è là. Non vedendo la fonte, la ragazza va verso il Gave, ma la Signora la ferma e le indica: Non andare là, vai alla fonte in fondo alla grotta; perplessa, Bernadette guarda spesso la visione per capire meglio cosa doveva fare non vedendo ancora la fonte. La Signora, allora, le indica di scavare più volte con le mani: allinizio cè solo terra umida, che diviene poi fanghiglia; ella tenta di bere ma non ci riesce ancora. Al quarto tentativo, anche se con disgusto, riesce a bere un po dacqua e a bagnarsi il viso sporcandolo vistosamente di terra. Poi vede dellerba e la mangia secondo la richiesta ricevuta.

32 La folla era attonita, non capiva e si scandalizzava: Bernadette viene insultata e schiaffeggiata da persone che non rivedono le dolci estasi precedenti. Ma Bernadette risponde soltanto: E per i peccatori.. Alla giovane di Lourdes vengono richiesti dalla Signora alcuni gesti di penitenza per i peccatori, e per la loro conversione, ma la folla non è ancora preparata a comprendere ed accogliere questo messaggio. Lo capirà solo in seguito. Dal ProcuratoreDal Procuratore Lo stesso giorno della 9^ apparizione, giovedì 25 febbraio, il Procuratore Imperiale G.V. Dutour convoca Bernadette per le ore 18. Un agente avverte la famiglia. La madre, Francois era al mercato di Tarbes, spaventata chiede sostegno al cugino Sojous (padrone di casa) che le accompagna allappuntamento. Lasciato Sojous fuori dallufficio, Dutour procede allinterrogatorio a Bernadette.

33 Come racconta la stessa Bernadette, lo stile dellinterrogatorio fu molto simile a quello avvenuto con il Commissario Jacomet: i due erano dello stesso parere e tentarono con forti pressioni e minacce di far desistere la santa ad andare alla grotta e a ritrattare tutto. Ma anche Dutour fallì. Egli compila un verbale con risposte modificate per rileggerlo e mettere in confusione la santa. Ma Bernadette reagisce con prontezza rispondendo punto su punto ad ogni errore. Quando Dutour vede che la ragazza non cede, prova il confronto con il verbale del Commissario mettendo in luce false diversità. Ma Bernadette non cade nel tranello. Alla fine rimangono solo le minacce di prigione, ma lei è disposta a tutto in nome della verità e della sua sincerità. Sua mamma invece piange disperata, ma Bernadette dice: Non cè motivo di piangere perché andiamo in prigione. Non abbiamo fatto nulla di male.

34 Venerdì 26 febbraio Bernadette forte della sua promessa alla bella signora e sospinta dalla zia Bernarde si presenta ugualmente alla grotta: recita il suo rosario, ripete i gesti di penitenza fatti suggeriti dalla signora due giorni prima, ma ella non appare. Bernadette è triste e disperata, è assalita dai dubbi daver fatto qualcosa di sbagliato. Si rifugia al Mulino di Savy… La madre teme ripercussioni dalla minacce di Dutour. 10^ Apparizione10^ Apparizione Nonostante le minacce di Dutour nellinterrogatorio di giovedì e lesperienza negativa di ieri, sabato 27 febbraio Bernadette si ripresenta alla grotta, dove sono presenti circa 800 persone. La Signora questa volta è apparsa, ma rimanendo silenziosa. Bernadette non si perde danimo dopo le sofferenze patite negli ultimi due giorni, e si limita a pregare, a bere dalla fonte e a compiere dei gesti di penitenza, così come la Signora le aveva suggerito nelle apparizioni del 24 e 25 febbraio.

