La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La vitalità creatrice è fatta di una riserva

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La vitalità creatrice è fatta di una riserva"— Transcript della presentazione:

1 La vitalità creatrice è fatta di una riserva
“Quando un popolo non ha più un senso vitale del suo passato, si spegne. La vitalità creatrice è fatta di una riserva di passato. Si diventa creatori anche noi, quando si ha un passato. La giovinezza dei popoli è ricca di vecchiaia.” Cesare Pavese indice avanti >

2 Sulle orme di… …di orme Sulle PERUGIA MARSCIANO TODI
direzione A1 Firenze Sulle orme di… …di orme Sulle PERUGIA MARSCIANO TODI Direzione E45 Roma indice avanti >

3 attraverso la realtà e le risorse del territorio da Perugia a Todi
Itinerario Medievale attraverso la realtà e le risorse del territorio da Perugia a Todi I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia Perugia ISIS “Salvatorelli” Istituto Professionale per il Commercio MARSCIANO indice avanti >

4 Realizzazione del Progetto
Sulle orme di… …di orme Sulle Itinerario Medievale attraverso la realtà e le risorse del territorio da Perugia a Todi Realizzazione del Progetto Il progetto, realizzato in rete con Istituti Superiori del territorio perugino è volto alla conoscenza e valorizzazione delle risorse storico-artistiche, ambientali, artigianali e produttive del territorio fra Perugia e Todi. Si pone come finalità lo scambio di conoscenze, esperienze e modalità operative tra studenti di diversi istituti. indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

5 I.P.S.C.T. Blaise Pascal allievi IV D – IV C “indirizzo turistico”
Sulle orme di… …di orme Sulle Itinerario Medievale attraverso la realtà e le risorse del territorio da Perugia a Todi Istituti Scolastici di Perugia I.P.S.C.T. Blaise Pascal - scuola polo - Responsabile di progetto Dirigente Scol. prof.ssa Giuseppina Boccuto Coordinatore referente di progetto Prof.ssa Serena Moretti allievi IV D – IV C “indirizzo turistico” definizione pacchetto turistico traduzione lingua inglese realizzazione informatica coordinamento prof.ssa Serena Moretti coordinamento prof.ssa Luisa Graziani coordinamento prof.ssa Anna M. Pascolini Liceo Ginnasio “A. Mariotti” allievi I A aspetti storico-artistici città di Perugia indice avanti > coordinamento prof.ssa M. Assunta Pallottelli I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

6 allievi IV B – V B “indirizzo turistico”
Sulle orme di… …di orme Sulle Itinerario Medievale attraverso la realtà e le risorse del territorio da Perugia a Todi Istituto Scolastico di Marsciano ISIS “Salvatorelli” Istituto Professionale per il Commercio allievi IV B – V B “indirizzo turistico” aspetti storico-artistici città di Marsciano e itinerario naturalistico coordinamento prof. Lamberto Ferranti Istituto Scolastico di Todi Liceo Jacopone da Todi Classico Scientifico Linguistico allievi II A – II B liceo linguistico aspetti storico-artistici città di Todi coordinamento prof.ssa Carla Maria Cavallini indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

7 PERUGIA MARSCIANO TODI Ministero della IRRE UMBRIA Pubblica Istruzione
Sulle orme di… …di orme Sulle Itinerario Medievale attraverso la realtà e le risorse del territorio da Perugia a Todi Istituzioni pubbliche coinvolte nel progetto Ministero della Pubblica Istruzione IRRE UMBRIA referente Margherita Rossi Cittadini Comune di PERUGIA Comune di MARSCIANO Comune di TODI indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

8 Sulle orme di… …di orme Sulle Itinerario Medievale attraverso la realtà e le risorse del territorio da Perugia a Todi Presentazione Si è detto che “i passi degli uomini creano la loro terra”, e che la storia dell’Italia e dell’Europa, dall’alto al pieno Medioevo, è anche storia di strade, crocevia e sentieri. Con questo itinerario, in una cornice di fisionomie eterogenee di ecosistemi naturali, espressione di un’opera d’arte geologica, si propone di ritrovare, nel silenzio umbro tra pianori e dolci colline, il desiderio di camminare che ha attraversato i tempi. Godere dei suggestivi affreschi naturali del paesaggio, decorato da incantevoli borghi di pietre secolari e architetture ricamate che invitano ad entrare in sintonia con il sentimento del tempo, in un’armonica continuità fra antico e presente che si riscopre nel ritmo di vita quotidiana delle preziose piazze dell’Umbria medievale, fiancheggiate da edifici pubblici e civili di straordinario valore artistico, storico, architettonico e da cattedrali medievali che raccontano storie di santi, di reliquie e l’identità di questa emozionante terra. indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

9 Sulle orme di… …di orme Sulle Itinerario Medievale attraverso la realtà e le risorse del territorio da Perugia a Todi Da Perugia, posta in cima ad un colle su uno sperone di tufo che domina mezza Umbria, tra magici intrecci di viottoli, archi, portali, rapidi camminamenti e tesori d’arte fusi in un’armonia di stili antichi e moderni che sfidano il futuro, l’itinerario, in sintonia con la composta e silenziosa bellezza del paesaggio umbro, si dispiega lungo il torrente Nestore, in un percorso trekking che comprende panoramici castelli e torri merlate di agglomerati urbani formatisi dalla disgregazione di stati feudali. Passando da Marsciano, operosa cittadina sviluppatasi lungo la Media Valle del Tevere, ricca di arte e di storia, si raggiunge, nella cornice dei monti Martani, Todi, antica città affacciata sull’ansa del Tevere che ha dato i natali a Jacopone de’ Benedetti, frate ribelle e indiscusso poeta del Medioevo. Nella collina di Todi la natura dà spettacolo, e da ogni punto cardinale allo sguardo appare la guglia del campanile di San Fortunato che richiama alla mente una regione ricca di suggestioni mistiche, capace di ispirare e forgiare spiriti universali. Anche a Todi l’armonia, la bellezza, la storia della città si modellano nella pietra che in Umbria è espressione di arte. indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

