La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A MI I M'Á INSEGNAA INSCÍ Graziano Polin 1. 2 L`autore al lavoro nel suo ufficio (bettola).

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A MI I M'Á INSEGNAA INSCÍ Graziano Polin 1. 2 L`autore al lavoro nel suo ufficio (bettola)."— Transcript della presentazione:

1 A MI I M'Á INSEGNAA INSCÍ Graziano Polin 1

2 2 L`autore al lavoro nel suo ufficio (bettola).

3 Carissimi tutti, L'è domà un picol pensèe par Vialtri. Se al va stüfiss, o se al va piàas mia, bütil gió in da la tola dal rüüt; mi va capiresi e ma la ciaperesi mia, gnanca 'n zik! Ciao e fii Bon Fäsct ! Chi volesse ricevere l`opuscolo in formato Pdf ci scriva tramite il nostro indirizzo 3 Con affetto Claudio

4 4 Tentativo di raccogliere autentici e talvolta divertenti modi di dire, e di tradurli (con libere interpretazioni) dalla lingua madre all' italiano. Eureka! Ó scop ä rt l'acqua calda! Ho voluto impormi spontaneamente una certa qual censura, a prescindere da determinate parole o espressioni che, volenti o nolenti, appartengono al nostro quotidiano modo di comunicare. Ho stralciato quelle frasi ticinesi che sono risultate troppo facilmente comprensibili anche ai miei amici romani e fiorentini, che ne renderebbero pertanto superflua la traduzione. Il tutto senza nessuna pretesa di tipo scientifico o culturale. Cos í, alla buona e per divertimento.

5 A la mè meravigliosa Mamm, e prima maästra che la mà insegnaa a parlaa, inscì. Dedicato alla mia meravigliosa Mamma e, prima maestra ad insegnarmi a parlare, così. Toca a ti a fàa i cart. É il tuo turno quello di mescolare e distribuire le carte. L'é n sc-trüs che yá metüü sü coi matlosan. È un affare che hanno avviato con gli zingari. I l'à metüda via senza prävat. Hanno insabbiato la faccenda. Gh'é saltaa fö 'na bügada. Ne è nata una vivace baruffa. Som borlaa gió e ma som fai maa a 'n pä. Sono caduto ferendomi a un piede. L'é vün di barlafüüs che gh'è vegnüü dent. È uno degli sciagurati che è entrato. Töghi sü al mè vecc e vò. Prendo mio padre e me ne vado. 5

6 6 Un brozón come tüc i so neod. Un buzzurro come tutti i suoi nipoti. L'è saltaa sü a digan adrè a tüti. Ha preso la parola per inveire contro tutti. Ma saresi cagnaa la lingua pitosct che dag a trà. Mi sarei morso la lingua piuttosto che condividere. I magiostri yè amò zärb. Le fragole sono ancora acerbe. I dis föra di bagianadi propi da balabiott. Dicono delle sciocchezze proprio da buffoni. Em mayàa come di ciün. Abbiamo mangiato come maiali. L'à piövüü tüt al dí e l'è par chescto che gh'è borlaa giò i pomm. Ha piovuto tutto il giorno, ecco perché son cadute le mele. E pö i diis che da nocc al ronfa da brüt. E poi dicono che di notte russa alla grande.

7 7 Ó gnanca ciapaa un pess. Non ho pescato nemmeno un pesce. L'à trai sü tüt al discnaa. Ha vomitato tutto il pranzo. L'à ciapaa sü tanti da chi pesciadi.... Ha preso tanti di quei calci... L'à fai föra tüta la paga coi baldrak. Ha speso un intero salario con le donnine. I l'à mandaa via parché u g'à grataa al so padron. È stato licenziato per aver rubato al suo datore di lavoro. I po' tant tacaa sü da lavaa gió. Possono benissimo lasciar perdere. Ul bäl vedée l'è mia disctant. Il bel giorno non è lontano. Bäl faa da ciola! Eh no, così è troppo facile!

8 8 Al sarà mei che 'l faga un po' d'ordin in dal só spazzacà. Sarà bene che faccia ordine nella sua testa. L'è scarpüsciaa in un gropp da 'na radiis sül sentee. Ha inciampato in un nodo di radice nel sentiero. L'è una balosada da fiöö vegnidi sü in da la bombasa. È una birichinata di ragazzi cresciuti nella bambagia. Gh'è saltaa fö un risott quand yá vörüü vedee i cünt. È scoppiato un caos quando hanno chiesto di esaminare i conti. Vöri vedee come ta fè a tayaa gió al pan poss. Voglio vedere come fai ad affettare il pane raffermo. Chi lí yè di maya ramina (taglian). Quelli sono Italiani. I altri yè di zükit. Gli altri sono svizzero tedeschi. Dopo riverà scià i kaiba cinkali. Poi arriveranno i ticinesi.

9 9 La söia l'è broza; pasag sora con un strasc. La soglia d'entrata è sporca; dalle una pulitina con uno strofinaccio. L'è conosüü par väss un romatik e anca piöcc. È conosciuto come brontolone e pure tirchio. Ó dropaa i tó forbis. Ho usato le tue forbici. In pü, i sà cuerciaa con di föi da sceres. Inoltre, si sono coperti con foglie di ciliegio. Al dí d'incöö tüti i g'à naa asée da fasctidi. Oggigiorno tutti ne hanno abbastanza di grattacapi. In dal só mesctée l'è 'na canonada. Nel suo lavoro è un fenomeno. U la ciapada maa, parché pö l'era giá föra di strasc. L'ha presa male, perché era già infuriato. Ocio, che a gh'è in gir i gripa. Attenzione, alla pattuglia di polizia.

10 10 Al föög l'à brüsaa la noscta sc-köla. Il fuoco ha bruciato la nostra scuola. I sa parla da püsee che vot ann; spätat i biniis. Sono fidanzati da più di otto anni; aspettati i confetti. Al damangiaa dal mè fiöö l'è 'na ciünada. Le pietanze di mio figlio sono una schifezza. Al legnamèe dal mè paes o somya sempar strak. Il falegname del mio villaggio sembra sempre stanco. I picasass d'incöö i dev portaa i ögiaa. Gli scalpellini di oggi devono portare gli occhiali. Al dopdiscnaa g'ó gnanca pü un gäl in la scarsäla. Il pomeriggio non ho più neanche un centesimo in tasca. L'era talment cunsc che i l'à töi sü con un cügiaa. Era così malconcio che l'hanno raccolto con un cucchiaio. Käl bambo l'à bütaa tüta la roba sül tecc dal visin. Quello sciocco ha gettato tutte le cose sul tetto del vicino.

11 11 L'à metüü gió 'na blaga, che ta disii mia. Si è dato così tante arie, che non ti dico. Vörendo faa da par lor, yà fai sü un gran risott. Volendo far da soli, hanno combinato un gran pasticcio. U 'n'à fai da vend e da spend. Ne ha fatto di tutti i colori. Domá i ciocat i g'à mai frecc. Soltanto gli ubriaconi non soffrono mai il freddo. Al vosava come 'n strascièe. Gridava come uno straccivendolo. L'è vegnüü sciá coi sò solit torleri. Si è presentato con le sue solite cianfrusaglie. I g'à nai adrè come di bambi. L'hanno seguito come degli sprovveduti. Cos' t'sè drè a faa? Che cosa stai facendo?

12 12 Diseresi che l'è 'n merlüzz. Direi che è un credulone incapace. Yer gh'è rivaa al vescov. Ieri sono stato castigato. Püsèe che 'n ganasón, l'è 'n toaya e 'n blagón. Più che un chiacchierone, è un saputello e maneggione. L'à fai vedee che l'è propi un cifol. Ha dimostrato di essere proprio un borioso, incompetente. A vó a bütam gió 'n atim. Vado un attimo a riposare. Yera domà di bagai che yera drè a giügaa. Erano solo dei ragazzini che stavano giocando. I g'á dai 'na pesciada in dal cüü. Gli hanno dato una pedata nel didietro. A som sc-brisigaa sül giazz. Sono scivolato sul ghiaccio.

13 13 Damm 'na paya, par piasèe. Dammi una sigaretta, per favore. I düü moros yè nai in brüga. I due fidanzatini si sono appartati. I l'à ciapaa pal cüü. L'hanno preso per i fondelli. L'è 'n lasagna. È un alto graduato militare. I s'à ciapaa pai strasc par via da 'na cadrega. Si sono accapigliati per una sedia. A gó bisögn d'un pedriöö. Ho bisogno di un imbuto. L'è sc-travacaa col sò birocc parchè al nava tropp svält. Si è capovolto con la sua automobile perché viaggiava troppo veloce. A fó sü la täscta che i ciaparà sü almeno cuatar goi. Scommetterei che subiranno almeno quattro reti.

14 14 Le in pü, l'à perdüü i ciav dal sc-pazzacá. Inoltre, lei ha perso le chiavi del solaio. L'è mia tüt lü. Non è sano di mente. Chii düü lì, par càtaa sü cik e par gànasaa yè di canon. Quei due, quanto a pettegolare e chiacchierare sono dei fuoriclasse. Vegn chi con nüm a bev un bicer. Vieni qua a bere un bicchiere con noi. L'era inscí pien, da fass töö sota da 'na bici. Era così ubriaco da farsi investire da un ciclista. Yà pena sügaa sü ma l'è mó ümid. Hanno appena asciugato ma è ancora umido. L'è 'n poro ti, coi sacocc sempar vöid. È un poveraccio, sempre a tasche vuote. L'è sc-püdada a la sò soräla. Assomiglia molto a sua sorella.

15 15 Ò sc-garbaa tüt in gir par podee faa gió 'n böcc. Ho scavato tutt'intorno per fare un buco. U g'à dai düü sc-ganasoni sül müüs. Gli ha dato due schiaffi in faccia. Se vegn sü 'l föhn a tàca i maa da täscta. Se si alza il favonio, comincerà il mal di testa. L'à fai sü 'n casott coi danèe da la neoda. Ha combinato pasticci con i soldi della nipote. Lor i sa sc-ciàra mia tant. Loro non si piacciono molto. Yà giügaa contra di sc-ciäpacazüü. Hanno giocato contro dei brocchi. L'è nai a scköla col librätt dala cooperativa. È un ignorante. Il conoss tüti come un andeghée. Tutti lo conoscono come un vecchio malandato.

16 16 Käl vecc u ma par un po' lok. Quel vecchio mi sembra un po' svampito. Gh'è fiocaa fin gió in bass. Ha nevicato fino in pianura. La tosa l'è mia tant güza. La ragazza non è tanto intelligente. Al g'à i man sc-bögiaa. Ha le mani bucate. L'acqua in dal caldiröö l'è drè a büii. L'acqua nel paiolo sta bollendo. A nem insäma a cagnaa quaicoss? Andiamo assieme a mangiare qualcosa? Chi l'è che và a bütaa via al rüüt? Chi andrà a gettare i rifiuti? A nüm m'à restaa indrè domà i briis. A noi sono rimaste solo le briciole.

17 17 La süpa la sa serviss col cazüü. La zuppa si serve con il mestolo. Chi da Rüpiana yè rüpianit. Gli abitanti di Rivapiana sono rivapianini. Incöö ó mo mia visct al presctinèe. Oggi non ho ancora visto il panettiere. L'à fai un rücc da somyaa 'n selvadigh. Ha fatto un rutto da sembrare un selvaggio. In di praa gh'è 'n barlazz da saltamartin. Nei prati c'è un sacco di cavallette. I g'à fai sü 'na cravata. Lhanno abbindolato. T`sè obligaa a dropaa al colin. Devi usare lo scolapasta. Em podüü vedee che l'era 'n tarlük. Abbiamo potuto costatare che era un imbecille.

18 18 Al sckíscia trop al ciod! Viaggia troppo veloce! Incöö ó ciapaa i ratt. Oggi sono arrivato in ritardo. La micina l'à fai ses micitt. La gattina ha partorito sei gattini. A gh'era in gir tant da käl crök che tà disi mia. C'era tanta di quella sporcizia che non ti dico. Va a töm vot öf. Va a comprarmi otto uova. Ai cavai i g'à metüü gió un zik da resegadüsc. Ai cavalli hanno messo un po' di segatura. Sc-morza la lüüs quand te vè föra. Spegni la luce quando esci. L'è finii par naa a Mendris. È finito in manicomio.

