La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DSA E STILE ATTRIBUTIVO. I bambini con DSA hanno spesso: 1. Un concetto di sé più negativo (Tabassam e Grainger, 2002) 2.Provano più ansia e hanno poca.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DSA E STILE ATTRIBUTIVO. I bambini con DSA hanno spesso: 1. Un concetto di sé più negativo (Tabassam e Grainger, 2002) 2.Provano più ansia e hanno poca."— Transcript della presentazione:

1 DSA E STILE ATTRIBUTIVO

2 I bambini con DSA hanno spesso: 1. Un concetto di sé più negativo (Tabassam e Grainger, 2002) 2.Provano più ansia e hanno poca autostima (Hall, Spruill e Webster, 2002) 3- Tendono a sentirsi meno responsabili del proprio apprendimento (Anderson-Inman, 1999) 4. Tendono a persistere poco ovvero ad abbandonare il compito alle prime difficoltà (Bouffard e Couture, 2003)

3 LIMPOTENZA APPRESA 1. Fallimenti attribuiti alla mancanza di abilità (Non sono bravo..) 2. Percezione di non potere fare nulla per cambiare Talvolta è associata a una continua ricerca di conferme da parte delladulto (sono stato bravo ?che voto mi dai ?) o a rabbia verso genitori o insegnanti Accusati di non aiutare (ce lhanno con me!) 3. MANCANZA DI CONTROLLO = io non posso fare niente per sottrarmi al fallimento o per migliorare sbaglierò sempre, quindi è meglio non applicarsi e rinunciare

4 LINTERVENTO DELLA SCUOLA INTERVENIRE COMPENSAREDISPENSARE STRUMENTI ASPETTI EMOTIVI RELAZIONALI

5 IL PRIMO INTERVENTO DELL INSEGNANTE 1- Andare a modificare lo stile attributivo del bambino 2. Puntare a promuovere la sua motivazione 3. Accogliere la sua difficoltà

6 CHE COSA SONO LE ATTRIBUZIONI? Definizione: Processi attraverso i quali ogni individuo analizza i suoi successi o insuccessi per capire chi o che cosa è responsabile della riuscita o meno di compiti di diverso tipo Ricercare cause di quello che ci succede quotidianamente nella vita Sono riflessioni che ognuno di noi fa inconsapevolmente

7 PRINCIPALI FORME ATTRIBUTIVE Presenza o assenza di: 1.IMPEGNO (interna – instabile – controllabile) 2.CAPACITA (interna – stabile – incontrollabile) 3.AIUTO (esterna – instabile – controllabile) 4.FACILITA (esterna – stabile – incontrollabile) 5.FORTUNA (esterna – instabile – incontrollabile)

8 LO STILE ATTRIBUTIVO E lo schema personale e tendenzialmente stabile di attribuzioni con il quale ciascun individuo spiega i propri successi o insuccessi Ciascuno stile attributivo si caratterizza per la scelta di una causa per spiegare gli eventi Alcuni stili sono più funzionali allapprendimento e altri meno

9 DA CHE COSA DERIVA LO STILE ATTRIBUTIVO? 1.Esperienze passate (ripetuti fallimenti possono far imparare che non esiste alcuna relazione tra impegno e risultato) 2. Dallo stile attributivo di insegnanti e genitori

10 COME INSEGNANTI E GENITORI INFLUENZANO LO STILE ATTRIBUTIVO DEL BAMBINO Il rapporto tra attribuzioni dei bambini e degli adulti di riferimento dipende : 1. dalla tendenza dei bambini a inferire le attribuzioni degli adulti partendo dalle loro risposte di tipo emotivo in caso di successo o insuccesso COLLERA: indicherebbe che ladulto pensa che il bambino non si è impegnato ma che potrebbe farcela COMPASSIONE: rivela la credenza di mancanza di abilità e la preclusione diogni possibilità di miglioramento 2. dalla teoria dellintelligenza degli adulti di riferimento

11 STILI ATTRIBUTIVI PRINCIPALI - DE BENI E MOE Stile Impegno Strategico 2. Stile Abile 3. Stile Depresso 4. Stile Negatore 5. Stile Pedina

12 STILE IMPEGNO STRATEGICO Quello stile attributivo che riconosce limportanza dellimpegno inteso come capacità di usare strategie adatte affinchè il compito possa essere risolto con successo strategico in quanto porta alla ricerca e alluso di strategie efficaci per riuscire in un compito Tendenza ad attribuire il successo allimpegno e linsuccesso alla mancanza di impegno

13 STILE IMPEGNO STRATEGICO IN CASO DI SUCCESSO: Conferma dellefficacia delle strategie scelte e applicate IN CASO DI FALLIMENTO: Pensare di non aver fatto abbastanza per riuscire Ovvero di non aver usato le strategie più adatte al tipo di compito Consente di mantenere un buon livello di fiducia nelle proprie possibilità e la percezione di poter controllare personalmente la situazione