10 Sulle orme di… …di orme Sulle Itinerario Medievale attraverso la realtà e le risorse del territorio da Perugia a Todi In questa terra che sa con sapienza conservare armonia fra cultura e natura, per raggiungere le mete dell’itinerario, sono privilegiati mezzi di trasporto che rispettano l’ecosistema. In ogni città, per conoscere anche l’Umbria operosa, ricca di gusto e inventiva, in continuità con il Medioevo, quando dalla “rivoluzione artigiana” nacquero corporazioni di Arti e Mestieri che contribuirono al crollo del sistema feudale e allo sviluppo dei comuni, l’itinerario si completa con visite a botteghe, musei, attività produttive legate all’abile, prestigioso e raffinato lavoro di artisti-artigiani che mantengono vivo il legame fra quel lontano passato ed il presente, determinato a resistere al futuro. indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

11 Destinatari 25 studenti provenienti da fuori Regione
Sulle orme di… …di orme Sulle Itinerario Medievale attraverso la realtà e le risorse del territorio da Perugia a Todi 4 giorni Destinatari 25 studenti provenienti da fuori Regione Primo Giorno Arrivo a Perugia sistemazione in ostello Raggiunta l’acropoli con il minimetrò, visita guidata del centro storico di Perugia : Fontana Maggiore, Palazzo dei Priori, Cattedrale di San Lorenzo, Palazzo del Capitano del Popolo, Università Vecchia. Pranzo presso “Università dei Sapori “con prodotti tipici perugini. Nel pomeriggio visita guidata di San Francesco al Prato, Chiesa di San Francesco, Oratorio di San Bernardino, laboratorio di tessitura a mano “Giuditta Brozzetti”. Cena e pernottamento ostello “Mario Spagnoli”. indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

12 Destinatari 25 studenti provenienti da fuori Regione
Sulle orme di… …di orme Sulle Itinerario Medievale attraverso la realtà e le risorse del territorio da Perugia a Todi 4 giorni Destinatari 25 studenti provenienti da fuori Regione Secondo Giorno Partenza da Perugia per Marsciano Dopo colazione partenza dall’ostello “Mario Spagnoli” con minimetrò per stazione S. Anna , con treno locale partenza per Marsciano. Dalla stazione di Marsciano, con pulmino privato, partenza per Castiglione della Valle. Visita guidata di Borgo Monticelli. Attraverso la valle del fiume Nestore itinerario trekking da Castiglione della Valle a Mercatello. Lungo il percorso visita guidata delle emergenze medievali : Pieve Caina, San’Apollinare. Pranzo presso l’agriturismo “Valverde” con piatti della tradizione locale. Cena e pernottamento nella struttura “Oasi” di Marsciano indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

13 Destinatari 25 studenti provenienti da fuori Regione
Sulle orme di… …di orme Sulle Itinerario Medievale attraverso la realtà e le risorse del territorio da Perugia a Todi 4 giorni Destinatari 25 studenti provenienti da fuori Regione Terzo Giorno Visita di Marsciano e partenza per Todi Dopo colazione visita guidata del centro storico di Marsciano. Visita al Museo del Laterizio e al Museo delle etichette. Pranzo al Ristorante “Caffè Museum”. Partenza per Todi con treno locale e transfer per Hotel Europalace; sistemazione nelle camere. Nel centro storico della città, visita alle botteghe dell’antica arte del restauratore, intagliatore, intarsiatore del legno: Mario Battistoni (falegname intagliatore, scultore) Fernando Corradini (bottega del restauro) Daniele Amato Parasecolo (intarsiatore) Visita alla Chiesa di San Giuseppe, sede dell’Università dei Falegnami . Cena e pernottamento all’Hotel Europalace. indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

14 Destinatari 25 studenti provenienti da fuori Regione
Sulle orme di… …di orme Sulle Itinerario Medievale attraverso la realtà e le risorse del territorio da Perugia a Todi 4 giorni Destinatari 25 studenti provenienti da fuori Regione Quarto Giorno Visita di Todi - Rientro a Perugia Dopo colazione visita guidata al centro storico della città di Todi: Palazzo del Popolo, Palazzo del Capitano del Popolo, Palazzo dei Priori, Cattedrale. Pranzo all’Hotel Europalace. In serata rientro a Perugia. indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

15 Costo pacchetto turistico € 140,00 1
Sulle orme di… …di orme Sulle Itinerario Medievale attraverso la realtà e le risorse del territorio da Perugia a Todi Costo pacchetto turistico € 140,00 1 Il pacchetto comprende sistemazione in albergo – pernottamento e prima colazione - pranzi e cene indicate nell’itinerario, ingresso al museo indicato nel pacchetto, ingresso laboratorio di tessitura, trasferimenti con mezzi pubblici, visita guidata percorso trekking Nota 1: Costo del pacchetto valido fino ad ottobre 2008 indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

16 Laboratorio Giuditta Brozzetti
Sulle orme di… …di orme Sulle PERUGIA indice avanti > Laboratorio Giuditta Brozzetti scheda Marsciano I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

17 Palazzo dei Priori PERUGIA scheda Fontana Maggiore scheda
Sulle orme di… …di orme Sulle Palazzo dei Priori PERUGIA scheda Piazza IV Novembre Corso Vannucci Fontana Maggiore scheda indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

18 Cattedrale di San Lorenzo
Sulle orme di… …di orme Sulle Cattedrale di San Lorenzo PERUGIA scheda Palazzo del Capitano del Popolo scheda Università Vecchia scheda indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

19 Chiesa di San Francesco al Prato
Sulle orme di… …di orme Sulle Chiesa di San Francesco al Prato PERUGIA scheda Oratorio di San Bernardino scheda indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

20 trekking arte e natura natura e arte trekking MARSCIANO scheda
Sulle orme di… …di orme Sulle MARSCIANO scheda Palazzo Pietromarchi scheda Museo del Laterizio scheda Museo delle etichette scheda trekking arte e natura natura e arte trekking avanti > indice Todi I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

21 La Media Valle del Tevere
Sulle orme di… …di orme Sulle Un paesaggio unico, con dolci colli, boschi, valli e una tranquilla campagna dove si susseguono centri rurali, borghi medievali, antichi castelli. La Media Valle del Tevere indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

22 Castiglione della Valle
Sulle orme di… …di orme Sulle Breve ma suggestivo itinerario che si sviluppa lungo un tratto del torrente Nestore, tra Castiglione della Valle e Mercatello, alla scoperta di suggestivi paesaggi e castelli medievali . percorrere il Nestore indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

