La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISOLGOMMA Lisolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione Bologna 15 Marzo 2011 Gildo Tomassetti Juri Albertazzi Normativa vigente e nuova.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISOLGOMMA Lisolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione Bologna 15 Marzo 2011 Gildo Tomassetti Juri Albertazzi Normativa vigente e nuova."— Transcript della presentazione:

1 ISOLGOMMA Lisolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione Bologna 15 Marzo 2011 Gildo Tomassetti Juri Albertazzi Normativa vigente e nuova norma UNI 11367 Classificazione acustica degli edifici Norme locali Aspetti legali - giuridici

2 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 SOMMARIO Normativa nazionale vigente (DPCM 5/12/1997 – DM 18/12/1975)?? Normativa locale (RUE) Sviluppi normativi futuri (Nuovo DPCM–UNI 11637)?? Uno sguardo allEuropa

3 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 D 2m,nT,w L n,w RwRw DI COSA PARLEREMO

4 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 DI COSA NON PARLEREMO?

5 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Legge Quadro 26-10-1995, n.447 Regolamenta linquinamento acustico Legge Quadro 26-10-1995, n.447 Regolamenta linquinamento acustico D.P.C.M. 05/12/1997 Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici D.P.C.M. 05/12/1997 Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici NORMATIVA NAZIONALE Manca invece il Decreto di cui art. 3 f) indicazione,…………, dei criteri per la progettazione, l'esecuzione e la ristrutturazione delle costruzioni edilizie ……., ai fini della tutela dall'inquinamento acustico; Manca invece il Decreto di cui art. 3 f) indicazione,…………, dei criteri per la progettazione, l'esecuzione e la ristrutturazione delle costruzioni edilizie ……., ai fini della tutela dall'inquinamento acustico;

6 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 DPCM 5/12/1997 Art. 3. - Valori limite. 1. Al fine di ridurre l'esposizione umana al rumore, sono riportati in tabella B (Allegato A) i valori limite delle grandezze che determinano i requisiti acustici passivi dei componenti degli edifici e delle sorgenti sonore interne. Art. 3. - Valori limite. 1. Al fine di ridurre l'esposizione umana al rumore, sono riportati in tabella B (Allegato A) i valori limite delle grandezze che determinano i requisiti acustici passivi dei componenti degli edifici e delle sorgenti sonore interne. A QUALI EDIFICI SI APPLICA? Devono rispettarlo tutti gli edifici per i quali la data di rilascio della Concessione edilizia (o altra autorizzazione prevista) è successiva al 20-02-1998 (60 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale 22-12-1997) A QUALI EDIFICI SI APPLICA? Devono rispettarlo tutti gli edifici per i quali la data di rilascio della Concessione edilizia (o altra autorizzazione prevista) è successiva al 20-02-1998 (60 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale 22-12-1997)

7 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 DPCM 5/12/1997

8 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 DPCM 5/12/1997

9 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 ISOLAMENTO DAI RUMORI AEREI tra differenti unità immobiliari Rw

10 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 ISOLAMENTO DAI RUMORI AEREI tra differenti unità immobiliari Rw Classificazione degli ambienti abitativi Requisiti acustici passivi Rumore di impianti tecnologici Potere fonoisolante apparente Isolamento acustico standardizzato di facciata Livello di rumore di calpestio normalizzato Funzionamento discontinuo Funzionamento continuo categoriadescrizione RwRw D 2m,nT,w L n,w L ASmax L Aeq AEdifici adibiti a residenza 50 40 63 35 BEdifici adibiti ad uffici 50 42 55 35 CEdifici adibiti ad alberghi, 50 40 63 35 DEdifici adibiti ad ospedali 55 45 58 35 25 E Edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli 50 48 58 35 25 F Edifici adibiti ad attività ricreative o di culto 50 42 55 35 G Edifici adibiti ad attività commerciali 50 42 55 35

11 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 ISOLAMENTO DAI RUMORI ESTERNI D2m,nTw

12 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Classificazione degli ambienti abitativi Requisiti acustici passivi Rumore di impianti tecnologici Potere fonoisolante apparente Isolamento acustico standardizzato di facciata Livello di rumore di calpestio normalizzato Funzionamento discontinuo Funzionamento continuo categoriadescrizione RwRw D 2m,nT,w L n,w L ASmax L Aeq AEdifici adibiti a residenza 50 40 63 35 BEdifici adibiti ad uffici 50 42 55 35 CEdifici adibiti ad alberghi, 50 40 63 35 DEdifici adibiti ad ospedali 55 45 58 35 25 E Edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli 50 48 58 35 25 F Edifici adibiti ad attività ricreative o di culto 50 42 55 35 G Edifici adibiti ad attività commerciali 50 42 55 35 ISOLAMENTO DAI RUMORI ESTERNI D2m,nTw

13 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 ISOLAMENTO DAI RUMORI DI CALPESTIO Lnw

14 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Classificazione degli ambienti abitativi Requisiti acustici passivi Rumore di impianti tecnologici Potere fonoisolante apparente Isolamento acustico standardizzato di facciata Livello di rumore di calpestio normalizzato Funzionamento discontinuo Funzionamento continuo categoriadescrizione RwRw D 2m,nT,w L n,w L ASmax L Aeq AEdifici adibiti a residenza 50 40 63 35 BEdifici adibiti ad uffici 50 42 55 35 CEdifici adibiti ad alberghi, 50 40 63 35 DEdifici adibiti ad ospedali 55 45 58 35 25 E Edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli 50 48 58 35 25 F Edifici adibiti ad attività ricreative o di culto 50 42 55 35 G Edifici adibiti ad attività commerciali 50 42 55 35 ISOLAMENTO DAI RUMORI DI CALPESTIO Lnw

