La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INS. MATERIA FRANCESCA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO TERME VIGLIATORE COLLEGIO DOCENTI 7 NOVEMBRE 2013 ADESIONE RETE MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO – INDICAZIONI NAZIONALI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INS. MATERIA FRANCESCA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO TERME VIGLIATORE COLLEGIO DOCENTI 7 NOVEMBRE 2013 ADESIONE RETE MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO – INDICAZIONI NAZIONALI."— Transcript della presentazione:

1 INS. MATERIA FRANCESCA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO TERME VIGLIATORE COLLEGIO DOCENTI 7 NOVEMBRE 2013 ADESIONE RETE MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO – INDICAZIONI NAZIONALI 2012 – USR SICILIA

2 PERCORSO Le Indicazioni Nazionali come punto di arrivo di un percorso che parte da: DM 9/02/79-Orari e programmi sc.media DPR 104/85 -Programmi didattici sc.primaria DM 3/06/91-Orientamenti per sc.infanzia INS. MATERIA FRANCESCA2

3 Commissione Saggi Berlinguer-Commissione De Mauro: dal '97 al 2001:Indirizzi per la scuola di base (Riordino dei cicli-Legge 30/00) D.L.vo 59/04-I.N.per i Piani di studio personalizzati (Legge 53/2003 Moratti) DM 31/07/07-Indicazioni per il curricolo(Fioroni) L.169/08:Riforma Gelmini-armonizzazione CM 49/12: Consultazione su Bozza 31/05/12 Nucleo redazionale: testo definitivo 4/09/12 INS. MATERIA FRANCESCA3

4 Parere CNPI e Consiglio di Stato DM 254 del 16/11/12:Regolamento sulle Indicazioni nazionali -testo definitivo allegato(pubblicazione G.U. del 5/02/2013 INS. MATERIA FRANCESCA4

5 OBBLIGATORIETA E PRESCRITTIVITA Dal 2013/14 le I.N. divengono Quadro di riferimento vincolante per l'elaborazione dell'offerta formativa che, pertanto, deve tenere conto di: Profilo dello studente Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Indicazioni per la scelta di contenuti, attività, metodologie, criteri di valutazione INS. MATERIA FRANCESCA5

6 CURRICOLO Percorso dinamico per il raggiungimento dei traguardi di competenze e del profilo dello studente e per il miglioramento continuo dellinsegnamento. INS. MATERIA FRANCESCA6

7 IDEA DI CANTIERE Occasione per ripensare la scuola nellottica di un percorso unitario da 3 a 14 anni Occasione di riflessione, ricerca, sperimentazione, confronto. INDICAZIONI NAZIONALI Prodotto aperto alla continua sperimentazione perlelaborazione di eventuali ulteriori piste di azioni INS. MATERIA FRANCESCA7

8 QUADRO DI GOVERNANCE A livello centrale: Comitato Scientifico Nazionale (CSN) A livello regionale: Staff con funzione di agevolare la partecipazione e favorire la formazione di reti A livello territoriale: istituzione di reti di scuole INS. MATERIA FRANCESCA8

9 AZIONI DI ACCOMPAGNAMENTO Informazione, formazione, riflessione e confronto Formazione e ricerca Documentazione e condivisione INS. MATERIA FRANCESCA9

10 FINALITA GENERALI Scuola, Costituzione, Europa Profilo dello studente La scuola dellinfanzia I bambini, le famiglie, i docenti, lambiente di apprendimento I campi di esperienza La scuola dellinfanzia I bambini, le famiglie, i docenti, lambiente di apprendimento I campi di esperienza La scuola del primo ciclo Il senso dellesperienza educativa Lalfabetizzazione culturale di base Cittadinanza e Costituzione Lambiente di apprendimento Le competenze disciplinari La scuola del primo ciclo Il senso dellesperienza educativa Lalfabetizzazione culturale di base Cittadinanza e Costituzione Lambiente di apprendimento Le competenze disciplinari STRUTTURA DELLE INDICAZIONI NAZIONALI 2012 CULTURA, SCUOLA, PERSONA La scuola nel nuovo scenario Centralità della persona Per una nuova cittadinanza Per un nuovo umanesimo LORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Dalle Indicazioni al curricolo Aree disciplinari e discipline Continuità ed unitarietà del curricolo Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Valutazione Certificazione delle competenze Una scuola di tutti e di ciascuno Comunità educativa, comunità professionale, cittadinanza INS. MATERIA FRANCESCA