23 Castiglione della Valle
Sulle orme di… …di orme Sulle I resti del passato sono molteplici: l’impianto circolare del castello, con le sue torri, le sue vecchie mura e la torre campanaria, o gli importanti affreschi gelosamente custoditi nella chiesa del XV secolo di Santa Maria del Fosso. Dalla piazza principale ci si affaccia sulla valle del Nestore e un senso di pace e prosperità si impossessa lentamente di noi; qui, sulla piazza, si erge la chiesa di San Giovanni Battista, ricostruita sulla precedente nel 1892 ad opera dell’architetto Nazareno Biscarini che ha adoperato per la facciata un falso antico, con un bel portone di legno e un arco a tutto sesto. Castiglione della Valle Sopra una collina che controlla la valle del Nestore e del Caina, si erge l’operosa frazione di Castiglione della Valle. indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

24 Monticelli Il piccolo borgo medievale denominato Monticelli risale
Sulle orme di… …di orme Sulle Il piccolo borgo medievale denominato Monticelli risale al Le parti più antiche del borgo sono costituite da tre torri difensive e di avvistamento sulla valle sottostante con mura dallo spessore di oltre un metro. Durante i primi tre secoli circa, le torri potrebbero aver fatto parte di un monastero benedettino fortificato. Più tardi il controllo potrebbe essere passato ai conti Cesi, poi nominati dal Papa principi di Monticelli. Monticelli Intorno al è stato trasformato in una residenza estiva rimuovendo le mura di cinta e riempiendo lo spazio vuoto fra le due torri  più vicine per fare un grande palazzo. indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

25 Sulle orme di… …di orme Sulle Pieve Caina È un piccolo borgo, alla confluenza fra il Caina - da cui prende il nome - e il Nestore, che si riconosce a distanza dalle torri e da grandi edifici destinati alle famiglie facoltose e all’ordine religioso degli Agostiniani. La parola “Pieve”, infatti, richiama piccole comunità cristiane. Nella Chiesa parrocchiale si conserva il dipinto della “Madonna della Misericordia” (1528). La torre, è ciò che rimane del castello che un tempo fu frequentato dalla nobiltà perugina. indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

26 Sulle orme di… …di orme Sulle Sant’Apollinare è un piccolo castello limitrofo ad un antico insediamento monastico benedettino, del quale ne fu posto difesa. Fu donato all'abbazia di Farfa e rappresentò un insediamento strategico di difesa verso Todi, soprattutto per coloro che percorrevano la strada per Roma. La costruzione di mura da parte dei priori perugini ebbe il duplice scopo di dar sicurezza ai contadini, favorendo la loro residenza nei terreni circostanti e creare al tempo stesso alcuni centri di difesa e di controllo lungo un tracciato viario. Attualmente appartiene alla Fondazione Agraria. indice avanti > Sant'Apollinare I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

27 Mercatello è considerato “nobile terra” da tempo immemorabile, anche per le caratteristiche dell’ambiente naturale che lo circonda di verdi boschi e dolci colline. Le bellissime mura medievali che cingono Mercatello in un grande ovale urbanistico racchiudono, tra le strette viuzze in pietra, tesori architettonici di grande pregio. Sulle orme di… …di orme Sulle avanti > indice M e r c a t e l l o I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

28 Castiglione della Valle
Sulle orme di… …di orme Sulle Castiglione della Valle Pieve Caina Monticelli Sant’Apollinare Carta percorso Mercatello indice < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

29 Jacopone e Tempio di San Fortunato scheda
Sulle orme di… …di orme Sulle TODI avanti > Jacopone e Tempio di San Fortunato scheda Arti e mestieri: magister lignaminis scheda fine vai all’indice I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

30 Piazza del Popolo TODI Cattedrale
Sulle orme di… …di orme Sulle Piazza del Popolo È la più importante del centro storico tuderte e considerata una delle più belle piazze d’Italia. È circondata da magnifici edifici medievali, quali la Cattedrale e i Palazzi Comunali. TODI Cattedrale Edificata nell’XI sec. sull’area di un antico tempio pagano, si affaccia sul lato nord della piazza ed è dedicata a Santa Maria Assunta. Un’ampia scalinata settecentesca precede la facciata di stile lombardo, risalente al XVI sec., nella quale si aprono tre portali che corrispondono alla suddivisione interna in navate; sopra il portale centrale spicca un imponente rosone. L’edificio è a croce latina, diviso in tre navate separate da pilastri alternati a colonne, sormontate da pregevoli capitelli romanici; il soffitto è a capriate lignee. avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

31 TODI Cattedrale Sul lato destro si innesta, dopo una serie di arcate,
Sulle orme di… …di orme Sulle Sul lato destro si innesta, dopo una serie di arcate, una quarta navata dotata di una incantevole bifora, detta “navatina di Bonifacio VIII”. All’interno della Cattedrale sono conservate preziose opere d’arte, tra cui il fonte battesimale, due statue di Giovanni Pisano, il coro ligneo intagliato e intarsiato nel 1530 da Antonio Bencivenni da Mercatello; di grande rilevanza storico-artistica sono inoltre alcuni affreschi come il grandioso “Giudizio Universale” di Ferraù da Faenza, dipinto nel XVI secolo sulla controfacciata e ispirato all’opera di Michelangelo; la “Trinità” dello Spagna, visibile su una parete della navatina; infine il grande Crocefisso a tempera dell’abside, di scuola umbra, risalente allo stesso periodo di Jacopone. TODI Cattedrale indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

32 Palazzo del Capitano del Popolo e Palazzo del Popolo
Sulle orme di… …di orme Sulle Il Palazzo del Capitano del Popolo fu costruito nel sulla preesistente “Loggia dei Balestrieri” che è ancora visibile ed è composta da volte a crociera sorrette da robusti pilastri che poggiano, a loro volta, sulle antiche cisterne romane. La facciata è tipicamente gotica e in alto si possono scorgere due dragoni, emblemi di Terni, e i sette stemmi delle città tributarie di Todi; la scala di accesso fu edificata nel 1267, per volere del Podestà P. Savelli. L’edificio attualmente è sede della Pinacoteca Comunale e del Museo Etrusco-Romano. TODI Palazzo del Capitano del Popolo e Palazzo del Popolo avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