15 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 ISOLAMENTO DAI RUMORI DA IMPIANTI LASmax - LAeq

16 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Classificazione degli ambienti abitativi Requisiti acustici passivi Rumore di impianti tecnologici Potere fonoisolante apparente Isolamento acustico standardizzato di facciata Livello di rumore di calpestio normalizzato Funzionamento discontinuo Funzionamento continuo categoriadescrizione RwRw D 2m,nT,w L n,w L ASmax L Aeq AEdifici adibiti a residenza 50 40 63 35 BEdifici adibiti ad uffici 50 42 55 35 CEdifici adibiti ad alberghi, 50 40 63 35 DEdifici adibiti ad ospedali 55 45 58 35 25 E Edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli 50 48 58 35 25 F Edifici adibiti ad attività ricreative o di culto 50 42 55 35 G Edifici adibiti ad attività commerciali 50 42 55 35 ISOLAMENTO DAI RUMORI DA IMPIANTI LASmax - LAeq

17 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 DPCM 5/12/1997 – Tempo di riverbero TR60 Edifici scolastici Il DPCM la Circolare del Ministero dei Lavori Pubblici n°3150 del 22 maggio 1967 Criteri di valutazione e collaudo dei requisiti acustici negli edifici scolastici. La media dei tempi di riverberazione misurati alle frequenze 250 - 500 - 1000 - 2000 Hz, non deve superare 1,2 sec. ad aula arredata, con la presenza di due persone al massimo. Nelle palestre la media dei tempi di riverberazione (qualora non debbano essere utilizzate come auditorio) non deve superare 2,2 sec. Edifici scolastici Il DPCM la Circolare del Ministero dei Lavori Pubblici n°3150 del 22 maggio 1967 Criteri di valutazione e collaudo dei requisiti acustici negli edifici scolastici. La media dei tempi di riverberazione misurati alle frequenze 250 - 500 - 1000 - 2000 Hz, non deve superare 1,2 sec. ad aula arredata, con la presenza di due persone al massimo. Nelle palestre la media dei tempi di riverberazione (qualora non debbano essere utilizzate come auditorio) non deve superare 2,2 sec.

18 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 18 DPCM 5-12-97: corrispondenza normativa 2. Potere fonoisolante apparente (R') di elementi di separazione tra ambienti (norma EN ISO 140-5 del 1996) (UNI EN ISO 140-4 del 2000) 3. Isolamento acustico standardizzato di facciata (D 2m,nT ) (UNI EN ISO 140-5 del 2000) 4. Livello di rumore di calpestio normalizzato (L' n ) definito dalla norma EN ISO 140-6 1996 (UNI EN ISO 140-7 del 2000) 5. Livello massimo di pressione sonora, ponderata A con costante di tempo slow (L ASmax ) 6. Livello continuo equivalente di pressione sonora, ponderata A (L Aeq ) 1. Tempo di riverberazione (T) (norma ISO 3382 del 1975) (ISO 3382 del 1997 oppure UNI EN 20354 del 1993) Indice di valutazione R' w di R e indice di valutazione D 2m,nT,w di D 2m,nT (norma UNI 8270-7 / 5.1 del 1987) (UNI EN ISO 717-1 del 1997) Indice di valutazione L n,w di L n (norma UNI 8270-7 / 5.2 del 1987) (UNI EN ISO 717-2 del 1997)

19 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Agli ambienti abitativi di cui all'art. 2, comma 1, lettera b), della legge 26 ottobre 1995, n. 447, ogni ambiente interno ad un edificio destinato alla permanenza di persone o di comunità ed utilizzato per le diverse attività umane. Quindi in tutti gli ambienti nei quali non è prevista la permanenza di persone il DPCM non si applica. Ad esempio bagni, disimpegni, ripostigli e anche per le cucine non abitabili (applicare con moderazione ed eventualmente al solo isolamento di facciata!!!!! ). Anche perché si potrebbe ritenere che il DPCM non sia applicabile per tutti quegli ambienti (piccoli) per i quali non sussistono le condizioni di applicabilità delle norme tecniche per lesecuzione delle misure in opera. Agli ambienti abitativi di cui all'art. 2, comma 1, lettera b), della legge 26 ottobre 1995, n. 447, ogni ambiente interno ad un edificio destinato alla permanenza di persone o di comunità ed utilizzato per le diverse attività umane. Quindi in tutti gli ambienti nei quali non è prevista la permanenza di persone il DPCM non si applica. Ad esempio bagni, disimpegni, ripostigli e anche per le cucine non abitabili (applicare con moderazione ed eventualmente al solo isolamento di facciata!!!!! ). Anche perché si potrebbe ritenere che il DPCM non sia applicabile per tutti quegli ambienti (piccoli) per i quali non sussistono le condizioni di applicabilità delle norme tecniche per lesecuzione delle misure in opera. DPCM 5-12-97: dove si valuta/misura??