19 19 U g'à fai nagota. Non gli ha fatto niente. Gh'è saltaa föra 'n vespää. Ne è nato un vespaio. Al lacc l'è quagiaa e 'l somya büter. Il latte è scaduto e sembra burro. G'ó fai portaa gió i sciavatt in pola. L'ho costretto a presentarsi in polizia. L`è propi `na piega. È veramente una macchietta. U s'à fai 'na nomea da pufatt. Si è fatta una reputazione di malpaga. L'è mia püsèe che 'n bügigatol. Non è niente di più di un piccolo locale. U piaas mia al só agii da voltamarsina. Non piace il suo comportamento da voltagabbana.

20 20 L'è un omm da cör. È un uomo generoso (o di buon cuore), I g'à tira gió i pagn d'adoss a tüti. Fanno maldicenza su chiunque. L'è mia bona a tasèe 'n second. Non sa tacere un solo secondo. Yè borladi gió sora 'n polèe. Sono caduti su un pollaio. U s'á ting i cavii par somyaa püsèe giovin. Si tinge i capelli per sembrare più giovane. L'è propi 'n panposs. È proprio un tranquillo e insignificante. Al mè sübit sora l'à fai föra un rüsctik. Il mio superiore ha riattato un casolare. La ma scapa, ma la tegni amó. Dovrei andare in bagno, ma resisto ancora.

21 21 I l'à rügataa sü tüta la nocc. L'hanno maltrattato tutta la notte. I ponciröö da l'üga növa yè giá nai da maa. Gli acini della nuova uva sono già marciti. U gira coi gomm liis. Guida con gli pneumatici logorati. E chí borla gió l'asan e käl che gh'è sü. E qui casca l'asino e chi stà in groppa. Va disi mia che stremizi c'ó ciapaa sü. Non vi dico quanto mi sono spaventato. Sc-kisciag al bognon e pö mätag sü 'n taftà. Schiacciagli il bubbone e poi mettigli un cerotto. La lüganiga coi fasöö l'è 'na canonada. La salsiccia con i fagioli è una prelibatezza. A podresi mia tirak a 'n camoss. Non potrei uccidere un camoscio.

22 22 L'è un fiüm sempar sücc. È un fiume sempre secco. L'è nai via drizz come 'n füüs. Se nè andato di filata. Se nè andato a gambe levate. L'è mai tääs. Non è mai sazio. G'ò vergogna a faa vedee al librett da scköla. Ho vergogna a mostrare la mia pagella. Le là fai là un cunili intregh. Lei ha cucinato un coniglio intero. Le l'è naya dodas ann prima da lü. Lei è morta dodici anni prima di lui. Inscí intregh a g'à n'è pook. Di così incapaci ce ne sono pochi. U m'à mandaa incontra al taboi. Mi ha fatto accogliere dal cane.

23 23 Som mi la scuvenin. Sono io la minore delle figlie. T'è visct che sc-tralüsc ? Hai visto che lampo? Al m'à fai vegnii sü 'l foton. Mi ha fatto arrabbiare. I üselit i sc-värna in di niid süi piant. Gli uccellini trascorrono l'inverno nei nidi sulle piante. Al ticines che l'odia al taglian, al sa odia da par lü. Il ticinese che odia gli italiani, odia se stesso. In dal sc-contro u n'á sc-pedii düü a l'uspedaa. Nella collisione ne ha mandati due all'ospedale. Yá bevüü un vassel da nostran. Hanno tracannato una botte di vino locale. Intant che al sc-ciariva al só garbüi, u betegava domà. Mentre chiariva il suo pasticcio, balbettava.

24 24 Gh'era 'na scpüza da boascia. C'era una puzza di sterco di mucca. Em dovüü pasaa l'acqua basa e pagaa. Abbiamo dovuto piegarci e pagare. U guarda fö maa. Ha una brutta cera. Ti t'sè mia tant centraa. Tu non sei molto sano di mente. Al coridoo l'era sciüpp da strüseri. Il corridoio era pieno di cianfrusaglie. Al dí dal sc-posalizi l'era tüt sc-perlüsento. Il giorno del matrimonio era tutto tirato a lucido. Devii propi dii che g'à pisaa adoss l'orok. Devo proprio dire che è veramente sfortunato. I g'à fai 'na bofada al giüdas. Hanno fatto una soffiata al giudice.

25 25 Sctá mia tropp al soo, senó ta brüsat. Non stare a lungo al sole, altrimenti ti abbrustolisci. Lü l'era süla lobia e mi seri sota la töpia. Lui era sul balcone ed io sotto il pergolato. Al cifolava content come n'a pasqua. Fischiettava felice come un bambino. L'à piantaa lí tüt un sc-tabiäl. Ha lasciato un gran disordine. Em fai 'na bäla sctranociada. Abbiamo trascorso una nottata di baldoria. Anca lü al m'á dai atrà. Anche lui mi ha dato retta. L'è asée 'na ranza par tàyaa al praa? È sufficiente una falce per tagliare l'erba del prato? L'à cunsciaa i ginöcc da sc-batt via. Si è conciato gravemente le ginocchia.

26 26 U gh'era sciá 'n cavagn marón sc-kür. Aveva con sé un cestino marrone scuro. U tazzava mia maa. Beveva non poco. La scesa l'è tropp scondüda. La siepe è troppo nascosta (invisibile). L'è talment lifrok che 'l sa cüra gnanca i barbiis. È così pigro che non si regola nemmeno i baffi. L'è sempar sciá a vöree i vizi. È sempre in cerca di coccole. La sücina, l'ann pasaa, l'à fai dagn. L'anno scorso la siccità ha provocato danni. Käl lí l'è conosüü come 'n marsción. Quello è noto per essere un riccone avaro. L'è 'na roba che sá, nè da mi, nè da ti. È una cosa insignificante, senza sostanza.

27 27 I ticines yè fort in mate, ma sopratüt in di division. I ticinesi sono bravi in matematica, ma soprattutto nelle divisioni. I g'à in man lor al bocín. Il potere è nelle loro mani. (Hanno in mano loro il pallino). La gh'è tocada a le la päpa tencia. È toccata a lei la carta sfortunata. Par fam borlaa gió, al m'á dai un trüson. Per farmi cadere, mi ha dato uno spintone. I l'à fai sü davanti e da drè. L'hanno imbrogliato alla grande. Taas ti! Taci! L'à fai saltaa föra un rebelott. Ha provocato un putiferio. Al só fiaa al scpüzava da scigoi e ay. Il suo alito puzzava di cipolle e aglio.

28 28 Dinanz a la bara, yà fai cito tüti. Di fronte al feretro, tutti sono rimasti in silenzio. Ó ciapaa 'na fifa boia. Ho avuto una gran paura. Col Giüli sa fà sempar di gran ghignadi. Con Giulio si fanno sempre delle grandi risate. L'è come 'na caramela sciüsciada. È come una cosa inservibile. L'à piangiüü come 'n bagai. Ha pianto come un bambino. I poyöö yè vegnii föra dal güüs. I pulcini sono usciti dal guscio. U g'hera inscí präsa, da faa la cürva sü dó rööd. Aveva così fretta, da affrontare la curva su due ruote. L'è 'na gnoca, tüt saa e pevar. È una sventola, tutta sale e pepe.

29 29 Al mé micio l'è 'n gran giügaton. Il mio gatto è un gran giocherellone. U g'à tiraa col sc-ciopp da cascia. Gli ha sparato col fucile da caccia. Al m'à metüü in di pätol. Mi ha messo nei pasticci. La s'è sc-patasciada contra 'n pal da la lüüs. Si è spiaccicata contro un lampione. La s'à scayada al didin d'un pä. Si è scheggiata il mignolo di un piede. (bicchierino) I lüsärtol i ciapa al soo visin a mi. Le lucertole prendono il sole accanto a me. Gh'è 'na mügia da gent. C'è un mucchio di gente. I l'à inciodaa con di pröv da fär. L'hanno inchiodato con delle prove d'acciaio.

30 30 Da colpo, al didon di pä l'è diventaa tüt giald. Improvvisamente, l'alluce si è ingiallito. Alora, al só om u s'á tira scià ? Allora, suo marito sta guarendo? Quand seri 'n bagai girava tanti sc-frosit. Quando ero un ragazzo, c'erano tanti contrabbandieri. Al sentivi in la pisa che la nava a finii maa. Lo sentivo nell'aria che sarebbe finita male. Ó üsc-maa la malparada. Ho annusato il pericolo. La mè ex-brasc-däsctar l'era 'na pisagücc. La mia ex-braccio- destro era puntigliosa. Da mestee u fá 'l spacasass. Di professione è tagliapietre. Quand l'acqua la và a borlon u pó bevala anca 'n coyon. Quando l'acqua scende dall'alto di un ruscello, è potabile.

31 31 La g'à i só ropp. Ha le mestruazioni. L'è 'na scpüzeta. È un vanitoso. I diis tüti che l'è 'n gratacüü. Dicono tutti che è un indisponente. Al prim d'agosct u cascia sempar föra la bandera Sc-vizera. Il Primo d'Agosto espone sempre la bandiera Svizzera. Par cuaidün l'è 'n strolig. Per certuni è uno zingaro. Anca 'l verdüree u diis ca l'è 'n pesafüm. Anche il fruttivendolo dice che è un pignolo e pedante. Dificil tiraag via al ciucio al pinín. Difficile togliere il succhiotto al bimbo. Ó ciápaa 'na ciolada. Ho preso una fregatura.

32 32 Sc-torgial ben ben, pö pogial sül comó. Spremilo ben bene, poi posalo sul canterano. Tirem innanz lüstess. Andiamo avanti comunque. L'è 'n rüina präzi. È uno straccia prezzi I sò labar yera blö dal frecc. Le sue labbra erano paonazze dal freddo. Tira sü 'l capüsc. Copriti con il cappuccio. I l'à metüü a tecc parchè u sc-galinava. L'hanno imprigionato perché rubava. L'è come sciüsciaa un ciod rügin. È come succhiare qualcosa senza sapore. Poro, u s'à cargaa da legna verda. Poveretto si è caricato di pesanti responsabilità.

33 33 I yugo i và in gir späss in tréning e nüm em...imparaa. Gli ex-yugoslavi vestono sovente la tuta di ginnastica in pubblico, mentre noi invece... abbiamo imparato (...a fare la stessa cosa). Chescto chi u g'à 'na lapa che ta disi mia. Questo è un chiacchierone, che non ti dico. M'á pizigava la skena tant che ó dovüü bütam gió in tära. Mi prudeva così la schiena da dovermi sdraiare. Al g'à propi dent gnent in crapa. Non ha proprio nulla in testa. Mätala mia gió düra! Non darti troppe arie! Ta vedi spess coi sàndai. Sovente ti vedo con i sandali. Sa pó mia giügaa col föög. Non si può scherzare col fuoco.

34 34 L'è püsee fals d'un bigliät da 30 frank. È più falso di una banconota da 30 franchi. Inscí scransc gá n'è pook. Così avari ce ne sono pochi. Incöö ó mia töi gió i pasctili. Oggi non ho preso i medicinali. U sct-ava in da la sctrecia di féree. Abitava nel vicolo dei fabbri. L'è lü che l'á sc-värsaa la giära. È stato lui a scaricare la ghiaia. I I'à pociaa gió in da la palta. L'hanno immerso nel fango. L'è mágar come un pik (o un ciod). È magro come uno stuzzicadenti. L'è fiss come 'n ciügn. È un testardo.

