La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I dintorni di Montoggio si presentano al livello di 466 m con cime che permettono di osservare il mare fino alle Alpi. Sorge alla confluenza del Laccio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I dintorni di Montoggio si presentano al livello di 466 m con cime che permettono di osservare il mare fino alle Alpi. Sorge alla confluenza del Laccio."— Transcript della presentazione:

1

2 I dintorni di Montoggio si presentano al livello di 466 m con cime che permettono di osservare il mare fino alle Alpi. Sorge alla confluenza del Laccio e del Pentemina che si uniscono a formare lo Scrivia vicino al ponte medievale di Bromia.Le notizie di Montoggio risalgono al X secolo e si riscontrano prima dell XI secolo. Si sa ha anche di una convenzione tra i Fieschi e Genova: infatti, il secondo ramo della famiglia Fieschi, Conti di Lavagna, per dei secoli ebbe come feudo Montobbio. Nel 1547 si ha la notizia del terribile assedio al Castello di Montoggio che venne conquistato dalla Repubblica Genovese e raso al suolo. Durante la Seconda Guerra Mondiale, Montoggio subì bombardamenti aerei, tesi a colpire le truppe tedesche che vi erano alloggiate Dopo lo spopolamento della campagne ha attualmente circa 2000 abitanti, che gravitano per lavoro attorno a Genova ma permane comunque sede di villeggiatura. Come arrivare A7 uscita Busalla = > Montoggio- 13 km da Genova via Creto = > Montoggio- 25 km MONTOGGIO

3 FRAZIONI PRINCIPALI Bromia, Creto, Trefontane, Casalino, Morasco, Monte Moro, Granara, Castello, Gazzolo. Creto inizi 1900 Bromia inizi 1900 Monte Moro anni 60 Veduta del paese

4 Le origini di questa chiesa non sono conosciute e non è possibile fissare lanno di fondazione. Nel 1692, poiché la chiesa non era sufficiente ad ospitare la popolazione, venne rasa al suolo e nello stesso posto, innalzarono una nuova chiesa che è quella attuale e mantiene parte della struttura originare. Le colonne che reggono la costruzione sono state realizzate da autori del Seicento. Nella parrocchiale si possono ammirare opere darte di importanti autori genovesi del Seicento che sono state, in tempi recenti, quasi tutte restaurate. Nella navata sinistra, sopra il primo altare è collocato un Presepe di autore ignoto; nella seconda cappella si trova unopera di Bartolomeo Guidobono, La Madonna del Suffragio, San Nicola e le anime purganti, dipinto fra il 1697 e il 1698 mentre nella cappella in cima alla navata laterale si trova una pala del Fiasella Rifiuto del donativo al tempio. Nel presbiterio, una di fronte allaltra, si trovano Lelemosina di San Antonino di Giovanni De Ferrari,, e La Vergine e moltitudine di Santi di Aurelio Lomi Laltare maggiore, dedicato a San Giovanni Battista, è realizzato secondo il gusto del Seicento. Il paliotto è rettangolare, con intarsi in marmi policromi, il tabernacolo è a forma di tempietto ottagonale. La pala collocata nellabside raffigura la Decollazione del Battista di Orazio De Ferrari, di epoca prossima al 1750 e che, in passato, fu erroneamente attribuita a Van Dyck. PARROCCHIA DI S. GIOVANNI DECOLLATO

5 Sullaltare della cappella che si trova in cima alla navata laterale destra si trova un altro dipinto del Fiasella, Santa Chiara che mette in fuga i Saraceni,del 1667.Nella prima cappella, lungo la navata di destra, tornando verso lingresso, si trova una pala dellaltare di Anton Maria Piola, La Vergine col Bambino e San Giuseppe, con i santi Giorgio, Antonio Abate e Antonio da Padova; nella seconda cappella troviamo una pala di Giovanni Andrea Carlone ( ), le Sante Lucia e Appollonia e San Pasquale Baylon in adorazione dellEucaristia e, infine, sullultimo altare di destra si trova la Madonna con il Bambino dello scultore Francesco Merciano.Si tratta di opere di eccezionale bellezza e valore, acquistate dai fedeli in passato per dare un grande prestigio al paese, quando sono state demolite delle chiese a Genova per costruire la strada di Circonvallazione a Monte. Santa Chiara che mette in fuga i Saraceni-D.Fiasella La Madonna del Suffragio, San Nicola e le anime purgantiB.Guidobono Decollazione del Battista di O. De Ferrari,

6 CASTELLO DEI FIESCHI Il castello dei Fieschi rappresenta la tragica fine della congiura dei Fieschi, nel In esso si era rifugiato, dopo la morte di Gianluigi ed il fallimento della congiura, il conte Gerolamo con i suoi sostenitori.. I ribelli furono giustiziati nella vicina cappella di S.Rocco. Esso dominava con la sua mole la via dei traffici di fondovalle e da un lato era protetto da un profondo dirupo. Presentava una vasta piazza darmi con feritoie. Possedeva 4 torri agli angoli e possenti bastioni.Al suo interno era fissata una torre circolare che era labitazione della famiglia. Questo castello fu conquistato dal governo genovese l11 giugno 1547, dopo 3 mesi di assedio delle truppe imperiali al comando di Agostino Spinola, che avevano posto le artiglieria prima in località granara e poi alla Cornagina. Alcuni traditori aprirono le porte al nemico.

7 Fu minato per essere distrutto, ma lo spessore delle muraglie costrinse gli artificieri a lavorare altri due anni per completare lopera. Attualmente una bella passeggiata tra i boschi permette di visitarne i ruderi.

8 SANTUARIO DI N.S.DI TRE FONTANE A Montoggio si trova il santuario di Santa Maria delle Tre fontane La tradizione narra dellapparizione di Maria ad una ragazza sordomuta che per questo riacquistò la parola. Alla notizia clero e popolo accorsero sul luogo indicato dalla ragazza e vi trovarono una statua in legno di Maria col Bambino. La scultura venne portata nella chiesa parrocchiale da dove scomparve nella notte; il mattino seguente venne ritrovata nello stesso luogo dove era apparsa il giorno prima.I convenuti portarono allora la statua in unaltra chiesa da dove sparì nuovamente e fu ritrovata ancora una volta nel luogo del miracolo dove sgorgavano tre rivoli dacqua mai visti prima di allora. Sono questi tre rivoli che hanno nome dato il nome al luogo ed al santuario. Inizi del 1900

9 In merito alla costruzione esistono documenti che attestano lasciti con cui vennero eseguiti alcuni lavori al santuario a partire dal 1213 per arrivare al 1780, anno in cui si arrivò alla costruzione definitiva. La festa patronale si tiene ancor oggi l8 settembre.In tale occasione un tempo si vendevano le scale.


Scaricare ppt "I dintorni di Montoggio si presentano al livello di 466 m con cime che permettono di osservare il mare fino alle Alpi. Sorge alla confluenza del Laccio."

Presentazioni simili


Annunci Google