20 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 20 DPCM 5-12-97: dove si valuta/misura Rw?? I requisiti relativi al potere fonoisolante apparente Rw si applicano ad elementi di separazione tra due distinte unità immobiliari. Un chiarimento in merito alle distinte unità immobiliari viene dallart.2 del DM 2/1/1998 n.28 Regolamento recante norme in tema di costituzione del catasto dei fabbricati, in cui si definisce cheLunità immobiliare è costituita una porzione di fabbricato (...) che presenti potenzialità di autonomia funzionale e reddituale.

21 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 21 DPCM 5-12-97: dove si valuta/misura Rw?? Quesito Non è chiaro a quali partizioni interne ci si riferisca nel caso di edilizia non residenziale (ad es, ospedali, scuole, uffici) o nel caso di separazione con parti comuni o di servizio delledificio (ad es. vani scale). Risposta. BUON SENSO per edifici non residenziali si possono individuare zone funzionali diverse cui applicare i requisiti di legge (ad esempio per ospedali reparti diversi, zone degenza con zone di servizio o uffici amministrativi); idem per le scuole per le quali comunque è vigente il DM 18/12/1975. Per gli uffici invece non ci sono riferimenti. In tutti i casi comunque si consiglia di applicare il DPCM alle strutture orizzontali di separazione tra i diversi livelli. SI VEDA RC 5.1 RE tipo regionale. Per i vani scala si consiglia di applicare il DPCM per quegli ambienti che non collegati ad esso mediante la porta di accesso (ma allora i monolocali??). In generale si consiglia di applicare il DPCM a tutti gli elementi di separazione tra ambienti abitativi e luoghi ove potenzialmente sono presenti sorgenti di rumore (garage, sale condominiali feste bambini etc.)

22 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 22 DPCM 5-12-97: Dubbi su D2m,nTw?? Quesito. Lisolamento di facciata dovrebbe essere correlato con il rumore esterno indotto dalle sorgenti sonore presenti nellareale. Risposta. Il DPCM non considera tale aspetto ovvero non vi è alcuna correlazione evidente tra rumore esterno ed isolamento di facciata, anzi i valori maggiori di isolamento in facciata sono richiesti agli edifici che per la loro destinazione duso dovrebbero essere collocati in ambiti urbani particolarmente protetti (Ospedali e scuole ubicati nelle zone di I classe nei piani di classificazione acustica comunale).

23 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 23 DPCM 5-12-97: dove si valuta/misura Lnw?? Quesito. Per il rumore impattivo (Lnw) il DPCM non specifica se la valutazione/misura sia da eseguirsi tra unità immobiliari diverse. Non specifica poi se la misura debba essere eseguita tra unità sovrapposte o anche adiacenti. Quindi?? Soluzione. BUON SENSO La misura si esegue tra unità immobiliari distinte sovrapposte e in casi di oggettiva criticità tra unità adiacenti e sui vani scala. Tale ipotesi è confermata anche da Risposte Ministero dellAmbiente a quesiti dellIng. Giorgio Campolongo del 13/08/2010. Quesito. In caso di edifici a destinazione duso mista (ad esempio uffici a piano terra e residenze a piano primo) non è chiaro quali limiti si debbano applicare. Soluzione. BUON SENSO è ragionevole pensare che i limiti del DPCM possono avere senso solo se si considera il solaio a pavimento dellambiente in esame. Si veda RC 5.2 del RE tipo regionale (ma non tutti la pensano così !!)

24 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 24 DPCM 5-12-97: dove si valuta/misura LASmax LAeq?? Quesito. Per il rumore degli impianti LASmax e Laeq si specifica che la misura deve essere eseguita negli ambienti in cui il livello del rumore è più elevato e in luogo diverso da quello nel quale è ubicata la sorgente di rumore ma nulla si dice se deve essere eseguita tra unità immobiliari diverse. Quindi?? Soluzione. BUON SENSO La misura si esegue tra unità immobiliari distinte sovrapposte o adiacenti (ma non tutti la pensano così) ad eccezione di scuole, ospedali, alberghi ma anche uffici (ma anche qui attenzione!!!). Tale ipotesi è confermata anche da Risposte Ministero dellAmbiente a quesiti dellIng. Giorgio Campolongo del 13/08/2010. Si evidenzia comunque che la misura su impianti a funzionamento continuo deve essere eseguita in ambienti diversi da quello in cui il rumore si origina. Pertanto, ad esempio, il rumore di un fan-coil a servizio di una camera dalbergo deve essere misurato nella camera adiacente (ma anche su questo non tutti sono daccordo!!).

25 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 25 DPCM 5-12-97: dove si valuta/misura LASmax LAeq?? Quesito. I limiti di rumore degli impianti a funzionamento continuo non sono chiari. Poco sopra alla tabella B dellAllegato A il DPCM indica che il livello LA e q degli impianti a funzionamento continuo non deve superare 25 dB(A) indipendentemente dalla destinazione duso degli ambienti considerati. Tabella B Allegato A del DPCM 5/12/1997 Cat.L Aeq D25 A, C35 E25 B, F, G35

26 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 DPCM 5-12-97: dove si valuta/misura LASmax LAeq?? Il Ministero dellAmbiente in una circolare del 9/03/1999 (risposta a quesiti settore Ambiente Comune di Genova) sembra far riferimento ai valori riportati nel paragrafo suddetto. Il Consiglio Superiore del Lavori Pubblici in una circolare del 27/05/2003 (risposta quesiti ordine ingegneri di Como) fa riferimento invece ai valori riportati in tabella