35 35 Già a scköla l'era 'na tapa. Già ai tempi della scuola era una nullità. U gh'era sü la montüra da doganèe. Indossava l'uniforme di guardia di confine. Se 'l diis da väss mè cüsin, l'è 'n busard. Se dice di essere mio cugino, è un bugiardo. U g'à 'na parlantina da incantaserpent. Ha una loquacità da incantatore di serpenti. U g'à sctrizaa l'öcc. Gli ha fatto l'occhiolino. La mè biadica la ghigna divertida quand ga fó galitiga. La mia abbiatica ride divertita quando le faccio solletico. I mayava un mücc da tomatis. Mangiavano moltissimi pomodori. U g'á mia sc-torgiüü un cavii. Non gli ha torto un capello.

36 36 La g' à sci ü sciava f ö ra al lacc da 'na t ä ta. Le succhiava il latte da una mammella. Ul f á dom á par fass reclam. Lo fa solo per apparire. L' è la noscta tola dal r üü t. È il secchio della nostra spazzatura. L' à sc-tortaa s ü al nas. Ha arricciato il naso. Fi öö, a gh' è da che gratass la crapa. Ragazzi, c' è di che preoccuparsi. 'Na volta, in di paes vegniva al magnan. Nei tempi che furono, nei villaggi passava lo stagnino. Ocio, da mia nag s ü i cai a quaid ü n. Attento, di non pestare i piedi a qualcuno. Gi ü inott, cerca da mia faa 'l t ö rla Giovanotto, st à attento, non fare il cretino.

37 37 Al g' à dai 'na sc-orlada e gh' é vegnii gi ó i pis öö. Gli ha dato uno scossone e son cadute le pere. Gh' è sci á 'na gran pi ö v ü da. È in arrivo un temporale. La pinina la s á m ö v ü da in gata. La bimba si è spostata strisciando a gattoni. L' à sempar fai al teciatt. Si è sempre occupato di copertura tetti. Ogn ü n u sa f á s ü 'l s ó lecc. Ognuno rif á il proprio letto. T ö gi ó k ä l capell, bambo! Togliti il cappello, sciocco! Tosan, a gh' è da m ä tass i man in di cavii. Ragazze, c' è da mettersi le mani nei capelli. I bosckir öö, 'na volta, yera t ü ti Birgum. I boscaioli, una volta, erano tutti Bergamaschi.

38 38 Pasa dal sciavatin se ta v ö rat gi ü staa i ped ü. Passa dal calzolaio se vuoi riparare le scarpe di ginnastica. Quand ga l' ó dii, la voltaa s ü i ö cc. Quando glielo dissi, alzò gli occhi al cielo (disapprovando). T' é gi à pensaa che mest é e ti v ö ri faa? Hai gi à deciso quale professione vorresti imparare? M' á resctaa s ü 'na sc-magia in di p ä. Mi è rimasta una macchia sui piedi. In da la s ó vedrina gh' è f ö ra nagott. Nella sua vetrina non è esposto nulla. Al sonaa di campan, al ma storniss. Il suono delle campane mi assorda. Al gh'era s ü 'n para da calzon c ü rt. Indossava un paio di pantaloncini. Ó fai 'na bociada, e som finii in ü na c ü neta. Ho avuto una collisione, finendo in una cunetta.

39 39 U pasa i d í fasendo parol incrosaa. Trascorre le giornate compilando cruciverba. Gh è rivaa gi ó un bocion s ü l tecc. Gli è caduto un grosso sasso sul tetto. L' à vinci üü e perd üü gi ü gando contra di sc-ci ä pp. Ha vinto e perso giocando contro dei brocchi. Par pias é e pasom al scendrin. Per favore passami il portacenere. L' è nas üü dopo 'l s ó p à. È un figlio di pap à. Al m' á fai vegnii s ü 'l f ü m. Mi ha fatto arrabbiare. Y à sc-tend üü a s ü gaa i pezz da march é es. Hanno appeso ad asciugare gli assorbenti. A taola ma piaas a dropaa al mantin. A tavola mi piace usare il tovagliolo.

40 40 Ò fai marcia indr è, tocando un palet e ó fai dent un giboll. Facendo retromarcia ho urtato un paletto e fatto un'ammaccatura. L' à ciapaa 'na cioca federal. Si è ubriacato all'inverosimile. Mi ma disinf ä ti i feriid con la sc-p ü da dal can. Mi disinfetto le ferite con la saliva del cane. Gh'em met üü s ü i pat ü sc fin a vint'ann. Gli abbiamo messo i pannolini fino a vent'anni. L' à sc-tringi üü i denc dal nervoos. Ha digrignato i denti dalla rabbia. Al Gin ä to l' è 'l campion di paci ü goni. Ginetto è il campione dei pasticcioni. I l' à fai scarp ü sciaa fasendog un sc-gambet. L'han fatto inciampare tirandogli uno sgambetto. In k ä l t ü g ü ri gh'era dent tant da k ä l cr ö cc. In quel tugurio c'era tanta di quella sporcizia.

41 41 L' à portaa a c à v ü na da chi scimii! (scimmie). È rientrato a casa ubriaco fradicio! I g' á scoaa f ö ra ai d ó da matina. Ci hanno buttato fuori alle due del mattino. Se i sona a la porta, v ä rt p ü r che sc-p ä ti 'l dotor. Se suonano il campanello, apri pure siccome attendo il medico. L' è 'na crapa da bol ó n. È una testa balorda. Patati e l ü ganig b ü idi, gh' è gnent da mei. Patate e salsicce bollite, non c' è di meglio. Ó t ö i un para da ped ü. Ho comperato un paio di scarpe da ginnastica. I ma d à fasctidi i mocit dai sigaret par t ä ra. Mi infastidiscono i mozziconi di sigarette in terra. I pet da l ü f t'ai catat l à in di praa. I funghi vescia (o bovista) si raccolgono nei prati.

42 42 La tapiora la t à sci ü scia 'l sang anca da nocc. Il tafano ti succhia il sangue pure di notte. I cines y è conos ü di anca par cicaa indoa ga paar. I cinesi sono noti pure per sputare ovunque. L' è 'n m è "parent". È un mio debitore. I s á somiia gnanca dal biank di ö cc. Non si assomigliano per niente. Bascta faa dan é e u venderess anca la s ó mam. Pur di far soldi venderebbe anche la mamma. Ui tegneva sc-cond ü di in sacocia. Li teneva nascosti in tasca. Guarda se ti podi tirak la marsina. Vedi se riesci a scucirgli un po' di soldi. A g' ó cor üü d a dr è fin che ó pod üü. L'ho rincorso fin che ho potuto.

43 43 L' à piantaa l í 'n puff. Ha lasciato un debito. U n' á fai peeg che Bertoldo. Ne ha fatte di tutti i colori. In fin da la fera.. In conclusione. Alla fine di tutto. Quand s'alza l' ü sell, sa sc-basa al cervell. Il maschio in calore, perde la testa. K ä l tarl ü k l' à met üü gi ó 'na pocia. Quel citrullo ha menato tanto di quel vanto. Al sa m ö v s ü l fil dal ras öö. Cammina sul filo del rasoio. U l' à dii un cieco spiritos:.. g' à vedi p ü da la fam. Lo disse un ironico cieco:.. non ci vedo pi ú dalla fame. T' à i d ó sottbank. Ti pago in nero.

44 44 U g' à mia i p ä frecc. È un benestante. Un s á p ü see 'n matt a c á soa, che 'n savi a c á di altri. Ne s á pi ú un matto a casa sua, che un saggio in casa d'altri. Sci á, tayemag la t ä scta al tor. Dai, diamo un taglio netto. U f á i c ü nt da la lac è ra. F á i conti della serva. Bis ö gneress inteciall, e b ü taa via la ciav. Si dovrebbe imprigionarlo e buttare la chiave. Ó tegn üü al fiaa. Ho trattenuto il respiro. Sa vedom al vintitrii a mescd í. Ci vediamo il 23 a mezzogiorno. L' è gram come 'l tosik. È cattivo come il veleno.

45 45 L' è un bonascion, propi 'n tok da pan. È un bonaccione, proprio un pezzo di pane. Al b ü scia come 'na gaz ö sa. È squilibrato. Y à rangiaa i c ü nt. Hanno regolato i conti. L' è negar come 'n scorbatt. È nero come un corvo. L' è sc-mort come 'n pat ü sc. È pallido come un pannolino. A sc-k ö la recluta l'era in di c ü sin. A scuola reclute era addetto alle cucine. Fii fi öö, dom á insc í podom fregaa la mort. Procreate, solo cos ì possiamo combattere la morte. Gh' è rivaa 'na b ü zza da f á stremii. C' è stata una spaventosa piena del fiume.

46 46 L' è sp ü dada al so vecc. Lei e il padre si assomigliano come due gocce d'acqua. I pis öö cott y é m ó p ü s é e bon ins ä ma a la p á nera. Le pere al forno sono pi ú buone con la panna. Sc-k ü sa, ma som nai in oca. Scusami, ma mi sono dimenticato. Dotor, dag 'n ö giada a la m é n ö ra. Dottore, dai un'occhiata a mia nuora. I d üü fradei y è di bacan. I due fratelli sono contadini. M' è par üü che la s ó mi é e l' è mia tant in gamba. Mi è sembrato che sua moglie non fosse in salute. Visin a la scesa a tayi con la m ä dola. Vicino alla siepe taglio con il falcetto. U molava la ranza con la cod. Affilava la falciatrice con la cote.

47 47 Al picapr ä da al m' à fai s ü 'n scagnet da sass. Lo scalpellino mi ha fatto uno sgabellino di sasso. In di nosct vai, al moleta u g' à al s ó da faa. Nelle nostre valli, l'arrotino ha il suo daffare. Al sciatt al ma f á sc-kivi. Il rospo mi f á schifo. I sc-posit i s' à scorlaa s ü i pelicioni. Gli sposini hanno avuto un rapporto intimo. Sa diis che i ticines y é quasi t ü ti oregiatt. Si dice che i ticinesi sono quasi tutti sornioni. Ma vegn s ü la p ä ll d'oca, dom à a pensak. Rabbrividisco, al solo pensarci. Pasom i vacanz in dal nosct r ü sctik. Trascorriamo le vacanze nella nostra baita. A g' à v ö olii da gombat. Si deve faticare.

48 48 Se ta f è in temp, m ä t al fen al ripaar. Se sei ancora in tempo, metti il fieno in cascina. L' è 'n robagalin. È un imbroglione da quattro soldi. Par mi y è di c ü c ü mer. A mio parere sono dei creduloni. Ch ä l om l í l è un saltapasct. Quell'uomo è un poco di buono. M ä t l à d üü sci ü k par tegnii pizz al f öö gh. Metti due ceppi di legno per tener acceso il fuoco. Al g' à 'n b ä ll fidigh! Ha gran fegato! Chi l' è che p ó staag adr é ? Chi potrebbe tenergli testa? Ma che 'l vaga in ch ä l siit! Ma che vada in quel posto!

49 49 L' è un poro mal trai insema. È un povero cristo. A g'ò fai f á a s ü al Scalon. Gli ho sporto denuncia. U g' á sempar la crapa in di nivoi. Ha sempre la testa fra le nuvole. A l' è un gran bigol. È un vero scemotto. L' è nai via sc-paraa. È partito a gran velocit à. La m' á fai vegnii s ü 'l nervoos. Mi ha innervosito. Al s' à tacaa s ü. Si è impiccato. Al g' à 'na memoria da gatt. Ha poca memoria.

50 50 Al mort i l' à trovaa con la facia ingi ó. Il cadavere fu trovato bocconi. Al m' à pit ü raa la pared da giald sck ü r. Mi ha imbiancato la parete col colore giallo scuro. Quand g' ó dii che la bociavi, la s' á met ü da a caragnaa. Quando le ho detto che non era promossa, si è messa a piangere. Dormi sp ä ss s ü la sckena. Dormo sovente supino. M ä tal s ü in sc-pazzac á, o l à in dal riposctili. Mettilo in solaio, o l à nel ripostiglio. L ü sertol e ghezz y è -m è amis. Lucertole e ramarri sono amici miei. Cus' ti ga m ä ti par naa a Cevi? Quanto ci impieghi per andare a Cevio? Sa dev difendas coi ung e i dencc. Ci si deve difendere con le unghie e coi denti.