35 11^ Apparizione11^ Apparizione Domenica 28 febbraio sono presenti 1150 persone circa (alcune fonti dicono 2000). Bernadette compie ancora gli ormai i suoi gesti di penitenza: dopo la preghiera bacia la terra e cammina sulle ginocchia. La Signora è apparsa e le ha parlato, ma solo per comunicazioni personali ed intime che Bernadette non ha voluto rivelare. Alla fine, si incammina verso la chiesa parrocchiale per la Messa Solenne domenicale. Dal giudice RibesDal giudice Ribes Al termine della Messa, una guardia ha avuto il compito di fermare Bernadette per condurla dal giudice Ribes che vuole interrogarla e dissuaderla ad andare alla grotta. Alla guardia dice:tenetemi forte o scapperò!. Dal giudice invece: Sei qui biricchina? Sissignore, sono qui. Ti rinchiuderemo. Che cosa fai alla grotta? Ti costringono a fare ciò? Ti metteremo in prigione. E lei risponde:

36 Io sono pronta, mettetemi pure, ma che sia solida e ben chiusa, altrimenti io scapperò ! Il giudice tenta ancora e la minaccia, ma alla fine si deve arrendere, e non può far nulla contro di lei. Nel pomeriggio si reca al chacot da Bernadette il Direttore della Scuola Superiore di Lourdes Antoine Clarens, che desidera chiarirsi le idee su ciò che ha visto con i suoi occhi e che lha lasciato molto perplesso: i gesti alla grotta e tutto il resto. Ascolta la ragazza. Ma anche lui, sentendola parlare non vede nulla di strano in lei, e può osservare la sua sincerità, la sua naturalezza, la sua ingenuità, la sua sicurezza. E si convince della sua veridicità, e cambia opinione. Il resoconto dellincontro e le sue riflessioni Clarens le farà poi pervenire al prefetto di Tarbes.

37 Il primo miracoloIl primo miracolo Nella notte tra domenica 28 febbraio e lunedì 1 marzo avviene il primo miracolo riconosciuto alla grotta di Lourdes. Catharine Latapie (39 anni), di Laubajac vicino a Lourdes, è partita in piena notte per Lourdes desiderosa di incontrare Bernadette e di andare alla grotta dove ha immerso il suo braccio destro malato a causa di una caduta da un albero (paralisi di due dita della mano, lussazione dellomero). Immerge il braccio nel piccolo bacino che raccoglieva lacqua della fonte. Quasi subito le due dita si sono raddrizzate e hanno ripreso il normale movimento di prima e con la stessa flessibilità e forza. La donna, rientrata a casa la sera, ha partorito il suo terzo figlio, che nel 1882 diventerà sacerdote. Il 18 gennaio del 1862, il vescovo di Tarbes Mons. Laurence, dopo gli accertamenti medici dei dottori, riconosce il miracolo come evento soprannaturale.

38 12^ Apparizione12^ Apparizione Lunedì 1 marzo sono presenti alla grotta più di 1500 persone. Per la prima volta è presente un sacerdote. Bernadette porta con sé il rosario di Pauline Sans, una malata devota e sua amica, su sua richiesta. Inizia la preghiera, la Signora appare ma con dolcezza interviene chiedendo a Bernadette se avesse il suo rosario. Alla risposta affermativa della ragazza, la Signora chiede di servirsi di quello per la preghiera. Bernadette lo estrae velocemente dalla tasca alzandolo in aria. La gente che assiste non comprende il vero motivo del gesto, e ciascuno dà una propria interpretazione: chi pensa che Bernadette chieda a tutti i presenti di alzare il rosario personale perché fosse benedetto dalla Signora, chi pensa che sia addirittura la giovane stessa a benedire i rosari. Questultima idea, però, arriva allorecchio dellabbé Péne che, chiamata Bernadette, laccusa di compiere atti sacerdotali; ma poi tutto svanisce nel nulla quando lei stessa racconta il motivo del gesto.

