La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

presentazione di Stefano Kluzer e Alessandra Lazzari

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "presentazione di Stefano Kluzer e Alessandra Lazzari"— Transcript della presentazione:

1 presentazione di Stefano Kluzer e Alessandra Lazzari
Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi Parole in gioco-2: consolidamento ed estensione del sistema regionale di sostegno alla conoscenza della lingua italiana ed educazione civica 2011/FEI/PROG Prima indagine sulle TIC nell' insegnamento dell’italiano agli adulti immigrati in Emilia Romagna presentazione di Stefano Kluzer e Alessandra Lazzari Ervet 18 ottobre 2013, Bologna

2 Indice presentazione Di cosa stiamo parlando
Obiettivi e metodo della ricerca Risultati dei questionari Rilevazione sui CTP Rilevazione sul Terzo Settore Esperienze e risorse TIC per L2 in Emilia Romagna Spunti di riflessione per nuove possibili linee di intervento

3 Di cosa stiamo parlando /1
Una sfida per utenti e docenti utenza molto eterogenea: scolarità (analfabeti -> universitari); lingua madre; motivazioni, obiettivi e bisogni rispetto ad apprendimento L2 ostacoli spesso significativi di tempo e/o mobilità per frequentare corsi preparazione insegnanti insufficiente e condizioni di lavoro sfavorevoli (compensi e precarietà contratti, tempi ridotti per aggiornamento e preparazione didattica ecc.) Scarsa motivazione allievi e alti tassi abbandono

4 Di cosa stiamo parlando /2
Soluzioni tecnologiche numerose e varie Corsi su CD-ROM, DVD o su web Piattaforme web o di eLearning (spesso Moodle) con corsi, dizionari, traduttori e altre risorse Corsi, risorse e applicazioni software per dispositivi mobili Ambienti virtuali e giochi per apprendimento (serious games) Video/serie televisive con corsi L2 su TV, Internet, CD-ROM e DVD Materiali creati dagli utenti (es. wiki e blog) per apprendimento L2 e digital storytelling Social network / piattaforme di scambio centrate sulla lingua (Live Mocha, Busuu, Babel ecc.) … e tutto l’informale … Facebook, chat, videogame ecc.

5 Di cosa stiamo parlando /3
Benefici osservati ... quando TIC inserite in un approccio educativo adatto Per chi apprende studio + coinvolgente (materiali autentici, multimediali, internet) percorsi + personalizzati (ritmo, difficoltà ecc.) accesso agevolato 24/7, a distanza ecc. -> maggiore soddisfazione -> minori abbandoni & migliori risultati (NL: 70/80% passano test vs. 50% con metodo tradizionale) Favorisce integrazione locale -> capacità digitali + L2 produce forte empowerment x figure deboli + conoscenza e accesso ai servizi online Per gli insegnanti Materiali e strumenti più ricchi e adatti per utenza molto eterogenea Possibilità di monitorare progresso/difficoltà individuali e di gruppo Per le strutture formative Risparmio su personale e amministrazione (NL: -20/40% tempo docenza) Strumenti di gestione e monitoraggio migliori per esigenze di rendicontazione e valutazione interne ed esterne

6 Obiettivi e metodo della ricerca
ricognizione presenza/utilizzo attuale TIC + interesse futuro CTP e Terzo Settore (associazioni, cooperative ecc.) identificazione casi significativi (intensivi, nuovi ….) d’uso Ambito partner ‘Parole in gioco 2’ e attuatori + segnalati solo Emilia-Romagna + altre regioni (su segnalazione) contesto europeo -> ricerca IPTS Metodo Breve questionario via mail Telefonate di approfondimento Iterazioni e presentazioni al workshop

