La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

by Sebastiano Inturri La città di Assisi, in provincia di Perugia, è nota soprattutto per aver dato i natali a s. Francesco e a s. Chiara. È posta a.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "by Sebastiano Inturri La città di Assisi, in provincia di Perugia, è nota soprattutto per aver dato i natali a s. Francesco e a s. Chiara. È posta a."— Transcript della presentazione:

1

2 by Sebastiano Inturri

3 La città di Assisi, in provincia di Perugia, è nota soprattutto per aver dato i natali a s. Francesco e a s. Chiara. È posta a circa 400 m s.l.m., sulle pendici del monte Subasio (1290 m s.l.m.). In copertina è riprodotta la facciata della meravigliosa Basilica di s. Francesco. Quando il Santo nacque, nel 1182, il padre, Pietro Bernardone, ricco commerciante di stoffe, si trovava in Francia per affari. La madre, Giovanna, della la Pica, scelse per il bambino il nome di Giovanni; ma quando il marito tornò dal viaggio aggiunse il nome di Francesco, che da allora prevalse sul primo. Alletà di ventanni Francesco partecipò volontario alla guerra scoppiata per motivi di rivalità politica tra Assisi, a maggioranza ghibellina, e Perugia, a maggioranza guelfa. In tale conflitto Francesco rimase prigioniero dei Perugini per oltre un anno. La lunga prigionia causò danni indelebili nella salute fisica di Francesco; inoltre ne determinò un radicale cambiamento danimo, tantè che tornato ad Assisi egli non era più lo stesso: non era più attratto, come prima, dalla vita allegra e spensierata con gli amici, ma cominciò a preferire la solitudine e la meditazione e a dedicarsi alla carità per i più bisognosi. Un giorno Francesco si recò, come spesso faceva, alla chiesetta campestre di s. Damiano, sita poco fuori Assisi. Qui un crocifisso gli parlò: «Francesco, va e ripara la mia casa che, come vedi, cade in rovina». Francesco, non capendo bene il significato di quelle parole, pensò che si riferissero alla chiesetta cadente di s. Damiano; perciò si mise a ripararla con le proprie mani, e consegnò un po del denaro paterno al sacerdote della chiesetta. Appena il padre seppe la cosa si infuriò col figlio, il quale per timore si nascose per oltre un mese. Il comportamento di Francesco era sempre più strano; un giorno arrivò persino a camminare per le strade di Assisi vestito di stracci. continua

4 Suo padre, convinto che il proprio primogenito, sul quale aveva riposto molte speranze, fosse malato di mente, deluso lo rinchiuse in casa. Durante una sua assenza per affari, la moglie liberò Francesco. Rientrato ad Assisi, Pietro ricercò il figlio per diseredarlo; ma il 12 aprile 1207 fu lo stesso Francesco che, in pubblica piazza, rinunciò a tutti i beni paterni. In quelloccasione Francesco disse: «Udite tutti. Finora ho chiamato padre Pietro Bernardone, ma poiché da oggi intendo servire solo il Signore, rinuncio a tutto quello che potrebbe toccarmi da lui in eredità e gli rendo le vesti che ho indosso…» Dopo essersi allontanato dalla città per un po di tempo, Francesco ritornò ad Assisi e andò ad abitare presso la piccola cappella della Porziuncola, qualche chilometro fuori dalla città. Avendo nel frattempo compreso che le parole pronunciate dal crocifisso a s. Damiano non si riferivano alla riparazione dei muri della chiesetta, ma al rinnovamento morale della Chiesa e dei suoi membri, cominciò a predicare la pace, luguaglianza fra gli uomini, il distacco dalle ricchezze materiali, lamore per Dio e per le Sue creature. Ben presto, ammirati dalle sue gesta, molti seguaci si unirono a Francesco. Inizialmente il gruppo si riuniva in un tugurio nella località chiamata Rivotorto, nei pressi della Porziuncola. Da qui Francesco e i suoi seguaci iniziarono una predicazione che si spinse in diverse parti del mondo. Nel tugurio di Rivotorto Francesco scrisse la sua Regola monastica. Nel mese di luglio 1210 questa fu approvata verbalmente da papa Innocenzo III: nacque così lOrdine dei Frati Minori. A Fonte Colombo, una frazione di Rieti, Francesco, di ritorno da Roma, mise per iscritto, con delle modifiche, la sua Regola, che fu ufficialmente approvata da papa Onorio III il 29 dicembre Poi Francesco fece tappa a Greccio (RI). Qui egli il 24 dicembre 1223 ebbe lidea di rappresentare, con persone ed animali viventi, la Natività di Gesù, realizzando così il primo presepio della storia. continua

5 Nellagosto del 1224 si ritirò sul Monte della Verna, nel Casentino, insieme con alcuni suoi compagni, per praticare un digiuno di quaranta giorni in preparazione della festa di s. Michele arcangelo. La mattina del 14 settembre, mentre era assorto in preghiera, vide scendere dal cielo un serafino avvolto da una nube di fiamme e luce, che gli si avvicinò rimanendo sospeso in aria. Fra le ali del serafino, Francesco vide lampeggiare la figura di un uomo con mani e piedi distesi e inchiodati ad una croce; quando la visione scomparve, sulle mani, sui piedi e sul torace di Francesco miracolosamente si formarono le stesse ferite che aveva Gesù Cristo in croce: per la prima volta della storia della Chiesa cattolica si era verificato il fenomeno delle stigmate (o stimmate). Francesco era ormai stanco e ammalato. Venne così curato a s. Damiano, nel piccolo convento annesso alla chiesetta da lui restaurata tanti anni prima, ospite della giovane badessa Chiara, sua grande ammiratrice, e delle altre suore. E fu in questo periodo che egli scrisse il famoso Cantico delle creature, componimento poetico in lode di Dio e delle Sue creature. Gli ultimi due anni furono per Francesco un autentico calvario: la prigionia perugina, i tanti viaggi, una malattia agli occhi, i tanti digiuni gli avevano pesantemente minato il fisico. Sentendo ormai prossima la fine terrena, Francesco si fece portare alla Porziuncola, dove a tarda sera del 3 ottobre 1226 spirò. La mattina del giorno successivo il suo corpo fu traslato con una solenne processione alla chiesa parrocchiale di s. Giorgio ad Assisi, dove sarebbe rimasto fino al 1230, anno in cui fu portato alla Basilica costruita in suo onore. Il 16 luglio 1228, a meno di due anni dalla morte, papa Gregorio IX lo proclamò santo. Il 18 giugno 1939 papa Pio XII ha proclamato lui e s. Caterina da Siena patroni dItalia.

