La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AREA SISTEMA PRODUTTIVO, LAVORO E WELFARE Settore Sviluppo Economico Milano in CIFRE Dinamiche ed eccellenze produttive nellarea metropolitana milanese.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AREA SISTEMA PRODUTTIVO, LAVORO E WELFARE Settore Sviluppo Economico Milano in CIFRE Dinamiche ed eccellenze produttive nellarea metropolitana milanese."— Transcript della presentazione:

1 AREA SISTEMA PRODUTTIVO, LAVORO E WELFARE Settore Sviluppo Economico Milano in CIFRE Dinamiche ed eccellenze produttive nellarea metropolitana milanese

2 Milano in CIFRE 1 Presentazione di Milano in CIFRE Presentazione Rilanciare, partendo da Milano, azioni a sostegno dellinnovazione, della formazione, dello sviluppo occupazionale e produttivo, della competitività, quali fattori di crescita determinanti per il futuro del Paese, non solo in quei settori in cui il nostro territorio è già eccellente, ma soprattutto in nuovi ambiti strategici per il progresso, che permettano di creare nuovi talenti, nuove imprese e favorire investimenti nazionali e internazionali. Milano in CIFRE ha lo scopo di presentare il territorio dellarea metropolitana milanese ai potenziali investitori, agli operatori economici, ai cittadini offrendo una sintesi dei principali indicatori economici e sociali. Raccogliere e analizzare questi dati ci consente di ottenere una fotografia precisa del nostro territorio, non solo in termini di realtà economica, ma anche su aspetti che riguardano la qualità della vita, lo sviluppo sociale e la diffusione della conoscenza. Capire dove siamo oggi ci consente, inoltre, di evidenziare quello che ancora deve essere fatto per supportare il nostro territorio verso uno sviluppo costante e sempre più rispondente alle esigenze del mercato. Milano in CIFRE rappresenta unanalisi di rilievo e, al con- tempo, unoccasione preziosa per diffondere le realtà produttive e i servizi che caratterizzano il territorio della provincia di Milano. Paolo Giovanni Del Nero Assessore Sviluppo economico, Formazione e Lavoro

3 Milano in CIFRE 3 Indice: Indice PRESENTAZIONE 1 LA POPOLAZIONE E IL TERRITORIO DELLAREA METROPOLITANA MILANESE 3 IL SISTEMA DELLE INFRASTRUTTURE 10 IL SISTEMA ECONOMICO 15 - Industria manifatturiera 21 - Commercio al dettaglio 24 - Servizi 24 - Artigianato 26 - Agricoltura 29 - Imprese creative 29 LE ECCELLENZE MILANESI 30 - Design 32 - Il sistema moda 34 - Tecnologia 36 - Editoria e media 38 IL MERCATO DEL LAVORO 40 LUNIVERSITÀ E LA RICERCA 47 IL TURISMO 52 IL SISTEMA FIERISTICO 56 AGENZIE DI SVILUPPO E PARCHI TECNOLOGICI PARTECIPATI DALLA PROVINCIA DI MILANO 60

4 Milano in CIFRE 4 Con i suoi abitanti la provincia di Milano è una delle aree più popolose a livello europeo La popolazione e il territorio dellarea metropolitana milanese Il territorio della provincia di Milano si è profondamente evoluto negli ultimi anni, dando vita ad ununica area urbana sempre più estesa ed integrata, a seguito delle dinamiche demografiche e delle trasformazioni che - a partire dagli anni 70 - ne hanno ridisegnato la mappa sociale ed economica. Con i suoi abitanti distribuiti su un territorio di 1.578,9 Kmq, la provincia di Milano è una delle aree più popolose a livello europeo. E unarea ad elevata densità abitativa: con 1.996,12 abitanti per Kmq (di dieci volte superiore alla media nazionale), sebbene rappresenti solo il 7,22% del territorio regionale, copre ben il 32% dellintera popolazione lombarda. Grafico: popolazione residente in provincia di Milano (Novembre Novembre 2010) Fonte: ISTAT - Bilancio demografico mensile

5 Milano in CIFRE 5 La popolazione della provincia di Milano è contraddistinta da una netta prevalenza femminile La composizione della popolazione milanese è contraddistinta da una netta prevalenza della compo- nente femminile che assomma complessivamente unità, pari al 51,67% del totale [**]. Questo andamento delle dinamiche demografiche si riflette sull'evoluzione della dimensione dei comuni per numero di abitanti che vede assottigliarsi il numero dei comuni con meno di residenti a favore di quelli di dimensione maggiore. Dei 134 Comuni che la compongono ben cinque superano i abitanti[*]. Comuni della provincia di Milano per classe dimensionale. Anni [***] [*] Fonte: Istat, Bilancio Demografico mensile Novembre 2010 fine periodo [**] Fonte: ISTAT – Bilancio demografico mensile novembre 2010 fine periodo [***] Fonte: ISTAT - Bilancio demografico, anni vari

6 Milano in CIFRE 6 La presenza straniera a Milano appare un fenomeno particolarmente consistente e in costante crescita La presenza straniera a Milano appare un fenomeno particolarmente consistente e in costante crescita. Complessivamente gli stranieri registrati presso le anagrafi dei comuni della provincia di Milano sono pari al 11,09% dellintera popolazione, un fenomeno che appare però distribuito in misura molto disomogenea nel territorio provinciale, con una netta prevalenza del capoluogo e dei comuni ad esso più vicini [*]. Per quanto riguarda la struttura della popolazione per classi detà, si può notare come le donne siano in media nettamente più anziane degli uomini, ma anche come il processo di invecchiamento demografico investa in realtà la popolazione nel suo complesso. Le fasce detà ascrivibili alla popolazione anziana (over 60) sopravanzano infatti decisamente quelle relative ai più giovani sia per quanto riguarda le donne che gli uomini e anche nelle fasce centrali detà, prevalgono nettamente le classi più mature [**]. [*] Fonte: Istat - Popolazione straniera residente in Italia, anni vari [**] Fonte: ISTAT – Popolazione residente per classi di età, anno 2010 Immagine: Archivio fotografico della Provincia di Milano

7 Milano in CIFRE 7 Larea metropolitana di Milano rappresenta il principale crocevia nazionale di flussi economici e produttivi che garantiscono ampie opportunità ma pongono alcune sfide proprie delle aree urbane globali. Al contempo, il territorio dellarea metropolitana di Milano è per oltre il 50% (pari a 728,69 kmq) destinato ad utilizzo agricolo o forestale [**]. [*] Fonte: Istat, Bilancio Demografico mensile Novembre 2010 fine periodo [**] Fonte: Provincia di Milano: Documento Strategico e Programma Sviluppo Turistico 2009 Il territorio dellarea metropolitana è per oltre il 50% destinato ad utilizzo agricolo o forestale

