La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Uff. II - DG Rapporti Internazionali Ministero della Salute Viaggiare per la salute e Viaggiare in salute.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Uff. II - DG Rapporti Internazionali Ministero della Salute Viaggiare per la salute e Viaggiare in salute."— Transcript della presentazione:

1 Uff. II - DG Rapporti Internazionali Ministero della Salute Viaggiare per la salute e Viaggiare in salute

2 Ippocrate (Medico, "padre" della Medicina, a.C.) Ciò che deve essere messo al primo posto nella pratica medica è il benessere del paziente e tra tutti i modi possibili per farlo stare bene dovrebbe essere scelto il meno fastidioso

3 dovrebbe il benessere del paziente presuppone il diritto alla salute che dovrebbe essere garantito dalle disposizioni comunitarie relative alla c.d. mobilità sanitaria ma va tenuto conto della differenza esistente tra gli schemi di sicurezza sociale dei vari Stati europei: -assicurazioni malattia (casse) esprimono valori economici e di mercato (i beneficiari sono clienti) -sistemi sanitari nazionali esprimono valori di universalità, solidarietà ed equità (i beneficiari sono assistiti)

4 Normativa comunitaria di riferimento Regolamenti comunitari di sicurezza sociale: Reg. CE 883/2004 e Reg. CE 987/2009 (27 Stati membri) Reg. CEE 1408/71 e Reg. CEE 574/72 (Stati SEE e Svizzera) decisioni Commissione Amministrativa applicative della suddetta normativa direttiva servizi sanitari 2011/24/EU (pubbl. 4 aprile termine recepimento: 23 ottobre 2013)

5 Oggi: varie forme di mobilità sanitaria in Europa Viaggiare in salute …. TEMPORANEO SOGGIORNO in altro Stato membro (es. turista, studente): TEAM; RESIDENZA IN ALTRO STATO (es. lavoratore distaccato, pensionato e loro familiari): E 106, E 121 (S 1), …. Viaggiare per la salute… CURE PROGRAMMATE: E 112 (S2)

6 Cure programmate (Regolamenti comunitari sicurezza sociale) cioè cure autorizzate: necessitano del rilascio da parte delle ASL del formulario E 112 (S 2) Dati in proposito: statistiche E 112 della Commissione europea (ultimo monitoraggio disponibile: anno 2008)

7 Criticità: DINIEGHI ASSISTENZA Possono riguardare sia il viaggiare per la salute - E 112 (S 2) (es. poche informazioni da Stato erogatore su liste di attesa, oneri a carico del paziente,.... sia il viaggiare in salute – es. rifiuti occulti della tessera: allassistito viene inaspettatamente addebitata la fattura

8 Statistiche CE cure programmate E 112: anno 2008 (fonte dati aggr.: Commissione europea DG – EMPL**) ~ 5.500* Bulgaria Estonia Lettonia Polonia Norvegia Repubblica ceca Danimarca Irlanda Grecia Cipro Lituania Ungheria Portogallo Romania Slovenia Repubblica slovacca Svezia Regno unito Svizzera Liechtenstein Belgio Austria Italia *n E 112 rilasciati (fonte dati: Uff. VI DGRUERI MinSal) Lussemburgo ** Le persone che vanno allestero a curarsi sono meno di quanto può apparire dai dati esposti (ad 1 assistito possono essere rilasciati più formulari E 112 ; ad es. per operazione chirurgica e per successiva visita di controllo)

9 E 112 ITALIA anno 2009* i 6 Stati preferiti dagli italiani Francia Svizzera Germania 888 Belgio 444 Austria 278 Regno Unito 130 * fonte dati: Uff. VI DG RUERI

10 Autorizzazioni (n , anno 2009)* suddivise per ambito specialistico 1613 trapianti organo 889 casi particolari 659 oncologia medica 607 neuroriabilitazione 384 ortopedia 349 radioterapia 292 ematologia 135 neurochirurgia * Fonte dei dati Uff. VI DG RUERI 97 plastica ricostrutt. 93 cardiochirurgia 53 neurologia 38 chirurgia vascolare 31 oculistica 24 urologia 11 ustioni 2 cardiologia invasiva

11 Fatture relative alle autorizzazioni* forniscono lidea della mole di lavoro amministrativo relativo ai debiti verso lestero (solo per le autorizzazioni) Anno 2007: Anno 2008: Anno 2009: Mediana del carico di lavoro: fatture/anno * Allapparenza può sembrare che nel triennio vi sia stato un decremento delle fatture a debito, ma va avvertito che in realtà il dato degli anni più recenti non è consolidato. Pertanto si deve fare riferimento alla mediana. Ciò premesso, si consideri che tale rilevazione statistica include le fatture riguardanti la Convenzione con la Svizzera per i cittadini di Campione dItalia.