39 13^ Apparizione13^ Apparizione Martedì 2 marzo sono presenti alla grotta circa 1650 persone, molte delle quali hanno vegliato sul luogo per tutta la notte. La Signora appare a Bernadette prima delle ore 8 del mattino, e questa volta cè una richiesta molto precisa rivolta alla Chiesa: Andate a dire ai preti (sacerdoti) che si venga qui in processione e che qui si costruisca una cappella. Al termine dellincontro Bernadette si reca subito dallabbé Pomian, suo confessore, del quale ha fiducia. (facilmente la giovane si rende conto che ora deve affrontare la Chiesa nei suoi rappresentanti e forse ne ha più timore, non sapendo bene come essi la pensino); ma poi, accompagnata dalle due zie Bernarde e Basile, si reca dal parroco Peyramale, al quale deve riferire il messaggio e del quale forse teme sia la figura fisica che il carattere. (vedi diapo. 14) Il parroco sa già qualcosa della storia, ma non conosce Bernadette, e quando se la trova dinanzi si dimostra fin da subito duro con lei:

40 Sei tu che vai alla grotta? Si, signor curato. E tu dici che è la Santa Vergine? Non ho detto che è la Santa Vergine. Allora chi è questa signora? Non lo so! Ah, non lo sai, bugiarda! E tuttavia lo scrive il giornale e lo dicono tutti quelli che ti fai correre dietro, che è la Santa Vergine. Allora, che cosa vedi? Qualcosa…che somiglia a una signora… Qualcosa! Signor curato, Aquerò chiede che si vada in processione alla grotta! (si ricorda del messaggio da riportare ai preti). Bugiarda! Bernadette, forse per la prima volta, vacilla e si sente fragile proprio di fronte a chi rappresenta la Chiesa a Lourdes (una paura che portava già dentro di sé dal mattino probabilmente). Labbé Peyramale è molto aggressivo e dimostra di non crederle a causa di alcuni elementi che egli ritiene un po strani: non si sa chi sia questa visione, che chiede addirittura una processione;

41 E poi i gesti di mangiare lerba come penitenza… E così decide di cacciarla via. (forse vuole anche metterla alla prova). Tornate al cachot dopo il furibondo incontro, a Bernadette viene in mente un particolare del messaggio ricevuto alla mattina che le era sfuggito a causa della reazione del parroco, e cioè la Signora aveva richiesto anche una cappellina o capèro che nella regione della Bigorre non significa piccola chiesa, ma santuario. Decide, dunque, di tornare dal parroco, ma le due zie (troppo spaventate dal primo incontro) si sono dileguate. Arriva casualmente Domeniquette che si offre con molto piacere. Lappuntamento per lincontro è fissato per le serali, e Bernadette ha timore…ma non le manca il coraggio di affrontare la situazione. Questa volta sono presenti allincontro anche il suo confessore abbé Pomian, e altri due preti. Bernadette interviene subito, concludendo il messaggio lasciato a metà:

42 Signor curato, Aquerò mi ha detto: Andate a dire ai preti di far costruire qui una cappella. E aggiunge poi, prima di qualsiasi reazione dei preti: Una cappella…alla buona…anche se piccolina (parole sue e non della Signora). Il parroco, accertatosi della sicurezza di Bernadette su tali parole, si impone la calma e chiede alla ragazza di domandare alla Signora il suo nome e un segno visibile e straordinario, cioè di far fiorire il roseto presente nella grotta, in pieno inverno.

43 14^ Apparizione14^ Apparizione Mercoledì 3 marzo, alle 7 del mattino, sono presenti alla grotta circa 3000 persone, ma Bernadette, che passando in mezzo ad esse le si era rotto il cero, non ha ricevuto la visione. Tornata alla grotta più tardi, dopo un invito interiore che la richiamava, e con presente solo un centinaio di persone, la Signora le appare ribadendo ancora la richiesta ai preti di una cappella. Alla domanda di Bernadette sul suo nome e alla richiesta della miracolosa fioritura del roseto da parte del parroco, la Signora ha risposto con un sorriso. Tornata dallabbé Peyramale, Bernadette descrive i fatti, ma anche il parroco ribadisce le proprie richieste alla visione; solo così crederà al messaggio.

