La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sondrio, 02 Marzo 2012 Le responsabilità in capo agli operatori del settore. Ing. Gianpiero Montalti CMP Associati - Milano 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sondrio, 02 Marzo 2012 Le responsabilità in capo agli operatori del settore. Ing. Gianpiero Montalti CMP Associati - Milano 1."— Transcript della presentazione:

1 Sondrio, 02 Marzo 2012 Le responsabilità in capo agli operatori del settore. Ing. Gianpiero Montalti CMP Associati - Milano 1

2 Sondrio, 02 Marzo 2012 Contenuti della presentazione Inquadramento legislativo Quadro riassuntivo delle responsabilità per Progettisti, Imprese, Direzione Lavori e Collaudatori Responsabilità Vigilanza del mercato 2

3 Sondrio, 02 Marzo 2012 Inquadramento Legislativo - 1 Direttiva Prodotti per le Costruzioni Dir 89/106/CEE Testo pubblicato sulla GUUE Recepimento nazionale per lintroduzione cogente anche nel nostro paese DPR 21 Aprile 1993, n° 246 Regolamento UE 305/2011 del Regolamento UE 305/2011 del

4 Sondrio, 02 Marzo 2012 Inquadramento Legislativo - 2 Testo Unico per lEdilizia Testo Unico per lEdilizia DPR 380/01 e s.m.i. DPR 380/01 e s.m.i. D.Lgs. 81/08 – Testo Unico per la sicurezza sul D.Lgs. 81/08 – Testo Unico per la sicurezza sul lavoro lavoro Norme Tecniche per le Costruzioni Norme Tecniche per le Costruzioni DM 14 Gennaio 2008 DM 14 Gennaio 2008 Circolare esplicativa Circolare esplicativa n°617 del 02 Febbraio 2009 n°617 del 02 Febbraio 2009 Codice Appalti (DPR 207_05 Ott 2010) Codice Appalti (DPR 207_05 Ott 2010) Codice Civile e Codice Penale Codice Civile e Codice Penale 4

5 Sondrio, 02 Marzo 2012 Alcuni riferimenti ed approfondimenti legislativi e normativi 5

6 Sondrio, 02 Marzo 2012 DPR 246/93 - Art. 11 Vigilanza 1 Al fine di verificare la conformità dei prodotti da costruzione alle prescrizioni del presente regolamento, il Ministero dellIndustria, del Commercio e dellArtigianato, il Ministero dellInterno ed il Ministero dei Lavori Pubblici, ciascuno nellambito delle rispettive competenze, hanno facoltà di disporre verifiche e controlli, con spesa a carico del fabbricante o del suo mandatario, mediante i propri uffici centrali o periferici, eventualmente coadiuvati da istituti o dipartimenti universitari ovvero da altri enti o laboratori individuati con specifico decreto del Ministero dellIndustria, del Commercio e dellArtigianato, di concerto con il Ministro dellInterno ed il Ministro dei Lavori Pubblici. 2 A tal fine è consentito alle persone incaricate: a) laccesso ai luoghi di fabbricazione, di immagazzinamento o di uso dei prodotti; b) lacquisizione di tutte le informazioni necessarie allaccertamento; c) il prelievo di campioni per lesecuzione di esami e prove. 3 I prodotti che risultino non muniti del marchio di conformità CE o dellattestato di conformità o del benestare tecnico europeo, o ne siano comunque privi devono essere immediatamente ritirati dal commercio e non possono essere incorporati o installati in edifici. 4 La consegna al possessore di prodotti e/o al costruttore delledificio di processo verbale di constatazione di taluno degli illeciti di cui al comma 3, comporta temporanea non commerciabilità dei prodotti stessi ed ordine di sospensione dei lavori. Entro i novanta giorni successivi alla predetta consegna il Ministero dal quale dipendono i verbalizzanti, se ravvisa sussistenti gli illeciti, emana provvedimento motivato in applicazione del comma 3 e lo comunica al fabbricante o suo mandatario ed al possessore dei prodotti, nonchè al costruttore; in tal caso, limporto del costo della verifica o del controllo è maggiorato del 50 per cento. 5 Ove si constati che prodotti, anche se muniti del marchio CE o dellattestato di conformità, o del benestare tecnico europeo, ed utilizzati conformemente allart. 2, comma 2, possono compromettere la sicurezza delle persone e/o dei beni, il Ministero competente con provvedimento cautelare ne vieta limmissione in commercio e lutilizzazione, eventualmente disponendone il sequestro. 6 Il provvedimento di cui al comma 5 è comunicato entro dieci giorni alla commissione del Mistero dellIndustria, del Commercio e dellArtigianato. 6

