La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Director of UCL Library Services and UCL Copyright Officer; President of LIBER (Association of European Research Libraries) Lun 10.09.2012, al Ex Libris.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Director of UCL Library Services and UCL Copyright Officer; President of LIBER (Association of European Research Libraries) Lun 10.09.2012, al Ex Libris."— Transcript della presentazione:

1 1 Director of UCL Library Services and UCL Copyright Officer; President of LIBER (Association of European Research Libraries) Lun , al Ex Libris European Directors Meeting Open Data: Opportunities for Libraries Mar , opening keynote address della conferenza Knowledge and Wisdom: the role of research libraries in supporting the European research agenda Open e linked data, il ruolo delle biblioteche per la ricerca dagli interventi di Dr. Paul Ayris Paola Mancini – Scuola Normale Superiore 16 nov 2012

2 2 Open Data Concetto non nuovo Una definizione formalizzata relativamente nuova si ritrova nel progetto Open Definition di Open Knowledge Foundation: A piece of data is open if anyone is free to use, reuse, and redistribute it subject only, at most, to the requirement to attribute and/or share-alike - Vedi

3 3 Pro e contro degli open data: I dati appartengono a tutto il genere umano: si pensi ai dati per le scienze mediche, dati ambientali, chimica, … Se è stato usato denaro pubblico per raggiungere certi risultati, allora tali dati devono essere universalmente accessibili I fatti non possono essere legalmente coperti da copyright Le restrizioni sul riuso di tali dati porterebbero ad un anti-commons, cioè alla negazione di un bene comune senza alcun vantaggio per nessuno Reticenza nella diffusione dei dati per il loro valore commerciale Non diffusione dei dati per mancanza di consapevolezza della loro importanza ……. ……..

4 4 Linked data Sono un aspetto del web semantico (trasformazione del www in un ambiente dove i documenti pubblicati sono associati a metadati che ne specificano il contesto semantico in un formato adatto allelaborazione automatica) Usati per descrivere un metodo di esporre dati strutturati in modo da poterli connettere tra loro e renderli maggiormente utili Utilizzano le tecnologie standard web (HTTP, URI, RDF/XML) Vedi Vedi

5 5 Agenda Digitale per l'Europa: Iniziativa biblioteche digitali Le ricchezze culturali e scientifiche dEuropa a portata di clic Scopo: rendere accessibili a tutti e preservare per le generazioni future linsieme delle risorse culturali e scientifiche europee: libri, periodici, film, mappe, fotografie, musica, ecc. Settori principali: patrimonio culturale – creazione di versioni elettroniche dei materiali presenti nelle biblioteche, negli archivi e nei musei dEuropa, al fine di renderli accessibili on-line per motivi di lavoro, studio o intrattenimento, nonché di conservarli per le generazioni future; informazione scientifica – caricamento on-line dei risultati della ricerca scientifica, in modo che siano ampiamente accessibili nel corso del tempo Vedi -

6 6 Agenda Digitale per l'Europa: Iniziativa biblioteche digitali sviluppare Europeana – un punto unico daccesso per la consultazione di copie digitali dei materiali depositati in biblioteche, musei e archivi delle più di 2200 istituzioni dei 33 paesi partecipanti Attualmente rende accessibili più di 23 milioni di oggetti digitali è il primo progetto che comprende la possibilità di ricercare il full- text di libri e altro materiale Europeana Newspaper è stato avviato nel feb 2012, con 17 istituzioni europee che alimenteranno il servizio Europeana con 18 milioni di pagine di giornali Europeana Cloud: cloud-based system, avrà nuovi contenuti, nuovi metadati, nuovi tool e una piattaforma ad hoc per la ricerca - Europeana Reasearch

7 7 Creating catalogues:bibliographic records in a networked world Analizzando il modo di produrre e distribuire i dati bibliografici per monografie e periodici, si rilevano duplicazione di sforzi, intervalli nei dati disponibili, opportunità mancate. Si avrebbero dei benefici considerevoli se le biblioteche e tutti gli attori della catena operassero non isolatamente, ma interconnessi, come in un network.

8 8 RLUK recommendations La soluzione migliore sembra essere unimplementazione cloud- based sia per la gestione locale che centrale dei sistemi: per le funzioni di gestione della biblioteca locale per la catalogazione dei metadati centralizzati e condivisi, tipo community zone con i tool di Ex Libris Ogni sistema deve avere il concetto di Master record La de-duplicazione è una parte molto importante del workflow Ogni sistema dovrebbe avere un numero rilevante di API per la creazione di web applications Ogni sistema dovrebbe coprire il maggior numero possibile di e- books ……….