44 15^ Apparizione15^ Apparizione Giovedì 4 marzo sono presenti alla grotta circa 8000 persone, desiderose di vedere anche qualche miracolo; attesa questa provocata dalla promessa dei 15 giorni voluti dalla visione: Volete avere la gentilezza di venire qui durante quindici giorni (alla terza apparizione). Ci si attendeva qualcosa di speciale; ecco perché la gente era così numerosa. Bernadette si presenta, ma la Signora si comporta come il giorno precedente, con le stesse richieste; e per 20 giorni Bernadette non va più alla grotta perché non si sente attratta ad andarci come in precedenza. Il parroco rimane deluso per la seconda volta (in cuor suo forse sperava che fosse tutto vero), e così anche la gente che aspettava segni straordinari. Labbé Peyramale le dice: Tu hai il denaro per costruirla, questa cappella? No, signor curato. Io, neppure…Dì alla signora che te ne dia. e poi aggiunge: Non ti ha detto di ritornare?

45 No, signor curato. Non ti ha detto se sarebbe ritornata? Non me lha detto. La delusione appartiene a tutti a Lourdes, ma Bernadette comunque rimane serena per aver portato a termine la propria missione, riferendo le cose sentite alle persone citate dalla visione…sperava anchessa però in una risposta dalla Signora. Linterrogatorio del 18 marzoLinterrogatorio del 18 marzo Bernadette viene convocata dal Procuratore Imperiale Dutour per la seconda volta allo scopo di essere interrogata; sono presenti anche il Commissario Jacomet, il sindaco e il cancelliere per redigere il verbale. Il motivo principale, questa volta, è la curiosità delle autorità cittadine per i segreti che la giovane di Lourdes avrebbe ricevuto da parte della visione, quindi vogliono approfondire.

46 Bernadette conferma di averne ricevuti 4: il primo riguarda la richiesta della processione e della cappella, mentre sottolinea che gli altri 3 sono strettamente personali e non deve rivelarli a nessuno; e così farà. Le autorità provano poi a farsi raccontare di nuovo tutta la storia dallinizio, con lintento di farla cadere in contraddizione su qualche particolare; ma Bernadette anche questa volta ne esce indenne grazie alla sua semplicità e veridicità nel racconto dei fatti. Nega anche alcuni fatti miracolosi che le sono stati attribuiti dalla gente, dimostrando di essere umile e corretta. Anzi è proprio lei che interviene per dire loro che non sa se andrà più alla grotta (qui forse lo dice con lamarezza di non sentirsi più attratta come prima dal quel richiamo interiore che la spingeva ad andare alla grotta). Ovviamente le autorità, dopo questa affermazione di Bernadette, si sono sentite tranquillizzate pensando alla fine di tutta la confusione creatasi nellultimo mese.

47 16^ Apparizione16^ Apparizione Nella notte tra il 24 ed il 25 Bernadette, dopo alcuni giorni di malessere dovuto allasma, sente di nuovo quel dolce richiamo ad andare alla grotta. Alle 4 di notte si sveglia e fa presente ai suoi genitori di voler andare alla grotta; essi comprendono e lassecondano. Alle 5 circa è già alla grotta, dove pensava di non vedere nessuno; invece, giorno dallAnnunciazione, già da giorni un centinaio di persone aveva pensato che quel mattino potesse accadere qualcosa, e questi si presentarono puntuali. Cè anche il Commissario. Puntuale, la Signora della grotta appare a Bernadette, e dalla nicchia scende verso linterno allaltezza della giovane. Bernadette si era preparata una frase per domandare il nome alla visione, decisa a ripeterla fino a raggiungere lobiettivo. Ad ogni domanda la Signora sorrideva, ma quando la ripete per la quarta volta il sorriso termina, passa il rosario sul braccio destro, le mani che erano giunte si allontanano e scendono verso terra, poi le rialza congiungendole di nuovo vicino al petto, e alza gli occhi dicendo nella lingua

