La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A cura di Giada Freisa – V a. ANDREA SPERELLI E' il protagonista principale della storia, attorno al quale ruota tutta la vicenda. Lui fa innamorare di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A cura di Giada Freisa – V a. ANDREA SPERELLI E' il protagonista principale della storia, attorno al quale ruota tutta la vicenda. Lui fa innamorare di."— Transcript della presentazione:

1 A cura di Giada Freisa – V a

2 ANDREA SPERELLI E' il protagonista principale della storia, attorno al quale ruota tutta la vicenda. Lui fa innamorare di se ogni donna che conosce. Ed è camaleontico, chimerico, incoerente e inconsistente per ogni cosa che fa. ELENA MUTI E' una giovane vedova, molto bella e nota nell'alta società romana. Ricambia l'amore per Andrea, e per tutta la durata della loro breve storia è molto coinvolta. Poi decide di partire, lasciando Andrea. Quando ritorna a Roma, si è già risposata con un ricco inglese, che non ama. MARIA FERRES Mamma di Delfina ed è sposata anchessa e Andrea riesce ad innamorarsi lo stesso, anche se sposata. Si innamorerà anche lei di Andrea. Intenzioni comunicative: Andrea vive una vita alla ricerca dellamore, ma allo stesso tempo non riesce ad accontentarsi di chi ha già al suo fianco. PER APPROFONDIRE LINTENZIONE COMUNICATIVA: dannunzio.html dannunzio.html PERSONAGGI PRINCIPALI DEL PIACERE

3 Il 31 dicembre Andrea Sperelli, sta aspettando l'ex amante Elena Muti nella sua casa romana a Palazzo Zuccari. Durante l'attesa ripensa al loro addio, avvenuto quasi due anni prima. Quando Elena arriva, ricordano ciò che era successo quando si erano lasciati. Il loro primo incontro, era avvenuto a una cena a casa della marchesa di Ateleta, cugina di Andrea. Il giorno seguente, i due sincontrano una seconda volta a un'asta di oggetti antichi in via Sistina; venuto a sapere che Elena è malata, chiede di andare a trovarla. Elena è andata via e Andrea conosce altre sette nobildonne; tra cui Ippolita. Lamente di Ippolita Giannetto Rutolo singelosisce e sfida a duello Andrea, il quale viene ferito. Ospitato dalla cugina Francesca di Ateleta nella villa di Schifanoja, sul mare, Andrea inizia la convalescenza. Il 15 settembre 1886 arriva Maria Ferres con il marito e la figlia Delfina. Ad Andrea piace la donna; la loro amicizia diventa sempre più intensa, finché il giovane dichiara il suo amore a Maria. Maria tiene un diario di quei giorni, dove sono annotati i suoi sentimenti, le sue riflessioni, i turbamenti d'amore per Andrea, da cui non vuole lasciarsi vincere. Tornato il marito, avviene la separazione tra i due innamorati. Rientrato a Roma, tenta così di incontrare Elena a Palazzo Barberini, ma la presenza del marito lo fa fuggire. Una volta partita Maria, Elena invita Andrea ad accompagnarla in carrozza, Elena lo bacia. Sperelli dunque riflette su se stesso e si giudica «camaleontico, chimerico, incoerente, inconsistente». Ma è deciso a dare caccia a Maria, che lo ama. Durante una delle passeggiate per Roma, Andrea e Maria si baciano. Sperelli viene a sapere dagli amici della rovina del marito di Maria, sorpreso a barare al gioco. Andrea riesce a nascondere con maggior difficoltà il suo "doppio gioco". Dopo aver visto Elena uscire di casa per andare dal nuovo amante, Andrea torna nel rifugio di Palazzo Zuccari, dove, durante l'ultima notte d'amore con Maria, pronuncia inconsciamente il nome di Elena così che Maria lo lascia. Andrea rimane molto amareggiato da questo fatto e si ritrova alla fine in casa dei Ferres, mentre cerano i facchini che portavano via i mobili.

4 Le stanze andavansi empiendo a poco a poco del profumo ch'esalavan ne' vasi i fiori freschi. Le rose folte e larghe stavano immerse in certe coppe di cristallo che si levavan sottili da una specie di stelo dorato slargandosi in guisa d'un giglio adamantino, a similitudine di quelle che sorgon dietro la Vergine nel tondo di Sandro Botticelli alla Galleria Borghese. Nessuna altra forma di coppa eguaglia in eleganza tal forma: i fiori entro quella prigione diafana paion quasi spiritualizzarsi e meglio dare imagine di una religiosa o amorosa offerta. Andrea Sperelli aspettava nelle sue stanze un'amante. Tutte le cose a torno rivelavano infatti una special cura d'amore. Il legno di ginepro ardeva nel caminetto e la piccola tavola del tè era pronta, con tazze e sottocoppe in maiolica di Castel Durante ornate d'istoriette mitologiche da Luzio Dolci, antiche forme d'inimitabile grazia, ove sotto le figure erano scritti in carattere corsivo a zàffara nera esametri d'Ovidio. La luce entrava temperata dalle tende di broccatello rosso a melagrane d'argento riccio, a foglie e a motti. Come il sole pomeridiano feriva i vetri, la trama fiorita delle tendine di pizzo si disegnava sul tappeto.