33 Palazzo del Capitano del Popolo
Sulle orme di… …di orme Sulle TODI Palazzo del Capitano del Popolo e Palazzo del Popolo Il Palazzo del Popolo è uno degli edifici comunali più antichi d’Italia, fu costruito nel 1213 in stile lombardo. L’originaria porta di accesso, volta verso Piazza Garibaldi, fu in seguito spostata su Piazza Vittorio Emanuele. Al posto della trifora centrale, in passato vi era una nicchia che conteneva una lampada, accesa ad ogni Ave Maria per illuminare il piccolo dipinto della Sacra Famiglia, oggetto di devozione della comunità. La torre campanaria, risalente al 1523, era utilizzata prevalentemente per allertare la comunità in caso di incendio. indice avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

34 Palazzo dei Priori TODI
Sulle orme di… …di orme Sulle Palazzo dei Priori TODI Situato sul lato opposto alla Cattedrale, è il risultato di radicali e ripetuti interventi edilizi nel corso dei secoli. La primitiva costruzione, in stile gotico, era ridotta rispetto all’attuale in quanto il Comune estese il fabbricato solo nel Sono ancora visibili le giunture fra i due corpi dell’edificio. La Torre, di forma quadrangolare, originariamente coronata da una merlatura, fu ridotta in altezza per ragioni statiche. La facciata presenta due ordini di grandi finestre, due mensole e una grande aquila, simbolo tuderte, realizzata da Giovanni di Giliaccio nel All’interno della “Sala della Torre” è presente una pregevole opera ad affresco attribuita alla scuola dello Spagna, raffigurante la Vergine con il Bambino. indice < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

35 Perugia: Palazzo dei Priori
Sulle orme di… …di orme Sulle CENNI STORICI - I lavori iniziarono nel 1293 e furono condotti da due architetti perugini: Giacomo Di Servadio e Giovannello di Bon. Contribuirono finanziariamente alla realizzazione del palazzo il popolo e re Carlo di Napoli. Il palazzo rappresentava l’assemblea del popolo e quindi il simbolo del libero comune. Non si erano ancora finiti i lavori che già si pensava ad un ulteriore ampliamento. Con il passare degli anni vennero effettuati più ampliamenti. Il primo avvenne tra il 1333 al Il secondo, iniziato il 1429, finì nel L’ultimo fatto nel 1575 fu condotto da G. Alessi in stile rinascimentale, diverso rispetto a quello dei tre secoli precedenti. avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

36 Perugia: Palazzo dei Priori
Sulle orme di… …di orme Sulle Vennero poi i secoli della decadenza che infierirono sul palazzo il quale però resistette e rimase il monumento solenne della grandezza e della storia cittadina. Nel XIX secolo il palazzo fu restaurato e vi fu posta la Galleria Nazionale dell’Umbria. ESTERNO La facciata principale si affaccia su Piazza IV Novembre. La scalinata venne rifatta semicircolare nel Il portico, decorato con capitelli ispirati all’arte romana, anticamente apparteneva alla chiesa di San Severo di Piazza. Il portale ogivale è sormontato da due mensoloni (uno per lato) che sostengono un grifone e un leone, simboli della città e del partito Guelfo. A sinistra della porta il ripiano diventa l’arengo pubblico, mentre a destra una breve scala porta ad un pulpito. Sulla facciata verso Corso Vannucci si aprono due serie di trifore simili a quelle che sono sull’altra facciata; qui si trova la torre campanaria. avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

37 Perugia: Palazzo dei Priori
Sulle orme di… …di orme Sulle Il suo andamento curvo è dovuto al fatto che sono state inglobate costruzioni precedenti come la casa-torre evidente vicino all’orologio. A sinistra della facciata vi è un arco che introduce in via dei Priori. Sull’angolo che incrocia Piazza IV Novembre inizia Via della Gabbia cosiddetta per la gabbia dove erano messi nudi i criminali. Il portale maggiore, fatto nel 1300, è a tutto sesto e fiancheggiato da due pilastri che poggiano su leoni stilofori. INTERNO L’atrio che si affaccia su Corso Vannucci è ampio e con volte a crociera poggiate su possenti pilastri. All’interno si conserva un grande cassone quattrocentesco, antico forziere del Comune. Alle pareti stemmi e lapidi dei governatori papali. La sala dei notari verso Piazza 4 Novembre è illuminata da dodici trifore, lunga 32 metri e larga 12; è uno dei vani più grandiosi d’Italia. Otto arconi a tutto sesto sorreggono il soffitto piano. avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

38 Perugia: Palazzo dei Priori
Sulle orme di… …di orme Sulle All’interno venivano svolte assemblee popolari. Lungo il lato di Corso Vannucci si trova la finestratura a forte strombo. Durante il XVII sec. subì gravi alterazioni: fu suddivisa con dei tramezzi per ricavare più ambienti, furono imbiancati di calce gli affreschi e murate le trifore. Nel 1860 è avvenuto il primo restauro che ha tentato di riportare alla forma originaria l’edificio. Le pareti sono ricoperte di affreschi che rappresentano gli stemmi delle magistrature, scene bibliche e favole esopiche. Durante il XVII sec. subì gravi alterazioni: fu suddivisa con dei tramezzi per ricavare più ambienti, furono imbiancati di calce gli affreschi e murate le trifore. Nel 1860 è avvenuto il primo restauro che ha tentato di riportare alla forma originaria l’edificio. Le pareti sono ricoperte di affreschi che rappresentano gli stemmi delle magistrature, scene bibliche e favole esopiche. < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

39 Perugia: Piazza IV Novembre
Sulle orme di… …di orme Sulle Situata in fondo al Corso Vannucci, ai piedi del Colle di Porta Sole, Piazza 4 Novembre contiene una delle opere più illustri di Perugia: la Fontana Maggiore. Prende il suo nome da una data molto importante: il 4 novembre 1918, fine della Prima Guerra Mondiale. Anticamente era detta "platea comunis“ - piazza comune - oppure "platea magna“ - piazza grande -; nel periodo medievale era il centro politico e religioso della città, essendo circondata da Palazzo dei Priori e dal Duomo. avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