14 STILE DEPRESSO ( TIPICO NEI DSA ) 1.Attribuzione causale: Insuccesso > Mancanza di abilità (vergogna) Successo > Cause esterne (gratitudine, sorpresa) 2. Aspettative di riuscita: basse Rinunciatario; non fa niente per riuscire 3. Motivazione a evitare il fallimento 4. Persistenza nel compito: bassa 5.Evitamento compiti e situazioni valutative 6. Evitamento di compiti difficili in cui potrebbe emergere la propria incapacità

15 STILE NEGATORE 1.Attribuzione causale: Successo > Abilità (superbia) Insuccesso > Cause esterne (sorpresa) 2. Abilità = dote innata Chi ce lha, ha successo, chi non ce lha fallisce 3. Disfunzionale allapprendimento: 4.Poca importanza allimpegno 5. Di fronte agli insuccessi non cerca strategie più adatte 6. Motivazione a evitare il fallimento

16 STILE PEDINA 1.Attribuzione causale fatalistica: Successo > Cause esterne (gratitudine, sorpresa) Insuccesso > Cause esterne (rabbia, sorpresa) 2.Disfunzionale allapprendimento: 3.Poca importanza allimpegno 4.Coinvolgimento insufficiente, poco interesse 5- Motivazione a evitare il fallimento

17 STILE ABILE 1.Attribuzione causale fatalistica: Successo > Cause esterne (gratitudine, sorpresa) Insuccesso > Cause esterne (rabbia, sorpresa) 2.Poca importanza allimpegno 3. Coinvolgimento insufficiente, poco interesse 4. Motivazione a evitare il fallimento

18 STILE ABILE 1.Motivazione a evitare il fallimento 2.Disfunzionale allapprendimento 3. In caso di insuccesso può sviluppare senso di impotenza 4. Non persiste di fronte alle difficoltà 5. Non vengono affrontate le situazioni difficili e i compiti in cui non si è bravi 6. Mancanza di impegno e ricerca di strategie

19 IMPOTENZA APPRESA (LEARNED HELPLESSNESS) (SELIGMAN, 1975; ABRAMSON; TEASDALE,1978 ) Un senso di incapacità appreso attraverso esperienze fallimentari vissute come il riflesso della propria mancanza di abilità Accompagnata da aspettative di: INEVITABILE FALLIMENTO SENSAZIONE CHE NON SIA POSSIBILE FARE NIENTE PER AFFRONTARE POSITIVAMENTE LA SITUAZIONE

20 ATTRIBUZIONI ED APPRENDIMENTO SCOLASTICO La scelta della causa per spiegare i propri successi/insuccessi influenza lapprendimento scolastico perché influenza la probabilità di usare strategie adeguate per risolvere un compito. La spiegazione del perché si riesce o si fallisce rappresenta un aspetto importante della vita di uno studente: dalla risposta data, si costruiscono e dipendono i comportamenti successivi (Weiner, 1979)

21 CHI RICONOSCE LIMPORTANZA DELLIMPEGNO… 1.Tende a lavorare per migliorare le proprie competenze piuttosto che per dimostrare le proprie abilità 2. Persiste nel cercare di portare a termine le attività proposte 3. Anche di fronte a difficoltà che si possono presentare nellesecuzione Dweck, 2000

22 COLORO CHE ATTRIBUISCONO A CAUSE ESTERNE I PROPRI RISULTATI … 1.Possono mostrare disinteresse 2. Possono presentare scarso impegno verso le attività proposte 3. Tendono a non sforzarsi in situazioni che richiedono un alto carico cognitivo 4. Abbandonano facilmente il compito 5. Rischiano di non sviluppare abilità anche se le possiedono De Beni e Moè, 1995 Stipek, 1996

23 PROMUOVERE UN CORRETTO STILE ATTRIBUTIVO SCOPO: Portare il bambino, già a partire dalla scuola dellinfanzia, a riconoscere limpegno come causa principale dei propri successi o insuccessi abituandolo ad essere responsabile in prima persona In QUALI CASI? 1. Bambini che attribuiscono successi e insuccessi principalmente a cause esterne 2. Bambini che valutano in scarsa misura il ruolo del loro impegno personale nel portare a termine compiti scolastici e non

24 PROMUOVERE UN CORRETTO STILE ATTRIBUTIVO A QUALE ETA? Importanza di un intervento precoce Lo stile individuale che riconosce limportanza dellimpegno tende a stabilizzarsi e a mantenersi tale per tutta la vita a partire dagli 8-10 anni (Frieze e Snyder, 1980; De Beni, Moè e Ravazzolo, 1998; Skinner, 1990) con giovani adulti (De Beni e Moè, 1997) e con anziani (De Beni, 1993; Cornoldi e De Beni, 1995) si possono fare interventi efficaci