51 51 L' è br ü t a v ä gh al magon. È brutto soffrire di nostalgia. T's è v ü n che alza tropp al gombat. Sei uno che alza troppo il gomito. Al m' à met üü 'na p ü ras in da l'oregia. Mi ha messo una pulce nell'orecchio. Som a tok, strak mort. Sono a pezzi, stanco morto. L' è dr è a tiraa i ü ltim. Sta morendo. Y à fai dan é e come t ä ra. Han fatto soldi a palate. Ó fai 'na capelada. Ho fatto una corbelleria. Mei m ö rii da fam che da noia. Meglio morir di fame che di noia.

52 52 Trop comod, a l ü ga piaas mangiaa a ufa. Troppo comodo, a lui piace mangiare a sbafo. I sa guarda da trav ä rs parch é i sa sc-ciara mia. Si guardano in cagnesco perch é non si sopportano. La verit à l' è come l'oli, la vegn sempar a gala. La verit à è come l'olio, viene sempre a galla. I s' á n á sc-bat üü i ball. Se ne sono fregati. Ma som b ü taa a crapa basa. Mi sono buttato a capofitto. Eh s í, a som nai a v ö id. Eh s í, sono andato in bianco. Gh' è gnanca restaa i briis. Non sono rimaste nemmeno le briciole. Chesta i ma la f á mia bev. Questa non me la danno a bere.

53 53 Ó mia seraa ö cc t ü ta la nocc. Non ho chiuso occhio tutta la notte. Forse che devom tayass i ven? Forse che dobbiamo tagliarci le vene? Ó pasaa la nocc a c ü ntaa i pegor. Ho trascorso la notte contando le pecore. Al t ä rz, gi ó in fond a la sostra, l' è 'n patamola. Il terzo, in fondo alla tettoia, è uno smidollato. Bis ö gna vung i r öö d. Bisogna ungere gli ingranaggi. (= dare bustarelle) Gh'era vuncc un p ó dapart ü t. C'era sporcizia ovunque. A g' ó 'n gropp al stomik. Sento un nodo allo stomaco. Ci á pa un ciket da grapa che al ta tira s ü. Bevi un bicchierino di grappa che ti risollever à.

54 54 Al sck ü ltor c'al dropa al trapan al cascia polver. Lo scultore che usa il trapano solleva polvere. G' á no dii quatar. Glie ne ho dette quattro. (l'ho redarguito energicamente) Chi l' à ravanaa in di m è casett? Chi ha frugato nei miei cassetti? Al risott al ma piaas col zafr á n. Il risotto mi piace con lo zafferano. Y è t ü ta gent da k í. Sono tutti indigeni. L' à tiraa i stringh stanocc. È morto questa notte. Gh' è nai al vent par sc-casciaa i nivoi. C' è voluto in vento per scacciare le nuvole. Gh' è nas üü d üü gem ä i. Sono nati due gemelli.

55 55 Al formai al fasevom colaa s ü la st ü a. Il formaggio lo scioglievamo sulla stufa. I nocst vecc i mangiava i radiis par viv. I nostri bisnonni mangiavano radici per sopravvivere. Ta piaas i praa cuerciadi dala brina? Ti piacciono i prati coperti dalla rugiada? S ü i ravi öö ó grat á a gi ó un po' da formai d ü r. Sui ravioli ho grattugiato del formaggio stagionato. A la m è biadiga ga c ü nti s ü sctoriell in sc-pagn öö. Alla mia abbiatica racconto favole in spagnolo. Y è p ü bon a sctaa in p é e da par lor. Non sono pi ú capaci di reggersi in piedi. Yem guardadi dal b ö cc da la ciav. Li abbiamo spiati dal buco della serratura. I g' à fai la p ä ll a m ó prima da la gu ä ra. L'hanno ammazzato ancor prima della guerra.

56 56 Sa ga riva mia a fai scm ä tt! Non si riesce a farli smettere! Ch ä l dotor l í l' è 'n macelaar. Quel chirurgo è un macellaio. Sa p ó mia fasala adoss par 'na saraseta. Non si pu ó farsela sotto per un petardo. A nem ai mont par g ö dee la paas. Saliamo ai monti per godere la pace. Sa p ó mia tacaa liit par gnent. Non si pu ó litigare per un non nulla. La m' è par ü da 'na partida tr ü cada. Mi è sembrata una partita addomesticata. Di fi öö e di tosan, l ü l' è 'l p ü see baloss. Dei ragazzi e delle ragazze, lui è il pi ú birichino. L' è saltaa f ö ra a dii che y é t ü ti di bamb ä la. Se n' è uscito dicendo che sono tutti dei minchioni.

57 57 L' è vegn ü da gi ó coi s ó gamb. È scesa con le sue forze. Al s' à t ö i via dal pan par 'na sc-toriascia da corni. Si è tolto la vita per una delusione sentimentale. Va f ö di p ä, va! Togliti dai piedi, per favore! Ciapa al lapis e g ü zzal. Prendi la matita e aguzzala. L' è geloos come un b ä k. È geloso come un caprone. I m è d ó tosan i m' è molto tacadi. Le mie due figlie mi sono molto affezionate. La m è nona la faseva la res ü mada pal nono. Mia nonna preparava una sorta di zabaglione per il nonno. Cos' al v ö r dii "gnoca"? Cosa significa "gnoca"?

58 58 Ta sct è ch í visin ? Abiti qui nei paraggi? A ma s ä ti s ü l scagn. Mi siedo sullo sgabello. In l üü i a nem in gi ó. In luglio andremo al sud. Podi ciamat dopdiscnaa? Posso chiamarti nel pomeriggio? No, l' è mia dr é a pi ö v. No, non st à piovendo. L'era quasi l í l í par naa. Stava quasi morendo. L' à tiraa f ö ra trii ann da conged. Si prese tre anni sabatici. L' è sc-p ü dada la Carla Bruni. È la controfigura di Carla Bruni.

59 59 Par l ü al bicer l' è sempar m ä zz v ö id. Per lui il bicchiere è sempre mezzo vuoto. Gh' è gi ó di f ö ii s ü l s ö l. Ci sono delle foglie sul pavimento. A g' ó pr ä sa da finii sc'to sctr üü s. Ho fretta di finire questa cosa. L' è gi ü sct o sbayaa? È giusto o sbagliato? Sci á, vegn dent e s ä tat gi ó. Su, entra e accomodati. L' è mei v ää gh o v ä ss? Meglio avere o essere? Com' l' è 'l t ó n ü mar da Natel? Qual' è il tuo numero di cellulare? P ö i g' à fai l á i brasck. Poi ci hanno fatto le caldarroste.

60 60 I s' à acorgi ü di dom à al d í dopo. Si sono accorti solo il giorno dopo. La gh'era s ü 'l barg ä i. Portava la gerla sulle spalle. Al cerc in gir l' è gi á sc-mangiaa. Il cerchio tutt'intorno è gia slabbrato. U faseva i ann ch ä l d í l í. Aveva il compleanno quel giorno. A gh' è vegnii s ü, d'un bott, un boff da vent. Si è levata improvvisamente una folata di vento. Oltre che 'l pin í n s ü i sc-pall, l' à gh'era 'na scfera in brasc. Oltre che il bimbo sulle spalle, portava a braccia anche un cestone. Ta s è bon a dimm cos' l' è 'na "cadola"? Sai dirmi il significato di "cadola"? Sc-posat mia pai dan é e, ciapa 'n pr ä -sctit: u ta coscta meno. Non sposarti per i soldi, un prestito ti costerebbe meno.

61 61 I s` á fai brancaa dai guardi, visin al confin. Si sono fatti acciuffare dalle guardie, vicino alla frontiera. U f à l'asan par mia pagaa al saa. F à lo gnorri per poter svicolare. L' è 'n p é landron ma anca un galantom. È un donnaiolo ma anche un galantuomo. L' è scanaa pal bascket. È uno appassionato di pallacanestro. I dropava di cordin d'azzal. Usavano delle funi d'acciaio. Yera t ü ti slozz come poy öö. Erano tutti bagnati fradici. L' è 'n sonadoo cognos üü. È un musicista conosciuto. L'era sven üü quand l'em cataa l à. Era svenuto quando l'abbiamo recuperato.

62 62 I scoglier di fi ü m y é al miglior posct par tanti nosct besc-cit. Gli argini dei fiumi sono il miglior rifugio per tante nostre bestiole. L' è 'na scmagia che f à divertii tanta gent. È una macchietta che diverte tanta gente. La m è biadiga la parla e scriv in ingles, cines e spagn öö. Se far ó in temp ga insegni al ticines. La mia abbiatica parla e scrive in inglese, cinese e spagnolo. Se camper ó pi ú a lungo le insegner ó a parlare come una ticinese. I s' á fai vedee biott come 'na rana. Si sono presentati nudi come dio li ha fatti. U s' à fai un zaff in di calzon. Si è fatto uno strappo nei pantaloni. Ma se l' è gnanca bon a faa l' "O" col bicer! Ma se non sa nemmeno disegnare la "O" col bordo di un bicchiere! Tirom f ö ra la sc-kaia da l' ö cc. Toglimi la scheggia dall'occhio.

63 63 A 'sct à poreta g' à nai s ü la feura a trentan ö v e m ä zz. Alla poverina è salita la febbre a 39,5. A gi ü gaa l'ok ä i l'era propi 'na scverza. Nel disco su ghiaccio era proprio una nullit á. La gh'era s ü un pedagn c ü rt da brivid. Indossava una minigonna da urlo. L' à picaa gi ó al babi. Si è ammaccata il mento. L' è levaa s ü gi á mal sc-v ä rsaa. Si è alzato gi à di malumore. L' à c ü raa cauri fin a l'altar d í. Ha pascolato capre fino all'altro giorno. Inc öö som propi gi ó da c ó. Oggi mi sento proprio gi ú di giro. Dag p ü gi ó da bev! Non servigli pi ú alcolici!

64 64 Al vec omet al cicava tabak a bala. Il vecchio ometto masticava tabacco a tutto spiano. Se ta borlat gi ó da chi, i ta cata s ü col c ü giarin. Se cadi da qui, ti raccoglieranno col cucchiaino. Al bocia al cargava s ü t ü t a man. Il garzone caricava tutto a braccia. Ma figh mia vegnii da riid! Ma non fateci ridere! Vegn sci á con una t ó la da nafta. Vieni con una tanica di gasolio. Propi adess g' à s á incantaa 'l motor. Proprio ora gli si è inceppato il motore. S ä ra s ü la c à e i fin ä sctar gi ó da bass. Chiudi la porta di casa, e le finestre a pianterreno. In di boll gh' è sempar 'na c á da mosckit. Alle bolle c' è sempre un mucchio di moscerini.

65 65 Sem nai dent in da la pociaca. Siamo entrati nel fango. Ta s è bon a faa s ü 'na cadrega da paya? Se capace a costruire una sedia di paglia intrecciata? A chi da vialtri ga piaas la polenta cunscia? A chi di voi piace la polenta con formaggio fuso? Quand al calcagn u toca la r ö da bis ö gna alzaa i tak. Se sorgessero difficolt à, datti da fare. I oss da mord y è mia di mort, ma pai dencc di viv. Gli ossi da mordere non sono dei morti, ma per i denti dei vivi. Y à sent üü un tron, p ö y à visct al plafon che 'l vegniva gi ó. Hanno udito un tuono, e poi il soffitto che crollava. Em alzaa la voos, e lor y á alzaa i tak. Abbiamo alzato la voce, e loro se ne sono andati. Fi öö, ma chescto l' è opsai. Ragazzi, ma questo è fuorigioco (off side).

66 66 Ta v ö rat un zik da pocia s ü l rosct? Vuoi un po' di salsa sull'arrosto? I g' à fai s ü al palt ó da legn. L'hanno fatto fuori. A gh' è am ó sc-parii un fungiatt. Ancora un cercatore di funghi disperso. Par intant tirem innanz, p ö vedom. Per il momento andiamo avanti, poi vedremo. Al vint ü n da setembar 2013, al d í gi ü sct dal s ä tim compleanno da la m è Cinkg ä i. Il ventuno settembre 2013, esattamente il giorno del settimo compleanno della mia abbiatica. Ma f à mia al zinsan. Non fare l'elegantone malvestito. I scapa dai s ó paes par pag ü ra o y è "dom à " pori mort da fam? Sono asilanti in cerca di protezione o "soltanto" dei poveri affamati?