9 9 Il futuro dei servizi condivisi di discovery è nel cloud Infrastrutture, software, servizi e input del personale di biblioteca sarà verso il cloud, lontano dallistituzione locale Lattuale panorama bibliografico è appesantito da duplicazioni del lavoro e da inefficienze Lharvesting e il linking rimpiazzeranno lupload e il download Lidea di copia sarà sostituita da quella di vista, magari aggiornata ed arricchita Passare al cloud significa anche utilizzare una modalità universale di descrizione quale XML, spianando la strada ai linked data Sarà necessario ridefinire il flusso di lavoro nelle biblioteche, dal momento che la gestione locale si riduce

10 10 Open Access Open Access significa disponibilità immediata, libera e in linea dei risultati di ricerca, senza le restrizioni duso imposte comunemente dai contratti editoriali riguarda la produzione scientifica dei ricercatori: articoli sottoposti a peer-review, atti di convegno e dati grezzi di varie tipologie consente di massimizzare visibilità, disponibilità e uso della ricerca due le strategie principali per garantire pubblicazioni OA: Green route: lautore si fa carico di archiviare il proprio articolo o monografia in un archivio istituzionale o disciplinare, o nel proprio sito; chi vuole quellarticolo o monografia lacquista dalleditore Gold route: la pubblicazione nasce OA, cioè direttamente accessibile; leditore è pagato al momento della pubblicazione dallautore/finanziatore della ricerca; la biblioteca non paga niente e così nessun lettore Il peer-review può rimanere invariato o essere più articolato.

11 11 Open Access PEER Project Progetto Green Open Access nato per studiare gli effetti sullaccesso dei lettori, la visibilità degli autori e la distribuzione delle riviste del deposito sistematico e su larga scala di articoli e monografie peer-reviewed Lauto-archiviazione non ha permesso di ottenere una massa critica di contenuti green OA La pubblicazione OA ha avuto un rapido consenso Ha aumentato leggermente il download dalleditore (+ veloce) Ha offerto metadati di alta qualità rispetto a quelli delleditore, permettendo lindicizzazione dei contenuti e aumentando così la visibilità dei contenuti accademici

12 12 Open Access FINCH Report Esplicita una serie di azioni perché il maggior numero di persone possano usare le pubblicazioni della ricerca Per UK raccomanda il Gold Open Access come futuro e il Green OA per la letteratura grigia e le tesi Altre raccomandazioni per il sistema delle licenze per luniversità, scienze della salute e altri settori Raccomandazioni sullinfrastruttura dei repositories Sulle relazioni con gli editori per laccesso alle riviste nelle biblioteche pubbliche

13 13 Conclusioni Per i fornitori: 1.Servizi e software offerti devono avere al centro la Open Agenda 2.Il futuro è colloborativo e a livello Europeo 3.Una singola biblioteca non riesce a soddisfare ogni bisogno dei suoi utenti, e i fornitori devono capire che linfrastruttura della ricerca europea è quella delle biblioteche di ricerca europee 4.I ricercatori europei vogliono un unico punto di discovery di risorse. Primo e Primo Central sono la risposta? 5.La EC ha scelto Open Access e Open Data: dobbiamo avere software e servizi su questAgenda 6.Per i dati della ricerca, dobbiamo avere piattaforme e servizi che supportino le università

14 14 Conclusioni Per le biblioteche: 1.Lagenda è cambiata e le biblioteche devono cambiare 2.Le biblioteche europee devono capire come partecipare alle infrastrutture di ricerca europea 3.Lagenda Open è lagenda per le biblioteche europee di ricerca nei prossimi 10 anni 4.Se le biblioteche di ricerca non si faranno carico delle necessità dei ricercatori, esse rimarranno ai margini nelle università 5.Le biblioteche non devono sottostimare i cambiamenti necessari 6.LIBER ha prodotto dieci raccomandazioni che le biblioteche dovrebbero adottare subito relativamente ai dati (emanate dal E- Science Working Group) started-with-research-data-management


Scaricare ppt "1 Director of UCL Library Services and UCL Copyright Officer; President of LIBER (Association of European Research Libraries) Lun 10.09.2012, al Ex Libris."

Presentazioni simili


Annunci Google