40 Perugia: Piazza IV Novembre
Sulle orme di… …di orme Sulle Il più antico monumento costruito sulla piazza di cui si ha memoria era il Palazzo dei Consoli, posto nella zona della Maestà  delle Volte, distrutto a causa di un incendio; rimangono solo tre arcate lungo la via che porta in Piazza Cavallotti. Dietro Palazzo dei Priori, in Piazza 4 Novembre, troviamo anche Via della Gabbia, dove i prigionieri venivano appesi in una gabbia al centro della via e i popolani lanciavano loro cibo marcio e oggetti vari. Anticamente né Via Maestà  delle Volte né Via Pinella esistevano; la Maestà  delle Volte era chiusa dal palazzo "Abbrugiato" (Palazzo dei Consoli), mentre via Pinella era chiusa dal Palazzo del Podestà e fu appunto aperta dal legato pontificio Pinelli da cui poi prese il nome. Questo della Via Pinella è l'ultimo grande intervento urbanistico nel centro storico. < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

41 Perugia: Corso Vannucci
Sulle orme di… …di orme Sulle È la principale arteria cittadina, fiancheggiata da nobili costruzioni fra cui Palazzo dei Priori, Palazzo dei Notari e Palazzo Donini. Il nome deriva dal famoso artista Pietro Vannucci, detto “Il Perugino", celebre in tutta Italia per le sue opere. Pietro Vannucci, originario di Città  della Pieve, visse nel XV secolo e morì di peste nel 1523. Suo maestro e collaboratore fu il Verrocchio ed ebbe contatti anche con Piero della Francesca. Una delle molte opere che lo resero famoso è "Il Cristo che consegna le chiavi a San Pietro", nella Cappella Sistina. Nel 1485 fu fatto cittadino onorario di Perugia. Anticamente il centro storico perugino era costituito da due colli: Landone e Del Sole; gli Etruschi colmarono la sella fra i due costituendo il Cardo che in origine insieme al Decumano dava luogo alla principale struttura viaria della città su modello etrusco che verrà ripreso nel "castrum" romano. Il Cardo è appunto Corso Vannucci, mentre il Decumano è Via dei Priori. avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

42 Perugia: Corso Vannucci
Sulle orme di… …di orme Sulle Nel periodo Medioevale il corso si espandeva fino a piazza Matteotti, comprendendola; dal centro anticamente si dipartivano le cinque vie regali che conducevano ad altrettante porte. All'inizio Corso Vannucci non era un vero corso, ma un'enorme piazza rettangolare con un andamento irregolare che all'incirca a metà  si apre; questa nicchia si chiama Piazza della Repubblica, vi si trovano la chiesa tardocinquecentesca di S. Isidoro, oggi sconsacrata, e il teatro Pavone dell'antica nobiltà  perugina; poi la piazza si restringe di nuovo e continua il corso Vannucci. < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

43 Perugia: Fontana Maggiore
Sulle orme di… …di orme Sulle Perugia: Fontana Maggiore Nella Piazza Grande, ora piazza IV Novembre, da sempre fulcro urbanistico, politico e monumentale della città di Perugia, inizialmente si trovava la cittadella vescovile che poi ha ceduto il posto all’espansione del Comune, dei suoi palazzi pubblici e della fontana. Quest’ultima, che rappresenta il simbolo della città, è considerata la più bella e famosa fontana del medioevo e fu realizzata nel periodo compreso fra il 1275 e il 1278 come punto terminale dell’acquedotto di Monte Pacciano ad opera degli scultori Nicola e Giovanni Pisano. La Fontana è costituita da due vasche poligonali in pietra bianca e rosa al di sopra delle quali è presente una tazza in bronzo, opera del fonditore perugino Rosso Padellaio; essa è sormontata dal gruppo bronzeo delle tre ninfe, le quali portano un’anfora da cui zampilla l’acqua; originariamente sui loro capi erano posti quattro grifoni per ogni punto cardinale, in seguito rimossi perché non considerati pertinenti. avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

44 Perugia: Fontana Maggiore
Sulle orme di… …di orme Sulle La vasca superiore poggia su 24 colonnine sormontate da altrettante statue, rappresentanti personaggi legati alla fondazione mitica della città, al suo ruolo politico e territoriale, personaggi sacri come Salomone, Mosè, Giovanni Battista, l’arcangelo Gabriele, Melchisedec, i Santi Pietro e Paolo, la personificazione di Roma (unica statua rappresentata seduta come quella di Perugia), la rappresentazione della Chiesa e della Teologia. Per quanto riguarda la vasca inferiore ogni riquadro è separato da tre colonnine tortili e diviso in due parti da un’altra colonnina. Nei 24 pannelli sono rappresentate a bassorilievo scene emblematiche del Vecchio Testamento (il peccato originale, la cacciata dal Paradiso terrestre, la seduzione di Sansone da parte di Dalila), della fondazione di Roma (grande esempio per Perugia), il calendario dei lavori agricoli intercalati dalle rappresentazioni dei relativi segni zodiacali; seguono le sette arti liberali oltre alla Filosofia. Vi sono poi raffigurati il grifone, simbolo araldico di Perugia e il leone, simbolo dell’appartenenza di Perugia ai Guelfi. avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

45 Perugia: Fontana Maggiore
Sulle orme di… …di orme Sulle Infine si notano una coppia di aquile che però difficilmente possono essere interpretate come simbolo imperiale, considerato il legame di Perugia con il papato. Essendo l’aquila il simbolo araldico di Pisa, è su questa formella che Giovanni Pisano ha apposto la sua firma. Per la fontana, restaurata nel 1948 con materiali non appropriati (come ad esempio il cemento), si è reso necessario un ulteriore restauro, molto approfondito, eseguito fra il 1992 e il 1997 durante il quale è stato rimosso il cemento e sono state ripulite le superfici. “Guada, passante, la vita gioconda di questa fontana. Se osservi attentamente potrai vedere cose mirabili.” Iscrizione sulla vasca principale < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

46 Perugia: Cattedrale di San Lorenzo
Sulle orme di… …di orme Sulle La cattedrale di Perugia intitolata a San Lorenzo ebbe sede nell’area attuale dell’abbazia di San Pietro e solo attorno all’anno mille fu trasferita in centro. Fu costruita in stile gotico su progetto del XIV sec. per sostituire una precedente costruzione romanica: la prima opera fu realizzata tra il 1345 e il 1490, ma rimase incompiuta nel rivestimento marmoreo. La facciata della Piazza 4 Novembre presenta una nicchia sopra il timpano della porta che accoglie un crocifisso ligneo qui posto dai Perugini durante la guerra del sale come atto di sfida al Pontefice. L’elegante pulpito rinascimentale fu realizzato nel XV sec. e da esso predicò San Bernardino. Sul lato verso la piazza, al muro della Cattedrale si appoggiano gli archi della Loggia di Braccio (1423) sotto cui si vede un tratto di muro romano, il basamento dell’antico campanile e una copia della Pietra della giustizia, documento del 1234 in cui il Comune rende noto di aver estinto il debito pubblico. avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