8 Milano in CIFRE 8 Il sistema del verde In provincia di Milano sono riconosciuti attualmente 16 Parchi Locali di Interesse Sovracomunale (di cui 9 interprovinciali), che interessano complessivamente 40 comuni milanesi ed una superficie di circa ettari. Altri 5 PLIS sono ora interamente ricompresi nell'ambito territoriale della Provincia di Monza e Brianza [*]. [*] Fonte: Provincia di Milano - Sistema turistico metropolitano Immagine: Archivio fotografico della Provincia di Milano

9 Milano in CIFRE 9 In provincia di Milano sono riconosciuti attualmente 16 Parchi Locali di Interesse Sovracomunale I Parchi locali riconosciuti interamente compresi nel territorio della Provincia di Milano I Parchi locali interprovinciali [*] Fonte: Provincia di Milano - Sistema turistico metropolitano

10 Milano in CIFRE 10 La sua storica posizione centrale rispetto ai flussi europei permette alla provincia di Milano di beneficiare di un sistema integrato e complesso di trasporti Il sistema delle infrastrutture VIABILITÀ e RETE FERROVIARIA La rete autostradale, che ha in Milano lo snodo più importante dItalia, si sta adeguando a sostegno dei volumi di traffico diretti in città e dei nuovi collegamenti fra aree interne o attigue allarea metropolitana grazie ad alcuni interventi di grande portata: completamento della quarta corsia nel tratto Milano-Bergamo dellautostrada A4 Torino-Trieste, realizzazione e progettazione di nuove arterie di comunicazione ad alta capacità tra Milano e le città della Lombardia (Pedemontana, Brebemi, Est-Est, Sistema di viabilità di accesso allarea Expo 2015). Immagine: Archivio fotografico della Provincia di Milano

11 Milano in CIFRE 11 Larea metropolitana di Milano, e in generale della Lombardia, è connessa con il resto del mondo da un sistema integrato di quattro aeroporti internazionali: Malpensa, il City Airport di Linate, lo scalo di Bergamo - Orio al Serio, specializzato nei voli low cost e nel traffico merci, e laeroporto di Brescia Montichiari, il nuovo scalo che integra i low-cost e il traffico cargo regionale. Dalle aerostazioni di Malpensa, Linate, Orio al Serio e Brescia sono transitati nel 2010 oltre 34 milioni di passeggeri e oltre tonnellate di merci [*]. 4 aeroporti internazionali Immagine: INNOVATION FESTIVAL 2010, concorso "Fotografa l'innovazione" - Titolo: Passato e Presente - foto di Massimo Dallaglio Fonte: Regione Lombardia PasseggeriNumero voliCargo Voli nazionali Voli internazionali Voli nazionali Voli internazionali Merci avio Posta/merci superficie Malpensa Linate Orio al Serio Montichiari [*] Fonte: ENAC - Dati traffico 2010

12 Milano in CIFRE 12 Lo snodo ferroviario di Milano rappresenta anchesso unintersezione fondamentale per i collegamenti con lEuropa del Nord e dellEst. In pochi anni, il ruolo baricentrico di Milano rispetto alle grandi vie di comunicazione europee sarà ribadito e rafforzato con la costruzione del corridoio ferroviario 5, Kiev-Lisbona-Rotterdam, e della linea ferroviaria ad alta velocità Napoli-Roma-Nord Europa. Lo snodo ferroviario è fondamentale per i collegamenti con lEuropa Immagine : Stazione Centrale di Milano - foto di Cristina Terrusi

13 Milano in CIFRE 13 Il sistema ferroviario, di cui Milano costituisce un crocevia di importanza strategica è in fase di continuo potenziamento con linee ad Alta Velocità. Sono previsti in agenda investimenti per 27 miliardi: per il 2014 è prevista la consegna di 6 nuovi treni ad altissima velocità, insieme a un obiettivo di fatturato che, con le attività estere, punta a superare i 10 miliardi. Si prevede, inoltre, unofferta ad hoc per le esigenze delle grandi aree metropolitane e il rilancio del trasporto merci. Affidabilità quindi, unita alla qualità, al continuo upgrading e flessibilità dellofferta sono le parole chiave per una metropoli in cui le stazioni sono più di un luogo di passaggio, così come i treni sono più di un mezzo di trasporto.[**] Il sistema ferroviario, di cui Milano costituisce un crocevia di importanza strategica è in fase di continuo potenziamento con linee ad Alta Velocità [**] Fonte: La Freccia – Mensile per i viaggiatori delle Ferrovie dello Stato Italiane Immagine : Stazione Centrale di Milano - foto di Cristina Terrusi

14 Milano in CIFRE 14 Il sistema del passante ferroviario permette lintegrazione tra le reti delle Ferrovie dello Stato, delle Ferrovie Nord Milano e delle tre linee della metropolitana e rappresenta pertanto uninfrastruttura determinante per il riordino del traffico. Con oltre 300 km di linee, pari a circa il 2% della rete nazionale, lattuale rete ferroviaria del territorio milanese collega capillarmente larea metropolitana [***]. La metropolitana di Milano, asse portante della locale rete di trasporti pubblici, si compone di tre linee (più due in fase di costruzione) per un'estensione complessiva di 74,6 km (la maggiore in Italia). La rete è gestita, insieme ai mezzi di superficie, dall'Azienda Trasporti Milanesi (ATM). L'intera rete è stata costruita dalla società Metropolitana Milanese S.p.A. (MM). Circa 50 km di rete si snodano attraverso il territorio comunale di Milano, mentre i restanti 26 raggiungono i comuni dell'hinterland. Il sistema del passante ferroviario permette lintegrazione tra le reti delle Ferrovie dello Stato, delle Ferrovie Nord Milano e delle linee della metropolitana [***] Fonte: Provincia di Milano, Relazione sullo stato dellambiente Immagine : ATM

15 Milano in CIFRE 15 La posizione geografica e il carattere della popolazione fanno da sempre della provincia di Milano una realtà economica dinamica Il sistema economico Con le sue imprese attive nel 2011, che costituiscono più del 34% delle imprese lombarde e più del 5% delle imprese italiane, larea metropolitana di Milano è uno dei territori più ricchi ed economicamente sviluppati dItalia [*]. Imprese attive in provincia di Milano per settore di attività [*] Fonte: Movimprese, I trimestre 2011

16 Milano in CIFRE 16 Il 2010 ha registrato una crescita dellattività di interscambio estero [**] Fonte: Camera di Commercio di Milano, Milano Produttiva 2011 Nel 2010 la ripresa dellattività economica si è trasmessa con intensità differenziata ai settori del sistema economico locale: allandamento positivo del valore aggiunto prodotto in provincia (+2,7%), hanno contribuito principalmente il settore manifatturiero (+7,7%) e i servizi (+1,7%), mentre è ancora negativo lapporto delle costruzioni ( -2,1%).[**]. Il quadro macroeconomico dellarea Milanese per il 2010 registra, infine, una crescita dellattività di interscambio estero con una notevole crescita sia delle importazioni che delle esportazioni.