48 occitana parlata da Bernadette: Que soy era Immaculada Councepciou. Bernadette non comprende il significato di queste parole, ma si sforza di memorizzarle e sincammina subito verso la casa del parroco per riferirgli latteso nome. Il roseto non è fiorito… Entrata a grande velocità nella casa del parroco, Bernadette non esita un attimo e, appena si trova davanti allabbé Peyramale, annuncia con decisione quel nome tanto atteso: Que soy era Immaculada Councepciou. Al silenzio del parroco subito aggiunge: Aquerò ha detto: Que soy era Immaculada Councepciou. Ma il parroco risponde: Una signora non può avere questo nome. Tu ti sbagli! Sai che cosa vuol dire ciò? Bernadette risponde di no

49

50 scuotendo la testa; e il parroco continua: Allora come puoi dirlo, se non hai capito? Lho ripetuto lungo tutta la strada, risponde la giovane. Poi aggiunge: Ella vuole sempre la cappella. Il parroco è completamente spiazzato, non riesce a dire più nulla, ed invita Bernadette a tornare a casa con la promessa di rivederla qualche giorno dopo. Questo nome è particolare: quattro anni prima (1854), infatti, Papa Pio IX aveva emesso il nuovo dogma mariano dellImmacolata Concezione. Una novità teologica, dunque, che solo gli esperti di teologia potevano conoscere e comprendere bene. Per la gente comune era un concetto nuovo e molto complesso da capire. Sentire una ragazza di 14 anni dire tale frase, ripetere quel nome tanto difficile e strano non poteva lasciare indifferente un prete. Peyramale rimane sconcertato: se ciò è vero, la visione alla grotta è di sicuro la Madonna, la Madre di Gesù.

51 E un momento delicato questo: accettare o no che il nome della visione sia vero e non il frutto di un colossale imbroglio fa unenorme differenza, sia per Bernadette, sia per Lourdes che per la gente. Peyramalerappresenta la Chiesa a Lourdes, e come tale la sua decisione diventa fondamentale per la posizione della Chiesa stessa sul caso di Lourdes. La responsabilità è pesante; in ballo ci sono cose molto importanti: la credibilità della Chiesa, la fede delle persone, la vita di Bernadette. Dal 26 marzo al 6 aprileDal 26 marzo al 6 aprile In questi giorni non avvengono apparizioni. Il prefetto della città dà ordine a tre medici, i dottori Balencie-Lacrampe-Peyrus, di visitare Bernadette con il compito preciso di stendere un verbale che attesti una qualsiasi malattia mentale atta a far ricoverare Bernadette in una struttura sanitaria. La visita avviene il 27 marzo, ed è un tentativo molto scorretto da parte delle autorità di Lourdes per sbarazzarsi della veggente. Ma il tentativo fallisce miseramente davanti alla buona salute fisica (solo asma) e lottima salute mentale della giovane.

52 17^ Apparizione17^ Apparizione Dopo due settimane, mercoledì 7 aprile, Bernadette sente nuovamente il dolce richiamo della Signora, ora dellImmacolata, come lei si è annunciata, e alle 5 del mattino è già alla grotta; è presente un centinaio di persone. Durante lestasi la giovane tiene in mano un grosso cero, la cui fiamma volteggia a lungo tra le sue dita a causa del vento; vede tutto il medico Douzous presente alla grotta che appena terminata lapparizione, durata mezzora, prende la la mano di Bernadette, la gira ed esterefatto dice: Non cè niente!. Aggiungendo poi: Non so cosa tu veda, ma ora sono sicuro che vedi qualcosa. Dopo questo episodio straordinario, durante il giorno, Antoinette Tardhiva il prima e la signora Garoby poi proveranno ad avvicinare la fiamma di una candela accesa verso le dita di Bernadette per vederne la reazione, ed in entrambi i

