La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Che cosè? La storiaLe garanzie Il processo I protagonisti produttori importatori COOP Solidal I prodotti Botteghe I prodotti Commercio Equo e Solidale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Che cosè? La storiaLe garanzie Il processo I protagonisti produttori importatori COOP Solidal I prodotti Botteghe I prodotti Commercio Equo e Solidale."— Transcript della presentazione:

1

2

3

4

5 Che cosè? La storiaLe garanzie Il processo I protagonisti produttori importatori COOP Solidal I prodotti Botteghe I prodotti Commercio Equo e Solidale

6 Consiste in una dinamica di reciprocità e di solidarietà che mette in relazione interessi individuali e interesse collettivo. È, dunque, una forma di commercio internazionale nella quale si cerca di garantire ai produttori ed ai lavoratori dei paesi in via di sviluppo un trattamento economico e sociale equo e rispettoso, e si contrappone alle pratiche di commercio basate sullo sfruttamento che si ritiene spesso applicate dalle aziende multinazionali. Commercio Equo e Solidale Che cos è? Con Commercio equo e solidale si intende quella forma di attività commerciale, nella quale l'obiettivo primario non è la massimizzazione del profitto, bensì la lotta allo sfruttamento e alla povertà legate a cause economiche, politiche o sociali.

7 I primi tentativi di commercio equo, o Fair Trade secondo la dizione anglosassone adottata a livello internazionale, risalgono agli anni 60 ed ebbero luogo in Olanda. Da allora, le botteghe del mondo e le organizzazioni di importazione si sono diffuse in quasi tutti i Paesi occidentali. In Europa se ne contano circa In Italia il commercio equo ha mosso i suoi primi passi nella seconda metà degli anni 80, e oggi possiamo contare più di 200 botteghe del mondo. Anche nel nostro Paese, come nel resto del Continente, il commercio equo inizia ad interessare anche la grande distribuzione. Nel Luglio 1998, il Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione sul commercio equo e solidale. Con la crescita del commercio equo hanno iniziato a svilupparsi iniziative su scala locale, continentale ed internazionale volte ad aggregare sia le botteghe del mondo, che gli importatori che i produttori sia la grande distribuzione.

8 Rispetto dei diritti dei lavoratori, senza ricorrere al lavoro minorile Pari opportunità lavorative e salariali Trasparenza delle informazioni Rispetto dellambiente attraverso uno sviluppo sostenibile Relazioni di commercio stabili e a medio/lungo periodo Assistenza tecnica e finanziaria Prezzo equo Qualità dei prodotti

9 Lacquisto di un processo … … un processo politico, perché stabilisce una cooperazione tra soggetti del Nord e del Sud del Mondo. … un processo economico, perché gli acquirenti dei prodotti solidali acquistano una merce diversa nel rapporto produttori/prodotto …un processo culturale, perché la cooperazione favorisce la conoscenza delle condizioni di vita e della cultura dei produttori locali. …un processo educativo, Perché il cittadino acquista insieme al prodotto, la consapevolezza delle proprie scelte.

10

11 PRODUTTORI IMPORTATORI GDO Grande distribuzione COOPERATIVE SOCIALI COOPALTRI BOTTEGHE ALTROMERCATO Consorzio di associazioni e cooperative SOLIDAL Marchio relativo ai prodotti della filiera equo-solidale della Coop MONIMBÒ La cooperativa più grande in Umbria FAIRTRADE Certificatore

12 I produttori sono organizzazioni di produzione e commercializzazione di artigianato ed alimentari che condividono gli obiettivi del Commercio Equo e Solidale I produttori devono: Perseguire logiche di autosviluppo e di autonomia delle popolazioni locali Evitare una dipendenza economica verso lesportazione Evitare di esportare prodotti alimentari e materie prime scarseggianti Favorire luso di materie prime locali Garantire la qualità del prodotto. Garantire il rispetto dei diritti dei lavoratori. Evitare lo sfruttamento del lavoro minorile.

