La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AUDIOLOGIA e FONIATRIA PREDOLINI FULVIA OSPEDALE DEI BAMBINI LOGOPEDISTA AZIENDA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA La terapia Logopedica Brescia, 27 ottobre 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AUDIOLOGIA e FONIATRIA PREDOLINI FULVIA OSPEDALE DEI BAMBINI LOGOPEDISTA AZIENDA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA La terapia Logopedica Brescia, 27 ottobre 2012."— Transcript della presentazione:

1 AUDIOLOGIA e FONIATRIA PREDOLINI FULVIA OSPEDALE DEI BAMBINI LOGOPEDISTA AZIENDA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA La terapia Logopedica Brescia, 27 ottobre 2012

2 TECNOLOGIE PROTESICHE protesi a scatola binaurale - allenatori acustici da tavolo - pedana vibratoria protesi retroauricolari di potenza analogiche - ausili vibro tattili (vibratore bicanale) - protesi programmabili analogiche protesi digitali - impianto cocleare - uso di FM impianto cocleare e protesi controlaterale - impianto cocleare binaurale (sequenziale – simultaneo) AUDIOLOGIA e FONIATRIA PREDOLINI FULVIA OSPEDALE DEI BAMBINI LOGOPEDISTA AZIENDA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA

3 METODICHE RIABILITATIVE Metodo verbo tonale 1970 oralismo udito dipendente (metodo acupedico) Oralismo oralismo espressione dipendente Metodo gestuale 1980 Metodo misto o bimodale Metodo di Borel-Maisonny Intervento multidisciplinare 1990 Metodo protesico cognitivo 2007 Terapia Uditivo-Verbale (AVT) (Auditory-Verbal Therapy International 1987) AUDIOLOGIA e FONIATRIA PREDOLINI FULVIA OSPEDALE DEI BAMBINI LOGOPEDISTA AZIENDA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA

4 La scelta metodologica si è adeguata nel tempo per vari motivi, fra questi 1. levoluzione della tecnologia e la cura della sordità in medicina ha subito notevoli cambiamenti nel giro di pochi anni. La peggior protesi oggi in commercio era la migliore dieci anni fa 2. - negli anni 70/80 la diagnosi precoce era a mesi, raramente sotto lanno - negli anni 80/90 lo screening neonatale avveniva solo per i neonati a rischio - negli anni 90/2000 lo screening neonatale si sta diffondendo in quasi tutti i punti di nascita e segnala bambini sotto lanno di età AUDIOLOGIA e FONIATRIA PREDOLINI FULVIA OSPEDALE DEI BAMBINI LOGOPEDISTA AZIENDA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA

5 Il metodo verbo-tonale ha unimpostazione pedagogica sul ritmo corporeo e sul ritmo musicale con le apparecchiature Suvag 1 e Suvag 2(Petar Guberina, Zora Drezancic, Zatelli) Loralismo espressione dipendente era molto diffuso negli Istituti per sordi dove era stato bandito luso della lingua dei segni (dal Convegno di Milano 1880 agli anni 70). Lapproccio è più pedagogico che sensoriale e da più spazio alla lettura labiale. Loralismo udito dipendente (metodo acupedico) viene dalla Scuola Audiologica Milanese (Massimo del Bo – Adriana De Filippis). Ludito residuo attivato dellamplificazione rappresenta il canale principale di entrata verbale. La scuola Milanese è la più convinta seguace italiana della metodologia descritta da Doreen Pollack nel Le caratteristiche principale del metodo acupedico sono: - Diagnosi e protesizzazione precoce - Immediata rieducazione - Sviluppo della percezione uditiva attraverso unintensa stimolazione acustica - Sviluppo del linguaggio e di modelli linguistici normali - Lettura precoce - Coinvolgimento della famiglia nel programma riabilitativo - Inserimento e integrazione nellambiente scolastico normale AUDIOLOGIA e FONIATRIA PREDOLINI FULVIA OSPEDALE DEI BAMBINI LOGOPEDISTA AZIENDA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA

6 Metodo gestuale e metodo bimodale (studi di Volterra, Caselli, Beronesi) utilizzano A) la lingua dei B) litaliano segnato segni italiana esatto (LIS) (ISE) Il metodo protesico cognitivo (scuola di Varese dott. Burdo): la tecnologia risolve in gran parte le problematiche, e la riabilitazione uditiva classica si trasforma in allenamento cognitivo. Ancor più che con il metodo acupedico la figura materna viene qui coinvolta; molto interessante il follow-up stretto e la stesura degli obiettivi a breve termine. Si analizzano le abilità di analisi del linguaggio verbale (detezione, discriminazione, identificazione, riconoscimento, comprensione) sia con la lettura labiale sia con luso del solo udito). Le responsabilità sensoriali sono affidate agli esperti della tecnologia audiologica; ciò consente alla logopedista di occuparsi maggiormente degli aspetti cognitivi senza tralasciare di verificare che le capacità uditive siano mantenute. AUDIOLOGIA e FONIATRIA PREDOLINI FULVIA OSPEDALE DEI BAMBINI LOGOPEDISTA AZIENDA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA

7 TERAPIA UDITIVO-VERBALE (AVT) LAVT è un insieme di linee guida rigorose attraverso le quali i bambini, con perdita uditiva, possono essere educati sfruttando anche le minime quantità di residui uditivi amplificati dalle protesi acustiche retroauricolari o vicariati da impianto cocleare al fine di imparare ad ascoltare, a processare il linguaggio e a parlare. Il bambino apprende più facilmente se le attività sono inserite in un clima sereno, caratterizzato da interazioni significative con genitori e familiari. NellAVT il genitore osserva, partecipa e opera al fine di imparare a Modellare le tecniche atte a promuovere lo sviluppo del linguaggio Pianificare strategie per integrare lascolto e il linguaggio nelle esperienze quotidiane Informare il terapista sugli interessi e le abilità del bambino Stabilire obiettivi a medio e lungo termine Sviluppare sicurezza nellinterazione genitore/bambino Prendere decisioni informate AUDIOLOGIA e FONIATRIA PREDOLINI FULVIA OSPEDALE DEI BAMBINI LOGOPEDISTA AZIENDA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA

8 Nessun approccio riabilitativo è in grado di soddisfare le necessità di tutti i bambini affetti da sordità AUDIOLOGIA e FONIATRIA PREDOLINI FULVIA OSPEDALE DEI BAMBINI LOGOPEDISTA AZIENDA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA

9 A seconda della storia personale del bambino (età della diagnosi e della protesizzazione, tipo e grado di sordità, deficit associati, competenza linguistica …) la terapia logopedica può essere: Educazione allascolto e al linguaggio riabilitazione AUDIOLOGIA e FONIATRIA PREDOLINI FULVIA OSPEDALE DEI BAMBINI LOGOPEDISTA AZIENDA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA

10 Lavvento delle nuove tecnologie sia protesiche sia impiantologiche ha ridotto il tempo per affinare la discriminazione uditiva dei bambini sordi. Gli esercizi di allenamento acustico hanno una frequenza molto ridotta rispetto al passato, privilegiando tutto quanto è necessario alla maturazione verbale e a una corretta acquisizione della competenza e della performance linguistica. La logopedista attua una programmazione con obiettivi di ascolto, di articolazione, di linguaggio, obiettivi cognitivi e comunicativi. Gli intenti e i tempi programmati sono destinati a fallire senza lappoggio della famiglia, unica in grado di garantire: Lutilizzo della protesi e/o dellimpianto Il controllo quotidiano della loro efficacia La frequenza alla terapia logopedica Il compimento delle indicazioni dei diversi operatori AUDIOLOGIA e FONIATRIA PREDOLINI FULVIA OSPEDALE DEI BAMBINI LOGOPEDISTA AZIENDA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA

11 Grazie per lattenzione AUDIOLOGIA e FONIATRIA PREDOLINI FULVIA OSPEDALE DEI BAMBINI LOGOPEDISTA AZIENDA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA


Scaricare ppt "AUDIOLOGIA e FONIATRIA PREDOLINI FULVIA OSPEDALE DEI BAMBINI LOGOPEDISTA AZIENDA SPEDALI CIVILI DI BRESCIA La terapia Logopedica Brescia, 27 ottobre 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google