27 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 DPCM 5-12-97: dove si valuta/misura LASmax LAeq?? Giorgio Campolongo chiede al Ministero dellAmbiente chiarimenti in merito al D.P.C.M. 5/12/97 Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici. Il Ministero risponde (U.prot.DVA-2010-0020117 del 13/08/2010) e le risposte sono qui di seguito. Quesito. Nelle abitazioni il requisito di rumorosità (LAeq) degli impianti a funzionamento continuo, stabilito dal D.P.C.M. 5/12/97, è 25 dB o 35 dB? Risposta Ai sensi dellart. 2 del D.P.C.M. 5/12/97, le grandezze cui far riferimento nella determinazione del limite di rumorosità prodotta dagli impianti a funzionamento continuo o discontinuo sono definite nellALLEGATO A, che costituisce parte integrante del Decreto. Come stabilito nel suindicato Allegato, per gli impianti a funzionamento continuo il limite previsto è pari a 25 dB (A) LAeq.

28 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 DPCM 5-12-97: chi valuta/chi misura?? Quesito. Il DPCM non specifica se e chi debba eseguire i calcoli previsionali. Risposta. Il DPCM 5-12-1997 NON OBBLIGA ad eseguire i calcoli previsionali, però richiede che a lavoro ultimato i requisiti acustici siano rispettati. Comunque i calcoli possono essere eseguiti dai progettisti (Circ. Min. Maggio 1998 risposta quesito Ordine Ingegneri di Livorno) a meno di indicazioni specifiche dei Comuni. Quesito. Il DPCM non specifica se debbano essere eseguiti i collaudi Risposta. Il DPCM 5-12-1997 NON OBBLIGA ad eseguire i le misure di collaudo, però richiede che a lavoro ultimato i requisiti acustici siano rispettati. Le misure devono essere eseguite dal Tecnico Competente in Acustica.

29 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 DPCM 5-12-97: Ristrutturazioni?? Il DPCM va applicato solo in caso di ristrutturazione totale (circolare 9/03/1999) NON E CHIARO !! Si applica ai nuovi impianti tecnologici installati negli edifici (circolare 9/03/1999) NB: analizzare legislazione locale: Leggi regionali Regolamenti edilizi – (Soluzioni conformi…)

30 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 DM 18/12/1975 Edilizia scolastica Circolare del Ministero dei Lavori Pubblici n. 3150 del 22 maggio 1967; D.M. del 18/12/1975 riportante le "Norme tecniche aggiornate relative alla edilizia scolastica, ivi compresi gli indici minimi di funzionalità didattica, edilizia ed urbanistica, da osservarsi nella esecuzione di opere di edilizia scolastica", con particolare riferimento a quanto riportato a punto 5.1; D.M. del 13/09/1977 riportante "Modificazioni alle norme tecniche relative alla costruzione degli edifici scolastici";

31 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 31 RequisitiIsolamento (indice di valutazione) Rif. Normativo Potere fonoisolante di strutture divisorie interne (progetto) Rw >= 40 dBDM 18/12/1975 Isolamento acustico tra due ambienti adiacenti (opera) DnTw >= 40 dBDM 18/12/1975 Isolamento acustico tra due ambienti sovrapposti Rw = 50 dB ?DPCM 5/12/1997 Isolamento acustico di facciataD2m,nTW >= 48 dBDPCM 5/12/1997 Livello di rumore di calpestio normalizzato Lnw <= 63 dB?DPCM 5/12/1997 Livello di rumore di impianti LmaxA <= 50 dB(A) o <= 40 dB(A) ? DM 18/12/1975 DM 18/12/1975 Edilizia scolastica

32 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 32 DM 18/12/1975 Edilizia scolastica Tempo di riverbero

33 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 33 Legislazione locale – Emilia Romagna Delibera della Giunta Regionale del 22/02/2000 n° 268 Schema di Regolamento edilizio tipo – Aggiornamento dei requisiti cogenti (Allegato A) e della parte quinta, ai sensi comma 2, art.2, L.R. 33/90 I requisiti acustici passivi sono richiamati nei requisiti: RC 5.1 Isolamento acustico ai rumori aerei RC 5.1 RC5.1.1 Requisiti acustici passivi delle partizioni (Rw) e delle chiusure (D2m,nTw) RC5.1.2 Rumore prodotto dagli impianti tecnologici (LASmax LAeq) RC 5.2 Isolamento acustico ai rumori impattivi (LnTw) RC 5.2

34 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 34 Legislazione locale – Emilia Romagna Potere fonoisolante apparente R w Nel caso di strutture di confine tra unità immobiliari a destinazione diversa si applica il valore della tabella più rigoroso Metodi di progetto Uso della soluzione tecnica certificata R w R w +3 dB Metodo di calcolo A (formula empirica semplificata) Metodo di calcolo B (basato su EN 12354) Soluzioni conformi Isolamento acustico di facciata D 2m,nT,w Metodi di progetto Metodo di calcolo C (per chiusure semplici) a partire da R w Metodo di calcolo D (per chiusure composte) (basato su EN 12354) A lavori ultimati, sia per R w che per D 2m,nT,w Dichiarazione di conformità del tecnico competente oppure Prova in opera