47 Perugia: Cattedrale di San Lorenzo
Sulle orme di… …di orme Sulle La facciata principale, su Piazza Danti, ha un grandioso portale settecentesco realizzato da Pietro Carattoli. L’attuale campanile fu edificato tra il 1606 e il 1612 da Valentino Martelli. La Chiesa presenta un modello ad “hallenkirche”, a croce latina con possenti pilastri ottagonali. All’interno, tra le tante e prestigiose opere, si ricordano nella navata sinistra un Gonfalone di Berto di Giovanni del XVI sec. con una interessante veduta di Perugia ed il reliquario del Santo Anello. L’anello nuziale della Vergine, qui conservato, fu sottratto a Chiusi nel Per questa cappella fu realizzato lo Sposalizio della Vergine di Pietro Perugino oggi a Caen. < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

48 Perugia: Palazzo del Capitano del Popolo
Sulle orme di… …di orme Sulle Il palazzo del Capitano del popolo fu costruito dal 1472 al 1481 ed i suoi esecutori furono Gasparino di Antonio e Leone di Matteo, due architetti lombardi. Il portale è molto simile a quello del Palazzo dei Priori, ai lati ci sono due grifi che tengono tra gli artigli uno un vitello, l’altro un montone. Nella lunetta si trova la statua della giustizia. Al primo piano ci sono quattro bifore ornate e una loggia sorretta da ricchi mensoloni, dalla quale i banditori leggevano editti ed ordinanze. Il portone in legno risale al 1500 ed è opera del perugino Giovanni Battista Bastoni. Tra il 1541 ed il 1544 il palazzo fu sede dei convittori della Sapienza Nuova. La facciata rinascimentale era più alta di come ci appare oggi. Le bifore sono contornate da bellissime ghirlande rinascimentali. Nel 1700, a causa di un terremoto si ebbe il crollo del secondo piano, ora diventato mezzanino. < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

49 Perugia: Università Vecchia
Sulle orme di… …di orme Sulle Il piano terreno fu fatto costruire dall’Ospedale di Santa Maria della Misericordia nel 1453 e gli esecutori furono Gasperino di Antonio e Bartolomeo Mattioli da Torgiano. Il piano superiore, invece, fu realizzato dal 1483 al 1515 su commissione di Papa Sisto IV. Quest’ultimo adibì l’edificio alla funzione di “Studium generale” (sede dell’Università), titolo che mantenne fino al 1811. L’edificio poggia su dei possenti arconi e presenta delle finestre crociate con delle bellissime decorazioni attribuite a Fiorenzo di Lorenzo. Sull’arco del portale c’era una statua di Papa Sisto IV fusa nel 1798 per coniare monete. Oggi il piano terreno ospita botteghe e negozi di vario genere, mentre il piano superiore è la sede del Tribunale. < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

50 Perugia: Chiesa di San Francesco al Prato
Sulle orme di… …di orme Sulle La chiesa è affiancata a sinistra dall’Oratorio di San Bernardino e si trova in Piazza San Francesco. È stata fondata nel XIII sec. dai Francescani Minori; fin dalla sua creazione s’impose alla devozione delle maggiori famiglie della città che vi costruirono le loro cappelle facendola diventare il vero e proprio pantheon di Perugia. Le prime quattro cappelle furono ricavate dagli angoli della croce e furono quelle degli Oddi, dei Baldeschi, dei Michelotti e dei Montesperelli. In seguito si aggiunsero altre famiglie come quelle degli Agostini e dei Della Cornia e l’interno grazie a questi si arricchì di altari, pitture, sculture, illustri sepolcri. Inoltre apparvero molti affreschi. in gran parte votivi, di maestri perugini, senesi, fiorentini e romani. All’interno si trovavano opere di straordinaria importanza: la Croce del Maestro di San Francesco - oggi è esposta nella Galleria Nazionale dell’Umbria -, la Deposizione Baglioni, l’Incoronazione della Vergine di Raffaello, la Resurrezione di Pietro Vannucci detto il Perugino. avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

51 Perugia: Chiesa di San Francesco al Prato
Sulle orme di… …di orme Sulle Nel corso del XIV secolo il convento fu sede di uno Studium in cui furono formati anche i papi Sisto IV e Giulio II. La pianta era impostata a croce latina, unica navata di tre campate, a grande sviluppo in lunghezza e larghezza, ampi bracci del transetto e l’abside poligona. I costoloni delle volte posavano su fasci di peducci dai capitelli a cono rovesciato di impostazione tipicamente francese. Le fiancate e la facciata erano protette da dei torrioni di sostegno; il campanile saliva dall’angolo del braccio sinistro di crociera a guisa di torre cilindrica. Poco dopo l’altezza del tetto antico la torre si allargava con lunghi beccatelli aggettanti e sosteneva la cella campanaria ottagona e cuspidata. Tra il fianco sinistro e il transetto, a metà del Quattrocento, fu costruito l’oratorio della Confraternita della Santissima Concezione, rivestito di intarsi di marmo bianco e rosa, che conservava un Gonfalone con la Madonna della Misericordia eseguito in occasione della peste del 1464 da Mariano d’Antonio e Benedetto Bonfigli. avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

52 Perugia: Chiesa di San Francesco al Prato
Sulle orme di… …di orme Sulle Fin dai primi anni della sua costruzione l’edificio ebbe numerosi problemi di staticità, poggiando su un terreno cedevole; infatti si resero necessari continui lavori di consolidamento e restauro fino a quando nel Settecento la Chiesa venne integralmente ripristinata su progetto di Pietro Carattoli. Però, a meno di un secolo di distanza, si dovettero demolire la cupola, le volte della navata e del transetto per impostare nuovamente la copertura su muri perimetrali più bassi. Nel 1926 ad opera di Pietro Angelici viene ricostruita la facciata rifacendola su modello di quella antica. La facciata si presenta con rivestimento geometrico bianco e rosa e tarsie colorate. La Chiesa, attualmente sconsacrata e scoperchiata da alcuni anni, è sottoposta a interventi di consolidamento e restauro; una volta restaurata diventerà l’auditorium della città. < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