17 Milano in CIFRE imprese attive nel 2011: suddivisione per macrosettore [**] Fonte: Camera di Commercio di Milano, Milano Produttiva 2011 Imprese per macrosettore

18 Milano in CIFRE 18 Import – Export: linterscambio commerciale è cresciuto del 12,9% Il valore complessivo dellinterscambio commerciale milanese nel 2010 è cresciuto del 12,9%. I tassi di crescita di esportazioni (+12,8%) e importa- zioni (+13%) sono risultati sostanzialmente equi-valenti. Tali dati risultano leggermente inferiori alla media lombarda (+14,1% lexport e +19,5% limport) e a quella dellItalia settentrionale (+14,7% limport e +20,3% lexport) e nazionale (+15,7% lexport e +22,6% limport). Interscambio commerciale per area geografica Italiana (anni – valori assoluti in euro e valori percentuali) La minore crescita rispetto alle altre parti del paese prese in esame è da considerare in un contesto che vede Milano rappresentare ben il 12% delle esportazioni nazionali e il 20% delle importazioni e si spiega con il fatto che nel 2009 leconomia milanese, pur riscontrando un drastico calo degli scambi commerciali, era riuscita a limitare i danni e a mantenere importanti quote di mercato. Il sistema economico milanese ha trovato nellexport una leva insostituibile per la ripresa dopo un biennio di intensa crisi. Nel 2010 le sue esportazioni sono cresciute verso tutti i principali mercati di sbocco, sia maturi sia emergenti, e in relazione a praticamente tutte le categorie merceologiche. Esse sembrano destinate ad aumentare anche nel biennio Fonte: elaborazione Servizio Studi Camera di Commercio di Milano su dati Istat

19 Milano in CIFRE 19 Il sistema imprenditoriale è composto al 90% da piccole e piccolissime imprese Da un confronto con le province più industrializzate e con le aree distrettuali italiane emerge il peso assolutamente preponderante del sistema milanese, che si conferma nettamente in prima posizione sia per le importazioni sia per le esportazioni. Dai dati a disposizione si palesa con evidenza lo sforzo profuso dalle imprese per rispondere alle dinamiche che stanno mutando la struttura delleconomia mondiale e del sistema globale degli scambi. I termini del produrre e la divisione internazionale del lavoro stanno infatti cambiando di nuovo secondo i paradigmi di una nuova globalizzazione: i processi produttivi si frammentano ulteriormente in sequenze di compiti, sicché le catene del valore diventano sempre più globali e il commercio internazionale tende a mutare da commercio di merci e beni completi a commercio di compiti e funzioni. Il mutamento della composizione settoriale del sistema produttivo milanese si è accompagnato ad un altrettanto radicale cambiamento per quanto riguarda la natura del sistema imprenditoriale locale. Alle grandi imprese industriali che ne avevano costituito lossatura si è sostituito un reticolo estremamente fitto e integrato di piccole e piccolissime imprese che oggi rappresentano più del 90% del totale, a cui si affianca un numero limitato di medio - grandi aziende.

20 Milano in CIFRE 20 Negli ultimi anni, Milano ha inoltre consolidato la propria leadership nazionale nel campo dellinnovazione e delle tecnologie Per contro, il settore dei servizi sta conoscendo un processo di segno opposto, che vede progressivamente affermarsi un numero sempre maggiore di grandi imprese, specie in alcuni comparti come quello della grande distribuzione, delle telecomunicazioni e della comunicazione. Negli ultimi anni, Milano ha inoltre consolidato la propria leadership nazionale nel campo della innovazione e delle tecnologie, anche in questo caso con un netto spostamento dalle attività manifatturiere a quelle di servizio. Immagine: Archivio fotografico della Provincia di Milano

21 Milano in CIFRE 21 La dinamica dei settori economici milanesi: lindustria manifatturiera Industria manifatturiera Il 2010 si chiude per il manifatturiero milanese con un primo recupero delle posizioni perse a causa della recessione che ha investito il sistema industriale della provincia. Rispetto allo scorso anno, periodo in cui si è raggiunto il punto di massima flessione, la produzione industriale registra un incremento dellattività (+6,8%) che si inserisce nel panorama di ripresa diffusa che ha caratterizzato lindustria nel resto del territorio regionale. Il dettaglio settoriale rivela che la siderurgia è il comparto che, in assoluto, ha ottenuto gli incrementi più rilevanti, sia sul piano produttivo sia su quello delle vendite realizzate (+7,3% e +12,3%). Analogamente, anche per le industrie della meccanica il 2010 si è rivelato un anno di crescita della produzione industriale e del fatturato (rispettivamente +4,8% e +8,2%) e nel medesimo solco si sono collocate le imprese afferenti al ramo dei mezzi di trasporto (rispettivamente +3,2% e +3%). Relativamente alle attività manifatturiere inserite nel sistema moda, si registra una netta affermazione delle imprese appartenenti al comparto del tessile (+6% e 7,7%) e delle pelli e calzature (+4,9% e +10,8%), mentre sono in pesante flessione sia la produzione sia il fatturato delle imprese dellabbigliamento (-6,3% e - 5,2%).