53 casi la giovane ritrae la mano stizzita per il calore della fiamma. Bernadette non comprende questi gesti della gente, come non si è accorta del miracolo del mattino alla grotta; per la gente invece è una ulteriore prova dellautenticità dellapparizione. Dall 8 aprile al 15 luglioDall 8 aprile al 15 luglio In questi tre mesi Bernadette non ha più apparizioni; riceve però molte visite da parte di fedeli, personalità, curiosi. Non mancano visionarie che dicono di vedere la Madonna alla grotta, ma si riveleranno ben presto persone esaltate o illuse di vedere; il confronto con Bernadette e le sue testimonianze non regge. Il Prefetto Massy il 4 maggio, per combattere il fenomeno, notifica alla cittadinanza che chi si dichiarerà visionaria sarà arrestata e internata allospizio di Lourdes.

54 Bernadette, da quel momento, viene messa sotto sorveglianza, così come le altre visionarie; viene osservata anche nel periodo di cure per lasma che farà a Cauterets, ma i verbali attestano sempre la sua coerenza con le cose dette in precedenza, la sua semplicità e la fuga da ogni forma di guadagno o pubblicità. Il 3 giugno Bernadette riceve la sua Prima Comunione nella Cappella dellospizio di Lourdes 18^ Apparizione18^ Apparizione Passati più di tre mesi dallultima apparizione, giovedì 16 luglio, verso le 8 di sera, Bernadette sente ancora quel dolce richiamo ad andare alla grotta. Non sa come fare visto il divieto del Prefetto e lo steccato che blocca laccesso alla grotta; non vuole creare problemi ai genitori. La zia Lucile Castérot laiuta: si travestono per non essere riconosciute e si avvicinano, ma devono fermarsi dalla parte opposta del Gave, in

55 corrispondenza della grotta. Dopo la recita del rosario, ecco la Madonna che le appare nel silenzio; non dice nulla la Signora, ma a Bernadette basta rivederla. Pochi sono venuti a sapere di questa ultima apparizione, e a chi le chiese di come aveva fatto a vedere la Signora da così distante rispetto alle altre volte disse: Non vedevo né le tavole, né il Gave; mi sembrava di essere alla grotta, non più lontana delle altre volte. Non vedevo che la Santa Vergine…non lho mai vista così bella.

56 Dal 17 luglio 1858 al 4 luglio 1866Dal 17 luglio 1858 al 4 luglio 1866 Per Bernadette questo periodo è il tempo della testimonianza e di scelte importanti per la propria vita. E chiamata ad affrontare ancora molti interrogatori sui fatti accaduti, sia da parte di curiosi che da parte di ecclesiastici. Lei si fa forza e affronta ogni difficoltà: la scuola con le sue difficoltà ad apprendere e memorizzare, gli oppositori delle apparizioni che la tormentano, compreso qualche prete proveniente da fuori Lourdes, e la sua asma. Si da da fare e lavora come bambinaia per aiutare la famiglia. Ma i Soubirous vengono costantemente disturbati nella propria casa da non riuscire ad avere pace e poter lavorare tranquilli. Vista la già precaria situazione economica Bernadette accetta lidea di trasferirsi nellospizio delle suore di Lourdes, dove già frequenta la scuola e dove dora in poi avrà anche lalloggio (dal 15 luglio 1860 al 4 luglio del 1866). Dopo tale data entrerà nel convento di Nevers per abbracciare la vita religiosa.