7 Sondrio, 02 Marzo 2012 I riferimenti al D.Lgs. 81/08 Altre sanzioni – penali o amministrative – per la violazione degli obblighi sulla marcatura CE per i materiali da costruzione possono ricavarsi dal D.Lgs. 81/08 – il c.d. Testo Unico per la sicurezza sul lavoro nella parte che riguarda le misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei o mobili (art. 88 e ss.), in quanto le responsabilità di committenti, responsabili dei lavori, deicoordinatori per la progettazione e per lesecuzione e dei datori di lavoro delle imprese esecutrici per la salute e la sicurezza nei cantieri sono influenzate anche dalla conformità dei materiali (o prodotti) da costruzione ai requisiti di sicurezza previsti dalla direttiva 89/106/CEE e simboleggiati dalla marcatura CE (cfr. penultimoconsiderando alla direttiva 92/57/CEE per la sicurezza e salute nei cantieri temporanei o mobili). 7

8 Sondrio, 02 Marzo 2012 LA MARCATURA CE PER GLI APPALTI DI FORNITURE NELLEDILIZIA - 1 Le forniture - per ledilizia e/o per altri settori di attività economica – di prodotti che rientrano nel campo di applicazione di una o più direttive comunitarie comportano automaticamente il requisito inderogabile della marcatura, con tutto quanto tale simbolo grafico presuppone sul piano della conformità a tutte le disposizioni della o delle direttive (requisiti essenziali e procedure di valutazione della conformità) applicabili al prodotto. 8

9 Sondrio, 02 Marzo 2012 LA MARCATURA CE PER GLI APPALTI DI FORNITURE NELLEDILIZIA - 2 Al di là, infatti, delle carenze e delle imprecisioni, lacune e/o errori frequentemente contenuti nelle formule contrattuali utilizzate per le forniture sia pubbliche che private, la marcatura CE, quale simbolo grafico che rappresenta ed attesta la completa conformità a tutte le direttive comunitarie in concreto applicabili ad un determinato prodotto, costituisce un requisito necessario ed inderogabile della legittimità del contratto di fornitura, in quanto requisito previsto da norme imperative di legge, con tutte le conseguenze previste dalla legge medesima in materia di contratti (Artt e 1418 del Codice Civile), ivi comprese le conseguenze di risarcimento del danno. 9

10 Sondrio, 02 Marzo 2012 LA MARCATURA CE PER GLI APPALTI DI FORNITURE NELLEDILIZIA - 3 Secondo lordinamento giuridico italiano, infatti, (Cfr. Art cc.) qualunque contratto di fornitura o di qualsiasi altra tipologia (compreso il contratto innominato, atipico o misto) deve essere sempre integrato – al di là delle previsioni contrattuali previste o non previste dai contraenti (che potrebbero anche essere in buona fede ignoranti oppure potrebbero in mala fede eludere ed aggirare gli obblighi di legge) – dalle disposizioni previste dallordinamento giuridico in modo imperativo, ossia inderogabile indipendentemente dalle previsioni, dalle volontà e dalla cultura dei contraenti. Questo principio è previsto dallArt del Codice Civile ed è tale da comportare la integrazione del contratto, intesa come integrazione automatica e necessaria che si realizza anche senza ed anche, eventualmente, contro la volontà dei contraenti. 10

11 Sondrio, 02 Marzo 2012 NTC Generalità … omissis … I materiali e prodotti per uso strutturale devono essere: identificati univocamente a cura del produttore ….;identificati univocamente a cura del produttore ….; qualificati sotto la responsabilità del produttore secondo le procedure applicabili;qualificati sotto la responsabilità del produttore secondo le procedure applicabili; accettati dal DL mediante acquisizione e verifica della documentazione di qualificazione.accettati dal DL mediante acquisizione e verifica della documentazione di qualificazione. 11

