La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGRAMMA TECNOLOGICO PER LE PMI Roma, ASI –20 novembre 2013 Marco Adami Space&Innovation.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGRAMMA TECNOLOGICO PER LE PMI Roma, ASI –20 novembre 2013 Marco Adami Space&Innovation."— Transcript della presentazione:

1 PROGRAMMA TECNOLOGICO PER LE PMI Roma, ASI –20 novembre 2013 Marco Adami Space&Innovation

2 Le piattaforme stratosferiche (sia unmanned che manned) si pongono come gap filler fra le possibilità offerte dallattuale sistema di trasporto aereo e quello relativo ai sistemi satellitari. Con compiti complementari, e non in sovrapposizione a questi, opereranno a quote comprese tra i 12 ed i 40 Km di altezza. Con vantaggi importanti quali: 1.Alto carico utile e capacità di volo a lungo raggio non-stop; 2.Bassi costi di trasporto, soprattutto per carichi paganti pesanti o di grandi dimensioni; 3.Basso consumo energetico unito ad una lunghissima autonomia operativa; 4.Non hanno strettamente necessità di una pista di decollo o di un aeroporto.

3 Posizionamento delle piattaforme stratosferiche.

4 Project ID / FP7-AAT-2011-RTD-1

5 SYSTEM ARCHITECTURE PTAH (Photovoltaic Transport Airship for High-altitudes) is a heavy payload and high quote cruiser which remains airborne on stable routes ATEN (Air Transport Efficient Network feeder) is a VTOL feeder airship by gas buoyancy linking the cruiser to the ground; AHA (Airship Hub Airport) is a new concept of low cost vertical airport hub joinable by ATEN, easy to build both in towns and in logistic centres. MAAT is an innovative transportation system, long-range, continental and intercontinental. Involves the use of hydrogen gas as safe, due to the cost in continuous growth of helium. Project ID / FP7-AAT-2011-RTD-1

6 MAAT Team Università degli Studi di Modena e Reggi EmiliaItalia Universidade da Beira InteriorPortogallo Logistic Network Consultants GmbHGermania The University of Hertfordshire Higher EducationUK Southern Federal UniversityRussia Engys LTDUK University of LincolnUK Alma Master Studiorum - Università di BolognaItalia EDL S.p.a.Uruguay Aero Sekur S.p.a.Italia Vrije Universiteit BrusselBelgio Politecnico di TorinoItalia

7 Number of passengers: approx. 300 Capable of landing in urban, densly populated areas. Although limited in speed, the "airborne" exchange of passengers and goods via the feeders allow reduced transport times. Cruiser: PTAH (Photovoltaic Transport Aerial High Altitude System) Feeder: ATENs (Aerial Transport Elevator Network) Project ID / FP7-AAT-2011-RTD-1

8

9 1. Identify and design the most functional cruiser/ airship architectures based on a discoid innovative airship able to remain airborne for long periods of time and to travel great distances. 2. Design the best type of propulsion both for cruiser and feeder so they can contribute together to the propulsion of an innovative modular airship. 3. Minimizing environmental impacts by annulling fossil fuels energy consumption as both cruiser and feeder are energetically autonomous. 4. Design the best procedure of docking operations in order to obtain the minimum disruption to passengers and the maximum safety for themselves and for goods. 5. Study the different possible ways of approaching and joining between ATEN and PTAH, and consequently the release of ATEN from PTAH. Project ID / FP7-AAT-2011-RTD-1

10 The exchange of passengers and cargo in the stratosphere allows new concepts of transport. MAAT allows for new chains of transport Project ID / FP7-AAT-2011-RTD-1

11

12 Dimension of Cruiser: 70 m height, diameter 350m Speed: approx. 200 km/h in calm air Altitudes: km Annual Costs: 24 million US $ (estimated) Lifetime: 10 Years (estimated) Maximum Range: 20 million km Empty Weight: 500 tons Project ID / FP7-AAT-2011-RTD-1

13

14 A livello mondiale, la frammentazione della Ricerca Tecnologica e delle iniziative Commerciali, non ha permesso il decollo del settore. Con il risultato che tutte queste iniziative Tecnologiche e Commerciali, hanno fallito tentando di utilizzare tecnologie non adeguate, non sviluppate e non integrate tra loro. LItalia possiede il background di partenza per avere successo. Ma è necessario un Piano di Sviluppo Strategico nazionale.

15 1.Progetto nazionale di grande ambizione in un settore destinato a significativi sviluppi commerciali in tempi medio lunghi, 2.Alto contenuto tecnologico e di innovazione per le PMI, favorendone lintegrazione a livello di sistema, 3.Standard tecnologici elevati in grado di garantire una leadership duratura, 4.Necessità di un elevato numero di addetti specializzati per la progettazione e produzione, 5.Aree tecnologiche da sviluppare in molti settori di punta dellaerospazio (dallenergia, ai materiali, dalla robotica alla propulsione etc.), con importanti ricadute dual-use, 6.Forte multidisciplinarietà e spinta al collegamento di partnership reali tra università e le PMI, 7.Progetto bottom-up rivolto anche alla grande impresa, per lo sfruttamento commerciale delle piattaforme nel campo della sicurezza, dello spazio, dellaeronautica, della difesa, dellenergia.