35 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 35 Legislazione locale – Emilia Romagna Rumore prodotto dagli impianti tecnologici Nel caso di servizi a funzionamento continuo L Aeq 25 dB(A) Metodi di progetto: (nessun metodo di calcolo adottato) Descrizione dettagliata delle soluzioni tecniche adottate per il rumore A lavori ultimati: prova in opera (SI!!!) secondo normativa (ad es. 8199) Livello normalizzato di rumore di calpestio L n,w Adottato L nT,w al posto di L n,w Specifica per elementi di separazione tra unità immobiliari distinte Il livello da rispettare è quello dellambiente disturbante Per edifici scolastici anche per solai interni, ma limite DM 18-12-75 Metodi di progetto Soluzione tecnica certificata L n,w L n,w +3 Metodo di calcolo per solai a struttura omogenea (basato su EN 12354) Soluzione tecnica conforme A lavori ultimati: Dichiarazione di conformità del tecnico competente oppure prova in opera

36 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 36 Legislazione locale – Emilia Romagna Lo schema di regolamento innovativo al momento della sua emanazione è ormai obsoleto Le soluzioni conformi sono discutibili Teoricamente qualsiasi scostamento dalle procedure/metodologie indicate richiede lesecuzione di prove di collaudo in opera Sono state emanate o fatte proprie dallUNI specifiche norme tecniche per la valutazione previsonale dei requisiti Nonostante questo i requisiti RC 5.1 e RC 5.2 sono richiamati in toto in molti dei RUE dei Comuni della Provincia di Bologna: Associazioni Comuni Valle dellIdice Associazioni Comuni Terre di Pianura Associazione Comuni terre dAcqua Associazioni Comuni 5 Valli

37 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 37 Legislazione locale – Emilia Romagna Se il RE tipo è obsoleto cè chi è ancora alletà della pietra………… Art. 44 RE Comune di Imola Delibera C.C. n. 35 del 09/03/2009 Isolamento fonico Negli edifici di nuova costruzione, nella sopra-elevazione, negli ampliamenti o nelle riforme sostanziali di fabbricati esistenti, deve essere prevista e realizzata una protezione contro i rumori che viene di seguito indicata: a) Solai (rumore di calpestio) per edifici di abitazioni, alberghi e pensioni, a più vani. I solai devono essere costruiti con materiale antiformico e spessori tali da assicurare per lambiente sottostante un livello massimo di rumore al calpestio (misurato con metodi normalizzati) non superiore a 80 db per frequenze fra 100 e 3000 Hz; b) Pareti interne (tramezzi). Le pareti divisorie fra appartamenti e camere dalbergo, e quelle tra appartamenti e locali di uso comune (androni, scale, ecc.) devono assicurare un isolamento acustico medio di almeno 45 db per frequenze fra 100 e 3000 Hz; Per pareti divisorie tra ambienti di uno stesso appartamento, si può ammettere un isolamento minimo di 30 db per le stesse frequenze; c) Pareti esterne. Per gli edifici fronteggianti strade e piazze, i muri perimetrali devono avere un potere fonoisolante tale da garantire un isolamento acustico di 45 db per le frequenze fra 100 e 3000 Hz.

38 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 38 Legislazione locale – Emilia Romagna ….e cè chi invece è troppo avanti….Comune di Bologna Scheda dE6.1 LIVELLI PRESTAZIONALI E PRESCRIZIONI SPECIFICHE [1] ……………….[1.1]………………. [2] In riferimento alle prestazioni 1.2 e 1.3 (elementi di tamponamento e rumore ed impianti tecnologici) della scheda E6.1 del Rue, perché il requisito sia soddisfatto: [2.1] È necessario garantire il rispetto dei requisiti acustici passivi degli edifici alla normativa vigente, a tal fine si tenga presente che: - Il rispetto del limite associato allindice del livello di rumore di calpestio dei solai è richiesto solamente per interventi di nuova costruzione, ristrutturazione o cambi duso globali (???); - I valori di Rw vanno riferiti a partizioni fra distinte unità immobiliari; - Nel caso di strutture di confine tra unità immobiliari a destinazione diversa si applica il valore limite di Rw più rigoroso - Per gli edifici scolastici deve essere assicurato anche il potere fonoisolante apparente delle strutture divisorie interne fra aule diverse (???); - La rumorosità prodotta dagli impianti tecnologici non deve superare i limiti imposti dalla normativa vigente e precisamente: Lasmax 35 dB(A) per i servizi a funzionamento discontinuo (ascensori, scarichi idraulici, servizi igienici e rubinetterie) e Laeq 25 dB(A) per i servizi a funzionamento continuo (impianti di riscaldamento, condizionamento, aerazione) [2.2]……………………