12 Sondrio, 02 Marzo 2012 NTC Generalità In particolare possono configurarsi i seguenti casi: A) materiali e prodotti per uso strutturale per i quali sia disponibile una norma europea armonizzata. Al termine del periodo di coesistenza il loro impiego nelle opere è possibile soltanto se in possesso della Marcatura CE, prevista dalla Direttiva 89/106/CEE; B) materiali e prodotti per uso strutturale per i quali non sia disponibile una norma europea armonizzata ovvero la stessa ricada nel periodo di coesistenza per i quali sia invece prevista la qualificazione con le modalità e le procedure indicate nelle presenti norme. E fatto salvo il caso in cui, nel periodo di coesistenza della specifica norma armonizzata, il produttore abbia volontariamente optato per la Marcatura CE; C) materiali e prodotti innovativi …. Non ricadenti in una delle tipologie A) o B). In tali casi Marcatura CE in conformità a Benestare Tecnico Europeo (ETA) ovvero di Certificato di Idoneità Tecnica rilasciato dal STC ….. 12

13 Sondrio, 02 Marzo 2012 NTC Generalità Per i materiali e prodotti recanti la Marcatura CE sarà onere del DL, in fase di accettazione, accertarsi del possesso della Marcatura stessa e richiedere ad ogni fornitore, per ogni diverso prodotto, il Certificato ovvero la Dichiarazione di Conformità alla parte armonizzata …. Sarà inoltre onere del DL verificare che tali prodotti rientrino nelle tipologie, classi e/o famiglie previsti nella detta documentazione. Per i prodotti non Marcati CE, il DL dovrà accertarsi del possesso e del regime di validità dellAttestato di Qualificazione … (del prefabbricatore) 13

14 Sondrio, 02 Marzo 2012 NTC Generalità Il Servizio Tecnico Centrale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici potrà attivare un sistema di vigilanza presso i cantieri e i luoghi di lavorazione per verificare la corretta applicazione delle presenti disposizioni, ai sensi dellArt. 11 del DPR n°246/93. 14

15 Sondrio, 02 Marzo Sospensioni e revoche E prevista la sospensione, nei casi più gravi o di recidiva, la revoca degli attestati di qualificazione dello stabilimento e/o della produzione in serie dichiarata o controllata, ove il STC accerti, in qualsiasi momento, difformità tra i documenti depositati e la produzione effettiva, ovvero la mancata ottemperanza alle prescrizioni contenute nella vigente normativa tecnica. I provvedimenti di sospensione e revoca vengono adottati dal Servizio Tecnico Centrale sentito il parere del Consiglio Superiore Lavori Pubblici e sono atti definitivi. 15

16 Sondrio, 02 Marzo 2012 I Documenti di accompagnamento I disegni di insieme;I disegni di insieme; Relazione sulle caratteristiche dei materiali di completamento;Relazione sulle caratteristiche dei materiali di completamento; Istruzioni di montaggio, movimentazione e posa;Istruzioni di montaggio, movimentazione e posa; Istruzioni per il corretto impiego e la manutenzione dei manufatti;Istruzioni per il corretto impiego e la manutenzione dei manufatti; Marchiatura indelebile;Marchiatura indelebile; Certificato di Origine;Certificato di Origine; Copia dellAttestato di Qualificazione;Copia dellAttestato di Qualificazione; Estratto del registro di produzione (prove interne) e copia dei certificati delle prove effettuate da Lab. Ufficiale;Estratto del registro di produzione (prove interne) e copia dei certificati delle prove effettuate da Lab. Ufficiale; Relazione tecnica.Relazione tecnica. I disegni di insieme;I disegni di insieme; Relazione sulle caratteristiche dei materiali di completamento;Relazione sulle caratteristiche dei materiali di completamento; Istruzioni di montaggio, movimentazione posa;Istruzioni di montaggio, movimentazione posa; Istruzioni per il corretto impiego e la manutenzione dei manufatti;Istruzioni per il corretto impiego e la manutenzione dei manufatti; Marcatura CE (+ Marchiatura);Marcatura CE (+ Marchiatura); Dichiarazione Conformità;Dichiarazione Conformità; Copia del Certificato FPC;Copia del Certificato FPC; Estratto del registro di produzione (prove interne da FPC per il solo CLS);Estratto del registro di produzione (prove interne da FPC per il solo CLS); Relazione tecnica.Relazione tecnica. Prodotti QualificatiProdotti Marcati CE 16

