La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ETICA E SPORT. La classe 2D AF dell I.T.C.G. «A. Mapelli» di Monza ha partecipato al progetto «Etica e sport» realizzato dallassociazione TRANSPARENCY.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ETICA E SPORT. La classe 2D AF dell I.T.C.G. «A. Mapelli» di Monza ha partecipato al progetto «Etica e sport» realizzato dallassociazione TRANSPARENCY."— Transcript della presentazione:

1 ETICA E SPORT

2 La classe 2D AF dell I.T.C.G. «A. Mapelli» di Monza ha partecipato al progetto «Etica e sport» realizzato dallassociazione TRANSPARENCY INTERNATIONAL, con la partecipazione di testimonial sportivi che hanno parlato dei seguenti argomenti: Fair play Doping Olimpiadi Corruzione Gli alunni hanno deciso di svolgere una presentazione sul fair play. Il FAIR PLAY è un gioco leale che identifica una serie di regole etiche e comportamenti da tenere in ambito sportivo, fondate sui principi di rispetto, solidarietà e correttezza. PREMESSA

3 Questa immagine rappresenta degli sciatori impegnati in una gara. Gli obblighi che gli sciatori devono tenere in pista sono i seguenti: Il sorpasso deve avvenire a monte o a valle; Resta l'obbligo di precedenza di chi viene da destra; Prestare soccorso ad un infortunato. Questultimo richiama lattenzione sul fair play, di cui tutti i concorrenti dovrebbero tenere molto conto. ATRIA CELINE

4 L immagine rappresenta un episodio di fair play, durante una gara di judo, dove la ragazza vestita di blu aiuta lavversaria ad alzarsi, compiendo un gesto di sportività e lealtà, dal momento che avrebbe potuto lasciarla a terra e prendersi tutti gli applausi. Questo gesto dovrebbe essere premiato perché non tutte le persone lavrebbero compiuto. BARTESELLI GIORGIA

5 Le partite, le gare, i round si vincono soltanto con il rispetto dellavversario e delle regole. - Sportivo francese BRIOSCHI MANUEL

6 Il fair play è dobbligo in tutti gli sport perché questo non deve essere solo competizione ma rispetto e senso di responsabilità nei confronti degli avversari. Anche nel ciclismo ci posso essere momenti di fair play, ad esempio un ciclista cade e lavversario che gli è accanto si ferma per soccorrerlo, oppure durante la gara, fa in modo di non tagliare la strada allavversario per non rischiare di farlo cadere. BUZZONI MATTEO

7 Fair play è una regola non scritta, ma dettata da un codice d'onore presente in molti sport (anche in quelli in cui è assente il contatto fisico, come nella pallavolo). La parola fair play (gioco corretto) si può tradurre infatti con lealtà. Nellimmagine si svolge un gioco corretto durante una partita di pallavolo, seguendo le regole del fair play. CEI ALESSIA

8 Penso che aiutare una persona della squadra avversaria in un campionato di alto livello, come ad esempio lNBA, in cui tutto il mondo guarda la partita che si sta disputando alla tv, piuttosto che in una palestra, sia un esempio per tutti gli sportivi. Si può esser fieri di gesti come questo. CELIBERTI JESSICA

9 Il fair play oltre ad essere un buon comportamento è anche una scelta molto dura poiché, per aiutare un avversario, si rischia di non poter vincere la gara. Ritengo che questo sia un grande atto di coraggio, che deve essere premiato ogni volta. CIULLA JENNIFER

10 Secondo me il fair play dovrebbe esistere in ogni sport, ma soprattutto nel cuore di ogni sportivo, perché aiutare un giocatore di una squadra avversaria dimostra maturità, lealtà e molto spirito sportivo. Nell'immagine è rappresentata una fantastica vittoria della squadra di pallavolo. Tutte le atlete sono entusiaste e felici per essersi aggiudicate la vittoria seguendo le regole del fair play ed avendo dato il meglio di loro stesse. CRIPPA ALLISON

11 DAMBROSIO ALESSANDRO Per me il fair play è saper vincere ma anche perdere, tenere un comportamento corretto per se stessi e per gli altri. Vincere sapendo di aver imbrogliato non è bello, sai che non hai vinto con le tue forze ma con linganno. Una vittoria con limbroglio non ti ripaga di tutti gli sforzi fatti in un anno.