67 67 T' è met üü gi ó bot ü m dinanz a c à ? Hai posato cemento davanti a casa? Cos' l' è mei: un tecc in lam ä ra o in piod? Cos' è preferibile: un tetto di lamiere o in pietra? U l' à protegi üü come 'n frad ä l. L'ha protetto come un fratello. Al s' à tiraa negro. Si è ubriacato. A n' ó cataa 'na sc-fraca. Ho preso un sacco botte. A ga n' ó pien la z ü coria da leeg. Ne ho abbastanza di leggere. U v à sempar dent in dal gabinet sc-baiaa. Entra sempre nel bagno sbagliato. L' à fai un pet da t ö g al fiaa anca al gatt. Ha fatto una puzzetta da togliere il respiro perfino al gatto.

68 68 Al t ó nosctran, bis ö gna dil, l' è 'n br ü sac üü. Il tuo vino, va pur detto, provoca bruciori anali. I g à na dai n è tropp n è pook. Gli hanno dato tante di quelle botte. I l à cunsciaa da sbatt via. L'hanno conciato per le feste. Bofigh sora se ta v ö rat mia br ü s á t. Soffiagli sopra se non vuoi scottarti. I g' à menaa dr è la lingua. Hanno sparlato di lui. Tegnoman via 'n zikin par doman. Salvamene un pezzetto per domani. Figh mia caas ai s ó cavii. Non badate alla sua capigliatura. Ma bofat in dal c üü ! Ma v à al diavolo!

69 69 Con k ä la genoria l' è mei a mia v ä k a che faa. Da quella gentaglia è meglio stare alla larga. Al s' à stremii da m ö rii par un scorson. Si è spaventato a morte per un inocuo colubro. Se te v è gi ó in dal riaa, alora m ä t s ü i cuturni. Se scendi nel riale, allora calza gli stivali. Am ä ti che i sciatt i ma f à schivi. Ammetto che i rospi mi fanno ribrezzo. Quanti ann u g'avr á s ü l g ö pp? Quanti anni avr à ? L' è 'n grass da rosct. È un pesantone. I pescadoo i dropa sp ä ss i bigatt par ciapaa i pess. I pescatori utilizzano sovente i lombrichi per prendere i pesci. L' è borlaa gi ó dal cadregon da picol. È un rimbambito. ( è caduto dal seggiolone)

70 70 L'an pasaa y á met üü via al nono. L'anno scorso hanno perso il nonno. Gh' è nas üü trii poy öö. Sono nati tre pulcini. U sct à a c á da Dio. Abita lontassimo da qui. Par mi l' è un spazzapol é e. A mio parere è un poco di buono. Intant che sc-p ä tavom, dardelavom dal frecc. Mentre attendevamo, tremavamo dal freddo. L' è 'na radio. Non smette mai di parlare. In temp da gu ä ra, p ü see ball che t ä ra. In tempo di guerra, pi ú frottole che conquiste.

71 71 U m' à sc-v ä rsaa adoss un caf è ; toca vedee che sc-magia che'l m' à fai dent! Mi ha roversciato addosso un caff è ; dovresti vedere la macchia che mi ha fatto! 'Na volta i pr ä vat i gh'era s ü la soca. Una volta i preti indossavano l'abito talare. L' è mort dal br ü t maa. È morto di cancro. L' è sc-torno come 'na campana. È molto sordo. A b ü t e sc-carp ü sc em tiraa innanz. Fra alti e bassi siamo andati avanti. L' à fai tanti da chi trapezi par mia faa fig üü r. Ha fatto tante acrobazie per evitare figuracce. Scoa la t ó s ö ya, al posct da guardaa k ä la di altri. Occupati dei fatti tuoi, invece che di quelli altrui.

72 72 I s' à fai gi ó la polver. Sono venuti alle mani. L' à fai s ü 'l gniff. Ha arricciato il naso. L' è 'gnorant come un b öö. È ignorante come un bue. I m' à sciavataa i ö giaa dal soo. Mi hanno rubato gli occhiali da sole. Seri l í in di pozz a vedee i ranab ö t. Mi trovavo negli stagni ad osservare i girini. L' è p ü see matt l ü d'un cavall. È pi ú pazzo di un cavallo. U s' à troaa con 'na m ü gia da fasctidi s ü l g ö pp. Si é trovato con molti grattacapi sulla groppa. Y é nai a cagnaa quaicoss. Sono andati a mettere qualcosa sotto i denti.

73 73 Se l'era mia 'na crapa b ö sa u sa salvava. Non fosse stato un testa vuota, si sarebbe salvato. U m à f à n è cald n è frecc. Mi lascia indifferente. Quand l' à vinci üü u sctava p ü 'n la p ä ll. Quando vinse faticava a contenere la gioia. L' è 'n galopin di sci ü scialitar. È un galoppino dei socialisti. L' è sc-ciopaa! È scoppiato! I l' à sctorgi üü fin a l' ü ltima gota. L'hanno spremuto fino all'ultima goccia. (sfruttato) La g' à s ü tant da chi gioy ä i da parem un alber da Natal. È cos í ingioiellata da sembrarmi un albero di Natale. L' è un picol discperaa. È un piccolo discolo.

74 74 L' à perd üü la dona par via di fungg. Ha perso la moglie che mangi ó funghi non commestibili. I l' à posc-tegiada in un ricover pai vecc. L'hanno ricoverata in una casa per anziani. Ó lasaa naa l'acqua par sc-baai. Ho lasciato scorrere l'acqua, per dimenticanza. L'era inv ä rs come 'na pidria. Era molto arrabbiato. L' à mia tocaa bambin t ü ta la partida. Non ha toccato palla durante tutta la partita. Ó lasaa naa al telefon. Ho lasciato squillare il telefono, senza rispondere. L' è 'n sc-precadonn ü nik. È uno sciupadonne senza pari. L' è scmorta come un pet. È pallida come un fungo bianco.

75 75 Ta set 'na gran facia da tola. Sei una gran faccia tosta. L ü l' è 'n tiranocc. Lui è un perditempo. Lazzat i stringh! Allacciati le scarpe! Ta f ü mat come 'n camin. Fumi troppo. Quand te f è la b ü gada ? Quando fai il bucato? Com' te fai a impignaa t ü t 'scti librii? Come hai fatto ad accumulare tutti questi libri? Seri s ü 'na scoca quand m' à spongi üü 'na vigia. Ero in altalena quando un'ape mi ha punto. Fat mia cat á a dal Bader. Non farti acciuffare dal procuratore pubblico. (Bader = ex-PP)

76 76 Podi v ä k un resentin ? Posso risciacquare la mia chicchera di caff è con una goccia di grappa? L' è un margnifon che sc-p ä la i galin senza fai gridaa. È un furbacchione che spiuma le galline senza farle strillare. Ta sa dimenticat sempar da tiraa l'acqua! Ti dimentichi sempre dello sciacquone! I l' à met üü a pan e pesit. L'hanno messo con le spalle al muro. F à saltaa f ö ra i palank! Tira fuori i soldi! Al vin u saseva da b ü scion. I l vino odorava di turacciolo. La m è mam la navaa al riaa a resentaa i pagn. Mia mamma andava al ruscello a fare il bucato. L' à laoraa un secol par la Confeder ä la. Ha lavorato tanto tempo per la Confederazione.

77 77 U s' à gnanca bogiaa. Nemmeno si è mosso. Gh' è un bonbon che 'l sa ciama "stracaganass". C' è un dolce denominato "affatica mandibole". F à a mia naa roba da t ü t i canton! Non sparpagliare le cose in ogni angolo! Non fare disordine! I s' à dai 'na c à da p ü gnatoni. Si sono dati un sacco di pugni. Pasom la pignata, par piasee. Passami la padella, per favore. Se l' è indr è da cot ü ra, mandal dal sore. Se è un po' ritardato, indirizzalo dal professore. Roba da lecass t ü t i diid e p ö am ó anca al didon. Cosa cos í buona da leccarsi i baffi. Y à tacaa s ü i pagn a s ü gaa s ü 'n fil da ram. Hanno steso la biancheria ad asciugare su un filo di rame.

78 78 Damm a tr à a mi: fat mia ciapaa pal c üü. Ascoltami: non farti prendere per i fondelli. Disii ch ä l che v ö rii, ma l è 'na crapa b ö sa. Pensatela come volete, ma è una testa vuota. Ocio a chi che va la f à s ü b ä la. Attenti a quelli che vi fanno la bella faccia. Ó rataa al posctal di n ö v. Ho mancato il bus delle nove. L' à faii s ü 'n garb ü i che ta disii mia. Ha combinato un pasticcio, che non ti dico. Cus'ta v ö rat, ormai la v à a l ü na. Cosa vuoi, ormai è una lunatica. L' è gn ü k come 'na Bmw. È imbranato come una (moto) Bmw.

79 79 Al materaz é e quand al laora u parla da per l ü fasendo, da par l ü, di gran ghignadi. Matt o savi? Il materassaio mentre lavora parla da solo facendo, da solo, delle grandi risate. Matto o savio? U g' à lasaa al zak in motorin. Ci ha lasciato la pelle circolando con la motoretta. L' à m' à tiraa 'n bidon. Mi ha bidonato. L' è pelaa come 'na mond ä la. È calvo come una palla di biliardo. U gh'era i man pien da cai. Aveva le mani molto callose. Adess ai vedom i clandesctini a negaa in dal mar. Quand al g' à tocar à a n ü m? Ora vediamo i rifugiati annegare in mare. A quando il nostro turno? G' à br ü sava al c üü. Aveva un gran fretta.

80 80 A som nai in di frasck. Ho divagato. Podom dill tra da n ü m: l' è un picio. Possiamo dirlo fra noi: è un pirla. Ó ciapaa 'na pet ä ra, che ta disi mia. Ho avuto una tal paura, che non ti dico. No, u g á sc-t à mia dent. No, non ce la f á (con i prezzi). U s' à ofend üü quand i l' à ciamaa m ä za calz ä ta. Si è offeso quando l'hanno definito inaffidabile. L' è sc-tai la p ü s é e gran racola da la sck ö la. È stato il pi ú gran rompiscatole della scuola. Al s ó s ü bit- sota l' è 'n asan driz à a in p é e. Il suo sostituto è un becero. Che b ä ll ca l'era a gi ü gaa ai cik. Che bello quando si giocava alle biglie.

81 81 L' è un can. Lavora male. Pitosct che t ö g 'na scemada ga t ö ghi nagott. Piuttosto che comprargli una quisquilia non gli compro niente. L' è 'n pitor dal l ä la. È un pittore senza arte. O ma di quaicoss, o v ó f ö di p ä ! O mi date qualcosa da mangiare, o me ne vado. L' è la s ó regiora. È sua moglie. L' à tiraa s ü i sok senza guardagh in facia a nes ü n. Ha sollevato la gonna incurante dei presenti. L' à tiraa f ö ra al regip ä t senza sc-biotass. Si è tolta il reggiseno senza svestirsi. L'era insc í ciok che 'l nava t ü t a bisa. Era talmente ubriaco da procedere zigzagando.

82 82 Sent: y é t ü ti ciaciar da b ä tola. Ascoltami: sono tutte chiacchiere da bettola. L' è t ü t un tr ü k par fav borlaa dent. È tutto un trucco per farvi cadere in un tranello. Avresi mai pensaa che l'era insc í 'n tabak. Non avrei mai pensato che fosse cos í ingenuo. Ó trovaa al f öö g sc-morz e l'acqua fregia. Non ho trovato nessuno in casa. Yer l' à ritiraa la poscta, e p ö l' è sc-parii. Ieri ha ritirato la corrispondenza, poi è scomparso. Gi ó i man dal nikel! Gi ú le mani dalla moneta! Y é i vanzitt dal discnaa. Sono gli avanzi del pranzo. Pasando via l' à trai l à la sciora di r öö s. Passandole accanto ha urtato la signora delle rose.