17 Sondrio, 02 Marzo 2012 La Marcatura CE a chi è rivolta ? La Direttiva 86/106 CEE è espressamente indirizzata alle aziende produttrici ed ai rivenditori di materiali; La Direttiva 86/106 CEE è espressamente indirizzata alle aziende produttrici ed ai rivenditori di materiali; Tratta dei prodotti e delle opere per ledilizia; Tratta dei prodotti e delle opere per ledilizia; I professionisti, pur non essendo direttamente coinvolti nella marcatura CE dei prodotti, rivestono un ruolo essenziale in merito allapplicazione ed al rispetto della Direttiva; I professionisti, pur non essendo direttamente coinvolti nella marcatura CE dei prodotti, rivestono un ruolo essenziale in merito allapplicazione ed al rispetto della Direttiva; I professionisti sono gravati da responsabilità non trascurabili. I professionisti sono gravati da responsabilità non trascurabili. 17

18 Sondrio, 02 Marzo 2012 I vari operatori e le rispettive responsabilità Committente Committente Progettista Progettista Impresa costruttrice Impresa costruttrice Produttore di manufatti prefabbricati Produttore di manufatti prefabbricati Direttore dei Lavori Direttore dei Lavori Collaudatore Collaudatore Le responsabilità previste a carico del produttore non mettono al riparo da eventuali corresponsabilità gli altri operatori della filiera. Le responsabilità previste a carico del produttore non mettono al riparo da eventuali corresponsabilità gli altri operatori della filiera. Per quanto riguarda i Professionisti coinvolti nel processo di costruzione sussistono implicazioni e responsabilità diverse a seconda del ruolo ricoperto. Per quanto riguarda i Professionisti coinvolti nel processo di costruzione sussistono implicazioni e responsabilità diverse a seconda del ruolo ricoperto. 18

19 Sondrio, 02 Marzo 2012 Responsabilità Non è ammessa lignoranza delle leggi/norme, soprattutto per gli operatori del settore ed i professionisti; Non è ammessa lignoranza delle leggi/norme, soprattutto per gli operatori del settore ed i professionisti; Diligenza ex art. 1176, comma 2, c.c. va valutata con riguardo allattività esercitata; Diligenza ex art. 1176, comma 2, c.c. va valutata con riguardo allattività esercitata; Comportamento colposo (ossia dovuto a negligenza, imprudenza, imperizia, inosservanza di leggi o regolamenti) o doloso (ossia intenzionalmente preordinato a cagionare il danno); Comportamento colposo (ossia dovuto a negligenza, imprudenza, imperizia, inosservanza di leggi o regolamenti) o doloso (ossia intenzionalmente preordinato a cagionare il danno); Corresponsabilità (su aspetti contrattuali e/o extra- contrattuali in parti uguali ed in solido tra tutte le figure coinvolte). Corresponsabilità (su aspetti contrattuali e/o extra- contrattuali in parti uguali ed in solido tra tutte le figure coinvolte). 19

20 Sondrio, 02 Marzo 2012 DPR 554/99 - Art.16 Norme tecniche Attribuzioni per il Progettista DPR 554/99 - Art.16 Norme tecniche 1. I progetti sono predisposti in conformità alle regole e norme tecniche stabilite dalle disposizioni vigenti in materia al momento della loro redazione. 2. I materiali e i prodotti sono conformi alle regole tecniche previste dalle vigenti disposizioni di legge, le norme armonizzate e le omologazioni tecniche. Le relazioni tecniche indicano la normativa applicata. 3. …. 20

