La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tenochtictlan Nella mitologia azteca, la leggenda dice che i mexicas fossero partiti da Aztlan per giungere dopo un lungo pellegrinaggio nel lago Texcoco.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tenochtictlan Nella mitologia azteca, la leggenda dice che i mexicas fossero partiti da Aztlan per giungere dopo un lungo pellegrinaggio nel lago Texcoco."— Transcript della presentazione:

1

2

3 Tenochtictlan Nella mitologia azteca, la leggenda dice che i mexicas fossero partiti da Aztlan per giungere dopo un lungo pellegrinaggio nel lago Texcoco. Il loro dio aveva predetto che un giorno essi avrebbero visto unaquila sopra un cactus e in quel punto avrebbero fondato la loro città. Così avvenne e, dopo molti anni, i mexicas gettarono le fondamenta della loro capitale, Tenochtictlan su un isolotto nel lago Texcoco. Oggi il lago è ormai prosciugato da anni, Tenochtitlàn è diventata Città del Messico ma l'aquila della profezia è rimasta al centro della bandiera messicana.

4 Gli Aztechi erano politeisti. Quetzalcoatl,il loro dio,era di solito raffigurato, nelle leggende, con la barba (simbolo di importanza). Questo dio secondo la leggenda sarebbe migrato nel popolo per portare la pace.

5 LE CLASSI SOCIALI 1° La prima classe sociale era formata dai pilli (i nobili). 2° La seconda classe era formata mācehualli (i contadini) questi si dedicavano,per guadagnare,ai mestieri perché i soldi erano la fonte più importante. Unaltra classe importante era formata dagli schiavi. Essi potevano diventarlo anche se avevano vari debiti che non riuscivano a pagare entro il tempo previsto, potevano però anche loro avere altri schiavi. Anche la classe pochtecha(i mercanti) era importante essi erano spesso assunti come spie perché comunicavano con tutta la gente del paese.

6 SCRITTURA & CALENDARIO Gli aztechi utilizzavano la scrittura pittografica incisa su carta o pelle di animali chiamata codice, il segno di base di questa scrittura è il glifo: si tratta di unaparola-immagine che è nello stesso momento sia disegno stilizzato che trascrizione del suono. Gli aztechi, mille anni prima, parlavano però una lingua chiamata náhuatl. Utilizzavano due tipi di calendari: uno per i giorni normali e uno per prevedere gli avvenimenti futuri.

7 Le città erano ricche di grandi templi e palazzi,(dove ognuno aveva una funzione diversa)costruiti tutti intorno a quello imperiale che era il più importante. Tutti gli abitanti, sia i nobili sia membri del popolo, avevano un'abitazione costituita da due edifici. Al giorno d'oggi, è rimasto molto poco dell'architettura azteca; tuttavia, le restanti rovine testimoniano le notevoli conoscenze architettoniche di quel popolo.

8 Dopo la nascita il bambino è protagonista di una serie di riti, il primo consiste, per i maschi, nel seppellire il cordone ombelicale in un campo di battaglia e per le femmine nei pressi della casa. Fino ai quattordici anni l'educazione dei bambini era nelle mani dei loro genitori, ma sotto la supervisione delle autorità. A 15 anni tutti i ragazzi e le ragazze frequentavano la scuola.

9 ALIMENTAZIONE L'alimentazione azteca comprendeva varie verdure e legumi ancora usati nella dieta Messicana. Inoltre, gli Aztechi pescavano gli acocil, piccoli crostacei che abbondavano nel lago Texcoco e alghe dalle quali ricavavano le torte. Tra gli alimenti i più mangiati erano gli insetti e le più ricercate erano le cimici acquatiche che si trovano ancora oggi nei laghi salati.

10 Prima della conquista, la cultura azteca aveva un modo tutto suo di spiegare le malattie; credevano che queste fossero provocate da cause soprannaturali o religiose, da cause magiche o da cause naturali. Le malattie inviate dalle divinità, si riteneva, erano la punizione per un'offesa al dio; le malattie provocate dalla magia invece erano lanciate da un mago in grado di scagliare incantesimi/maledizioni. Le cause naturali per le malattie erano per esempio le ferite di guerra, le cadute, il mal di testa, ecc.… I modi curativi erano vari e dipendevano dal tipo di malattia.

11 Quando, nel 1519, la spedizione di Hernan Cortés entrò in contatto con gli Aztechi, si scoprì che questo popolo praticava una sorta di sacrifici umani e cannibalismo. La maggior parte di questi erano nemici catturati in battaglia, ma, anche bambini e neonati delle famiglie del popolo. I sacrifici rituali venivano effettuati di giorno, in presenza di numerosi spettatori. Le vittime venivano portate in cima alle scale delle piramidi poi adagiata su una pietra da quattro sacerdoti-macellai. Un quinto sacerdote, eseguiva il rituale e infine quando la vittima era morta la facevano rotolare giù per la scalinata e il corpo veniva consegnato alla famiglia al momento del banchetto.

12 I guerrieri erano sempre rivestiti con pesanti armature ed erano divisi in vari gruppi: Guerrieri aquila ; Guerrieri giaguaro ; Guerrieri freccia ; Sciamani del coyote ; Cuachciqueh.

13 Gli aztechi avevano una grande passione per il divertimento. Essi giocavano spesso a un gioco con una palla di gomma molto solida dove bisognava, per fare punti, centrare dei segni sui muri o fare entrare la palla in un cerchio posto in verticale. Essa veniva colpita non solo con le mani ma anche con gomiti e ginocchia. Su questo sport venivano fatte anche scommesse per esempio i poveri scommettevano il cibo mentre i pilli i loro averi.

14


Scaricare ppt "Tenochtictlan Nella mitologia azteca, la leggenda dice che i mexicas fossero partiti da Aztlan per giungere dopo un lungo pellegrinaggio nel lago Texcoco."

Presentazioni simili


Annunci Google