25 COME INTERVENIRE SULLO STILE ATTRIBUTIVO situazione reali 1.Interventi strutturati: Da proporre nel caso in cui il bambino attribuisca i propri successi/insuccessi principalmente a cause esterne 2.Più strutturato: Svolto mediante schede che gli insegnanti propongano prima, durante e dopo lo svolgimento di un compito 3.Interventi meno strutturati: Più legato a situazioni particolari Da utilizzare nel caso in cui il bambino non riconosca il ruolo dellimpegno in determinate

26 INTERVENTI STRUTTURATI PROPOSTI ALLINTERA CLASSE COME ORGANIZARLI? 4 fasi da attuare in periodi successivi dellanno scolastico: 1. Somministrazione della Prova di attribuzione. 2. Incontro con i genitori sullimportanza delle attribuzioni e richiesta di collaborazione alla famiglia 3. Uso della Prova delle motivazioni e delle attribuzioni in situazioni concrete (PMA-SC) quotidianamente o 2 volte a settimana minimo per far riflettere i bambini a riflettere sul perché un compito è riuscito/non è riuscito bene e sulle strategie adottate per risolverlo 4. Confronto prima e dopo: Somministrazione della Prova di attribuzione.

27 INTERVENTI IN SITUAZIONI SPECIFICHE Nel caso in cui linsegnate si accorga che il bambino in situazioni reali presenti talvolta modalità attributive che riconoscono poco il ruolo dellimpegno Fornire subito al bambino un feedback ad hoc, legato a quella particolare situazione specifica

28 CARATTERISTICHE DI UN BUON RINFORZO 1.CONTINGENTE 2.SPECIFICO 3.CREDIBILE

29 CARATTERISTICHE DI UN RINFORZO DEMOTIVANTE 1.Erogato a tutti in maniera indipendente dal risultato 2. A parità di risultati alcuni premiati altri no 3. Si riferisce alla prestazione in sé piuttosto che al miglioramento rispetto ai risultati precedenti 4. Sostiene la competitività e il confronto con i compagni piuttosto che focalizzarsi sul lavoro del singolo 5. Sottolinea il compiacimento delladulto piuttosto che limpegno del ragazzo

30 COSA SIGNIFICA DARE UN CORRETTO FEEDBACK Francesca, 9 anni, stile attributivo pedina Francesca riesce a raccontare molto chiaramente una storia che ha sentito e la maestra glielo dice. Ci sono riuscita bene perché la storia di questa mattina era facile Quali affermazioni potrebbero essere dei feedback corretti a modificare lo stile attributivo disfunzionale?

31 INTERVENTI IN SITUAZIONI SPECIFICHE: ESEMPI DI RISTRUTTURAZIONE COGNITIVA Tu hai detto che sei riuscita bene perché la storia letta era facile… A me sembra di aver visto che ti impegnavi, eri attenta, concentrata, interessata sia mentre la ascoltavi sia mentre lo raccontavi.. 1.Ripetere la risposta del bambino 2.Invitare alla riflessione sul lavoro svolto, sulla strategie usate e guidare il bambino alla consapevolezza che il successo dipende da lui

32 COSA SIGNIFICA DARE UN CORRETTO FEEDBACK Matteo, 10 anni, stile attributivo depresso (crede di non essere capace e di non poter migliorare) Matteo non riesce a rispondere correttamente a delle domande su un brano: Non sono bravo a rispondere alle domande Quali affermazioni potrebbero essere dei feedback corretti a modificare lo stile attributivo disfunzionale?

33 INTERVENTI IN SITUAZIONI SPECIFICHE: ESEMPI DI RISTRUTTURAZIONE COGNITIVA A me non sembra che tu non sia bravo. Ti ho visto altre volte riuscire in compiti simili, ricordi? Che cosa potevi fare per riuscire meglio? 1.Riflettere con il bambino su che cosa non è andato bene 2.Eventualmente fargli continuare il compito facendogli notare che con un maggiore impegno strategico il compito riesce meglio

34 I INTERVENTI IN SITUAZIONI SPECIFICHE: RINFORZI POSITIVI ALLA CLASSE Sottolineare limportanza dellimpegno strategico dicendo ad esempio: Oggi vi ho visto lavorare con molto impegno. Ho visto che prima di iniziare a scrivere avete letto la consegna senza distrarvi. Ho visto che alla fine, prima di consegnare, avete controllato il compito. Bene, continuate così, a lavorare con molto impegno


Scaricare ppt "DSA E STILE ATTRIBUTIVO. I bambini con DSA hanno spesso: 1. Un concetto di sé più negativo (Tabassam e Grainger, 2002) 2.Provano più ansia e hanno poca."

Presentazioni simili


Annunci Google