21 Sondrio, 02 Marzo 2012 DPR 554/99 - Art Relazione generale del progetto esecutivo 1. La relazione generale del progetto esecutivo descrive in dettaglio, anche attraverso specifici riferimenti agli elaborati grafici e alle prescrizioni del capitolato speciale dappalto, i criteri utilizzati per le scelte progettuali esecutive, per i particolari costruttivi e per il conseguimento e la verifica dei prescritti livelli di sicurezza e qualitativi. Nel caso in cui il progetto prevede limpiego di componenti prefabbricati, la relazione precisa le caratteristiche illustrate negli elaborati grafici e le prescrizioni del capitolato speciale dappalto riguardanti le modalità di presentazione e di approvazione dei componenti da utilizzare. 2. La relazione generale contiene lillustrazione dei criteri seguiti e delle scelte effettuate per trasferire sul piano contrattuale e sul piano costruttivo le soluzioni spaziali, tipologiche, funzionali, architettoniche e tecnologiche previste dal progetto definitivo approvato; la relazione contiene inoltre la descrizione delle indagini, rilievi e ricerche effettuati al fine di ridurre in corso di esecuzione la possibilità di imprevisti. 21

22 Sondrio, 02 Marzo 2012 Il Progettista E opportuno che metta in atto la propria professionalità prescrivendo solo e soltanto prodotti marcati CE o comunque in regola con le leggi vigenti; E opportuno che metta in atto la propria professionalità prescrivendo solo e soltanto prodotti marcati CE o comunque in regola con le leggi vigenti; Qualora non li esplicitasse, fornirebbe un servizio poco professionale e non allaltezza delle esigenze, ma per taluni aspetti qualcuno potrebbe obiettare e non ravvisare carenze in quanto una legge/norma se è obbligatoria deve essere applicata indipendentemente dal fatto che venga richiamata; Qualora non li esplicitasse, fornirebbe un servizio poco professionale e non allaltezza delle esigenze, ma per taluni aspetti qualcuno potrebbe obiettare e non ravvisare carenze in quanto una legge/norma se è obbligatoria deve essere applicata indipendentemente dal fatto che venga richiamata; Dal punto professionale potrebbe essere censurabile ma la sua corresponsabilità potrebbe essere minima (Specificazione di prestazioni/classi richiamo di legge cogente) Dal punto professionale potrebbe essere censurabile ma la sua corresponsabilità potrebbe essere minima (Specificazione di prestazioni/classi richiamo di legge cogente) 22

23 Sondrio, 02 Marzo 2012 (Generale o Specialista) Il Progettista (Generale o Specialista) Deve redigere Contratti e Capitolati aggiornati alle più recenti normative; Deve redigere Contratti e Capitolati aggiornati alle più recenti normative; Deve definire chiaramente le Specifiche tecniche e/o le Caratteristiche dei materiali in tutti gli elaborati di progetto; Deve definire chiaramente le Specifiche tecniche e/o le Caratteristiche dei materiali in tutti gli elaborati di progetto; Deve prescrivere obbligatoriamente luso di materiali Marcati CE, ove e quanto divenuto cogente; Deve prescrivere obbligatoriamente luso di materiali Marcati CE, ove e quanto divenuto cogente; Deve scegliere il livello o classe del prodotto ove e quando previsto. Deve scegliere il livello o classe del prodotto ove e quando previsto. 23

