La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tavolo permanente sulla legislazione dei lavori pubblici dellOrdine degli Ingegneri della Provincia di Roma La nuova tecnologia iTunnel Alessandro Pedone.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tavolo permanente sulla legislazione dei lavori pubblici dellOrdine degli Ingegneri della Provincia di Roma La nuova tecnologia iTunnel Alessandro Pedone."— Transcript della presentazione:

1 Tavolo permanente sulla legislazione dei lavori pubblici dellOrdine degli Ingegneri della Provincia di Roma La nuova tecnologia iTunnel Alessandro Pedone Azionista di riferimento GSA Roma 17 ottobre 2013 LA SICUREZZA ANTINCENDIO NELLE GALLERIE DELLA RETE STRADALE E AUTOSTRADALE ITALIANA E LE NUOVE TECNOLOGIE

2 Lazienda Gruppo Servizi Associati è il principale attore a livello nazionale ed europeo sul mercato della Sorveglianza Antincendio. Il Gruppo ha sviluppato in 20 anni un bagaglio di esperienze assolutamente unico nellambito della Prevenzione Incendi e Gestione delle Emergenze. GSA opera nei contesti a rischio delle infrastrutture: Gallerie stradali, autostradali e ferroviarie; Grandi infrastrutture, anche in fase di cantiere; Aeroporti ed eliporti; Impianti industriali sensibili; Porti e cantieri navali; Raffinerie ed impianti di estrazione ad alto rischio.

3 Lazienda Grandi Infrastrutture infrastrutture in esercizio : gallerie stradali, gallerie ferroviarie, gallerie metropolitane; tratti ad alto rischio di reti autostradali e di grande viabilità. Infrastrutture in fase di cantiere infrastrutture stradali - cantieri fissi e mobili Gli ambiti di intervento di GSA

4 Lazienda Sicurezza antincendio e di primo intervento in gallerie, tratti di reti autostradali e di grande viabilità; Monitoraggio e Controllo nei cantieri fissi e mobili Trafic management per le condizioni di emergenza Gestione segnalamento; Facility Management su emergenze rimozione ostacoli e mezzi in avaria o incidentati dalla carreggiata; Messa in sicurezza della carreggiata; Ripristino di funzionalità delle infrastrutture stradali; Bonifica sedi stradali in seguito a spargimento liquidi oleosi. I servizi di GSA

5 Lazienda G.S.A. opera attraverso azioni coordinate ed interventi sinergici mediante operatori specializzati, mezzi, attrezzature e dotazioni allavanguardia. La nostra organizzazione, unica nel suo genere a livello nazionale, è in grado di proporre un servizio mirato alla risoluzione tempestiva di qualsiasi evento e alla messa in sicurezza di tutte le criticità che si dovessero verificare durante la gestione del traffico dentro e fuori dalle gallerie, criticità dovute a incidenti, incendi di mezzi e/o sterpaglie, avarie di mezzi e a qualsiasi evento che necessiti di un pronto intervento. GSA opera in assoluta sintonia con quanto contenuto nel DLGS 264/06 e nella Direttiva Europea 2004/54/CE, con lausilio di operatori specializzati e mezzi allestiti con impianti speciali antincendio di ultima generazione, coperti a livello internazionale da Brevetto Industriale di proprietà. Come lavoriamo

6 I numeri G.S.A. opera diffusamente su tutto il territorio nazionale, con presenza anche in Francia e Slovenia. FATTURATO 2012: DIPENDENTI: di cui 75 tra Direzionali e Tecnici TREND DI CRESCITA = +15% confermato anche per lanno 2013 Applicazione alle commesse del Sistema di Gestione Integrato di Qualità. Le nostre certificazioni: Sistema di Gestione documentale per la Qualità (UNI EN ISO 9001:2008) Sistema di Gestione Ambientale (UNI EN ISO 14001:2004)l Sistema di Gestione per la Responsabilità Sociale (SA 8000:2008) Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza sul lavoro (OSHAS 18001:2007) G.S.A. è lunica azienda italiana che applica il Sistema di Gestione Integrato di Qualità per lintera gamma dei servizi offerti nellambito della Prevenzione Incendi e Gestione delle Emergenze

7 Organizzazione e territorio SEDI AZIENDALI Direzione Generale Tavagnacco UDINE - via Galilei, 8 Sede legale Roma - via Palermo, 49 Sede Operativa Bari - via Amendola, 172/C Sede Operativa Napoli - via Cinthia, 41 Sede Operativa Aosta - via A. Gramsci, 2 Sede Operativa Chamonix – 74 Rue du Lyret Prossima Apertura : Sede di Lione Udine