22 Milano in CIFRE imprese manifatturiere Fonte: Movimprese – 1 trimestre 2011

23 Milano in CIFRE 23 Le attività industriali collegate al ciclo petrolchimico evidenziano una netta crescita dei volumi della produzione e delle vendite per il comparto della gomma-plastica (+4,4,% e +10,6%) e un lieve aumento produttivo (+0,4%) per le imprese del ramo chimico, tuttavia accompagnato da una netta progressione del fatturato (+9,2%). È positivo, inoltre, il posizionamento dei settori della carta-editoria e delle industrie alimentari, che conseguono degli incrementi apprezzabili di entrambe le grandezze (+2,7% e +6,4% nel primo caso e +3,3% e +4% nel secondo). Immagine: Archivio fotografico della Provincia di Milano

24 Milano in CIFRE 24 La dinamica dei settori economici milanesi: il commercio al dettaglio e i servizi Commercio al dettaglio Il quadro di ripresa di cui ha beneficiato il settore industriale non ha ancora esteso i suoi effetti al settore del commercio al dettaglio. Lerosione del reddito disponibile e le incertezze sulla situazione economica percepite dai consumatori si sono riflesse in una contrazione delle vendite della piccola e media distribuzione milanese. Landamento complessivo del commercio al dettaglio in provincia di Milano (al netto della grande distribuzione organizzata) evidenzia quindi nel 2010 una nuova flessione del volume daffari (-2,1%), superiore di sette decimi di punto rispetto al calo registrato nel territorio della Lombardia (-1,4%). Servizi Il settore dei servizi archivia il 2010 con una performance meno negativa di quanto mostri il dato generale (-0,3%), soprattutto se confrontato con la contrazione subìta dal settore in ambito regionale(- 0,7%). Tuttavia, lanno appena trascorso è da considerarsi come un periodo ancora di transizione per le imprese del terziario milanese. Complessivamente, il settore ha beneficiato della ripresa dellindustria manifatturiera a cui è funzionalmente legato, sia sul piano delle classi dimensionali sia su quello dei comparti coinvolti.

25 Milano in CIFRE 25 Fonte: Movimprese – 1 trimestre imprese del terziario

26 Milano in CIFRE 26 La dinamica dei settori economici milanesi: lartigianato Artigianato Il comparto artigiano milanese conta oltre 67 mila aziende, che rappresentano il 23,7% dellintero tessuto produttivo, una su quattro di quelle attive nella regione, ma appena il 4,6% del totale nazionale. Milano rimane comunque la provincia meno artigiana tra le lombarde, dove tali imprese invece superano ampiamente la quota del 30%, con picchi che toccano il 40% a Bergamo, Lecco e Como. La dinamica dellultimo anno mostra un settore fermo e tendenzialmente in difficoltà, che pare stia pagando in maniera più marcata gli effetti della crisi economica recente, anche se in realtà presenta bassi livelli di crescita già da diverso tempo. Fotografie di Cristina Terrusi

27 Milano in CIFRE 27 Il settore manifatturiero e le costruzioni raggruppano oltre il 57% delle imprese artigiane Losservazione della concentrazione delle imprese per settore mostra come in assoluto sia il terziario (commercio più servizi) quello prevalente, con quasi 28 mila unità (più del 40% del totale). Al suo interno, i segmenti più nutriti sono i trasporti, il magazzinaggio e i servizi pubblici, sociali e personali. Sommati insieme però il manifatturiero e le costruzioni raggruppano oltre il 57% delle imprese artigiane ( unità). Relativamente alla forma giuridica, circa otto artigiani su dieci scelgono la ditta individuale; seguono le società di persona (18%) e infine le società di capitale, che rappresentano appena il 3% del totale. Nellultimo anno, in un quadro di assoluto immobilismo, landamento migliore è stato registrato dal settore edile (+0,8%), seguito dai servizi (+0,3%), al cui interno segnaliamo la crescita del segmento alberghi e ristorazione (+6%) e delle attività di noleggio, agenzie di viaggio e servizi di supporto alle imprese (+5,6%). Presentano invece tassi di decrescita il manifatturiero (- 0,9%), ma soprattutto il commercio (-2,6%).

28 Milano in CIFRE 28 Trend congiunturale (variazioni percentuali anno 2010) Fonte: Camera di Commercio di Milano, Milano Produttiva 2011

29 Milano in CIFRE 29 La dinamica dei settori economici milanesi: lagricoltura e le imprese creative Agricoltura Il settore agricolo, pur rivestendo nel panorama produttivo milanese un ruolo complessivamente marginale (comè testimoniato dal valore aggiunto di questo comparto che pesa complessivamente lo 0,2% del totale provinciale, a fronte di un dato regionale dell1,1% e del 2,1% a livello nazionale), resta un comparto importante in virtù del suo elevato grado di meccanizzazione e produttività. Esso si distribuisce in modo non uniforme nel territorio interessando principalmente lOvest, il Sud e in misura minore lEst Milanese. Imprese creative Milano vanta inoltre una lunga tradizione per il ruolo di alcuni comparti produttivi che si collocano in una posizione di cerniera tra la produzione in senso stretto e i servizi, tra cui spiccano le attività connesse alla creatività (moda, design, pubblicità), e allindustria culturale e dello spettacolo, due ambiti economici in cui si raccolgono molte delle eccellenze di Milano. [Fonte: Camera di Commercio di Milano, Milano Produttiva 2011]

30 Milano in CIFRE 30 Milano è la capitale dellindustria creativa italiana Le eccellenze milanesi Milano è senza dubbio la capitale dellindustria creativa italiana: le imprese di design, moda, editoria, pubblicità, cinema e ICT sono famose non solo in Italia e in Europa ma attirano fruitori da tutto il mondo, dove rappresentano un bacino straordinario di creatività, innovazione e rinnovamento tecnologico. Lindustria creativa oggi si espande a tutti i settori: dalla moda, al design, alla comunicazione, alla net economy; rappresentando così la struttura portante e caratteristica di una realtà produttiva che coinvolge tutta larea milanese. Immagine: INNOVATION FESTIVAL 2010, concorso "Fotografa l'innovazione" Titolo: Milano Via Procaccini - foto di Giulia Azzalini

31 Milano in CIFRE 31 I settori e gli addetti delle imprese creative Imprese creative e relativo numero di addetti Fonte: Elaborazione della Camera di Commercio di Milano su dati registro imprese al secondo trimestre 2010

32 Milano in CIFRE 32 Le eccellenze milanesi: design Design Milano è considerata da tutto il mondo la capitale Europea del design. Il premio Compasso dOro, gli eventi della Triennale, con i suoi straordinari musei che ospitano i risultati di più di sessantanni di design italiano, e il Salone del Mobile, sono solo alcuni degli innumerevoli aspetti di una solida e brillante industria creativa fermamente radicata nellarea milanese e che attrae costantemente lattenzione a livello mondiale. Immagine: Ex Spazio IAT – foto di Cristina Terrusi