53 Perugia: Oratorio di San Bernardino
Sulle orme di… …di orme Sulle L’oratorio fu aperto il 29 maggio 1461 alla devozione dei Perugini. Promotore dell’opera fu Fra Angiolo del Toscano, dottore in filosofia e in teologia. Il monumento non ha moli di grandi proporzioni. La facciata riprende nelle linee generali quelle della basilica di Sant’Andrea a Mantova di Leon Battista Alberti. Il tema generale del lavoro è la gloria di San Bernardino con il trionfo concessogli da Dio in premio delle sue virtù. La facciata è stata scolpita da Agostino di Antonio di Duccio tra il 1457 e il 1461. Nel timpano c’è Gesù Cristo benedicente, seduto sulle nubi, entro una corona di Serafini e adorato da due angeli genuflessi. avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

54 Perugia: Oratorio di San Bernardino
Sulle orme di… …di orme Sulle I pilastri portano nelle edicole superiori l’Arcangelo Gabriele a sinistra e la Vergine annunciata a destra. I cinque pannelli di finissimo rilievo, due sotto le edicole superiori e tre sotto la cornice che divide l’arcone dal portale, illustrano i miracoli del Santo. In particolare: San Bernardino fa inginocchiare un gregge di pecorelle mentre predica, San Bernardino mentre predica all’Aquila è circonfuso dallo splendore di una stella che si ferma sul suo corpo, le donne perugine convertite da San Bernardino che danno fuoco in piazza alle ciprie e ai belletti e dalla catasta di fiamme si leva il diavolo con terrore di tutti. Nelle nicchie inferiori sono collocate le statue di San Costanzo e San Lorenzo. Nei piedritti che sono il capolavoro del fiorentino sono simboleggiate le virtù del santo: la castità e la povertà. avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

55 Perugia: Oratorio di San Bernardino
Sulle orme di… …di orme Sulle L’interno a campate gotiche aveva un pavimento di maiolica derutesi del XVI sec. L’altare maggiore è un sarcofago del IV sec d.C. ritrovato in occasione della fondazione dell’Oratorio. Nella parete di fondo dell’Oratorio due porte immettono all’Oratorio di Sant’Andrea. < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

56 Perugia: Laboratorio Giuditta Brozzetti
Sulle orme di… …di orme Sulle La lavorazione dei tessuti si pratica in Umbria fin dal XII sec. Ha subito l’influenza della tradizione francese ed in particolare degli arazzieri di Lilla. Famosa è la “tovaglia perugina” tessuta ad occhio di pernice, riconoscibile in alcuni dipinti duecenteschi conservati nei musei e nelle chiese umbre. La produzione è effettuata con telai manuali a licci del ‘700 e con telai Jacard (1836). < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

57 Marsciano Sulle orme di… …di orme Sulle Posto in pianura, lungo la Media Valle del Tevere, sulla sponda del fiume Nestore , Marsciano e il suo territorio rappresentano pienamente i tratti tipici del paesaggio umbro: fertili campagne e dolci colline disseminate di piccoli borghi dove il filo della storia si dipana con insolita continuità permettendo una variegata stratificazione di culture e stili. Il territorio, già abitato dall'età del bronzo e in epoca etrusca, conosce il massimo splendore a partire dal Medioevo, grazie alla sua posizione centrale rispetto alle potenti città di Perugia, Todi, Orvieto e in epoca rinascimentale come testimoniato dagli importanti affreschi che arricchiscono le chiese dei vari borghi. Oggi Marsciano è una cittadina dinamica, moderna, e ricca di numerosi insediamenti industriali e aziendali. Il cuore di Marsciano è costituito dal centro storico con le sue viuzze e le antiche case le cui pietre ancora “parlano” del suo cammino nel tempo. In centro si possono ancora ammirare tratti delle mura castellane, alcune delle quali sono incorporate nelle abitazioni, ed alcune torri: a sud-est la Torre Bolli, ad est la Torre Boccali e a nord-est la ristrutturata Torre di Porta Vecchia. . < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

58 Marsciano:Palazzo Pietromarchi
Sulle orme di… …di orme Sulle È una residenza nobiliare costruita nel Trecento dalla famiglia dei conti Bulgarelli di Marsciano. Nei suoi locali ha sede il nucleo centrale del Museo Dinamico del Laterizio e delle Terrecotte e si tengono una serie di iniziative e attività che fanno del Palazzo il fulcro dell’offerta culturale di tutto il sistema museale e del territorio. Nel Palazzo è inoltre esposta una Madonna in trono con Bambino con gli angeli, San Silvestro e San Rocco di ambito del Pinturicchio, databile intorno al Completa l’offerta una sezione dedicata ad artisti che hanno utilizzato l’argilla come materia prima, il cui primo nucleo è costituito da una selezione delle opere dello scultore marscianese Antonio Ranocchia ( ). Al secondo piano del Palazzo si trovano: un corredo tombale etrusco e le terrecotte etrusco-romane (materiale reso disponibile dalla Soprintendenza Archeologica per l’Umbria), le terrecotte architettoniche, i laterizi realizzati sia in maniera artigianale che industriale, le terrecotte invetriate e una serie di grandi orci. < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

59 Marsciano:Museo del Laterizio
Sulle orme di… …di orme Sulle Rappresenta un percorso sui luoghi della civiltà contadina, artigianale, industriale di questa terra. Il laterizio e le terra cotte rappresentano per Marsciano il filo rosso della storia cittadina, non solo dal punto di vista urbanistico ed edilizio, ma anche da quello dei rapporti commerciali ed economici delle famiglie imprenditoriali. Il museo dispone di una ricca raccolta di testi sulle tematiche legate a laterizi e terre cotte. L’itinerario espositivo si articola in tre sezioni: le terre cotte, i laterizi, i fischietti in terra cotta. < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