24 Sondrio, 02 Marzo 2012 Il ruolo del Direttore dei Lavori delle opere strutturali Il direttore dei lavori delle opere strutturali è definito, dalla normativa vigente, un ausiliario del committente e ne assume la rappresentanza in un ambito strettamente tecnico. Il direttore dei lavori delle opere strutturali è definito, dalla normativa vigente, un ausiliario del committente e ne assume la rappresentanza in un ambito strettamente tecnico. Il Direttore dei Lavori ha lincarico, affidato dal Committente: Il Direttore dei Lavori ha lincarico, affidato dal Committente: dellalta sorveglianza dei lavori, da svolgere con visite nel numero necessario ad esclusivo giudizio dellingegnere emanando le disposizioni e gli ordini per lattuazione dellopera progettata nelle sue varie fasi esecutive e sorvegliandone la buona riuscita, dellalta sorveglianza dei lavori, da svolgere con visite nel numero necessario ad esclusivo giudizio dellingegnere emanando le disposizioni e gli ordini per lattuazione dellopera progettata nelle sue varie fasi esecutive e sorvegliandone la buona riuscita, della emanazione, al costruttore, delle disposizioni e degli ordini necessari affinché lopera venga realizzata in conformità al progetto strutturale e ne sia assicurata la buona riuscita. della emanazione, al costruttore, delle disposizioni e degli ordini necessari affinché lopera venga realizzata in conformità al progetto strutturale e ne sia assicurata la buona riuscita. Nel contratto di appalto privato il Direttore dei Lavori è responsabile per vizi e difformità dellopera derivanti dallomissione dei doveri di alta sorveglianza dei lavori, funzionali alla realizzazione dellopera in conformità al progetto. Nel contratto di appalto privato il Direttore dei Lavori è responsabile per vizi e difformità dellopera derivanti dallomissione dei doveri di alta sorveglianza dei lavori, funzionali alla realizzazione dellopera in conformità al progetto. Dal punto di vista pratico assicura che lopera venga eseguita secondo le indicazioni fornite dal progettista. Tale compito è molte volte delicato e complesso perché, anche a fronte di un progetto dettagliato e completo, si devono ugualmente risolvere problemi ed imprevisti dati dalle numerose aleatorietà presenti in cantiere che non possono essere tutte definite in fase di progetto. Dal punto di vista pratico assicura che lopera venga eseguita secondo le indicazioni fornite dal progettista. Tale compito è molte volte delicato e complesso perché, anche a fronte di un progetto dettagliato e completo, si devono ugualmente risolvere problemi ed imprevisti dati dalle numerose aleatorietà presenti in cantiere che non possono essere tutte definite in fase di progetto. 24

25 Sondrio, 02 Marzo 2012 I controlli: facoltà ed obblighi del Direttore dei Lavori Le prove previste dalle norme a carico dei produttori non hanno nulla a che vedere con le eventuali prove di accettazione di una fornitura che possono sempre essere richieste dal Committente e pattuite tra le parti; Le prove previste dalle norme a carico dei produttori non hanno nulla a che vedere con le eventuali prove di accettazione di una fornitura che possono sempre essere richieste dal Committente e pattuite tra le parti; Oltre alle prove ed ai controlli fatti dal produttore ci possono essere le prove ed i controlli fatti dallEnte Notificato (Sistemi : 1+, 1, 3); Oltre alle prove ed ai controlli fatti dal produttore ci possono essere le prove ed i controlli fatti dallEnte Notificato (Sistemi : 1+, 1, 3); Prove, controlli e collaudi effettuati dal DL possono e devono comunque essere effettuati ai sensi delle vigenti disposizioni, indipendentemente dalla marcatura CE. Prove, controlli e collaudi effettuati dal DL possono e devono comunque essere effettuati ai sensi delle vigenti disposizioni, indipendentemente dalla marcatura CE. 25

26 Sondrio, 02 Marzo 2012 (Generale o Specialista) Il Direttore dei Lavori (Generale o Specialista) E il rappresentante del Committente per gli aspetti Tecnici; E il rappresentante del Committente per gli aspetti Tecnici; E il garante della legalità dellopera e Controllore del Costruttore; E il garante della legalità dellopera e Controllore del Costruttore; Deve esaminare attentamente i documenti contrattuali/progettuali; Deve esaminare attentamente i documenti contrattuali/progettuali; E opportuno che avvisi e ribadisca allimpresa dellobbligatorietà della Marcatura CE per sensibilizzarla nella scelta dei fornitori che commercializzino solo prodotti marcati CE; E opportuno che avvisi e ribadisca allimpresa dellobbligatorietà della Marcatura CE per sensibilizzarla nella scelta dei fornitori che commercializzino solo prodotti marcati CE; Accetta ed autorizza lapprovvigionamento e linserimento nellopera solo di prodotti Marcati CE; Accetta ed autorizza lapprovvigionamento e linserimento nellopera solo di prodotti Marcati CE; Accerta espressamente lesistenza della Marcatura (Etichetta o DDT); Accerta espressamente lesistenza della Marcatura (Etichetta o DDT); Chiede copia del Certificato rilasciato dallEnte Notificato; Chiede copia del Certificato rilasciato dallEnte Notificato; Chiede sempre la Dichiarazione di Conformità del Produttore; Chiede sempre la Dichiarazione di Conformità del Produttore; E fatta salva la facoltà del DL di fare tutte le prove ritenute necessarie; E fatta salva la facoltà del DL di fare tutte le prove ritenute necessarie; Utilizza i riferimenti esistenti (norme) per eventuali campionamenti in contraddittorio o li definisce, preventivamente, di concerto con gli interessati. Utilizza i riferimenti esistenti (norme) per eventuali campionamenti in contraddittorio o li definisce, preventivamente, di concerto con gli interessati. 26