16 Nel 2012 si è svolto il bando per lo sviluppo e potenziamento dei cluster tecnologici Nazionali tra cui quello aerospaziale Cluster Tecnologico Nazionale Aerospaziale (CTNA) ha elaborato e presentato quattro progetti, che il decreto del MIUR ha giudicato ammissibili alle agevolazioni : sviluppo di elicotteri avanzati (AgustaWestland) tecnologie per laviazione generale e per le piattaforme UAV (Alenia Aermacchi), progetti spaziali di eccellenza (Thales Alenia Space) sistemi di propulsione ecocompatibile (Avio). Nellambito di una riunione tecnica tenutasi il 20 settembre scorso Aero Sekur ha proposto un 5° progetto dedicato alle PMI (come anche sollecitato dal MIUR al CTNA) )

17 Obiettivo del progetto di sviluppo a guida PMI è coinvolgere trasversalmente sul territorio nazionale grande e piccola/media industria, università e centri di ricerca; il progetto è denominato Pro Italia (PROgram over Innovative Technologies for A Lighter- than-air Industry Advancement) Il CTNA ha fatto proprio il progetto ed è stato costituito un Gruppo di Lavoro con CORE TEAM Aero Sekur, e un rappresentante AIDAA e CTNA e la partecipazione ai lavori dei rappresentanti scientifici e industriali di tutti i distretti aerospaziali italiani

18

19 REFERENTI REGIONALI SCIENTIFICOINDUSTRIALE CampaniaCIRACMD Emilia Romagna UNIMOREISOCOMP LazioUNIROMA1NEAT LombardiaPOLIMICGS + PMI tbd PiemontePOLITOTESEO PugliaENEASITAEL SardegnatbdOptomaterials ToscanaIFAC-CNR, FirenzeSelex ES + Kayser Srl Umbria MICROTECH con UNIPG) SERMS

20 REGIONEENTEREGIONEENTE CampaniaCMD EnginePiemonteUnione Industriale CampaniaCTNA/Distretto CampaniaPuglia Università del Salento CampaniaCIRAPugliaCNR Emilia RomagnaUniversità di Modena e ReggioPugliaPolitecnico di Bari Emilia RomagnaISOCOMPPugliaSITAEL LazioUniversità La SapienzaPugliaPolitecnico di Bari LazioS3LogSardegnaUniversità di Cagliari LazioNEATToscanaIFAC-CNR LombardiaCGSpaceToscanaIFAC-CNR PiemontePolitecnico di TorinoUmbriaSERMS PiemonteThalesAleniaSpaceUmbriaRtf Microtech PiemonteAPRUmbriaELES Equipment PiemonteTESEO S.p.AACARE PARTECIPANTI AL GDL

21

22

23

24 AGENDA STRATEGICA identificare unAgenda Strategica per la Ricerca (SRA) PIANO DI SVILUPPO TECNOLOGICO impostare un Piano di Sviluppo Tecnologico (PST) per le PMI in Italia STAKEHOLDERS (EC, MIUR, AGENCIES, MOD, …) Stanziamento di fondi necessari al lavoro di RTD del Piano di Sviluppo Strategico, previsione di Work Programmes tecnologici adeguati PROGRAMMI DI RICERCA Sviluppi tecnologici bastai sui programmi di RTD, in grado di creare nuove capabilities, prodotti, sistemi e servizi OBIETTIVO Creazione di know-how e capabilities competitive per offrire piattaforme stratosferiche LTA in grado di soddisfare le richieste degli Stakeholders e del mercato >>2020

25 I Domini Applicativi identificati e selezionati dal gruppo di lavoro sono: 1.DA1 – Telecomunicazioni, 2.DA2 – Osservazione e monitoraggio 2.DA3 – Produzione energetica 3.DA4 – Accesso allo Spazio (incluso misurazioni scientifiche e satellitari) E in corso la preparazione di una tabella delle Tecnologie abilitanti, con annessi i settori CTNA di riferimento, i potenziali referenti scientifici ed industriali, le definizioni dei TRL attuali, dei TRL Target H2020 e Budget previsto.

26 Non Modificabile Settore Tecnologico Tecnologia PropostaLeaderDTA diTRL di Altri Partner ITA Altri Partner EU Settore applicativo trasversale H2020 Prioritie sFP2050 PrincipaleSecondario (PMI e/o CdR)appartenenzapartenza (anche altri DT) (incluso Paese) & Challeng esGoals Energia Sistemi leggeri e resistenti per produzione energetica fotovoltaica AGT Engineering, MEDEL, SIMAVLazio Polito DENERGPiemonte4 Pannelli solari innovativi SITAELPuglia/Toscana REN SOLUTIONS Emilia Romagna7 Materiali Trasporti Meccanismi Safety Security TLC Payload I/F Generale Altre

27 I Domini Applicativi identificati e selezionati dal gruppo di lavoro sono: 1.DA1 – Telecomunicazioni, 2.DA2 – Osservazione e monitoraggio 2.DA3 – Produzione energetica 3.DA4 – Accesso allo Spazio (incluso misurazioni scientifiche e satellitari) E in corso la preparazione di una tabella delle Tecnologie abilitanti, con annessi i settori CTNA di riferimento, i potenziali referenti scientifici ed industriali, le definizioni dei TRL attuali, dei TRL Target H2020 e Budget previsto. Grazie per lattenzione. Domande?


Scaricare ppt "PROGRAMMA TECNOLOGICO PER LE PMI Roma, ASI –20 novembre 2013 Marco Adami Space&Innovation."

Presentazioni simili


Annunci Google