La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L IMPRONTA ECOLOGICA Bisogna raggiungere un economia realmente sostenibile basata su un principio di equità.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L IMPRONTA ECOLOGICA Bisogna raggiungere un economia realmente sostenibile basata su un principio di equità."— Transcript della presentazione:

1 L IMPRONTA ECOLOGICA Bisogna raggiungere un economia realmente sostenibile basata su un principio di equità.

2 METODO DELLIMPRONTA ECOLOGICA Lanalisi dellimpronta ecologica capovolge completamente la domanda tradizionale : invece di chiedersi quante persone può sopportare la Terra?, il metodo dellimpronta si chiede quanta terra ciascuna persona richiede per essere supportata?. Limpronta ecologica rappresenta larea totale di ecosistemi terrestri ed acquatici richiesta per produrre le risorse che una determinata popolazione umana (un individuo, una famiglia, una comunità, una regione, una nazione ecc.) consuma e per assimilare i rifiuti che la stessa popolazione produce.

3 lImpronta ecologica mira ed esprimere la quantità di interessi maturati dalla natura di cui ci stiamo appropriando. Infatti se lo spazio bioproduttivo richiesto e maggiore di quello disponibile, possiamo ragionevolmente affermare che il tasso dei consumi non e sostenibile.

4 POPOLAZIONE anni fa la popolazione mondiale era compresa tra i 2 e i 20 milioni Nel abbiamo oltrepassato i sei miliardi Nel 2050 pler le nazioni unite saremo 9,3 miliardi di abitanti Nel 2007 la popolazione urbana era uguale a quella rurale

5 NORD/SUD Linsieme dei Paesi del Sud del mondo, oltre 5 miliardi di persone, consuma solo il 30% di risorse, energia e dei minerali estratti, mentre i Paesi sviluppati ne consumano il 70% con una popolazione di poco più di un miliardo di persone. Il consumo mondiali di questi beni è molto squilibrato

6 I = PAT I = PAT è un equazione che esprime limpatto della specie umana sui sistemi naturali: I = P x A x T. I = Impatto di un gruppo umano sullambiente = P = Popolazione A = consumo medio di risorsa per persona (consumo procapite ) T = indice della dannosità ambientale delle tecnologie che forniscono i beni consumati Lequazione I = PAT è la chiave per comprendere il ruolo della crescita demografica nella crisi ambientale.

7 IMPRONTA ECOLOGICA DI UNA PERSONA LImpronta ecologica di una persona e data dalla somma di sei diverse componenti: la superficie di terra coltivata necessaria per produrre gli alimenti, larea di pascolo necessaria per produrre i prodotti animali, la superficie di foreste necessaria per produrre legname e carta, la superficie marina necessaria per produrre pesci e frutti di mare, la superficie di terra necessaria per ospitare infrastrutture edilizie e la superficie forestale necessaria per assorbire le emissioni di anidride carbonica risultanti dal consumo energetico dellindividuo stesso. LImpronta ecologica e normalmente calcolata in ettari pro capite

8 LIMPRONTA ECOLOGICA DELLITALIA Alcuni esempi dellimpronta ecologia italiana: nel 1999 sono stati pubblicati i seguenti risultati: Isernia 2,09h procapite; Orvieto 2,25h procapite; Legnago 2,34h procapite, Nel 2000 sono stati resi noti i seguenti rapporti: Regione Liguria 3,64h procapite; Cosenza 3,99h procapite; Siena 4,09h. Nel 2001: Torino 3,3h procapite; Ancona 4,59h procapite, Provincia di Bologna 7,45h procapite

9 Popolazion e (milioni) Impronta procapite (ha) I Disponibilit à di biocapacità (ha) B Deficit ecologico procapite D=I-B USA2889,54,94,6 AUSTRALIA19,47,719,2-11,5 BRASILE1742,210,2-7,8 FRANCIA59,65,83,12,7 ITALIA57,53,81,12,7 CINA1292,61,50,80,7 INDIA1033,40,80,4 TERRA6148,12,21,80,4

10 LUTILIZZO GLOBALE DELLA TERRA Larea complessiva del nostro pianeta è di circa 51 miliardi di ettari, dei quali una quota inferiore a 15 miliardi di ettari e costituita dalle terre emerse DESCRIZIONESUPERFICIE (h)% Aree coltivate1,5 miliardi10 Pascoli-praterie3,4 miliardi23 Foreste-aree boscive 5,1 miliardi33 Suoli ghiacciati- deserti 5 miliardi32 Terreni edificati0,3 miliardi2

11 Le diverse nazioni si appropriano in modo diseguale della capacità bioproduttiva:i paesi più ricchi hanno un consumo di risorse ed una produzione di rifiuti pro capite molto più elevata di quella dei paesi poveri. Essendo il capitale naturale il nostro bene comune e indispensabile prevedere livelli di redistribuzione, secondo il principio di equità. Molte stime ritengono che almeno il 12% della superficie delle terre emerse debba essere preservato, ripartito in tutte le tipologie degli ecosistemi esistenti sul pianeta. Accettando questa stima e evidente che lumanità dovrebbe imparare a vivere equamente entro unImpronta ecologica di circa 2 ettari pro capite. Nel 2050 secondo le ultime stime delle nazioni unite saremo 9,3 miliardi, questo dato dovrà essere sotto i 1,2h procapite

12 OVERSHOOT DAY Il 21 agosto 2010 si è celebrata la giornata mondiale dello sovra sfruttamento o Overshoot day, cioè dal primo gennaio al 21 agosto lumanità ha consumato risorse rinnovabili del pianeta, mentre dal 22 agosto al 31 dicembre ha consumato capitale naturale. Stiamo usando 0,4 ettari in più di quelli che ci sono in realtà, circa il 25 % in più di quanto la Terra possa offrire in modo durevole e rinnovabile, cioè stiamo sovra sfruttando il sistema. Per un po di tempo la biosfera è in grado di sostenere la richiesta, in quanto si intacca il capitale naturale accumulato per millenni, ma tra un po la condizione di overshoot non sarà più sostenibile e noi cominceremo a rimanere senza risorse, come una carta di credito con il conto in rosso. Il metodo dellimpronta ecologica ci ha consentito di avere uno strumento facilmente comunicabile, per comprendere lentità del nostro impatto sulla natura.

13 COSA POSSIAMO FARE Usare meno energia e ottenerla il più possibile da fonti rinnovabili e inesauribili Riciclare tutto il riciclabile Eliminare tutti gli sprechi Eliminare il lusso e il superfluo

14 COSA FAREMO A scuola abbiamo iniziato a fare unindagine fra gli studenti delle classi prime dellIstituto Leardi su quanti conoscono la raccolta differenziata o la stanno già facendo a casa e sulle possibilità di farla anche a scuola. Dallanno prossimo abbiamo intenzione di iniziare la raccolta differenziata a scuola almeno di carta e di alluminio e valuteremo la possibilità di raccogliere anche altri materiali riciclabili, incominceremo ad utilizzare quaderni di carta riciclata …..


Scaricare ppt "L IMPRONTA ECOLOGICA Bisogna raggiungere un economia realmente sostenibile basata su un principio di equità."

Presentazioni simili


Annunci Google