83 83 Gi ó i man da doss ! Gi ú le mani da me ! I s' à fai s ü fra da lor. Si sono imbrogliati a vicenda. I s' á fai s ü da par lor. Si sono costruiti una posizione da soli. Fagai gi ó ti i imposct. Compila tu la sua dichiarazione fiscale. Nii vialtri a ciap á a s ü dal t ö rla. Andate voi a farvi insultare. Ma parch é al v à a c üü indr è se 'l veed al ci ü gn? Perch è indietreggia alla vista del maiale? Sp ä ta, e va mia dent s ü bit; quaid ü n l' à fai un pet. Aspetta, non entrare subito; qualcuno ha fatto una puzzetta. L' è 'n poro tognio. È un povero ritardato.

84 84 Ai sofrisi p ü i noyoos. Non sopporto pi ú i rompiscatole. U n' à mandaa gi ó da sp üü da! Ne ha inghiottiti di bocconi amari! L' è propi 'n toni-baloni ! È proprio un pagliaccio! Fem s ü 'na c à da garb ü ii, p ö tayom i t ü bi. Facciamo un sacco di pasticci, poi fuggiamo. L' à fai s ü la sò c à sc-g ö bando anca da nocc. Si è costruito la casa sgobbando perfino di notte. G'a vegneva gi ó al m ü sc dal nas. Gli gocciolava il muco dal naso. Tocag s ü 'l temp. Sollecitalo. L' è 'n scoss r ü inaa t ü t in gir. È un davanzale rovinato tutt'attorno.

85 85 Ma che i ma faga mia vignii da riid. Ma che non mi facciano ridere. U sc-p ä leres anca un pi ö cc coi guant da boxe. È un avido e tirchio patentato. Al m' à fai giraa i ball a elica. Mi ha irritato. Ti scriiv gi ó par tegnii a ment. Prendi nota per ricordati. T' è visct che pavan? Hai visto che piedoni? L' à troaa al Signor indormentaa. Ha approfittato della buona fede altrui. L' à tiraa s ü un sc-margai. Si è liberato dal catarro. L' à sc-fregaa al naricc s ü l brasc. Si è strofinato il muco sul braccio.

86 86 U y à sc-traasciadi t ü ti. Li ha sconfitti tutti. Femai n ü m i c ü nt. Facciamoli noi i calcoli. Chi l' à dropaa al tirab ü scion? Chi ha usato il cavatappi? A v ó a faa i valiis. Vado a preparare le valigie. Al rotam é e l' à fai i dan é e. Il rottamaio si è arricchito. L' è un penanti gross come 'na c à. È un rigore sacrosanto (penalty). V ä rt f ö ra, che sa p ó gnanca fiadaa! Arieggia, che si fatica a respirare! Quanti pi ö cc che la g' à s ü la micia! Quanti pidocchi addosso alla gatta!

87 87 Y à tiraa s ü i tend. Hanno levato le tende. Hanno chiuso. Le l' è 'na piatola. Lei si lamenta sempre. L' è resctaa sckisciaa sota 'na m ü gia da rotoi da f ä r. È rimasto schiacciato sotto una pila di rotoli di ferro. I ticines i sa v ö r ben: nii a vedee un derbi par v ä k la pr ö va. I ticinesi si amano: assistete a un derby per averne conferma. Certi i la ciama l ü maga, mah! Taluni la chiamano lumaca, mah! Tanti 'merican y è nosct c ü sit. Tanti americani sono nostri cugini. I s` à sc-corladi s ü. Si sono bisticciati. Sci à la sciampa! Dammi la zampa!

88 88 Chi che l' è l ü ? Al s ó macaco! Lui chi è ? Il suo ragazzo! I g à impiasctraa s ü 'n cartel s ü l birocc. Gli hanno appiccicato una locandina sull'automobile. Sc-morzaa al f öö g, gh' è resctaa la braas. Spento il fuoco, è rimasta la brace. I anticristi al pr ä vat il ciamava sc-korbatt. Gli anticlericali il parroco lo chiamavano corvo. Sciota, dam un grazz d' ü ga. Ragazza, dammi un grappolo d'uva. Y é scvizer da carta. Sono svizzeri naturalizzati. Fat mia ciapaa tra 'l ciar e 'l sck ü r! Non farti trovare da solo nella penombra. L' à mia tegn üü bota. Non ha resistito. Non ha retto.

89 89 Ó sc-g ü raa t ü t al d í i locai da la c à. Ho pulito tutto il giorno le stanze della casa. Gent, fiss inanz par v ä k indr é i vosct vestii. Gente, fatevi avanti per la restituzione dei vestiti. Famm mia ghignaa che ma s' à v ä rt al tay in dal labro. Non farmi ridere che mi si apre la ferita al labbro. T ö ghik mia via al s ó gi ü gatol ! Non togliergli il suo giocattolo! L' è sc-tai batezaa dai s ó soci. È stato malmenato dai suoi amici. L' è vera che chi picoi y é p ü see rasatt? Corrisponde al vero che i piccoli sono pi ú litigiosi? Gh' è rivaa al Cek. Ma chi l' á mandaa 'st ó st ü pendo Papa? È arrivato Francesco. Ma chi l' à mandato questo stupendo Papa? Gh' è pasaa i Apaches? Sei andato dal parrucchiere?

90 90 La Fifa la g' à fifa da dii che i sfr ü tan senza ritegn i pori bao in Qatar. E i ropp i v à innanz l ü sct ä ss... Roba che grida vend ä ta in Ciel; sperem che la riva s ü ! La Fifa ha paura ad ammettere lo sfruttamento di poveri disperati in Qatar. E tutto continua come prima... Questo grida vendetta in Cielo; speriamo che giunga a destinazione! L' è asee 'na triscka par br ü saa s ü t ü t. Basta una scintilla perch è bruci tutto. Tana, y é bon t ü ti. Sfido io, tutti ne sono capaci. Ogni tant l' è mei a v ä ss sc-torni. Talvolta è meglio essere sordi. Che g ü mada! Che goduta! Ó fai v ü n da chi sc-laghen! Ho fatto uno scivolone! U g' à dent 'na gam ä la che m' piaas mia. Ha una faccia che non mi piace.

91 91 Ma che razza da palt ó t' è met üü s ü !? Ma che sorta di mantello hai indossato.!? L' è b ä la anca col sc-kusaa. È bella anche con il grembiule. L' è naya s ü in dal ronk a tayaa i pimpan. È salita nel vigneto per tagliare i pampini. In da la m è poma gh' è dent un bao. Nella mia mela c' è un vermicino. A g' ó picaa dent col gin ö cc. L'ho urtato col ginocchio. Lor i ü sa bev a cana. Loro hanno l'abitudine di bere a garganella. I g' à dai un tr ü ss par podee sv ä rsal. Gli hanno dato un spinta per poterlo rovesciare. Al sci ö tt al m à dai un mazz da remolazz. Il ragazzo mi ha dato un fascio di rape.

92 92 Dagan un tr üü s anca ti. Bevine un sorso anche tu. Em fai l à i far üü. Abbiamo fatto bollire le castagne ( ballotte). T' è tacaa s ü 'l capell! Ti sei sistemato! Al Clay l'era abit ü aa a naa sempar a patav ä rta, anche quand al coreva mia. Clay era abituato a girare a tutta birra anche se... non gareggiava. (farina dell'indimenticabile amico Dario Robbiani) Porca martina, ma cos' t' è sc-tr ü saa? Accidenti, ma cosa hai combinato? Sacranòn, l' ó faia b ä la! Porca miseria, l'ho combinata grossa! Al vedi da scp ä ss a p ä biott. Lo vedo sovente scalzo. (o a piedi nudi)

93 93 Ó perd üü la trabisonda. Ho perso la cognizione. Adasi coi parol, neh!! Prudenti con i giudizi, neh!! Chel basc-tr ü k u m' à piantaa in di p ä tol. Quel monello mi ha lasciato nei pasticci. Indoa t' è met üü al m è bar ü sc. Dove hai messo il mio cappello. Il sc-kiva t ü ti, k ä l bastruk. Tutti lo schivano, quel brontolone. U g' à lasaa la biota. Ci ha lasciato la pelle. L' ó ciapaa pal cravatin. L'ho preso per il collo. L' è dapert ü t come l'erborin. È dappertutto come il prezzemolo.

94 94 L' è nai in dal c ó mod. È andato in bagno. Che lobia chel bagai! Che birichino quel bambino! Che camola, fi öö. Che rompiscatole, ragazzi. Pena dent in da l'uspedaa i g' à dai 'na c ó moda. Appena entrati in ospedale le hanno dato una sedia speciale per i suoi bisogni corporali. U g' á l'era s ü da trav ä rs. La portava a tracolla. A Locarno y à met üü i vint a l'ora;... l'autorit à la v á anca p ü see adasi. A Locarno hanno introdotto un limite di velocit à di 20 km/h.;... l'autorit á va perfino pi ú adagio. L' è 'n tayamedega. È un'azzeccagarbugli.

95 95 L' è v ü n da chi rodari. È uno di quegli approffitatori. Al p á l' é 'na skena da violin. Il padre è un lazzarone. Las á gi ó d üü diid. Sii pi ú modesto; non esagerare. Al g' à 'na pet ä ra dal l üü f, che t à disii mia. Ha una paura del lupo, che non ti dico. Lasem la b ü i. Lasciamo perdere. R ü gab ü s ä k; gi ü ri c'al sasevi mia. Pene del maschio; giuro che non lo sapevo. Mangiapan a tradiment. Lavativo, approffittatore. L' è un poro bao. È un poveraccio. È un sempliciotto.

96 96 Che t ü p é e che'l g' à v üü. Che faccia tosta ha avuto. 'Scto dolzin l' è fai col carlon. Questo dolce è fatto con il frumento. Damm 'na brancada da sceres. Dammi una manciata di ciliegie. Em casciaa quatar ball. Abbiamo scambiato quattro chiacchiere. Al gira am ó con 'na vegia Fosc vagen. Circola ancora con una vecchia Volkswagen. Mett s ü la r ü scka. Indossa i panni militari. Em fai un gran r ü sckaa. Abbiamo lavorato molto. I l' à cunsciaa come l'ass di gnok. L'hanno picchiato a sangue.

97 97 Al g' à un nas come al ciarin dadr è da la VW. Ha un naso enorme. Par mi l' è tropp br ü sck. Per me è troppo aspro. L' è nai s ü a panzat ä ra. È salito a tutta velocit á. Ó met üü gi ó carotol e remolazz. Ho seminato carote e rape. Te ma f è vignii la pivida. Mi fai venire il latte alle ginocchia. Mamma mia, che r ä siga! Mamma mia, che rancoroso! Vegn p ö f ö da chel g üü s! Svegliati, ed esci dal guscio! I tass y è i ü nik che paga mia i tass. I tassi sono gli unici a non pagare le tasse (accoppiam.gratuiti).

98 98 U m' à l' à faia ved é e br ü ta. Mi ha fatto correre un grave pericolo. Damm atr à : l' è un cioccapiatt. Credimi: è un suonapiatti. (non é serio) U mi à daii s í,...ma coi man dadr é. Macch é, non mi ha pagato. Finirem par ciapaii. Finiremo per prenderle. (le botte) Finirem par ciapaii. Finiremo per acciuffarli. (i ladri) L' à ciapaa un colpett e l' è resc-taa l í sek. Ha avuto un attacco cardiaco che l'ha fatto secco. Sc- v ä rsoman gi ó un gott. Versamene una goccia. V ö revi Sky-paa con ti. Avrei voluto comunicare con te via Skype.

