La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I marchi :disciplina civilistica, fiscale e contabile.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I marchi :disciplina civilistica, fiscale e contabile."— Transcript della presentazione:

1 I marchi :disciplina civilistica, fiscale e contabile

2 Definizione I marchi, sono beni immateriali (intangibles) che rappresentano segni, emblemi atti a distinguere i prodotti o i servizi di un'impresa.

3 Le disposizioni civilistiche I marchi sono disciplinati: dagli artt del codice civileartt e dal D.Lgs. 10 febbraio 2005, n.30 ("Codice della proprietà industriale").n.30

4 Registrazione Con la registrazione, il codice dei diritti di proprietà industriale conferisce diritti esclusivi al marchio di impresa. Tali diritti hanno solitamente durata decennale a partire dalla data del deposito della domanda di registrazione, previa annotazione nel registro dei marchi di impresa e successiva notizia o menzione nel Bollettino ufficiale. Naturalmente è possibile rinnovare la registrazione del marchio sempre per periodi di dieci anni.

5 Acquisizione del marchio lacquisizione del marchio può avvenire nelle seguenti modalità: 1) acquisto a titolo oneroso; 2) costruzione interna; 3) licenza d'uso; 4) concessione a titolo gratuito. Indipendentemente dalle modalità sopra riportate, il marchio contabilmente si può rilevare, tra le immobilizzazioni immateriali, solo se acquisito a titolo oneroso o prodotto internamente (Principio contabile n. 24 della Commissione di Studio del CNDC e del CNR).

6 Ammortamento Una volta contabilizzato, il marchio, secondo le nostre attuali disposizioni civilistiche (art del codice civile), deve essere sottoposto al processo di ammortamento.art. 2426

7 L'ammortamento segue il concetto generale della "vita utile dell'intangible. In alcuni casi questa è configurabile con il periodo di produzione e commercializzazione in esclusiva dei prodotti cui il marchio si riferisce. Quando invece tale associazione non è possibile, convenzionalmente il periodo di ammortamento non deve superare i 20 anni.

8 Monitoraggio del valore Naturalmente il valore contabile del marchio dovrà essere costantemente monitorato e, pertanto, ogni anno il "valore recuperabile" dovrà essere rilevato e confrontato con il valore contabile. Nel caso in cui il primo valore fosse inferiore al secondo, si dovrà procedere a svalutare il bene immateriale per poi operare considerazioni corrette sui nuovi ammortamenti. Quanto sopra dovrà essere analiticamente esposto nella nota integrativa.

9 Il regime fiscale e il coordinamento con le disposizioni civilistiche Fiscalmente l'ammortamento del costo dei marchi deve avvenire in ossequio a quanto indicato dall'attuale art. 103 del Tuir ;art. 103 mentre il costo, per quanto attiene alla sua composizione, deve rispettare quanto disposto dall'art. 110 del Tuir.art. 110

10 Ammortamento fiscale art. 103 del Tuir così come modificato dal D.L. 4 luglio 2006, n. 223 (manovra Prodi) art. 103n. 223 In particolare, le quote di ammortamento sono ora deducibili in misura non superiore ad un diciottesimo del costo. La norma fiscale ha quindi stabilito un limite minimo alla durata dell'ammortamento del marchio. In pratica, fiscalmente, il costo può dedursi in un periodo liberamente scelto purché non inferiore ai 18 anni.

11 In sostanza Nella sostanza, ciò significa che quando la vita utile del bene (razionalmente definita in base alla durata della produzione o commercializzazione dei prodotti di riferimento o convenzionalmente determinata) è inferiore a 18 anni, il maggiore ammortamento civilistico dovrebbe essere fiscalmente ripreso in quanto temporaneamente non deducibile

12 Come si è modificato lart.103 tuir L'art. 103, prevedeva, prima dell'entrata in vigore della Manovra Prodi (D.L.223/2006), lammortamento del MARCHIO in misura non superiore a un decimo del costo.art. 103 Il comma 45 dell'art. 37 della Manovra Prodi ha modificato la misura dellammortamento, ora la quota non può essere superiore a un diciottesimo del costoart. 37 … le quote di ammortamento "relative al costo dei marchi d'impresa sono deducibili in misura non superiore ad un diciottesimo del costo

13 La nuova disposizione entra in vigore dal 2006 La nuova disposizione si applica, a decorrere dal periodo d'imposta in corso alla data di entrata in vigore del D.L. n. 223/2006 (4 luglio 2006, e quindi, per le società con esercizio coincidente con l'anno solare, dall'esercizio 2006) anche per le quote di ammortamento relative ai costi sostenuti nel corso dei periodi di imposta precedenti.

