La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sa poesia sarda e àteru in sa didàtica. 1 Giuseppe Gaia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sa poesia sarda e àteru in sa didàtica. 1 Giuseppe Gaia."— Transcript della presentazione:

1 Sa poesia sarda e àteru in sa didàtica. 1 Giuseppe Gaia

2 Laboratòriu didàticu. 25 h. de letzione curricolare inche sI.I.S F. Ciusa de Nùgoro: Istòria nuraghesa e etrusca in una classe de su I annu; Testu poèticu in duas classes de su II annu; Cantu I de sInferru in una classe de su III annu. 25 h. di lezione curricolare presso lI.I.S. F. Ciusa di Nuoro: Storia nuragica e etrusca in una classe del I anno; Testo poetico in due classi del II anno; Canto I dellInferno in una classe del III anno. Laboratorio didattico. 2 Giuseppe Gaia

3 Su testu poèticu. Medas bortas est unu de sos argumentos prus isgestos pro sos iscolanos. Finas ca, a bortas, lis proponimus poesias chi sunt a largu dae sa vida e dae su cuntestu issoro, iscritas in una limba meda literària e chi est a largu dae sa chi issos allegant cada die. Molte volte è uno degli argomenti più indigesti per gli alunni. Anche perché, a volte gli proponiamo poesie che sono lontane dalla loro vita e dal loro contesto, scritte in una lingua molto letteraria e lontana da quella che loro parlano ogni giorno. Il testo poetico. 3 Giuseppe Gaia

4 Limbàgiu poèticu e limba de sos iscolanos. Sa limba chi una parte de sos iscolanos allegat cada die est su sardu,ma sas poesias chi devent istudiare sunt in italianu. Tando, a sa fine, b'at unu tretu mannu a beru intre sa limba issoro e sa de sas poesias chi agatant in sos testos iscolàsticos. La lingua che una parte degli alunni parla ogni giorno è il sardo, ma le poesie che devono studiare sono in italiano. Allora cè infine una distanza veramente grande tra la loro lingua e quella delle poesie che trovano nei testi scolastici. Linguaggio poetico e lingua degli alunni. 4 Giuseppe Gaia

5 Didàtica in sardu. Tando proite non proare a istudiare su testu poèticu in sardu, moende dae poesias iscritas in sardu? Isseberende testos connotos e presentes finas in sa traditzione musicale, a manera de incurtziare su tretu intre sa limba de sos iscolanos e su limbàgiu de sa poesia. Perché allora non provare a studiare il testo poetico in sardo, partendo da poesie scritte in sardo? Scegliendo testi conosciuti e presenti anche nella tradizione musicale, in modo da ridurre la distanza tra la lingua degli alunni e il linguaggio della poesia. Didattica in sardo. 5 Giuseppe Gaia

6 Esperièntzia de laboratòriu. Totu custu amus proadu a lu fàghere in su laboratòriu, in duas classes II, cun resurtados chi podimus nàrrere bonos, cunforma a sagradu e a su contivìgiu de sos iscolanos e mesches cunforma a sos èsitos de sas verìficas. Abbiamo provato a fare tutto ciò nel laboratorio, in due classi seconde, con risultati che possono essere definiti buoni in base al gradimento, allinteresse e alla partecipazione degli alunni e soprattutto in base agli esiti delle verifiche. Esperienza di laboratorio. 6 Giuseppe Gaia

7 Sas poesias istudiadas. Sos testos istudiados, cun anàlisi mètrica e testuale, paràfrasi e cummentu, sunt istados: Unu ballu in maschera (P.Mereu), Est una notte e luna (Montanaru); Su contu de Giuanne (M.Murenu); Abberimi sa janna (Anònimu). I testi studiati, con analisi metrica e testuale, parafrasi e commento, sono stati: Unu ballu in maschera (P.Mereu), Est una notte e luna (Montanaru); Su contu de Giuanne (M.Murenu); Abberimi sa janna (Anonimo). Le poesie studiate. 7 Giuseppe Gaia

8 Sa Divina Commedia. In una classe III chi aiat giai fatu sannu in antis (in II) su laboratòriu subra de su testu poèticu, amus proadu a propònnere su Cantu I de sa Divina Commedia, ca aiamus giai incurtziadu su tretu intre sa limba chi allegant sos iscolanos e su limbàgiu poèticu. In una classe III che lanno prima (in II) aveva già fatto il laboratorio sul testo poetico, abbiamo provato a proporre il Canto I della Divina Commedia, perché avevamo già ridotto la distanza tra la lingua parlata dagli alunni e il linguaggio poetico. La Divina Commedia. 8 Giuseppe Gaia

9 Sistùdiu de su Cantu I. Traballende subra de su testu italianu de Dante, amus fatu sa paràfrasi, sanàlisi testuale e su cummentu in sardu de totu su Cantu I de sInferru. Amus istudiadu finas sas figuras retòricas e sos significados simbòlicos e allegòricos. Lavorando sul testo italiano di Dante, è stata fatta la parafrasi, lanalisi testuale e il commento in sardo di tutto il Canto I dellInferno. Si sono studiate anche le figure retoriche e i significati simbolici e allegorici. Lo studio del Canto I. 9 Giuseppe Gaia

10 SInferru de Dante in sardu. In custa manera Dante, Virgìliu e sas tres feras sunt devènnidos personàgios prus familiares, comente sos logos (su pedente iscuru e su cùcuru illuminadu). Finas custa borta sos resurtados si podent nàrrere bonos pro sos motìvos giai narados in antis. In questo modo Dante, Virgilio e le tre fiere sono diventati personaggi più familiari, così come i luoghi (la selva oscura e il colle illuminato). Anche questa volta i risultati si possono definire buoni per i motivi già detti in precedenza. LInferno di Dante in sardo. 10 Giuseppe Gaia