27 Sondrio, 02 Marzo 2012 Art Oggetto del collaudo 1. Il collaudo ha lo scopo di verificare e certificare che lopera o il lavoro sono stati eseguiti a regola darte e secondo le prescrizioni tecniche prestabilite, in conformità del contratto, delle varianti e dei conseguenti atti di sottomissione o aggiuntivi debitamente approvati. Il collaudo ha altresì lo scopo di verificare che i dati risultanti dalla contabilità e dai documenti giustificativi corrispondono fra loro e con le risultanze di fatto, non solo per dimensioni, forma e quantità, ma anche per qualità dei materiali, dei componenti e delle provviste, e che le procedure espropriative poste a carico dellappaltatore siano state espletate tempestivamente e diligentemente. Il collaudo comprende altresì tutte le verifiche tecniche previste dalle leggi di settore. 27

28 Sondrio, 02 Marzo 2012 Il Collaudatore Esamina i documenti contrattuali Esamina i documenti contrattuali Controlla i materiali utilizzati Controlla i materiali utilizzati Chiede levidenza della Marcatura (Azienda, Unità Produttiva e Prodotto) Chiede levidenza della Marcatura (Azienda, Unità Produttiva e Prodotto) Chiede copia del Certificato dellEnte Notificato Chiede copia del Certificato dellEnte Notificato Chiede originale della Dichiarazione del Produttore Chiede originale della Dichiarazione del Produttore E fatta salva la facoltà del Collaudatore di eseguire tutte le prove ritenute necessarie indipendentemente dalla marcatura CE E fatta salva la facoltà del Collaudatore di eseguire tutte le prove ritenute necessarie indipendentemente dalla marcatura CE 28

29 Sondrio, 02 Marzo 2012 Collaudo. Cosa fare se …… (1) Possibile disporre la sospensione del collaudo; Possibile disporre la sospensione del collaudo; Preventiva richiesta di chiarimenti e di tutte le evidenze necessarie (con attento controllo delle date sui documenti); Preventiva richiesta di chiarimenti e di tutte le evidenze necessarie (con attento controllo delle date sui documenti); Necessaria comunicazione scritta al Committente circa il presunto illecito rilevato trasmettendoli per conoscenza la richiesta di cui sopra e comunicandogli le conseguenze e le possibili azioni; Necessaria comunicazione scritta al Committente circa il presunto illecito rilevato trasmettendoli per conoscenza la richiesta di cui sopra e comunicandogli le conseguenze e le possibili azioni; 29

30 Sondrio, 02 Marzo 2012 Collaudo statico: riportare sempre il riferimento allillecito inerente alla mancanza d conformità CE ed indicare i responsabili ed i provvedimenti presi al fine di certificarne lidoneità statica e la coerenza (non conformità) alla norma armonizzata di riferimento; Collaudo statico: riportare sempre il riferimento allillecito inerente alla mancanza d conformità CE ed indicare i responsabili ed i provvedimenti presi al fine di certificarne lidoneità statica e la coerenza (non conformità) alla norma armonizzata di riferimento; Collaudo Tecnico-Amministrativo: Riportare esplicitamente il riferimento allillecito, le cause ed i responsabili, i riferimenti al collaudo statico ed operare una decurtazione per i costi aggiuntivi del collaudo statico ed il deprezzamento per la mancanza di conformità insanabile del prodotto/manufatto con decurtazione dal credito dellappaltatore di un importo variabile dal 30% al 100% del valore iniziale del componente finito (cioè del solaio e non solo della lastra prefabbricata) lasciando al Committente ed ai suoi legali di prendere le decisioni che ritengono più opportune sul collaudo così espresso. Collaudo Tecnico-Amministrativo: Riportare esplicitamente il riferimento allillecito, le cause ed i responsabili, i riferimenti al collaudo statico ed operare una decurtazione per i costi aggiuntivi del collaudo statico ed il deprezzamento per la mancanza di conformità insanabile del prodotto/manufatto con decurtazione dal credito dellappaltatore di un importo variabile dal 30% al 100% del valore iniziale del componente finito (cioè del solaio e non solo della lastra prefabbricata) lasciando al Committente ed ai suoi legali di prendere le decisioni che ritengono più opportune sul collaudo così espresso. Redigere una Relazione riservata sulloperato del Direttore Lavori ed anche dellImpresa Redigere una Relazione riservata sulloperato del Direttore Lavori ed anche dellImpresa Collaudo. Cosa fare se …… (2) 30