8 Chi si affida a noi I trafori Traforo del Monte Bianco - COURMAYERUR - AOSTA; Traforo del Gran Sasso Autostrada A24 - RM- AQ- TE; Le autostrade Complanari di Roma sullAutostrada A24 - RM - AQ- TE; Autostrada A3 – SARC- Tratto Gioia Tauro - Campo Calabro; Autostrada A41 - BO- TA- Tratto Ancona Nord - Ancona Sud; Le gallerie Galleria San Domenico - Autostrada A25 - RM - PE; Galleria San Rocco - Autostrada A24 - RM - AQ - TE; Galleria Fortezza della Chiusa - S.S. 13 Pontebbana – UD. Alcuni tra i nostri Clienti

9 Il nostro approccio Know How InnovazioneTecnologie

10 Il nostro approccio Il know how: i nostri uomini G.S.A. impiega personale operativo proprio di elevata professionalità, con esperienze esclusive nel settore antincendio. La quasi totalità degli addetti proviene dai ruoli discontinui dei V.V.F.F., ad ulteriore garanzia che il lavoro svolto è davvero sentito come una mission. Lintero organico del personale operativo, con qualifiche multidisciplinari, è in possesso di diverse abilitazioni ministeriali, per limpiego nellintero scenario operativo di rischio incendio. - Abilitazione alla gestione delle emergenze in ambienti confinati quali tunnel o gallerie; - Abilitazione quale addetto alle emergenze in strutture considerate ad alto rischio incendio D.M. del Ministero dellInterno e s.m.i; -Abilitazione allutilizzo degli autorespiratori in ambienti confinati; - Abilitazione alla gestione degli interventi di primo soccorso sanitario (anche con luso del defibrillatore); - Abilitazione ATEX; - Corso di tecniche di gestione operative e di comando;

11 Il nostro approccio Le tecnologie Attrezzature, automezzi, dotazioni e dispositivi antincendio: un patrimonio unico Per corrispondere al meglio le esigenze di salvaguardia delle infrastruttura presidiate, G.S.A. opera con personale, attrezzature e tecnologie antincendio allavanguardia. Nessuna azienda europea del settore specifico ha la disponibilità di automezzi che G.S.A. può vantare: oltre 100, tra leggeri e pesanti, impiegati in diversi scenari.

12 Il nostro approccio Le tecnologie Sistemi antincendio ad acqua micronizzata: tecnologia proprietaria GSA LE CARATTERISTICHE abbattimento dei fumi (estremamente utile nellavvicinamento al fuoco); evaporazione rapida dellestinguente lanciato: un immediato abbassamento della temperatura; limitazione dei danni secondari provocati dai residui degli estinguenti

13 Il nostro approccio Le tecnologie specifici in scenari operativi ove il rifornimento dacqua è pressoché impossibile; Possibilità di scaricare acqua micronizzata e sostanza estinguente (acqua o acqua più tensioattivi e schiumogeni); Estinzione ad impulsi ad altissima pressione ed a velocità molto elevata, per penetrare rapidamente ed in profondità nellincendio. Efficiente: Riduzione del consumo di estinguente, nel rapporto di circa 1:100 rispetto ai sistemi tradizionali di spegnimento 15 litri micronizzati = 1500 litri con tecnologia tradizionale.

14 Il nostro approccio Le tecnologie Adattabile: Sistema spallabile Sistema su motociclo Sistema su veicolo minicar Sistema su pick up

15 Il nostro approccio Linnovazione Il problema: lincremento del rischio Incremento della domanda di trasporto Obsolescenza delle infrastrutture Carenza di finanziamenti

16 Il nostro approccio Linnovazione Lapproccio normativo: Soluzioni innovative Soluzioni tradizionali Adeguamento strutturale Adeguamento impianti Cost reductionTecnologie Decreto 264/2006 art.3 … determinati requisiti strutturali non sono realizzabili o che lo sono soltanto ad un costo non proporzionato con il ricorso a misure alternative ed innovazioni tecnologiche.

17 Il nostro approccio Linnovazione La soluzione GSA: iTunnel

18 iTunnel iTunnell: Il sistema È il sistema che ad oggi rappresenta il livello più elevato di dispositivo multifunzione, caratterizzato da unelevata affidabilità, per la ridondanza dei dispositivi, dalla sicurezza nella gestione operativa, grazie alle diverse modalità dintervento, e dallefficacia nel risultato per la precisione e la celerità d'intervento. Tecnologie consolidateSoluzioni innovative iTunnel

19 iTunnel: Il sistema Le tecnologie consolidate: i monitori idroschiuma telecomandati Sono i dispositivi più diffusi a livello mondiale per lo spegnimento degli incendi in complessi industriali a grande rischio e nelle infrastrutture (portuali, aeroportuali), per la grande potenza di spegnimento del loro getto idroschiuma, lelevata sicurezza nel loro funzionamento e lassenza di tossicità del loro impiego per le persone. Lelemento dinnovazione: il carrello telecomandato massimizza lefficacia dei monitori di cui è equipaggiato, e conferisce al sistema prontezza dintervento ed adattabilità alle diverse condizioni. Le modalità operative del sistema sono molteplici: totalmente automatica, semiautomatica, manuale in remoto, manuale on site.