6 Facciata della Basilica Superiore di s. Francesco

7 La Basilica di s. Francesco d Assisi è stata dichiarata patrimonio dellumanità. È formata da due chiese sovrapposte luna allaltra, che comunicano tra loro per mezzo di una scala interna. La prima, quella Inferiore, fu costruita nel 1228, due anni dopo la morte del Santo, di cui custodisce le spoglie. È in stile romanico-lombardo ed ha una pianta a forma di tau (lettera dellalfabeto greco simile alla lettera T maiuscola). La Basilica Superiore è in stile gotico, ha ununica navata e fu inaugurata da papa Innocenzo IV nel Successivamente alla loro costruzione entrambe le Basiliche (Inferiore e Superiore) furono stupendamente affrescate da Cimabue, Giotto e altri maestri del loro tempo. Celebri sono gli affreschi che riempiono quasi tutta la parte centrale della navata della Basilica Superiore, intitolati Storie di San Francesco, che raffigurano scene relative alla vita del Santo, opera che viene attribuita a un gruppo di pittori diretti da Giotto. Il 26 settembre 1997, alle 2.33 della notte, una scossa di terremoto danneggiò gli affreschi del transetto della Basilica Superiore; la mattina successiva, alle 11.42, unaltra scossa, più forte della prima, fece crollare la volta dello stesso transetto, uccidendo due frati e due tecnici comunali che vi si trovavano sotto per verificare i danni causati dalla scossa precedente. La successiva opera di restauro, durata quasi dieci anni, ha permesso la ricostruzione della volta crollata e la ricollocazione nella posizione originaria dei frammenti che è stato possibile recuperare (non tutti, purtroppo).

8

9 Basilica di s. Chiara

10 La Basilica di s. Chiara, di stile gotico, fu costruita sul luogo della preesistente chiesa di s. Giorgio, e fu ultimata nel 1260, anno in cui vi fu trasferita, dal convento di s. Damiano, la salma della Santa. Chiara nacque nel 1194 ad Assisi da una nobile e ricca famiglia. Conquistata dagli ideali di Francesco, appena diciottenne fuggì di casa per raggiungerlo alla Porziuncola. Francesco le tagliò i capelli, le fece indossare un saio da penitente e poi la condusse al monastero benedettino di Bastia Umbra per proteggerla dal padre, il quale però la trovò e la raggiunse comunque e tentò, ma invano, di convincerla a ritornare a casa. Dopo un po di tempo Chiara fece ritorno ad Assisi e si rifugiò nel piccolo convento annesso alla chiesetta di s. Damiano, dove fondò lOrdine femminile della povere recluse, che dopo la morte di lei saranno chiamate Clarisse. Qui Chiara fu raggiunta da sua sorella Agnese, poi dallaltra sua sorella Beatrice e da altri gruppi di ragazze e donne. A queste si aggiunse più tardi persino la madre di Chiara, Ortolana. Nel 1215 Chiara fu nominata badessa del convento di s. Damiano. Le sue seguaci osservavano una Regola loro dettata da Francesco, sostituita in seguito da quella scritta dalla stessa Chiara. A soli due anni dalla sua morte, avvenuta l11 agosto 1253, Chiara fu proclamata santa da papa Alessandro IV. Attualmente lOrdine delle Clarisse costituisce il ramo femminile dellOrdine dei Frati Minori.

11 Gino e le sua statuette intagliate in legno dolivo

12 Piazza del Comune

13 Duomo di s. Rufino È in stile romanico-umbro e fu ultimato nel 1135; ma nel corso del tempo ha subito numerosi interventi di restauro e trasformazione.

14 Eremo delle Carceri Risalendo da Assisi le pendici del monte Subasio si arriva allEremo delle Carceri, posto a 800 m s.l.m. Prende il nome dal fatto che s. Francesco ed i suoi seguaci vi si carceravano nella solitudine e nel silenzio per dedicarsi alla contemplazione e alla preghiera.

15 Eremo delle Carceri - Chiostrino

16 Basilica di s. Maria degli Angeli È in stile rinascimentale ed al suo interno si trova lantica cappella della Porziuncola, dove tra laltro il Santo morì.

17 Santuario di s. Maria in Rivotorto Al suo interno si trova il Sacro Tugurio, che consiste nelle prime due stanze dove trovarono rifugio i primi seguaci di s. Francesco, e dove egli scrisse la sua Regola monastica. Le foto inserite in questa presentazione sono state scattate il 14 e 15 ottobre Il sottofondo musicale è il concerto per violino e archi n° 6, in A minore, opera 3, Largo, di Antonio Vivaldi


Scaricare ppt "by Sebastiano Inturri La città di Assisi, in provincia di Perugia, è nota soprattutto per aver dato i natali a s. Francesco e a s. Chiara. È posta a."

Presentazioni simili


Annunci Google