La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La scala era così erta, che Ciaula, con la testa protesa e schiacciata sotto il carico, pervenuto allultima svoltata, per quanto spingesse gli occhi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La scala era così erta, che Ciaula, con la testa protesa e schiacciata sotto il carico, pervenuto allultima svoltata, per quanto spingesse gli occhi."— Transcript della presentazione:

1

2

3 La scala era così erta, che Ciaula, con la testa protesa e schiacciata sotto il carico, pervenuto allultima svoltata, per quanto spingesse gli occhi a guardare in su,non poteva veder la buca che vaneggiava in alto.

4 Curvo quasi toccando con la fronte lo scalino che gli stava sopra,e su la cui lubricità la lumierina vacillante rifletteva appena un fioco lume sanguigno,egli veniva su,su,su dal ventre della montagna,senza piacere,anzi pauroso della prossima liberazione. E non vedeva ancora la buca,che lassù lassù si apriva come un occhio chiaro,duna deliziosa chiarità dargento.

5 Se ne accorse solo quando fu agli ultimi scalini. Dapprima,quantunque gli paresse strano,pensò che fossero gli estremi bagliori del giorno. Ma la chiarìa cresceva, cresceva sempre più,come se il sole,che egli aveva pur visto tramontare,fosse rispuntato. Possibile?

6 Restò,appena sbucato allaperto,sbalordito. Il carico gli cadde dalle spalle. Sollevò un poco le braccia ;aprì le mani nere in quella chiarità dargento. Grande,placida,come in un fresco,oceano di silenzio,gli stava di faccia la Luna:

7 sì,egli sapeva, sapeva che cosera, ma come tante cose si sanno, a cui non si è dato mai importanza. E che poteva importare a Ciaula, che in cielo ci fosse la Luna? Ora, ora soltanto, così sbucato di notte,dal ventre della terra,egli la scopriva. Estatico cadde, cadde a sedere sul suo carico,davanti alla buca. Eccola,eccola là,la Luna… Cera la Luna! La Luna!

8 E Ciaula si mise a piangere, senza saperlo, senza volerlo, dal gran confronto, dalla grande dolcezza che sentiva, nellaverla scoperta, là, mentrella saliva pel cielo, la Luna, col suo ampio velo di luce, ignara dei monti, dei piani, delle valli che rischiarava… ignara di lui, che pure per lei non aveva più paura, né si sentiva più stanco, nella notte ora piena del suo stupore.

9

10 Penso che Ciaula svolge un lavoro molto faticoso Mi ha colpito che Ciaula non aveva paura di niente solo della notte Per noi è normale vedere la luna,ma per Ciaula non era così:lui conduceva una vita disumana che non gli permetteva di accorgersi delle cose belle e semplici della natura Zì Scarda era un uomo crudele perché, nonostante Ciaula gli dicesse che non ce la faceva più,lui continuava a caricarlo Grazie alla luna,Ciaula aveva superato la paura del buio e della notte Mi ha colpito il pianto inconsapevole ed imprevisto di Ciaula che dimostra la sua capacità di emozionarsi..nonostante le difficoltà della vita Mi ha colpito quando la maestra ha letto che Ciaula era talmente magro che gli si potevano contare la costole Sono rimasta dispiaciuta nel constatare che,in pratica,Ciaula non aveva nessun diritto,lui conduceva una vita che assomigliava più a quella di un animale che a quella di un essere umano Mi ha colpito il fatto che Ciaula aveva paura non del buio della cava ma di quello della notte Mi ha colpito il modo disumano in cui i nipoti di Zì Scarda trattavano Ciaula


Scaricare ppt "La scala era così erta, che Ciaula, con la testa protesa e schiacciata sotto il carico, pervenuto allultima svoltata, per quanto spingesse gli occhi."

Presentazioni simili


Annunci Google