20 iTunnel Larchitettura Gli elementi principali: La struttura fissa (rotaia aerea), La una struttura mobile (i carrelli), La stazione di pressurizzazione e pompaggio.

21 iTunnel Larchitettura La Struttura aerea Tubazione longitudinale Φ 6 pollici per lalimentazione di acqua o miscela schiumogena antincendio, pressione di 10 bar; guide di traslazione impianti: linea di alimentazione elettrica di sicurezza; bus seriale di trasmissione dati in fibra ottica; cavo termosensibile e dei rilevatori dincendio. Disposta lungo lintera lunghezza della galleria, presenta ad intervalli regolari (tipicamente 42 m) le stazioni di attracco e controllo. La configurazione della struttura fissa è estremamente compatta al fine di ridurre al minimo lingombro e poter essere ospitata con impatto contenuto nella sezione della galleria.

22 iTunnel Larchitettura La Struttura mobile Un robot intelligente multifunzione, tecnologicamente equipaggiato Dotazione: 2 monitori telecomandati orientabili con una portata di l/min.; sensori di fiamma e temperatura per lorientamento dei monitori; una telecamera luce visibile; due telecamere a luce infrarossa; batterie per lalimentazione della struttura durante il moto; sensori di fiamma e temperatura; 2 sensori (1 gas infiammabile + 1 gas tossico ); quadro con i relativi organi di comando e controllo.

23 iTunnel Larchitettura La Struttura mobile: le caratteristiche ingombro ridotto, per un agevolmente inserimento nelle sagome delle gallerie autostradali e ferroviarie; possibilità di montaggio e di funzionamento in qualunque posizione (orizzontale, verticale, inclinata) nella parte alta della sezione della galleria; capacità di identificare la propria posizione lungo il binario; progettazione mirata al funzionamento con acqua e schiuma. elevata velocità di crociera; accelerazione e frenata; efficiente sistema di accumulo energia, con ingombro e peso ridotti; elevata affidabilità di funzionamento; costi contenuti;

24 iTunnel Larchitettura La stazione di pompaggio Il dimensionamento: funzione della lunghezza e delle caratteristiche della galleria. una sola stazione in due fornici di una galleria o in due gallerie contigue. Lefficacia ottimale di ITunnel si raggiunge installando, due carrelli per le gallerie con lunghezza fino a circa 2000 m, ed uno aggiuntivo per ogni ulteriore chilometro gruppo di pompaggio: elettropompa Motopompa gruppo miscelatore schiuma

25 iTunnel La gestione La gestione del sistema si articola in quattro modalità: Automatica Semiautomatica Manuale Manuale on site In ciascuna modalità è garantita: Lefficacia dellintervento La sicurezza per gli operatori Quando si procede con intervento delloperatore, questi è sempre in ambiente sicuro, e può controllare il sistema con la massima precisione e velocità, con una visione dettagliata e completa del teatro dincendio

26 iTunnel Il dimensionamento ITunnel è stato sviluppato con i metodi della Fire Safety Engineering, in collaborazione con Enti di studi e ricerca, e testato con sperimentazioni operative. Le fasi di attivazione dellimpianto sono: detection: un tempo inferiore ai 2 minuti è assegnato alla procedura di sicura discriminazione e validazione della presenza dincendio; raggiungimento: 1 minuto è riservato per la traslazione dei carrelli per raggiungere larea dellevento, grazie ad una velocità di crociera è maggiore di 40 km/h attivazione: 1 minuto è il tempo per necessario per attivare i monitori dei carrelli (agganciamento alla stazione attracco, puntamento, erogazione).

27 iTunnel Laffidabilità Gli elementi di ridondanza I monitori: ne sono presenti due, disposti sui due lati dell'incendio; Lalimentazione elettrica delle stazioni di attracco ad anello, indipendente e sicura sui due lati del focolaio; La comunicazione dei dati (fibra ottica e rame) in doppio anello; La trasmissione dei dati (segnalazione e comandi) tra ciascun carrello e la sala controllo sia su fibra ottica + connessione in rame, sia WiFi dedicata ad alte prestazioni; Il movimento di traslazione dei carrelli con quattro motori elettrici indipendenti; I collegamenti elettrici di potenza e di segnale tra la stazione di attracco e il carrello mobile con due distinti connettori, uno di riserva operativa dell'altro.