33 Milano in CIFRE 33 Uno dei maggiori fattori di successo internazionale del design milanese è la sua connessione con il resto del territorio Uno dei maggiori fattori di successo internazionale del design milanese è la sua connessione con il resto del territorio: Milano non ha solo facoltose università e vari istituti di formazione dedicati al design, ma ospita anche sedi di imprese, associazioni professionali, centri di ricerca di società estere e servizi connessi al settore. I campi in cui operano i professionisti del design milanese e lombardo sono: Industrial designer che opera nella progettazione di prodotti, servizi e nella comunicazione di impresa; Communication designer che opera nel campo della grafica tradizionale, multimedialità fino ad includere fotografia, televisione e cinema; Interior designer che interviene nella trasformazione degli spazi interni ed esterni e si occupa di modifiche urbane; Fashion designer che opera nella vasta area di prodotti e accessori legati alla moda. Lo spirito creativo viene continuamente liberato, oggi, nei numerosi istituti presenti in città che includono, al primo posto, la facoltà di Design del Politecnico di Milano e listituto Europeo del Design che rilascia ogni anno centinaia di diplomi a coloro che sono pronti a promuoversi per la scoperta di nuove idee nel contesto sociale ed economico di Milano dove finanza, moda, tecnologia e commercio hanno portato a conoscere la leadership di Milano in tutto il mondo globalizzato del terzo millennio.

34 Milano in CIFRE 34 Le eccellenze milanesi: il sistema moda Il sistema Moda Il sistema moda rappresenta ancora oggi lindustria milanese con la maggiore penetrazione e riconoscibilità globale. Gli operatori del settore moda hanno promosso nella città sinergie economico-produttive che hanno consolidato linternazionalizzazione di Milano. La peculiarità dellindustria milanese della moda risiede Fotografia di Cristina Terrusi nel fitto reticolo di imprese grandi e piccole e nelle vaste competenze creative e manageriali che interagiscono costan- temente a cavallo fra artigianato e innova- zione.

35 Milano in CIFRE 35 Milano è riuscita a creare un sistema integrato di eventi e creatività che collega tutti i maggiori protagonisti della moda internazionale Nessuna maison, sia essa nazionale o internazionale, avrebbe ragione desistere senza larea espositiva nel famosissimo Quadrilatero della Moda che include le principali vie del Fashion milanese: via Monte Napoleone, via SantAndrea, via della Spiga e via Manzoni ospitano alcune delle principali aziende di moda come Armani, Trussardi, Krizia e Versace (per citarne alcuni). Recentemente Milano ha fatto buoni investimenti in competenze e professionalità nel settore della moda divenendo così una delle concorrenti allaltezza di Parigi e New York. Milano è riuscita a creare un sistema integrato di eventi e creatività che collega tutti i maggiori protagonisti della moda internazionale e che stimola continuamente questo settore dando vita a un calendario pieno di eventi che, periodicamente, trasformano la città in unimmensa passerella.

36 Milano in CIFRE 36 Le eccellenze milanesi: tecnologia Tecnologia Nel corso degli ultimi anni la presenza delle imprese milanesi nel settore delle telecomunicazioni è radicalmente mutata, questo è dovuto al crescendo impetuoso ed inarrestabile delle attività connesse alla gestione dei servizi telefonici. La posizione di leadership di Milano nel settore è testimoniata dalla posizione di primato che le impresi milanesi detengono sia nel settore della telefonia fissa che di quella mobile, nonché nei servizi di internet. In questo panorama, una posizione centrale è detenuta ovviamente dal gruppo Telecom Italia – Tim, che ha a Milano la sua sede al pari di Vodafone, mentre il terzo gestore telefonico, Wind, ha in provincia un grosso insediamento produttivo. Fastweb, nata a Milano quasi dieci anni fa come operatore locale, si è affermata come il secondo operatore nazionale su rete fissa ed è stato il primo operatore che, puntando su tecnologie a banda larga, ha offerto servizi integrati voce-dati e video. La presenza di imprese ad alta tecnologia è alla base della capacità innovativa e della competitività dei sistemi economici e il territorio dellarea metro- politana milanese conferma questo dato. La provincia di Milano concentra da sola quasi il 20% di tutte le imprese ad alta tecnologia italiane, attive in particolare nei settori della produzione di beni e servizi ICT.

37 Milano in CIFRE 37 Milano è sede di imprese italiane leader globali nei settori ad alta tecnologia e dei quartieri generali delle principali multinazionali dellICT Milano è sede di imprese italiane leader globali nei settori ad alta tecnologia e dei quartieri generali italiani ed europei delle principali multinazionali dellICT, che hanno insediato sul territorio non solo centri direzionali, ma spesso unità produttive e di ricerca (Ibm, Microsoft, Oracle, Cisco, Sun, Hp, Nokia, Motorola, Samsung, Lg, Sap, ecc.). Immagine: INNOVATION FESTIVAL 2010, concorso "Fotografa l'innovazione" Titolo: Dove sei - foto di Anna Ambrosi

38 Milano in CIFRE 38 Le eccellenze milanesi: editoria e Media Editoria e Media Centinaia tra le case editrici maggiori e minori hanno scelto, e continuano a scegliere il capoluogo Lombardo per le loro attività. Alcuni tra i più prestigiosi giornali sono nati nellarea milanese: Il Corriere della Sera, Il Sole 24ore, La Gazzetta dello Sport, Il Giornale, Il Giorno, Avvenire, Milano Finanza, Libero e molti altri. Milano è anche sede della Rizzoli, Mondadori, Feltrinelli, Ricordi e San Paolo, che hanno favorito la proliferazione di importanti riviste e pubblicazioni specializzate. Immagine: sede IlSole 24 ore - foto di Cristina Terrusi

39 Milano in CIFRE 39 Milano è la capitale italiana dell'industria dei media Le più prestigiose facoltà universitarie ed istituti di formazione per il giornalismo di tutta Italia si trovano a Milano e rilasciano ogni anno molti futuri giornalisti. Questi istituti includono listituto Carlo De Martino, la facoltà di Scienze della Comunicazione delluniversità Cattolica, la IULM e lUniversità degli Studi di Milano. Ma linformazione, oggi, non viaggia solo sulla carta stampata. Sede di gruppi multinazionali come RCS, Mondadori e Mediaset, Milano è infatti la capitale italiana dell'industria dei media. Per quanto riguarda il sistema televisivo, va rimarcato in primo luogo che quelli milanesi sono i principali network privati nazionali (Mediaset, SKY, MTV) e che a Milano la RAI ha il suo secondo centro di produzione nazionale. A questi vanno poi aggiungendosi una serie di reti televisive a scala locale e regionale, alcune delle quali hanno assunto posizioni di leadership all'interno dei circuiti nazionali tra le emittenti private che si sono costituiti in questi ultimi anni (Italia7Gold, Odeon TV). Attorno a queste realtà gravita poi un settore rilevantissimo che è quello che opera nel campo dei contenuti e dei servizi (società cinematografiche, altre società di produzione, sviluppo di format, doppiaggio, ecc.).