13 Gli importatori sono organizzazioni noprofit che acquistano i prodotti del Commercio Equo e Solidale e li rivendono alle botteghe del mondo. Gli importatori devono: Offrire ai produttori il pre-finanziamento della merce e favorire altre forme di credito equo o microcredito Promuovere rapporti di continuità per mantenere un clima di autentico scambio e per permettere un effettivo miglioramento delle condizioni di vita Fornire supporto alle organizzazioni di produzione ed esportazione Fornire assistenza alle botteghe del mondo Dare possibilità alle botteghe del mondo di fare viaggi di conoscenza e viceversa

14 Le Botteghe del Mondo sono organizzazioni di distribuzione al dettaglio dei prodotti del Commercio Equo e Solidale che rispettano i criteri elencati nella Carta dei Criteri italiana. Le Botteghe del Mondo sono il luogo… …dove i produttori del Sud si incontrano con i venditori del Nord, …dove il consumo si trasforma in una relazione profonda tra popoli e culture …dove alta qualità si associa ad alta dignità. Le Botteghe del Mondo italiane sono per la maggior parte socie del consorzio Altromercato e gestite da cooperative sociali e associazioni.

15 Cacao Caffè Tè

16 Arredamento Tessili Abbigliamento Tavola e cucina

17 Zucchero di canna Orzo Miele e cereali

18 Mango Uvetta Banane

19 COOP sta per Cooperativa di Consumatori. Non è un'impresa come le altre, non è una società per azioni. E' qualcosa di molto speciale, regolata da princìpi che uniscono le cooperative di tutto il mondo. Nel dicembre del 1947 viene fondata l'Associazione Italiana delle Cooperative di Consumo, nata per avviare "la pratica dell'acquisto collettivo" e per assicurare alle cooperative di consumatori migliori garanzie e condizioni nell'approvvigionamento delle merci. In tempi recenti lestensione dellattività di vendita negli Ipermercati, la crescente quota di mercato dei prodotti a marchio Coop, la scelta ecologico- salutistica, la maggiore integrazione fra politiche di vendita e di acquisto, hanno portato la Coop ad una posizione di leader nella distribuzione italiana.

20 SOLIDAL è la linea di prodotti con i quali la COOP rende concreto il suo sostegno alle cooperative e alle comunità del Sud del Mondo per garantire: il diritto alla vita la difesa dellambiente la dignità dei lavoratori la tutela della salute

21 Nel 2001 Coop promuove la nascita, grazie allimpegno delle suore francescane di S.Elisabetta di Firenze, di un progetto legato alla produzione di camicie lavorate artigianalmente a Madaplathuruth nella provincia di Kerala (India Meridionale). Una parte degli utili serve a remunerare le famiglie delle donne che hanno cucito le camicie. Laltra serve alla cooperativa delle donne indiane di Madaplathuruth - oltre abitanti - per porre le basi di unattività economica stabile che nasce nel 2004, con linaugurazione della fabbrica. Le camicie sono tagliate, cucite e confezionate da oltre 125 donne che lavorano in un ambiente in cui vengono rispettati princìpi etici e sociali.

22

23

24 Lindagine statistica che segue è stata effettuata su un campione di 190 persone, il giorno 18 ottobre 2007 presso lIperCoop di Terni dalle ore 10:00 alle ore 13:00. Sono stati consegnati ai clienti, su base volontaria, i questionari costituiti da 11 domande a risposta chiusa. La compilazione del questionario è stata effettuata dagli studenti dell IPSS A. Casagrande attraverso unintervista face-to-face. Per molte domande è stata data la possibilità di poter scegliere più di una risposta, per questo motivo in alcuni casi il numero delle risposte non corrisponde a quello dei questionari esaminati. Lo scopo dello studio è comprendere quanto le persone conoscono del Commercio Equo e Solidale, che cosa acquistano, quanto acquistano e perché scelgono tali prodotti.

25

26 Commento: La maggior parte dei clienti intervistati ha un età superiore ai 50 anni, in quanto il questionario è stato compilato in orario mattutino e lIperCoop era frequentata soprattutto da persone anziane e pensionate.

27 Totali risposte: 190 Poco: 82 Abbastanza: 85 Molto: 23 Conosci il Commercio Equo e Solidale Commento: Con questa domanda abbiamo potuto constatare che solo il 12% degli intervistati ha una buona conoscenza del COMES, quindi riteniamo che cè necessità di una maggiore informazione su tale attività commerciale.

28 Classi detà: Commento: Ci sorprende constatare che la classe di età fino a 30 anni ha una scarsa conoscenza del COMES. Mentre le persone più informate hanno unetà compresa dai 30 ai 50 anni. Questo ci fa dedurre che la scuola non fornisce informazioni adeguate sullargomento e che la conoscenza viene acquisita dalle esperienze di vita e dal contatto diretto con i prodotti del COMES.

