La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

V GIORNATA DI STUDIO - Gruppo di Lavoro Geopolimeri Materiali geopolimerici per i BENI CULTURALI 21 marzo 2011 Requisiti dei consolidanti superficiali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "V GIORNATA DI STUDIO - Gruppo di Lavoro Geopolimeri Materiali geopolimerici per i BENI CULTURALI 21 marzo 2011 Requisiti dei consolidanti superficiali."— Transcript della presentazione:

1 V GIORNATA DI STUDIO - Gruppo di Lavoro Geopolimeri Materiali geopolimerici per i BENI CULTURALI 21 marzo 2011 Requisiti dei consolidanti superficiali per la produzione industriale Dott. Leonardo Borgioli - CTS srl

2 Requisiti di un prodotto consolidante - deve essere assorbito uniformemente dalla pietra e consolidare tutto il materiale alterato unendolo alla pietra sana allinterno; - non deve provocare la formazione di sottoprodotti secondari dannosi; - deve avere caratteristiche chimico-fisiche confrontabili con il supporto su cui si applica; - non deve modificare la permeabilità al vapor dacqua del materiale lapideo; - non deve modificare laspetto estetico. Ma nessun prodotto ha questi requisiti! Però non si dice!

3 Requisiti indispensabili FACILITA DI REPERIMENTO E CONTINUITA NELLA PRODUZIONE Molti prodotti che hanno dato buoni risultati sono poi scomparsi per motivi non correlabili al settore del restauro Primal AC-33 STABILITA La stabilità del prodotto deve essere di almeno un anno Coalescenza, biodeterioramento COSTO ACCETTABILE Problemi correlati alla spedizione di prodotti a solvente o nocivi Costi in aumento LIVELLO DI RISCHIO ACCETTABILE Alcuni prodotti sono stati osteggiati anche per la loro tossicità Silicato di metile Bario idrossido APPROFONDITI STUDI PRELIMINARI Sul mercato appaiono consolidanti che non sono stati sottoposti a nessun controllo di un ente terzo. Nanoparticelle SUFFICIENTI TEST SU CAMPO I test di laboratorio sono indispensabili, ma non sufficienti. Scarsa durabilità del TiO 2 nanoparticellare

4 Requisiti desiderabili COMPATIBILITA CON ALTRI PRODOTTI Un consolidante viene talvolta applicato con un biocida, o con un idrorepellente. FACILITA DI IMPIEGO Un prodotto difficile da usare crea problemi sia allapplicatore che allazienda che deve fornire un servizio di post-vendita STOCCAGGIO FACILE Le basse temperature possono creare problemi ai materiali: soluzione semplice per i magazzini, problematica per i trasporti COSTO Per alcuni cantieri diventa il requisito primario!!!

5 VANTAGGI: OTTIMA PENETRAZIONE. BENE SU INTONACI, PITTURE MURALI meno su PIETRE CARBONATICHE PROBLEMATICHE: UMIDITA TEMPIDI CANTIERE NON PER SCAGLIE/ESFOLIAZIONI VANTAGGI GENERALI DEI POLIMERI: SEMPLICITA DI UTILIZZO. EFFETTO IDROREPELLENTE ASSOCIATO. Scelta dei consolidanti

6 ProdottoVantaggiLimiti Estel 1000/1100 (silicato detile/silossano) Buona penetrazione Buona permeabilità Condizioni ambientali Incapacità di riadesione di scaglie o grani Bio Estel NewRiformulato dopo leliminazione di alcuni biocidi (nuove normative) Acrisil 201 (acrilsiliconica) Semplicità duso Adesione Scarsa penetrazione Rischio filmazione Solvente Fluoline CP (acrilfluorurata) Fluoline HY (fluoroelastomero) Acril ME (acrilico)Rischio filmazione Nanorestore Ca(OH) 2 CompatibilitàScarsa penetrazione Solvente – debole Nano Estel (SiO 2 )CompatibilitàScarsa penetrazione

7 Studi sulle nanosilici: NANO ESTEL Università di Pavia - Dipartimento di Chimica Generale - Prof. Licchelli Confronto tra Estel 1000, idrossidi alcalino-terrosi e Nano Estel su Pietra di Lecce Università di Firenze – Dipartimento di Restauro e Conservazione dei Beni Architettonici - Dott.ssa Ricci Nano Estel su arenarie e su marmi. Misure al SEM Università di Modena e Reggio – Dipartimento di Chimica Prof.Zannini Arenarie con 7 diversi silicati, tra cui Estel 1000, ed il Nano Estel. Facoltà di Ingegneria di Bologna Ing.Franzoni Estel 1000, Nanorestore e Nano Estel Arenaria degradata artificialmente e applicazioni al Cimitero Monumentale di Bologna Soprintendenza Archeologica dellEmilia Romagna Dott.ssa Pomicetti Bio Estel, ossalato, Nanorestore e Nano Estel su aree archeologiche

8 Nanosilici SiO 2 nanometrica (10-20 nm) Dispersione acquosa pH alcalino (~10) Concentrazione in silice: 300 g/lt Tempo di presa 3-4 giorni Non tossico, non infiammabile, nessun sottoprodotto dannoso Possibilità di legare pigmenti ed inerti LIMITI Minor penetrazione rispetto al silicato detile. Precipita in presenza di Sali Alcalinità elevata per alcuni tipi di pigmenti Foto al SEM: Marilena Ricci

9 Applicazioni NANO ESTEL CONSOLIDAMENTO di CALCESTRUZZO ROMANO Porzione di acquedotto romano Sesto Fiorentino – Firenze Problematica: umidità costante Restauro di Bettina Lucherini INTEGRAZIONE TRAMITE VELATURE Cattedrale di Barcellona Problematica: permanenza del pigmento senza effetti di lucido Restauro di AGORA


Scaricare ppt "V GIORNATA DI STUDIO - Gruppo di Lavoro Geopolimeri Materiali geopolimerici per i BENI CULTURALI 21 marzo 2011 Requisiti dei consolidanti superficiali."

Presentazioni simili


Annunci Google