39 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 39 Legislazione locale – Emilia Romagna VERIFICHE [5] In sede di progetto: [5.1] ……… [5.2] Per quanto concerne il livello di prestazione di cui al punto 2 deve essere redatta da tecnico abilitato una relazione tecnica che evidenzia e descrive le soluzioni da realizzare, conformi (per materiali e modalità di esecuzione) ad un campione che, a seguito di prove di laboratorio, abbia conseguito un valore di potere fonoisolante RW superiore di almeno 3 dB rispetto al valore dellindice di valutazione del potere fonoisolante apparente RW prescritto dalla normativa negli ambienti di lavoro le caratteristiche fonoisolanti e fonoassorbenti delle strutture nonché la geometria dei locali, dovranno limitare le problematiche annesse alla riverberazione ambientale ??????. [5.3]……[5.4]………[5.5]………[5.6]………[5.7]…………………… [6] A lavori ultimati: [6.1] Per quanto concerne i livelli di prestazione di cui al punto 2 deve essere prodotta dichiarazione di conformità alle soluzioni tecniche indicate nel progetto redatta dal direttore dei lavori. Per interventi di nuova costruzione occorre produrre una relazione relativa alla prestazioni acustiche passive concernenti: le misure in opera dellisolamento acustico per via aerea tra ambienti, le misurazioni in opera dellisolamento acustico degli elementi di facciata e le misure in opera dellisolamento dai rumori di calpestio di solai. Tali verifiche, eseguite conformemente alle norme UNI (serie 140/2000 e seguenti), potranno essere eseguite su una porzione di immobile che presenti elementi divisori di tipologia ricorrente.

40 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 40 Legislazione locale – Emilia Romagna Bologna RUE - Autodichiarazione Requ. Igienici

41 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 41 Legislazione locale – Emilia Romagna Bologna RUE- Autodichiarazione Requ. Igienici etc.

42 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 42 Legislazione locale – Emilia Romagna Bologna RE previgente- Autodichiarazione Requ. Igienici

43 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 43 Legislazione locale – Emilia Romagna Bologna RE previgente- Autodichiarazione Requ. Igienici

44 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 44 Legislazione locale – Emilia Romagna Bologna RE previgente- Autodichiarazione Requ. Igienici

45 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 45 Legislazione locale – Emilia Romagna RUE Comune di Bomporto adottato Luglio 2010

46 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 46 Legislazione locale – Emilia Romagna RC 5.1.1 RUE Comune di Bomporto RC 5.1.1 RUE Comune di Bomporto adottato Luglio 2010

47 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 47 Legislazione locale – Emilia Romagna RC 5.1.1 RUE Comune di Bomporto RC 5.1.1 RUE Comune di Bomporto adottato Luglio 2010

48 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 48 Legislazione locale – Emilia Romagna RC 5.1.1 RUE Comune di Bomporto RC 5.1.1 RUE Comune di Bomporto adottato Luglio 2010

49 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 49 Legislazione locale – Emilia Romagna RC 5.1.1 RUE Comune di Bomporto RC 5.1.1 RUE Comune di Bomporto adottato Luglio 2010

50 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 50 Legislazione locale – Emilia Romagna RC 5.1.1 RUE Comune di BomportoRC 5.1.1 RUE Comune di Bomporto – Verifica

51 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 51 Legislazione locale – Emilia Romagna RC 5.1.1 RUE Comune di BomportoRC 5.1.1 RUE Comune di Bomporto – Verifica

52 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 52 Legislazione locale – Emilia Romagna RC 5.1.1 RUE Comune di BomportoRC 5.1.1 RUE Comune di Bomporto – Verifica

53 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 53 Legislazione locale – Emilia Romagna RC 5.1.2 RUE Comune di Bomporto RC 5.1.2 RUE Comune di Bomporto adottato Luglio 2010

54 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 54 Legislazione locale – Emilia Romagna RC 5.1.2 RUE Comune di Bomporto RC 5.1.2 RUE Comune di Bomporto adottato Luglio 2010

55 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 55 Legislazione locale – Emilia Romagna RC 5.1.2 RUE Comune di Bomporto RC 5.1.2 RUE Comune di Bomporto adottato Luglio 2010

56 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 56 Legislazione locale – Emilia Romagna RC 5.2 RUE Comune di Bomporto RC 5.2 RUE Comune di Bomporto adottato Luglio 2010

57 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 57 LEGGE COMUNITARIA 2008 e 2009

58 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 58 LEGGE COMUNITARIA 2008 e 2009

59 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 59 LEGGE COMUNITARIA 2008 e 2009

60 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 60 LEGGE COMUNITARIA 2008 e 2009 art. 20 della L.R. 31/02 Disciplina generale delledilizia la scheda tecnica descrittiva del fabbricato (che deve essere redatta ai fini della domanda di agibilità/conformità) deve inoltre essere completa con le dichiarazioni concernenti la rispondenza dell'edificio ai requisiti obbligatori…… contiene la dichiarazione che sono stati regolarmente effettuati i controlli in corso d'opera e finali e che l'opera realizzata e' conforme al progetto approvato o presentato ed alle eventuali varianti allo stesso. …….. ed e' predisposta ed aggiornata, anche per gli effetti dell'art. 481 del Codice penale, da un professionista abilitato.