7 Risultati del questionario /1
Uso e interesse su TIC CTP Terzo Settore Organizzazioni contattate 39 77 Rispondenti v.a. 34 19 Rispondenti % 87% 25% Questionari 42 20 Organizzazioni che utilizzano TIC 97% 95% Conoscono altre iniziative 33% 28% Interesse al tema 55% 50% Importanza investire su sperimentazione e uso TIC 4,2 (74% 4 o 5) (60% 4 o 5) La distribuzione territoriale del terzo settore che abbiamo contattato è fortemente sbilanciata su Bologna (30%) e Romagna (34%). Non conosciamo l’universo, ma sappiamo che le politiche di finanziamento a livello provinciale e forse anche la distribuzione degli immigrati si riflettono nel numero e caratteristiche degli attori Terzo Settore Bassa risposta 3SET = minore diffusione TIC / minore interesse ? Probabile polarizzazione del settore: quelli che hanno risposto sono simili (conoscono altri, interesse ecc.) ai CTP. Altri sono tagliati fuori.

8 Risultati del questionario /2
Strumenti utilizzati CTP Terzo Settore Computer 82% 89% Lettori CD 50% Audiovisivi 74% 67% Servizi / siti internet 71% 61% LIM 42% 28% Telefonini 13% 17% Tablet o I-pad 11% Altro (notebook, podcast) 12% Previsto uso interattivo da parte dello studente 75% Eccetto x PC (primo posto) e marginalmente x dispositivi mobili, CTP hanno migliore dotazione TIC di Terzo Settore.

9 Risultati del questionario /3
Provenienza materiale didattico CTP Terzo Settore Predisposto in proprio 90% 82% Trovato/scaricato da Internet 74% Acquisto da casa editrice 65% Fornito da rete/coord. provinciale x

10 Esperienze e risorse in ER
CTP Utilizzo TIC diffuso, ma superficiale Pochi casi uso intensivo o innovativo -> presentazioni Solo a Bologna e Modena azioni di rete provinciale (formazione insegnanti) Terzo Settore Nei corsi, pochi casi uso intensivo o innovativo -> presentazione Terzo Settore –col sostegno/collaborazione di enti e finanziamenti pubblici (FSE, Regione ER, Prov. BO…) ha avuto ruolo nella produzione di materiali e strumenti didattici: CD LEI (CD-Rom ABC…, LIBO’ in radio) Monteveglio (Scatola delle parole) Rete SIM (video-corsi) Coop. Anastasis (strumenti di SAIL2 coordinamento F. Minuz) ASPHI progetto ISI L2

11 Ostacoli all’uso efficace di TIC x L2
Scarsa consapevolezza e informazione tra gli stakeholders Poche esperienze, poco conosciute Scarsa conoscenza (ma anche evidenza) su: benefici; come integrare TIC nell’insegnamento; problemi e come affrontarli Mancano riferimenti su: strumenti TIC x obiettivi didattici x tipo di studenti Insegnanti poco preparati su TIC e poco supportati Competenza digitale cruciale per usare bene TIC nell’insegnamento Manca supporto tecnico x uso TIC in aula e assistenza pedagogica Barriere di accesso e competenza digitale tra immigrati (spec. quelli con bassa istruzione, neo-arrivati e donne) Capacità d’uso di PC e Internet limitati Accesso problematico: da casa, x costo ed elevata mobilità residenziale Phone/Internet centers (e postazioni pubbliche) inadatti studio L2 accesso Internet da cellulari e tablet + promettente Problematiche tecnico-pedagogiche Chi è poco istruito fatica a capire/gestire feedback automatici (problema di abilità ad imparare, piuttosto che abilità digitali) Applicazioni TIC inadeguate per interazione parlata Uso TIC per risparmiare tempo-denaro a discapito di qualità

12 Spunti per nuove piste di lavoro
Rafforzare le capacità digitali e le competenze metodologiche dei docenti Coinvolgere gli utenti nel testare i prodotti Strutturare servizi di formazione a distanza, ma con assistenza locale Esplorare le opportunità dei nuovi dispositivi mobili Creare sistemi di supporto, collaborazione e coordinamento delle esperienze di innovazione …. anche con altre regioni (e paesi) L’attenzione alla qualità (regolamentazione offerta formativa) come opportunità di miglioramento nell’uso delle TIC

13 Grazie per l’attenzione !


Scaricare ppt "presentazione di Stefano Kluzer e Alessandra Lazzari"

Presentazioni simili


Annunci Google