11 PRINCIPI ISPIRATORI DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PERSONA Non somme di saperi, ma saper stare al mondo Cittadinanza & Costituzione Un nuovo Umanesimo Non Programmi ma Indicazioni Nazionali Non inseguire lo sviluppo di singole tecniche e competenze, piuttosto formare saldamente ogni persona sul piano cognitivo e culturale, affinché possa affrontare positivamente lincertezza e la mutevolezza degli scenari sociali e professionali, presenti e futuri. Superare la frammentazione tra le discipline, rafforzando le aree di trasversalità e interconnessione No ad aggregazioni arbitrarie di saperi (aree disciplinari); sì alla promozione di un nuovo umanesimo, dove i saperi si intersecano nello sviluppo di competenze di cittadinanza La responsabilità della costruzione del curricolo è affidata alla Scuola, nel rispetto di traguardi di competenza nazionali prescrittivi Il curricolo di istituto è espressione della libertà dinsegnamento e dellautonomia scolastica ed esplicita le scelte della comunità scolastica e lidentità dellistituto. Valutazione e autovalutazione costituiscono la condizione decisiva per il miglioramento delle scuole Verticalizzazione del curricolo in funzione delle 8 competenze- chiave di cittadinanza europee e degli assi culturali dellobbligo Centralità dei processi di inclusione e integrazione scolastica, finalizzati a rimuovere gli ostacoli…che impediscono il pieno sviluppo della persona umana (art. 3 Cost.) INS. MATERIA FRANCESCA

12 RETI DI SCUOLE per la presentazione di Progetti di sperimentazione Reti costituite da un minimo di quattro fino a un massimo di sei istituzioni scolastiche Attività di FormAzione di tipo laboratoriale Sperimentazione dei percorsi nelle classi Presentazione del Documento di costituzione della Rete e della Scheda progetto entro il 9 novembre 2013 INS. MATERIA FRANCESCA12

13 CARATTERISTICHE DEL PROGETTO Individuazione di bisogni Delineazione degli itinerari di formazione-ricerca Definizione delle modalità di sperimentazione Indicazione delle modalità di verifica Indicazione delle modalità di documentazione e condivisione dei prodotti INS. MATERIA FRANCESCA13

14 TEMATICHE PER LA SPERIMENTAZIONE TEMATICHE TRASVERSALI – Cultura, scuola, persona – Profilo dello studente – Curricolo verticale – Didattica per competenze – Ambiente di apprendimento – Valutazione e certificazione – Cittadinanza e costituzione – Inclusione – Competenze digitali – Comunità educativa professionale INS. MATERIA FRANCESCA14

15 TEMATICHE PER LA SPERIMENTAZIONE DISCIPLINE – Campi di esperienza per la Scuola dellInfanzia – Italiano – Lingua inglese e/o seconda lingua – Storia – Geografia – Matematica – Scienze – Musica – Arte e immagine – Educazione fisica – Tecnologia INS. MATERIA FRANCESCA15

16 CRITERI PER LATTUAZIONE DELLE MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO – Rispondenza ai bisogni – Valorizzazione delle autonomie – Pragmaticità – Concretezza – Pluralità di prospettive – Condivisione e cooperazione – Attenzione al sistema – Fattibilità. INS. MATERIA FRANCESCA16

17 F I N E INS. MATERIA FRANCESCA17


Scaricare ppt "INS. MATERIA FRANCESCA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO TERME VIGLIATORE COLLEGIO DOCENTI 7 NOVEMBRE 2013 ADESIONE RETE MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO – INDICAZIONI NAZIONALI."

Presentazioni simili


Annunci Google