5 l padre gli aveva dato, tra le altre, questa massima fondamentale: « Bisogna fare la propria vita, come si fa un'opera d'arte. Bisogna che la vita d'un uomo d'intelletto sia opera di lui. La superiorità vera è tutta qui. » Anche, il padre ammoniva: « Bisogna conservare ad ogni costo intiera la libertà, fin nell'ebrezza. La regola dell'uomo d'intelletto, eccola: - Habere, non haberi. » Anche, diceva: « Il rimpianto è il vano pascolo d'uno spirito disoccupato. Bisogna sopra tutto evitare il rimpianto occupando sempre lo spirito con nuove sensazioni e con nuove imaginazioni. »

6 La magia del verso gli soggiogò di nuovo lo spirito; e l'emistichio sentenziale d'un poeta contemporaneo gli sorrideva singolarmente. - « Il Verso è tutto. » Il verso è tutto. Nella imitazion della Natura nessun istrumento d'arte è più vivo, agile, acuto, vario, multiforme, plastico, obediente, sensibile, fedele. Più compatto del marmo, più malleabile della cera, più sottile d'un fluido, più vibrante d'una corda, più luminoso d'una gemma, più fragrante d'un fiore, più tagliente d'una spada, più flessibile d'un virgulto, più carezzevole d'un murmure, più terribile d'un tuono, il verso è tutto e può tutto. Può rendere i minimi moti del sentimento e i minimi moti della sensazione; può definire l'indefinibile e dire l'ineffabile; può abbracciare l'illimitato e penetrare l'abisso; può avere dimensioni d'eternità; può rappresentare il sopraumano, il soprannaturale, l'oltramirabile; può inebriare come un vino, rapire come un'estasi; può nel tempo medesimo posseder il nostro intelletto, il nostro spirito, il nostro corpo; può, infine, raggiungere l'Assoluto. Un verso perfetto e assoluto, immutabile, immortale; tiene in sé le parole con la coerenza d'un diamante; chiude il pensiero come in un cerchio preciso che nessuna forza mai riuscirà a rompere; diviene indipendente da ogni legame da ogni dominio; non appartiene più all'artefice, ma è di tutti e di nessuno, come lo spazio, come la luce, come le cose immanenti e perpetue. Un pensiero esattamente espresso in un verso perfetto è un pensiero che già esisteva preformato nella oscura profondità della lingua. Estratto dal poeta, séguita ad esistere nella conscienza degli uomini. Maggior poeta è dunque colui che sa discoprire, disviluppare, estrarre un maggior numero di codeste preformazioni ideali. Quando il poeta è prossimo alla scoperta d'uno di tali versi eterni, è avvertito da un divino torrente di gioia che gli invade d'improvviso tutto l'essere.

7 La mattina del 20 giugno, lunedì, alle dieci, incominciò la publica vendita delle tappezzerie e dei mobili appartenuti a S. E. il Ministro plenipotenziario del Guatemala. Era una mattina ardente. Già l'estate fiammeggiava su Roma. [..] Quando vide uscir dalla porta su la strada un facchino con un mobile su le spalle, si risolse. Entrò, salì le scale rapidamente; udì, dal pianerottolo, la voce del perito. - Si delibera! Il banco dell'incanto era nella stanza più ampia, nella stanza del Buddha. Intorno, s'affollavano i compratori. Erano, per la maggior parte, negozianti, rivenditori di mobili usati, rigattieri: gente bassa. Poichè d'estate mancavano gli amatori, i rigattieri accorrevano, sicuri d'ottenere oggetti preziosi a prezzo vile. Un cattivo odore si spandeva nell'aria calda, emanato da quegli uomini impuri. - Si delibera! Andrea soffocava. Girò per le altre stanze, ove restavano soltanto le tappezzerie su le pareti e le tende e le portiere, essendo quasi tutte le suppellettili radunate nel luogo dell'asta. Sebbene premesse un denso tappeto, egli udiva risonare il suo passo, distintamente, come se le volte fossero piene di echi. [..] Egli ritornò nella sala del perito. Sentì di nuovo il lezzo. [..] La vendita procedeva rapidamente. Egli guardava intorno a sé le facce dei rigattieri, si sentiva toccare da quei gomiti, da quei piedi; si sentiva sfiorare da quegli aliti. La nausea gli chiuse la gola. - Uno! Due! Tre! Il colpo di martello gli sonava sul cuore, gli dava un urto doloroso alle tempie. Egli comprò il Buddha, un grande armario, qualche maiolica, qualche stoffa. [..] Egli si aprì un varco tra i corpi agglomerati, vincendo il ribrezzo, facendo uno sforzo enorme per non venir meno. Aveva la sensazione, in bocca, come d'un sapore indicibilmente amaro e nauseoso che gli montasse su dal dissolvimento del suo cuore. Gli pareva d'escire, dai contatti di tutti quegli sconosciuti, come infetto di mali oscuri e immedicabili. La tortura fisica e l'angoscia morale si mescolavano. Quando egli fu nella strada, alla luce cruda, ebbe un po' di vertigine. Con un passo malsicuro, si mise in cerca d'una carrozza. La trovò su la piazza del Quirinale; si fece condurre al palazzo Zuccari.


Scaricare ppt "A cura di Giada Freisa – V a. ANDREA SPERELLI E' il protagonista principale della storia, attorno al quale ruota tutta la vicenda. Lui fa innamorare di."

Presentazioni simili


Annunci Google