40 Milano in CIFRE 40 Un sistema economico avanzato e in costante espansione fa dellarea metropolitana milanese un territorio ricco di opportunità Il mercato del lavoro Il mercato del lavoro rappresenta una delle principali dimostrazioni della dinamica dellarea milanese, e ne conferma il primato nel panorama economico regionale e nazionale. Ciò è confermato in primo luogo dalla dimensione quantitativa delloccupazione milanese, sia che si consideri la forza lavoro occupata sullinsieme della popolazione piuttosto che le persone che lavorano nelle imprese provinciali. Sotto questultimo aspetto, i dati resi recentemente disponibili dallISTAT mettono in evidenza che con quasi addetti, le persone impegnate nelle aziende milanesi rappresentano il 7,6% degli occupati italiani e il 41% di quelli lombardi. Loccupazione milanese è ormai egualmente distribuita tra lindustria nel suo insieme, il settore del commercio, quello delle attività finanziarie e dei servizi alle imprese e gli altri servizi. Occupati per settore di attività (2010, valori percentuali)

41 Milano in CIFRE 41 Complessivamente loccupazione delle aziende della provincia di Milano evidenziano una netta prevalenza del settore terziario che occupa ormai il 72,49% dellintera forza lavoro provinciale, mentre il comparto manifatturiero in senso stretto incide per poco più del 20%, con lagricoltura che riveste sempre più unimportanza marginale. Occupazione interna in provincia di Milano e in Lombardia per settori di attività economica. Anno 2010 (percentuali rispetto alloccupazione totale) Il raffronto tra i dati sulloccupazione interna e quelli sulle forze di lavoro residenti, dimostra inoltre che Milano esercita una forte capacità attrattiva, principalmente dalle province limitrofe del Nord come del Sud della Lombardia, ma anche da province di altre regioni. La rilevanza del mercato del lavoro milanese trova inoltre ulteriori riscontri sia se si passano in rassegna altri indicatori quantitativi, come quelli della forza lavoro residente o della domanda di lavoro, che caratteristiche più qualitative: un mercato del lavoro caratterizzato da una forte flessibilità, ma anche da unaltrettanta elevata qualificazione della forza lavoro. Loccupazione delle aziende della provincia di Milano evidenzia una netta prevalenza del settore terziario

42 Milano in CIFRE 42 Confronto tra i principali indicatori del mercato del lavoro (2010, dati percentuali) Occupati per settore di attività economica, posizione nella professione, Lombardia e Provincia di Milano (media 2010) Fonte: ISTAT – Indagine sulle Forze di Lavoro, 2010 Indicatori del mercato del lavoro

43 Milano in CIFRE 43 In base alle statistiche sulle forze di lavoro, nel corso del 2010 il numero degli occupati nella provincia di Milano risulta pari a più di unità, un valore corrispondente a quasi il 42% degli occupati lombardi. Tra questi il 44,2% è costituito da donne, il cui peso è in costante aumento nel corso degli ultimi anni, una tendenza confermata del resto sia dall'andamento dei tassi di attività che da quelli di occupazione, che per le donne risultano essere in aumento mentre quelli degli uomini sono stazionari o in calo. Tasso di occupazione per genere a Milano, in Lombardia e Italia. Anno 2010 La situazione di forza relativa del mercato del lavoro milanese è evidenziata anche dal raffronto dei valori del tasso di occupazione provinciale con quello regionale e nazionale, che vedono Milano sopravanzare la Lombardia di quasi 2 punti e l'Italia di 8 e che, appaiono sensibilmente più elevati per quanto concerne la componente femminile. Fonte: ISTAT – Indagine sulle Forze di Lavoro, 2010 Caratteristiche della forza lavoro

44 Milano in CIFRE 44 Nel corso del 2010 gli avviamenti al lavoro sono aumentati di circa unità, con un incremento del 5,6%. Il quadro è anche migliore se si prendono in esame solo gli avviamenti effettuati dalle imprese, che sono aumentati del 6,4%. Laumento dei lavoratori assunti almeno una volta nel 2010 è stato quasi in linea con quello degli avviamenti (+5,4%). Fonte: OML – Osservatorio del Mercato del Lavoro, 2010 Rapporti di lavoro, lavoratori e datori di lavoro: le dimensioni quantitative della domanda di lavoro milanese

45 Milano in CIFRE 45 Anche le imprese che assumono (63.058) registrano un incremento nel corso del 2010, che risulta molto contenuto (2,6%) a fronte delle flessioni accentuate del biennio 2008/2009. Segno, questo, di una perdurante incertezza sulle prospettive economiche. La presenza femminile sul mercato del lavoro nel 2010 ha registrato un andamento deludente. La composizione dei neoassunti per classi di età presenta cambiamenti contenuti nel corso del biennio 2009/2010. Questo biennio è caratterizzato da una prima fase in cui è aumentata la presenza dei lavoratori più maturi, mentre nel 2010 è aumentato quella della componente giovane. Incidenza % dei neoassunti per classi di età sul totale degli avviati in provincia di Milano. Fonte: OML – Osservatorio del Mercato del Lavoro, 2010 Le caratteristiche socio-demografiche dei neoassunti

46 Milano in CIFRE 46 Lincidenza dei lavoratori stranieri sullinsieme degli avviati nel 2010 è andata aumentando ( ), passando al 25,7%. Nel biennio 2009/2010 si è ridotto il peso degli assunti con qualifiche operaie (principalmente dovuto allo andamento dellindustria e delle costruzioni) mentre si rafforza quello degli addetti alle vendite e ai servizi alla persona. I lavoratori stranieri sono caratterizzati da una netta prevalenza maschile, anche se nel corso dellultimo biennio è cresciuto il peso delle donne (41%). Lo scenario vede, oltre al calo della presenza dei giovani e delle donne, il ricorso sempre più spinto a modalità di assunzione "flessibili". Tipologie di contratti di lavoro in provincia di Milano. Anni Fonte: OML – Osservatorio del Mercato del Lavoro, 2010 Aumenta lincidenza dei lavoratori stranieri e delle tipologie contrattuali flessibili

