La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L E NOVITA ATTESE DALL EVOLUZIONE NORMATIVA ITALIANA IN TEMA DI MICROCREDITO L E NOVITA ATTESE DALL EVOLUZIONE NORMATIVA ITALIANA IN TEMA DI MICROCREDITO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L E NOVITA ATTESE DALL EVOLUZIONE NORMATIVA ITALIANA IN TEMA DI MICROCREDITO L E NOVITA ATTESE DALL EVOLUZIONE NORMATIVA ITALIANA IN TEMA DI MICROCREDITO."— Transcript della presentazione:

1 L E NOVITA ATTESE DALL EVOLUZIONE NORMATIVA ITALIANA IN TEMA DI MICROCREDITO L E NOVITA ATTESE DALL EVOLUZIONE NORMATIVA ITALIANA IN TEMA DI MICROCREDITO Milano, 1 febbraio 2011

2 Art. 106 Art L'esercizio nei confronti del pubblico dell'attività di concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma è riservato agli intermediari finanziari autorizzati, iscritti in un apposito albo tenuto dalla Banca d'Italia. Prima della riforma: 106 e 107 nuovi 106 (Basilea standard, vigilanza equivalente) R IFORMA DEL T ITOLO V DEL TUB

3 Art. 111 ( in deroga allart. 106) I soggetti iscritti in un apposito elenco, tenuto da un organismo, possono concedere finanziamenti a persone fisiche o società di persone, per lavvio o lesercizio di attività di lavoro autonomo o di microimpresa (start – up), a condizione che i finanziamenti concessi abbiano determinate caratteristiche. U NO S PAZIO PER IL M ICROCREDITO

4 R EGIME D I V IGILANZA A LLEGGERITO Favorire lo sviluppo per i soggetti operanti nellambito del microcredito Favorire lo sviluppo per i soggetti operanti nellambito del microcredito presentano un indubbio rilievo sociale; presentano un indubbio rilievo sociale; sono in grado di raggiungere soggetti marginali; sono in grado di raggiungere soggetti marginali; hanno una debole rilevanza sistemica. hanno una debole rilevanza sistemica. Precisi limiti di operatività Precisi limiti di operatività Iscrizione in un elenco tenuto da un organismo di autoregolamentazione. Iscrizione in un elenco tenuto da un organismo di autoregolamentazione.

5 forma di società di capitali; forma di società di capitali; capitale versato di ammontare non inferiore a quello stabilito dalla Banca dItalia; capitale versato di ammontare non inferiore a quello stabilito dalla Banca dItalia; requisiti di onorabilità dei soci di controllo o rilevanti nonché di onorabilità e professionalità degli esponenti aziendali; requisiti di onorabilità dei soci di controllo o rilevanti nonché di onorabilità e professionalità degli esponenti aziendali; oggetto sociale limitato alle sole attività proprie del microcredito (e alle attività accessorie e strumentali); oggetto sociale limitato alle sole attività proprie del microcredito (e alle attività accessorie e strumentali); presentazione di un programma di attività. presentazione di un programma di attività. C ONDIZIONI PER L I SCRIZIONE NELL E LENCO

6 finalizzati allavvio o allo sviluppo di iniziative imprenditoriali o allinserimento nel mercato del lavoro; finalizzati allavvio o allo sviluppo di iniziative imprenditoriali o allinserimento nel mercato del lavoro; ammontare non superiore a euro e non assistiti da garanzie reali; ammontare non superiore a euro e non assistiti da garanzie reali; accompagnati dalla prestazione di servizi ausiliari di assistenza e monitoraggio dei soggetti finanziati. accompagnati dalla prestazione di servizi ausiliari di assistenza e monitoraggio dei soggetti finanziati. C ARATTERISTICHE DEI F INANZIAMENTI

7 I NTERVENTI A F AVORE DEI B ILANCI F AMILIARI Finanziamenti anche a persone fisiche in condizioni di particolare vulnerabilità economica o sociale (in via non prevalente) Finanziamenti anche a persone fisiche in condizioni di particolare vulnerabilità economica o sociale (in via non prevalente) per favorirne linclusione finanziaria; per favorirne linclusione finanziaria; non oltre euro; non oltre euro; non assistiti da garanzie reali; non assistiti da garanzie reali; accompagnati da servizi ausiliari di bilancio familiare; accompagnati da servizi ausiliari di bilancio familiare; a condizioni più vantaggiose di quelle di mercato. a condizioni più vantaggiose di quelle di mercato.

8 E NTI N O -P ROFIT Le associazioni senza scopo di lucro possano concedere prestiti ai propri associati, purché Le associazioni senza scopo di lucro possano concedere prestiti ai propri associati, purché finalizzati a consentire linclusione sociale e finanziaria del beneficiario; finalizzati a consentire linclusione sociale e finanziaria del beneficiario; non garantiti da ipoteca; non garantiti da ipoteca; a condizioni più favorevoli di quelle prevalenti sul mercato. a condizioni più favorevoli di quelle prevalenti sul mercato. Riconosciuto un rilievo autonomo delle attività di credito svolte dagli enti no-profit, rispetto alla sfera di azione propria degli operatori che agiscono a scopo di lucro. Riconosciuto un rilievo autonomo delle attività di credito svolte dagli enti no-profit, rispetto alla sfera di azione propria degli operatori che agiscono a scopo di lucro.

9 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "L E NOVITA ATTESE DALL EVOLUZIONE NORMATIVA ITALIANA IN TEMA DI MICROCREDITO L E NOVITA ATTESE DALL EVOLUZIONE NORMATIVA ITALIANA IN TEMA DI MICROCREDITO."

Presentazioni simili


Annunci Google