60 “Il vino sulla tavola è come un fiore nel giardino”
Marsciano: Museo delle etichette Sulle orme di… …di orme Sulle “Il vino sulla tavola è come un fiore nel giardino” Gabriele D’Annunzio Il museo si trova in pieno centro storico in un’abitazione trasformata in grande cantina. Nel museo la collezione raggruppa ca bottiglie e ca etichette di tutti i paesi produttori di vino. L’etichetta Sanguis Hetruriae rappresenta un punto di riferimento dell’agricoltura umbra con il richiamo alle sue radici etrusche. Essendo il vino di sesso maschile si è ritenuto opportuno affiancargli una compagna di sesso femminile la bottiglia, entrambi nudi come Adamo ed Eva si sono rivolti al sarto le coppie più povere, quelle più ricche al designer e le più benestanti ai grandi artisti come Picasso e Chagall Artisti celebri e famosi hanno contribuito ad esaltare il vino vestendolo con etichette ritenute veri capolavori d’arte. < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

61 Jacopone da Todi Sulle orme di… …di orme Sulle Jacopone nacque a Todi certamente in regione Collis, il rione che occupava la parte più alta della città. Qui risiedeva la famiglia guelfa dei Benedetti o dei Benedettoni, la cui dimora è situata in largo Martino I all’attuale numero 10; l’edificio ha subito molteplici interventi edilizi nel corso dei secoli ma conserva, almeno nel livello inferiore, parte della struttura originaria di epoca medievale. Ai piedi della monumentale scalinata che conduce al Tempio di San Fortunato, è situata la statua bronzea dedicata a Jacopone, realizzata dallo scultore Valmore Gemignani nel 1930. Il tempio di San Fortunato, vescovo di Todi, fu edificato in forme gotiche nel 1292 sui resti di una preesistente chiesa; i lavori di costruzione, interrotti in occasione della peste del 1348, furono portati a termine nel Sulla facciata, rimasta incompiuta nella parte superiore, si aprono tre portali, il maggiore dei quali, a sesto acuto, presenta una magnifica decorazione scultorea costituita da colonnine tortili alternate a piedritti rivestiti da tralci vegetali e da sequenze di figure sacre; ai lati, entro due edicole gotiche, l'Arcangelo Gabriele e la Vergine Annunciata, sculture attribuite alla cerchia di Jacopo della Quercia. Todi: Tempio di San Fortunato avanti > I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

62 Todi: Tempio di San Fortunato
Sulle orme di… …di orme Sulle L’interno dell’edificio è suddiviso in tre navate di uguale altezza; lungo le navate laterali si aprono tredici cappelle, alcune delle quali decorate da dipinti di notevole pregio, tra cui affreschi di scuola giottesca, di Masolino da Panicale (1432), tele di Andrea Polinori (1618). L’abside è abbellita da un prezioso coro ligneo intarsiato della fine del Cinquecento. La cripta, costruita nel 1596, ospita le reliquie dei cinque santi protettori della città – Fortunato, Callisto, Cassiano, Romana e Degna – e la tomba di Jacopone. < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

63 Todi: Arte e Mestieri: magister lignaminis
Sulle orme di… …di orme Sulle Nel Medioevo furono fiorenti a Todi attività artigianali e furono presenti in essa molte corporazioni di diversi merstieri. La lavorazione del legno fu un’arte fra le più importanti tanto che l’Università o Confraternita dei Maestri Falegnami vide istituzionalizzata la sua attività nel Il maestro del legno (magister lignaminis) era un artista poliedrico e complesso: disegnatore, intagliatore, carpentiere e realizzatore di mobili. Doveva avere nozioni di matematica e ingegneria ed era responsabile delle impalcature necessarie alla costruzione degli edifici pubblici. Le Università di Arti e Mestieri erano nel Medioevo associazioni di perfezionamento tecnico e di mutuo soccorso e lo spirito di queste corporazioni era di “confraternita”, le riunioni cominciavano con la preghiera e perciò le Università si riunivano in un oratorio dedicato al Santo Protettore della loro attività. A Todi è ancora presente l’Università dei Falegnami che mantiene vivo lo spirito di associazione ed ha sede nella Chiesa di San Giuseppe. La Chiesa conserva sull’altare maggiore la preziosa tela della Sacra Famiglia nella bottega del falegname dipinta nel 1623, su commissione della Confraternita, dal pittore tuderte Andrea Polinori. Avanti> I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

64 Todi: Arte e Mestieri: magister lignaminis
Sulle orme di… …di orme Sulle La Chiesa è considerata un unicum per gli arredi: candelieri, leggii, cartegloria, appliques, armadi. Tali oggetti lignei sono testimonianza tangibile dell’alta manualità, della raffinatezza di esecuzione e dell’alta preparazione tecnica dei maestri falegnami. La lavorazione del legno è perpetuata da abili artigiani costruttori di mobili in stile, ebanisti, intagliatori, intarsiatori, scultori e restauratori. Una passeggiata nei vicoli della città permette di vedere questi raffinati artigiani al lavoro, in botteghe che conservano spesso strutture, attrezzature e ritmi di lavoro di altri tempi. Università dei Falegnami – Art. 3 dello Statuto: “lo scopo di perpetuare la devozione dei Confratelli al Santo protettore, quindi la fratellanza e la previdenza fra i falegnami e i cittadini, esplicate con il soccorso materiale, morale ed intellettuale e promuovere manifestazioni a carattere culturale e turistico”. < indietro I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI

65 Itinerario storico-artistico Realizzazione Progetto
Sulle orme di… …di orme Sulle INDICE PROGETTO “Quando un popolo …” – foto allievi B. Pascal, Lieceo A. Mariotti Percorso Titolo, Istituti Scolastici Istituzioni pubbliche Presentazione Itinerario storico-artistico PERUGIA MARSCIANO TODI I giorno Percorso trekking II giorno Media Valle del Tevere Pieve Caina III giorno Nestore Sant’Apollinare IV giorno Castiglione della Valle Mercatello Costo pacchetto turistico Monticelli Carta percorso inizio Realizzazione Progetto Allievi, responsabili, docenti, istituti scolastici Perugia Allievi, responsabili, docenti, istituti scolastici Marsciano - Todi fine I.P.S.S.C.T. BLAISE PASCAL Perugia LICEO GINNASIO A. MARIOTTI Perugia ISIS “Salvatorelli” IPC MARSCIANO LICEO JACOPONE DA TODI


Scaricare ppt "La vitalità creatrice è fatta di una riserva"

Presentazioni simili


Annunci Google