47 Milano in CIFRE 47 Milano e la Lombardia costituiscono uno dei principali poli scientifici italiani LUniversità e la ricerca La rete delle Università milanesi, integrata da altri poli universitari di eccellenza vicini e da centri di ricerca pubblici e privati copre tutti i campi del sapere. Complessivamente le Università della provincia di Milano contano nellanno accademico 2010/2011 quasi studenti di cui matricole. Milano è anche polo di attrazione per molti studenti universitari stranieri. A Milano la rete comprende 7 Università, con quasi trenta sedi sparse in regione Lombardia, 48 facoltà e da 142 dipartimenti. Il sistema è inoltre integrato da altri poli universitari di eccellenza vicini (Insubria, Pavia, Piacenza, Bergamo), da Università telematiche e da centri di ricerca pubblici e privati coprendo così tutti i campi del sapere. Immagine : Università degli Studi di Milano - foto di Cristina Terrusi

48 Milano in CIFRE iscritti agli Atenei della provincia di Milano Iscritti totali agli Atenei - Anno accademico 2010/2011 Principali dati sugli Atenei in Provincia di Milano Fonte: MIUR Anagrafe Nazionale degli Studenti - collaborazione con CINECA

49 Milano in CIFRE 49 Aree disciplinari e nazionalità degli studenti Immatricolati per area disciplinare Anno accademico 2010/2011 Iscritti per nazionalità Anno accademico 2010/2011 Fonte: MIUR Anagrafe Nazionale degli Studenti

50 Milano in CIFRE 50 La Lombardia spende in R&S oltre 4 miliardi di Euro Una delle ragioni alla base della grande capacità attrattiva del sistema universitario milanese risiede senzaltro nellelevato livello della ricerca e dellinnovazione che viene prodotta non solo nelle sedi universitarie ma anche nel sistema dei centri di ricerca pubblici e privati, quali gli istituti del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), lIstituto di Fisica Nucleare (INFN), lIstituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, lIstituto Nazionale dei Tumori e lIstituto Europeo di Oncologia (IEO) con alta capacità attrattiva di ricercatori. La Lombardia spende in R&S oltre 4 miliardi di Euro, il 20,9% del totale della spesa nazionale (dati Istat 2010). Significativamente, in linea con le linee guida della Strategia di Lisbona, il motore dellattività di ricerca e sviluppo, in termini si spesa, è il tessuto produttivo (circa il 70%), seguito dal sistema delle amministrazioni pubbliche ( circa il 20%). Immagine: INNOVATION FESTIVAL 2010, concorso "Fotografa l'innovazione" Titolo: La nascita del biofarmaco - foto di Marcella Zaccariello

51 Milano in CIFRE 51 Lattività di brevettazione fa risultare a Milano risultati eccellenti Anche lattività di brevettazione fa registrare a Milano risultati eccellenti e un trend in costante crescita. Le domande depositate in provincia di Milano nel 2010 per invenzioni, marchi, modelli di utilità e brevetti europei sono state pari ad oltre l80% di quelle presentate in Lombardia e circa il 24% di quelle presentate complessivamente in Italia. I settori maggiormente innovativi a Milano in termini di brevetti registrati sono quello della meccanica elettronica e quello della chimica e biotecnologie. Domande depositate per invenzioni, marchi, modelli di utilità e modelli ornamentali e domande di brevetti europei - Anno 2010 Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico-Ufficio Italiano Brevetti e Marchi e Osservatorio Brevetti Unioncamere su dati EPO (European Patent Office)

52 Milano in CIFRE 52 Turismo daffari e culturale nella provincia di Milano Il Turismo Il settore turistico assume in provincia di Milano una connotazione del tutto particolare, legata principal- mente al ruolo economico che la città ricopre sia in Italia che allestero. Il turismo daffari e quello culturale generano, infatti, una domanda di servizi che in questi anni ha sorretto la crescita di un importante settore, quello turistico, con consistenti ricadute occupazionali. La Provincia di Milano attrae complessivamente oltre di visitatori allanno, pari a quasi la metà di quelli registrati in Lombardia, la metà dei quali stranieri. Immagine : Duomo di Milano - foto di Cristina Terrusi

53 Milano in CIFRE strutture ricettive Milano ha registrato in questi anni un forte sviluppo delle strutture ricettive: il numero degli alberghi è arrivato a 635 unità nel Secondo l'analisi statistica trimestrale della nati- mortalità delle imprese condotta da InfoCamere per conto dell'Unioncamere sugli archivi di tutte le Camere di Commercio, in particolare quella di Milano, nel 2011 le imprese turistiche in attività su tutto il territorio provinciale sono pari a unità. Ricettività turistica per tipo di esercizi Anno 2010 Provincia di Milano Più del 60% delle strutture alberghiere operanti in provincia si collocano nella fascia qualitativa medio- alta. Fonte: ISTAT - Rilevazione della capacità di ricezione degli edifici ricettivi 2010

54 Milano in CIFRE 54 La provincia di Milano attrae oltre visitatori lanno Milano e provincia nel 2010 hanno registrato arrivi e presenze. Fonte: Osservatorio del turismo della Provincia di Milano Immagine : il centro di Milano foto di Cristina Terrusi

55 Milano in CIFRE 55 Milano si conferma come il maggior punto di soggiorno dei turisti italiani e stranieri Prendendo in considerazione solo il capoluogo separatamente dal resto della provincia, si può notare come, dallosservazione degli arrivi dei flussi turistici 2010, Milano si confermi come il maggior punto di soggiorno dei turisti sia italiani (58,89%) che stranieri (80,78%). Il turista nel territorio milanese si ferma in media due giorni. Fonte: Osservatorio del turismo della Provincia di Milano Immagine : Ippodromo - Il cavallo di Leonardo Da Vinci - foto di Cristina Terrusi

56 Milano in CIFRE 56 Il Polo fieristico di Rho-Pero Il sistema fieristico La nascita del polo fieristico di Rho-Pero ha proiettato Milano quale principale vetrina europea con ambizioni globali, contribuendo significativamente allo sviluppo del sistema economico locale con una ricaduta economica sul territorio di oltre 2 milioni di Euro lanno e destinata a crescere rapidamente. In pochi anni e grazie a un investimento di 755 milioni di Euro, linnovativo progetto firmato dallarchitetto Massimiliano Fuksas è divenuto un complesso espositivo davanguardia, che sposa dimensioni da primato ed eccezionale flessibilità di utilizzo, dotazioni tecno- logiche avanzate, totale fruibilità degli spazi ed estetica. Immagini : Fiera Milano di Rho- Pero - foto di Cristina Terrusi