14 Disallineamento tra normativa civilistica e fiscale La modifica fiscale introdotta a partire dall'esercizio 2006 può determinare, dal punto di vista contabile, un'ipotesi di disallineamento tra normativa civilistica e normativa fiscale, con la conseguente iscrizione in bilancio della relativa fiscalità differita, almeno per i marchi iscritti in bilancio in esercizi precedenti al 2006.

15 Caso operativo Supponiamo che la società AVROS SRL abbia acquisito un Marchio nel 2003 al costo di ,00. Marchio iscritto nel ,00 Ammortamento civilistico10% (10 anni) Ammortamento fiscale fino al % (10 anni) Ammortamento fiscale dal 20065,55% (18 anni) Il piano di ammortamento è quello riportato nella slide seguente:

16

17 Negli esercizi dal 2003 al 2005 lammortamento civilistico è uguale a quello fiscale e pertanto non si è creato nessun disallineamento Di conseguenza lo stato patrimoniale al presenta le seguenti voci :

18 A partire dall'esercizio 2006, invece, si determina la seguente situazione: - l'ammortamento civilistico continua con la medesima aliquota dei precedenti esercizi (10 per cento), - l'ammortamento fiscale viene adeguato alla nuova aliquota del 5,55 per cento. Tale situazione origina, a partire dall'esercizio 2006, la necessità di gestire il nuovo disallineamento che si viene a determinare tra il valore civilistico ed il valore fiscale del marchio.

19 Nell'esercizio 2006, infatti, la società iscrive gli ammortamenti civilistici in conto economico. Tali ammortamenti non sono integralmente deducibili dal punto di vista fiscale, per cui, in sede di dichiarazione dei redditi, è necessario effettuare una variazione in aumento dell'imponibile pari a 556,25 [eccedenza degli ammortamenti iscritti in conto economico rispetto agli ammortamenti fiscalmente deducibili ( ,25 =556,25)]. Le rilevazioni contabili sono riportate nella slide seguente

20 Rilevazioni contabili Liscrizione di ammortamenti superiori allammontare massimo deducibile fiscalmente, determina il sorgere di una differenza temporanea deducibile che richiede liscrizione delle imposte anticipate per un importo di. 207,00 La rilevazione contabile è la seguente

21 Il bilancio di esercizio al si presenterà nel seguente modo

22 A fine esercizio 2006 la situazione è la seguente:

23

24 Il bilancio di esercizio al si presenterà nel seguente modo

25 A fine esercizio 2012 la situazione è la seguente: Nell'esercizio 2012, quindi, termina il processo di ammortamento civilistico, mentre dal punto di vista fiscale deve ancora essere dedotto un ammontare pari a.3893,75 (sommatoria delle quote di ammortamento fiscale dal 2013 al 2018)

26 Rilevazioni contabili dal periodo 2013 Negli esercizi dal 2013 al 2018, non saranno più rilevati contabilmente in bilancio ammortamenti del marchio perché a seguito dellabrogazione del 2° comma dellart.2426 c.c. non è più consentito imputare a conto economico rettifiche di valore per ragioni fiscali; Quindi nessuna rilevazione contabile relativa agli ammortamenti deve essere effettuata

27 Per dedurre le ulteriori quote di ammortamento dovremo agire esclusivamente nella dichiarazione dei redditi dichiarazione dei redditi Infatti in sede di dichiarazione dei redditi, si dedurranno ammortamenti per un ammontare annuo di.693,75, attraverso un'apposita deduzione.

28 Lunica rilevazione contabile che dovremo effettuare sarà quella relativa alla fiscalità differita A partire dall'esercizio 2013, infatti, si annullano le differenze temporanee deducibili (imposte anticipate) originate negli esercizi precedenti, per un importo annuo di.258 [37,25% (33% di ires+ 4,25 di irap) di 693,75]. La scrittura contabile è la seguente

29 Rilevazione contabile della fiscalità differita per gli esercizi dal 2013 al 2018 Il bilancio al 31/12/2013 si presenterà nel seguente modo Si noti che: Le imposte anticipate cominciano a diminuire; Le imposte differite appaiono adesso con segno negativo

30 A fine esercizio 2013 la situazione è la seguente: Le medesime scritture contabili esaminate per l'esercizio 2013 sono da redigere negli esercizi da 2014 a Di conseguenza, il bilancio dell'esercizio 2018 è il seguente:

31 Esercizio 2018 Nelles.2018 dovremo stare attenti al fatto che la fiscalità differita deve essere calcolata sullultima quota di ammortamento fiscale che è diversa dalle precedenti ed è pari a.425,00 perciò la rilevazione contabile della fiscalità differita sarà la seguente:

32 Bilancio al 31/12/2018


Scaricare ppt "I marchi :disciplina civilistica, fiscale e contabile."

Presentazioni simili


Annunci Google