31 Sondrio, 02 Marzo 2012 Risvolti per Impresa e DL Incauto acquisto (dir. pen.) Incauto acquisto (dir. pen.) Commette tale contravvenzione chiunque, senza averne prima accertata la legittima provenienza, acquista o riceve a qualsiasi titolo cose che, per la loro qualità o per la condizione di chi le offre o per la entità del prezzo, si abbia motivo di sospettare che provengano da reato (art. 712 c.p.). Egualmente è punito chi si adopera per fare acquistare o ricevere a qualsiasi titolo alcuna delle cose suindicate, senza averne prima accertata la legittima provenienza. Per la punibilità è sufficiente che chi acquista non abbia prestato la dovuta diligenza quando, per qualità delle cose acquistate, le condizioni di chi offre il prezzo, doveva sospettare l'illiceità della loro provenienza. Nellincauto acquisto c'è il colposo mancato accertamento di quella provenienza Nella ricettazione cè il dolo. Cè la certezza della provenienza delittuosa della cosa acquistata o ricevuta. Pena: arresto fino a 6 mesi o ammenda. 31

32 Sondrio, 02 Marzo 2012 Vigilanza e Rispetto delle Regole (ove inviare segnalazioni di irregolarità) 32 Ministero delle Infrastrutture La sede del Consiglio Superiore dei lavori pubblici è presso il Ministero delle Infrastrutture pubblici è presso il Ministero delle Infrastrutture Via Nomentana, 2 - Roma. Servizio Tecnico Centrale: Tel. 06 / Servizio Tecnico Centrale: Tel. 06 / Fax 06 / Fax 06 / Altri Ministeri Interessati Procura della Repubblica Commissione Europea rappresentanza di Milano Corso Magenta, Milano 02 / Autorità Locali (Comune) Dirigente del Settore Competente (generalmente Ufficio Tecnico) Accredia Dipartimento Certificazione e Ispezione Dipartimento Certificazione e Ispezione Via Saccardo, Milano Via Saccardo, Milano Tel. 02/ Tel. 02/ Fax. 02/ Fax. 02/

33 Sondrio, 02 Marzo 2012 Conclusioni Quadro di riferimento normativo/legislativo articolatoQuadro di riferimento normativo/legislativo articolato Responsabilità - sempre e comunque - in carico anche alle imprese di costruzioniResponsabilità - sempre e comunque - in carico anche alle imprese di costruzioni Responsabilità per i professionisti molto ampie e definiteResponsabilità per i professionisti molto ampie e definite In alcuni casi sussistono ancora dubbi ed incertezze circa il quadro sanzionatorio applicabileIn alcuni casi sussistono ancora dubbi ed incertezze circa il quadro sanzionatorio applicabile E comunque necessario prevenire e tutelarsi da eventuali corresponsabilità attuando un rigoroso controllo delle forniture fin dalle prime fasi dei lavoriE comunque necessario prevenire e tutelarsi da eventuali corresponsabilità attuando un rigoroso controllo delle forniture fin dalle prime fasi dei lavori E necessario ed auspicabile lavvio di un organico e sistematico controllo del mercato da parte delle autoritàE necessario ed auspicabile lavvio di un organico e sistematico controllo del mercato da parte delle autorità 33

34 Sondrio, 02 Marzo Ing. Gianpiero Montalti


Scaricare ppt "Sondrio, 02 Marzo 2012 Le responsabilità in capo agli operatori del settore. Ing. Gianpiero Montalti CMP Associati - Milano 1."

Presentazioni simili


Annunci Google