57 Milano in CIFRE 57 Il Polo fieristico di Milano costituisce il più vasto e avanzato sistema fieristico del mondo La struttura va ad aggiungersi a FieraMilanoCity, situato in prossimità del centro cittadino, permettendo a Milano di conquistare la leadership del ristretto gruppo dei maggiori operatori fieristici internazionali, Fiera Milano è infatti la seconda al mondo per superficie espositiva dopo Hannover e per numero di visitatori dopo Parigi. Il polo espositivo di Milano costituisce il più vasto e avanzato sistema fieristico al mondo: il potenziale espositivo è articolato su due grandi quartieri collegati l'uno all'altro dalla metropolitana e in grado di far fronte in modo ottimale alle diverse esigenze degli eventi fieristici e dei settori economici rappresentati. I due quartieri di Fiera Milano e FieraMilanoCity ospitano annualmente oltre 70 manifestazioni di livello internazionale e nazionale, leader nei settori dei beni di consumo, dell'arredamento, della moda, della tecnologia e dei servizi. Il quartiere di Fiera Milano, con i suoi 345mila mq espositivi lordi coperti suddivisi in 8 giganteschi padiglioni dotati di alta flessibilità, è destinato ad ospitare le mostre di maggiori dimensioni e dalla logistica molto complessa; viceversa, FieraMilanoCity, 115mila mq espositivi lordi coperti e con un importante Centro Congressi che verrà ampliato, continuerà ad ospitare le manifestazioni di minori dimensioni o che per le loro caratteristiche devono aver luogo in città (come, ad esempio, quelle della moda).

58 Milano in CIFRE 58 I principali numeri di Fiera Milano I numeri principali di Fiera Milano sono: Circa 300 milioni di di fatturato consolidato; Circa espositori l'anno; Due sedi, per un totale di mq lordi di spazio interno ( outdoor) che la rendono la seconda sede più grande di tutto il mondo; Una media di 1,7-1,8 milioni di metri quadrati netti affittati ogni anno in Italia; Una media di 70 mostre ospitate ogni anno in Italia; Circa 5 milioni di visitatori, di cui circa il 30% professionali; 15 manifestazioni organizzate in Cina e in India attraverso la joint venture con Deutsche Messe; Circa 770 dipendenti. Lattività di Fiera Milano riguarda tutta la filiera espositiva, dallaffitto degli spazi espositivi e servizi connessi (quasi la metà del fatturato annuo), alla organizzazione di manifestazioni e congressi (un terzo del fatturato annuo), ai servizi agli espositori (allestimenti, catering, servizi ICT, editoria tecnica). Per quanto riguarda lattività congressuale, Fiera Milano dispone del MIC-Milano Convention Centre, centro leader in Italia che, a seguito dei lavori di ampliamento diventerà il centro congressi più grande d'Europa per ricettività (sarà infatti in grado di ospitare 18mila delegati). Fonte: Fiera Milano - Relazione finanziaria annuale – Esercizio 2010 e Resoconto intermedio di gestione I trimestre 2011

59 Milano in CIFRE 59 I dati strutturali Fonte: Lombardia Fiere - Regione Lombardia

60 Milano in CIFRE 60 Agenzie di sviluppo e parchi tecnologici partecipati dalla Provincia di Milano Agenzie di sviluppo e parchi tecnologici partecipati dalla Provincia di Milano La Provincia di Milano ha attivato strumenti innovativi per la riqualificazione e lo sviluppo territoriale, al fine di migliorare la qualità e la competitività delle piccole e medie imprese (PMI) e lattrattività dellarea milanese. La più importante azione intrapresa per raggiungere questi obbiettivi è rappresentata dalla creazione, in collaborazione con partner istituzionali e privati, di strutture ed enti per favorire lo sviluppo locale e linnovazione. MILANO METROPOLI AGENZIA DI SVILUPPO E l Agenzia partecipata da Provincia di Milano, Camera di Commercio e Comuni del Nord Milano per promuovere lo sviluppo economico sostenibile dellintera area metropolitana milanese e avviare azioni di marketing territoriale. BIC LA FUCINA E un centro servizi alle imprese che promuove la nascita di nuove attività imprenditoriali e supporta lo sviluppo, linnovazione e linternazionalizzazione delle PMI esistenti. EUROIMPRESA LEGNANO e BIC ALTO MILANESE Hanno lobbiettivo di riqualificare le zone dellAlto Milanese attraverso lo sviluppo delle attività produttive e la costruzione di un polo tecnologico a servizio del territorio. PARCO TECNOLOGICO PADANO Con sede a Lodi, svolge un ruolo centrale allinterno del Polo di Eccellenza per le Biotecnologie Agro-Alimentari e costituisce un elemento portante della strategia di sviluppo della ricerca e del trasferimento tecnologico per la filiera zootecnica e agroalimentare.

61 Milano in CIFRE 61 AREA SISTEMA PRODUTTIVO, LAVORO E WELFARE Settore Sviluppo Economico Direttore responsabile: Marcello Correra Redazione e grafica a cura di: Cristina Terrusi Con la collaborazione di: Myriam Camarero Fiorello Cortiana Silvia La Ferla Si ringrazia, per lelaborazione dei dati, il Dipartimento di Statistica dellUniversità degli Studi di Milano Bicocca. Un particolare ringraziamento a: Alessia Bonizzoni Milano in Cifre è stato realizzato da:

62 Milano in CIFRE 62 Milano in CIFRE rientra nelle attività di promozione del Settore Sviluppo economico della Provincia di Milano, finalizzate ad una crescita culturale e di conoscenza della realtà economica del territorio milanese. La pubblicazione può contenere refusi o errori per i quali il Settore declina ogni responsabilità Aggiornamento: giugno 2011 (su dati 2010 e 2011) Copertina: Immagine centrale: INNOVATION FESTIVAL 2010, concorso "Fotografa l'innovazione" - Titolo: Passato e Presente - fotografia di Massimo Dallaglio Altre immagini: Archivio fotografico della Provincia di Milano Cristina Terrusi Tutte le immagini di questo documento, sul sito e negli allegati di Milano in Cifre sono tutelate da licenza Creative Commons

63 AREA SISTEMA PRODUTTIVO, LAVORO E WELFARE Settore Sviluppo Economico Viale Jenner n. 24 Palazzina B Milano Tel / Fax


Scaricare ppt "AREA SISTEMA PRODUTTIVO, LAVORO E WELFARE Settore Sviluppo Economico Milano in CIFRE Dinamiche ed eccellenze produttive nellarea metropolitana milanese."

Presentazioni simili


Annunci Google