57 Il tempo della vita consacrata (dal sito: Lourdes-france.org) Dal 4 al 7 luglio 1866, è in viaggio verso Nevers. È la prima (e l'ultima) volta che Bernardetta prende il treno e lascia i suoi Pirenei. Dopo la testimonianza che fa sulle Apparizioni, Bernardetta veste un piccolo cappuccio e la tonaca della postulante. Bernardetta ha formalmente precisato che lei veniva "per nascondersi". Bernardetta ha nostalgia. Dirà "è il più grande sacrificio della mia vita". Supererà questo sradicamento con coraggio, ma anche con umore. Inoltre, assumerà senza secondo fine questa nuova tappa: La "mia missione a Lourdes è finita ", "Lourdes non è il cielo". Prende labito il 29 luglio 1866, tre settimane dopo il suo arrivo, con altre 42 postulanti. Riceve il nome di suor Maria Bernarda. Nel settembre 1866, l'asma di Bernardetta si aggrava. Nell'ottobre 1866, il suo stato peggiora. Il medico Robert Saint-Cyr, medico della Comunità, assicura che non passerà la notte. Madre Maria Teresa considera che sia bene che Bernardetta faccia la professione in articulo mortis. Sopravvivrà a questa notte. Nel dicembre 1866, riceve la notizia della morte della mamma, di 41 anni. Il 2 febbraio 1867, Bernardetta curata, ritorna al noviziato e il 30 ottobre 1867 fa la professione dinanzi a Mgr Forcade. Si impegna per tutta la vita a praticare i voti di "povertà, castità, obbedienza e carità". Ogni professa riceve: il crocifisso, il libro delle costituzioni e la lettera di obbedienza e la sua destinazione in una casa religiosa. Bernardetta è assegnata alla Casa Madre, come aiuto infermiera. Nel 1869, i problemi di salute di Bernardetta ricompaiono. Nel marzo 1871, ha la notizia del decesso di suo padre. Da 1875 a 1878, la malattia progredisce. In questo stato pronuncia i suoi voti perpetui. L'11 dicembre 1878, si mette a letto definitivamente, nella sua Cappella bianca come chiama il grande letto con tende ed il 16 aprile 1879, muore. Il 30 maggio 1879, la bara di Bernardetta è sepolta nel sotterraneo dell'oratorio San Giuseppe.

58 1907: apertura del processo ordinario di beatificazione, completato nel : il 22 settembre, 1* riesumazione del corpo di Bernardetta. Il corpo è trovato intatto. 1913: il 13 agosto, Pio X autorizza l'Introduzione della causa di beatificazione. 1919: il 3 aprile: 2* riesumazione per il riconoscimento del corpo. 1923: il 18 novembre, Pio XI dichiara la eroicità delle virtù. 1925: il 18 aprile, 3* riesumazione. Il corpo è sempre intatto. Il 14 giugno, beatificazione di Bernardetta, da parte di Pio XI, a San Pietro di Roma. Il 18 luglio, il corpo di Bernardetta è messo in unurna, il viso e le mani coperti di una pellicola sottile di cera. Il 3 agosto, trasferimento dellurna, dal noviziato alla Cappella del convento Saint-Gildard. 1933: l'8 dicembre, festa dell'Immacolata Concezione, canonizzazione di Bernardetta da parte di Pio XI.

59 Fonti e Bibliografia Bernadette vi parla, R. Laurentin, ed. Paoline. Bernadette racconta le sue apparizioni, A. Bernardo, ed. Doucet – Lourdes. Bernadetta diceva…, Archives Maison Mère des Soeurs de la Charité de Nevers, Espace Bernadette Soubirous Nevers. Le parole di Bernadette, Città Nuova Avvengono ancora miracoli a Lourdes?, A. Olivieri – B. Billet, 22 casi di guarigione , ed. Centro Volontari della Sofferenza, 6^ ed. Miracoli e miracolati, Quando - chi e dove, T. Mangiapan, Lourdes. Internet (motori di ricerca vari) Fotografie Le foto sono prodotte dallautore Bonavigo Marco


Scaricare ppt "AUTORE: BONAVIGO MARCO LOURDES LIMMACOLATA CONCEZIONE APPARE A BERNADETTE."

Presentazioni simili


Annunci Google