La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Analisi globali per edifici in muratura (Pushover) (a cura di Michele Vinci) Tutte le immagini riportate sono tratte dal testo: Metodi di calcolo e tecniche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Analisi globali per edifici in muratura (Pushover) (a cura di Michele Vinci) Tutte le immagini riportate sono tratte dal testo: Metodi di calcolo e tecniche."— Transcript della presentazione:

1 Analisi globali per edifici in muratura (Pushover) (a cura di Michele Vinci) Tutte le immagini riportate sono tratte dal testo: Metodi di calcolo e tecniche di consolidamento per edifici in muratura – Michele Vinci – Flaccovio Ed.

2 Analisi globale per edifici in muratura Tipologie di analisi consentite -Statica lineare (molto restrittiva per edifici in muratura); -Dinamica lineare (molto restrittiva per edifici in muratura); -Statica non lineare (Pushover); -Dinamica non lineare (molto complessa per la pratica quotidiana);

3 Analisi globale per edifici in muratura Per gli edifici in muratura, la normativa consente, a differenza di altre tipologie di strutture (per esempio c.a. ed acciaio), di utilizzare lanalisi statica non lineare anche per strutture la cui massa partecipante del primo modo di vibrare è inferiore al 75% (la normativa, attraverso il punto del D.M. 14/01/2008 fissa il limite inferiore della massa partecipante del primo modo al 60%, mentre, la circolare 617/2009 non mette alcun limite). Il metodo consiste nellincrementare i carichi orizzontali (secondo prestabilite forme di carico) fino al collasso della struttura. Nel seguito ci occuperemo di pushover uni-modale non adattivo in quanto è il metodo richiesto dalla normativa italiana per il calcolo di edifici esistenti in muratura (Metodo N2). Analisi pushover

4 Analisi globale per edifici in muratura Fasi di calcolo Il metodo si articola nelle seguenti fasi: 1.Definizione della curva di capacità della struttura a più gradi di libertà; 2.Definizione del sistema equivalente ad un solo grado di libertà; 3.Calcolo della capacità di spostamento (u max ); 4.Calcolo della domanda di spostamento (d max ); 5.Confronto tra capacità di spostamento e domanda di spostamento. La verifica si ritiene soddisfatta quando risulta verificata la seguente (la capacità di spostamento deve essere maggiore o uguale alla domanda di spostamento):

5 Analisi globale per edifici in muratura Schematizzazione della parete (telaio equivalente) Secondo la schematizzazione a telaio equivalente, ogni parete è costituita da tre macro elementi: 1)maschi murari; 2)fasce di piano; 3)conci rigidi.

6 Analisi globale per edifici in muratura Schematizzazione della parete (maschi murari) Il legame costitutivo del maschio è elastico – perfettamente plastico definito dai seguenti parametri: k = tg( ) (rigidezza) (resistenza) 0 (spostamento elastico) u (spostamento plastico)

7 Analisi globale per edifici in muratura Schematizzazione della parete (maschi murari – rigidezza) La rigidezza k dellelemento si ottiene tenendo conto della deformazione a flessione ed a taglio (Timoshenko). Nel caso in cui lelemento è libero di traslare solo in testa (un solo grado di libertà), la rigidezza è data dalla seguente relazione: Nel caso in cui è anche libero di ruotare (comportamento a mensola), la rigidezza è data dalla seguente:

8 Analisi globale per edifici in muratura Schematizzazione della parete (maschi murari – resistenza) V f è la resistenza dellelemento per meccanismo di rottura a flessione V t è la resistenza dellelemento per meccanismo di rottura a taglio

9 Analisi globale per edifici in muratura Schematizzazione della parete (maschi murari – resistenza) Meccanismo di rottura per flessione Punto del D.M. 14/01/2008

10 Analisi globale per edifici in muratura Schematizzazione della parete (maschi murari – resistenza) Meccanismo di rottura per flessione h 0 è la distanza tra la sezione di verifica e la sezione a momento nullo.

11 Analisi globale per edifici in muratura Schematizzazione della parete (maschi murari – resistenza) Meccanismo di rottura per flessione La resistenza a flessione dipende dallo sforzo normale applicato sullelemento stesso. Landamento della resistenza a flessione in funzione dello sforzo normale è parabolico; Per sforzo normale nullo, la resistenza dellelemento è nulla; La massima resistenza si ottiene per la tensione 0 = 0.85f d /2.

12 Analisi globale per edifici in muratura Schematizzazione della parete (maschi murari – resistenza) Meccanismo di rottura per taglio (approccio allo scorrimento) Resistenza caratteristica Resistenza di calcolo Resistenza per meccanismo di rottura a taglio t è lo spessore della muratura ed l 1 è la lunghezza del maschio in compressione (Si utilizza per gli edifici di nuova costruzione)

13 Analisi globale per edifici in muratura Schematizzazione della parete (maschi murari – resistenza) Meccanismo di rottura per taglio (approccio Turnesek e Cacovic) Resistenza per meccanismo di rottura a taglio t è lo spessore della muratura ed l è la lunghezza del maschio, f td la resistenza a trazione della muratura. (Si utilizza per gli edifici esistenti) b è un coefficiente che tiene conto della snellezza del maschio b = h/l (1.0 b 1.5)

14 Analisi globale per edifici in muratura Schematizzazione della parete (maschi murari – 0 e u ) (rapporto tra resistenza e rigidezza) (per rottura a flessione del maschio – edifici nuovi) (per rottura a taglio del maschio) Spostamento elastico Spostamento ultimo (per rottura a flessione del maschio – edifici esistenti)

15 Analisi globale per edifici in muratura Schematizzazione della parete (fasce di piano) Il contributo di una fascia di piano nella resistenza sismica di una parete è notevole e può essere preso in considerazione solo se allinterno della fascia stessa è presente un elemento in grado di resistere a trazione (cordolo, tirante, architrave bene ammorsata, ecc.).