99 99 U gh'era s ü un sc-polverin sck ü r. Indossava un soprabito scuro. U g' à la s ü con mi par via dai poy öö. Ce l'ha con me a causa dei pulcini. L' è un ciapafrecc. È un fanullone. Ó bev ü 'na sc-qu ä la da lacc. Ho bevuto una tazza di latte. Anca se la vedi da disctant l'am par 'na megi ä ra. Pur vista a distanza mi sembra una strega. A l' g' à fai vedee i okitt. Ci ha fatto vedere i sorci verdi. L' è f ö dal birlo. È impazzito. Te gh' è in ment la pr ä see di vak? Ti ricordi la mangiatoia delle mucche?

100 100 L' à fai al mag ü t per un sak da temp. Per molto tempo ha lavorato come manovale. L' è mei che ciapom al sc-kortir öö. È meglio se prendiamo la scorciatoia. I l' à sc-m ä rdaa f ö ra. L'hanno umiliato. A militar i ma ciamava: skena. A scuola reclute mi chiamavano: scansafatiche. Ma t ö t gi ó k ä la medaya! Ma togliti quella medaglia! I ropp bon o y è proibidi o i ta f á naa s ü da pees, o y è gi á sc-posadi. Le cose buone della vita, o sono proibite, o ti fanno ingrassare, o sono gi á sposate. Chi l' è chel asan che l' à piantaa chi 'scto r ü gabisi? Chi è quell'asino che ha lasciato questo disordine?

101 101 L' è naya in cana. È appassita (dicasi di donna sciupata o dell'insalata). Sem sc-tai l í a c ü ntala s ü. Ci siamo intrattenuti a chiacchierare. Fila f ö ra da par vialtri. Trovate un accordo fra di voi. Dal rosct, a mi ma piaas la sgr ü sola. Dell' arrosto, a me piacciono i pezzetti rimasti in padella. Y à scop ä rt al "bosone di Higgs". I fanatik i s' à b ü tadi s ü bit a dii che "l' è la particella di Dio". I scienziati y à dii: gi ó d üü diid, e piantila l í da c ü ntaa s ü ball; y à ciapaa al Premio Nobel!..i scienziati. Higgs e Englert hanno scoperto il "bosone di Higgs". Gli oscurantisti si sono precipitati a definirla "la particella di Dio". Gli scopritori hanno detto: gi ú due dita, e smettetela di raccontar fandonie. l l' à fai s ü dom à per n ü m. L'hanno costruito soltanto per noi. I l' à fai s ü. L'hanno imbrogliato.

102 102 Dai taglian a copium t ü t, anca i dif ä tt;...i virt ü un po' meno. Degli italiani noi ticinesi copiamo tutto, anche i loro difetti, … i pregi un po' meno. L' è naya a f á naa. È andata ad...amoreggiare. A la matina la boyott l'era fregia. Al mattino lo scaldino era freddo. Y à b ü taa gi ó al lacc in da la sed ä la. Hanno versato il latte nel secchiello. L à ciapaa 'n insacada. Ha ricevuto una lavata di capo. Y é vegn üü s ü la nav, coi guardii, a catam. Sono venuti sulla nave, con le guardie, a prendermi. 'Na dona b ä la l' è sempar b ä la anca quand l' è s ü in di ann. Una bella donna è sempre bella anche se in l á con gli anni. M ä t al pess sott'asee, te vedr é che bon. Metti il pesce sott'aceto, sentirai che bont á.

103 103 U m' à inc ü laa dinanz ala Poscta, e p ö l' è nai senza dii n é cr ä pa n é sc-ciopa. Mi ha tamponato con la sua auto davanti alla Posta e poi se n é andato alla chetichella. A pasi gi ó mi in dal s ó ü fizi. Scendo io nel suo ufficio. Al segantin l' è chel che u tayava gi ó a f ä tt con 'na machina a lamm i boor da legn. Il segantino è quello che, con una macchina a lame tagliava a fette i tronchi d'albero. Al vin t'al d ó in dal bocalin o in un tazin? Il vino te lo verso in un boccalino o in una tazza? L' è insc í b ä ll, che l' è pecaa, che l' è 'n pecaa... È cos í piacevole che, è peccato, che sia un peccato... U f à trii pass e 'na cicada. F á tre passi ed un sputo. L' à ciapaa al bao. Si è ammalato di cancro.

104 104 Al nava a bala. Viaggiava velocissimo. I g' à m ó la firma bagnada. Sono naturalizzati da poco tempo. Ta pias i gn ü k con la mascarpa? Ti piacciono le patate con la ricotta? U s' à fai ciapaa da la pr ä sa. Si è fatto prendere dalla fretta. Ó fai 'na fig ü ra da ciocolat é e. Ho fatto una figuraccia. Vegn gi ó di gott dai saledri. Cadono delle gocce dalle grondaie. Piza al Ceneri, par piasee! Accendi la radio, per favore! (par scoltaa al notiziari) L' à fai v ü n da chi tomborloni! Ha fatto uno di quei capitomboli!

105 105 Al m' à sc-lanzaa f ö da sc-trada. Mi ha scaraventato fuori strada. Y é sc-botadi f ö a digan da benedii 'l papa. Sono scoppiati a imprecare e insultare tutti. U laora in giunta. Lavora in perdita. Codegott e lenti, p'al Prim da l'ann. Cotecchino con lenticchie, per Capodanno. Se la dropa al debrai, l' à m' á faa vegnii s ü i sc-grisol. Se preme la frizione, sento i brividi. L' è soa la sc-porta, sciora? È sua la borsa, signora? Yer ó sc-b ö giaa 'na goma. Ieri ho forato un pneumatico. Al Gnazi l' è 'l p ü see brao di sacriscti. Ignazio è il miglior sagrestano.

106 106 Se ta gh' è mia un po' da sc-m ä tega ta ga la f è mia. Se non hai un po' di abilit á non ce la farai. L à tiraa gi ó tant da chi mocoii. Ha lanciato un sacco di improperi. L' à rimet üü anca 'l discnaa da yer. Ha vomitato anche il pranzo di ieri. I m' à puntaa f ö ra. Mi hanno spinto fuori. Em fai lana t ü t al d í. Non abbiamo fatto nulla tutto il giorno. Cata f ö ra chel che t' piaas. Scegli quello che ti piace. L' è 'n sc- barbatell senza c ó. È un giovincello senza cervello. I v à sempar a cascia da sc-froos. Cacciano sempre da bracconieri.

107 107 Par mi y è d ó tesctin. Per me sono due geni. I b ä ca s ü t ü t. Raccolgono ogni e qualsiasi pettegolezzo. Y à sc-pelaa un polasctar intregh. Hanno spiumato un pollo intero. I s' à ba ü sciaa come di vecc amis. Si sono baciate come vecchie amiche. Ti m'al sp ä li ti l'aranz ? Mi sbucci tu l'arancia ? Y è d'ingi ó. Sono del Sud. I p ä rsik d'una volta yera mey da chi d'inc öö. Le pesche di una volta erano migliori. L' à s à anca k ä l che mena 'l gi ä ss. Non è un mistero per nessuno.

108 108 Piantala da voltaa 'l pinin in da la c ü na. Smettila di capovolgere la verit à. Se la v à, l' à g' à i gamb. O la va o la spacca. La s' à sc-cond ü da sot ai cu ä rt. Si è nascosta sotto le coperte. L' è rivaa a c à inbenzinaa. È rientrato a casa ubriaco. L'era biott come 'l naas. Era completamente nudo. Scto poro pinin al s' à st ü fii e al s' à met üü a caragnaa. Il piccolo si è annoiato e ha cominciato a piangere. Se i ga la d à sota i p ó f á gala. Se si impegnano possono farcela. C ü ntom s ü come te f è a tr ü saa la fond üü. Raccontami come fai a miscelare la fondue.

109 109 Per ó, col c ü nt, i g' à pelaa. Per ó, con il conto, ci hanno spennati. Se i v à f ö, l' è parch é y à gi ü gaa maa. Se saranno eliminati, è perch é han giocato male. U s' à fermaa par un pit stop. Si é fermato (prendendo distanza da noi) per liberare una puzzetta. Se ta f ü dess in Asia ta saress bon a dropaa i bachett? In Asia, saresti capace a mangiare con i bastoncini? Dagan p ü, che i ga n à gi à gi ó as é e. Non servirli pi ú, che hanno gi á bevuto abbastanza. In chel siit l í em ciapaa v ü na da chi petenadi... In quel locale ci hanno dato un conto salatissimo. A parlan da mort come se al f ü dess viv: l'era 'na carogna. Detto col rispetto che si deve ai morti; da vivo per ó era un tipaccio. 'Co dinci, che fioca! Accidenti, che sventola!

110 110 Dopo i votazion, u m' è nai gi ó dal birlo. Dopo le elezioni, non mi piace pi ù. L' ó piantaa gi ó sot i portik. L'ho lasciato sotto i portici. A sem met ü di maa. Siamo messi male. L' á trai s ü l'anima. Ha vomitato l'inverosimile. Ma ti t's è f ö da calendari. Ma tu sei fuori fase. I s ó gent y á decid üü da fak al flamb è. I suoi parenti hanno deciso per la cremazione. Ma som sc-g ü raa 'na canav ä la. Mi sono ferito a una caviglia. Se ta gh' è br ü sor, t ö gi ó quaicoss. Se soffri di bruciore, prendi un medicinale.

111 111 T' à borlaa gi ó al vint ghei? Ti sei svegliato, finalmente? Pericolo giallo? Di m è part ó visct dom à k ä l negar e k ä l ross, da pericoi. Minacce dalla Cina? Dalle mie parti di pericolo ho visto solo il nero e il rosso. Ti ta gh' è mia t ü t i venerd í. Tu non sei sano di mente. Al m' à sc-t ü fii da cortesii. Mi ha rotto le scatole. Al v ö ri sc-kritt biank s ü negar. Lo voglio nero (e non bianco) su bianco (e non nero). M' à vegn üü 'na sc-gaiosa! M' è venuta una fame! L' à ced üü par 'na cioca da lacc. Ha venduto per pochi soldi.

112 112 A l ü ga som in panza. Sono nelle sue grazie. I soldi che vegn da rif i va da raf. I facili guadagni vengono spesi facilmente. U y à sc-g ü radi f ö ra s ü bit. Li ha sperperati subito. U saseva p ü in che pagn sc-taa. Era tremendamente imbarazzato. U g' à d ó facc in comedia. È una persona a doppia faccia. P'al cadreghin i g' à leker ä ss i p è a t ü ti. Per un seggio leccherebbero i piedi a tutti. T ö ghem mia via al s ö gnet da mescd í. Non toglietemi la pennicchella. U g' à nai s ü, s ü 'na caca da 'n can. Ha calpestato un bisognino di cane.

113 113 A g' à nai gi ó la cica in t ä ra. Gli è caduta la gomma da masticare. In dal s ó ram y è di b ü li. Nel loro campo sono dei fuoriclasse. Al ma paar un bru bru. Mi sembra un buzzurro. La sciora la g' à 'n b ä ll balcon. La signora ha un bel seno prosperoso. U g' à n á mia v ü n che c ü nta d üü. È un squattrinato. L' è un po' sc-v á saa. È un po' balordo. Quand som rivaa a c à seri derenaa. Quando arrivai a casa ero sfinito. I m' à impolinaa la m ä c ü sina. Hanno messo incinta mia cugina.

114 114 Dal camin gh' è vign üü gi ó tanta da k ä la cariscna. D al comignolo è precipitata tanta di quella fuliggine. Sabat em fai 'na sc-garonada s ü i mont. Sabato abbiamo fatto una sgambata in montagna. Sct à 'tent da mia casciaa scendra dapert ü t. Attento di non spargere cenere dappertutto. Quand y ó visct m í, yera t ü ti in piscta. Quando li vidi, erano tutti molto allegri ed euforici. U vegner á f ö ra coi p ä in avanti. Ne uscir à morto. L' è 'n viagiadoo da la Maggi. È un rappresentate della Maggi. Ta s' è 'n scemo da gu ä ra. Sei uno scemo esaltato. L' à m ó mia trovaa ch ä l da la masc-carpa. Non ha ancora incontrato quello che gli dia una lezione.