12 ALICE MARTUFI Il fair play nella, danza come in tutti gli altri sport, è unazione positiva che si può compiere per rispetto delle compagne. Può essere che quando tu avrai bisogno daiuto anche loro saranno disposte ad aiutarti. Questa immagine rappresenta armonia, ed eleganza nei movimenti.

13 ORLANDINO VALENTINA In questimmagine è rappresentata una scena di riconoscimento per il vincitore da parte dellavversario. Nella boxe questo è necessario, come in qualsiasi altro tipo di sport. Il fair play è limpegno ufficiale a giocare sempre con totale rispetto verso lavversario, come è raffigurato nellimmagine. Nel gioco, come nello sport, ci saranno sempre un vincitore e un perdente, per cui è fondamentale saper riconoscere i propri errori tecnici ed i propri limiti fisici.

14 PASSONI ALESSANDRO Il fair play può essere un incontro dopo-gara tra squadre avversarie, in cui i giocatori si scambiano un gesto di rispetto reciproco; ciò è sempre stato considerato come un momento di socializzazione tra i giocatori. In questa immagine si può notare che il giocatore aiuta lavversario ad alzarsi e si congratula per il punto che ha fatto; questo è un comportamento di tutto rispetto e a mio parere è un esempio che dovrebbe infondere sportività in tutti i giocatori.

15 PELIGRA LUCA Secondo me il fair play è un atteggiamento rispettoso verso il prossimo. Gli avversari nello sport devono rimanere tali solo in campo, ma fuori, il rispetto e la buona educazione devono prevalere. Il fair play nel mondo calcistico è aumentato e oggigiorno, negli stadi europei, la maggior parte dei calciatori ha un comportamento tale da essere considerato rispettoso. Un altro comportamento rispettoso è il fair play finanziario: una legge limita i costi di gestione di una società consentendo di spendere al massimo l'85% delle entrate societarie. Ciò ha cambiato molto il modo di gestire i capitali nelle società calcistiche, che,ad esempio, non possono più permettersi i grandi colpi di mercato.

16 SAUSTO EMANUELE Questa immagine rappresenta un comportamento di fair play, che, come abbiamo visto, è unazione di pura sportività, da cui tutti dovrebbero prendere esempio. Nel basket potrei citare il caso del giocatore di una squadra che cade a terra durante una partita e dellavversario che lo aiuta a rialzarsi.

17 SCICCHITANO ALESSIA Il 2 dicembre scorso il corridore basco Iván Fernández Anaya si è reso protagonista di una corsa campestre a Burlada, in Navarra, pur arrivando in seconda posizione. Davanti a lui Abel Mutai, la medaglia di bronzo nella 3000 siepi a Londra: ma se non fosse stato per il suo avversario, Iván Fernández appunto, il keniano si sarebbe fermato a 10 metri dal traguardo, convinto di aver già concluso la gara e di averla vinta. Questuomo secondo me è da considerare un grande atleta altruista, generoso ed onesto. I gesti del fair play dovrebbero essere modelli di comportamento da imitare. Nello sport bisogna essere corretti e leali, perché lo si pratica per passione. Il rispetto dell' avversario, l'accettare i propri risultati e i propri limiti è essenziale, secondo me. Anche tra tifosi lo sport dovrebbe essere un'opportunità per divertirsi, stare insieme e conoscersi.

18 VOKSHI INIS In teoria il termine fair play significa spirito cavalleresco, lealtà verso l'avversario, sia nello sport che nella vita. Nel gioco del basket, indica un gioco educativo, onesto, bello, perché attraverso il rispetto delle regole, scritte e non, si consolidano cultura e civiltà.


Scaricare ppt "ETICA E SPORT. La classe 2D AF dell I.T.C.G. «A. Mapelli» di Monza ha partecipato al progetto «Etica e sport» realizzato dallassociazione TRANSPARENCY."

Presentazioni simili


Annunci Google