12 Ricoveri in ospedale complessivi (= autorizzati e non) in ambito UE

13 Viaggiare per la salute ed in salute (% tipi prestazioni ricevute) STRANIERI in Italia Ricoveri ospedale 76 % Farmaci 6 % Terapia medica 6 % Altre prestazioni 12 % Cure dentarie 0 % ITALIANI nella UE Ricoveri ospedale 64 % Farmaci 7 % Terapia medica 20 % Altre prestazioni 8 % Cure dentarie 1 %

14 Confronto per tipo di prestazioni erogate in Italia e nella UE

15 direttiva servizi sanitari è la direttiva 24/2011/EU concernente lapplicazione dei diritti dei pazienti relativi allassistenza sanitaria transfrontaliera: approvata dal Consiglio il 9 marzo 2011 pubblicata nella Gazzetta ufficiale UE (serie L 88 del 4 aprile 2011) - entrata in vigore 24 aprile 2011 termine recepimento: 23 ottobre 2013

16 La direttiva sui diritti dei pazienti nella sanità transfrontaliera 3 AREE PRINCIPALI: Responsabilità del MS di trattamento/del MS pagante –Informazioni ai pazienti –Rimborso Regole sul rimborso di cure effettuate allestero –Pacchetto di cure nazionale –Livello del rimborso Meccanismi di collaborazione tra Stati Membri: –Scambio di informazione –Controllo e giustificazione dei costi presentati

17 Criticità attese direttiva servizi sanitari POSSIBILI SOVRAPPOSIZIONI CON Regolamenti comunitari di sicurezza sociale (Reg. CE 883/2004, ……) PERCHE RIGUARDA LA MOBILITA SANITARIA ! Stato dellarte della procedura di approvazione; Articoli problematici: in particolare artt.

18 Criticità della direttiva - 1 Art. 2 relazioni con altre norme: difficile realizzare in concreto la previsione di non sovrapposizione con Reg. CE 883/2004, …. Art. 3 definizioni: problemi derivanti da alcune incongruenze terminologiche e concettuali (es. art. 3 (b), (h) assicurato/paziente)

19 Criticità della direttiva - 2 Art. 7 principi dei rimborsi dei costi: incertezza giuridica circa le concrete procedure contabili da utilizzare per i rimborsi avvalersi della facoltà di utilizzo delle procedure ex Reg CE 883/2004 (rimborso tra Stati) e/o applicare lart. 9 (5) direttiva per garantire ai pazienti rimborsi tempestivi?

20 Criticità della direttiva - 3 Art. 8 - prestazioni autorizzabili non è ben chiaro come si farà a distinguere, al momento della richiesta: tra unautorizzazione ai sensi della direttiva ed unautorizzazione ai sensi del Reg. CE 883/2004 e del Reg. CE 987/2009 dal momento che …..

21 Criticità della direttiva - 4 …….. la direttiva, per le autorizzazioni preventive, art. 8 (3), fa riferimento proprio alle condizioni previste dal Reg. CE 883/2004 (a meno di richiesta diversa del paziente) -lassistenza in via indiretta, art. 9.4, è una delle possibili modalità previste anche dal Reg. CE 987/2009 (art. 26 (7))

22 Criticità della direttiva – 5 Lattuale legislazione nazionale sulle autorizzazioni per cure allestero (ed il loro rifiuto) dovrà forse essere rivista alla luce dellinnovativo principio di proporzionalità, art. 8 (1) e del grado del dolore, art. 8 (5), previsti dalla direttiva

23 Possibile scenario La combinata applicazione da ottobre 2013 dei Reg comunitari di sicurezza sociale (883/2004 e 987/2009) e della norma di recepimento della direttiva servizi sanitari potrà comportare: -per i cittadini maggiore fruibilità dei diritti, in particolare per le cure soggette ad autorizzazione; -per le istituzioni sanitarie nazionali un maggiore carico di lavoro unito ad un aumento della complessità organizzativa, un incremento della spesa ed unintensificazione del contenzioso

24


Scaricare ppt "Uff. II - DG Rapporti Internazionali Ministero della Salute Viaggiare per la salute e Viaggiare in salute."

Presentazioni simili


Annunci Google