11 Sistùdiu de sistòria. Finas pro sistòria balet sa chistione giai fata pro sa poesia: mègius mòere dae su chi sos iscolanos connoschent o, in cada manera, est prus a curtzu a sa vida e a su cuntestu issoro. Forte est su disìgiu e su bisòngiu de connòschere sistòria sarda. Anche per la storia vale lo stesso discorso già fatto per la poesia: meglio partire da ciò che gli alunni conoscono o, in ogni modo, è più vicino alla loro vita e al loro contesto. È forte il desiderio e il bisogno di conoscere la storia sarda. Lo studio della storia. 11 Giuseppe Gaia

12 Sistòria nuraghesa e sistòria etrusca. Tando, in antis de comintzare sistùdiu de sistòria romana, amus propostu a sos iscolanos sistòria sarda in antis de Roma, mesches sedade nuraghesa, paris cun sistòria de àteros pòpulos preromanos, comente sos Etruscos. Allora, prima di iniziare lo studio della storia romana, abbiamo proposto agli alunni la storia sarda prima di Roma, soprattutto lepoca nuragica, assieme alla storia di altri popoli preromani, come gli Etruschi. La storia nuragica e la storia etrusca. 12 Giuseppe Gaia

13 Sistòria nuraghesa. Sos iscolanos ant istudiadu su pòpulu nuraghesu comente sistudiant totu sas àteras tzivilidades, tochende·nde sos vàrios aspetos: nàschida, isvilupu e morte de sa tzivilidade, polìtica, economia, sotziedade, arte, religione e relatas cun àteros pòpulos. Gli alunni hanno studiato il popolo nuragico così come si studiano tutte le altre civiltà, toccandone i diversi aspetti: nascita, sviluppo e morte della civiltà, politica, economia, società, arte, religione e rapporti con altri popoli. La storia nuragica. 13 Giuseppe Gaia

14 Aspetos positivos. Contivìgiu e curiosidade de sos iscolanos; Disìgiu de sos iscolanos de repìtere esperièntzias didàticas in sardu; Pagos casos de refudu pro sa didàtica in sardu; Èsitos pro su bonu positìvos de sas verìficas. Interesse, partecipazione e curiosità degli alunni; Desiderio degli alunni di ripetere esperienze didattiche in sardo; Pochi casi di rifiuto per la didattica in sardo; Esiti perlopiù positivi delle verifiche. Aspetti positivi. 14 Giuseppe Gaia

15 Aspetos negativos. Finas cun connoschèntzia orale de sa limba bastante o bona bat àpidu: Pràtica iscassa in sa letura de testos iscritos in sardu (medas bortas); Redrossia e birgòngia de impreare su sardu in sa didàtica, puru in dae in antis de persones connotas (a bortas). Anche con sufficiente o buona conoscenza orale della lingua si è avuta: Scarsa pratica nella lettura di testi scritti in sardo (molte volte); Ritrosia e vergogna nellusare il sardo nella didattica, pure davanti a persone conosciute (a volte). Aspetti negativi. 15 Giuseppe Gaia

16 Letziones cun sa manera CLIL. Sa limba impreada in sas letziones dae insignantes e iscolanos est istada pro su bonu su sardu, comente si faghet cun sa manera CLIL pro sas limbas istràngias. Est tocadu de impreare finas sitalianu, ca carchi iscolanu (pagos a beru) non cumprendet su sardu (in parte o pro nudda). La lingua utilizzata nelle lezioni da insegnanti e alunni è stata perlopiù il sardo, come si fa con il metodo CLIL per le lingue straniere. È stato necessario utilizzare anche litaliano, perché qualche alunno (pochi davvero) non capisce il sardo (in parte o per niente). Lezioni con il metodo CLIL. 16 Giuseppe Gaia

17 Limba comuna e limbas locales. Sos iscolanos ant istudiadu dispensas iscritas dae sos insignantes segundu sas normas de sa LSC. Non bat àpidu problemas mannos in sa cumprensione de su testu. In sas letziones cadaunu, iscolanu e insignante, at allegadu sa variante sua. Gli alunni hanno studiato dispense scritte dagli insegnanti secondo le norme della LSC. Non ci sono stati grossi problemi nella comprensione del testo. Nelle lezioni ognuno, alunno e insegnante, ha parlato la sua variante. Lingua comune e lingue locali. 17 Giuseppe Gaia

18 Sos iscolanos. Sos iscolanos chi ant leadu parte a su laboratòriu benint dae: Benetuti, Durgali, Garteddi, Irgoli, Lùvula, Nùgoro, Oniai, Orane, Orgòsolo, Orosei, Oroteddi, Orune, Su Burgu, Ulìana. Sas classes sunt: 1AG e 2BG , 2BG e 3BG de sI.I.S. F. Ciusa de Nùgoro. Gli alunni che hanno partecipato al laboratorio provengono da: Benetuti, Durgali, Garteddi, Irgoli, Lùvula, Nùgoro, Oniai, Orane, Orgòsolo, Orosei, Oroteddi, Orune, Su Burgu, Ulìana. Le classi sono: 1AG e 2BG , 2BG e 3BG dellI.I.S. F. Ciusa di Nuoro. Gli alunni. 18 Giuseppe Gaia


Scaricare ppt "Sa poesia sarda e àteru in sa didàtica. 1 Giuseppe Gaia."

Presentazioni simili


Annunci Google