115 115 L' à sc-confond üü i pegor col can biank e, par sc-bai, u l` à cargaa s ü anca l ü. Ha confuso le pecore con il cane bianco da pastore e, per errore, ha caricato anche lui. Alora ta m ä ti gi ó. Allora ti apparecchio (tavola). L'acqua da Com l' è mia as é e da lavaa i pom. L'acqua di Como non è sufficiente per lavare le mele. Chescta l' è la bona man dal g ü daz. Questo è il regalo del padrino. A mi ma piaas al bocon dal pr ä vat. A me piace il culo del pollo arrosto. L' è un vero tamborno. È proprio uno stupidotto. Y é sci ü k da Denadaa. Questa è legna per il focolare di Natale.

116 116 M ä tal l í s ü l bas ä l. Mettilo sul gradino. Che bon al cap ä l dal pr ä vat! Che bont á la mortadella a forma triangolare. Indoa nii a scena a Pasqueta? Dove andate a cena il giorno dell'Epifania? L' è 'na crapa la l ü sc. È un ignorante e testardo. U ma sct à propi in punta. Proprio non lo posso sopportare. L' à resciaa t ü t al viacc. Ha vomitato durante tutto il viaggio. Ti ri ti ri ti la poscta? Vai tu a prendere la corrispondenza? A ö cc e croos i p ó v ä ss vot cunili. All'incirca potrebbero essere otto conigli.

117 117 U g' à 'n b ä ll faa. Ha belle e signorili maniere. A gh'ii am ó d üü k í fer par n ü m? Avete ancora due cornetti (gipfel) per noi? U m' à na dai 'na cotoleta. Mi ha annoiato a morte. T' è gi á fai discnaa al "Grott di baloi"? Hai gi á pranzato al "Grotto delle rocce"? A 'n poss p ü a'm but fora. Non ne posso pi ú, rinuncio. Y à fai t ü ti i cap ä ll. Hanno fatto il giro di tutte le bettole. Yer ó sent üü i m è. Ieri, sono stato redarguito severamente. T's è rivaa a c à pulit ? Sei arrivato bene a casa ?

118 118 Al m' à st ü fii la gloria. Mi ha annoiato a morte. L' è 'na sc-t ä la, ma un zik canayn. È una stella, ma un po' canaglietta. La sciotina e 'l sciotin yera in gir ins ä ma a l'ava. La piccolina e il piccolino erano a spasso con la bisnonna. Y è sctonaa come i campan da Borlasina. È un colloquio fra sordi. Non vanno d'accordo. Sctanocc i foyt y è nai dent in dal pol é e. Stanotte le faine sono entrate nel pollaio. L' è sempar sc-tai un original. È sempre stato uno strano e scorbutico. Y g' à fai corr. Ci hanno mandati via. L' è 'n r ü ina familii. È una rovina delle unioni coniugali.

119 119 L' è 'n mal-scposaa. È un marito infelice. L' è mia bon a picaa dent un ciod. Non ha nessun senso pratico. Y à dai che ink öö u pi ö v. Le previsioni dicono che oggi piover à. Y è nai gi ó pa 'n sbrig. Sono scesi in un ripido pendio. Ma mandal a sonaa l'organ. Ma mandalo in quel posto. U m' à sc-carligaa di man. Mi è scivolato dalle mani. Ó rasataa con k ä l l à. Ho bisticciato con quello. Bis ö gna naa s ü, s ü la kipa. È necessario salire, salire sulla scarpata.

120 120 I l' à fai balaa. L'han fatto tribulare. L' è mia t ü ta ü ga. Non è tutto cos í facile. Fi öö, l' è mia vuncia. Ragazzi, non è cos í facile n è semplice. G' ó v üü 'n c üü da la madona. Ho avuto una fortuna sfacciata. Tiraa in gir s è st ä ss l' è mia 'na qualit á di ticines. L'autoironia non è una caratteristica dei ticinesi. L' è propi 'na p ä zza. È veramente un gigante. Ma paar che 'l fi öö u b ü ta ben. Mi sembra che il ragazzo prometta bene. Al bagai u vegn via ben. Il bambino cresce sano.

121 121 Che temp g'avrem doman? Se tal diis Al Toaya dala Tele: t'el savr è mai! Dag invece 'n ö giada ai giornai e t'el savr è s ü bit. Che tempo far à domani? Se segui il "Toaya"delle Previsioni del tempo della Tele non lo saprai mai, neanche dopo 4 minuti di una gragnola di ricercate e inusuali parole. D á invece un'occhiata ai quotidiani ticinesi: lo saprai subito! La Cort europea l' à g à dii a la Spagna da liberaa i assasit e terroriscti da l' ETA. Che gioia vess "europei"! La Corte Europea di Strassburgo impone alla Spagna la liberazione immediata di terroristi ETA, condannati all'ergastolo per assassinio di tanti innocenti. Che bello essere "europei"! Ó sc-cop ä rt al narigiatt. Ho scovato il vigliacco. Al coscta 'na cialada. Costa pochissimo. Al p ó pizaa 'na candela. È un miracolato. I fasc-tidi i m' à t ö i via 'l s ö gn. I grattacapi mi hanno tolto il sonno.

122 122 Ul temp l' è cume 'l c ü, al f á quel che 'l v ö r l ü. Il tempo f á quello che vuole. 'Na volta i sc-pacavaa i piatt e p ö ogn ü n u nava par c ü nt s ó, par un po'. Inc öö l' è 'n altra roba: i divorzia p ö i sa sc-para. Una volta rompevano i piatti, e ognuno se ne andava per i fatti suoi, per un po'. Oggi é diverso: ci si divorzia e poi ci si ammazza. Al g' à mia t ü ti i tazz in da l'armadi. Non è molto equilibrato. L' à sc-gn ä caa via al sc-pecett da f ö ra. Ha strappato lo specchietto retrovisore esterno. Indoa nii? In do' ta v è ? Dove andate? Dove vai? L' è borlaa dent in dal pozzasc. È caduto nella pozzaccia. Ocio a la pad ä la. Attento a non sbagliare o a farti fregare.

123 123 Che r ä la gh'em v üü ! Che sfortuna abbiamo avuto! Come port é e l' è un gatt. Come portiere è un fenomeno. Se l' è v ä rt, alora rivi sci á. Se è aperto, allora ti raggiungo. L' è indr é cume 'n car da reef. È poco sveglio U capiss mia che sum ciapaa. Non comprende che sono molto occupato. I g à fai n á a a topikk. Ci hanno mandato a rotoli. Porca l'oca, che z ä ka! Accidenti, che rompi! A g' à saltaa in ment un scghiribizz. Ha avuto un'improvvisa bizzarra idea.

124 124 L' à impienii al f ö i da ghirigori. Ha riempito il foglio di geroglifici. A ga nem dai 'na mascnada. Lo abbiamo picchiato a sangue. A c à mia sa mascna p ü al caf é. A casa mia il caff è non viene pi ú macinato. I mangiava polenta e tocal à. Mangiavano polenta e un "fantasma" di salsiccia. I m' á vosaa dr è par gnent. Mi hanno sgridato per nulla. L' è br ü t a dill, ma l' è un tirap é e. È brutto doverlo dire, ma è un vile. La g' à naia gi ó da trav ä rs. L' á presa male. M' à piaas mia i sc-calmanaa dal scport. Non mi piacciono gli esaltati dello sport.

125 125 Ga n' ó pien la sck ü fia da k ä l l í. Ne ho piene le scatole di quello l í. U faseva al b ä ll e ul br ü tt temp, come g' à pareeva. Comandava lui, a suo piacimento. La g' á naia ben; al po' segnass col gombat! Gli è andata bene; pu ó ringraziare il Cielo. Gh' è sci à i ligasabbia. Stanno arrivando i poliziotti. L' è cum è dag un maron glac è a un purc è ll. È come fare un regalo costoso a qualcuno che non lo sa apprrezzare L' è dentar in di sc-bòta b ü gnon. È incorporato nelle truppe sanitarie. Se 'l creed da ciolam l' à sc-baiaa b ö cc. Se pensa di fregarmi ha sbagliato bersaglio. Al Polin al t à f á mia i scarp, al Polin u f á s ü i scarp! Pollini non ti licenzia, Pollini fabbrica scarpe!

126 126 K ä l l í l' è bon pai cai. Quello l í è un esseraccio. A ga n' è mia da p ü s é e pitigna da l ü. Non ce ne sono di pi ú precisini di lui. L' á sclifiava quand la mangiava la z ü pa. Mangiava la minestra con rumoroso risucchio. L ü al s' á fermaa parch è g' ó s ü la m ü ya! Si é fermato perch è indosso l'uniforme di polizia! Grazie Geni d'avem dai 'na man. Grazie Foglia per la tua supervisione. I r öö s y é nai ! Le rose sono appassite. Gh' è quaid ü n che m' tampina. Qualcuno mi sta seguendo. Gh' è nai al vent par scasciaa i nivoi. C' è voluto il vento per allontanare le nuvole.

127 127 In gesa yera t ü ti in cr ü sc. In chiesa erano tutti inginocchiati. Al can ä cc l' è un r ü sctik regaa? Il diroccato è uno rustico crollato? Em toayaa fin a m ä zanocc. Siamo rimasti a tavola fino a mezzanotte 'Na volta in di pa é s gh'era al camparo. Una volta nei comuni c'era la guardia campestre. Fort ü nada chela scpusa se la prima l` è `na tusa. Fortunata quella donna se la primogenita è una femmina. Ma com' t è fai a tiraa ins ä ma t ü ta 'scta mercanzia? Quaicoss all' Hilton e la gran part in di grott e in di b ä tol. Come hai fatto a raccogliere tutto questo materiale? In parte frequentando posti lussuosi, ma la maggior parte nei grotti e nelle nostre bettole. A mi i m' á insegnaa insc í, p ö y' ó sc-coltadi insc í, e p ö...p ö vedii vialtri... A me hanno insegnato cos í, poi le ho ascoltate cos í, e poi…poi vedete voi...

128 128 Nota finale Ecco pochi ma eloquenti esempi delle curiose diversit à che contraddistinguono le due lingue, certamente apparentate fra loro, ma cos í palesemente differenti da stupire forse qualcuno al cospetto di queste due specifiche realt à. Per semplice curiosit á e divertimento si paragoni il "ticinese" ad altre lingue latine. A mo' di confronto: che ne direbbero a tal proposito i catalani-spagnoli? Dilemma o semplice ozioso esercizio mentale? Queste banali riflessioni comunque iniziano e finiscono qui! Il lodevole ed innegabile buonsenso delle nostre democrazie Occidentali (degli ultimi decenni ) con i loro solidi principi di libert à e reciproco rispetto hanno evitato sovente, e per buona fortuna, il ricorso ad anacronistiche divisioni o, peggio ancora, a dolorose quanto improduttive lacerazioni fondate esclusivamente su dei presupposti linguistici. La maggioranza svizzero-tedesca, con la caparbia difesa del proprio Swiitzerd ü tsch, é un invidiabile modello mondiale della volont á di attribuire e conservare strenuamente linguaggio e tradizioni, non da ultimo in omaggio ai suoi mitici e saggi antenati. Confederati di lingua tedesca, italiana o romancia partono (inconsapevolmente?) con non trascurabili vantaggi rispetto ad altri, dovendosi confrontare, sin dalla prima infanzia, con almeno due lingue, ci ó che li agevoler á pi ú tardi, ne siamo convinti, nell'apprendimento di tante altre lingue e culture. Pi ú che un consiglio é una calorosa esortazione: soggiornate il pi ú a lungo possibile all'estero. Il mondo (quasi tutto) é davvero una miniera di cose preziose. E ci insegna a vivere! Eccome se ci insegna! c.p. Questa pubblicazione é stata resa possibile grazie ai diversi contributi ricevuti dai tanti frequentatori delle nostre bettole e dei grotti, nonch é dalla preziosa supervisione del Nando e del Geni. Ò finii da sckrival al m è s da novembar dal 2013.

129 129


Scaricare ppt "A MI I M'Á INSEGNAA INSCÍ Graziano Polin 1. 2 L`autore al lavoro nel suo ufficio (bettola)."

Presentazioni simili


Annunci Google