16 Analisi globale per edifici in muratura Schematizzazione della parete (fasce di piano) (Rottura per taglio) (Rottura per flessione) H p è il minimo tra la resistenza a trazione dellelemento teso e 0.4 f hd h t

17 Analisi globale per edifici in muratura Schematizzazione della parete (fasce di piano)

18 Analisi globale per edifici in muratura Schematizzazione della parete (Conci rigidi) I conci rigidi sono elementi in muratura non in grado di subire deformazioni che hanno la funzione di collegare i maschi murari e le fasce di piano.

19 Analisi globale per edifici in muratura Curva di capacità La curva di capacità è di fondamentale importanza per lanalisi pushover di una struttura. In ascissa viene rappresentato lo spostamento orizzontale (d c ) di un generico punto della struttura, detto punto di controllo (generalmente si assume il baricentro delle masse dellultimo impalcato), mentre in ordinata viene rappresentata la forza orizzontale alla base (V b )

20 Analisi globale per edifici in muratura Curva di capacità

21 Analisi globale per edifici in muratura Curva di capacità Il metodo consiste nellincrementare i carichi orizzontali fino al collasso della struttura. Nellincrementare i carichi, gli elementi (maschi e fasce) subiscono delle trasformazioni che comportano la variazione dello schema statico della struttura

22 Analisi globale per edifici in muratura Curva di capacità Cambia lo schema statico della struttura

23 Analisi globale per edifici in muratura Curva di capacità

24 Analisi globale per edifici in muratura Curva di capacità La curva deve essere calcolata per sisma agente nelle due direzioni principali (x ed y), per sisma positivo e negativo, ed utilizzando due distribuzioni di carico, una proporzionale alle masse e laltra proporzionale alle altezze.

25 Analisi globale per edifici in muratura Curva di capacità Generalmente la curva che si ottiene con profilo di carico proporzionale alle altezze è paragonabile a quella ottenuta con profilo di carico proporzionale alla prima forma modale

26 Analisi globale per edifici in muratura Curva di capacità Considerando le due direzioni, i due profili di carico e i due incrementi (positivo e negativo), si ottengono almeno 8 curva di capacità.

27 Analisi globale per edifici in muratura Trasformazione del sistema MDOF in quello SDOF equivalente

28 Analisi globale per edifici in muratura Sistema bilineare equivalente La struttura reale viene approssimata ad una struttura ad un solo grado di libertà definita dalla rigidezza equivalente (k*), dalla massa equivalente (m*) e dal periodo equivalente (T*).

29 Analisi globale per edifici in muratura Sistema bilineare equivalente Il tratto orizzontale si ottiene dallequilibrio delle aree. Larea che sta sopra della curva di capacità deve essere uguale a quella che sta sotto: Area1 + Area3 = Area2.

30 Analisi globale per edifici in muratura Capacità di spostamento e spostamento richiesto La capacità di spostamento si ottiene dalla curva di capacità della struttura. Secondo la normativa, se la curva di capacità è sempre crescente, si assume come u max il massimo spostamento della curva. Se la curva presenta dei rami decrescenti (come in b di figura), si assume come u max lo spostamento che riduce al massimo del 20% la forza massima (F max ) della curva di capacità.

31 Analisi globale per edifici in muratura Capacità di spostamento e spostamento richiesto se

32 Analisi globale per edifici in muratura Capacità di spostamento e spostamento richiesto Secondo la normativa, il fattore di struttura q* non può assumere valori maggiori di 3. Nel caso in cui ciò accade, lesito della verifica è da ritenersi negativo.

33 Analisi globale per edifici in muratura Verifica analisi pushover La verifica dellanalisi pushover si ottiene confrontando la capcità di spostamento (u max ) con lo spostamento richiesto (d max ). La verifica sismica si considera soddisfatta quando si verifica la seguente condizione: u max d max Come intuibile dalla precedente relazione, per migliorare lesito della verifica, deve aumentare la capacità di spostamento (u max ) e deve diminuire la domanda di spostamento (d max ). Per far diminuire la domanda di spostamento (d max ), deve aumentare la forza massima (F* max ) e la rigidezza del sistema (k*).

34 Analisi globale per edifici in muratura Verifica analisi pushover La maggiore resistenza è un fattore positivo per la verifica, mentre la minore rigidezza è un fattore negativo. Affinché migliorino le condizioni di resistenza della struttura, il contributo positivo della maggiore forza massima deve essere maggiore del contributo negativo della minore rigidezza.

35 Analisi globale per edifici in muratura Verifica analisi pushover La capacità di spostamento (u max ) è generalmente legata a dei limiti di normativa, per cui, difficile da far aumentare in modo significativo.

36 Analisi globale per edifici in muratura Verifica analisi pushover La capacità di spostamento (u max ) può anche diminuire per una errata scelta di consolidamento.


Scaricare ppt "Analisi globali per edifici in muratura (Pushover) (a cura di Michele Vinci) Tutte le immagini riportate sono tratte dal testo: Metodi di calcolo e tecniche."

Presentazioni simili


Annunci Google