61 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 61 LEGGE COMUNITARIA 2008 e 2009

62 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 62 Nuovo DM UNI 11637 – Classificazione Acustica

63 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 UNI 11637 – 10 Appendici

64 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 L ic : livello continuo equivalente di pressione sonora ponderato A corretto per il rumore residuo e il tempo di riverberazione dellambiente ricevente L ic : livello continuo equivalente di pressione sonora ponderato A corretto per il rumore residuo e il tempo di riverberazione dellambiente ricevente L id : livello massimo di pressione sonora ponderato A, rilevato con caratteristica dinamica Slow, corretto per il tempo di riverberazione dellambiente ricevente L id : livello massimo di pressione sonora ponderato A, rilevato con caratteristica dinamica Slow, corretto per il tempo di riverberazione dellambiente ricevente UNI 11637 – i Descrittori

65 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Esclusi dalla classificazione: Unità immobiliari destinate ad attività ricreative e di culto Unità immobiliari di edifici ad esclusivo uso commerciale (ristoranti, bar, negozi…) Esclusi dalla classificazione: Unità immobiliari destinate ad attività ricreative e di culto Unità immobiliari di edifici ad esclusivo uso commerciale (ristoranti, bar, negozi…) UNI 11637 – Esclusioni

66 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Qualora per un requisito si riscontrino prestazioni peggiori rispetto a quelle della classe IV, esso si considera NC. Qualora per un requisito si riscontrino prestazioni peggiori rispetto a quelle della classe IV, esso si considera NC. ClasseIndici di valutazione D 2m,nT,w RwRw L nw L ic L id I 43 56 53 25 30 II 40 53 58 28 33 III 37 50 63 32 37 IV 32 45 68 37 42 CategoriaD.P.C.M. 05/12/1997 D 2m,nT,w RwRw L nw L Aeq L ASmax A 40 50 63 35 UNI 11637 – Le classi

67 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Facciate Falde dei tetti nei sottotetti abitabili Sistemi oscuranti aperti UNI 11637 – Chiarimenti

68 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Pareti e solai divisori tra 2 unità immobiliari Pareti e solai che separano ambienti abitativi da autorimesse, garage ecc… Pareti e solai (senza accessi) che separano ambienti abitativi da parti comuni UNI 11637 – Chiarimenti

69 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 UNI 11367 – Hotel e pensioni

70 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 OSPEDALI, CLINICHE E CASE DI CURA SCUOLE (a tutti i livelli) UNI 11367 – Scuole e ospedali

71 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 UNI 11367 – Scuole e ospedali

72 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 UNI 11367 – Spazi di collegamento

73 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 UNI 11367 – CLASSIFICAZIONE Lincertezza di misura Lincertezza di campionamento (informativa) Oltre allincertezza di misura è possibile anche valutare lincertezza legata al numero di prove e al livello di fiducia prescelto (70-80%)

74 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 UNI 11367 –Individuazione delle classi

75 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 UNI 11367 – Appendice L Il rumore esterno

76 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 UNI 11367 – Appendice L I rumori interni

77 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 TOTALE 8 misure Norma prevede minimo 3 misure per elementi uguali o 10% del campione (sono ammessi scostamenti del 20%) Totale 24 misure UNI 11367 – quante misure??

78 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Appendice XX– In discussione Linee guida per la selezione delle unità immobiliari oggetto di classificazione La casistica ed il numero delle unità immobiliari da sottoporre a misurazione sono determinati dal tecnico esecutore delle misure in accordo con limpresa, sulla base delle indicazioni contenute nelle presenti linee guida. In generale, si deve selezionare un numero di unità immobiliari non inferiore a due e comunque non inferiore al 10% del totale di unità immobiliari contenute nel complesso edilizio. I criteri di selezione definiti nelle presenti linee guida costituiscono un metodo cautelativo, essendo orientate allindividuazione delle unità più critiche e/o più rappresentative dal punto di vista delle prestazioni acustiche. Al termine delle misurazioni, il tecnico rilevatore certifica la classificazione acustica delle sole unità immobiliari individuate sulla base della metodologia descritta dalla norma UNI 11367. Leventuale estensione della classificazione acustica determinata dal tecnico che esegue le misure alle altre unità immobiliari del complesso edilizio è responsabilità dellimpresa e/o della direzione lavori.

79 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Appendice XX– In discussione Linee guida per la selezione delle unità immobiliari oggetto di classificazione Criticità per lisolamento acustico di facciata maggior numero di ante (solitamente 3, 2, 1); tipologia di serramento, solitamente più critica la porta di ingresso e/o la portafinestra rispetto alla finestra; presenza di sistemi oscuranti a cassonetto (più critici rispetto ai sistemi a persiane o a scuretti interni); presenza di superfici riflettenti sopra o lateralmente al serramento, con il seguente ordine di criticità: facciate con balconi e parapetto aperto, facciate con logge, facciate piane, facciate con balconi e parapetto pieno; superficie finestrata più grande; presenza di serramenti con ridotto numero di guarnizioni; presenza di serramenti con stratigrafia più debole.

80 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Appendice XX– In discussione Linee guida per la selezione delle unità immobiliari oggetto di classificazione Criticità per lisolamento acustico di partizioni interne verticali Per lisolamento acustico ai rumori aerei interni di partizioni verticali (potere fonoisolante apparente) viene stabilito il seguente ordine di criticità: pareti attraversate da solaio in continuo senza la presenza della trave rompi tratta, privilegiando inoltre le situazioni in cui lorditura delle pignatte del solaio è perpendicolare alla parete; pareti divisorie tra due ambienti abitabili di due U.I., confinanti lateralmente con ambienti accessori di uso collettivo, quali vani scala e/o vani ascensore; presenza di ambienti messi in comunicazione da impianti tecnologici quali cappe di aspirazione adiacenti, scatole di impianti elettrici contrapposte e collegate, canalizzazioni, condotti, ecc.; pareti poste in ambienti sottotetto abitabili (il giunto parete-copertura è un punto debole); pareti parzialmente o completamente attraversate da elementi di impianto; presenza di pareti laterali leggere o giunti critici; pareti divisorie con angoli o variazioni di spessore.