29 Come sei venuto a conoscenza del CES? Commento: Questa risposta ci dimostra che ben 117 persone su 190 conosce il COMES attraverso acquisti al supermercato, solo 27 persone tramite amici. Pertanto possiamo dedurre che la grande distribuzione esercita un forte potere di informazione. 190 intervistati

30 Quanto pensi di conoscere del CES, su una scala da 1 a 10, dove 1 corrisponde a niente e 10 a molto? Commento: Dal grafico si evince che il 33% degli intervistati hanno una conoscenza sufficiente del COMES, tuttavia fa riflettere lalta percentuale di coloro che non ne hanno alcuna conoscenza, il 14%, rispetto al 6% di coloro che dichiarano di averne una conoscenza completa. su 190 intervistati

31 NO=74 personeSI=114 persone Conosci il marchio SOLIDAL? Commento: La maggior parte degli intervistati conosce i prodotti Solidal. Questo ci induce ad affermare che la Coop ne ha favorito la conoscenza con una buona campagna pubblicitaria.

32 Quali prodotti SOLIDAL acquisti? Commento: Caffè e cioccolato risultano i prodotti più acquistati, forse perché sono i più pubblicizzati come originari del Sud del mondo. Significativa la buona percentuale di persone che acquistano i prodotti dellabbigliamento.

33 Con quale frequenza acquisti i prodotti SOLIDAL o altri prodotti CES? Commento: La maggior parte degli intervistati, il 32% acquista prodotti Solidal mensilmente ed il 27% non li acquista affatto. Questi dati da un lato ci incoraggiano perché dimostrano una crescente sensibilità verso questo genere di prodotti, dallaltro ci dimostrano che questa tipologia di commercio è ancora poco utilizzata.

34 Perché acquisti prodotti SOLIDAL o altri prodotti del CES?

35 Credi che questa forma di commercio possa risolvere il problema della ineguale distribuzione della ricchezza? Commento: Di fronte alla possibilità di migliorare le condizioni di vita del Sud del mondo con il Commercio Equo e Solidale lottimismo supera il pessimismo. Circa il 50% degli intervistati crede in questa forma di sostegno alleconomia dei paesi poveri.

36 Progetto realizzato da: Classe 3° R Aruta Marcella, Capotosti Camilla, Carletti Alice, Cibocchi Valentina, Doni Elisa,Giordano Maria, Hotigo Paola, Kushniryk Valeriya, Maccabruno Angelica, Pace Matteo, Paolucci Mattia, Pulcino Barbara, Rossi Mattia, Senyatovskis Daniels, Troiani Elisa, Varazi Andrea Classe 3° E Agostini Alessandro, Api Alice, Bartolucci Edoardo, Befani Eleonora, Bertoldi Veronica, Borse Adrian, Capotondo Giacomo, Cesca Desirée, Ciarrocchi Giorgia, Cirulli Natascia, Falcioni Rafael, Giacomini Matteo, Gouaiche Nezha, Kumari Savita, Lanari Jessica, Mei Matteo, Oubih Noura, Paccara Emanuele, Pieramati Eleonora, Renzi Nicol, Ricco Rebecca, Rosi Valentina, Rossi Cristina, Venga Carmen, Zannini Jessica. Insegnanti Proff. Paoli Marisa (Insegnante referente) e Clemente Filomena. Intervista a cura di: classe 3° R Elaborazione dati e contenuti a cura di: Aruta Marcella, Befani Eleonora, Cesca Desirée, Hotigo Paola, Senyatoskis Daniels, Zannini Jessica. Grafica a cura di: Aruta Marcella, Cesca Desirée Si ringraziano per la collaborazione: IPERCOOP di Terni Sig.ra Brogi Rossana MOVIMENTO CONSUMATORI PERUGIA Sig. Camerieri Massimo MONIMBÒ BOTTEGA DEL MONDO soc. coop. Soc. Sig.na Galluzzi Valentina


Scaricare ppt "Che cosè? La storiaLe garanzie Il processo I protagonisti produttori importatori COOP Solidal I prodotti Botteghe I prodotti Commercio Equo e Solidale."

Presentazioni simili


Annunci Google