28 iTunnel Lintegrabilità ITunnel è completamente integrabile con i sistemi di spegnimento manuale con cassette idranti prescritto dalla normativa. È sufficiente installare le cassette con un passo multiplo di quello dei punti di osservazione, e quindi tipicamente 126 oppure 252 metri. La derivazione delle cassette idranti può avvenire direttamente dalla linea di alimentazione idroschiuma della struttura fissa adottando, localmente, una valvola riduttrice di pressione per ridurre questultima a ca. 4÷5 bar, ed equipaggiando la stazione di pompaggio con una pompa jockey, in grado di mantenere in rete a riposo la pressione richiesta per le lance manuali di 5 bar. La versatilità e lapplicabilità di iTunnel vale anche a gallerie esistenti: è consentito infatti lutilizzo indistinto sia in gallerie di tipo stradale e autostradale che per gallerie ferroviarie e metropolitane permettendo quindi di intervenire senza linterruzione di esercizio per lintera durata dei lavori dinstallazione.

29 iTunnel La manutenzione La manutenzione di iTunnel è resa particolarmente agevole da tre fattori principali: Tutti gli organi dell'impianto sono monitorati in continuo dallunità di controllo centrale del sistema, per cui eventuali problemi sono immediatamente segnalati e protocollati; Gli organi del sistema montati nelle diverse stazioni di attracco godono dimmediata accessibilità; La movimentazione dei carrelli mobili durante le operazioni di manutenzione è estremamente facile grazie al controllo telecomandato, che permette di condurre il carrello stesso in punti agevoli e accessibili, senza intralciare loperatività della galleria.

30 iTunnel Le funzioni ancillari Lequipaggiamento di iTunnel, oltre alla naturale e primaria funzione di protezione dagli incendi, può essere utilmente impiegato per scopi di monitoraggio e di manutenzione anche durante il regolare esercizio della galleria. Le funzioni ancillari: informazione allutenza con impianto fonico, amplificato a messaggi variabili (da attivare da remoto) può fornire indicazioni operative quali: allerta dinizio scarica idrica; avvisi di procedure di esodo per gli automobilisti; rilevamento presenza di sostanze pericolose, combustibili, infiammabili, tossiche o corrosive;altre indicazioni prefigurate dal Gestore dellinfrastruttura stradale;

31 iTunnel Le funzioni ancillari miglioramento delle condizioni di aderenza con lerogazione di sostanze criogeniche; Bonifica erogando sostanze disinquinanti per neutralizzare sversamenti di idrocarburi; manutenzione infrastrutture: per la pulizia periodica delle pareti tinteggiate della galleria con sostanze tensioattive detergenti; rilevazione inquinamento per la misurazione di (CO, NOx, Radon, ecc.); efficientamento impianti misurando la velocità dellaria, e regolando la ventilazione longitudinale/ trasversale; misura e controllo del traffico con rilevazioni personalizzabili.

32 iTunnel iTunnel in azione Facendo click sul link sottostante, sarà aperta una finestra YouTube che dimostra il funzionamento del sistema iTunnel

33 iTunnel iTunnel in sintesi altissima affidabilità nellintervento di spegnimento, in qualsiasi condizione di impegno della galleria (traffico congestionato, incidente, ostacoli etc.); elevata portata di spegnimento per qualsiasi tipo dincendio; disponibilità ad un utilizzo estremamente prolungato nel tempo; impiego della tecnologia antincendio più efficiente ad oggi; la molteplicità di gestione del sistema, con attivazione automatica o manuale; la sicurezza totale nella gestione grazie alla possibilità dintervento in remoto; l'adattabilità a qualsiasi tipo di galleria: stradale, ferroviaria e metropolitana; la certezza di efficienza funzionale, con autodiagnosi automatica e continua dello stato del sistema, in condizioni sia di stand-by sia operative; leconomicità di gestione e manutenzione.

34 La gestione del rischio Il progetto Quick Approach Program to fire Extinguisching - QuAPE Gestione della aree rosse Know HowTecnologiaInnovazione

35 La gestione del rischio Il progetto Quick Approach Program to fire Extinguisching QuAPE È il programma in corso di sviluppo per un approccio integrato e su misura per la gestione delle aree rosse delle infrastrutture Integrazione delle tre componenti fondamentali GSA Su misura: la soluzione ottimale per ciascun caso I punti chiave Sala di controllo centralizzata Protocollo di intervento Gestione globale dellemergenza

36 La nuova tecnologia iTunnel Roma 17 ottobre 2013


Scaricare ppt "Tavolo permanente sulla legislazione dei lavori pubblici dellOrdine degli Ingegneri della Provincia di Roma La nuova tecnologia iTunnel Alessandro Pedone."

Presentazioni simili


Annunci Google