81 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Appendice XX– In discussione Linee guida per la selezione delle unità immobiliari oggetto di classificazione Criticità per il livello di rumore da calpestio Per lisolamento acustico ai rumori impattivi (livello di rumore da calpestio) viene stabilito il seguente ordine di criticità: presenza di rivestimenti di pavimentazione in materiale rigido (materiale ceramico, pietra ecc.); presenza di battiscopa in materiale rigido (più critico rispetto al legno); presenza di portafinestra nellambiente sorgente; presenza di porta di ingresso nellambiente sorgente; ambiente sorgente irregolare (presenza di nicchie, angoli ecc.); presenza di cavedi passanti; adiacenza con vani scale e vani ascensore; ambienti sorgente e ricevente perfettamente sovrapposti; adiacenza tra camere da letto e ambienti più rumorosi (negozi, soggiorni, cucine ecc).

82 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Nuovo Decreto Il DPR in discussione che sostituirà il DPCM 5/12/1997 riprende i principali contenuti della Norma Tecnica prescrivendo lobbligatorietà della classificazione acustica per gli edifici di nuova costruzione, per la modifica degli elementi tecnici in caso di interventi di ristrutturazione, e per gli edifici esistenti nel caso di contenzioso o compravendita (Art. 2 Finalità ed obblighi). Viene richiesta la valutazione preventiva da presentare ai Comuni alla richiesta dellatto autorizzativo con lobbligo evidentemente di eseguire i collaudi al termine dei lavori. La classe di riferimento per gli edifici di nuova costruzione è la II e, ai fini dellagibilità, i singoli requisiti relativi alla rumorosità interna, devono rispettare i valori indicati in tabella 2 (art. 6 Valori di riferimento dei requisiti acustici) corrispondenti alla classe indicata. E ammessa una tolleranza di 3 dB e di 3 dB(A) per gli impianti, mantenendo comunque il rispetto della classe di riferimento.

83 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Nuovo Decreto Per lisolamento di facciata la prestazione richiesta è funzionale alla classificazione acustica dellambito in cui ledificio è inserito e delle eventuali fasce infrastrutturali dei trasporti aventi valori limite corrispondenti ai limiti di zonizzazione. I valori richiesti sono riportati nella tabella seguente.

84 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Nuovo Decreto Allart. 9 relativo alle Norme Transitorie, tenuto conto che il suddetto decreto avrebbe dovuto essere approvato entro il luglio di questanno, si prescriveva: un tempo di 180 giorni per consentire ladeguamento delle norme regionali e comunali; lintroduzione in via volontaria della classificazione acustica sino al 31/12/2011; una tolleranza di 3 dB per lisolamento di facciata sino al 31/12/2012; il raggiungimento della III Classe acustica, anziché della seconda, sino al 31/12/2013.

85 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Qualora per un requisito si riscontrino prestazioni peggiori rispetto a quelle della classe IV, esso si considera NC. Qualora per un requisito si riscontrino prestazioni peggiori rispetto a quelle della classe IV, esso si considera NC. ClasseIndici di valutazione D 2m,nT,w RwRw L nw L ic L id I 43 56 53 25 30 II 40 53 58 28 33 III 37 50 63 32 37 IV 32 45 68 37 42 CategoriaD.P.C.M. 05/12/1997 D 2m,nT,w RwRw L nw L Aeq L ASmax A 40 50 63 35 UNI 11637 – Le classi

86 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Requisiti acustici – Confronto Europa

87 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Requisiti acustici – Confronto Europa

88 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Requisiti acustici – Confronto Europa PaeseGrandezzaSorgente Valore limite Note Case in linea DanimarcaL A,eq,24h strade 30 dB Livello all'interno ferrovie 30 dB SveziaL A,eq,24h strade 30 dB Livello all'interno (solo raccomandato) FranciaD nAT strade - ferr. 30 - 45 dB(A) Dipende dalla categoria di strada o ferrovia. aerei 35 dB(A) GermaniaR' res 55 dB 30 Il limite è riferito al livello sonoro sul fronte della facciata. (*) Dipende da condizioni locali 56 - 6030 61 - 6535 66 - 7040 71 - 7545 76 - 8050 > 80(*) AustriaR' res giornonotte Il limite è riferito al livello sonoro sul fronte della facciata. 55 45 33 56 - 6546 - 5538 66 - 7056 - 6043 71 - 7561 - 6548 76 - 8066 - 7053 81 - 8571 - 7558 > 85> 7563 ItaliaD 2m,nT 40

89 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Requisiti acustici – Confronto Europa

90 "L'isolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione" Bologna 15 Marzo 2011 Link Utili http://www.anit.it/acustica.asp http://www.taed.unifi.it/fisica_tecnica/Secchi/secchi.h tm http://www.regione.emilia- romagna.it/wcm/ERMES/Canali/territorio/edilizia/regola menti_edilizi.htm http://www.rumoreincasa.it/ www.acustica.it

91 FINE ma ci rivedremo presto!! www.airis.it g.tomassetti@airis.it


Scaricare ppt "ISOLGOMMA Lisolamento acustico in edilizia e la sua corretta progettazione Bologna 15 Marzo 2011 Gildo Tomassetti Juri Albertazzi Normativa vigente e nuova."

Presentazioni simili


Annunci Google