La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO COMPRENSIVO PISACANE- POERIO CLASSE 3^ C ANNO SCOLASTICO 2012-2013 LAVORO DI GRUPPO :Giulia-Iacopo-Laura-Michele-Moaz.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO COMPRENSIVO PISACANE- POERIO CLASSE 3^ C ANNO SCOLASTICO 2012-2013 LAVORO DI GRUPPO :Giulia-Iacopo-Laura-Michele-Moaz."— Transcript della presentazione:

1 ISTITUTO COMPRENSIVO PISACANE- POERIO CLASSE 3^ C ANNO SCOLASTICO LAVORO DI GRUPPO :Giulia-Iacopo-Laura-Michele-Moaz

2 Molto tempo fa una nebulosa in rotazione si contrasse su se stessa: o per lesplosione di una supernova vicina, che produsse un onda d urto che si scatenò all interno della nebulosa per milioni di anni. La nebulosa dunque si contrasse formando un disco di rotazione in cui c erano dei corpi pesanti e dei corpi leggeri. La maggior parte di questa materia si concentrò al centro della nebulosa dove nacque il giovane Sole.

3 Le polveri e i gas che non sono serviti per la formazione del Sole hanno continuato a ruotare disponendosi in modo che i corpi pesanti stessero più vicino al Sole di quelli leggeri, che si sistemarono in periferia. Questa materia raffreddandosi fece incollare le polveri. Le polveri formarono dei blocchetti grandi allincirca come sassi. Alcuni blocchetti,attirando materia, diventarono grandi come pianeti e il loro nucleo si surriscaldò. I pianeti continuarono a ingrandirsi raggiungendo le dimensioni di oggi.

4 Mercurio, pianeta piccolo e roccioso, ruota molto vicino al Sole. La temperatura sulla sua superficie si alza fino a 450° centigradi di giorno e scende fino a -170° centigradi di notte perché quasi privo di atmosfera. Mercurio appartiene alla categoria dei pianeti rocciosi. Mercurio è stato colpito da moltissimi meteoriti che hanno lasciato crateri grandissimi al loro impatto sulla superficie di Mercurio. Il più famoso e grande di questi crateri si chiama Bacino Caloris.

5 In passato si pensava che Venere, il pianeta più vicino a noi, fosse simile alla Terra primordiale, ma in realtà Venere è un pianeta morto con unatmosfera densa quanto loceano. Dal cielo giallo e nuvoloso cade una pioggia formata da acido solforico, che evapora prima di toccare il suolo. A causa delleffetto serra, la temperatura sulla superficie di Venere raggiunge i 480°.

6 La vita sul nostro pianeta è resa dalla distanza della Terra dal Sole. Gli esseri viventi infatti hanno bisogno di acqua allo stato liquido e, se il nostro pianeta fosse più lontano dal Sole, tutta lacqua della Terra sarebbe congelata come su Marte. Se fossimo invece più vicini alla nostra stella, lacqua si troverebbe allo stato gassoso come su Venere.

7 Marte, il pianeta rosso affascina luomo da oltre un secolo, da quando gli astronomi credettero di vedere sulla sua superficie canali scavati dagli alieni. I canali in realtà non ci sono, ma lidea che la vita su Marte possa esistere continua a intrigarci. Marte è il pianeta più vicino a noi dopo Venere e,come la Terra, ha calotte glaciali, stagioni,vulcani e deserti. Molto tempo fa doveva avere anche laghi e fiumi.

8 GIOVE Giove è il pianeta gigante del Sistema Solare, più grande di tutti gli altri messi insieme. Anche se la sua distanza dalla Terra è quattro volte quella della Terra dal Sole, Giove appare talvolta come loggetto più luminoso nel cielo notturno. Intorno a questo pianeta cè un campo magnetico molto intenso. Gli anelli di Saturno sono formati da miliardi di frammenti di roccia e di ghiaccio di varie dimensioni. Questi frammenti sono forse i resti di un satellite che si trovava troppo vicino a Saturno ed è stato distrutto dalla gravità del grande pianeta gassoso. SATURNO

9

10 Urano e Nettuno sono chiamati anche i Giganti di Ghiaccio. Sono i due pianeti del Sistema Solare più lontani dal Sole. Urano compie un orbita intorno al Sole in 84 anni. La massa di Urano è costituita da un nucleo solido. Il mantello invece è composto da acqua e ammoniaca. Il mantello viene chiamato anche mare di acqua e ammoniaca. La superficie di Urano è composta da ghiaccio, gas e rocce. Latmosfera è composta per la maggior parte di metano (è proprio dal metano che Urano prende il suo colore azzurro – verde ). Il diametro di Urano è di km.

11 Nettuno,anchesso pianeta azzurro,ha un diametro di km, ha una distanza dal Sole di 4,5 miliardi di km e fa un orbita intorno al Sole in 165 anni. Grandi nubi bianche formate da metano congelato si muovono rapidamente intorno a un gigantesco uragano che appare scuro sulla superficie di Nettuno, il pianeta più ventoso di tutto il Sistema Solare. Il colore azzurro di Nettuno è dovuto a strati atmosferici ricchissimi di metano. Nettuno fa un giro su se stesso in 16 ore.

12 Plutone, pianeta nano, scoperto nel 1930 è il più lontano dal Sole. Il diametro di Plutone supera i 2300 km. Plutone però non è sempre lultimo pianeta del Sistema Solare: a volte penetra nellorbita di Nettuno,Plutone,allora per una ventina danni lottavo pianeta Del Sistema Sol are.

13 Fino alla fine del XIX secolo, le comete hanno profondamente impressionato gli uomini, che le credevano annunciatrici di tempi nuovi o grandi catastrofi. Una delle più famose comete, quella di Halley, di qui il nome scientifico è 1p/Halley, passa nei cieli della Terra ogni 76 anni. Alcune comete provengono dalla nube di Oort. Altre dalla cintura di Kuiper.


Scaricare ppt "ISTITUTO COMPRENSIVO PISACANE- POERIO CLASSE 3^ C ANNO SCOLASTICO 2012-2013 LAVORO DI GRUPPO :Giulia-Iacopo-Laura-Michele-Moaz."

Presentazioni simili


Annunci Google